Sun rinuncia al Linux fatto in casa

Spinta dai propri clienti, Sun ha deciso di abbandonare lo sviluppo di un proprio sistema operativo basato su Linux optando, come i suoi diretti rivali, per le distribuzioni già sul mercato. Red Hat e SuSE i due candidati più probabili


San Francisco (USA) – Sun ha abbandonato l’idea di rilasciare una propria versione di Linux. L’azienda rinuncia così a navigare contro corrente e, allineandosi alle politiche commerciali dei suoi più diretti rivali – IBM, HP e Dell -, decide di affidarsi alle distribuzioni già da tempo sul mercato, come quelle di Red Hat, SuSE, MandrakeSoft e Debian.

John Loiacono, vice presidente di Sun per i sistemi operativi, ammette che l’idea di creare un ennesimo sistema operativo basato su Linux non ha ottenuto grande favore presso i propri clienti, che a quanto pare ritengono già più che sufficiente il numero di distribuzioni in circolazione.

Il “Linux di Sun” fino ad oggi è stato utilizzato solo sulla linea di server di fascia bassa LX50, la stessa su cui gira Solaris 9 x86 . Ora Sun, che si è già detta in trattative con diversi distributori di Linux, ha espresso l’intenzione di ampliare la sua base di server su cui girerà il Pinguino: questa decisione accompagna il varo, da parte del colosso dei server, di una strategia più aggressiva nella conquista del mercato dei sistemi Intel-based.

Sun ha anche fatto sapere che porterà su Linux la sua collezione di software nota con il nome in codice di Orion: questa comprenderà un insieme di strumenti e tecnologie dedicato a semplificare l’installazione, la gestione e la manutenzione di un server.

Per il momento Sun non ha fornito altri dettagli su come i sistemi basati su Linux verranno integrati nella propria linea di server basati su Intel. Quello che è certo è che per Sun il sistema operativo Linux rappresenta ancora un’alternativa per la fascia bassa dei server: nei sistemi hi-end la piattaforma di riferimento rimane quella Solaris/SPARC.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma che state a di'...
    ...leenooz e tutto l'open sorcio e' sicuuuuro!Non e' vero che abbiamo i bug, sono quelli della microsoft che c eli mettono... Openari: fate ride.Micky
    • Chernobyl scrive:
      Un'altro premio da consegnare
      - Scritto da: Anonimo
      ...leenooz e tutto l'open sorcio e'
      sicuuuuro!
      Non e' vero che abbiamo i bug, sono quelli
      della microsoft che c eli mettono...

      Openari: fate ride.

      Micky Billy non ti ha ancora dato il premio "Miglior Leccapiedi" oppure "Peggior attore" ?
  • Anonimo scrive:
    sfatiamo un mito
    c'e' qualcuno che continua a scrivere che sendmail ha 30 anniniente di pu' falsosendmail deriva da un progetto iniziato all'incirca agli inizi degli anni '80credo il 79 se non sbaglioed e' un evoluzione di quel software che usava NCP mentre sendmail usa TCP,quindi non e' il primo MTA della storia,non ha 30 anni, al massimo poco piu' di 2010 anni in informatica fanno una bella differenzaanche perche' 30 anni fa la posta elettronica non esisteva e neanche le reti di elaboratori erano cosi' diffuse, visto che arpanet nasce negli anni fra il 69 e il 72 tanto per essere precisi
    • Flavioweb scrive:
      Re: sfatiamo un mito
      Sendmail è un'evoluzione di Delivermail scritto da Eric Allman ed inserito (Delivermail) nella versione BSD 4.1 di Unix uscita nel 1981.Sendmail nasce dalla necessità di utilizzare "qualcosa" come Delivermail su reti eterogenee.Sendmail vede la luce fra il 1982 e il 1983.
      • Anonimo scrive:
        Re: sfatiamo un mito

        Sendmail è un'evoluzione di Delivermail
        scritto da Eric Allman ed inserito
        (Delivermail) nella versione BSD 4.1 di Unix
        uscita nel 1981.
        Sendmail nasce dalla necessità di utilizzare
        "qualcosa" come Delivermail su reti
        eterogenee.
        Sendmail vede la luce fra il 1982 e il 1983.C.V.D.
  • Anonimo scrive:
    ma come la comunita open nasconde i buch
    i
    • Skaven scrive:
      Re: ma come la comunita open nasconde i
      - Scritto da: Anonimo
      il bello dell'open e che predica bene ma
      razzola male, ah.. invece M$ è coerentissima eh?vai nella sezione "trova" di PI e come parole chiave inserisci "ballmer" e "linux". Poi fatti 4 risate!
      • Anonimo scrive:
        Re: ma come la comunita open nasconde i

        ah.. invece M$ è coerentissima eh?

        vai nella sezione "trova" di PI e come
        parole chiave inserisci "ballmer" e "linux".
        Poi fatti 4 risate!Cambiare idea e ammettere di aver sbagliato è simbolo di intelligenza...Siete solo voi sostenitori dell'open che continuate a negare l'evidenza.....Open Sicuro...Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: ma come la comunita open nasconde i

      il bello dell'open e che predica bene ma
      razzola male, ha poi la storiella della
      disponibilita dei sorgenti, come mai il buco
      non è stato trovato prima, e strano avete
      tutto sorgenti how to ma i buchi imperano
      sofrani, allora tutte le cose che gli
      openari ci somministrano a sto punto sono
      solo enormi strunz......Premessa:Nessun software è esente da bachi. Divagazione:La mia affermazione parte dal seguente assioma: "Ogni programma contiene almeno un bug. Ogni programma può essere scritto con una instruzione in meno. All'estremo avremo un programma composto da una sola istruzione... sbagliata!"Approfondimento:Il bello dell'open è che se conosci il linguaggio usato per realizzare un software puoi metterci le mani prima che il produttore ti fornisca la pezza; oppure puoi capire i contesti di vulnerabilità ed arginarli esternamente.Saluti, kino
    • Anonimo scrive:
      Re: ma come la comunita open nasconde i
      - Scritto da: Anonimo
      il bello dell'open e che predica bene ma
      razzola male, ha poi la storiella della
      disponibilita dei sorgenti, come mai il buco
      non è stato trovato prima, e strano avete
      tutto sorgenti how to ma i buchi imperano
      sofrani,"Sofrani" ? Be, almeno i buchi vengono corretti, ache a distanza di decenni. Non come la M$ che se ne frega degli utilizzatori di NT4.
      allora tutte le cose che gli
      openari ci somministrano a sto punto sono
      solo enormi strunz......Pensa quello che ci propina il tuo padrone Gill Bates :-) !
      • Anonimo scrive:
        Re: ma come la comunita open nasconde i

        Pensa quello che ci propina il tuo padrone
        Gill Bates :-) !ahahahhaahah ci propina quindi anche a te, la cosa che mi fa più inca**** in un informatico e la poca coerenza, usi Ms e la critichi, fai solo pena
    • Anonymous scrive:
      Re: ma come la comunita open nasconde i
      - Scritto da: Anonimo
      ma non era prerogativa solo della MS questo
      modo di operare, se la mail non fosse stata
      postata per quanto tempo il tutto sarebbe
      stato nascosto .Perche' parli di cose che non conosci?Non hai minimamente idea di come vengono affrontati questi problemi.
      il bello dell'open e che predica bene ma
      razzola male, ha poi la storiella della
      disponibilita dei sorgenti, come mai il buco
      non è stato trovato prima, e strano avete
      tutto sorgenti how to ma i buchi imperano
      sofrani, allora tutte le cose che gli
      openari ci somministrano a sto punto sono
      solo enormi strunz......Ora ne ho la conferma: sei veramente ricoglionito.Anonymous
      • nop scrive:
        Re: ma come la comunita open nasconde i


        Ora ne ho la conferma: sei veramente
        ricoglionito.

        AnonymousMi piaciono questi post ... parli dall'alto verso in basso con l'idea di profetizzare ma in realtà non dici nulla...Il vuoto del tuo post mi fa pensare che non sai cosa dire per difendere l'ennesimo attacco (giustificato) alla filosofia OS ... state perdendo le vostre ferree convinzioni?
        • Anonymous scrive:
          Re: ma come la comunita open nasconde i
          - Scritto da: nop
          Mi piaciono questi post ... parli dall'alto
          verso in basso con l'idea di profetizzare ma
          in realtà non dici nulla...Probabilmente ho esagerato, ma leggere sempre le stesse cose dopo un po' e' frustrante, soprattutto considerando che chi ha iniziato il thread voleva solo provocare un flame.
          Il vuoto del tuo post mi fa pensare che non
          sai cosa dire per difendere l'ennesimo
          attacco (giustificato) alla filosofia OS ... Ok, rispondiamo ancora una volta.In sistesi:1. si scopre il bug2. si contatta in maniera privata la sotware house e le si segnala il problema3. si prendono gli accordi del caso:di solito si aspetta la patch oppure si fissa una scadenza (tipo 1 mese e poi mando i dettagli della vulnerabilita' su bugtraq)4. si rende noto il bug, si pubblica e volendo si allega un esempio di exploit preconfezionato.In questo caso la notizia e uscita prima (magari per merito di qualcuno in cerca di notorieta') costringendo il team di sendmail ad accelerare i tempi di rilascio della patch.La security by oscurity, quella che ha tirato in ballo l'anonimo di inizio thread, in particolar modo quella della microsoft, e' uguale fino al punto 3, con la differenza che le vulnerabilita' non devono essere rese note a nessuno e nessuno DEVE SAPERE che il problema esiste.Parole di microsoft (lette tempo fa prorpio su PI), gli amministratori devono solo applicare patch senza curarsi di cosa risolvono.
          state perdendo le vostre ferree convinzioni?No, solo la pazienza con certa gente.Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: ma come la comunita open nasconde i

            3. si prendono gli accordi del caso:di
            solito si aspetta la patch oppure si fissa
            una scadenza (tipo 1 mese e poi mando i
            dettagli della vulnerabilita' su bugtraq)
            4. si rende noto il bug, si pubblica e
            volendo si allega un esempio di exploit
            preconfezionato.bellonel frattempo, siccome non tutti sono dei robin hood, il bug e' noto a qualcuno ma non a tutti gli amministratori che potrebbero, in attesa della patch, trovare un workaroundla FULL disclosure o e' FULL o e' solo una cazzata..io voglio sapere SEMPRE quale e' il problema appena qualcuno con buone intenzioni lo scopree' vero che cosi' lo sapra anche il maleintenzionato, ma io potro' prendere delle contromisuretanto il maleintenzionato potrebbe arrivarci lo stessola HALF disclosure e' quasi peggio della security by obscuritye' solo un modo per dire "vedete quanto siamo stati veloci a rilasciare la patch"e basta
          • Anonymous scrive:
            Re: ma come la comunita open nasconde i
            perche' io osa ho scritto?Mi fai un esempio di full disclosure allora?Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: ma come la comunita open nasconde i

            perche' io osa ho scritto?
            Mi fai un esempio di full disclosure allora?tipo scopro la vulnerabilita' e la prima cosa che faccio e' mandarla a bugtraq, magari con accluso un workaround (fosse anche spegnete i server)un mese tra avviso e disclosure mi sembra veramente troppoal massimo darei 48 ore di tempo agli sviluppaori per suggerire una pezza temporanea in attesa della patch definitivagli amministrator, a mio avviso, e' meglio che sappiano di avere un sistema buggato, piuttosto che credere di essere al sicuro quando c'e' qualcuno in giro che il bug lo conosce benissimo...
          • Anonymous scrive:
            Re: ma come la comunita open nasconde i
            - Scritto da: Anonimo

            tipo scopro la vulnerabilita' e la prima
            cosa che faccio e' mandarla a bugtraq,
            magari con accluso un workaround (fosse
            anche spegnete i server)Se non avvisi la software house, puoi andare incontro a problemi di natura legale.In piu' cosi' facendo faresti moltissimi danni perche' l'exploit comparirebbe nel momento esatto in cui viene scoperto il bug, cogliendo impreparato chi porduce il software
            un mese tra avviso e disclosure mi sembra
            veramente troppo
            al massimo darei 48 ore di tempo agli
            sviluppaori per suggerire una pezza
            temporanea in attesa della patch definitivaSi, ho detto un mese nel senso di "un tot di tempo"...E dipende sempre dalla gravita' (leggi che software colpisci") del bug e dal buon senso dell'hacker
            gli amministrator, a mio avviso, e' meglio
            che sappiano di avere un sistema buggato,
            piuttosto che credere di essere al sicuro
            quando c'e' qualcuno in giro che il bug lo
            conosce benissimo...non ci piove.Anonymous
  • Anonimo scrive:
    W l' sw open l'unico che permette di
    distribuire i buchi su ogni architettura basta compilare.
  • Anonimo scrive:
    che dire w MS exchange server
    a forza di paccare send mail (due anni fa per un buco la nostra macchina era diventata uno zombi in mano agli hackers), e visto che gli altri mail server se vuoi assistenza devi pagarli cari, abbiamo pialato la macchina linuz ci abbiamo messo su win2000 server ed exchange server, e son due anni che non abbiamo più problemi, inoltre con programmi appositi riusciamo a gestire la reperibilità, distribuire documenti pubblici ecc...
    • Anonymous scrive:
      Re: che dire w MS exchange server
      ti rispondo anche se e' evidente che vuoi solo provocare un flame (ti diverti con poco eh?)Paragonare exange a sendmail e' una cazzata.Se e' vero che sei passato da sendmail a exange capirai da solo la differenza che c'e' tra i due.Anonymous
      • Anonimo scrive:
        Re: che dire w MS exchange server
        - Scritto da: Anonymous
        ti rispondo anche se e' evidente che vuoi
        solo provocare un flame (ti diverti con poco
        eh?)

        Paragonare exange a sendmail e' una cazzata.
        Se e' vero che sei passato da sendmail a
        exange capirai da solo la differenza che
        c'e' tra i due.

        Anonymousin potenza sicuramente, exchange sta a send mail come un enorme e potente mainfraim sta al vic20.by
        • KerNivore scrive:
          Re: che dire w MS exchange server
          - Scritto da: Anonimo
          in potenza sicuramente, exchange sta a send
          mail come un enorme e potente mainfraim sta
          al vic20.si, se consideriamo il peso, l'ingombro e lo spreco di energia il paragone puo' reggere.
    • Anonimo scrive:
      Re: che dire w MS exchange server
      - Scritto da: Anonimo
      a forza di paccare send mail (due anni fa
      per un buco la nostra macchina era diventata
      uno zombi in mano agli hackers), e visto che
      gli altri mail server se vuoi assistenza
      devi pagarli cari, abbiamo pialato la
      macchina linuz ci abbiamo messo su win2000
      server ed exchange server,Noi invece abbiamo piallato Windows2K e a suo posto usiamo la Nutella. Il prossimo paso sara' sostituire l'automobile con le nuvole.Dai, trollone, cosa hanno in comune Exchange e Sendmail ? SMTP e basta ...
    • Anonimo scrive:
      Re: che dire w MS exchange server
      Eccone un altro pronto per il "premio narrativa fantascienza".- Scritto da: Anonimo
      a forza di paccare send mail (due anni fa
      per un buco la nostra macchina era diventata
      uno zombi in mano agli hackers), e visto che
      gli altri mail server se vuoi assistenza
      devi pagarli cari, abbiamo pialato la
      macchina linuz ci abbiamo messo su win2000
      server ed exchange server, e son due anni
      che non abbiamo più problemi, inoltre con
      programmi appositi riusciamo a gestire la
      reperibilità, distribuire documenti pubblici
      ecc...
  • Parliamone scrive:
    Aiutatemi a capire
    Come mai Sendmail, nonostante sia obsoleto e insicuro, gira ancora su noltissimi server mail?Che ha, effettivamente, in piu', rispetto a Postfix e Qmail? O forse e' solo questione di inerzia mentale degli amministratori di sistema?Grazie a chiunque rispondera'P.S.: no flames, thanks
    • Anonymous scrive:
      Re: Aiutatemi a capire
      - Scritto da: Parliamone
      Come mai Sendmail, nonostante sia obsoleto e
      insicuro, gira ancora su noltissimi server
      mail?
      Che ha, effettivamente, in piu', rispetto a
      Postfix e Qmail? O forse e' solo questione
      di inerzia mentale degli amministratori di
      sistema?
      Grazie a chiunque rispondera'
      P.S.: no flames, thanksPerche' i sistemi piu' importanti sono tutti datati, quindi piu' collaudati e piu' stabili.Sendmail viene installato di default su tutti gli *nix e *bsd e, se opportunamente configurato e tenuto sotto controllo, e' il miglior mta esistente.Postfix e' la sua naturale evoluzione, riscrittura del codice tenendo in considerazione tutte le scoperte fatte in 30 anni in termini di sicurezza.Il problema e' che nessun amministratore si prende (giustamente) la briga di cambiare qualcosa che gia' funziona egregiamente.Sarebbe uno spreco incredibile di risorse: conviene di piu' patchare e riavviare sendmail che sostituirlo completamente.Qmail e' ottimo ma e' troppo scarno di features: occorrono troppe patch (ufficiali e non) per arrivare anche solo alla meta' delle possibilita' che offre sendmail.E anche la particolare licenza di qmail lo rendo "antipatico" a molti.Quindi, se si deve installare adesso un MTA completo ritengo che la scelta piu' appropriata sia postfix.Se serve un smtp/pop3 senza tanti fronzoli, qmail e' imbattibile.Altra cosa da tenere in considerazione e' che i sistemisti piu' preparati, quelli con piu' esperienza, sono tutti "pre-qmail e pre-postfix" e hanno alle spalle anni di lavoro con sendmail.Chi glielo fa fare di reimparare un mta quando conoscono a menadito il migliore?Anonymous
  • Anonimo scrive:
    Ma come?
    Eppure non è un software Microsoft.Eppure i sorgenti sono open da lustri, dovrebbe essere supersicuro.Com'è strano il mondo. Alla fine tocca sempre svegliarsi.
    • Anonymous scrive:
      Re: Ma come?
      - Scritto da: Anonimo
      Eppure non è un software Microsoft.
      Eppure i sorgenti sono open da lustri,
      dovrebbe essere supersicuro.
      Com'è strano il mondo. Alla fine tocca
      sempre svegliarsi.Bello dire la propria opinione anche quando non si sa nemmeno di cosa si sta parlando.. e' un vizio tutto italiano e tu da questo punto di vista sei un italiano doc.Complimenti!!Torna a giocare va.Anonymous
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come?
        - Scritto da: Anonymous
        Bello dire la propria opinione anche quando
        non si sa nemmeno di cosa si sta parlando..Aggiungerei "per fortuna". Grazie a Dio non ho mai dovuto usare quella cagata di sendmail.E' il principio che mi fa ridere: tutti dicono che il software open è più sicuro perchè i sorgenti sono visibili da tutti, e poi mi satano fuori notizie come questa.Hi hi hi.
        • Anonymous scrive:
          Re: Ma come?
          - Scritto da: Anonimo

          Aggiungerei "per fortuna". Grazie a Dio non
          ho mai dovuto usare quella cagata di
          sendmail.Probabilmente non ne saresti capace (lo deduco dall'intelligenza che traspare dal tuo post).
          E' il principio che mi fa ridere: tutti
          dicono che il software open è più sicuro
          perchè i sorgenti sono visibili da tutti, e
          poi mi satano fuori notizie come questa.Come volevasi dimostrare...Hai idea del perche' sendmail e' cosi' vulnerabile?E' stato progettato e scritto oltre 30 anni fa.Gira ancora in parte come root.Quando e' stato scritto il buffer overflow, la sua principale fonte di problemi, non era ancora stato scoperto.Il codice e' vecchio, vecchio come concezione, vecchio il modo in cui e' stato scritto, per questo e' nato postfix.Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come?
            - Scritto da: Anonymous
            Come volevasi dimostrare...
            Hai idea del perche' sendmail e' cosi'
            vulnerabile?
            E' stato progettato e scritto oltre 30 anni
            fa.
            Gira ancora in parte come root.
            Quando e' stato scritto il buffer overflow,
            la sua principale fonte di problemi, non era
            ancora stato scoperto.
            Il codice e' vecchio, vecchio come
            concezione, vecchio il modo in cui e' stato
            scritto, per questo e' nato postfix.Prova a pensare se fosse stato un pezzo di NT4, cosa avresti detto...
          • Anonymous scrive:
            Re: Ma come?
            - Scritto da: Anonimo
            Prova a pensare se fosse stato un pezzo di
            NT4, cosa avresti detto...Tralasciamo il fatto che hai glissato su tutto quanto detto, non mi risulta che nt4 abbia 30 anni, e' un software che possiamo considerare moderno.Se avesse tutti i problemi di sendmail (ne ha avuti parecchi anche nt4) sarebbe a dir poco scandaloso.Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come?
            e allora diciamo che lo e' visto che con ben 6 service pack non sono riusciti ad introdurre il supporto USB . . . a gia' dovevano venderla come nuova feature in windows 2000.. . . . non mi dirai che NT4 non ha avuto bachi . . . per cortesia
          • Anonymous scrive:
            Re: Ma come?
            - Scritto da: Anonimo
            e allora diciamo che lo e' visto che con ben
            6 service pack non sono riusciti ad
            introdurre il supporto USB . . . a gia'
            dovevano venderla come nuova feature in
            windows 2000.Non ho tirato in ballo io NT4, che tra l'altro era sicuramente meglio dei vari win9x e ME.
            . . . . non mi dirai che NT4 non ha avuto
            bachi . . . per cortesiaCi mancherebbe!!Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come?

            Prova a pensare se fosse stato un pezzo di
            NT4, cosa avresti detto...(non sono quello di prima ma ti rispondo lo stesso)Che pur essendo molto più recente e oltretutto un prodotto commerciale (gente ha pagato per poterlo usare) i suoi ultimi bug NON VENGONO NEMMENO PATCHATI da Microsoft.Per cui chi 4 o 5 anni fa ha speso milioni per licenza d'uso di un server NT ora non può nemmeno tenerlo attivo su Internet senza limitarne pesantemente le funzionalità o rischiare che venga bucato tramite un bug noto e, ripeto, che Microsoft non intende patchare.Abbi il coraggio del silenzio, almeno.
          • stevie scrive:
            Re: Ma come?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonymous

            Come volevasi dimostrare...

            Hai idea del perche' sendmail e' cosi'

            vulnerabile?

            E' stato progettato e scritto oltre 30
            anni

            fa.

            Gira ancora in parte come root.

            Quando e' stato scritto il buffer
            overflow,

            la sua principale fonte di problemi, non
            era

            ancora stato scoperto.

            Il codice e' vecchio, vecchio come

            concezione, vecchio il modo in cui e'
            stato

            scritto, per questo e' nato postfix.

            Prova a pensare se fosse stato un pezzo di
            NT4, cosa avresti detto...Perché, NT4 ha 30 anni? Non mi sembra proprio!Regards,Stevie
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come?

            Perché, NT4 ha 30 anni? Non mi sembra
            proprio!perche' sendmail si????il progetto di sendmail e' dei primi anni 80 mentre quello di NT e' di fine anni 80al massimo fra i due ci sono 10 anni di differenza..10 anni in cui internet ancora era di li a venire come fenomeno di massa
          • Anonymous scrive:
            Re: Ma come?
            - Scritto da: Anonimo
            al massimo fra i due ci sono 10 anni di
            differenza..
            10 anni in cui internet ancora era di li a
            venire come fenomeno di massa10 anni in cui e' stato scoperto e ha avuto grade sviluppo il buffer overflow e similiAnonymous
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come?
      - Scritto da: Anonimo
      Eppure non è un software Microsoft.
      Eppure i sorgenti sono open da lustri,
      dovrebbe essere supersicuro.
      Com'è strano il mondo. Alla fine tocca
      sempre svegliarsi.Avanti con questa storia !!!Partendo dal presupposto che non esiste software esente da bug (checchè ne dicano i più infervorati e quindi meno preparati sostenitori linux....)....la differenza sta nel modo in cui tali falle o bug vengono individuate e corrette !!!Se hai bisogno che qualcuno ti spieghi questa differenza...è il caso di documentarsi un po .... magari potresti dare un contributo maggiore a questo forum .... che credimi di flame non ne ha proprio bisogno !!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come?

        Avanti con questa storia !!!
        Partendo dal presupposto che non esiste
        software esente da bug (checchè ne dicano i
        più infervorati e quindi meno preparati
        sostenitori linux....)....la differenza sta
        nel modo in cui tali falle o bug vengono
        individuate e corrette !!!Si ma quando lo dico io per MS larisposta e' sempre dipende da quantiecc. ecc.non siete proprio capaci di rimanerecon i piedi per terra
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come?
      - Scritto da: Anonimo
      Eppure non è un software Microsoft.
      Eppure i sorgenti sono open da lustri,
      dovrebbe essere supersicuro.
      Com'è strano il mondo. Alla fine tocca
      sempre svegliarsi.Come ho già detto, altrove, Sendmail è un allevamento di bachi. Lo è sempre stato e, a meno che gli sviluppatori non si decidano a puntare sulla sicurezza, lo sarà sempre. D'altronde tra qmail & soci le alternative sicure non mancano. O ritieni Exchange più sicuro?duh!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come?
      - Scritto da: Anonimo
      Eppure non è un software Microsoft.Eh gia'. Pero' e' lo stesso una bella porcheria di Soft, se confrontato a qmail o Postfix.
      Eppure i sorgenti sono open da lustri,
      dovrebbe essere supersicuro.Ora si: E' patchato. E NT4 ?
      Com'è strano il mondo. Alla fine tocca
      sempre svegliarsi.Sssssstttt, tu continua pure a dormire ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come?
      - Scritto da: Anonimo
      Eppure non è un software Microsoft.
      Eppure i sorgenti sono open da lustri,
      dovrebbe essere supersicuro.
      Com'è strano il mondo. Alla fine tocca
      sempre svegliarsi.ahahahahahhahahahhahhahahaha... Ma te ci credi ancora che qualcuno di questo forum possa un giorno svegliarsi???PS: [OT]
  • Anonimo scrive:
    Uhahahaha
    Vabbè-... io vado un attimo su windowsupdate e il mio server torna a funzionare....buon divertimento con rpm...
    • Anonimo scrive:
      Re: Uhahahaha
      ma impiccati va cojon
    • Tony Sarnano scrive:
      Re: Uhahahaha
      - Scritto da: Anonimo
      Vabbè-... io vado un attimo su windowsupdate
      e il mio server torna a funzionare....Ehm, ma scherziamo?...% apt-get update % apt-get install sendmail/stable Ecco fatto!Oppure... usare QMail (che noia, mai un bug)!
    • Anonimo scrive:
      Re: Uhahahaha

      Vabbè-... io vado un attimo su windowsupdate
      e il mio server torna a funzionare....

      buon divertimento con rpm...Mai visto Linux, eh? Brutta cosa l'ignoranza...
    • stevie scrive:
      Re: Uhahahaha
      - Scritto da: Anonimo
      Vabbè-... io vado un attimo su windowsupdate
      e il mio server torna a funzionare....Patch che ricordiamo _sai perfettamente_ cosa fanno, vero?
      buon divertimento con rpm...RPM? Cos'è RPM? In _non_ uso RPM!Se vai a vedere il mio profilo capisci anche perché!Regards,Stevie
      • Anonimo scrive:
        Re: Uhahahaha
        - Scritto da: stevie

        - Scritto da: Anonimo

        Vabbè-... io vado un attimo su
        windowsupdate

        e il mio server torna a funzionare....

        Patch che ricordiamo _sai perfettamente_
        cosa fanno, vero?


        buon divertimento con rpm...

        RPM? Cos'è RPM? In _non_ uso RPM!
        Se vai a vedere il mio profilo capisci anche
        perché!

        Regards,

        StevieProbabilmente fin che la mamma ti mantiene puoi perdere tempo anche a spulciarti il sorgente di ogni patch che installi sul pc di casa... quando entrerai nel mondo vero ti accorgerai che purtroppo il tempo è tiranno...Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Uhahahaha
          mhm... mai vista Debian eh??#
          apt-get update; apt-get upgradeFine, niente sorgente, niente riconfigurazione, fa tutto da se e soprattutto fa tutto bene.Ciao, krecker
        • Anonimo scrive:
          Re: Uhahahaha

          Probabilmente fin che la mamma ti mantiene
          puoi perdere tempo anche a spulciarti il
          sorgente di ogni patch che installi sul pc
          di casa... quando entrerai nel mondo vero ti
          accorgerai che purtroppo il tempo è
          tiranno...ROTFL parole sante!
  • Chernobyl scrive:
    Errore
    La falla, scoperta dalla società di sicurezza Internet Security Systems (IIS), interessa tutte le versioni di Sendmail, sia freeware che Pro, e varie versioni di Sendmail Switch e Sendmail for NT. Errore di scrittura.non IIS, ma ISS
  • Skaven scrive:
    Per la reda
    IIS -
    ISSil link è cmq giusto..
  • Anonimo scrive:
    ma come?
    "Il team di sviluppo di Sendmail sostiene di aver dovuto accelerare i tempi di rilascio di una versione corretta del proprio mailserver a causa di una e-mail pubblicata su di una mailing-list pubblica che conteneva alcune informazioni sulla vulnerabilità."sono per la full disclosure solo quando riguarda gli altri?se la mail non usciva in pubblico che facevano, se la prendevano comoda?strano mondo questo dell'open.....
    • Anonymous scrive:
      Re: ma come?
      - Scritto da: Anonimo
      "Il team di sviluppo di Sendmail sostiene di
      aver dovuto accelerare i tempi di rilascio
      di una versione corretta del proprio
      mailserver a causa di una e-mail pubblicata
      su di una mailing-list pubblica che
      conteneva alcune informazioni sulla
      vulnerabilità."


      sono per la full disclosure solo quando
      riguarda gli altri?
      se la mail non usciva in pubblico che
      facevano, se la prendevano comoda?

      strano mondo questo dell'open.....Si vede che la sai lunga su come funziona la sicurezza...Anonymous
      • Anonimo scrive:
        Re: ma come?

        Si vede che la sai lunga su come funziona la
        sicurezza...scusami, non ho letto l'howtopotresti essere cosi' gentile da spiegarmelo tu?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma come?

      "Il team di sviluppo di Sendmail sostiene di
      aver dovuto accelerare i tempi di rilascio
      di una versione corretta del proprio
      mailserver a causa di una e-mail pubblicata
      su di una mailing-list pubblica che
      conteneva alcune informazioni sulla
      vulnerabilità."


      sono per la full disclosure solo quando
      riguarda gli altri?
      se la mail non usciva in pubblico che
      facevano, se la prendevano comoda?

      strano mondo questo dell'open.....Cazzo... Sti minchioni della M$ e la loro cazzo di filosofia del non disclosure....... Porca troia, sicuramente se non usciva quel mail 'sti minchioni di Redmond ancora stavano là a farsi le pippe invece di cagar fuori l'hotfix... Bah...Ops... Ma è un software opensource? A ma davvero? Microsoft non c'entra? Gli altri sono minchioni almeno quanto loro (io stimo più di loro in questo caso)? muahahhahahahahahahhahahahahhahahahahahahahahaPS: [OT]
  • Anonimo scrive:
    forza su
    ricominciate a dire che l'opensource e' una merda e ad accusare del fatto che non l'avevamo detto che sendmail fa schifo....
    • Anonimo scrive:
      Re: forza su

      ricominciate a dire che l'opensource e' una
      merda e ad accusare del fatto che non
      l'avevamo detto che sendmail fa schifo....
      ehil brutto vizio di fasciarsi la testa prima di essersela rottaquesto dimostra solo un assioma che da tempo circolasendmail e' uno dei prodotti open piu' vecchicircola ormai da anni in sorgentiquindi quei sorgenti saranno passati sotto milioni di occhieppure e' anche uno dei software piu' buggati della storiaquesto sta a significare che non e' poi cosi' vero che sorgente aperto == maggior sicurezzatanto e' vero che postfix gli da una pista per il semplice fatto che e' _progettato_ meglio, e sarebbe migliore anche se fosse closed, visto che alla fine il codice l'ha scritto una sola persona.
      • Anonimo scrive:
        Re: forza su
        - Scritto da: Anonimo
        tanto e' vero che postfix gli da una pista
        per il semplice fatto che e' _progettato_
        meglio, e sarebbe migliore anche se fosse
        closed, visto che alla fine il codice l'ha
        scritto una sola persona.Cosa cavolo c'entra con la qualità del software il fatto che sia stato scritto da una sola persona ?E come farebbe ad essere migliore se fosse closed-source ?Allora se io (in barba alla GPL) "rubo" i sorgenti di postfix, gli cambio nome e rilascio un binario closed, ne miglioro automaticamente la qualità ?Ma non farmi ridere !La qualità si costruisce sin dalla fase di progetto, ed il fatto che sendmail sia così bacato dipende proprio perchè il suo codice ha origini "antiche", precedenti ai vari concetti moderni di qualità e di prevenzione delle vulnerabilità.
        • Anonimo scrive:
          Re: forza su


          tanto e' vero che postfix gli da una pista

          per il semplice fatto che e' _progettato_

          meglio, e sarebbe migliore anche se fosse

          closed, visto che alla fine il codice l'ha

          scritto una sola persona.

          Cosa cavolo c'entra con la qualità del
          software il fatto che sia stato scritto da
          una sola persona ?
          E come farebbe ad essere migliore se fosse
          closed-source ?
          c'entra eccome!!!il fatto che l'abbia scritto e mantenuto una sola persona sta a significare che si puo' scrivere software di alta qualita, senza il tanto sbandierato supporto della comunita' open.E a quel punto open o close si equivalgono.
          Allora se io (in barba alla GPL) "rubo" i
          sorgenti di postfix, gli cambio nome e
          rilascio un binario closed, ne miglioro
          automaticamente la qualità ?
          e chi ha mai detto questo???ma sai leggere??mio caro fedayn....ho detto che postfix e' migliore per il fatto che e' progettato meglioperche' sendmail e postfix sono entrambi open...
          Ma non farmi ridere !
          non ci provo neanchevoi zealot non avete senso dell'umorismoe' impossibile...
          La qualità si costruisce sin dalla fase di
          progetto, ed il fatto che sendmail sia così
          bacato dipende proprio perchè il suo codice
          ha origini "antiche", precedenti ai vari
          concetti moderni di qualità e di prevenzione
          delle vulnerabilità.ma va????e io che ho detto???questo smentisce ampiamente il fatto che il codice open e' buono di per se, perche' ci sono tante persone che lo valutano e correggono.Un buon software richiede un buon progetto (ovvero una fase di analisi ben fatta, con specifiche formali valutabili prima di iniziare a scrivere il codice)Un buon progetto richiede buoni progettistie quelli, scusami, ce ne sono molti di piu' assunti dalle software house che non nella comunita' open source
      • Anonimo scrive:
        Re: forza su

        sendmail e' uno dei prodotti open piu' vecchi
        circola ormai da anni in sorgenti
        quindi quei sorgenti saranno passati sotto
        milioni di occhi
        eppure e' anche uno dei software piu'
        buggati della storia
        questo sta a significare che non e' poi
        cosi' vero che sorgente aperto == maggior
        sicurezzati sbagli: i sorgenti sono passati sotto gli occhi di quelle persone che ti dicono di non usarlo perchè è un colabrodo, quindi l'apertura dei sorgenti serve eccome. Se poi tu insisti ad usarlo pur avendo una alternativa più che valida, allora sono cavoli tuoi.
        • Anonimo scrive:
          Re: forza su
          - Scritto da: Anonimo
          Se poi tu insisti ad usarlo pur avendo una
          alternativa più che valida, allora sono
          cavoli tuoi.
          Per quello che ho visto io postfix regge carichidi lavoro molto inferiori.Con duecento utenti va un po in crisi..qmail non so.
          • Anonimo scrive:
            Re: forza su
            - Scritto da: Anonimo
            Per quello che ho visto io postfix regge
            carichi
            di lavoro molto inferiori.
            Con duecento utenti va un po in crisi..
            qmail non so.Ho qmail che serve piu' di 1000 utenti, nessun problema.
        • Anonimo scrive:
          Re: forza su

          ti sbagli: i sorgenti sono passati sotto gli
          occhi di quelle persone che ti dicono di non
          usarlo perchè è un colabrodo, quindi
          l'apertura dei sorgenti serve eccome.
          Se poi tu insisti ad usarlo pur avendo una
          alternativa più che valida, allora sono
          cavoli tuoi.sbagli tu invecequei sorgenti, per quanto open, sono e restano un colabrododimmi come mai l'affermazione che il software open e' intrinsecamente piu' sicuro per postfix vale e per sendmail no...perche' la comunita' non e' riuscita a rendere sendmail buono pur avendo i sorgenti a disposizione???semplice, perche' e' stato sbagliato in partenza!!!! e, per esempio, un software colabrodo lo valuti anche senza i sorgentiqui c'e' gente che continua a dire che windows e' un colabrodo, che outlook e' un colabrodo che IIS e' un colabrodo e consiglia linux, mutt (o mozilla o evolution o pine) e apapche, senza aver mai visto anche una sola linea di codice dei suddetti softwareOra dimmi che sendmail e' l'eccezione che conferma la regola...tanto ormai sono abituato a discutere con i muri :)))ciao
    • avvelenato scrive:
      Re: forza su
      ma non sei stato te il primo ad affermare che Sendmail faceva schifo? http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=328748ultimamente ti vedo un po' sfiduciato e pessimista, munehiro: cosa ti succede?avvelenato che apprezza i tuoi post e la tua preparazione tecnica.
  • Anonimo scrive:
    e poi non dite che non v'era stato detto
    che è un colabrodo e che postfix è meglio...
    • Anonimo scrive:
      Re: e poi non dite che non v'era stato d

      che è un colabrodo e che postfix è meglio...finche' ci saranno distro che lo installano o amministratori di sistema che non hanno il coraggio di migrare gli utenti, puoi stare fresco....
    • Anonimo scrive:
      Re: e poi non dite che non v'era stato detto
      - Scritto da: Anonimo
      che è un colabrodo e che postfix è meglio...almeno fino a quando non uscirano voragini anche per questo...
      • Anonimo scrive:
        Re: e poi non dite che non v'era stato d
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        che è un colabrodo e che postfix è
        meglio...

        almeno fino a quando non uscirano voragini
        anche per questo...Campa cavallo
        • Anonimo scrive:
          Re: e poi non dite che non v'era stato d
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          che è un colabrodo e che postfix è

          meglio...



          almeno fino a quando non uscirano voragini

          anche per questo...

          Campa cavallo...che l'hacker si diverte...
Chiudi i commenti