Sui fogli di carta Xerox si stampa 50 volte

La celeberrima società annuncia una nuova soluzione tecnologica che permette di riutilizzare la carta, dopo la stampa, per almeno altre 50 volte. I dettagli

Roma – La statunitense Xerox ha messo a punto una nuova tecnologia che permette di riciclare la carta da stampa. Il supporto cartaceo, in pratica, viene trasformato da “medium” di archiviazione a puro e semplice strumento per la visualizzazione grafico/testuale. Grazie ad uno studio durato circa tre anni, i laboratori Xerox hanno sviluppato un tipo di carta patinata, di colore giallo, che grazie ad un inchiostro speciale permette il riutilizzo dopo la stampa.

In pratica, dopo aver stampato testi o grafici o disegni sulla carta speciale, questi scompaiono in poco meno di 16 ore. A quel punto la carta può essere riutilizzata per altre sessioni di stampa fino ad un massimo di 50 volte. Per riutilizzare immediatamente la carta non bisogna aspettare la scadenza dell’inchiostro: è sufficiente re-inserirla nel dispositivo stampante compatibile.

“Le persone amano la carta; piace il suo contatto insomma”, ha dichiarato Eric J. Shrader, responsabile del progetto presso i notissimi laboratori PARC di Xerox. L’obiettivo, quindi, è quello di non tradire questa sensazione, pur sposando la causa del riciclo e del rispetto per l’ambiente. Il prototipo di “documento transiente”, per ora, permette solo la bassa risoluzione, ma gli studi stanno proseguendo. Non solo il team Xerox vuole incrementare la qualità del contrasto cromatico, ma anche migliorare i processi funzionali. Il perfezionamento, a quanto pare, è il vero segreto per il successo. Ricoh negli anni ’90 lanciò sul mercato un sistema analogo che permetteva la ri-stampa per 10 volte; piccoli difetti, poco pubblicizzati e non divulgati, ne hanno interrotto la commercializzazione.

“In verità Xerox non ha ancora deciso sulla commercializzazione di questo prodotto. Per ora l’obiettivo è quello di far costare la carta speciale il doppio, o al massimo il triplo, di quella comune. In modo che l’intero sistema, alla fine, sia economicamente più vantaggioso di quello tradizionale”, ha dichiarato Shader.

Xerox ha confermato che si tratta di una tecnologia proprietaria che sfrutta una serie di brevetti recentemente registrati. Nello specifico, la soluzione si affida a vari tipi di composti chimici che, in relazione all’assorbimento della luce, cambiano il loro stato. Alcuni osservatori, pur apprezzandone l’idea, sono convinti che la nuova frontiera sia rappresentata dal foglio elettronico più che dalle tecniche di riciclo cartaceo. Ma Xerox, in verità, sta lavorando anche a questo: i suoi labs stanno completando lo sviluppo di Gyricon , una sorta di “electronic reusable paper”. Si tratta di un sottilissimo foglio di plastica trasparente che include particelle di “inchiostro” bi-cromatiche, con un verso chiaro ed uno scuro. Al passaggio di un certo voltaggio si dispongono sul foglio e, in relazione anche alla rotazione, permettono la visione di immagini e testi.

“In realtà non siamo riusciti ancora ad ottenere riscontri soddisfacenti. È come tentare di piazzare il Super 8 prima dell’avvento delle camere digitali”, ha sottolineato Paul Saffo, consulente di Xerox. “Sarebbe stata vincente 10 anni fa, ma adesso forse è tardi”.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ci sono cose al MIT....
    ci sono cose al MIT che noi umani non possiamo neppure comprendere...farsi un giro sul sito per credere!http://web.mit.edu/
    • Anonimo scrive:
      Re: ci sono cose al MIT....
      - Scritto da:
      ci sono cose al MIT che noi umani non possiamo
      neppure
      comprendere...

      farsi un giro sul sito per credere!

