Stragi, videogiochi innocenti

Dopo gli eventi della Columbine High School, Doom ed altri games erano stati messi sotto accusa per incitamento all'omicidio. Adesso arriva la sentenza

Denver (USA) – Fu uno dei casi più dibattuti e uno di quelli che più ha portato sotto i riflettori i videogiochi violenti e quelle che secondo alcuni sono le “conseguenze possibili” del loro utilizzo. Un caso nato dopo la sanguinosa sparatoria alla Columbine High School di Denver, quando due ragazzi uccisero 12 compagni e un insegnante. Si scoprì poi che entrambi erano appassionati giocatori di Doom, il celebre sparatutto in soggettiva.

Quando si scoprì che i due ragazzini killer, Eric Harris e Dylan Klebold, avevano anche un sito dedicato a Doom, le famiglie delle vittime decisero di denunciare i produttori di videogiochi violenti. L’avvocato delle famiglie, John DeCamp aveva affermato: “Con questa denuncia si cerca di cambiare completamente la commercializzazione e distribuzione di questi videogiochi superviolenti che rendono i bambini dipendenti dalla violenza e li trasformano in killer senz’anima”. Dichiarazioni e situazioni che alzarono moltissima polvere negli USA.

Doom Il caso è ora arrivato alla conclusione: il giudice distrettuale Lewis Babcock ha accettato la richiesta di archiviazione del caso provenuta da undici grandi produttori di videogiochi, tra cui Id Software (produttrice di Doom), Activision, Sony ed altri sostenuta da AOL Time Warner e Palm Pictures.

Secondo il giudice, infatti, in nessun modo i produttori di videogiochi o di film violenti avrebbero potuto prevedere che i propri prodotti sarebbero stati in qualche modo capaci di condizionare i ragazzi della Columbine. “Al di fuori del disgusto personale – ha affermato Babcock – è evidente che esiste una utilità sociale nelle forme di intrattenimento espressive e fantasiose, anche quando contengono violenza”.

Il tutto, comunque, potrebbe non finire qui se DeCamp, come ha già preannunciato, deciderà davvero di andare in appello.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Continuiamo a pigliarli per il sedere sti fran....
    tanto mi pare che gli unici beoti che "credono" ciecamente all'Europa siamo noi e siamo noi gli unici pirla che qualsiasi cazzaxa ci comanda l'Europa l'accettiamo con gusto.Forse questa persona vuole farci intendere che nel parlamento Europeo ci sono forti pressioni da parte di alcune lobby?MA VA?E NOI TESTE CI CAXXO CE LO CONTINUIAMO A PRENDERE NEL CUXO!
    • Anonimo scrive:
      Re: Continuiamo a pigliarli per il sedere sti fran....
      - Scritto da: Testosterone a palla
      tanto mi pare che gli unici beoti che
      "credono" ciecamente all'Europa siamo noi e]zac[Ti sei mai posto il dubbio che senza l'europa in italia sarebbe molto peggio? che le pressioni dei produttori giganti avrebbero spinto i nostri governi a fare leggi molto dannose per i nostri diritti e interessi?Senza una europa forte il nostro paese e' indifeso dagli attacchi economici e politici dei non pochi paesi con economie piu' forti della nostra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Continuiamo a pigliarli per il sedere sti fran....
      - Scritto da: Testosterone a palla
      tanto mi pare che gli unici beoti che
      "credono" ciecamente all'Europa siamo noi e
      siamo noi gli unici pirla che qualsiasi
      cazzaxa ci comanda l'Europa l'accettiamo con
      gusto.
      Perche'?L'europa e fatta dalle proposte che vengono dai governi, che dopo vengono vagliate.Queste proposte possono piacere o non piacere, verranno discusse e qualcuno sara' contro e altri a favore.In questo caso francesi hanno proposto la discussione. Dopo ci sara' una maggioranza che decidera' cosa fare.Politicamente chi e' contro le decisioni europee raccontera' che "vengono ascoltate ciecamente le proposte", chi e' favorevole dira' "cosi' siamo piu' integrati" ma in entrambi i casi si tratta di fandonie convenienti solo alle parti politiche in causa. I politici italiani guardano al loro interesse prima di tutto, dopo se avanza tempo pensano ai motivi per cui sono stati eletti.
      Forse questa persona vuole farci intendere
      che nel parlamento Europeo ci sono forti
      pressioni da parte di alcune lobby?Beh, se non ci fossero mi sembrebbe parecchio strano!
      MA VA?
      E NOI TESTE CI CAXXO CE LO CONTINUIAMO A
      PRENDERE NEL CUXO!questo e' vero. Ma non e' colpa dell'europa.
  • Anonimo scrive:
    ah pero....
    non l'avrei mai detto...;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: ah pero....
      - Scritto da: blah
      non l'avrei mai detto...
      ;-)Dai, è ovvio che c'è un errore. Non può essere un francese, non hanno sufficienti capacità mentali per sviluppare un ragionamento del genere... come diceva Don Camillo, gratti il Pepito e viene fuori il Peppone: salterà fuori che questo pierrot, in realtà, si chiama Pieretti ed è di Cusano Milanino... :-)
Chiudi i commenti