Starnuti? Allergie? Via iPod e cellulari

Starnuti? Allergie? Via iPod e cellulari

Solleva dubbi il singolare avvertimento di un medico, secondo cui alcune reazioni allergiche sarebbero originate dai gadget più amati e venduti. Colpa dei materiali?
Solleva dubbi il singolare avvertimento di un medico, secondo cui alcune reazioni allergiche sarebbero originate dai gadget più amati e venduti. Colpa dei materiali?

C'è almeno un medico che avverte del rischio: telefoni cellulari, iPod e dintorni, secondo Todd Rosengart, direttore del reparto di cardiochirurgia toracica dell' ospedale universitario Stony Brook , sarebbero potenziali latori di allergie .

starnuto Rosengart, che è anche consigliere di MDX Medical e creatore di Vitals , spiega che “oltre alle tipiche allergie da polline, dilaganti durante i mesi della primavera, i tecnofili dovranno prestare attenzione ad alcuni dei propri gadget preferiti, che possono essere causa di determinati sintomi allergici”.

I cellulari, ad esempio, secondo Rosengart possono aggredire utenti sensibili ai metalli e ai minerali impiegati nel processo di fabbricazione. Il nichel, largamente impiegato nelle batterie, è additato come uno dei principali responsabili di allergie dermatologiche da contatto e può favorire lo sviluppo di eruzioni o altre anomalie cutanee.

Non è la prima volta che i rischi connessi al contatto con determinate sostanze saltano agli onori della cronaca: lo scorso ottobre Greenpeace aveva analizzato un iPhone, rilevando che molte sostanze rientravano nei limiti di legge ma sottolineando come l'apparecchio risultasse ricco di PVC , cloro , ftalati e molti composti ritardanti di fiamma a base di bromo, con il risultato, in quel caso, di risultare potenzialmente ostili al normale sviluppo dei genitali maschili.

Ma di nichel e di composti potenzialmente dannosi si parla ormai ovunque . C'è quindi chi finisce per chiedersi come mai ancora non si applichino delle etichette sulle confezioni che specifichino chiaramente se l'oggetto in questione contenga o meno tracce di nichel, cobalto, cromo o altre sostanze “a rischio”. Sostanze peraltro contenute in moltissimi oggetti che di elettronico non hanno nulla né garantiscono certo le prime pagine come cellulari e iPod.

Marco Valerio Principato

( Fonte immagine )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti