Storia del movimento open source

In un libro presentato oggi in Italia


Milano – HopsLibri presenta oggi il nuovo libro di Glyn Moody, “Codice Ribelle”, in cui l’autore ricostruisce la storia del movimento open source dalle sue radici ad oggi, soffermandosi nel valutare il grande impatto rivoluzionario che ha avuto sulla tecnologia e l’industria informatiche e sul suo significato culturale.

Al cuore di un progetto rivoluzionario come quello che ha dato vita a GNU/Linux c’è, secondo Moody, la necessità umana di condividere e di attuare il libero scambio, la volontà di diffusione della conoscenza anche rinunciando a perseguire il mero profitto o vantaggio personale.

Protagonisti del libro sono le personalità che hanno dato vita e alimentato gli ormai numerosissimi progetti open source. In un serrato collage di interviste e testimonianze, Moody raccoglie tutte le voci del movimento (tra gli altri, i pionieri Linus Torvalds, Richard Stallman, Eric Raymond e Bruce Perens), descrivendone il carattere e la filosofia, e rivelando come sottili differenze di metodo abbiano potuto significare la fortuna o la rovina dei singoli progetti.

Il libro sarà presentato alla Libreria Feltrinelli di Piazza Duomo – Milano,
giovedì 21 novembre – ore 18.00. All’incontro, dal titolo “Come un gruppo di sognatori ha rivoluzionato l’informatica”, interverranno Glyn Moody, autore di Codice Ribelle; Pierantonio Macola, fondatore di Webb.it; e Lucio Bragagnolo, giornalista e coordinatore editoriale di Hops.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito di HopsLibri .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti