Sugli smartphone ci guadagna quasi solo Apple

Le percentuali di profitto danno ragione all'approccio di Cupertino. Seguono, molto distaccati, i marchi cinesi con Huawei in testa. Samsung scende dal podio

Roma – È di Apple il record di profitti dell’industria degli smartphone a livello globale. L’ultimo trimestre del 2016 lo chiuderà, secondo gli analisti , con 9,4 miliardi di dollari di utili, una cifra record che rappresenta il 91 per cento di quanto totalizzato dall’intero mercato. La capacità di Apple di massimizzare i profitti e minimizzare i costi di produzione è impressionante. Il suo prodotto di punta, l’iPhone (da poco in vendita su negozi monomarca anche nella complicata India ) non ha mai smesso di portar soddisfazioni e denaro nelle casse dell’azienda, immune da qualsiasi tipo di contrazione.

Apple profitti

La seconda, terza e quarta posizione per le aziende dedite alla vendita di smartphone sono occupate da Huawei, Vivo e OPPO . Secondo gli analisti di Strategy Analytics (che periodicamente effettua questo tipo di proiezioni) Huawei dovrebbe generare un profitto di 0,2 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre dell’anno (una percentuale del 2 per cento dell’intero comparto) guadagnando per la prima volta il podio come primo venditore di dispositivi Android. I suoi punti di forza? Una catena di approvvigionamento efficiente, prodotti eleganti e un marketing efficace. Gli altri due brand, noti in Asia, hanno dalla loro parte la leva del prezzo.

Ad inizio del mese Tim Long, noto analista della BMO Capital Markets, ha confermato che Apple è riuscita a mettere al sicuro buona parte dei profitti durante il trimestre. Altre aziende hanno dovuto fare i conti con un brusco calo e risultati negativi inattesi. Il riferimento a Samsung è ancora una volta chiaro: “Samsung ha avuto un terzo trimestre debole, per colpa del richiamo dei Galaxy Note 7. Dopo aver registrato il più alto margine operativo dagli inizi del 2014, la redditività dell’azienda è tornata ad un livello di pareggio a settembre. La quota di mercato di Samsung è scivolata al 22 per cento nel trimestre. Le stime prevedono che il livello scenda ulteriormente, attestandosi al dato risalente alla metà del 2011”.

Ciò che emerge è che il podio delle aziende più redditizie è occupato da brand cinesi che in breve tempo hanno saputo imporsi su un mercato in forte evoluzione. È evidente che hanno beneficiato di qualche ostacolo sul percorso dei concorrenti, come la perdita di fiducia ai danni di Samsung. Ma non è tutto. La capacità di questa aziende di innovare e riuscire a farlo proponendo dispositivi di qualità con prezzi aggressivi ha fatto il resto.

Altro trend di mercato interessante è rappresentato dalla crescita del mercato dei telefoni usati o ricondizionati . International Data Corporation ( IDC ), stima che si passerà da 81,3 milioni di dispositivi nel 2015 a 222,6 milioni nel 2020 (con una crescita annua per questo settore del 22,3 per cento), per un giro d’affari da 30 miliardi di dollari. Questo mercato è strettamente sostenuto dalla politica di ricambio garantito esercitata dagli operatori telefonici su buona parte dei contratti. I telefoni rientrati in questo modo finiscono per alimentare il mercato parallelo dell’usato e ricondizionato.

Mirko Zago

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti