Suonerie sui cellulari? Avanza la SIAE

Wikey, azienda votata all'intrattenimento wireless, in un comunicato diffuso ieri spiega i contenuti di un accordo con la SIAE per le suonerie sui cellulari. Il diritto d'autore sui jingle dei telefonini costa 194 lire
Wikey, azienda votata all'intrattenimento wireless, in un comunicato diffuso ieri spiega i contenuti di un accordo con la SIAE per le suonerie sui cellulari. Il diritto d'autore sui jingle dei telefonini costa 194 lire


Roma – “Il diritto d’autore si applica anche alle suonerie per i telefoni cellulari che vengono rese disponibili tramite Internet. La SIAE ha stabilito in 194 lire il costo per il diritto di autore da applicare alle suonerie che riproducono brani coperti da copyright”. Così prende l’avvio un comunicato Wikey con cui l’azienda, specializzata nei servizi wireless, ha ricordato ieri di aver sottoscritto un accordo con la SIAE per l’utilizzo dei brani “protetti”, come le suonerie del cellulare.

La questione dei diritti d’autore sulle suonerie appare centrale in misura crescente per utenti ma soprattutto per produttori di telefoni cellulari e accessori. Il numero di “jingle” disponibili sui telefonini in circolazione in questi mesi e la popolarità del cellulare in Italia costituiscono “un’accoppiata” che suscita la golosità dei detentori dei diritti musicali.

Non è un caso che ieri, sui forum di Punto Informatico, abbia suscitato molto rumore la notizia secondo cui i discografici avrebbero valutato in più di un milione di dollari al giorno le perdite mondiali dovute a trilli e squilli dotati di melodie “protette” e non remunerate.

Sembrano dunque destinate a non rimanere isolate iniziative come quelle di Wikey che, oltre ad aver stretto un accordo con la SIAE, si dedica anche alla produzione di “suonerie originali” per mano della “The Wikey Band”, le cui “composizioni” sono già disponibili presso InWind….

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 04 2001
Link copiato negli appunti