Su WAP un famoso gioco del Commodore 64

Defender of the Crown sarà convertito su telefonino dalla rediviva Cinemaware: le vecchie glorie ritornano


Roma – Defender of the Crown ha segnato il cuore di tutti gli appassionati di videogiochi ai tempi degli 8 bit. Adesso, dal Commodore 64 arriva direttamente sul telefonino. Gli autori sono sempre gli stessi: Cinemaware, sviluppatori cult degli anni ’80.

Difendere la corona dalle orde dei Sassoni, ai tempi di Re Artù, combattere guerre campali con catapulte e fanti, salvare e sposare principesse nei castelli nemici, conquistare territorio su territorio. Il gioco adesso trasmigrerà dai ricordi degli appassionati agli schermi dei cellulari WAP, curato dagli stessi autori del titolo originale: Cinemaware, società che sembrava ormai scomparsa da molti anni, da poco ritornata sul mercato dei videogiochi.

Cinemaware svilupperà presto il seguito del glorioso titolo uscito su Commodore 64: Robin Hood. Defender of the Crown, prodotto da TBA, raggiungerà gli scaffali dei negozi in versione PC e PlayStation 2 entro la fine del 2002.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Beh difetti....
    Beh nei primi piani i difetti della pelle di Aki ci sono (alcune imperfezioni della pelle, striature ed un piccolissimo neo sul collo) Lo strabismo a cui si accenna non e' presente nei primi piani dell'attrice (ops si puo' chiamare cosi'?) ma e' presente in TUTTI i campi medi di tutti i personaggi Ecco il primo difetto!Secondo difetto?LE MANI....in qualunque ripresa di qualunque personaggio si notera' immediatamente un comportamento innaturale delle mani sia rilassate sia in azione(es. verso la meta' del film quando il soldato deve sbloccare l'argano di ancoraggio della nave ed armeggia con i circuiti)Comunque a parte questo il film e' tecnicamente parlando spettacolare e va assolutamente visto come all'epoca anche Jurassic park, entrambi marcatori di un progresso tecnologico nel mondo della celluloide
  • Anonimo scrive:
    fino a che non ne rimarrà neanche uno...
    penso che il film sia graficamente impressionante e se ripenso agli effetti speciali di un film di 10 anni fa mi viene la pelle d'oca, fra 5 anni saranno indistinguibili dal reale.ma il punto non è questo.Kubrik fece nel 68 quel 2001 che ancora oggi puo' essere visto senza trovare gli effetti speciali ridicoli o manifestamente irreali.quello che possiamo fare noi oggi è inutile se dietro non c'è un'idea artistica convincente, se lo strumento digitale è vestito della nuova arte cinematografica allora ben venga, altrimenti finiremo col fare boiate tremende e super spettacolari che ci stupiscano al momento in cui le guardiamo, ma che non ci lascino niente dopo.un'ultima cosa, NESSUN personaggio digitale potrà mai rendere l'espressività di un grande attore
  • Anonimo scrive:
    Il neo ce l'ha...
    ... sul lato sinistro del labbro superiore.
    Allora perché non hanno messo almeno un neo o
    una cicatrice, anche piccola, ad Aki?
  • Anonimo scrive:
    ..come in blade runner
    mi chedevo se quache attore fosse artificiale o reale (ricordate le situazioni del film di Scott?), in particolar modo il Dottore ma anche il (purtroppo) solito MARINE di colore. Il fatto che melo chiedessi (e naturalmente la consolazione di non essere l'unico) segna di perse' un'epoca. Costa meno: diventera' uno standard.
  • Anonimo scrive:
    mmmmhhhhh
    ....la maggior parte dei commenti che ho letto riguardano la realizzazione grafica del film, e questo mi sembra abbastanza ovvio....secondo me Final Fantasy va guardato e basta, per quello che è. Anch'io, come molti l'ho apprezzato all'Arcadia di Melzo e mi sembra di aver speso bene i miei soldi, almeno soggettivamente parlando. Per quanto riguarda la trama, non si può dire che sia così banale come molti dicono...avendo un buon background di cinema orientale, d'animazione e non, mi rendo conto che in occidente ci sia sempre una certa diffidenza e ingnoranza culturale nei confronti di questo tipo di prodotti. Ora non dico che tutto quello che viene dall'oriente sia superlativo, anzi ci sono anche delle gran cazzate, però mi sembra che i giudizi su film americani o di altre nazionalità più vicine a noi non siano così affrettati e definitivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: mmmmhhhhh
      beh, anche io ho un buon background di cinema orientale, e questa trama di Final fantasy è veramente robetta.Tutta la fuffa new age che ci hanno infilato mi pare una massimizzazione all'aqua di rose di quel poco di buono che c'è dietro questa pseudo-filosofia: new age per la casalinga di voghera quindi.per il resto l'azione è divertente, ma il soggetto è abbastanza scontato...
  • Anonimo scrive:
    Forse vi è sfuggito...
    ...ma secondo me il punto di Final Fantasy è un altro (a parte quello di marketing, che ha spinto a chiamare un film di fantascienza come una serie di videogiochi FANTASY, ma lasciamo perdere).Io per questioni di lavoro sono andato a vederlo due volte. La prima sono rimasto con la mascella a terra e dopo 15 minuti mi ero dimenticato che fosse computergrafica. La seconda... anche. Però alla fine della seconda proiezione invece che pensare solo "maro', che figata" mi è venuto spontaneo dire: "e pensa che per fare il sequel ci metteranno la metà del tempo. Potranno riciclare modelli e processi produttivi, e con i nuovi processori ci metteranno ancora meno a renderizzare".E già. Perché se guardiamo la cosa dal punto di vista di una casa di produzione, normalmente funziona cosi:Primo film: costa tanto (come tutti i film) ma te la cavi con attori sconosciuti e risorse non necessariamente di punta.Secondo film: costa molto di più, perché gli attori pretendono cachet superiori, gli effetti devono essere più belli, i set vengono affittati a prezzi più alti...Mentre con una produzione in CG?Primo film: costa tanto (come tutti i film) e devi farti un culo così per convincere la tecnologia a fare quel che vuoi.Secondo film: costa MOLTO meno, perché gli attori sono già pronti e non chiedono una lira, i set pure (in parte) e nel frattempo i computer funzionano meglio.Ciò significa che quando andiamo a vedere Final Fantasy assistiamo ne più ne meno all'equivalente di quelle comiche anni '30 in cui si provava a inventare un nuovo linguaggio, nuove strutture produttive e nuove procedure (trucco, movimenti di camera, sceneggiatura, luci...). Non a caso, le "comiche" erano il banco di prova di tutta un'industria, che sperimentava molte possibilità diverse.Ora che l'esperimento ha funzionato, però, si sono aperte le porte all'inizio del "vero" cinema in CG. State tranquilli che la superiorità nell'espressività del politico negro e dello scienziato rispetto ai fighetti perfettini dei Deep Eyes l'hanno notata anche gli autori, così come tutti noi abbiamo notato che il "cattivo" per quanto figo era davvero un po' troppo plasticoso anche a causa dell'abbigliamento sbagliato (tutto in pelle, anche se lo renderizzi bene sembra di plastica). Vedrete: in Final Fantasy 2 ci saranno molti più nei, rughe e tessuti grezzi - proprio come dagli anni '30 agli anni '40 il trucco sul volto degli attori ha "imparato" a essere più realistico.Quello che importa veramente però è che se oggi dovessimo produrre un film, tutti noi preferiremmo investire tot miliardi in uno studio come la Square, piuttosto che in Aalyah che si schianta in aereo e ci fa saltare la produzione, o il DiCaprio di turno, che rompe i coglioni, viene tardi al lavoro, ingrassa e costa da solo quanto tutti i Phantom (riciclabili all'infinito) di Final Fantasy.Da oggi, non avremmo più paura che il nostro film assomigliasse a un videogioco o al pur bellissimo Toy Story, che è evidentemente finto.E se non è una rivoluzione questa...
    • Anonimo scrive:
      Riciclare
      - Scritto da: Tracian
      "e pensa che per fare il sequel ci
      metteranno la metà del tempo. Potranno
      riciclare modelli e processi produttiviCondivido questa previsione. Gli riuscirà facile ma soprattutto economico costruire dei telefilm con questa tecnica.Il primo episodio costerà moltissimo (ma se è un film potranno ammortizzare), i successivi molto, molto meno.Non escluderei che siano i cartoni animati le prime vittime del digitale. Prima degli attori in carne e ossa.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    umanità dei personaggi: opposto a te
    sul "dopo".Riguardo all'umanità dei personaggi.a mio avviso erano proprio gli uomini a essere difettati... il mascellone era SIMILE ad un essere umano. Ma era tutto rotondetto ... come una bambola gonfiabile... e anche il vecchio non era poi questo granché ... sembrava ... che avesse la pelle finta, come quando gli attori reali hanno una "parrucca da pelato" e si vede l'attacco sulla testa...mentre lei si, era troppo perfetta... ma sinceramente in un film le ragazze sono sempre perfette, e lei non faceva eccezione.E' vero che non si spettinava e questo è male... ma come dici tu... neanche 007 lo faceva... e sui di lui non c'era calcolo di fisica nei capelli...
  • Anonimo scrive:
    Non vi accorgete neppure delle differenze!
    Cacchio, a leggere l'articolo e i vostri commenti mi chiedo se l'abbaite visto o meno!Io il film l'ho guardato, e anche in un cinema serio (Multiplex Arcadia di Melzo con THZ e SDDS)e posso assicuravi che mi ha regalato emozioni.La grafica in alcuni punti era davvero eccezionale, e non si poteva distinguere il vero dal falso! I presonaggi principali non rendevano tanto, ma il dottore... quello per me era in carne ed ossa!Considerate che i tratti di tutti i personaggi non erano occidentali, ma un misto con l'orientale: per cui si potevano notare gli occhi tendente al mandorla nella gran parte dei personaggi personaggi (tranne il nero ed i dottore).Per quanto riguarda la trama, probabilmente non siete abituati ai films che che provengono da altri continenti che non siano l'america!!!Se aveste avuto la cortezza di guardare i titoli di coda, avrete sicuramente notato che non c'era neppure un nome occidentale ma erano tutti giapponesini!!!La trama infatti è più complessa del solito filmaccio americano e anche intrigante.A ma voi cosa ne capite...non vi siete neanche resi conto di guardare un capolavoro che la storia del cinema ricordera per sempre...PS: Non scrivo il mio nome altrimenti divento inaffidabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non vi accorgete neppure delle differenze!
      Esatto !Film di animazione giapponesi ne ho visti molti quindi ritengo che Final Fantasy non sia un capolavoro. Anche perchè la trama, al contrario di quello che dici, è molto "americaneggiante": mancava solo che alla fine il tipo riaprisse gli occhi... (in quegli istanti ho pregato perchè non lo facesse).Non so se siete d'accordo ma la squadra a me ricordava molto quella di Alien II...Il miglior personaggio in effetti è il dottore che davvero si avvicina alla realtà.In complesso un bel "full motion" che apre la strada del nuovo cinema (ma non era meglio fare il lungometraggio di Gundam con quelle tecnologie ???) anche se dalla trama un po' scialba (imparagonabile a veri capolavori come Akira o Ghost in the shell) vale le 12.000 del biglietto
    • Anonimo scrive:
      Re: Non vi accorgete neppure delle differenze!
      - Scritto da: F. [...]

      Per quanto riguarda la trama, probabilmente
      non siete abituati ai films che che
      provengono da altri continenti che non siano
      l'america!!![...]Ciao. Guarda che, IMHO, il problema, al massimo, è stato proprio quello di voler forzatamente rendere "di stampo americano" una storia ideale per il cinema (d'animazione ma non solo) giapponese.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non vi accorgete neppure delle differenze!
      - Scritto da: F.
      Io il film l'ho guardato, e anche in un
      cinema serio (Multiplex Arcadia di Melzo con
      THZ e SDDS)e posso assicuravi che mi ha
      regalato emozioni."con THX" non vuol dir nulla. THX è una certificazione, non è un'attrezzatura o una tecnologia. E se non sbaglio all'Arcadia hanno DD-EX o DTS-ES cmq non era questo il punto...
      La grafica in alcuni punti era davvero
      eccezionale, e non si poteva distinguere il
      vero dal falso! I presonaggi principali non
      rendevano tanto, ma il dottore... quello per
      me era in carne ed ossa!Su questo non so perchè ma mi trovo a dubitarne con chiunque. Vedendo le immagini preliminari (seguo finalfantasy.com da più di un anno e mezzo ormai) ho notato che pur avendo un buon realismo il dottore, con tutte le sue rughe, le macchie ecc, cmq manteneva un chiaro velo di "irrealtà". Un po' come la scena del Brachiosaurus o dei Gallimimus in Jurassic Park che tutti dicevano "ah sembra vero" e invece mi sembravano le immagini più finte e sintetiche di tutto il film (con tutto il mio apprezzamento cmq).
      Considerate che i tratti di tutti i
      personaggi non erano occidentali, ma un
      misto con l'orientale: per cui si potevano
      notare gli occhi tendente al mandorla nella
      gran parte dei personaggi personaggi (tranne
      il nero ed i dottore).Beh anche Grey e soprattutto Neil sono parecchio occidentali..
      Se aveste avuto la cortezza di guardare i
      titoli di coda, avrete sicuramente notato
      che non c'era neppure un nome occidentale ma
      erano tutti giapponesini!!!Sbagliato. Una gran parte del crew, è vero, era nipponico, però i programmatori arrivavano da tutto il mondo, non a caso il film è stato realizzato ad Honolulu (Hawaii, USA) proprio per trovare un luogo "comune" per chiunque. E pure piacevole :-)
      non vi siete neanche resi conto di guardare
      un capolavoro che la storia del cinema
      ricordera per sempre...Beh, capolavoro non saprei. Tecnicamente forse (perchè capostipite, più che altro), ma per l'insieme non saprei...
      PS: Non scrivo il mio nome altrimenti
      divento inaffidabile.In che senso?Saluti
  • Anonimo scrive:
    Final sola
    Sono perfettamente d'accordo con la recensione fatta: visivamente il film è impressionante, nelle scene d'azione (specie quando non si vedono i volti) è indistinguibile dal vero, con il vantaggio tutto sintetico di avere coreografie perfette dei combattimenti.Per la trama si tratta dell'ennesimo film per otaku, per fissati (o segaioli tecnologici): particolari tecnologici sovrabbondanti, psicologie spicciole, tante armi e trama di fondo insulsamente new age (avete presente l'altra sola animata, Evangelion?)Riguardo ad Aki: visto che tanto la costruivano ex-novo: non potevano farla bona?
    • Anonimo scrive:
      Re: Final sola
      - Scritto da: Torpedine
      Riguardo ad Aki: visto che tanto la
      costruivano ex-novo: non potevano farla
      bona? Beh sarebbe stato troppo scontato e forse troppo "Tomb Raider". Cmq considera che molti la considerano molto sexy (beh brutta non lo è infatti), tant'è che il Maxim USA (mi sembra fosse quello) ci ha fatto anche un articolo con "foto" in bikini e altro... Certo se realizzavano Lara Croft con quel dettaglio anche quello era interessante, ma ci "accontentiamo" della Jolie che (come dice il nome) est trés jolie :-D'''''''' (bavina)...Saluti
  • Anonimo scrive:
    BEH????
    DUE PAGINE PER SCRIVERE UN COMMENTO CHE SI RISOLVE IN DUE PAROLE??FINAL FANTASY = UNA CAGATA.
    • Anonimo scrive:
      Re: BEH????
      - Scritto da: pipi'
      DUE PAGINE PER SCRIVERE UN COMMENTO CHE SI
      RISOLVE IN DUE PAROLE??

      FINAL FANTASY = UNA CAGATA.1- non era questo il commento2- se si chiama "commento" ed è un articolo, ovviamente non poteva scrivere 2 parole ma almeno una pagina3- il commento non era affatto riferito solo a final fantasy ma anche a ciò che sta dietroSaluti
  • Anonimo scrive:
    Final Fantasy
    Non mi sembrava una porcheria!!!! Anche il lato narrativo era buono e mi è piaciuto molto di più di altri film visti quest anno.... per il resto ci sarebbe troppo da scrivere!Amen
Chiudi i commenti