Su Internet si aggiornano i medici

Lo dice il ministro Sirchia


Roma – Il ministro della Salute, Girolamo Sirchia, ha fatto capire che l’infrastruttura Internet è fondamentale per il settore della medicina in Italia: “L’aggiornamento è fondamentale per assicurare la preparazione continua dei medici, tanto che è stata costituita una commissione nazionale per la formazione continua dei medici e degli infermieri”.

Il ministro sembra quindi cogliere almeno in parte le opportunità delle nuove tecnologie: gli aggiornamenti per i medici saranno disponibili su Internet e saranno affiancati da stage in ospedale. Non è chiaro però se saranno utilizzate le caratteristiche di bidirezionalità di Internet per permettere ai medici di confrontarsi su specifici temi e scambiare tra loro le reciproche esperienze, magari all’interno di spazi predisposti dallo stesso ministero della Salute.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non credo proprio...
    Altrimenti i produttori di armi dovrebbero essere co-responsabili di ogni omicio o violenza perpetrato con le stesse.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non credo proprio...
      - Scritto da: Anonimo
      Altrimenti i produttori di armi dovrebbero
      essere co-responsabili di ogni omicio o
      violenza perpetrato con le stesse.Il fatto è che chi ha scritto questo "articolo" dimostra un'abissale ignoranza del concetto civilistico di "diligenza" e, più in generale, della responsabilità civile di chi ha in custodia o in possesso oggetti che possono potenzialmente provocare danni a terzi anche durante il loro normale funzionamento. Esempio: Se una autovettura, lasciata in una autorimessa, procura danni a terzi, "il garagista" è ritenuto presuntivamente responsabile, a meno che non dimostri che l'evento dannoso sia avvenuto per una causa a lui non imputabile. Di certo il pretore non va a cercare il proprietario dell'automobile o, peggio, il costruttore.Escluso il vizio di fabbricazione, che deve essere comprovato (mancata aderenza alle specifiche e/o a norme di sicurezza nella fabbricazione, stabilite da comitati di controllo tecnico/scientifici nazionali ed internazionali), il fabbricante è scevro da qualsiasi responsabilità derivante dall'uso o il misuso dei suoi prodotti. Che si tratti di martelli o prodotti software, poco cambia. E' palese che l'uso "naturale" di un programma di posta sia quello di inviare messaggi di posta, e dunque nessuna eccezione può essere sollevata nei riguardi del costruttore (che peraltro PROPONE un programma sviluppato su analisi propria, dunque un oggetto "standard" e NON su misura) se gli strumenti di automazione previsti dal sistema e la volontà di dolo di terzi (il virus writer, appunto) consentono usi non corretti del programma stesso.
  • Anonimo scrive:
    cara PI vista la grande banalità di ques
    scritto uguale a migliaia di altri e necessario lasciare ad esso tanto spazio, in caso di carezza di notizie una ricerca su security focus utilizzando una volta tanto come parola da ricercare Linux, e avoglia materiale.Si la notizia non attirerà molti collegamenti come un bel buco di MS, ma una volta tanto si può anche sacrificare il guadagno sull'altare della completezza dell'informazione.salve
  • Anonimo scrive:
    e si caro PINNA se uno ti ruba l'auto e
    poi con quella tira sotto un poveraccio, secondo il tuo immondo scritto saresti tu a dover essere incolpato, perche non hai adeguatamente protetto con antifurto la macchina.Oppure come mi accuso un (.... per evitare casini non dico chi) e colpa sua se le sono entrati in casa non ha messo l'allarme o le inferriate stile alcatraz.Se a te questo sembra giusto, allora no c'è più rimedio all'ignoranza
    • Anonimo scrive:
      Re: e si caro PINNA se uno ti ruba l'auto e
      beh in effetti è l'idea che ha preso piede in italia. se ti rubano al macchina devi comunque pagare l'assicurazone fino alla scadenza perchè se il ladro investe un apssante va risarcito (ma non c'è il fondo vittime della strada?) speriamo almeno al rubino in prossimità della scadenza e che non decidano di aumetare il bonus malus. e oggi devi proteggere bene bene la tua casa anche perchè se entrano ti derubano, ti picchiano davanti a mogli e figli e ti legano la colpa è tua, visto che possiedi, oggi avere delle proprietà è un reato, ma i ricchi e ricchissimi stanno tranquilli, i medi e cioè la gente comune invece trema, e guai a difenderti incasa tua che se gli fai amle vieni pure denunciato e poi paghi. prova a dire ad uno che ti sta fregando al bicicletta, davanti a testimoni che è un ladro e vedi se nont i denuncia per diffamazione e non gli paghi i danni, la parola ladro è considerata offensiva, gridagli invece "fermati caro" lascia la bicicletta per favore. Poi ti chiedi il perchè di certe cose, se il crimine non paga nemmeno l'onestà paga
      • PierG scrive:
        Re: e si caro PINNA se uno ti ruba l'auto e
        - Scritto da: Anonimo[CUT]
        e
        guai a difenderti incasa tua che se gli fai
        amle vieni pure denunciato e poi paghi.
        prova a dire ad uno che ti sta fregando al
        bicicletta, davanti a testimoni che è un
        ladro e vedi se nont i denuncia per
        diffamazione e non gli paghi i danni, la
        parola ladro è considerata offensiva,
        gridagli invece "fermati caro" lascia la
        bicicletta per favore. Poi ti chiedi il
        perchè di certe cose, se il crimine non paga
        nemmeno l'onestà pagail privato cittadino può procedere all'arresto ai sensi dell'art 383 C.P.P. non facciamo disinformazione inutile!!saluti.
  • DPY scrive:
    Contorto e poco concreto
    Il pezzo è scritto in modo tale che si fa fatica a leggerlo, e l'ultima parte mi pare un ovvietà: se ci si riferisce ai virus, già vari autori, scoperti, sono stati sanzionati per averli scritti, non c'è bisogno di scomodare le motivazioni usate per 'accusare' i netstrike. Se invece ci si riferisce ad altro, tanti programmi, anche un client di posta normalissimo, consentono l'invio in grande quantità di materiale elettronico non richiesto e infetto , basta che l'utente lo voglia fare. Dove sta il problema?Infine, per quanto anch'io non concordi con il fatto che i Netstrike debbano essere considerati illegali, avrei preferito in merito l'opinione di un giurista, quella di un tecnico può avere un valore a livello tecnico, ma non ci vedo una grande autorevolezza sul campo legale: anch'io, se devo andare a 'ripulire' un sistema infetto o compromesso, la prima cosa che penso è che se l'utente fosse stato meno pirla non gli sarebbe successo nulla, ma questo non è un argomento valido per scaricare la responsabilità da parte di chi ha infettato il sistema (si suppone l'autore del virus) o di chi lo ha violato.
    • Anonimo scrive:
      Beh

      se ci si riferisce ai virus, già
      vari autori, scoperti, sono stati sanzionati
      per averli scritti, non c'è bisogno di
      scomodare le motivazioni usate per
      'accusare' i netstrike. Mi andrei a rileggere cosa e' l'EUCD.....
      Se invece ci si riferisce ad altro, tanti
      programmi, anche un client di posta
      normalissimo, consentono l'invio in
      grande quantità di materiale elettronico non
      richiesto e infetto, basta che l'utente
      lo voglia fare. Dove sta il problema?Ce ne sono alcuni che lo fanno anche se l'utente non vuole...
      Infine, per quanto anch'io non concordi con
      il fatto che i Netstrike debbano essere
      considerati illegali, avrei preferito in
      merito l'opinione di un giurista, Stavolta c'hai quella di un utente...
      questo
      non è un argomento valido per scaricare la
      responsabilità da parte di chi ha infettato
      il sistema (si suppone l'autore del virus) o
      di chi lo ha violato.Tu lo hai detto....
  • Anonimo scrive:
    Ma come ca**o scrive 'sto Pinna?
    [ vedi titolo ]
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come ca**o scrive 'sto Pinna?
      - Scritto da: Anonimo
      [ vedi titolo ]l'ha scritto in un gruppo. interesting anyway
    • JosaFat scrive:
      Re: Ma come ca**o scrive 'sto Pinna?
      E tu? Hai scritto un post con parolacce, asterischi e "'sto" invece di "questo". Un pessimo italiano.Se la discolpa è il tuo è solo un post in un forum, allora hai discolpato anche Pinna.
      • JosaFat scrive:
        Re: Ma come ca**o scrive 'sto Pinna?
        Pardon:Se ti discolpi, dicendo che il tuo è solo un post in un forum, allora hai discolpato anche Pinna.
        • Alessandrox scrive:
          Re: Ma come ca**o scrive 'sto Pinna?
          - Scritto da: JosaFat
          Pardon:

          Se ti discolpi, dicendo che il tuo è solo un
          post in un forum, allora hai discolpato
          anche Pinna.Non volermene ma senza volerlo hai gia' discolpato Pinna.Dimmi te quanti e quante volte tutti noi rileggiamo e correggiamo il post in un gruppo o un forum prima di inviarlo...
Chiudi i commenti