SuperLinux ultraveloce scovapetrolio

La Conoco ha annunciato che con il suo supercomputer Linux da 500 miliardi di operazioni al secondo troverà il petrolio e il gas ad un decimo dei costi di un supercomputer tradizionale


New York (USA) – Chi ha detto che Linux non è adatto a grandi sistemi? L’avanzata dei supercomputer basati su Linux è stata confermata ieri dall’annuncio della multinazionale petrolifera Conoco: con un sistemone da 500 miliardi di operazioni al secondo vengono cercati petrolio e gas ad un decimo dei costi sostenuti normalmente per utilizzare supercomputer “tradizionali”.

Non è la prima volta che un supercomputer basato su Linux fa parlare di sé , ma l’importanza dei compiti assegnati e il peso dell’azienda che ha deciso di adottare il sistema fanno la differenza. La macchina sfrutta decine di computer realizzati su architetture Intel (alcuni dual processor) e collegati su un network da 1 gigabit al secondo con 10 terabyte di spazio di memorizzazione (ma c’è anche una libreria su nastro).

Per realizzare la macchina, di cui non sono però stati forniti tutti i dettagli, la Conoco ha confermato di aver utilizzato metodi in passato già sfruttati per realizzare sistemi potenti basati su Linux e di aver modificato il kernel del sistema operativo open source. Per ottenere buoni risultati, Conoco ha dovuto affrontare 4 milioni di dollari di spesa per il porting del software di settore sulla propria macchina oltre a 1,75 milioni di dollari necessari per l’hardware. Stando all’azienda, entro il 2001 verrà raddoppiata la capacità di calcolo del macchinone con una spesa ulteriore di 1,5 milioni di dollari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti