Sua Maestà la trasparenza

Lanciato il sito del Governo del Regno Unito patrocinato da Sir Berners-Lee: formati standard e trasparenza delle informazioni le parole d'ordine

Roma – Il governo britannico ha inaugurato il sito Data.gov.uk , con l’intenzione esplicita di rilasciare gratuitamente i dati non-personali riguardanti il settore pubblico affinché vengano riutilizzati da privati o anche commercialmente.

L’obiettivo è quello di incentivare la creazione di
dati aggregati e individuare eventuali tendenze
: l’annuncio del sito è stato accompagnato dall’ invito a sviluppatori terzi di creare applicazioni con valore pubblico.

Sir Tim Berners-Lee era stato chiamato a patrocinare e guidare l’iniziativa dal Primo Ministro Gordon Brown, i cui suggerimenti sono stati importanti per la realizzazione del progetto. Supporter dell’iniziativa sono stati anche il professore Nigel Shadbolt e il Ministro per la digitalizzazione Stephen Timms.

Altri paesi anglosassoni si stanno adottando le medesime iniziative per garantire la trasparenza nel settore pubblico (online gli omologhi statunitense , australiano e neozelandese , ma anche un datastore del comune di Londra). La versione britannica risulta ancora in fase di sviluppo, ma non dovrebbe sorprendere vista la mole di dati superiore anche a quella gestita dal sito statunitense, che ha subito critiche per lo scarso numero di dati rilevanti messi a disposizione, e la totale assenza delle cifre militari. I dati raccolti nel Regno Unito, invece, sono i più vari: dal numero di veicoli abbandonati, all’indice di mortalità dovuta all’alcol, passando per i suicidi nell’ esercito di sua Maestà.

Per 6 mesi il servizio è già stato in fase di beta testing e ha visto coinvolti oltre 2.400 sviluppatori che hanno creato 10 applicazioni, come FillThatHole che permette di notificare eventuali dissesti nel manto stradale (con tanto di geotag).

I dati, soprattutto per l’interessamento di Berners-Lee, sono organizzati in vista degli standard del web semantico. Uno degli obiettivi che si attendono per il futuro del sito è quello di fornire tali informazioni pubbliche in formati standardizzati in grado di rendere in ogni caso effettiva la trasparenza.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • GodBlessAme rica scrive:
    NON CI AVRETE MAI!
    come da titolo. Boia chi molla!!!
    • Claudio Asterix scrive:
      Re: NON CI AVRETE MAI!
      Se devi rischiare, rischia per qualcosa per la quale ne valga la pena, non da sfigato che vuole giocare con la play con i masterizzati.
      • krane scrive:
        Re: NON CI AVRETE MAI!
        - Scritto da: Claudio Asterix
        Se devi rischiare, rischia per qualcosa per la
        quale ne valga la pena, non da sfigato che vuole
        giocare con la play con i masterizzati.Infatti : non rischiare, passa al p2p criptato.http://gnunet.org/
  • Valeren scrive:
    Sono allibito
    Hanno la faccia come il deretano."Si, certo, abbiamo minacciato e poi disconnesso clienti paganti facendoci i fatti loro. Privacy?"Lo dichiarano in modo limpido e cristallino. Può significare solo due cose:1) sono ancora più idioti e sfacciati di quanto immaginavo;2) sono pronti, o già lo stanno facendo, ad ungere qualsiasi ruota si presenti sulla loro strada.Ed una non esclude l'altra.
Chiudi i commenti