      http://web.mit.edu/il fotomontaggio più orrendo che abbia mai visto (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: ci sono cose al MIT....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ci sono cose al MIT che noi umani non possiamo

        neppure

        comprendere...



        farsi un giro sul sito per credere!



        http://web.mit.edu/

        il fotomontaggio più orrendo che abbia mai visto
        (rotfl)ripassa domani.si, domani sarà cambiato (cambia ogni giorno)
  • MandarX scrive:
    ...
    Un'altra interessante caratteristica dell'automa è la possibilità di: montare un rilevatore di comportamenti anomali?montare un'arma?montare una bomba?trasportare uno sciame di robo insetti-spia/assassinivove vogliamo arrivare?
  • Anonimo scrive:
    il giorno in cui li useremo...
    spero che questi apparecchi un giorno possano essere utilizzati per la ricerca e l'intercettazione di comunicazioni/avvenimenti nei confronti di una piaga sociale come quella della Mafia.In fondo e' anche questa una guerra....
    • MandarX scrive:
      Re: il giorno in cui li useremo...
      - Scritto da:
      spero che questi apparecchi un giorno possano
      essere utilizzati per la ricerca e
      l'intercettazione di comunicazioni/avvenimenti
      nei confronti di una piaga sociale come quella
      della
      Mafia.no quella fa fare soldi a tutti.li useranno per intercettare chi non paga la siae
    • Anonimo scrive:
      Re: il giorno in cui li useremo...
      - Scritto da:
      spero che questi apparecchi un giorno possano
      essere utilizzati per la ricerca e
      l'intercettazione di comunicazioni/avvenimenti
      nei confronti di una piaga sociale come quella
      della
      Mafia.
      In fondo e' anche questa una guerra....Più probabile che la MAFIA li usi per controllare la gente perbene .....qualche anno fa beccarono una postazione di "ascolto" che controllava una caserma della Guardia di FinanzaQuesto è un paese strano dove i magistrati saltano in aria in mezzo all'autostrada come a in Iraq ....e i pregiudicati MAFIOSI siedono in parlamento !!! :| :| :|
      • pierob scrive:
        Re: il giorno in cui li useremo...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        spero che questi apparecchi un giorno possano

        essere utilizzati per la ricerca e

        l'intercettazione di comunicazioni/avvenimenti

        nei confronti di una piaga sociale come quella

        della

        Mafia.

        In fondo e' anche questa una guerra....

        Più probabile che la MAFIA li usi per controllare
        la gente perbene
        .....


        qualche anno fa beccarono una postazione di
        "ascolto" che controllava una caserma della
        Guardia di
        Finanza

        Questo è un paese strano dove i magistrati
        saltano in aria in mezzo all'autostrada come a in
        Iraq
        ....
        e i pregiudicati MAFIOSI siedono in parlamento !!!


        :| :| :|
        fa sempre piacere incontrare qualche ingenuo di buona volontà. Credimi non è detto per prenderti per i fondelli ma con simpatia.Ciao Piero.Forse ha più ragione l'altro interlocutore.
  • Anonimo scrive:
    Vieni all'UniEuro...
    ...ci sono droni che volano, cucine a gas che spuntano dal nulla!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vieni all'UniEuro...
      - Scritto da:
      ...ci sono droni che volano, cucine a gas che
      spuntano dal
      nulla!Gianniiiiiii sei troppo ottimista.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vieni all'UniEuro...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ...ci sono droni che volano, cucine a gas che

        spuntano dal

        nulla!

        Gianniiiiiii sei troppo ottimista. :o
  • Anonimo scrive:
    Preferisco i calabroni assassini!
    Il Mossad ha più stile, non c'è che dire.
  • Anonimo scrive:
    Viva la città cyberpunk con i droni
    E finalmente ci si arriva!!Ultrafico!Peccato che su internet certi deficenti chiamano cose utilizzatissime con nomi di merda tipo "Ubuntu".
Chiudi i commenti