Su WindowsXP, FireWire scalza USB 2.0

Microsoft leva un'altra carta dal mazzo: dopo Bluetooth, stavolta tocca all'USB 2.0, altra assenza illustre dall'atteso Windows XP. Al suo posto viene promosso FireWire, un pezzettino di Mac che finisce così sul PC
Microsoft leva un'altra carta dal mazzo: dopo Bluetooth, stavolta tocca all'USB 2.0, altra assenza illustre dall'atteso Windows XP. Al suo posto viene promosso FireWire, un pezzettino di Mac che finisce così sul PC


Redmond (USA) – Il suo grande dominio nel mercato dei sistemi operativi porta Microsoft ad influenzare da vicino anche il mercato dell’hardware, spesso decretando l’affermazione o la morte delle tecnologie emergenti.

Come qualche giorno fa ha fatto notizia la decisione di Microsoft di non supportare Bluetooth in Windows XP , una mossa interpretata quasi come una bocciatura a questa tecnologia wireless (anche se in realtà verrà supportata in Windows CE 4.0 ), oggi fa notizia il fatto che il big di Redmond escluderà dalla prossima generazione di Windows anche il supporto all’USB 2.0.

Alla nuova versione dell’USB , circa quaranta volte più veloce di quella attuale (la 1.1), Microsoft sembra preferire l’IEEE 1394, per gli amici FireWire, un’interfaccia di connessione sviluppata da Apple che trova particolare diffusione nel campo dei dispositivi Audio/Video.

Microsoft non ha spiegato la scelta di ignorare, almeno per il momento, l’USB 2.0, limitandosi a dichiarare che “non c’è un sufficiente insieme di dispositivi di qualità su cui testare le nuove specifiche” e ribadendo poi quel concetto già espresso per Bluetooth: “Microsoft non rilascerà il supporto per uno standard di cui non possa garantire una buona esperienza pratica per l’utente”.

Secondo gli analisti, i ritardi subiti dall’USB 2.0 non hanno fatto che favorire la diffusione di FireWire, una tecnologia già collaudata, in grado di fornire ormai da qualche tempo una banda di 400 Mb/s (dunque non molto distante dai 480 Mb/s dell’USB 2.0) e che, a differenza dell’USB, ha diverse capacità di networking e può essere ad esempio impiegata per interconnettere in modalità peer-to-peer due dispositivi in modo autonomo, senza la necessità di un computer che faccia da intermediario.


FireWire è già uno standard per la connessione ai computer di videocamere digitali, scanner ed altre appliance che richiedono larga banda, e rappresenta un’ottima alternativa per la connessione di hard disk ed altre memorie di massa esterne. L’interfaccia FireWire è già offerta su tutti i computer di Apple e Sony e su molti modelli di PC prodotti da Compaq, Dell e Gateway.

Windows XP, che integrerà da subito i driver per pilotare le interfacce IEEE 1394, riconoscerà le schede FireWire come vere e proprie schede di rete. La tecnologia di Apple sembra dunque destinata ad offrire per prima, ai PC, un bus veloce verso l’esterno.

Lo standard IEEE 1394 potrà avvantaggiarsi non poco del supporto ufficiale di Microsoft in Windows XP, ma di certo l’USB 2.0 non morirà. A questo proposito è interessante rileggere un vecchio intervento di Carl Stork, ingegnere Microsoft, presso il WinHEC dello scorso anno: “Continuiamo a vedere 1394 come un’importante tecnologia complementare all’USB. Pensiamo che sia l’USB 2.0 sia 1394 stanno trovando il loro spazio. Ci aspettiamo di vedere che le combinazioni fra USB 2.0 e 1394 diverranno prevalenti, e dunque provvederemo a fornire pieno supporto, nei nostri sistemi operativi, ad entrambe le tecnologie”.

Ad un anno esatto di distanza da queste dichiarazioni, pare che le ipotesi di Stork siano ancora pienamente valide, e nonostante USB 2.0 intanto incassi un secco “1 a 0” da FireWire, gli analisti sembrano convinti che verrà anche il tempo del pareggio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 04 2001
Link copiato negli appunti