Streaming web, è arrivato il mattatore

Possiede i brevetti a tutte le trasmissioni on demand di audio e video compresso su qualsiasi new media. Trema l'emergente business dello streaming mentre Acacia Media Technologies si rivolge al tribunale. Scorrerà sangue


Roma – Una serie di brevetti copre tutti i sistemi di trasmissione di audio e video compressi via internet, wireless, satellite e altri media. Sono brevetti che ha in mano Acacia Media Technologies che ora intende brandirli in tribunale per racimolare milioni di dollari in royalty da migliaia di aziende impegnate nell’emergente business dello streaming.

Dopo i brevetti sull’ipertesto , sul jpeg , sull’instant messaging e su altre tecnologie di base utilizzate su internet arriva dunque la prima offensiva legale della società detentrice, a suo dire, dei diritti per le operazioni di streaming. Via internet, satellite e altri media, infatti, vengono diffusi sempre più da grandi e piccole aziende di tutti i comparti materiali multimediali in formato compresso. Tutte loro, secondo Acacia, dovranno pagare oppure affrontare lunghe battaglie legali.

Acacia – il cui gruppo ha già raggranellato milioni a destra e sinistra rivendicando il brevetto sui v-chip, i chippotti che consentono ai genitori di impedire ai figli di vedere certi programmi in Tv – si è per ora limitata a citare in tribunale 39 imprese alle quali nei mesi scorsi ha chiesto soldi per l’uso di tecnologie di streaming. Alcune di queste imprese appartengono al business del porno, uno di quelli dove la diffusione di contenuti in streaming sta diventando la norma.

Che Acacia abbia in mano delle carte forse vincenti lo dimostra il fatto che il Gruppo Virgin ha già deciso di trovare un accordo con l’azienda per l’utilizzo di tecnologie multimediali di streaming.

I legali di Acacia peraltro non fanno sconti: “A molte imprese conviene pagare a noi quello che ci devono invece di affrontare costi legali di molto superiori alle cifre che chiediamo”. Bella la internet libera.

Sulla questione brevetti vedi anche:
Il caso del brevetto per la fila al bagno
Tecnologia/ Brevettata la ruota..!

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • eli scrive:
    Re: Italiani ladri?
    RETTIFICO i pacchi erano x areoporti/POSTA, casualmente spariti all arrivo. A me non e' capitato fino ad ora che un corriere abbia smarrito il pacco (e' la verita)
  • eli scrive:
    7pacchi spariti Wish(tt ordine del17sett
    Tutto rimborsato! Non mi sono spariti solo un orologio da 9 euro ed un tonico gold24 da 1 ma anche spugne forbici da cents. Perchè mettono a lavorare cani e porci gente da far ribrezzo al mondo civile questi romeni (romania) non rom e albanesi gente alla peggio del peggio! Perche sono stata in paesi musulmani non rubano per nulla. E neppure chredo alla disonesta orientale, sono 10 anni che non entro in negozi o ristoranti italiani.Non ho pena per le ditte corrieri e areoporti che subiscono questi furti perche sono complici tanto quanto lo stato italiano cn i lavoratori pubblici che timbrano cartellino x altri. Sappiamo che e' piu comodo delinquere in un paese in cui ci sono cretini al governo peccato che cosí facendo il ns stato non rispetta gli accordi internazionali e il commercio ne risente. Chiaro altresí che non farei quello che fanno le cooperative ovvero squadroni di 30 connazionali xche allora si che ci scappa il clan organizzato pronta copertura x rapina spariscono tonnellate di merce al mese e nessuno se ne accorge
  • ahia scrive:
    Re: Italiani ladri?
    no io ho avuto la stessa esperienza due volte, qua in inghilterra... semplicement,e son abituati a pensare (giustamente) che il cliente abbia sempre ragione, e che non un cliente contento(ed onesto) non si lamenti a vuoto...
  • Anonimo scrive:
    Rubati 5 pacchi con cellulari
    Racconto ciò che è accaduto a me: Ho aperto un negozio online per la vendita di cellulari. Tutto andava bene, avevo minimo un ordine al giorno dopo solo 2 mesi di apertura. Ho parlato con la SDA per la consegna dei pacchi. Mi hanno dato i carnet e tutto sembrava bene. Finché un cliente si é lamentato che il pacco non era ancora arrivato. Dopo alcune settimana la SDA mi ha detto che il pacco è smarrito. Quindi ho inviato lo stesso cellulare una seconda volta, perché il cliente aveva giá pagato. Soltanto dopo altre 2 settimane la SDA mi ha detto che il pacco NON era assicurato, perché per l`assicurazione avrei dovuto stipulare un contratto a parte e pagare altre 4 euro per il pacco. Ma non me lo potevano dire prima??Nello stesso mese sono smarriti altri 4 pacchi con un valore complessivo di oltre 3mila euro.La SDA ha denunciato il furto e oggi, 8 mesi dopo, sono state arrestate alcune persone (mi sembra a Bologna), anzi, un bel giro di persone... ma niente traccia dei miei pacchi. Per i pacchi NON assicurati ho ricevuto 6 euro al kg !! :-)Inoltre a questo, ho subito anche a tante frode con le carte di credito. Continuo a vendere cellulari online, ma con TANTA cautela!!L`unica soluzione in Italia è: 1) assicurare il pacco2) pagamento con bonifico anticipato oppure in contrassegno.saluti. marc
  • Anonimo scrive:
    A me pare assurdo
    che si possa essere accusati di essere dei ladri... MA che politica commercial e'???? Spendi quei 100 euro e comprati il cliente no???
  • Anonimo scrive:
    E' successo anche a me...
    Videocamera nuova...Arrivata con pacco integro.Quando apro la confezione della telecamera mi accorgo che quancuno deve averla gia' aperta in quanto le alette di cartone sono state ripegate in malo-modo.Magari e' stato un magazziniere.. Vebbe' a me interessa il prodotto non la confezione.Alla fine trovo la telecamera ma manca la batteria ed un paio di accessori che dovrebbero essere compresi nella confezione.Ho chiamato l'assistenza immediatamente, dicono che devono controllare, ma sono gia' 15gg che aspetto, mando fax e ritelefono.Mi hanno anche detto che forse dovrei rivolgermi alla casa madre per la garanzia, ma garanzia de che!!! mi avete inviato un prodotto incompleto non difettoso... Mha!!... che sia pure difettoso?Per il momento mi sono preso un bel PACCO!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' successo anche a me...
      Non c'è problema in confronto a me è sparito il pacco contenente un palmare appena arrivato in Italia .Le poste degli stati uniti giurano di averlo consegnato.
  • Anonimo scrive:
    dvdland - tutte le custodie rotte.
    Ho acquistato circa 500 euro di dvd su dvdland. Tranne una, tutte le custodie dei dvd sono arrivate fracassate o cmq danneggiate.Ora, per quanto credo sia normale che una certa percentuale di spedizioni venga "trattata in malo modo", il numero di danneggiamenti e' talmente elevato (su circa 20 dvd/cofanetti, in due spedizioni, solo uno e' arrivato "sano e salvo") da essere quasi sospetto: che i dvd costino di meno perche' "sono rotti in partenza?"In ogni modo:1. Credo sia anche cura dello spedizioniere realizzare imballi che reggano, non credo si vada falliti per una scatola di cartone e polistirolo robusto.2. Su alcuni forum ho letto che moltissimi si sono lamentati della stessa cosa: cosa aspettano a cambiare spedizioniere?Personalmente, dopo una telefonata di protesta, ho deciso che non comprero' piu' online DVD in italia, ma solo direttamente. Spendo due lire in piu', ma posso verificare quello che compro.
  • Anonimo scrive:
    Anche le riviste in abbonamento.
    Salve,Segnalo che a seguito di un abbonamento ad una rivista cartacea con allegati uno o piu' cd, i primi numeri mi arrivavano con la rivista integra, l'involucro protettivo di plastica aperto ed il/i cd mancanti. Non poteva essere rubato dalla cassetta postale, poiche' era recapitato in casella presso l'ufficio postale.Lamentatomi, decisamente urtato ma in modo civile, presso l'ufficio postale in cui detengo la casella, cio' non e' piu' accaduto (almeno finora - sono passati un paio di anni e piu' di 24 riviste)...Saluti a tutti
  • Anonimo scrive:
    E fare alla vecchia con il sigillo?
    Scusate ma no è possibile, olte al tracking, sigillare i pacchi?In questo modo sarebbe evidente la manomissione no?
    • Anonimo scrive:
      Re: E fare alla vecchia con il sigillo?

      Scusate ma no è possibile, olte al tracking,
      sigillare i pacchi?Anche questo è un costo che qualcuno si dovrebbe accollare e poi dimentichi che il pacco deve essere ispezionabile, soprattutto di questi tempi.
      • Anonimo scrive:
        Re: E fare alla vecchia con il sigillo?
        - Scritto da: Anonimo

        Scusate ma no è possibile, olte al tracking,"tracciamento" era troppo poco esterofilo, vero?

        sigillare i pacchi?

        Anche questo è un costo che qualcuno si
        dovrebbe accollare e poi dimentichi che il
        pacco deve essere ispezionabile, soprattutto
        di questi tempi.Beh, è un prezzo che mi accollerei volentieri.E i pacchi li possono ispezionare con i raggi X come negli aeroporti, non bisogna apririli.Ottima idea, d'ora in poi acquisterò per posta/corriere solo dalle aziende che mi sigilleranno il pacco.
        • Anonimo scrive:
          Re: E fare alla vecchia con il sigillo?
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo


          Scusate ma no è possibile, olte al
          tracking,

          "tracciamento" era troppo poco esterofilo,
          vero?



          sigillare i pacchi?



          Anche questo è un costo che qualcuno si

          dovrebbe accollare e poi dimentichi che il

          pacco deve essere ispezionabile,
          soprattutto

          di questi tempi.
          La maggior parte delle aziende sigillano gia' il pacco usando nastro adesivo "personalizzato". Questo pero' non ti mette al sicuro dalla "sparizione" del pacco...
          Beh, è un prezzo che mi accollerei
          volentieri.
          E i pacchi li possono ispezionare con i
          raggi X come negli aeroporti, non bisogna
          apririli.Uhmm... prova ad immaginare che cosa succede al pacco pieno di rulli fotografici controllato con i raggi X...In ogni caso non e' consentito se si tratta di un privato il destinatario il controllo tranne che dalle forze dell'ordine con autorizzazione di un giudice...Nel caso di un destinatario azienda allora il pacco puo' essere controllato dalla GdF per controllare la consistenza del documento di trasporto. Altrimenti anche in questo caso le forze dell'ordine possono aprire il pacco con regolare autorizzazione di un giudice...
          Ottima idea, d'ora in poi acquisterò per
          posta/corriere solo dalle aziende che mi
          sigilleranno il pacco.Nuovamente non ti mette al riparo dalla eventuale "sparizione" del pacco.
          • Anonimo scrive:
            Re: E fare alla vecchia con il sigillo?
            - Scritto da: Anonimo



            sigillare i pacchi?





            Anche questo è un costo che qualcuno si


            dovrebbe accollare e poi dimentichi che il


            pacco deve essere ispezionabile, soprattutto


            di questi tempi.

            La maggior parte delle aziende sigillano
            gia' il pacco usando nastro adesivo
            "personalizzato". Questo pero' non ti metteC'è una bella differenza, il nastro adesivo si può riattaccare e sembrare non manomesso ad un esame sommario, se il sigillo è rotto si vede immediatamente.E poi non sono preoccupato tanto dalla sparizione del pacco visto che pago sempre in contrassegno, quanto dal fatto che il pacco possa essere stato aperto.
            al sicuro dalla "sparizione" del pacco...


            Beh, è un prezzo che mi accollerei

            volentieri.

            E i pacchi li possono ispezionare con i

            raggi X come negli aeroporti, non bisogna

            apririli.

            Uhmm... prova ad immaginare che cosa succede
            al pacco pieno di rulli fotografici
            controllato con i raggi X...Esempio estremo (e che comunque vale anche per gli aeroporti), in ogni caso ci sono le buste apposite per le pellicole fotografiche.
            In ogni caso non e' consentito se si tratta
            di un privato il destinatario il controllo
            tranne che dalle forze dell'ordine con
            autorizzazione di un giudice...
            Nel caso di un destinatario azienda allora
            il pacco puo' essere controllato dalla GdF
            per controllare la consistenza del documento
            di trasporto. Altrimenti anche in questo
            caso le forze dell'ordine possono aprire il
            pacco con regolare autorizzazione di un
            giudice...Ti ringrazio della spiegazione esausitva.

            Ottima idea, d'ora in poi acquisterò per

            posta/corriere solo dalle aziende che mi

            sigilleranno il pacco.

            Nuovamente non ti mette al riparo dalla
            eventuale "sparizione" del pacco.Vedi sopra.Semmai ciò non mi mette al riparo dal fatto che l'azienda spedisca un pacco con roba mancante.Per questo io sarei per una soluzione un po' complicata ma efficace, un collo (e una ricevuta di ritorno) per ogni oggetto spedito.Certo, cento pacchi e cento firme per cento libri non sarebbe il massimo della comodità, ma garantirebbe l'azienda dai furbi che dicono che è arrivata loro meno roba di quanto ordinato e il cliente dall'azienda che spedisce meno roba di quanto ordinato.
  • Terra2 scrive:
    Pagare moneta, vedere cammello
    Con IBS, dopo 3 giorni, un libro (che la mia ragazza aveva inutilmente cercato per 2 settimane) era gia' a casa mia. Il tutto, nonostante facciano affidamento sulle poste italiane (che a loro volta fanno appoggiano ad SDA).Il commercio su interner e' OK! Basta pagare in contrassegno! E' l'unico modo per rendere sicura sia la consegna che la transazione di denaro :))
  • Anonimo scrive:
    Il punto di vista di un e-venditore
    Ammetto che il problema della sicurezza delle spedizioni è uno dei problemi più pesanti che abbiamo, tanto da essere costretti ad assicurare praticamente tutte le spedizioni in partenza, anche quelle di importo irrisorio.Con questo piccolo trucco (dal costo di circa 2,5 ?) riusciamo ad avere una % di errori e smarrimenti bassissima, resta però un problema, quei 2,5 ? da dove dovranno uscire fuori?Le spese di spedizione, in Italia, sono già abbastanza elevate ed aumentare il prezzo per includere il costo dell'assicurazione, almeno su alcuni prodotti, può far andare fuori mercato, oltre al fatto che, mediamente, il cliente vuol spendere il meno possibile per ricevere il suo pacco (anche se il risparmio rispetto al negozio reale, rimane comunque)Personalmente quando un cliente non riceve il pacco che gli ho inviato, provvedo immediatamente a reinviargliene un altro prendendo poi in carico la "gestione" del problema corrieri.Se invece riceve il pacco con merce mancante la cosa è più complessa anche se, avendo assicurato i pacchi e sigillati l'eventuale manomissione è evidente e raccomando ai clienti di segnalare la cosa, dandomi la possibilità di rivalermi.Di più non so cosa si possa fare, ma spero che le cose possano migliorare un po' per tutti.Antonio Capaldohttp://www.ilmac.net
    • Anonimo scrive:
      Re: Il punto di vista di un e-venditore
      - Scritto da: Anonimo
      Le spese di spedizione, in Italia, sono già
      abbastanza elevate ed aumentare il prezzo
      per includere il costo dell'assicurazione,
      almeno su alcuni prodotti, può far andare
      fuori mercato, oltre al fatto che,
      mediamente, il cliente vuol spendere il meno
      possibile per ricevere il suo pacco (anche
      se il risparmio rispetto al negozio reale,
      rimane comunque)mah, mi viene da sorriderenon te l'ha mica ordinato il medico di vendere on-line, puoi sempre mettere su uno di quei negozi reale che secondo te non sono tanto rispramiosi...
  • Anonimo scrive:
    Opinione di un e-commerciante
    Ciao a tuttivorrei portare il mio contributo, dal lato di chi di spedizione ne vede partire svariate migliaia e quindi ha in mano dati con rilevanza statistica. Sicuramente la "qualità" del servizio medio offerto dai corrieri non è eccelsa ( non ho molto idea di come sia all'estero e quindi non mi sento di fare paragoni ) e c'è una certa incidenza di problemi come quelli denunciati... nello specifico per quanto riguiarda furti e sparizioni varie noi abbiamo una percentuale di sinistri attorno allo 0.4% , quindi si tratta di un evento piuttosto raro. L'importante è che la merce viaggi sempre assicurata in modo da poter essere coperti da perdite di questo tipo, anche se certo non facciamo aspettare al cliente i tempi ( epocali ) di rimborso delle assicurazioni. E' anche importante che il cliente sia molto attento al momento della ricezione del pacco ( e noi diamo precise istruzioni in tal senso nella amil che avvisa dell'arrivo del collo ) nel osservare eventuali manomissioni ( non sempre evidenti ..ad es. scotch sollevato, tagliato e poi ricoperto con nastro trasparente e simili ) e, nel dubbio, che accetti "con riserva" Altrettanto importante è la tempestività nel segnalare al venditore il problema. Comunque mi pare di poter dire che la probabilità di incorrere in questi problemi è abbstanza remota...acnhe se certo il fatto di essere stato particolarmente "sfigato" :-) non è di grande consolazione per chi si trova poi ad essere in quello 0.4%...ma se il venditore supporta il cliente quando questi problemi si manifestano credo che si poss acontinuare a comprare online in tutta tranquillità :-)CiaoGiorgioBow.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Opinione di un e-commerciante
      Solo lo 0,4%?Direi che ad occhio e croce sei messo abbastanza bene come casistica. Comunque, leggendo tutti i testi, ho l'impressione che il problema sia maggiormente sentito al sud, anche se al nord le cose sembrano peggiorare.Purtroppo sono tante le variabili che entrano in gioco, dalla serietà del commerciante, alla serietà del corriere (in ogni passaggio), all'onestà del cliente. Un solo anello debole e la catena si spezza. A questo bisogna aggiungere anche gli eventi imprevedibili del fato dove non ci sono colpe specifiche (ad esempio, il volo di un furgoncino da un viadotto per l'esplosione di un pneumatico ecc.. ecc..).
      • Anonimo scrive:
        Re: Opinione di un e-commerciante
        - Scritto da: Anonimo
        solo anello debole e la catena si spezza. A
        questo bisogna aggiungere anche gli eventi
        imprevedibili del fato dove non ci sono
        colpe specifiche (ad esempio, il volo di un
        furgoncino da un viadotto per l'esplosione
        di un pneumatico ecc.. ecc..).Tutti i corrieri italiani si staranno toccando le palle!LOL
    • Anonimo scrive:
      Re: Opinione di un e-commerciante
      Io non sono convinto... comprare online è ancora un rischio, fino a quando non cambieranno molte cose. Io non compro e certamente - nel medio periodo - non comprerò nulla online.Quali vantaggi ci sono? Potrebbe esserci il prezzo favorevole, ma molto spesso si riesce a trovare lo stesso prezzo nella propria città. Proviamo a considerare ad esempio del materiale informatico (PC, monitor, ...): se non si vuole un normale rivenditore, si possono visitare i grandi ipermercati e si trovano sempre offerte particolari.Quindi, per me, no agli acquisti online.
      • Anonimo scrive:
        Re: Opinione di un e-commerciante
        Questo è vero nelle grandi città o per chi può raggiungere una città grande in poco tempo.Per chi sta in provincia l'e-commerce è molto utile perché può trovare quanto non reperibile in loco.
    • Anonimo scrive:
      Re: Opinione di un e-commerciante
      Lavorato al supporto tecnico di una multinazionale informatica che lavorava con tnt.I pacchi persi sono molti di piu' della percentuale da te indicata.Il problema c'e' anche in altri stati europei anche se in maniera molto minore.In alcune province del sud italia e' inutile qualcsiasi invio i pacchi spariscono come el tiangolo delle bermuda
      • Anonimo scrive:
        Re: Opinione di un e-commerciante
        mi fa piacere saperlo dato che ho appena aperto un contratto anche con TNT...devo dire che con SDA ho riscontrato le percentuali dette ( parlo di sinistri conclusisi con la perdita del collo o comunque con un danno o ammanco, non di disservizi tipo collo perso e poi ritrovato dopo qualche giorno )Devo anche dire che sono rimasto sorpreso anche io quando abbiamo fatto i conti perchè mi aspettavo una percentuale più alta....ma qui c'è dio mezzo un evidente effetto piscologico...le cose che vanno male, i casini etc ti restano scolpiti nella memoria come un marchio a fuoco, quando le cose vanno bene passano inosservate :-)CiaoGiorgio
        • Anonimo scrive:
          Re: Opinione di un e-commerciante

          Devo anche dire che sono rimasto sorpreso
          anche io quando abbiamo fatto i conti perchè
          mi aspettavo una percentuale più alta....ma
          qui c'è dio mezzo un evidente effetto
          piscologico...le cose che vanno male, i
          casini etc ti restano scolpiti nella memoria
          come un marchio a fuoco, quando le cose
          vanno bene passano inosservate :-)Aggiungi anche le trasmissioni tipo "Mi manda Raitre".
          • Anonimo scrive:
            Re: Opinione di un e-commerciante
            Lasciamo perdere Mi manda RAITre .... mi ricordo ancora una punata nella quale parlavano dei corrieri, c'era il rappresentante di un corriere primario ( non ricordo quale ) che spiegava che ogni giorno movimentavano qualcosa tipo 100.000 colli e ne perdevano qualche decina...e il Marrazzo, che secondo me non riuscirebbe neanche a trasferire tre paia di calzini dal bagno alla sua camera senza perderne uno, che quasi lo insultava dicendo che non dovevano perdere neanche quelli...come se si divertissero a perderli :-)Per non parlare dell'ospite in studio, gioielliere che aveva spedito con corriere mezzo chilo d'oro e, avendolo smarrito, si lamentava del rimborso di legge ( pochi euro al chilo )....ma dico bisogna essere idioti per mandare mezzo chilo d'oro con un corriere non specializzato e senza assicurarlo....CiaoGiorgio
          • Anonimo scrive:
            Re: Opinione di un e-commerciante
            - Scritto da: Anonimo
            Lasciamo perdere Mi manda RAITre .... miMi manda RaiTre, puntata sul "cartello" delle assicurazioni: alla notizia che le assicurazioni non avrebbero rimborsato una lira agli utenti per via di un decreto legge ad hoc fatto dall'attuale governo, Anna Bartolini esclamava "e di chi sono le assicurazioni?".L'hanno zittita subito togliendole la parola...
    • Anonimo scrive:
      Re: Opinione di un e-commerciante
      Io ho comprato con voi più volte e mi sono sempre trovato bene.Una cosa però mi sono chiesto, nella mail che mandate ho visto che consigliate sempre di controllare che il vostro nastro non sia stato manomesso e in caso contrario di firmare con riserva. Però più di una volta mi è capitato di trovare i pacchi chiusi con normalissimo nastro trasparente che può essere trovato ovunque (per chiarezza: non mi è capitato sempre, ma qualche volta). Io fra l'altro ho firmato normalmente senza riserve e dentro ho sempre trovato tutto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Opinione di un e-commerciante

      E' anche importante che il cliente sia molto
      attento al momento della ricezione del pacco
      ( e noi diamo precise istruzioni in tal
      senso nella amil che avvisa dell'arrivo del
      collo ) nel osservare eventuali manomissioniIo da voi ho comprato un lettore dvd per pc (bulk, senza confezione) e sono rimasto spiacevolmente sorpreso dalla qualita' dell'imballaggio.Il lettore dvd era stato messo in una scatola grande con pochissimi trucioli di polistirolo (meno di meta' di quelli necessari). Gia' prendendo in mano la scatola ci si accorgeva subito che il lettore si spostava da una parte all'altra liberamente. E infatti quando ho aperto il tutto, ho trovato il lettore appoggiato sul fondo a contatto diretto con il cartone senza alcuna protezione.Per fortuna non ha subito danni e funziona egregiamente anche adesso, pero' mi sono reso conto di aver corso un bel rischio...Mi domando: qualcuno ha aperto la scatola durante il tragitto e non ha reputato interessante il contenuto, oppure un vostro addetto al magazzino aveva finito il polistirolo e non aveva voglia di andare a prenderne dell'altro ?CiaoLorenzo
      • Anonimo scrive:
        Re: Opinione di un e-commerciante
        Ciaostrano...quanto tempo fa ? Non usiamo più il polistirolo, ma dei sacchetti di plastica gonfiati con aria.Fammi sapereCiaoGiorgio
        • Anonimo scrive:
          Re: Opinione di un e-commerciante

          strano...quanto tempo fa ?Un po'..... ;)Settembre 2001
          Non usiamo più il polistirolo, ma dei sacchetti di plastica
          gonfiati con aria.Li ho visti da un altro vendor, ottima soluzione...CiaoLorenzo
    • Anonimo scrive:
      Sovraccarico!!! Re: Opinione di un ...
      caro giorgio di bow.it,stanotte non mi passa un cazzo e sto leggendo tutte le opinioni (alcune davvero divertenti) su questa notizia.vedendo che voi di bow.it siete i più fighi del pianeta nello spedire merce mi è venuta la curiosità di fare un salto sul vs. sito.ahò, sono le 2.20 di notte e il sito mi dice che è "SOVRACCARICO Attualmente questo negozio è sovraccaricoe non può gestire ulteriori richieste.Siete pregati di riprovare più tardi."Ahòòòòòò ma sono le 2 di notte!!!! non oso immaginare cosa succeda alle 11.00 del mattino.sto morendo dalle risate.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sovraccarico!!! Re: Opinione di un ...
        Sì vendiamo molto a chi torna a casa dopo la discoteca :-)il maledetto Windows ha colpito anche stanotte...servizio rallentato all'inverosimile...mah...comunque presto cambieremo serverCiaoGiorgio
  • Anonimo scrive:
    BOL (Mondadori) : conviene non ordinare
    Il sottoscritto ha acquistato libri su BOL.COM per oltre 60 euro ... Dopo due mesi non è arrivato nulla e sono riuscito a farmi rimborsare dopo 4 mesi (!!!)Personalmente faccio acquisti su Internet solo se la spedizione avviene a mezzo corriere e assicurata. Se la spedizione avviene tramite posta ordinaria ci sono almeno il 50% di probabilità di non ricevere mai nulla
    • Anonimo scrive:
      Re: BOL (Mondadori) : conviene non ordinare
      - Scritto da: Anonimo
      Il sottoscritto ha acquistato libri su
      BOL.COM per oltre 60 euro ... Dopo due mesi
      non è arrivato nulla e sono riuscito a farmi
      rimborsare dopo 4 mesi (!!!)Io con BOL mi sono invece trovatro molto bene, sono stati anche piuttosto veloci, il tutto con posta ordinaria.
    • Anonimo scrive:
      Re: BOL (Mondadori) : conviene non ordinare
      Io ho fatto solo un acquisto su Bol ma è andato tutto bene. La mia ex ragazza partecipa assiduamente ad aste elettroniche, sia in vendita che in acquisto. Da quanto ho potuto vedere la % di anomalie nella spedizione si aggira intorno al 5%, che comunque è un'enormità!
  • Anonimo scrive:
    non fidatevi di chi non usa corrieri
    ... meglio spendere qualche lira in più e affidarsi a chi usa sistemi di spedizione tracciabili ...oltretutto x esperienza posso dirvi che le poste trattano i pacchi in modo allucinante e oltre alla possibilità che non arrivi proprio c'è anche il riscio che il materiale arrivi danneggiato.
  • Anonimo scrive:
    i corrieri ...
    ... tutti coloro ci hanno a che fare conoscono il problema :(--tinto
  • Anonimo scrive:
    Oggi denunciamoli.........
    Anche noi siamo vittime di continui furti di merce spedita a mezzo paccocelere3 di poste italiane.Da ottobre 2002 per pacchi inviati presso una particolare zona d'Italia (Sicilia Sud-orientale), la merce parte dalla sede SDA di Bari ma non arriva a destinazione.Il fatto di spedire con assicurazione (i primi rimborsi non sono stati ancora eseguiti), non evita comunque danni e perdita di affidabilità e di immagine.Invito tutti coloro che hanno il nostro stesso problema a recarsi oggi presso la stazione dei carabinieri più vicina per denunciare questo fenomeno. Magari si scopre un altro caso nazionale!!!!!INTIMOINGROSSO.ITPorcelluzzi Roberto
    • Anonimo scrive:
      Re: Oggi denunciamoli.........
      perchè non inizi tu a denunciarli?
    • andrea consiglio scrive:
      Re: Oggi denunciamoli.........
      anche a me e sucXXXXX,abito a ravenna,per farla breve compro un pc a mio figlio che abita a palermo,metto lo scontrino dentro il pacco e lo spedisco pacco celere 1 plus assicurato il 17/04/2009,morale:il pacco su dove e quando risulta dal 19 in transito a roma ed ancora oggi 28 nn hanno aggiornato il sito,dopo varie telefonate dicono che stanno indagando,ma alla fine ho perso 700 euro di pc comprato a sacrifici,che devo fare????mi hanno detto ke prima del rimborso devo dimostrare il valore del contenuto e poi mi tolgono il 10%.ma che discorsi sono ???
  • Anonimo scrive:
    Accettare il pacco con riserva.
    Quando vi consegnano il pacco e firmate per ricevuta aggiungete la clausola "con riserva". Questo significa che voi ritirate il pacco ma vi riservate il diritto di controllarne il contenuto successivamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Accettare il pacco con riserva.
      - Scritto da: Anonimo
      Quando vi consegnano il pacco e firmate per
      ricevuta aggiungete la clausola "con
      riserva". Questo significa che voi ritirate
      il pacco ma vi riservate il diritto di
      controllarne il contenuto successivamente.A cosa serve?
      • Anonimo scrive:
        Re: Accettare il pacco con riserva.

        A cosa serve?Firmare per ricevuta significa dichiarare che la merce che ricevi è esattamente quella che aspettavi ed è in perfetto stato, quindi liberi il corriere da ogni responsabilità. Teoricamente, prima di firmare, bisognerebbe aprire il pacco e controllare il contenuto, ma quanti lo fanno? Accettare con riserva significa dichiarare di aver ricevuto quel pacco, riservandosi però il diritto di controllarne il contenuto successivamente, con calma.
  • Anonimo scrive:
    ladri alle poste
    a chi non e' successo di perdere il contenuto di un pacco? Questo mi porta a credere che ci siano ladri in tutti gli uffici postali italianisoluzione per le forze dell'ordine: creare dei costosi pacchi civetta con ricevitori gprs e trasmettitori e spedirseli, prima o poi spariranno e cominceranno a ingabbiare i ladroni (praticamente si svuoterebbero gli uffici postali e si creerebbero nuovi posti di lavoro)soluzione per le poste: lavorare maggiormente sul tracking, registrare accuratamente ogni passaggio di consegna e non solo per le raccomandate o i pacchi assicurati
    • Anonimo scrive:
      Re: ladri alle poste
      - Scritto da: Anonimo
      a chi non e' successo di perdere il
      contenuto di un pacco? Questo mi porta a
      credere che ci siano ladri in tutti gli
      uffici postali italiani
      soluzione per le forze dell'ordine: creare
      dei costosi pacchi civetta con ricevitori
      gprs e trasmettitori e spedirseli, trasmettitori e ricevitori GPRS ?? Forse volevi GPS !!prima o
      poi spariranno e cominceranno a ingabbiare i
      ladroni (praticamente si svuoterebbero gli
      uffici postali e si creerebbero nuovi posti
      di lavoro)
      soluzione per le poste: lavorare
      maggiormente sul tracking, registrare
      accuratamente ogni passaggio di consegna e
      non solo per le raccomandate o i pacchi
      assicurati
    • Anonimo scrive:
      Re: ladri alle poste

      soluzione per le poste: lavorare
      maggiormente sul tracking, registrare
      accuratamente ogni passaggio di consegna e
      non solo per le raccomandate o i pacchi
      assicurati Sarebbe (anzi, è) un costo che ricade sul cliente; conviene di più risarcire il danno.
    • Anonimo scrive:
      Re: ladri alle poste
      mh...certo perchè il furbone dopo aver aperto il pacco e aver visto che c'è un trasmettitore se lo porta a casa e lo mette sul tavolo :) mica sono fessi...cmq avevo un negozio di abbigliamento sportivo e spesso le scatole arrivavano con un angolo aperto, e dentro mancava una manciata di roba... successo anche con cestini natalizi inviati inscatolati... fanno un buco infilano il braccio e prendono quello che capita... basti ricordare anche i casi negli areoporti... Spesso il problema sono i magazzini incustoditi o custoditi dalle persone sbagliate.che dire la mamma degli stolti (e dei disonesti) è sempre incinta!ah questa è bella: una volta ho spedito un pacco ad una città con tanto di CAP esatto... mi è tornato indietro con la dicitura "destinazione inesistente" ma diamine il cap glielo avete dato voi!!! Alla fine per farlo arrivare ho dovuto incollare sulla scatola del pacco la cartina con la strada per arrivare dalla provincia più vicina alla città in questione! che geniacci eh...
      • Anonimo scrive:
        Re: ladri alle poste

        ho dovuto incollare
        sulla scatola del pacco la cartina con la
        strada per arrivare dalla provincia più
        vicina alla città in questione! che geniacci
        eh...ahahahahahah!!!!!non ci credo.......se è vero sei il mio nuovo dio :)
    • Anonimo scrive:
      Re: ladri alle poste
      gia, sono riusciti a far "scomparire" due (ripeto due) lettori dvd Pioneer da 300.000 delle vecchie lire l'uno , io non ho speso niente visto che erano due pacchi in contrassegno ma non credo che il negoziante sia rimasto molto soddisfato del lavoro delle poste.Alessio
    • Anonimo scrive:
      Re: ladri alle poste
      peccato che il GPS al chiuso di un ufficio o di un magazzino non pigli una mazza ehehla strategia migliore sarebbe mandare un pacco "civetta" di materiale radioattivo imballato in una scatola di piombo. Chi apre la scatola muore di radiazioni nel giro di qualche settimana ehehehso' perfido
  • trvsco scrive:
    Anche a me è successo...
    Con un sito di vendita mp3 e cd, però secondo me dovevano essere già "rodati" in materia perchè senza troppe menate dopo tre e-mail (rispettando i tempi che mi davano loro) mi hanno fatto lo storno sulla carta di credito.In sostanza...Un pacco da 2 cd musicali che doveva essere consegnato via posta ordinaria non è mai arrivato. Purtroppo capita... però finchè ci si comporta così... oh a me faceva piacere che mi rispedissero di nuovo i CD che NON mi sono mai arrivati, poi è andata a finire che me li sono comprati in negozio.
  • Anonimo scrive:
    SPARIZIONI NEL BEL PAESE
    IL PROBLEMA NON E' CHI SPEDISCE. IL PROBLEMA E' QUELLO DEI CORRIERI.ANCHE A ME SONO SPARITI 2 MASTERIZZATORI SU 3 SPEDIZIONI REGOLARI.
  • Anonimo scrive:
    W CHL E ESSEDI
    l'alternativa sono i negozi FISICI dove farsi mandare la merce. Si risparmiano anche le spese di spedizione... che si vuole di più?l'e-commerce in Italia è irrealizzabile (postalmarket docet)PScomplimenti alla redazione che colloca in "Punti di vista" il parco dei Colli Euganei in provincia di Belluno!!! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: W CHL E ESSEDI

      PS
      complimenti alla redazione che colloca in
      "Punti di vista" il parco dei Colli Euganei
      in provincia di Belluno!!! ;-)???????? perche' complimenti????????
    • Anonimo scrive:
      Re: W CHL E ESSEDI
      Veramente a me è capitato anche con CHL: un portatile su misura mi è arrivato senza batteria e con il DVD "fluttuante" (mancava una vite di fissaggio). Con CHL non c'è stato niente da fare: potevo solo recedere e restituire il tutto. Per fortuna il produttore (un assemblatore italiano) mi ha risolto tutto nel giro di 24 ore, ma solo perché aveva la sede nella mia città e ci sono andato di persona...Quindi un caloroso consiglio: quando ritirate la merce nei point, aprite e controllate _tutto_, prima di pagare e andare via.
      • Anonimo scrive:
        Re: W CHL E ESSEDI
        - Scritto da: Anonimo
        Quindi un caloroso consiglio: quando
        ritirate la merce nei point, aprite e
        controllate _tutto_, prima di pagare e
        andare via.e qui aprire una polemicuccia..qui a Milano ho acquistato diverse volte negli anni da CHL (HD, schede, portatili, monitor..) e in nessuna (dico nessuna) delle volte mi e' stato possibile visionare la merce PRIMA di pagare.....regola: prima paghi poi te ne vai in macchina con il tuo bel pacco e lo scarti... se c'e' qualche cosa che non va puoi tornare dentro al POP-it che ti aiuta a compilare i moduli ma NON si riprendera' la merce ridandoti i soldi.. (la procedura di rientro non e' cosi semplice) quindi ben venga la tipolgia CHL di invio ad un pop.it fisico ma per quanto riguarda la filosofia/garanzia prima apri e poi paghi.. a me non e' mai andata cosi....pensateci...
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI
          Sarà che sono nato a "Zena", ma questa è forte.Si paga... si ritira ... e solo - dopo - si può controllare...Incredibile cosa continua a fare...Tanto vale farsi mandare tutto con un bel contrassegno dei vecchi tempi "postali"...Comunque in un Paese dove occorre una "task force" per incastrare gli addetti allo smistamento merci degli aeroporti, in teroria uno degli ambianti più controllati al mondo, quando un qualsiasi viaggiatore abituale conosceva benissimo il "problema" da anni... chissà cosa si dovranno inventare per beccare sul fatto i corrieri...
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI

          e qui aprire una polemicuccia..
          qui a Milano ho acquistato diverse volte
          negli anni da CHL (HD, schede, portatili,
          monitor..)
          e in nessuna (dico nessuna) delle volte mi
          e' stato possibile visionare la merce PRIMA
          di pagare.....A Torino li scartano davanti a te e poi li paghi.
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI
          A me invece è andata diversamente.Ho comprato un PC presso CHL di Torino e al momento del ricevimento il commesso ha non solo aperto la scatola ma ha anche aperto il case davanti a me e assieme abbiamo controllato che tutti i componenti richiesti fossero presenti.Accenderlo sarebbe stato eccessivo, quindi in questo caso sono stato totalmente soddisfatto.Secondo me dipende dai commessi....Ingenuo 2001
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI
          - Scritto da: Anonimo
          e in nessuna (dico nessuna) delle volte mi
          e' stato possibile visionare la merce PRIMA
          di pagare.....A me è sempre successo il contrario. Mi hanno sempre scartato tutto davanti anche quando io non lo chiedevo.Alla fine dipende dalla persona che ti trovi davanti nel negozio (come sempre)ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI
          - Scritto da: Anonimo
          quindi ben venga la
          tipolgia CHL di invio ad un pop.it fisico ma
          per quanto riguarda la filosofia/garanzia
          prima apri e poi paghi.. a me non e' mai
          andata cosi....
          pensateci...A Udine il pop ti scarta tutto e poi paghi.Un comportamento molto apprezzabile.In questo modo abbiamo scoperto che in una scatola mancava il prodotto.
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI
          a ROMA.....nel centro CHL a S. Giovanni per ogni cosa acquistata il commesso (gentilissimi) prima ti aprono il pacco davanti e poi se c'e' tutto...Paghi e te ne vai!....Io comunque quando conpro su internet....pago sempre con contrassegno...cosi'...se non arriva non ho pagato nulla!
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI
          forse dipende dal popitt di Milano; io invece, a Firenze, sono andato nel popitt, ho aperto la scatola sul banco (era un masterizzatore), ho guardato, e dopo gli ho dato il bancomat: non ho avuto nessun problema. Se mancava qualcosa oppure era rotto mica lo prendevo.In generale il sistema chl è migliore, perché ordini on line dopo aver guardato e riguardato, vai di persona e prendi in mano la merce e dopo paghi: sempre meglio di pagare prima, e poi stare ad aspettare che arrivi. la merce chissà quando e chissà come.
        • Anonimo scrive:
          Re: W CHL E ESSEDI
          Confermo che nel POP di Genova, da sempre, il pacco viene aperto dai gentilissimi (e competenti) addetti, viene verificato insieme il contenuto e poi si paga.Unico picolo neo "il contributo spese di spedizione", che in caso di piccole spese incide molto sul costo finale. Ma questo e' un altro discorso.
    • Anonimo scrive:
      Re: W CHL E ESSEDI
      - Scritto da: Anonimo
      l'alternativa sono i negozi FISICI dove
      farsi mandare la merce. Si risparmiano anche
      le spese di spedizione... che si vuole di
      più?In compenso c'e' pero' un "Contributo gestione ordine" (mi riferisco a chl).
  • Anonimo scrive:
    Problema vecchio e diffuso
    In questo paese, chiunque spedisca qualsiasi cosa con qualunque mezzo è a rischio sparizione, mica c'è bisogno di scomodare i negozi online...È vero che ci sono spedizioni sballate e clienti che cercano di fare i furbi, ma la maggior parte dei problemi avviene durante il trasporto.Ma se becchi un dipendente disonesto in Italia non puoi nemmeno licenziarlo, se non ti vuoi ritrovare con i sindacati alle costole.Una delle cose più ridicole è che i corrieri (intesi come singoli persone) vengono pagati per numero di pacchi, quindi a loro conviene portare lo stesso pacco avanti e indietro più volte dicendo "destinatario assente"!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Problema vecchio e diffuso
      Adesso capisco un sacco di cose...Ogni tanto ordino delle merce su internet e, spesso, mi capita che il corriere non me la recapita.Io abito a Rieti in una frazione e spesso quando ho problemi e contatto il corriere mi dicono che ero assente (ma allora perche' non hanno lasciato il bigliettino nella cassetta della posta?) oppure che non riuscivano a ritrovare casa mia (abito lungo una strada provinciale, non un vicolo, quindi...).Insomma alla fine mi dicono che devo andare a prendere il pacco al centro di smistamento che si trova a L'Aquila (60Km di curve per 1h circa in macchina).Poi quattro giorni fa e' arrivato un ordine che mia moglie aveva fatto a D-Mail. Aveva ordinato intorno ai 70 euro di roba: e' arrivato un solo collo (15 euro). Per fortuna che, memori delle esperienze precedenti, abbiamo deciso di pagare in contrassegno (quindi abbiamo pagato solo 15 euro).- Scritto da: Anonimo
      In questo paese, chiunque spedisca qualsiasi
      cosa con qualunque mezzo è a rischio
      sparizione, mica c'è bisogno di scomodare i
      negozi online...
      È vero che ci sono spedizioni sballate e
      clienti che cercano di fare i furbi, ma la
      maggior parte dei problemi avviene durante
      il trasporto.
      Ma se becchi un dipendente disonesto in
      Italia non puoi nemmeno licenziarlo, se non
      ti vuoi ritrovare con i sindacati alle
      costole.

      Una delle cose più ridicole è che i corrieri
      (intesi come singoli persone) vengono pagati
      per numero di pacchi, quindi a loro conviene
      portare lo stesso pacco avanti e indietro
      più volte dicendo "destinatario assente"!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Problema vecchio e diffuso
        Io ho un negozio online. Proprio causa del fatto che i corrieri faticano a consegnare in provincia, e se uno e' assente si deve sgroppare Km e km in macchina, spediamo tramite le Poste Italiane. A marzo del 2002 abbiamo spedito un collo in contrassegno, del valore approssimativo di 15 euro. Il cliente ha ritirato e regolarmente pagato il contrassegno, ma noi, dopo quasi un anno e una ventina di reclami ancora dobbiamo vedere un solo cent.Poi ci sentiamo dire che l'ecommerce in italia non decolla.I corrieri non sono minimamente pronti all'ecommerce, tantomeno per le spedizioni internazionali. Possibile che compro un libro da Amazon e spendo per farmelo arrivare a casa meno di 8 euro.Con la stessa cifra qui in Italia, non riesco a spedire nemmeno in tutto il paese. Se volessi poi spedire all'estero, dovrei fare un leasing.
    • Icestorm scrive:
      Re: Problema vecchio e diffuso
      - Scritto da: Anonimo
      In questo paese, chiunque spedisca qualsiasi
      cosa con qualunque mezzo è a rischio
      sparizione, mica c'è bisogno di scomodare i
      negozi online...Confermo.Proprio alla fine del mese scorso ho spedito un pacco (del valore di circa 150 Euro) contenente dei regali di compleanno.Il pacco è stato spedito tramite la formula "PaccoCelere1" delle poste che hanno usato il corriere S.D.A.Il pacco in questione non è mai arrivato, dopo numerose lamentele abbiamo saputo che è stato spedito erroneamente in un'altra provincia (l'avevano mandato a Massa Carrara invece che a Siracusa!) e che poi il furgone di SDA era stato vittima di un furto (bravi fessi).Tuttora del pacco non se ne sa nulla e di rimborsi nemmeno a parlarne, ti fanno firmare reclami vari ma poi col cavolo che ti rimborsano qualcosa.Per la disperazione abbiamo pure fatto denuncia alle poste presso la polizia ma anche questi ultimi ci hanno già fatto capire che non potranno fare molto e che probabilmente non ne sapremo più niente.Bella schifezza, io consegno a loro il mio pacco, pago subito la spedizione, loro mi perdono il mio materiale e non si degnano nemmeno di rimborsarmelo (lasciamo perdere poi il discorso del valore affettivo perché sarebbe ancora peggio).
    • Anonimo scrive:
      Re: Problema vecchio e diffuso

      Una delle cose più ridicole è che i corrieri
      (intesi come singoli persone) vengono pagati
      per numero di pacchi, quindi a loro conviene
      portare lo stesso pacco avanti e indietro
      più volte dicendo "destinatario assente"!!!Assolutamente no. La cifra che incassano per una tentata consegna è nettamente inferiore a quella che si incassa per una consegna effettiva, quindi ogni operatore cerca di schivare le consegne a rischio (fanno perdere tempo) per eseguire quelle sicure. Quello che invece accade spesso sono le tentate consegne finte, soprattutto quando il pacco deve essere consegnato in una località difficile da raggiungere.
  • Anonimo scrive:
    Se provate, funziona!
    Quando vi arriva un pacco, dite a chi ve lo ha inviato che lo avete ricevuto incompleto, protestate energicamenteIl piu' delle volte, siccome i negozi hanno l'assicurazione, vi rimandano la roba "mancante" !
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      Sarei curioso di capire con quali corrieri i pacchi spariscono?E poi... molti siti e-comm fanno pagare le spese di spedizione a prezzi di molto superiori a quelli che loro realmente pagano con la scusante che le loro spedizioni sono assicurate quindi mi chiedo dov' è il problema, sono assicurati oppure è una balla per fottersi soldi in più???
      • Anonimo scrive:
        Re: Se provate, funziona!
        Secondo me è tutto un magna magna generale...gente che dice che la roba non gli è arrivata quando invece ce l'ha in mano e negozi che sbagliano a spedire la roba e poi per non perderci dicono di averla spedita all'indirizzo corretto. Senza contare poste, magazzinieri, spedizionieri e altri intermediari che si fregano i pacchi o che li aprono (Vedi S. La Notizia con Malpensa per esempio...) per trafugarne il contenuto.Questo secondo me penalizza l'E-Commerce e soprattutto la credibilità dell'Italia all'estero.CiaoPweb
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      Complimenti per la dimostrazione di civiltà
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      - Scritto da: Anonimo
      Quando vi arriva un pacco, dite a chi ve lo
      ha inviato che lo avete ricevuto incompleto,
      protestate energicamente
      Il piu' delle volte, siccome i negozi hanno
      l'assicurazione, vi rimandano la roba
      "mancante" !Cialtrone
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      complimenti...
      :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      - Scritto da: Anonimo
      Quando vi arriva un pacco, dite a chi ve lo
      ha inviato che lo avete ricevuto incompleto,
      protestate energicamente
      Il piu' delle volte, siccome i negozi hanno
      l'assicurazione, vi rimandano la roba
      "mancante" !Complimenti, questo è un suggerimenento valido !Peccato che sia istigazione a delinquere o meglio truffa!Bravo..
    • LockOne scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      - Scritto da: Anonimo
      Quando vi arriva un pacco, dite a chi ve lo
      ha inviato che lo avete ricevuto incompleto,
      protestate energicamente
      Il piu' delle volte, siccome i negozi hanno
      l'assicurazione, vi rimandano la roba
      "mancante" !direi che questa e' istigazione a delinquere. suggerisco alla redazione di PI una bella segnalazione dell'IP del simpatico arsenio lupin alla polizia postale.eh, lo so, poi c'e' l'indultino..
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      Grazie milleè grazie a gente come te che noi e-commercianti siamo spesso costretti a valutare e soppesare con il bilancino ogni richiesta dei clienti che denunciano la mancanza di prodotti anzichè, come sarebbe giusto, risolvere subito il problema pensando che il cliente sia sempre in buonafedeComplimenti, spero che Punto Informatico segnali il tuo IP alla polizia postaleCiaoGiorgio BrojanigoBow.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      - Scritto da: Anonimo
      Quando vi arriva un pacco, dite a chi ve lo
      ha inviato che lo avete ricevuto incompleto,
      protestate energicamente
      Il piu' delle volte, siccome i negozi hanno
      l'assicurazione, vi rimandano la roba
      "mancante" !COMPLIMENTONI!Fa proprio piacere sapere che ci sono sempre persone in Italia in grado di dare "buoni" consigli. Mi unisco al coro degli altri per questa dimostrazione di "civiltà evoluta". :-(
      • Anonimo scrive:
        Re: Se provate, funziona!
        Ciao a tutti... allora esistono aziende e-commerce molto serie che si raccomandano in ogni spedizione di contestare immediatamente al corriere, il pacco se non imballato bene o danneggiato e rispedirlo indietro. Non ci sono problemi per questo e cmq anche la merce ha garanzia come le altre merci che si comprano in negozio... Io ho un sito in affiliazione dove acquisto e tutto va benissimo e poi vi dico una cosa.. ci guadagno pure... quindi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      ntile redazione e moderatore PImi chiedo come mai abbiate pubblicato questo msg che invita alla truffa.Secondo il vs regolamento e' sufficiente una forma educata per far passare anche contenuti che incitano a delinquere??Sono perplesso.Quando poi qualcuno chiama col suo nome chi invita a truffare (definendolo cialtrone) ecco arrivare inesorabile il moderatore che lo marchia con la X... mah!vittorio
    • Anonimo scrive:
      Re: Se provate, funziona!
      - Scritto da: Anonimo
      Quando vi arriva un pacco, dite a chi ve lo
      ha inviato che lo avete ricevuto incompleto,
      protestate energicamente
      Il piu' delle volte, siccome i negozi hanno
      l'assicurazione, vi rimandano la roba
      "mancante" ! allegando più documentazione possibile, beninteso
Chiudi i commenti