Sun apre il suo application server

Sun apre il suo application server

Dopo il rilascio del codice di Solaris, la società si prepara ora a pubblicare i sorgenti di alcune importanti applicazioni Java
Dopo il rilascio del codice di Solaris, la società si prepara ora a pubblicare i sorgenti di alcune importanti applicazioni Java


San Francisco (USA) – La stessa parolina magica – open source – con cui Sun spera di riaccendere l’interesse degli sviluppatori verso il proprio sistema operativo Solaris, il colosso l’ha ora cucita addosso ad altri suoi due software: Java System Application Server Platform Edition 9.0 (ASPE) e Java System Enterprise Server Bus (Java ESB).

L’annuncio, dato ieri presso la JavaOne Developer Conference di San Francisco, ha l’obiettivo di favorire la diffusione di Java e di spingere le vendite dei servizi collegati ai due software.

Java System ASPE è un application server scaricabile gratuitamente che permette di far girare applicazioni Java e web service. Il prodotto ha numerosi rivali, sia commerciali che open source, ma è importante soprattutto come implementazione di riferimento per la piattaforma Java: Sun lo utilizza infatti come benchmark per valutare la compatibilità dei programmi scritti per Java Enterprise. L’imminente versione 9.0 si basa sulla Java Platform, Enterprise Edition 5 e promette di semplificare lo sviluppo di applicazioni e migliorare il supporto ai web service e alla Service Oriented Architecture (SOA).

“Rendendo Java System ASPE 9.0 open source vogliamo incoraggiare gli sviluppatori Java a partecipare al processo di revisione e sviluppo dell’application server così da accelerare la creazione di un’implementazione della Java Platform, Enterprise Edition 5 conforme alla specifica standard”, ha affermato Sun.

L’home page del progetto, chiamato GlassFish, si trova qui .

Java ESB è invece un software basato sulla specifica Java Business Integration progettato per ridurre i costi d’integrazione delle applicazioni aziendali. La mossa di Sun sembra quasi una risposta al recente annuncio , da parte di Iona, dello sviluppo di un ESB Java open source basato sull’architettura del proprio software commerciale Artix.

Entrambi i software di Sun saranno accompagnati dalla licenza open source CDDL, la stessa utilizzata per OpenSolaris .

Sun ha anche detto di voler donare alla comunità open source 135.000 linee di codice alla base della propria piattaforma di collaborazione, e in particolare degli applicativi Java System Instant Messaging e Java Studio Enterprise.

“Il progetto è stato pensato per incrementare la produttività consentendo agli sviluppatori Java di lavorare insieme in modo dinamico anche quando non si trovano nello stesso luogo fisico”, ha spiegato Sun.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 06 2005
Link copiato negli appunti