SuSE lancia il suo primo Linux United

A braccetto dell'alleanza UnitedLinux, forte della compatibilità con tutti i maggiori standard del mondo Linux, la nuova versione enterprise di SuSE Linux è pronta a salire a bordo delle principali piattaforme a 32 e 64 bit


Castelnuovo Rangone (MO) – SuSE Linux ha presentato ufficialmente anche qui in Italia SuSE Linux Enterprise Server (SLES) 8, la nuova versione della distribuzione Linux tedesca orientata al mercato dei server aziendali e basata sul neo standard UnitedLinux 1.0 .

SLES 8 si rivolge in particolar modo al mercato delle applicazioni mission critical ed è certificato per far girare mySAP.com e IBM DB2. Fra i vantaggi portati dall’integrazione in SLES della base di codice comune di UnitedLinux, c’è il supporto multilingue e la compatibilità con i principali standard Linux: LSB, FHS e OpenI18N.

Il nuovo sistema operativo enterprise di SuSE è in grado di girare su una vasta gamma di piattaforme hardware, fra cui i processori a 32 e a 64 bit di Intel e AMD, e i server HP ProLiant, Fujitsu Siemens Primergy e l’intera serie IBM eServer.

“Ciò fa di SLES8 – ha affermato SuSE – la piattaforma perfetta per il consolidamento di strutture server eterogenee, consentendo una riduzione significativa dei costi per l’amministrazione del sistema”.

Oltre che per le applicazioni mission-critical, l’azienda tedesca sostiene che SLES 8 è adatto per fare da server ad applicazioni e soluzioni middleware, quali database, e-commerce e storage, nonché per sistemi in cluster e ThinClient.

Ad accompagnare SLES 8 c’è un nuovo tool d’installazione, chiamato AutoYaST, che consente l’installazione automatica di una configurazione di SuSE Linux Enterprise Server definita dall’utente in una rete distribuita: questo, secondo SuSE, riduce notevolmente i tempi di installazione e i costi amministrativi. SLES 8 include poi una versione migliorata di Samba con il supporto agli elenchi di controllo dell’accesso (ACL) per file e directory

Il kernel della nuova distribuzione è una versione ottimizzata del 2.4.19 con supporto all’I/O asincrono, alla memoria multipath, alla gestione di massimo 600 hard disk fisici, al multiprocessing fino a 32 processori e a 64 GB di memoria principale. Il sistema operativo include inoltre una versione estesa e migliorata di Samba con supporto agli elenchi di controllo dell’accesso (ACL) per file e directory. I file system supportati sono Ext3, ReiserFS, XFS e il file system JFS a 64 bit di IBM.

SuSE sostiene che SLES8 sia il primo sistema Linux dotato del supporto per i thread NGPT (Next-Generation Posix Threads) grazie al quale le applicazioni Unix esistenti possono essere portate facilmente e in modo economico su Linux.

SuSE Linux Enterprise Server 8 per piattaforma x86 è già disponibile in presso i rivenditori SuSE Linux. Altre versioni di SuSE Linux Enterprise Server 8 per S/390 e zSeries (32 e 64 bit), iSeries, pSeries e per i server basati su Itanium 2 verranno rese disponibili in questi giorni. La versione per i processori Opteron di AMD sarà invece rilasciata all’inizio del 2003.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: OPS .... brain system corrotto......
    Zap, tu non hai ancora capito, vero? Ti sta dicendo che NON USA Linux (scelta che condivido, peraltro)!!!!E il perché è presto detto: voi Linuxari folli, avete mai provato a gestire una rete REALMENTE basata su Windows 2000? Io ho DC, File Server, Print Server, Application Server vari, tutto su Windows 2000e sai qual'è la novità? E' tutto stabilissimo, ho server che non devo riavviare da mesi! La conoscete l'Active Directory? No (come del resto molti "sistemisti" Windows)! Non avete idea di quelle che siano le sue reali potenzialità. Certo, bisogna configurare bene i server, utilizzare buon Hardware (senza che sia comunque necessariamente costoso e potente), bisogna aggiornare periodicamente tutto (il che va fatto anche coi vostri cari Linux Server, ho il bollettino RedHat che mi arriva regolarmente, e non dico altro.....). Non è questione di ricompilare alcunché. Windows 2000 è un BUON prodotto, semplice da gestire al primo livello e molto configurabile ad un livello più avanzato (molto spesso ignoto, questo lo riconosco....). Poi si può discutere su questo e su quello, non voglio neppure io fare il fondamentalista, ma finchè ci si nutrirà di luoghi comuni e sentito dire, non si potrà fare una discussione sensata. Sai qual è una vera cagata di W2000 server? Che un sistema server non deve permettere l'accesso in modalità reale neanche ai driver della scheda video (puttanata fatta per rendere il kernel w2k compatibile coi gioci che necessitavano di directX superiore a 3), causa rischi di crash. C'è anche da dire però che questa cosa è facilmente aggirabile dando il VGA.SYS come driver da utilizzare per un server "mission critical".P.S.In azienda abbiamo anche 10 server Red Hat che crashano una media di una volta ogni tre/quattro giorni, vedete voi....
  • TeX scrive:
    Re: cosa c'è che non va?
    - Scritto da: Anonimo....
    Alla fine, credo, non avremo vantaggi così
    maggiori rispetto a windows, anche perchè di
    certo Microsoft saprà proporre alternative
    più che adeguate. Perlomeno, avremo la
    possibilità dell'alternativa.Beh, già la possibilità dell'alternativa mi sembra un grosso vantaggio. Inoltre l'alternativa vuol dire anche concorrenza e quindi un vantaggio anche per chi continua ad utilizzare Windows.Per il resto del discorso la convenienza è ovviamente da valutare caso per caso. Se io dovessi gestire una piccola società, diciamo di assicurazioni o qualche cosa del genere, ci penserei molto bene prima di adottare Linux su una decina di postazioni. Non ho detto che non lo farei, semplicemente penserei bene a chi dovrebbe occuparsi dell'amministrazione quotidiana dei sistemi (con Windows è abbastanza facile fra una decina di persone trovare quella che ne sa già abbastanza per occuparsi di buona parte dei problemi). Per una società con centinaia di sistemi ovviamente questo problema non si pone, visto che uno o più sistemisti sono già necessari. In questo caso i parametri di valutazione diventano altri.Per quanto riguarda l'utilizzo del sistema non vedo particolari differenze fra far girare un applicativo sotto Linux o sotto Windows. E neppure fra Windows e la KDE.
  • Anonimo scrive:
    Re: OPS .... file system corrotto......
    - Scritto da: Anonimo
    Semplicemente non uso il giocattolo
    Linux.....Compra una rivista di videogame in edicola, e cerca quante volte e' citato Linux e quante Windows...
  • Anonimo scrive:
    Re: OPS .... file system corrotto......
    - Scritto da: Anonimo
    PS ma Linus mi avverte quando posso fare
    l'upgrade...........

    Ah ah ah ah ah ah ah ah
    Ah ah ah ah ah ah ah ah
    Ah ah ah ah ah ah ah ah ma sei normale?mah...
    • Anonimo scrive:
      Re: OPS .... file system corrotto......

      ma sei normale?
      mah...Dai via agli insulti personali.....Mi raccomando ma prima fate un bel backup dei dati ...oggi ci sono domani non più.......
      • Anonimo scrive:
        Re: OPS .... brain system corrotto......
        - Scritto da: Anonimo
        Mi raccomando ma prima fate un bel backup
        dei datiok, grazie. Questo è il consiglio sempre utile.ma dammi retta: non ricompilare l'ultimissima versione del kernel (seppure definita stable) su un sistema mission-critical: sminuiresti la categoria dei sistemisti
        ...oggi ci sono domani non più.......come i neuroni di chi ricompila l'ultimissima versione del kernel su un sistema mission-critical(zap)
  • pippo75 scrive:
    Coincidenze
    Ma secondo voi una ditta viene a parlare male del suo prodotto?ricordo che al tempo c'erano 3 ditte che producevano processori compatibili, due esistono ancora e si danno ancora concorrenza ognuna di queste tre ditte mostrava orgogliosa i risultati dei test e conincidenza il proprio processore era il migliore.Tutti questi test erano veritieri, ma nessuno diceva che erano tarati in modo da avere quei risultati.Succede anche per le schede video (le ultime schede con gli ultimi benchmark danno risultati migliori rispetto alle ultime schede con benchmark vecchi).Se voi prendete mercati dove windows ha prodotti che esistono da anni è sicuro che risultera' piu' economico rispetto a linux o a mac od ad altri sistemi che in quel settore non sono ancora presenti (devono partire da 0 lo sviluppo).Nelle industrie i prodotti che servono molto facilmente sotto windows sono presenti da anni, per cui i costi di sviluppo sono già stati ammortizzati, linux è ancora giovane bisognerebbe vedere quando sarà, se succederà, preso da interesse dalle softhouse di programmi comuni (gestioneli, di calcolo, ........).ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Coincidenze
      Il discorso è che Microsoft ha i soldi da investire per lo sviluppo perciò è inevitabile che i suoi prodotti siano migliori.Quattro sfigati nel garage del nonno non possono competere con una potenza così fondata.Il caso Netscape - Explorer ne è la prova.All'inizio Netscape batteva Explorer 10-0, poi Microsoft ha investito risorse e adesso Netscape può appena permettersi di pulire il cu_lo a Explorer.
      • Anonimo scrive:
        Re: Coincidenze
        Si certo!Hai proprio ragione! Ora è Internet Explorer che surclassa Netscape 10-0!Si ma in bug al giorno pubblicati!!!Ma dai, i programmi open source vengono costantemente aggiornati e migliorati(e la bontà del codice la può verificare chiunque,a differenza dei prodotti della tua amata M$), mentre con windows ogni aggiornamento significa una grossa spesa per introdurre nuovi bug!! Suvvia smettiamo di dire stupidaggini e informiamoci piuttosto!!
  • Anonimo scrive:
    beh basta leggere
    Beh effettivamente basta leggere veramente....... ho letto un po' di opinioni e tutti si chiedevano (con ampie divagazioni su utilizzi strani di vari software per linux comparati con altrettanti software simili su win...) come abbiano fatto i sig della IDC ad arrivare alla conclusione che win è meglio di linux.....Beh basta leggere:"Un recente studio pubblicato da IDC, e commissionato da Microsoft"Come ha giustamente evidenziato l'autore il dio quattrino può fare dire cose che guarda caso coincidono con le idee di chi detiene una grande percentuale di questo strano dio......Basta leggere queste tre parole "commissionato da Microsoft" per fare perdere completamente la credibilità a tutto quello che viene dopo.........Insomma mi spiegate come faccia il gratuito ad essere più costoso dell'oneroso?
    • Anonimo scrive:
      Re: beh basta leggere
      - Scritto da: Anonimo
      Beh effettivamente basta leggere
      veramente....... ho letto un po' di opinioni
      e tutti si chiedevano (con ampie divagazioni
      su utilizzi strani di vari software per
      linux comparati con altrettanti software
      simili su win...) come abbiano fatto i sig
      della IDC ad arrivare alla conclusione che
      win è meglio di linux.....Beh basta leggere:
      "Un recente studio pubblicato da IDC, e
      commissionato da Microsoft"
      Come ha giustamente evidenziato l'autore il
      dio quattrino può fare dire cose che guarda
      caso coincidono con le idee di chi detiene
      una grande percentuale di questo strano
      dio......
      Basta leggere queste tre parole
      "commissionato da Microsoft" per fare
      perdere completamente la credibilità a tutto
      quello che viene dopo.........Insomma mi
      spiegate come faccia il gratuito ad essere
      più costoso dell'oneroso?in effetti ci sono altri studi che affermano il contrario, ad esempio uno studio realizzato dal "Robert Frances Group" e finanziato da IBMwww.ibm.com/linux/RFG-LinuxTCO-vFINAL-Jul2002.pdfrisultato:Il TCO di un sistema LINUX in tre anni è _meno_ della METÀ di un sistema windows equivalente.
    • Anonimo scrive:
      Re: beh basta leggere
      Si vede che proprio non hai capito un caz_zo
    • Anonimo scrive:
      Re: beh basta leggere
      Certo. Peccato che non sia il primo ad arrivare a dire ciò. Riassumiamo:- Gartner è inattendibile perché parla solo per le grandi aziende- Aberdeen, chi li conosce?- IDC, sono prezzolati.Ma vi rendete conto di quanto siete patetici? Non è sminuendo il valore dell'avversario che lo si batte. Microsoft potrà anche aver *mantenuto* il monopolio in modo illegale ma lo ha *raggiunto* in modo ineccepibile, nessuno ha mai messo in dubbio questo. Questo perché, checché ne possano dire gli starnazzanti "tifosi da stadio", Microsoft ha un gran bel prodotto. Punto.Rimboccatevi/iamoci le mani e cerchiamo di farne uno migliore se siamo capaci. E poi impariamo anche a venderlo, perché MS è brava pure a fare quello, accidenti a lei!- Scritto da: Anonimo
      Basta leggere queste tre parole
      "commissionato da Microsoft" per fare
      perdere completamente la credibilità a tutto
      quello che viene dopo.........Insomma mi
      spiegate come faccia il gratuito ad essere
      più costoso dell'oneroso?
      • Anonimo scrive:
        Re: beh basta leggere
        hai ragione anch'io sono uno di quelli che la pensa come te e che ancora gira con la doppia partizione e lilo allo startup....infatti win è molto semplice e questa semplicità lo rende utile......ad ogni modo se dovessi veramente mettere su qualcosa di serio non mi affiderei alla MS...non so perché ma la semplicità, avere tutto scodellato e premasticato da qualcun'altro che mi dice "guarda fidati è buonissimo", è uno strano modo di intendere le cose.....poi i prodotti che la microsoft fa e continua a fare non è che ci si debba sputare sopra come fosse merda... tutto sommato gira e per alcuni aspetti anche bene e facilmente ma ripeto è la facilità che non mi piace per niente....ad ogni modo mi fanno ridere queste ricerche: è come se il capo della McDonald scegliesse quattro persone e gli dicesse "qua ci sono 100 euro per il disturbo: come sono le mie patatine???"
        • Anonimo scrive:
          Re: beh basta leggere
          - Scritto da: Anonimo
          hai ragione anch'io sono uno di quelli che
          la pensa come te e che ancora gira con la
          doppia partizione e lilo allo
          startup....infatti win è molto semplice e
          questa semplicità lo rende utile......ad
          ogni modo se dovessi veramente mettere su
          qualcosa di serio non mi affiderei alla
          MS...non so perché ma la semplicità, avere
          tutto scodellato e premasticato da
          qualcun'altro che mi dice "guarda fidati è
          buonissimo", è uno strano modo di intendere
          le cose.....poi i prodotti che la microsoft
          fa e continua a fare non è che ci si debba
          sputare sopra come fosse merda... tutto
          sommato gira e per alcuni aspetti anche bene
          e facilmente ma ripeto è la facilità che non
          mi piace per niente....ad ogni modo mi fanno
          ridere queste ricerche: è come se il capo
          della McDonald scegliesse quattro persone e
          gli dicesse "qua ci sono 100 euro per il
          disturbo: come sono le mie patatine???"Sarebbe la stessa cosa se queste quattro persone fossero della IDC e facessero gli assaggiatori di patate per professione.Sarebbe piu' giusto dire che il capo della McDonald commissiona una ricerca su un prodotto che crede essere il migliore... poi magari gli hamburger sono i peggiori sul mercato ma se ne guardera' bene di commissionare ricerche sugli hamburger
  • Anonimo scrive:
    Se utilizzi copie piratate...
    Se utilizzi copie piratate di Windows e Office il costo dei prodotti Microsoft diventa competitivo con quelli di Linux.Ma se acquisti 40 licenze di Windows 2000 e Office 2000,come nella mia azienda, oppure una copia di Suse 8 con Star Office incluso quale conviene. Il prezzo dei gestionali poi è lo stesso...
    • Anonimo scrive:
      Re: Se utilizzi copie piratate...
      Il costo delle licenze rappresenta una percentuale irrisoria per il calcolo totale, non hai proprio capito un caz_zo
    • Anonimo scrive:
      Re: Se utilizzi copie piratate...
      Certo, se consideri il tuo tempo a valore nullo, allora Linux è certamente conveniente.- Scritto da: Anonimo
      Se utilizzi copie piratate di Windows e
      Office il costo dei prodotti Microsoft
      diventa competitivo con quelli di Linux.
      Ma se acquisti 40 licenze di Windows 2000 e
      Office 2000,
      come nella mia azienda, oppure una copia di
      Suse 8 con Star Office incluso quale
      conviene. Il prezzo dei gestionali poi è lo
      stesso...
      • Anonimo scrive:
        Re: Se utilizzi copie piratate...
        - Scritto da: Anonimo
        Certo, se consideri il tuo tempo a valore nullo, allora Linux
        è certamente conveniente.Se consideri l'accumulo di conoscienze informatiche e tecniche a valore nullo resta pure a premene il tasto " avanti " nel wizard.
        • Anonimo scrive:
          Re: Se utilizzi copie piratate...
          - Scritto da: Anonimo
          Se consideri l'accumulo di conoscienze
          informatiche e tecniche a valore nullo resta
          pure a premene il tasto " avanti " nel
          wizard.Quindi secondo te Windows è solo wizard? In questo caso non mi sorprende che costi di più gestire un Windows rispetto ad un Linux, dalle tue parti. Se non sai nemmeno cos'è Windows...
  • Anonimo scrive:
    Si vergognino
    Giusto oggi, per rimanere in tema di uptime, sicurezza, aggiornamenti e facilità di gestione, ho perso due ore perchè una macchina NT4 della mia azienda aveva IE che dava problemi con un ActiveX e non riusciva ad aprire Acrobat Reader. Ne abbiamo provate di tutte. Ho trovato il problema sul Technet (anche quello a pagamento) ma l'ha solo risolto in parte (cambiata una DLL con un'altra versione), in sostanza l'utente si tiene la macchina con i malfunzionamenti. La soluzione finale è reinstallare NT, bello vero?? Complimenti vivissimi a M$ che con le sue continue uscite contro Linux fa solo venire da ridere ai veri amministratori di rete che hanno a che fare tutti i giorni con l'inaffidabilità dei sistemi Windows.
    • Sarge scrive:
      Re: Si vergognino
      - Scritto da: Anonimo
      Giusto oggi, per rimanere in tema di uptime,
      sicurezza, aggiornamenti e facilità di
      gestione, ho perso due ore perchè unaCompliementi vivissimi.Io ho una macchina Nt4 dove ho installato letteralmente di tutto e con uptime da record, reboot a parte per installazioni di cose come i SP.Vorrei proprio sapere che era sto problema. Io ho installato 2 versioni di Acrobat Reader, e 3 versioni di internet explorer (consecutive, of course). E mai ho avuto problemi del genere.
      tiene la macchina con i malfunzionamenti. La
      soluzione finale è reinstallare NT, bello
      vero?? Complimenti vivissimi a M$ che con le
      sue continue uscite contro Linux fa solo
      venire da ridere ai veri amministratori di
      rete che hanno a che fare tutti i giorni con
      l'inaffidabilità dei sistemi Windows.Il quale linux, sicuramente ha metodi migliori per integrare la lettura dei pdf sotto conqueror...Saluti.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Linux Vs Win (Tana x Mac hihihihi)
    Fa piacere vedere che tutte le diatribe fra diversi sistemi si stiano spostano da Win Vs Mac a Win Vs Linux, di Mac non se ne parla proprio più? E' finito nel dimenticatoio? E' finito proprio in assoluto? Non è piu' degno manco di considerazione? Dove sono i post infiammati che si vedevano tempo fa? Mi sembra un remake di una storia gia' vista: Amiga! Spectrum! Commodore! ecc...Volete sapere perche' il Mac non e' morto definitivamente e perche' Linux non decolla a pieno? Perche' le software house che monopolizzano il Mac non rilasciano ancora i software per Linux. Se ci fosse Phoshop per Linux, insieme a tutti i prodotti Adobe, insieme a tutti i prodotti Macromedia, basterebbero questi per far installare centinaia di migliaia di nuovi Linux, e per far crollare le vendite dei Mac a 1-2 al mese (ovviamente sarebbero solo mac-fighetti e macniaci integralisti)Vai Linux!! Vai Windows!! YEEE ehehehNeverMacUser
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Linux Vs Win (Tana x Mac hihihi
      affatto! vedessi come funziona bene linux sui powerpc! ne sto usando uno ora. sono gli x86 ad essere dei water, oltre a winIvan
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Linux Vs Win (Tana x Mac hihihi
        - Scritto da: Anonimo
        affatto! vedessi come funziona bene linux
        sui powerpc! ne sto usando uno ora. sono gli
        x86 ad essere dei water, oltre a win

        IvanSe gli X86 sono dei Cessi i PPC sono delle turche :)Negli ultimi anni sei rimasto troppo tempo sulla tua turca per non sapere che gli X86 sono diverse volte piu' veloci dei poveri G4 e Linux su PPC e' un chiodo altro che!
  • Anonimo scrive:
    Perchè quinquennale?
    Quando fra 2 anni win2000 sarà vecchi e dovrai cambiaro?Bah le solite frottole.
  • Anonimo scrive:
    Buffoni.
    Io non so dove questi signori abbiano preso quei dati, francamente.Iniziamo col dire che *Linux* non ha mai un costo di licenza.Posso scegliere di acquistare una distribuzione.Ma, per qualsiasi distribuzione, se la memoria non mi inganna,posso anche scegliere di non pagare una lira ed installarmelavia rete, ad esempio.Cio' detto, passiamo alle cose piu' divertenti.Downtime, dicono?Bene: io, nel mio piccolo dei dati li ho.Ho server Linux con uptime impressive.Lo stesso, ahiloro, non si puo' dire per i (pochi) Win2000 serverche mi tocca sopportare a fronte di pressioni di alcuni clienti.Passando alla questione "solo con i webserver Linux conviene" midomando e dico: ma perche', di che altri server vogliamo parlare?Di file server?Rotfl.Di mail server?AHAHAHAHAHAHAH!C'e' davvero qualcuno che vuole battere con exchange a casogli uptime del mio postfix?Di che altri server parlano, costoro?
    • matteooooo scrive:
      Re: Buffoni.

      Di mail server?
      AHAHAHAHAHAHAH!
      C'e' davvero qualcuno che vuole battere con
      exchange a caso
      gli uptime del mio postfix?Magari confronta due cose uguali.....Postfix != Exchange.......
    • DPY scrive:
      Re: Buffoni.
      - Scritto da: Anonimo
      Io non so dove questi signori abbiano preso
      quei dati, francamente.
      Iniziamo col dire che *Linux* non ha mai un
      costo di licenza.Ma questo si sa, e la cosa viene ampiamente considerata nei calcoli. Non per niente anche la propaganda MS insiste nel voler considerare il TCO, il costo totale, comprensivo di hardware e spese di gestione e manutenzione, se ci si basa solo sulle licenze è ovvio che Linux costa meno, ma è anche irrealistico pretendere che il TCO sia inferiore solo sulla base del costo delle licenze.
      Passando alla questione "solo con i
      webserver Linux conviene" mi
      domando e dico: ma perche', di che altri
      server vogliamo parlare?

      Di file server?
      Rotfl.E qui secondo me ti sbagli: come tutti i tecnici internet consideri i file server come la cenerentola del gruppo. In realtà, mettere su un sistema di file e print server adeguato ad una realtà medio grande (i.e. per un numero di posti di lavoro superiore alla ventina) e ove serve uno stretto controllo degli accessi e dei privilegi di ciascuno è molto meno facile di quanto sembri. Ora, per quanto Active Directory sembri un sistema pesante e difficile da configurare, perlomeno è una soluzione a certi problemi organizzativi, soluzione che può confrontarsi con sistemi analoghi di Novell, e forse di altri, ma non credo (potrei sbagliarmi) che possa essere vantaggiosamente sostituita da un file server *nix.
      • Anonimo scrive:
        Re: Buffoni.
        - Scritto da: DPY
        sembri. Ora, per quanto Active Directory
        sembri un sistema pesante e difficile da
        configurare, perlomeno è una soluzione a
        certi problemi organizzativi, soluzione che
        può confrontarsi con sistemi analoghi di
        Novell, e forse di altri, ma non credo
        (potrei sbagliarmi) che possa essere
        vantaggiosamente sostituita da un file
        server *nix.cerca ldap su google e poi studia; active directory e' venuto DOPO ldap e non ha portato sostanziali novita'; come al solito il signor cancelli reinventa la ruota
      • Anonimo scrive:
        Re: Buffoni.

        Ora, per quanto Active Directory
        sembri un sistema pesante e difficile da
        configurare, perlomeno è una soluzione a
        certi problemi organizzativi, soluzione che
        può confrontarsi con sistemi analoghi di
        Novell, e forse di altri, ma non credo
        (potrei sbagliarmi) che possa essere
        vantaggiosamente sostituita da un file
        server *nix.Mai visto NFS vero?Unix queste cose le ha da ANNI e funzionano pure meglio di quelle porcate Micros~1 !La verità è che ovviamente Samba & combriccola sono dei tacconi fatti per colloquiare con il mondo winhandicappato, ma se tutto girasse su OS seri non ci sono storie :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Buffoni.
      - Scritto da: Anonimo
      Cio' detto, passiamo alle cose piu'
      divertenti.
      Downtime, dicono?
      Bene: io, nel mio piccolo dei dati li ho.
      Ho server Linux con uptime impressive.
      Lo stesso, ahiloro, non si puo' dire per i
      (pochi) Win2000 server
      che mi tocca sopportare a fronte di
      pressioni di alcuni clienti.Se non sei capace di gestirli non è colpa di Microsoft. Anche mio figlio quando cade dalla bici dice che è colpa della bici. Ma ha 5 anni!

      Passando alla questione "solo con i
      webserver Linux conviene" mi
      domando e dico: ma perche', di che altri
      server vogliamo parlare?Del restante 95% del mercato, per esempio. Perché i server non sono solo quelli su internet, caro.

      Di file server?
      Rotfl.

      Di mail server?
      AHAHAHAHAHAHAH!
      C'e' davvero qualcuno che vuole battere con
      exchange a caso
      gli uptime del mio postfix?Ma la conosci la differenza tra un mail server e un collaboration server?
  • laforge scrive:
    Internet, dietro le quinte...
    Io ci lavoro su internet, sono un tecnico in un ISP...Vi dico solo questo, nel mio lavoro per riuscire ad averegli strumenti che Linux mi fornisce e che mi permettedi personalizzare fino al codice sorgente; se tutto questolo dovessi fare con Windows 2000, sarei costretto a spendere soldi per la licenza del SO, ovviamente server, poi per fare un backup della sistema in modo tale da fare in caso di disastro un ripristino estremamente rapido mi servirebbe un software apposito (vi dico ... non meno di 1000Euro...), poi lavorando come tecnico di rete servono degli strumenti appositi per gestire/monitorare/mantenere la rete... e sotto windows il semplice programma per fare una cosa del genere costa intorno ai 100E... con Linux, niente di tutto questo e sopratutto ho la possibilita' di modificare il tutto in modo dale che si adatti perfettamente alle mie esigenze...ovvio ci sono aziende in cui Linux potrebbe essere piu' un problema che la soluzione.Ma non stiamo parlando di una azienda che fa gomme ... ma di un ISP...e visti i tempi di vacche magre ... spendere anche 100 E non e' che sia cosi' semplice ...Al che' ... vedendo questi articoli mi viene banalmente da dire che chi li fa non ha alcuna visione sulla realta'... e generalizzare cosi' e' sintomo di cecita'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Internet, dietro le quinte...
      Il fatto che tu lo possa personalizzare per renderlo adatto alle tue esigenze è un lavoro che fai tu e usi il tuo tempo.Il mio tempo costa e sicuramente mi conviene spendere soldi per avere prodotti già fatti.Inoltre mi sembra che il merito della personalizzazione sia solo tuo, non di Linux che non ha fatto niente :)Chi è il cieco adesso? :)
  • Anonimo scrive:
    Questi dibattiti stancano..
    ..sempre uguali e sempre fondati su di una ignoranza di base, sempre su notizie che sembrano trovate per gettare benzina sul fuoco.Forse tutto questo perchè in fondo il livello di P.I. si è abbassato negli anni e lo leggono di conseguenza sempre più persone che non capiscono neanche le notizie lette e sparano opinioni di bassissimo rilievo.Fortunatamente con internet siamo liberi di scegliere la fonte delle informazioni da leggere.Utenti meno attrezzati, non prendete per vere le opinioni che leggete sul forum!tom
  • Anonimo scrive:
    Linux is user friendly...
    ...it's only selective about its friends.:)Ammetto che la ricerca puo' essere attendibile, ma e' chiaro che la M$ si e' spu**anata, dato che paga lo Zio Bill... cmq sia a livello di economicita', se uno si legge un po' di manuali e si fa aiutare da uno un po' piu' esperto, non ci sono paragoni.E con buona pace dei flamer, windows a chi vuole win, linux a chi vuole linux.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux is user friendly...
      - Scritto da: Anonimo
      ...it's only selective about its friends.
      si'... e ci sono un sacco di cose che vanno messe a posto affinche' non sia piu' cosi'... solo che nessuno se ne vuole rendere conto... si preferisce mettere le icone con l'alpha blending.
      E con buona pace dei flamer, windows a chi
      vuole win, linux a chi vuole linux.magari fosse cosi'. e' quello che sogno da anni... invece lo sai come funziona...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux is user friendly...
      La cosa che ci fa più sorridere è il fatto che Linux non fa niente, fate tutto voi sistemisti e attribuite a Linux il merito del Vostro operato :))E' questo il segreto di Linux, è un sistema non-operativo che lascia fare a voi il compito che dovrebbe fare lui e si prende i meriti :) e voi che cadete nella sua trappola :))Paraocchi? No, grazie.
  • Anonimo scrive:
    ripristino windows
    scusate l'ignoranza, ma quali sarebbero questi tool microsoft per il ripristino di windows?Mi passate il link dell'articolo? Voglio sapere che software sono stati confrontati!
    • Vertigo scrive:
      Re: ripristino windows

      scusate l'ignoranza, ma quali sarebbero
      questi tool microsoft per il ripristino di
      windows?il format.exe
  • Anonimo scrive:
    Attendibilità?

    il sistema operativo di Microsoft dispone di strumenti di gestione e
    amministrazione più maturi e facili da usare.Ma in che cinema?Basta mettere mano 5 minuti su Linux per notare un gap incolmabile da questo punto di vista. La presunta facilità d'uso di win a discapito di Linux è argomento trito e ritrito e ormai anche i sassi penso abbiano capito che non cè alcuna difficoltà nell'utilizzare il sistema e i suoi tool... per quanto riguarda la maturità poi, è veramente assurdo sostenere una tesi simile! Certo che se con "maturità" alla MS intendono il nuovo stile Fisher Price di XP siamo a posto...E cmq non vedo come uno studio commissionato da Microsoft sull'argomento possa ritenersi imparziale e non capzioso.. è un po' come se Berlosco commissionasse uno studio teso a dimostrare che non esiste conflitto di interessi...
    • maks scrive:
      Re: Attendibilità?

      E cmq non vedo come uno studio commissionato
      da Microsoft sull'argomento possa ritenersi
      imparziale e non capzioso.. è un po' come se
      Berlosco commissionasse uno studio teso a
      dimostrare che non esiste conflitto di
      interessi...con queste premesse nessuno studio lo e'...e' ovvio che MS commissioni degli studi ad altri..e' ovvio che scelgano condizioni a loro favorevoli (ad esempio un lasso di tempo piu' lungo della vita media di un server)cio' non vuol dire che nel caso specifico non abbiano ragione.O che la critica non vada fatta nel merito, dopo averlo letto sto studio.ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Attendibilità?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma in che cinema?
      Basta mettere mano 5 minuti su Linux per
      notare un gap incolmabile da questo punto di
      vista. La presunta facilità d'uso di win a
      discapito di Linux è argomento trito e
      ritrito e ormai anche i sassi penso abbiano
      capito che non cè alcuna difficoltà
      nell'utilizzare il sistema e i suoi tool...
      per quanto riguarda la maturità poi, è
      veramente assurdo sostenere una tesi simile!
      Certo che se con "maturità" alla MS
      intendono il nuovo stile Fisher Price di XP
      siamo a posto...
      esatto bravo questa storia della miglior gestione in windowsperche ci sono le finestre e' tutta da dimostrare...provate a dire ad un amministratore windows di recuperarel'archivio delgiorno x dell'utente x sul nastroe poi fate la stessa cosa su linux,con linux una semplice stringa ti fa tuttomentre su windows bisogna perdere come minimo 10 minuti per trovare l'archivio nascosto da queste benedette interfacce.
      E cmq non vedo come uno studio commissionato
      da Microsoft sull'argomento possa ritenersi
      imparziale e non capzioso.. è un po' come se
      Berlosco commissionasse uno studio teso a
      dimostrare che non esiste conflitto di
      interessi...
  • Anonimo scrive:
    W windows
    che nonostante continui a voler mettere tutto in grafica, ci lascia ancora vedere qualche finestra in crt.Schermata blu, scritte bianche.Perdonatemi :D.Cmq fare un paragone solo tra 2 sitemi operativi e` inutile, poco proficuo e da bambini (il mio giocattolo funziona meglio del tuo).Bisognerebbe mettere a confronto TUTTI gli os che fanno una certa mansione e classificarli secondo criteri.Puo` darsi che la microsoft abbia ragione, in 5 anni win2000 funza meglio di linux (tornata indietro nel tempo per testare ??).Ma allora bisognerebbe provare per 10 anni e poi 15 anni e cosi via provare e riprovare per avere un risultato certo.Il punto e` che se voi foste proprietari della microsoft (o di una ditta di pari valore), vi girerebbero` un bel po` i C....ONI a vedere un prodotto che nn si puo` fermare e che continua a rubarti fette di mercato.
    • Anonimo scrive:
      Re: W windows

      valore), vi girerebbero` un bel po` i
      C....ONI a vedere un prodotto che nn si puo`
      fermare e che continua a rubarti fette di
      mercato.Ma quali fette di mercato??????http://www.google.com/press/zeitgeist/zeitgeist-aug02.html
      • Anonimo scrive:
        Re: W windows
        Ora sinceramente nn mi ricordo dove ho visto un altro grafico che faceva vedere linux al 7%.Le statistiche sono PUTTANATE.(scusate la parola).Mi dici come mentalmente sia possibile controllare 6 migliardi di individui, controllare se hanno un pc e controllare che os hanno sopra.Non proponetemi statistiche pls che fanno solo ridere e servono solo ai giornalisti.
        • maks scrive:
          Re: W windows

          Ora sinceramente nn mi ricordo dove ho visto
          un altro grafico che faceva vedere linux al
          7%.probabilmente erano le stitisctiche di redhat.com o di slashdot
          Le statistiche sono PUTTANATE.(scusate la
          parola).si, se il campione non e' validogoogle e' un campione piuttosto buonoci vanno tuttiindistintamente dall OS
          Mi dici come mentalmente sia possibile
          controllare 6 migliardi di individui,
          controllare se hanno un pc e controllare che
          os hanno sopra.i pc nel mondo saranno si e no un miliardo, contando anche i server
          Non proponetemi statistiche pls che fanno
          solo ridere e servono solo ai giornalisti.posso essere d'accordoma windows fino a 5 anni fa era a zero nella percentuale dei server weboggi e' circa al 25%linux idem..mi dici come fa linux a rubare quote a windows se crescono di pari passo?ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: maks


            Le statistiche sono PUTTANATE.(scusate la

            parola).

            si, se il campione non e' validoe lo deciti TU quando il campione è valido?
            google e' un campione piuttosto buonoa TUO parere, ma non fornisci valutazioni quantitative oggettive per dimostrarlo
            ci vanno tutti
            indistintamente dall OSma non lo puoi controllare, questo. É solo una tua intuizione non verificata di tipo qualitativo.Di solito coi numeri ci vuole una valutazione di tipo quantitativa.
            i pc nel mondo saranno si e no un miliardo,
            contando anche i serverdati TUOI , per ora indistinguibili da quelli che potrebbe dare una zingara leggendoti la mano
            mi dici come fa linux a rubare quote a
            windows se crescono di pari passo?semplice: se LINUX non ci fosse windows crescerebbe il DOPPIO
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            Da come scrivi somigli a BSDLike... ;-)I numeri ovviamente non li ho, ma dovresti sapere che passando per un sito, puoi lasciare i dati della tua macchina e del tuo browser...http://stealthtests.lockdowncorp.com/... Prova pure OS-Browser test...Secondo te, vuoi che in Google non l'abbiano fatto??E con tutte le connessioni che ricevono al giorno, probabilmente il campione e' abbastanza rappresentativo dei client e degli OS usati dagli utenti.Per i web server, bisogna vedere se durante l'indicizzazione dei siti riescono a leggere correttamente le label degli OS, e questo risultato potrebbe anche essere falsato dalla scelta dei siti da censire...E comunque si parlava di TCO... mah !!!Gianluca70 - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: maks




            Le statistiche sono PUTTANATE.(scusate
            la


            parola).



            si, se il campione non e' valido

            e lo deciti TU quando il campione è valido?


            google e' un campione piuttosto buono

            a TUO parere, ma non fornisci valutazioni
            quantitative oggettive per dimostrarlo


            ci vanno tutti

            indistintamente dall OS

            ma non lo puoi controllare, questo.
            É solo una tua intuizione non verificata di
            tipo qualitativo.
            Di solito coi numeri ci vuole una
            valutazione di tipo quantitativa.


            i pc nel mondo saranno si e no un
            miliardo,

            contando anche i server

            dati TUOI , per ora indistinguibili da
            quelli che potrebbe dare una zingara
            leggendoti la mano


            mi dici come fa linux a rubare quote a

            windows se crescono di pari passo?

            semplice: se LINUX non ci fosse windows
            crescerebbe il DOPPIO
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo
            I numeri ovviamente non li hoe questa tua caratteristica di IGNORARE i numeri in questione rende le affermazioni simili ai luoghi comuni e alle letture della mano.(zap)
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            I numeri ovviamente non li ho

            e questa tua caratteristica di IGNORARE i
            numeri in questione rende le affermazioni
            simili ai luoghi comuni e alle letture della
            mano.


            (zap)

            E la tua caratteristica di IGNORARE (o peggio, non comprendere) completamente il resto del messaggio TI rende ottuso, privo di umilta' e curiosita' (anche il sito che ti ho proposto e' un "luogo comune", una "lettura della mano"?) e soprattutto precluso da qualsiasi esercizio di dialettica costruttiva.Gioisci della tua purezza e correttezza formale (tanto chi ti potra' mai dimostrare di avere i numeri che tu potresti considerare veritieri? solo te stesso, vero?), mi raccomando, che usare un po' il cervello ti costa fatica, vero?Gianluca70
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Gianluca70

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            I numeri ovviamente non li ho



            e questa tua caratteristica di IGNORARE i

            numeri in questione rende le affermazioni

            simili ai luoghi comuni e alle letture
            della

            mano.





            (zap)





            E la tua caratteristica di IGNORARE (o...ossia: nessun altro dato significativo
            usare un po' il
            cervello ti costa fatica, vero?si: solitamente usare il cervello costa fatica e vale la pena farlo quando si hanno NUMERI su cui faticare. Finora da parte tua leggo solo piagnistei sulla tua difficoltà di far accettare a priori le tue affermazioni personali e non oggettive (seppur condivise da tanti win-maniac e probabilmente dal Monopolista in persona).(zap)
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Gianluca70



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo






            I numeri ovviamente non li ho





            e questa tua caratteristica di
            IGNORARE i


            numeri in questione rende le
            affermazioni


            simili ai luoghi comuni e alle letture

            della


            mano.








            (zap)









            E la tua caratteristica di IGNORARE (o

            ...

            ossia: nessun altro dato significativoSuperZac, e tu ce li hai i dati significativi per discutere con gli altri?Che numeri hai tu?


            usare un po' il

            cervello ti costa fatica, vero?

            si: solitamente usare il cervello costa
            fatica e vale la pena farlo quando si hanno
            NUMERI su cui faticare. Che strano, io sui numeri faccio faticare il PC...

            Finora da parte tua leggo solo piagnistei
            sulla tua difficoltà di far accettare a
            priori le tue affermazioni personali e non
            oggettive (seppur condivise da tanti
            win-maniac e probabilmente dal Monopolista
            in persona).

            (zap)Leggi bene prima di scrivere, usa il cervello per comprendere l'umana scrittura, e dammi 'sti numeri, che possiedi solo tu, vah...E registrati...Gianluca70
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Gianluca70



            ossia: nessun altro dato significativo

            SuperZac, e tu ce li hai i dati
            significativiricordo che sono ALTRI che propongono le loro conclusioni basate su dati non completi e non verificabili.Ribaltare la frittata non la fa sembrare meno indigesta
          • Sarge scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            I numeri ovviamente non li ho

            e questa tua caratteristica di IGNORARE i
            numeri in questione rende le affermazioni
            simili ai luoghi comuni e alle letture dellaNon c'e' bisogno di ignorare niente.Tu puoi dire che le statistiche di accesso a google non sono significative per 2 ragioni:1) Campione troppo piccolo2) Campione poco rappresentativoA te adesso.Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Sarge

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            I numeri ovviamente non li ho



            e questa tua caratteristica di IGNORARE i

            numeri in questione rende le affermazioni

            simili ai luoghi comuni e alle letture
            della


            Non c'e' bisogno di ignorare niente.quindi HAI NUMERI CERTI ?
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            Considerando che non ho particolari interessi a dire win o linux (uso win + per comodità e abitudine, non ho voglia di mettermi li a capire come funziona linux) e che realizzo siti web pubblico qualche numero già sapendo che:- campione esiguo, quindi non estendibile alla popolazione mondiale- sito destinato ad un target locale (italiano) e quindi ancora meno significativo della popolazione mondiale- sito destinato all'informazione (e quindi non popolato per la maggior parte da smanettoni che conoscono linux, ma magari da persone che si trovano win installato in ufficio o comprato da un mediaworld già installato)...- ecc...OS Accessi Peso relativo Windows 98 41758 42.4 % Windows 2000 19458 19.7 % Windows Me 11507 11.7 % Windows XP 11038 11.2 % Windows NT 6961 7 % Windows 95 4078 4.1 % Mac OS 3026 3 % Linux 225 0.2 % Sun Solaris 99 0.1 % Irix 71 0 % Aix 22 0 % Sconosciuto 15 0 % Warp OS/2 15 0 % HP Unix 2 0 % OSF Unix 2 0 % WebTV 1 0 % già che ci siamo do anche i numeri dei browser:Browser Accessi Peso relativo MS Internet Explorer (Versioni) 96049 97.7 % Netscape (Versioni) 1976 2 % Opera 213 0.2 % Konqueror 21 0 % Sconosciuto 10 0 % OmniWeb 5 0 % iCab 3 0 % WebTV browser 1 0 % infine se google ha dati i numeri leggendo i suoi web log sono assolutamente significativi a mio avviso...ad ex arrivano sul sito dai motori di ricerca in questa percentuale (e quindi hanno un campione molto molto vasto):- Google 29479 - Virgilio 7734 - Lycos 981 - Supereva 720 - Other search engines 653 - Excite 512 - AllTheWeb 219 ero in vena di dare numeri...ciao a tutti
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo
            infine se google ha dati i numeri leggendo i
            suoi web log sono assolutamente
            significativi a mio avviso...pure non c'è alcuna sicurezza che ogni sistema operativo "voti" una volta sola.(zap)
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            infine se google ha dati i numeri
            leggendo i

            suoi web log sono assolutamente

            significativi a mio avviso...

            pure non c'è alcuna sicurezza che ogni
            sistema operativo "voti" una volta sola.

            (zap)
            CVD...Dalli tu i numeri allora, SuperZac (come tagli tu, nemmeno un macellaio...)Gianluca70
          • Sarge scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo



            Non c'e' bisogno di ignorare niente.

            quindi HAI NUMERI CERTI ?Chi se ne frega dei numeri certi, bastano delle stime. Ogni giorno ci sono decine di milioni di accessi a google, quanto basta per farne un campione statisticamente attendibile.Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Sarge

            - Scritto da: Anonimo





            Non c'e' bisogno di ignorare niente.



            quindi HAI NUMERI CERTI ?

            Chi se ne frega dei numeri certiquindi "ignori" semplicemente i numeri certi necessari a stabilire se qualcosa è vero oppure no ?ti contraddici
            , bastano
            delle stimedipende da chi le fa e in che modo sono fatte
            . Ogni giorno ci sono decine di
            milioni di accessi a google, questi sono dati cui tu (a meno che non sei il sistemista di google) non hai accesso. E non ci si può fidare in assoluto di quelle che TU ritieni essere stime valide (magari per setito dire o perché TU ti fidi di quel che dice google o gaagle)
            quanto bastaquanto basta a TE
            per farne un campione statisticamente
            attendibile.attendibile per te. Rimane la necessità di avere dati certi raccolti ed elaborati in modo TRASPARENTE e in maniera indipendente e VERIFICABILE (o, come si dice in linguaggio scientifico, FALSIFICABILE)A te non te ne frega, ma questo non fa del tuo personale credo un risultato condivisibile(zap)
          • Sarge scrive:
            Re: W windows
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Sarge



            - Scritto da: Anonimo







            Non c'e' bisogno di ignorare niente.





            quindi HAI NUMERI CERTI ?



            Chi se ne frega dei numeri certi

            quindi "ignori" semplicemente i numeri certi
            necessari a stabilire se qualcosa è vero
            oppure no ?

            ti contraddici No, io non mi contraddico. Non e' necessario avere i numeri certi. E' chiaro che se le statistiche provenissero da un sito anonimo e poco conosciuto avrei da ridire, ma google non lo e', e' uno dei siti piu' visitati del web.

            , bastano

            delle stime

            dipende da chi le fa e in che modo sono fatteChe banalita'.


            . Ogni giorno ci sono decine di

            milioni di accessi a google,

            questi sono dati cui tu (a meno che non sei
            il sistemista di google) non hai accesso.Io non sono il sistemista, ma1) so cos'e' google e come e' fatto, nonche' di quanto hw dispone2) so come funziona pagerankTutto questo rende attendibile google come sito, oltre alle centinaia di milioni di accessi al giorno.
            non ci si può fidare in assoluto di quelle
            che TU ritieni essere stime valide (magari
            per setito dire o perché TU ti fidi di quel
            che dice google o gaagle)Non ci si puo' pero' neanche arrampicarsi sugli specchi cosi'.
            A te non te ne frega, ma questo non fa del
            tuo personale credo un risultato
            condivisibileLo fa lo fa. Rimani pure a credere che 5 persone sole accedano a google.Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: W windows

            Saluti.Lascia stare, con lui è fiato sprecato.
  • Anonimo scrive:
    A tutti i windowssiani
    Premetto che uso sia windows che linux.Ora, cerchiamo di essere imparziali, è ovvio che linux (soprattutto su grossi sistemi) costa meno. Si deve proprio essere ottusi per non ammeterlo.Comunque, per i fanatici di windows:1) nessuno mi ha ancora trovato un sistema windows più economico di quello che ho descritto sul post:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=2945662) Esistono anche studi che dimostrano il contrario come accennato dal post http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=294689PSHo usato la parola "fanatici di windows" perchè chi nega anche l'evidenza non merita altro termine (idem per i fanatici di Linux)CiaoGianni
    • Anonimo scrive:
      Re: A tutti i windowssiani
      dunque anche io uso entrambi i sistemi operativi. Sul fatto del costo delle singole licenze non ci sono paragoni (linux puoi averlo anche gratis, naturalmente senza assistenza...con assistenza costa comunque molto meno). Ma bisogna mettere le cose su due piani...L'assistenza linux costa molto di piu' di quella windows. Mettere su una workstation che deve essere usata da una persona piu' o meno imbranata ad usare il pc è impensabile, le operazioni che su windows si possono fare in un attimo (come installare un nuovo hardware) per farlo su linux bisogna sapere dove mettere le mani. Provato sulle stessa macchina ad aprire un semplice editor di testo (Usato la RedHat 7.3) e un windows 2000 Server su linux ci impiegavo 10 volte di piu' ad aprirlo. Non è piu' vero che basta un semplice pc per far girare linux. Io ho un linux su un 486 e fino alla versione 5 filava che era un piacere messa su la 6 il pc e' morto. Se invece si vuole usare linux come server allora ti dico si...è una valida alternativa...ma bisogna ricordarsi che ho si forma una persona (il che non costa poco) oppure si paga parecchio di assistenza. Quindi quando tutti dicono "perche usare windows che costa tantissimo mentre puoi usare linux che è gratis" domandatevi....quanto costa in assistenza... quanto tempo perso per una determinata cosa su uno e l'altro sistema operativo.Faccio notare un'altra piccola cosa...Tutti si lamentano che windows è pieno di bug....ma se provate solo un attimo a registrarvi alle newletter dei bug dei sistemi le recenti segnalazioni sono tutte su linux...Prima ce n'erano molte meno solo perchè il sistema era meno utilizzato.
      • Anonimo scrive:
        Re: A tutti i windowssiani

        . Sul fatto del costo delle singole
        licenze non ci sono paragoni (linux puoi
        averlo anche gratis, naturalmente senza
        assistenza...con assistenza costa comunque......forse non ci siamo capiti, io sto parlando di terminal server, il che significa che ogni postazione NON ha dischi, non ci sono CD, l'unico software si trova in una eprom, insomma, una vera struttura client/server.Praticamente c'è un solo server e basta, l'unica cosa da amministrare è il server. Tutte le copie, i programmi, connessioni ad internet ecc... sono sul terminal server.Costo per ogni terminal server 500/600 euro ca (compreso monitor). Lo colleghi, crei un nuovo utente del server e tutto è fatto, la workstation è già operativa.CiaoGianni
      • Anonimo scrive:
        Re: A tutti i windowssiani
        - Scritto da: Anonimo[cut]
        L'assistenza linux costa molto
        di piu' di quella windows. Mettere su una
        workstation che deve essere usata da una
        persona piu' o meno imbranata ad usare il pc
        è impensabile, le operazioni che su windows
        si possono fare in un attimo (come
        installare un nuovo hardware) per farlo su
        linux bisogna sapere dove mettere le mani.Quale amministratore è così pazzo da permettere di far installare ad un utente del nuovo hardware????
        Provato sulle stessa macchina ad aprire un
        semplice editor di testo (Usato la RedHat
        7.3) e un windows 2000 Server su linux ci
        impiegavo 10 volte di piu' ad aprirlo. Quale editor di testo? Ce ne sono svariati, se non te ne va bene uno hai millle alternative...
        Non è
        piu' vero che basta un semplice pc per far
        girare linux. Io ho un linux su un 486 e
        fino alla versione 5 filava che era un
        piacere messa su la 6 il pc e' morto. E allora installaci la versione 5 (suppongo tu intenda "La versione 5 di RedHat") e se hai bisogno di una nuova versione del software lo compili...
        Se invece si vuole usare linux come server
        allora ti dico si...è una valida
        alternativa...ma bisogna ricordarsi che ho
        si forma una persona (il che non costa poco)
        oppure si paga parecchio di assistenza.Ma quale azienda (nello studio si parla di aziende medie e grandi del nord america) non ha un sistemista? E poi, anche se hai una piccola azienda, esistono sistemisti che ti curano tutto da remoto.Io ho configurato un file-server print-server per mio fratello (che facendo l'architetto stampa pesantemente attraverso un plotter e varie stampanti a getto d'inchiostro) e per i piccoli problemi lo auto-regola tramite un WebMin ben configurato, mentre per le cose grosse si connette ad internet ed io glielo sistemo da remoto!E la procedura di assistenza da remoto gliel'ho dovuta attivare una sola volta da agosto ad oggi.
        Faccio notare un'altra piccola cosa...Tutti
        si lamentano che windows è pieno di
        bug....ma se provate solo un attimo a
        registrarvi alle newletter dei bug dei
        sistemi le recenti segnalazioni sono tutte
        su linux...Prima ce n'erano molte meno solo
        perchè il sistema era meno utilizzato.Questa è una FUD bella e buona. Non solo linux ha meno bug, ma sono anche meno critici.
    • Anonimo scrive:
      Re: A tutti i windowssiani
      Io dirigo un'azienda e :1) su grossi sistemi installare Linux significa impegnare risorse umane per l'installazione e la configurazione.2) su grossi sistemi installare Windows significa comprare la licenza, effettuare l'installazione di 20 minuti e impegnare le risorse umane per cose più importanti.Non so se tu hai idea della differenza di costo fra una licenza e del personale...
  • Anonimo scrive:
    Usando tool di comparazione vince linux!
    Oltre al fatto che questa indagine e' finanziata da Microsoft e quindi e' di parte, invito i piu' pignoli a verificare tramite un foglio di calcolo i costi effettivi a confronto dei 2 sistemi.Ecco il link dove potete trovare il test comparativo in formato pdf e il foglio di calcolo per inserire voi stessi i parametri della vostra azienda...http://www.madeinlinux.com/article.php?sid=59cordiali saluti.Roberto Innocentisupporto Madeinlinuxrinnocenti@madeinlinux.com
    • maks scrive:
      Re: Usando tool di comparazione vince li

      Oltre al fatto che questa indagine e'
      finanziata da Microsoft e quindi e' di
      parte,invece una cosa scritta su madeinlinux e' imparziale...ma va :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Usando tool di comparazione vince linux!
      - Scritto da: Anonimo
      Oltre al fatto che questa indagine e'
      finanziata da Microsoft e quindi e' di
      parte, invito i piu' pignoli a verificare
      tramite un foglio di calcolo i costi
      effettivi a confronto dei 2 sistemi.
      Ecco il link dove potete trovare il test
      comparativo in formato pdf e il foglio di
      calcolo per inserire voi stessi i parametri
      della vostra azienda...

      http://www.madeinlinux.com/article.php?sid=59

      cordiali saluti.

      Roberto Innocenti
      supporto Madeinlinux

      rinnocenti@madeinlinux.comIl file è in formato tar & gz e il file all'interno un file di gnumericChi oggi usa Windows come lo legge?
    • Anonimo scrive:
      Re: Usando tool di comparazione vince linux!
      Ah, invece il tuo foglio di Excel non è di parte? HA HA HAMi sembra che sia ospitato dal dominio madeinlinux.com :))
  • Anonimo scrive:
    Usando tool di comparazione vince linux!
    Oltre al fatto che questa indagine e' finanziata da Microsoft e quindi e' di parte, invito i piu' pignoli a verificare tramite un foglio di calcolo i costi effettivi a confronto dei 2 sistemi.ecco il link dove potete trovare il test comparativo il pdf e il foglio di calcolo per inserire voi stessi o parametri della vostra azienda...http://www.madeinlinux.com/article.php?sid=59cordiali saluti.Roberto Innocentisupporto Madeinlinuxrinnocenti@madeinlinux.com
  • Terra2 scrive:
    Se vendite di un OS...
    ...fossero direttamente proporzionali alle prestazioni sessuali del presidente della societa' che lo produce, ci sarebbe certamente uno studio commissionato da microsoft atto a dimostrare che il pippo di bill gates e' piu' lungo di quello di Rocco Siffredi (e di almeno un paio di pollici :))Ma ddai!!!Certi esami comparativi dovrebbero coinvolgere le parti tirate in causa, in maniera che ciascuno possa fare i relativi controlli del caso sull'obiettivita' del concorrente.Diversamente, un resoconto simile, vale meno della Scottex(r) usata!
  • Anonimo scrive:
    Troppe risate in questo periodo
    mi diverte molto leggere come la microsoft sia ormai alla frutta. Sono felicissimo di questo.Pensateci: ora è la MICROSOFT che è COSTRETTA a far girare voci sul fatto che windows sia più sicuro di linux, e che windows sia più economico di linux.A parte il fatto che è ridicolo, perchè le complicazioni di linux le capisce un quindicenne (avendo i giusti manuali) mentre per capire le complicazioni di win (ce ne sono in ogni sistema operativo) ci vuole un corso di formazione pagato profumatamente.Sicchè, il sistemista unix sarà sempre più economico di quello win purtroppo per me :)))Poi sistemisti incompetenti (e conseguenti grosse perdite di quattrini per il cliente) ce ne sono dovunque.
  • Anonimo scrive:
    Senza cattiveria e molto cinismo
    Il 90% della popolazione mondiale e` stupida (lo dimostrano gli utenti windows).Gli utenti windows si meritano cio` che hanno ^_^. Ma soprattutto, come spero vi abbiano insegnato, chi comincia bene e` a meta` dell'opera.Se cominci con windows sono cavoli tuoi.E lasciate le statistiche agli statisti, se no nn sanno come tirare fuori i soldi per il pane.
    • maks scrive:
      Re: Senza cattiveria e molto cinismo

      Il 90% della popolazione mondiale e` stupida
      (lo dimostrano gli utenti windows).il 90% della popolazione mondiale fa 5 miliardi e mezzo di persone...forse e' il caso che rifai i tuoi calcoli...
      E lasciate le statistiche agli statisti, se
      no nn sanno come tirare fuori i soldi per il
      pane.agli statistici caso maiconsiglio anche un corso di grammatica italiana.ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza cattiveria e molto cinismo
        Il 90% e` stato stimato un po' di tempo fa (credo 3 anni) da tutto scienze della stampa. Se ho pazienza e voglia ti cerco l'articolo.Altra cosa sulla mia grammatica, vatti a leggere i discorsi del Manzoni contro la crusca sulla sua grammatica.
  • Anonimo scrive:
    Pestare una ciota.
    "I più convinti supporter di Linux, appoggiati anche da alcuni analisti, sostengono da tempo che uno dei punti di forza del noto sistema operativo libero consista nei suoi bassi costi, inferiori sia a quelli di Unix che a quelli di Windows."I più convinti supporter di Peracottinux, appoggiati anche da anculo anal-isti hanno pestato una enorme ciota, è evidente.
    • TeX scrive:
      Re: Pestare una ciota.
      - Scritto da: Anonimo....
      I più convinti supporter di Peracottinux,
      appoggiati anche da anculo anal-isti hanno
      pestato una enorme ciota, è evidente.Potresti anche averla pestata tu.....Non però quelli di IDC. Quelli hanno pestato una busta bella piena....Riporto un pezzo dell'articolo: "Un recente studio pubblicato da IDC, e commissionato da Microsoft, sembra ora voler sfatare un altro di quelli che il big di Redmond chiama i falsi miti di Linux".Fai un po' tu.....
  • Anonimo scrive:
    LINUX PIUì CARO DI WIN???
    Può essere, finalmente sfatato il falso Open Source= gratis, quindi meno buono.Il problema è che anche se LINUX fosse davvero più caro di WIN, e non è vero, oppure del corollario Open Source (e non è vero), basta fare un confronto tra Star Office, Open Office e WIN-OFFICE per rendersi conto, resta comunque il fatto che quello che compri è tuo e ne fai ciò che vuoi o quasi, non compri il NULLA di una LICENZA CAPESTRO.
  • Bigfoot scrive:
    Fosse anche vero...
    Visto che il sig. Gates è già ricco sfondato, meglio pagare un tecnico che riempire ancor di più il deposito di zio Paperone.
  • Anonimo scrive:
    Controstudio:LINUX costa MENO di windows
    Lo studio è realizzato dal "Robert Francis Group" e finanziato da IBMhttp://www.ibm.com/linux/RFG-LinuxTCO-vFINAL-Jul2002.pdfrisultato:Il TCO di un sistema LINUX in tre anni è _almeno_ METÀ di un sistema windows equivalente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Controstudio:LINUX costa MENO di win
      - Scritto da: Anonimo
      Lo studio è realizzato dal "Robert Francis
      Group" e finanziato da IBM

      http://www.ibm.com/linux/RFG-LinuxTCO-vFINAL-

      risultato:

      Il TCO di un sistema LINUX in tre anni è
      _almeno_ METÀ di un sistema windows
      equivalente.


      Qua si parla di 5... con Windows 2000 per di piu'... eh, sono proprio quei due anni in piu' a fare la differenza :)A parte gli scherzi, credo che dipenda dal contesto e dalle specificheIn alcuni casi sara' meglio Windows, in altri meglio Linux, in altri magari qualche altro SOInsomma, finche' non hai dei requisiti a disposizione non puoi stabilire cosa sia meglioPaguro
  • LaNberto scrive:
    FUD per FUD...
    per forza costa meno mantenere Windows, la pricedura di manutenzione è un aosla ed eseguibile da chiunque: formattazione e reinstallazione!:p
    • Anonimo scrive:
      Re: FUD per FUD...
      temo sia la profonda, inopinabile verità... bisognerebbe includere una funzione automatica di format&reinstall, così i costi scenderebbero ulteriormente...... ;)
  • Anonimo scrive:
    Non sanno piu' cosa inventare
    Sembra che siano arrivati proprio alla frutta.Non sanno piu' cosa inventarsi.Ma perche' i soldi, invece che in queste stupide campagne publicitarie, non li investono nello sviluppo, per creare un SO decente ?Beato chi ci crede.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sanno piu' cosa inventare
      - Scritto da: Anonimo
      Sembra che siano arrivati proprio alla
      frutta.
      Non sanno piu' cosa inventarsi.
      Ma perche' i soldi, invece che in queste
      stupide campagne publicitarie, non li
      investono nello sviluppo, per creare un SO
      decente ?
      Beato chi ci crede.Scusami hai letto questo studio?Dai per scontato che sia di parte.........In una parola sei prevenuto........
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sanno piu' cosa inventare
        - Scritto da: Anonimo
        Dai per scontato che sia di parte.........infatti questo studio lo ha PAGATO microsoft, un famigerato monopolio già condannato per reati contro il mercato."Beato" chi crede a microsoft, perché avrà la vita eterna.... (zap)
        • Anonimo scrive:
          Re: Non sanno piu' cosa inventare

          infatti questo studio lo ha PAGATO
          microsoft, un famigerato monopolio già
          condannato per reati contro il mercato.

          "Beato" chi crede a microsoft, perché avrà
          la vita eterna....

          (zap)
          Continui a parlare di cose che non conosci.....questa sarebbe professionalità?
          • Sarge scrive:
            Re: Non sanno piu' cosa inventare
            - Scritto da: Anonimo


            Continui a parlare di cose che non
            conosci.....questa sarebbe professionalità?Ma zap non e' professionale.Si registrasse anche poi, sarebbe meglio.Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non sanno piu' cosa inventare
            - Scritto da: Anonimo


            infatti questo studio lo ha PAGATO

            microsoft, un famigerato monopolio già

            condannato per reati contro il mercato.



            "Beato" chi crede a microsoft, perché avrà

            la vita eterna....



            (zap)


            Continui a parlare di cose che non
            conosci.....errore: che microsoft sia stata condannataq è ignoto forse solo a TEChi crede più alle affermazioni di un'azienda che ha già ottenuto una condanna per abuso sul mercato e sulla concorrenza?(zap)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non sanno piu' cosa inventare
            - Scritto da: Anonimo

            Chi crede più alle affermazioni di
            un'azienda che ha già ottenuto una condanna
            per abuso sul mercato e sulla concorrenza?
            Lo studio è di IDC ed è pubblico (e IDC non è mai stata tenera con MS). Non mi pare che IDC sia stata condannata per monopolio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non sanno piu' cosa inventare
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Chi crede più alle affermazioni di

            un'azienda che ha già ottenuto una
            condanna

            per abuso sul mercato e sulla concorrenza?



            Lo studio è di IDC finanziato da un cliente intere$$ato (microsoft).IDC è un'azienda che in tempi di ristrettezze economiche come questi non ha intere$$e a perdere una commessa e le altre che potranno venire in caso di responso positivoDopo il processo che ha sancito la colpevolezza di microsoft non c'è più alcuna credibilità da mantenere: Microsoft SA agire sporco. Il re è nudo (e sa mentire e far mentire gli altri)
  • Anonimo scrive:
    lo "studio" di MS - VS - la realtà
    e la realtà (quando non è inquinata dai finanziamenti dal famigerato monopolio microsoft) è che ad esempio un'intera citta della Germania risparmierà sui 100 $ all'anno sostituendo lo windows presente su 400 PC con un LINUXhttp://seattlepi.nwsource.com/business/97627_linux28.shtml(zap)
    • Anonimo scrive:
      Re: lo "studio" di MS - VS - la realtà
      - Scritto da: Anonimo
      e la realtà (quando non è inquinata dai
      finanziamenti dal famigerato monopolio
      microsoft) è che ad esempio un'intera citta
      della Germania risparmierà sui 100 $correggo:il risparmio è di 100'000 $ all'anno
      all'anno sostituendo lo windows presente su
      400 PC con un LINUX

      http://seattlepi.nwsource.com/business/97627_ (zap)
    • Anonimo scrive:
      Re: lo "studio" di MS - VS - la realtà
      - Scritto da: Anonimo
      e la realtà (quando non è inquinata dai
      finanziamenti dal famigerato monopolio
      microsoft) è che ad esempio un'intera citta
      della Germania risparmierà sui 100 $
      all'anno sostituendo lo windows presente su
      400 PC con un LINUX

      http://seattlepi.nwsource.com/business/97627_
      Caspita 100$ .... :-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: lo "studio" di MS - VS - la realtà
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        e la realtà (quando non è inquinata dai

        finanziamenti dal famigerato monopolio

        microsoft) è che ad esempio un'intera
        citta

        della Germania risparmierà sui 100 $

        all'anno sostituendo lo windows presente
        su

        400 PC con un LINUX




        http://seattlepi.nwsource.com/business/97627_



        Caspita 100$ ....no: il risparmio è di 100'000$ all'anno(zap)
    • Anonimo scrive:
      Re: lo "studio" di MS - VS - la realtà
      - Scritto da: Anonimo
      e la realtà (quando non è inquinata dai
      finanziamenti dal famigerato monopolio
      microsoft) è che ad esempio un'intera citta
      della Germania risparmierà sui 100 $
      all'anno sostituendo lo windows presente su
      400 PC con un LINUX

      http://seattlepi.nwsource.com/business/97627_
      Immagino che oltre alle conclusioni ci sia anche il dettaglio di dove intendono risparmiare.... hai un link per favore...
      • Anonimo scrive:
        Re: lo "studio" di MS - VS - la realtà
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        e la realtà (quando non è inquinata dai

        finanziamenti dal famigerato monopolio

        microsoft) è che ad esempio un'intera
        citta

        della Germania risparmierà sui 100 $

        all'anno sostituendo lo windows presente
        su

        400 PC con un LINUX




        http://seattlepi.nwsource.com/business/97627_


        Immagino che oltre alle conclusioni ci sia
        anche il dettaglio di dove intendono
        risparmiare.... hai un link per favore...http://www.ibm.com/linux/RFG-LinuxTCO-vFINAL-Jul2002.pdf
  • Anonimo scrive:
    Porto la mia testimonianza
    Sono sistemista Unix e lavoro da 6 anni per una società di circa 40 dipendenti, il mio reddito è di circa 3000 euro.Un mio caro amico lavora per la stessa società da 8 anni e gestisce la rete e i server Windows, guadagna 2500 euro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Porto la mia testimonianza
      Nessuno dice che uno sia + bravo dell'altro, chi lavoro nel mondo unix è + pagato perchè è + "raro" e semplicemente si fa pagare di +!!La bravura e il reddito non vanno di pari passo...
      • Anonimo scrive:
        Ma quando mai
        Tutte balle, amico mio. Dipende da CHI ti assume e con quali mansioni. Posso farti esempi analoghi di sistemisti Unix/Linux che prendono molto meno di altri (che lavorano su piattaforme M$). Il tuo è un esempio, non un modello standardizzato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Porto la mia testimonianza
      - Scritto da: Anonimo
      Sono sistemista Unix e lavoro da 6 anni per
      una società di circa 40 dipendenti, il mio
      reddito è di circa 3000 euro.
      Un mio caro amico lavora per la stessa
      società da 8 anni e gestisce la rete e i
      server Windows, guadagna 2500 euro.Uhm... Netti mensili o lordi mensili ???Se sono netti, dimmi dove sei che ti mando il CV... ;-)In ogni caso, se lo studio voleva insinuare che i sistemisti MS costano meno perche' la facilita' d'uso del prodotto ne ha creati di piu', si sono tirati la zappa sui piedi, poiche' e' sotto gli occhi di tutti il risultato disastroso di una gestione MS in mano a ragazzini...Le persone qualificate le paghi comunque, siano esse esperte di UNix o di MS !!!
      • AlexBravo scrive:
        Re: Porto la mia testimonianza
        ancora una volta pienamente d'accordo.da una parte microsoft ha dato a tutti la possibilità di diventare "sistemisti".dall'altra ha reso chiara e netta la differenza tra i professionisti e gli "orecchianti".non distinguiamo tra sistemisti linux e sistemisti windows. distinguiamo tra professionisti e improvvisati.Informatici di tutto il mondo unitevi nella comune passione per i calcolatori!fine del comizio... ;)ciaoAlex - socio AIP www.aipnet.it
    • Anonimo scrive:
      NETTI o LORDI ????
      ... non hai specificato, sono troppo curioso... ;-))
  • Anonimo scrive:
    uno studio analogo
    beh... vediamo uno studio analogo, sicuramente meno "autorevole" e anche meno costoso, condotto da me stesso in un pomeriggio al convegno openmosix del cineca pubblicizzato anche su punto informatico.C'erano circa 250 persone, che con linux ci fanno grossi server mission critical in cluster. Si parla non solo di universita', ma anche di aziende che devono fornire soluzioni per cose apparentemente impensate (tipo: cluster di 6 macchine per gestire un server di quake 3 arena).Per tutta questa gente, non solo linux era insostituibile, ma windows non veniva preso nemmeno in considerazione, sia come costi, sia perche' e' in molti casi e' impossibile avere la stessa plasticita' di una soluzione linux.Certo, il fatto che se dai un calcio per terra salta fuori qualcuno che ti sa installare e configurare qualcosa su win2k, e' solo evidenza del fatto che qualcuno sa ragionare con la testa di chi ha fatto l'installer. Ma quando devi mettere le mani seriamente al tuo sistema, recuperarlo da un disastro, tenerlo sotto controllo, costruire complicate catene di esecuzione in modo semplice, non e' proprio la stessa cosa.Inoltre vorrei tanto sapere come e' possibile lavorare decentemente con un sistema server che non ti da' a disposizione la plasticita' e la velocita' di una cli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cerca di essere serio ed obiettivo..
      - Scritto da: Anonimo
      D'altronde paghi tasse per andare a scuola
      (asilo, elementari, medie inferiori e
      superiori, UNIVERSITA' [e quanto paghi...]),
      paghi per i libri di testo come per quelli
      degli esercizi ( non tirare fuori le
      copisterie, che comunque paghi ;-), se sei
      testone paghi anche lezioni private, se sei
      furbone paghi direttamente i docenti ed i
      voti sul libretto... mah!con calma... posso pagare per una istruzione che mi fornisce un titolo... ma se io voglio farmi una cultura personale in fisica delle particelle, vado in biblioteca o in libreria (se me lo voglio comprare) e studio. A questo proposito, sinceramente mi chiedo perche' la siae non abbia ancora proposto di chiudere le biblioteche...ma e' un altro punto.Il fatto e' che una volta che voglio applicare ed utilizzare queste nozioni, mi tocca utilizzare strumenti dal costo proibitivo, che mi tocca riacquistare ogni 3 anni, a volte meno, e che per l'uso che ne faccio da puro appassionato sono costi esorbitanti. Nondimeno, vado ad ingrassare una azienda monopolista. Se ci fosse un regime di concorrenza decente, non avrei nessun problema ad usare e imparare roba microsoft. Ma voglio un regime di libera concorrenza. Fino ad allora, non avranno mai il mio appoggio.
      Anche SUN, HP, IBM si fanno PAGARE, e molto
      profumatamente, tutto cio' che e' UNIX : HW
      (!!!!!!), SUPPORTO, corsi, documentazione,
      ecc. ecc.ed e' giusto, ma nel momento in cui io ho una alternativa che mi costa meno, perche' qualcuno me la deve uccidere e costringermi sul suo prodotto che mi costa molto di piu'?
      P.S. : il cluster parallelo probabilmente
      non interessa a MS poiche' non interessa al
      90% del suo targetpeccato che sui cluster ho trovato la preinstallazione di w2k server... ma e' stato un piacere asfaltarlo per una redhat 7.3 :)altrettanto peccato e' il fatto che il driver per il controller raid per redhat 7.3 viene fornito da intel, ma in un bel .exe autodecompattante... abbastanza seccante, visto che da noi non c'e' windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un po' piu' faceti...
        - Scritto da: munehiro
        - Scritto da: Anonimo

        D'altronde paghi tasse per andare a scuola

        (asilo, elementari, medie inferiori e

        superiori, UNIVERSITA' [e quanto
        paghi...]),

        paghi per i libri di testo come per quelli

        degli esercizi ( non tirare fuori le

        copisterie, che comunque paghi ;-), se sei

        testone paghi anche lezioni private, se
        sei

        furbone paghi direttamente i docenti ed i

        voti sul libretto... mah!

        con calma... posso pagare per una istruzione
        che mi fornisce un titolo... ma se io voglio
        farmi una cultura personale in fisica delle
        particelle, vado in biblioteca o in libreria
        (se me lo voglio comprare) e studio. A
        questo proposito, sinceramente mi chiedo
        perche' la siae non abbia ancora proposto di
        chiudere le biblioteche...ma e' un altro
        punto.
        Il fatto e' che una volta che voglio
        applicare ed utilizzare queste nozioni, mi
        tocca utilizzare strumenti dal costo
        proibitivo, che mi tocca riacquistare ogni 3
        anni, a volte meno, e che per l'uso che ne
        faccio da puro appassionato sono costi
        esorbitanti. Nondimeno, vado ad ingrassare
        una azienda monopolista. Se ci fosse un
        regime di concorrenza decente, non avrei
        nessun problema ad usare e imparare roba
        microsoft. Ma voglio un regime di libera
        concorrenza. Fino ad allora, non avranno mai
        il mio appoggio.Beh, ad essere onesti, anche sulla fisica delle particelle dovresti rimanere aggiornato, altrimenti ti bruciano subito, come pure dopo aver pagato per un titolo di studio ortodosso: sara' capitato anche a te di parlare con fior di dottoroni ed ingegneroni impegnati in carriere commerciali o dirigenziali e oramai totalmente superati nei loro rispettivi campi di studio.


        Anche SUN, HP, IBM si fanno PAGARE, e
        molto

        profumatamente, tutto cio' che e' UNIX :
        HW

        (!!!!!!), SUPPORTO, corsi, documentazione,

        ecc. ecc.

        ed e' giusto, ma nel momento in cui io ho
        una alternativa che mi costa meno, perche'
        qualcuno me la deve uccidere e costringermi
        sul suo prodotto che mi costa molto di piu'?Indovina un po', chiedilo a MS, SUN, IBM e HP: loro hanno qualcosa da vendere, noi campiamo implementando soluzioni...


        P.S. : il cluster parallelo probabilmente

        non interessa a MS poiche' non interessa
        al

        90% del suo target

        peccato che sui cluster ho trovato la
        preinstallazione di w2k server... ma e'
        stato un piacere asfaltarlo per una redhat
        7.3 :)Ehi, stavamo parlando di cluster paralleli, non HA !!E comunque, anch'io se trovassi i nodi di un cluster preinstallati con win2k server, me li braserei all'istante: infatti ci vuole Advanced Server per un cluster HA MS... ;-)Se devo certificarlo, me lo rifaccio da zero comunque, controllando tutto, altro che preinstallazione !
        altrettanto peccato e' il fatto che il
        driver per il controller raid per redhat 7.3
        viene fornito da intel, ma in un bel .exe
        autodecompattante... abbastanza seccante,
        visto che da noi non c'e' windows.Checcevoifa', la vita e' crudele e' si fa spesso beffe di noi ;-DCiao!
  • Mela Marcia scrive:
    Ehmm...
    L'altro ieri mi hanno chiamato per conoscere le spese per l'installazione di un server web con un database.. l'azienda concorrente presentava un server win2000 con oracle + manutenzione + supporto ecc.. costo 64.000 euro io 3 server linux in configurazione ad alta efficienza (con heartbeat ecc.. impossibile da buttare giu') + database postgreSQL + manutenzione + supporto ecc.. costo: 20.000 euro guadagno netto per me + di 17.000 euro e indovinate chi hanno scelto? dice il saggio: se m$ non avesse una fot***a paura di Linux non avrebbe bisogno di comprarsi la IDC PS chiunque abbia qualcosa da ridire o pensa che questi dati siano falsati mi assuma ;) ciaociaoo
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm...

      guadagno netto per me + di 17.000 euro e
      indovinate chi hanno scelto? 3000 Euro per tre server .... vai al risparmio..............
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm...
      Il maggior costo nella prima soluzione sta in oracle, poi bisogna vedere il tipo di sviluppo ecc ecc.Offri un'applicazione che fa le stesse identiche cose della prima??E forse non è chiaro ma il costo delle licenza iniziale e irrisorio rispetto al costo totale!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm...
      Oracle -
      postgresSQL....Non aggiungo altro, probabilmente i tuoi clienti non avevano grosse esigenze.CiaoAlessandroPS: Se avessi proposto Oracle su Linux ? le due soluzioni sarebbero state simili forse anche in termini di costo.
      • Mela Marcia scrive:
        Re: Ehmm...
        - Scritto da: Anonimo
        Oracle -
        postgresSQL....
        Non aggiungo altro, probabilmente i tuoi
        clienti non avevano grosse esigenze.
        Ciao
        Alessandro

        PS: Se avessi proposto Oracle su Linux ? le
        due soluzioni sarebbero state simili forse
        anche in termini di costo.il discorso e' proprio questo, su win si tende a preferire l'utilizzo di sw commerciale e ai sysadmin viene (frequentemente) insegnato a non prendere in considerazione l'Open Source, ovviamente bisogna decidere caso per caso ma spesso non c'e' motivo di scartare l'alternativa O/S.. in questo, date le esigenze del cliente (che preferiva spendere una cifra abbordabile, avere un sistema fault tolerant e non gli fregava nulla che una query impiegasse 2 nanosecondi in piu') la mia soluzione ha totalmente annichilito la concorrenza, la cosa divertente e' che nessuno su win riesce *MAI* a competere con me, a meno che per qualche motivo non si debba installare roba M$ (per i motivi che tutti conosciamo).. Devo ammettere che a volte succede il contrario, soprattutto con gli utenti di una certa eta' ed esperienza (passata su mainframe ibm o sparcstation) che rabbrividiscono solo a sentir nominare m$ saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Ehmm...
          Su questo non posso far altro che darti ragione.In questi termini ottieni tutto spendendo meno e, probabilmente, guadagnadoci di più (in consulenza).Spero che per il futuro il mondo informatico italiano prenda sempre di più la via "mista".Lasciamo Win sui client e installamo linux sui server.buona giornata anche a teAlessandro
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm...
      Tanto per capire!Che differenza di struttura c'è tra la tua azienda e quella dell'altro fornitore?Può essere che il cliente abbia fatto una scelta in base al fornitore e non alla tecnologia offerta?Caio.
  • lordsoth scrive:
    Ma si certo!
    Visto il potere di Microsoft, quasi sicuramente avrà fatto eseguire la ricerca presso aziende attentamente selezionate, lasciando come margine la possibilità di non sfatare completamente il modello Linux con quella piccola nota sui webserver..Tranquillamente tra poco faranno un'indagine sui browser e risulterà che nonostante tutto IE continua ad essere il browser più sicuro e meno buggato, perchè ogni giorno rilasciano nuove patch per correggere gli errori commessi anni fa...
  • fDiskolo scrive:
    Pubblicato?... dove?
    Scusate, ma dove sta lo studio sul sito della IDC?Ma soprattutto chi sono questi della IDC?
  • Anonimo scrive:
    L'importante e' sapere come stanno le co
    seQuella di Linux e' prima di tutto una scelta di liberta'. Ora sappiamo che costa di piu' ma e' come l'agricoltura biologica. Paghi di piu' per stare e fare meglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'importante e' sapere come stanno le co
      - Scritto da: Anonimo
      se
      Quella di Linux e' prima di tutto una scelta
      di liberta'. Ora sappiamo che costa di piu'
      ma e' come l'agricoltura biologica. Paghi di
      piu' per stare e fare meglio.Ma se non riesci neanche a riconoscerne la differenza....Paghi di più e basta....
  • DPY scrive:
    Un altro studio 'di parte'?
    Inizio a pensare che sarebbe ora di iniziare a relegare gli studi 'finanziati da una delle parti in causa nel posto che meritano, il cestino. Siamo stati letteralmente bombardati , fino ad ora, di studi commissionati da Microsoft o emessi da aziende pesantemente finanziate da Microsoft. Abbiamo esempi su esempi, inconfutabili da chiunque non abbia il prosciutto sugli occhi, che il marketing Microsoft spaccia affermazioni mirabolanti che alla lunga si rivelano bufale: basti pensare a come il prodotto del giorno viene dipinto con toni triopnfalistici fino a che è in vendita, e subito definito come inadeguato appena viene sostituito da uno successivo. Su questa base, prestare fede a uno studio commissionato da Microsoft mi pare un discorso da lucci che abboccano.E' ovvio che vale anche il contrario, solo che di studi finanziati da IBM o da Sun, non se ne vedono così tanti, e se escono non ricevono dai media la stessa attenzione che viene invece riservata all'ennesima puntata pro-MS.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un altro studio 'di parte'?

      successivo. Su questa base, prestare
      fede a uno studio commissionato da
      Microsoft mi pare un discorso da lucci che
      abboccano.Il problema è che gli studi costano; in questi studi sono presenti dati e cifre certe; poi se il risultato dello studio era contro MS probabilmente non lo avrebbero pubblicato...Non sono poi cosi' certo che questi studi si discostino molto dalla realta'
      • Anonimo scrive:
        Re: Un altro studio 'di parte'?
        In una azienda chi deve decidere su quale piataforma utilizzare e definire il budget, si affida ai propri tecnici e non certo agli studi IDC finanziati(comprati) da M$.se fosse chiaro a tutti che w2k è meno costoso è più affidabile di linux, non capisco l'utilità di questo "Studio"..Gates ha detto che il 90% del fatturato viene da windows.. minghia, se perde anche su i SO, allora è la fine per loro.Tè capì ??
      • _yoyo scrive:
        Re: Un altro studio 'di parte'?
        - Scritto da: Anonimo

        Il problema è che gli studi costano;ma va?ma guarda che non costano cifre esorbitanti come credi. in
        questi studi sono presenti dati e cifre
        certe;si ma l'interpretazione di tali cifre è facilmente manipolabile in funzione delle necessita di chi ha commissionato lo studio (e che lo finanzia). Non ci ha mai pensato? Credi che presenterebbero delle conclusioni che danneggiano la parte commissionante dello studio? poi se il risultato dello studio era
        contro MS probabilmente non lo avrebbero
        pubblicato...
        Bravo...pensi che dopo aver speso per la realizzazione dello studio MS si limiti a cestinarlo senza pensare a forzarne le conclusioni per trarne qualche vantaggio?
        Non sono poi cosi' certo che questi studi si
        discostino molto dalla realta'eh certo, mentre è ovvio che gli studi finanziati da una delle parti in causa sono il top della oggettività e il perfetto riflesso della realtà delle cose. un po naif non pensi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Un altro studio 'di parte'?

          si ma l'interpretazione di tali cifre è
          facilmente manipolabile in funzione delle
          necessita di chi ha commissionato lo studio
          (e che lo finanzia). Non ci ha mai pensato?Una delle cose belle di questi studi è che riportando i dati tu ti puoi trarre delle conclusioni...
          poi se il risultato dello studio era

          contro MS probabilmente non lo avrebbero

          pubblicato...


          Bravo...pensi che dopo aver speso per la
          realizzazione dello studio MS si limiti a
          cestinarlo senza pensare a forzarne le
          conclusioni per trarne qualche vantaggio?Hai appena detto che non costa molto.....
          • _yoyo scrive:
            Re: Un altro studio 'di parte'?
            - Scritto da: Anonimo


            si ma l'interpretazione di tali cifre è

            facilmente manipolabile in funzione delle

            necessita di chi ha commissionato lo
            studio

            (e che lo finanzia). Non ci ha mai
            pensato?

            Una delle cose belle di questi studi è che
            riportando i dati tu ti puoi trarre delle
            conclusioni...
            Si bravo..infatti l conclusioni che le ha tratte? Tu o la MS? E la gente che sente parlare di questo studio legge le tue di conclusioni o quelle che la MS vuole diffondere?

            poi se il risultato dello studio era


            contro MS probabilmente non lo
            avrebbero


            pubblicato...




            Bravo...pensi che dopo aver speso per la

            realizzazione dello studio MS si limiti a

            cestinarlo senza pensare a forzarne le

            conclusioni per trarne qualche vantaggio?

            Hai appena detto che non costa molto.....

            Che costi 1? o 1mio di ? non fa differenza dal momento che del denaro è stato speso, quindi mi pare quasi normale che si voglia avere un ritorno dell'investimento fatto...dunque perchè non produrre conclusioni che avvantaggiano la propria impresa e i propri prodotti?
      • DPY scrive:
        Re: Un altro studio 'di parte'?

        Il problema è che gli studi costano; in
        questi studi sono presenti dati e cifre
        certe; poi se il risultato dello studio era
        contro MS probabilmente non lo avrebbero
        pubblicato...Dissento fortemente sul discorso delle cifre certe , per un banalissimo motivo: lo studio parla di un calcolo del TCO di due soluzioni nell'arco di 5 anni. Windows 2000 non è presente sul mercato da 5 anni, e di conseguenza tutto lo studio non può basarsi su fatti certi, ma solo su previsioni.E' probabile che gli studi costino, ma di fronte a studi con elevatissimo rischio di essere di parte , e quindi non veritieri, a questo punto preferisco che questi studi non ci siano affatto, o perlomeno che vengano considerati per quello che sono, cioè di parte. Esistono studi, come quelli del Gartner Group, che non sono, almeno apertamente, finanziati dalle parti in causa: in passato sono stati pubblicati sia studi favorevoli a MS, sia delle solenni bocciature per MS e i loro prodotti, in ogni caso non è mai stato un lavoro a senso unico sempre favorevole o sfavorevole a un signolo produttore.
  • Anonimo scrive:
    Staff?
    Molti sistemisti MS sono scarponi che vanno per tentativi!Eì ovvio che costano poco, dovrebbero pagare loro per i danni che causano con la loro incompetenza!Personalmente ritengo che se un sistemista viene pagato di + è perchè lavora meglio degli altri e quindi tutto il discorso che MS costa meno è una bufala!
  • Anonimo scrive:
    Ah, si'. Altamente retribuito. Proprio.
    Direi che e' chiaro il punto debole dell'intero studio: il "tecnico altamente retribuito". Potra' essere vero li' dove hanno svolto lo studio, ma qui in Italia un sistemista prende circa un quinto di quanto prenderebbe una persona di pari competenze chesso', in Inghilterra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ah, si'. Altamente retribuito. Proprio.
      - Scritto da: Anonimo
      Direi che e' chiaro il punto debole
      dell'intero studio: il "tecnico altamente
      retribuito". Potra' essere vero li' dove
      hanno svolto lo studio, ma qui in Italia un
      sistemista prende circa un quinto di quanto
      prenderebbe una persona di pari competenze
      chesso', in Inghilterra.E allora? Non è certo uno studio fatto in Italia.....In America (dove è stato fatto lo studio) ci sono DBA Oracle da 90.000 $ l'anno e non sono neanche poi cosi' rari......Quindi il personale tecnico altamente retribuito esiste eccome....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ah, si'. Altamente retribuito. Proprio.
      Calcola anche che in Inghilterra quasi tutto costa almeno il doppio che in Italia... forse capisci anche perchè li pagano di più!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ah, si'. Altamente retribuito. Proprio.
        - Scritto da: Anonimo
        Calcola anche che in Inghilterra quasi tutto
        costa almeno il doppio che in Italia...
        forse capisci anche perchè li pagano di più!no no in italia i sistemisti linux vengono trattati comesemplici pezzenti anche se lavori nella mega IT companyper il semplice fatto che piu che le competenze ti serveun buco di culo grosso come una casa per fare questi mestieri
  • Anonimo scrive:
    membro dello staff altamente retribuito?
    In base a quale arcano motivo un sistemista Unix dovrebbe essere altamente retribuito rispetto ad un suo pari grado WIndows?Forse le certificazioni Microsoft sono gratuite? Ah, certo, evidentemente il sistemista se le paga di tasca propria...O forse un sistema Windows 2000 Enterprise Datacenter 24 processori lo configura la segretaria del capo quando ha finito di battere a macchina le lettere....O forse un sistema Windows é talmente perfezionato da non richiedere manutenzione? Magari solo un reboot di tanto in tanto, a discrezione degli utenti...
    • Anonimo scrive:
      Re: No, è solo colpa del tuo cervello
      Il discorso è che Windows 2000 lo sanno usare X persone, Unix lo sanno usare X/10 persone pertanto la legge della domanda e dell'offerta su cui si basa tutta l'economia fa alzare di tantissimo gli stipendi dei sistemisti Unix.
      • AlexBravo scrive:
        Re: No, è solo colpa del tuo cervello
        si, la risposta è tutta qui.ma se valutassimo i veri sistemisti windowsscopriremo che forse sono X/10 proprio come i sistemisti linux.se poi dobbiamo dircela tutta, io sono stufo di leggere curriculum di ex-web designer esuli della new-economy che si professano "sistemisti" o "tecnici informatici".basta!!!!Alex - socio AIP www.aipnet.it
    • AlexBravo scrive:
      Re: membro dello staff altamente retribuito?
      sono d'accordo. va premiata la professionalità.non il nozionismo. questa cosa mi ricorda tanto quando i sistemisti cominciarono a formarsi su windows. non c'erano più le schermate nere.quelle che ti facevano sentire un dio, quelle che o "conoscevi i comandi" o non eri nulla. allora il sapere era potere e i tecnici agivano di conseguenza. io sono il primo ad accusare microsoft di aver reso l'informatica un giochino. ma di fatto è un giochino per chi ci vuole giocare. rimane una cosa seria per chi ci si applica con dedizione e serietà. windows e linux che sia./a
  • Anonimo scrive:
    Più economico di.......
    Se installiamo un Linux Terminal Server, VMWare, una licenza windows e client diskless, ci ritroviamo con terminali grafici a bassissimo costo in grado di far girare applicazioni Linux e Windows. Tutta l'amministrazione e la gestione è centralizzata e non c'è modo di "sciupare" il software sulle Workstation.Se poi non abbiamo bisogno neppure di windows, si elimina anche vmware e la licenza di windows stessa.......trovatemi una configurazione più economica di questa su windows (anche dal punto di vista dell'amministrazione a beve e a lungo tempo)Per quanto riguarda l'amministratore di sistema, il costo è identico (non mi dite che i contratti nazionali di lavoro si differenziano tra linux e windows), la differenza la fa solo la capacità tecnica dell'amministratore stesso. (E' ovvio che gli amministratori capaci si fanno pagare, sia su windows che su unix-linux)P.S.1) Il terminale può essere anche un 486 con 32 mb ram, quindi si possono usare anche computer obsoleti ed usare computer nuovi per anni senza mai cambiare il parco macchine (escluso il server)2) Con un server dual processor e 2 Gb di ram si possono gestire tranquillamente 40 workstation grafiche3) Se si distribuisce il carico di lavoro, con il server del punto 2 si possono gestire un numero di workstation ben al di sopra di 403) Quando parlo di workstation grafiche intendo computer senza HD, CDROM e Floppy (con boot su eprom programmata dall'amministratore stesso o acquistata al prezzo di ca 20 Euro) ed installata su scheda rete4) Sulle workstation girano tranquillamente OOffice, Browser e tutto quello che voleteCiaoGianni
    • Alessandrox scrive:
      Re: Più economico di.......
      - Scritto da: Anonimo
      3) Quando parlo di workstation grafiche
      intendo computer senza HD, CDROM e Floppy
      (con boot su eprom programmata
      dall'amministratore stesso o acquistata al
      prezzo di ca 20 Euro) ed installata su
      scheda reteDove le trovo queste EEprom da mettere sulle sch. di rete?Vedo sempre uno spazio vuoto per accoglierle ma... il pezzo dove lo trovo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Più economico di.......

        Dove le trovo queste EEprom da mettere sulle
        sch. di rete?
        Vedo sempre uno spazio vuoto per accoglierle
        ma... il pezzo dove lo trovo?http://www.linuxcentral.com/http://www.disklessworkstations.com/http://www.uniqsys.com/Oppure ti compri la eprom vuota e la programmi. Il software da caricare te lo fai con questo programma:http://etherboot.sourceforge.net/Oppure, soluzione più semplice ed economica, ti fai un bootfloppy o ti costruisci l'immagine direttamente on linehttp://www.rom-o-matic.net/ In questo caso non è necessario avere la eprom, basta configurarti la scheda rete (on line) e il gioco è fatto.P.S. Ovviamente per far funzionare il tutto devi scaricarti il Linux Terminal Serverhttp://www.ltsp.org/Oppurehttp://k12ltsp.org/contents.html (la distribuzione RedHat 7.3, se non sbaglio, già configurata)Vedi anche (in Italiano):http://www.ltsp.org/documentation/ltsp-3.0-4-it.htmlCiaoGianni
      • DPY scrive:
        Re: Più economico di.......

        Dove le trovo queste EEprom da mettere sulle
        sch. di rete?
        Vedo sempre uno spazio vuoto per accoglierle
        ma... il pezzo dove lo trovo?Il boot remoto da rete è una caratteristica che esiste da molto tempo, si usava anche prima che uscisse Linux. Alcune schede, lo prevedono da sole a livello di Bios, per tutte le altre è possibile fare a meno della EPROM prevedendo un floppy di boot.
  • Anonimo scrive:
    Per flambert
    Flambert, il tuo vano tentativo di gettare discredito sull'open source è irrilevante.E non ti parlo da linuxaro, sul mio server c'è 2000 pro, ma da semplice "conoscitore" di sistemi operativi.Io provengo da OS/2 (dal quale, vorrei rammentarti, MicroSoft ha maldestramente "rubato" il codice per fare Windows NT) che dava (e ne da ancora a mio giudizio) filo da torcere anche ai vari *NIX (a livello di stabilità/performances/usabilità/prezzo).Comunque, desisti dal tuo inutile tentativo perché la filosofia open source sta dilagando ed è inarrestabile per un semplice motivo: è sinonimo di libertà.Nessuno può vivere senza libertà (il carcere, infatti, è considerato una pena sostitutiva della condanna capitale) !E questo non c'entra nulla con economia, prezzi e tutte queste baggianate: NULLA !La libertà è così importante che ti permette anche di scegliere fra open e closed, nessuno ti forza.
    • Flambert scrive:
      Re: Per flambert
      - Scritto da: Anonimo
      Flambert, il tuo vano tentativo di gettare
      discredito sull'open source è irrilevante.Ho mai detto che Linux fa schifo?
      E non ti parlo da linuxaro, sul mio server
      c'è 2000 pro, ma da semplice "conoscitore"
      di sistemi operativi.Oh, finalmente un esperto.
      Io provengo da OS/2 (dal quale, vorrei
      rammentarti, MicroSoft ha maldestramente
      "rubato" il codice per fare Windows NT) che
      dava (e ne da ancora a mio giudizio) filo da
      torcere anche ai vari *NIX (a livello di
      stabilità/performances/usabilità/prezzo).Però è scomparso nella notte dei tempi, schiacciato dal mercato.
      Comunque, desisti dal tuo inutile tentativo
      perché la filosofia open source sta
      dilagando ed è inarrestabile per un semplice
      motivo: è sinonimo di libertà.A parte la solita tiritera girotondina sulla libertà dei sistemi Open Source, io non vedo proprio sto dilagare. Ma forse ti rifersici alle recenti alluvioni...
      Nessuno può vivere senza libertà (il
      carcere, infatti, è considerato una pena
      sostitutiva della condanna capitale) !Evviva.
      E questo non c'entra nulla con economia,
      prezzi e tutte queste baggianate: NULLA !Ah no? E, tornando al tuo paragone col sistema carcerario, che mi dici del patteggiamento o della cauzione?
      La libertà è così importante che ti permette
      anche di scegliere fra open e closed,
      nessuno ti forza.Grazie per la profonda lezione di morale.Pensi di registrarti al forum di PI? Ti suggerisco il nick Silvio_Pellico. Pensaci.Omaggi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per flambert
        Ho letto tutti i tuoi post... certo che ne hai di rispetto per la gente...Paguro
      • Anonimo scrive:
        Re: Per flambert
        - Scritto da: Flambert[ taglio ]
        Però è scomparso nella notte dei tempi,
        schiacciato dal mercato.Scomparso per la decisione di IBM di segarlo. Non diamo a 'sto fantomatico mercato colpe che non ha, poraccio.
        • Flambert scrive:
          Re: Per flambert

          [ taglio ]

          Però è scomparso nella notte dei tempi,

          schiacciato dal mercato.

          Scomparso per la decisione di IBM di
          segarlo. Non diamo a 'sto fantomatico
          mercato colpe che non ha, poraccio.Secondo te perchè IBM avrebbe deciso di segarlo?Omaggi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per flambert
            - Scritto da: Flambert
            Secondo te perchè IBM avrebbe deciso di
            segarlo?Calcoli sbagliati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per flambert
      Scusa sul tuo server c'e' Win2000 pro? Immagino che serverone con 10 connessioni!!!Io
    • Anonimo scrive:
      Re: Per flambert
      - Scritto da: Anonimo
      Comunque, desisti dal tuo inutile tentativo
      perché la filosofia open source sta
      dilagando ed è inarrestabile per un semplice
      motivo: è sinonimo di libertà.
      Nessuno può vivere senza libertà (il
      carcere, infatti, è considerato una pena
      sostitutiva della condanna capitale) !
      E questo non c'entra nulla con economia,
      prezzi e tutte queste baggianate: NULLA !

      La libertà è così importante che ti permette
      anche di scegliere fra open e closed,
      nessuno ti forza.Hai ragione, oggi non si e' liberi di scegliere un sistema operativo diverso da Windows, l'unica scelta potrebbe essere OSX, io potrei tranquillamente lavorare anche su quel sistema operativo visto che tutte le applicazioni che uso ci girano (a parte i giochi, specie quelli che piacciono in casa), ma anche li si e' costretti ad acquistare un HW poco performante che non va daccordo con le mie esigenze.Ho montanto il primo linux, slack 2.34, diversi anni fa e periodicamente lo butto su una partizione per vedere un po i progressi di questo OS che prometteva benissimo gia' 8 anni fa ma che oggi e' maturato poco o nulla per un uso diverso dal server.Per il resto sotto 2000 mi trovo benissimo e l'unico motivo che mi porterebbe ad usare un altro OS e' la curiosita'.Sarebbe bello se esistesse un alternativa senza nemmeno il bisogno di averla gratis visto che in confronto a tutto il software che ho, windows costa una sciocchezza.Divertito
    • Zeross scrive:
      Re: Per flambert
      - Scritto da: Anonimo
      Io provengo da OS/2 (dal quale, vorrei
      rammentarti, MicroSoft ha maldestramente
      "rubato" il codice per fare Windows NT) cheTsk... è un vero peccato che tu conosca così male la storia.Innanzitutto OS/2 è stato sviluppato inizialmente da Microsoft.All'epoca si stava preparando la versione 3.0, quando MS si accorse che tutto sommato Windows non vendeva proprio male, quindi decise di fare un sistema operativo simile orientato verso la clientela business.Quando dopo poco poi ci fu la rottura tra MS e IBM ognuno si prese la copia dei sorgenti sviluppati (insieme) per OS/2 3.0 fino a quel momento e se andò per la sua strada.Il marchio OS/2 rimase a IBM (anche perchè a MS non interessava), mentre MS integrò parte delle codice che aveva sviluppato per OS/2 in quello che sarebbe diventato WinNT.Da qui a dire "rubato" ce ne corre...Zeross
      • Anonimo scrive:
        Re: Per flambert
        Per favore, non diciamo troiate!!!! OS/2 è ed è sempre stato un sistema IBM, tant'è che la versione 1.3 aveva a bordo un EMULATORE windows, a quel punto l'amico Bill per evitare di finire trombato ha stretto un accordo di collaborazione, e nella la versione 2.0 (la peggiore mai uscita sul mercato) c'era win 3.11 nativo e tutta una serie di cosette suggerita da MS. Dopodic, messe le mani sui source l'accordo è andato a putt e l'amico si è fatto NT 3. Quanto al fantomatico mercato, OS/2 te lo dovevi cercare dal rivenditore IBM, win95 te lo cacciavano in corpo comperando un qualsiasi pc. Indovinate chi è sopravissuto???
        • Anonimo scrive:
          Re: Per flambert
          Confermo quello deto da zeross OS/2 fu sviluppato congiuntamente doi MS e IBM---
        • Zeross scrive:
          Re: Per flambert

          Per favore, non diciamo troiate!!!! OS/2 è
          ed è sempre stato un sistema IBM, tant'è cheSe ti fa comodo credere che sia così pensalo pure... francamente me ne sbatto e vivo bene lo stesso anche se tu vuoi credere alla favoletta che ti sei inventato... bye byeZeross
  • Anonimo scrive:
    Serieta' e Professionalita'
    Non voglio accendere le solite diatribe tra sostenitori di linux o windows ( che comunque non tarderanno ad arrivare ): vorrei solo essere obbiettivo...(Tra l'altro, se anche fosse vero che il TCO degli os MS sia inferiore a quello di Linux, vorrei che sia un ente libero ed indipendente ad affermarlo, non una societa' pagata da MS...)Il punto cruciale della questione sul TCO e' proprio nel finale dell'articolo: supponendo che il TCO di windows sia inferiore, quali altri vantaggi presenterebbe Windows rispetto a Linux ?Piu' flessibilita' ? Piu' sicurezza ? ? Piu' colori ???Un'analogia: fare a meno della meta' dei pc in azienda dimezza il TCO, ma che vantaggi/svantaggi puo' dare ?Il fatto che un sistema software costi meno in manutenzione che in acquisto puo' spiegarsi in diversi modi: o il software e' molto robusto ed affidabile, oppure semplicemente la manodopera e' piu' abbondante ed a buon mercato...Ognuno puo' pensare cio' che vuole: io i conti sul TCO me li faccio da solo, e ci metto dentro il vantaggio competitivo della professionalita' di chi ha studiato per poter amministrare server e client, di chi non si e' improvvisato perche' sa schiacciare dei bottoni nell'ordine giusto...Just my ?0.02
    • Flambert scrive:
      Re: Serieta' e Professionalita'

      quali
      altri vantaggi presenterebbe Windows
      rispetto a Linux ?

      Piu' flessibilita' ? Indubbiamente, non c'è nemmeno da discuterne
      Piu' sicurezza ? Solo una questione di diffusione
      Piu' colori ???In senso lato, sicuramente.Omaggi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Serieta' e Professionalita'


        Piu' flessibilita' ?

        Indubbiamente, non c'è nemmeno da discuterneSeeeeeee tipica dimostrazione di chi non ha mai avuto a che fare seriamente con la politica di licensing di microsoft...Prima prova a decifrare i listini di microsoft, e poi ne riparliamo ok ? Anonimo commerciale - estereffato dalle cangianti mutazioni delle licenze microsoft...
        • Flambert scrive:
          Re: Serieta' e Professionalita'

          Seeeeeee tipica dimostrazione di chi non ha
          mai avuto a che fare seriamente con la
          politica di licensing di microsoft...Non mi sembrava si stesse parlando esplicitamente di licenze. Su quello posso essere d'accordo.
          Prima prova a decifrare i listini di
          microsoft, e poi ne riparliamo ok ? Li so decifrare, grazie. E decisamente non sono chiari. Omaggi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Serieta' e Professionalita'
      - Scritto da: Anonimo
      (Tra l'altro, se anche fosse vero che il TCO
      degli os MS sia inferiore a quello di Linux,
      vorrei che sia un ente libero ed
      indipendente ad affermarlo, non una societa'
      pagata da MS...)Una societa' seria si presuppone.. contrariamente a quanto potrebbero pensare tutti i linuxari convinti, MS non si potrebbe permettere di fare un sondaggio comprando le percentuali, salterebbe fuori sicuramente.
      Il punto cruciale della questione sul TCO e'
      proprio nel finale dell'articolo: supponendo
      che il TCO di windows sia inferiore, quali
      altri vantaggi presenterebbe Windows
      rispetto a Linux ?

      Piu' flessibilita' ? Piu' sicurezza ? ? Piu'
      colori ???Flessibilita'. Per la sicurezza ti rimando alla notizia di due giorni fa.
      Un'analogia: fare a meno della meta' dei pc
      in azienda dimezza il TCO, ma che
      vantaggi/svantaggi puo' dare ?

      Il fatto che un sistema software costi meno
      in manutenzione che in acquisto puo'
      spiegarsi in diversi modi: o il software e'
      molto robusto ed affidabile, oppure
      semplicemente la manodopera e' piu'
      abbondante ed a buon mercato...Costa meno perche' e' piu' facile e di conseguenza al minimo problema con linux ti ritrovi a chiamare il mega-amministratore, cosa che avviene con windows in caso di gravi problemi.
      Ognuno puo' pensare cio' che vuole: io i
      conti sul TCO me li faccio da solo, e ci
      metto dentro il vantaggio competitivo della
      professionalita' di chi ha studiato per
      poter amministrare server e client, di chi
      non si e' improvvisato perche' sa
      schiacciare dei bottoni nell'ordine
      giusto...

      Just my ?0.02Meno male!!!!!!!Non vedo perche' se una cosa si fa con due click di mouse bisogna scomodare un mega-amministratore.... mica ha studiato tutti quegli anni per fare cose cosi stupide... non credi?Divertito
      • TeX scrive:
        Re: Serieta' e Professionalita'
        - Scritto da: Anonimo.....
        Non vedo perche' se una cosa si fa con due
        click di mouse bisogna scomodare un
        mega-amministratore.... mica ha studiato
        tutti quegli anni per fare cose cosi
        stupide... non credi?E poi ci si ritrova con le macchine configurate a capocchia...
        • Anonimo scrive:
          Re: Serieta' e Professionalita'
          - Scritto da: TeX

          - Scritto da: Anonimo
          .....

          Non vedo perche' se una cosa si fa con due

          click di mouse bisogna scomodare un

          mega-amministratore.... mica ha studiato

          tutti quegli anni per fare cose cosi

          stupide... non credi?

          E poi ci si ritrova con le macchine
          configurate a capocchia...ma le statistiche danno windows + sicuro :)Divertito
          • TeX scrive:
            Re: Serieta' e Professionalita'
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: TeX

            ....

            E poi ci si ritrova con le macchine

            configurate a capocchia...

            ma le statistiche danno windows + sicuro :)Lo sai che il 90% delle statistiche sono inesatte ? :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Serieta' e Professionalita'
            - Scritto da: TeX

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: TeX



            ....


            E poi ci si ritrova con le macchine


            configurate a capocchia...



            ma le statistiche danno windows + sicuro
            :)

            Lo sai che il 90% delle statistiche sono
            inesatte ? :-)Compresa la tua? :)
          • BSD_like scrive:
            Re: Serieta' e Professionalita'
            È talmente sicuro windows* che M$ ad Hotmail usa nei firewalls FreeBSD, idem sui server DNS.L'unico riconoscimento che win* ha ottenuto sulla sicurezza è sul protocollo TCP/IP di win2000, che guarda caso è sempre "rubato" a FreeBSD.
          • Anonimo scrive:
            Re: Serieta' e Professionalita'
            - Scritto da: BSD_like
            È talmente sicuro windows* che M$ ad Hotmail
            usa nei firewalls FreeBSD, idem sui server
            DNS.naturale, quei servers sono stati fatti anni or sono.
            L'unico riconoscimento che win* ha ottenuto
            sulla sicurezza è sul protocollo TCP/IP di
            win2000, che guarda caso è sempre "rubato" a
            FreeBSD.A casa mia, quando qualcuno ruba e lo scoprono, passa i guai. Meglio essere chiari, cosa intendevi per "rubare"?
  • flamby scrive:
    Legnate su legnate
    Ma continuano a negare l'evidenza. Buona fortuna agli Open di mentalità, ne avranno bisogno nel prossimo futuro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Legnate su legnate
      - Scritto da: flamby
      Ma continuano a negare l'evidenza.un articolo che dice una cosa rappresenta l'evidenza?e se ne trovo un altro che dice il contrario?però deve essere bello, vivere così...
      • flamby scrive:
        Re: Legnate su legnate
        Non è un articolo, sono vari articoli. Su PI e altrove. Chiedi in giro, prima di risvegliarti dal sogno.
        • Alessandrox scrive:
          Re: Legnate su legnate
          - Scritto da: flamby
          Non è un articolo, sono vari articoli. Su PI
          e altrove. Chiedi in giro, prima di
          risvegliarti dal sogno._____________________________________Linux, secondo IDC, pagherebbe dunque il fatto di essere approdato sul mercato enterprise solo in tempi recenti, e di non disporre ancora di sistemi di gestione all'altezza di quelli a disposizione per la piattaforma Windows. L'autorevole società di analisi fa in ogni caso notare che questo tipo di software sta maturando in fretta anche su Linux, e a tal proposito cita tool come BMC Patrol, CA Unicenter, HP OpenView, IBM Tivoli, NetIQ e Novell Zenworks.Gillen ha poi affermato come il TCO "non è l'unico parametro da considerare quando si deve decidere quale sistema operativo scegliere". --------------------------------------------------------------Oltre al fatto che si tratta di uno studio commissionato da M$ e quindi non esattamente super partes.
      • Anonimo scrive:
        Re: Legnate su legnate
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: flamby

        Ma continuano a negare l'evidenza.

        un articolo che dice una cosa rappresenta
        l'evidenza?
        e se ne trovo un altro che dice il contrario?
        però deve essere bello, vivere così...Ma scritto da qualcuno che ha un nome non da tua sorella ... mi raccomando....
  • Anonimo scrive:
    mumble mumble
    "Un recente studio pubblicato da IDC, e commissionato da Microsoft," partiamo già male :)"Di queste cinque, Linux risulterebbe effettivamente più economico in una sola area: quella dei Web server, dove mostra costi più bassi del 6%. In tutti gli altri campi applicativi, il TCO di Windows 2000 risulta migliore di quello dell'avversario di una percentuale compresa fra l'11% e il 22%." uhm. questo vuol dire che se, per esempio, io ho 5 pc nel mio ufficio, installare e mantenere windows mi costerebbe meno che installare e mantenere linux? secondo me, nel soho, costa ancora meno linux."la porzione maggiore dei costi di possesso sarebbe infatti rappresentata per il 62,2% dalla retribuzione del personale tecnico e per il 23,1% dai tempi di fermo macchina (downtime)." è vero. ma non ditemi che linux è più esposto a downtime che windows! sul personale tecnico hanno anche ragione, in quanto trovare un tecnico preparato sui sistemi unix è più difficile che trovarne uno su windows. ma secondo me questo dipende solo dalla diffusione sul mercato dei due sistemi: se cambierà, cambieranno anche i costi del personale competente in *ux."Pensateci. Quanto ci mettete a sorpassare il costo del software quando avete un membro dello staff altamente retribuito che amministra il sistema?". Sì, ma questo non è sempre vero. Non è obbligatorio assumere un sistemista per mantenere una workstation, una rete, un server linux. Sopratutto se le macchine sono per uso soho. Se sono per usi altamente professionali, il sistemista lo devi assumere anche se usi windows. Può essere vero che costi di meno..."il sistema operativo di Microsoft dispone di strumenti di gestione e amministrazione più maturi e facili da usare." E' vero. Gli strumenti di configurazione di windows sono facili da usare ed efficaci. Tranne quando (raramente, peraltro) si mettono a fare quello che ne hanno voglia. Allora non c'è modo di rimettere a posto configurazione di driver, di registro, di iis o che altro. La soluzione è reinstallare.Comunque questo è un punto a vantaggio di windows.Bisogna però vedere quanto alla fine questo influisce sui costi, in ogni caso. Se il cliente non sa usare nemmeno gli administrative tools, tanto valeva usare il sistema più difficile."Gillen ha poi affermato come il TCO "non è l'unico parametro da considerare quando si deve decidere quale sistema operativo scegliere". Oops! Battuta fuori copione?" L'hai detto! :)Ciao.
    • Flambert scrive:
      Re: mumble mumble

      secondo me questo dipende
      solo dalla diffusione sul mercato dei due
      sistemi: Solo?
      se cambierà, Non cambierà.
      cambieranno anche i
      costi del personale competente in *ux.Max eTux?Omaggi.
      • Anonimo scrive:
        Re: mumble mumble
        - Scritto da: Flambert

        secondo me questo dipende

        solo dalla diffusione sul mercato dei due

        sistemi:

        Solo?Principalmente. Imho dipende anche dal fatto che le p.a. e le università italiano sono molto molto ms-dependent. E questo crea un circolo vizioso.Ci saranno anche altri motivi. Se ti va, esponili.

        se cambierà,

        Non cambierà.Perchè leggere allora? Sai già tutto.

        cambieranno anche i

        costi del personale competente in *ux.

        Max eTux?E solo una battuta o ha anche un significato nella discussione?Ciao.
        • Flambert scrive:
          Re: mumble mumble



          secondo me questo dipende


          solo dalla diffusione sul mercato dei
          due


          sistemi:



          Solo?

          Ci saranno anche altri motivi. Se ti va,
          esponili.Intendo dire che l'essere diffusi sul mercato (con percentuali schiaccianti ed irribaltabili) è già molto, non credo ci sia bisogno di altri motivi.Omaggi.
          • Anonimo scrive:
            Re: mumble mumble

            Intendo dire che l'essere diffusi sul
            mercato (con percentuali schiaccianti ed
            irribaltabili) 1) Non puoi sapere quanti linux sono instalati, l'unica cosa che si può realmente sapere è quanti server linux esistono in rete (e sono tantissimi)2) Non ho idea di che lavoro fai, io lavoro in un CED di un amministrazione pubblica, ho fatto assistenza (per parecchi anni) ad CED di ASL e amministrazioni varie e ho lavorato in una scuola. Ti assicuro che i server linux si stanno sempre più diffondendo.tanto per farti qualche esempio, sulla rete ti sarai accorto che molti server importanti usano linux (o sistemi unix)......saranno tutti dei cretini o ci saranno delle motivazioni?http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www.google.ithttp://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www.google.comhttp://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www.altavista.comhttp://uptime.netcraft.com/up/today/requested.htmlCiaoGianni
          • TaGoH scrive:
            Re: mumble mumble

            1) Non puoi sapere quanti linux sono
            instalati, l'unica cosa che si può realmente
            sapere è quanti server linux esistono in
            rete (e sono tantissimi)Certo, ma non è il numero che conta, è la percentualedi diffusione.
            2) Non ho idea di che lavoro fai, io lavoro
            in un CED di un amministrazione pubblica,
            ho fatto assistenza (per parecchi anni) ad
            CED di ASL e amministrazioni varie e ho
            lavorato in una scuola. Ti assicuro che i
            server linux si stanno sempre più
            diffondendo.Nella PA non ho esperienza, ma nelle scuole si,e li o trovi windows o gli unix dei MainFrame deicentri di calcolo.Per linux c'è poco spazio.Anche se in alcuni ambiti come dice lo stesso rapportoIDC
            tanto per farti qualche esempio, sulla rete
            ti sarai accorto che molti server importanti
            usano linux (o sistemi unix)......saranno
            tutti dei cretini o ci saranno delle
            motivazioni?
            http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www
            http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www
            http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www
            http://uptime.netcraft.com/up/today/requestedMi sembra infatti che il rapporto indichi proprio comesu i server Web Server il TOC di linux sia inferiore.Quindi è stato scelto.
          • Anonimo scrive:
            Re: mumble mumble

            1) Non puoi sapere quanti linux sono
            instalati, l'unica cosa che si può realmente
            sapere è quanti server linux esistono in
            rete (e sono tantissimi)
            2) Non ho idea di che lavoro fai, io lavoro
            in un CED di un amministrazione pubblica,
            ho fatto assistenza (per parecchi anni) ad
            CED di ASL e amministrazioni varie e ho
            lavorato in una scuola. Ti assicuro che i
            server linux si stanno sempre più
            diffondendo.Grazie anche alle persone come te che lo promuovono... se il sondaggio di oggi e quello dell'altro ieri sono esatti, si ritroveranno con dei costi piu' elevati e minor sicurezza.
            tanto per farti qualche esempio, sulla rete
            ti sarai accorto che molti server importanti
            usano linux (o sistemi unix)......saranno
            tutti dei cretini o ci saranno delle
            motivazioni?
            http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www
            http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www
            http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www
            http://uptime.netcraft.com/up/today/requested

            Ciao
            GianniUnix ha sempre gestito servers ma le cose stanno cambiando. Windows sta guadagnando sempre piu' consensi.Non conosco le percentuali e sinceramente poco mi importano ma windows dovrebbe detenere la quota superiore se si considerano i vari dialetti unix. Anni fa le cose erano ben diverse.
          • TeX scrive:
            Re: mumble mumble
            - Scritto da: Anonimo....
            Grazie anche alle persone come te che lo
            promuovono... se il sondaggio di oggi e
            quello dell'altro ieri sono esatti, si
            ritroveranno con dei costi piu' elevati e
            minor sicurezza.E se sono inesatti ?
  • Anonimo scrive:
    Perizia di parte
    "Un recente studio pubblicato da IDC, e commissionato da Microsoft, [...] "questo spiega tutto. Ennesima perizia di parte, semplicemente da ignorare.
    • Flambert scrive:
      Re: Perizia di parte

      questo spiega tutto. Ennesima perizia di
      parte, semplicemente da ignorare.Certo.Torna a giocare ad Harry Potter con la tua Mandrake.Omaggi.
    • maks scrive:
      Re: Perizia di parte

      "Un recente studio pubblicato da IDC, e
      commissionato da Microsoft, [...] "

      questo spiega tutto. Ennesima perizia di
      parte, semplicemente da ignorare.invece redhat ,IBM, Sun e tutti gli altri, gli studi non li commissionano a delle societa' apposite, esperte in quel settore, assumono gente per farseli in casa....sai il significato della parola committente ?O forse se io pago una societa per farmi revisionare i bilanci e' implicito che io li stia corrompendo?MS fa software non fa studi statistici, e' ovvio che li commissioni a qualcun altro...che poi lo studio sia credibile o meno, affidabile o meno e' un'altra cosa... ma basarsi solo sul fatto che sia stato commissonato fa ridere....tra l'altro ovviamente senza averlo neanche letto... o sbaglio?ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Perizia di parte
        .............................sai il significato della parola committente ? O forse se io pago una societa per farmi revisionare i bilanci e' implicito che io li stia corrompendo?...................... chiedi alla Arthur Andersen, la società di revisione che ha approvato i bilanci EnronWorldCom.....................
  • enzogupi scrive:
    5 anni con Win2000.... come hanno fatto?
    A me sembra che win2000 sia in giro da un po' meno tempo.:)
  • Anonimo scrive:
    Basta licenziare chi costa troppo...
    ...come è successo a me: licenziato perché troppo oneroso per l'azienda e sostituito da persona che arriva da una regione che gode di notevoli esenzioni fiscali e finanziamenti statali ed europei, e che grazie a tutto questo può permettersi di farsi pagare meno.
  • Anonimo scrive:
    E serviva uno studio per capirlo?
    Le ore e ore x "digerirsi" linux costano!Per non parlare poi del falso mito del sw privo di bug o più leggero.Senza considerare la mancanza di applicativi sullo stesso livello di quelli di win e mac (specie quelli grafici).
    • ldsandon scrive:
      Re: E serviva uno studio per capirlo?
      Più leggero è sicuro, prova a far girare 2000 Server su macchine non proprio recenti.È sicuramente più difficile da amministare, ma anche amministrare bene Windows non è uno scherzo e un buon amministratore di reti Windows costa parecchio comunque.Windows si riesce a farlo funzionare comunque perché ha una interfaccia un po' più amichevole, e molti default (male) impostati. Solo che tutti quei sistemi Windows male amministrati sono il bersaglio preferito di hacker e cracker.Ad esempio lo stesso discorso vale per Oracle: amministrare Oracle è molto più difficile che amministrare SQL Server, ma la maggiore complessità è compensata da una maggiore scalabilità e possibilità di tuning.
      • Flambert scrive:
        Re: E serviva uno studio per capirlo?

        Più leggero è sicuro, prova a far girare
        2000 Server su macchine non proprio recenti.Questi esperimenti da nerd sono solo fini a se stessiOmaggi.
        • Anonimo scrive:
          Re: E serviva uno studio per capirlo?
          -
          Questi esperimenti da nerd sono solo fini a
          se stessiihihihi...ecco un altro stupido troll che regala lo stipendio a zio bill...lo zio ringrazia ed accumula :))
          • Flambert scrive:
            Re: E serviva uno studio per capirlo?
            - Scritto da: Anonimo

            -
            Questi esperimenti da nerd sono solo
            fini a

            se stessi


            ihihihi...ecco un altro stupido troll che
            regala lo stipendio a zio bill...
            lo zio ringrazia ed accumula :))Certo.Torna pure ad installarti Debian sul tuo Casio.Omaggi.
        • ldsandon scrive:
          Re: E serviva uno studio per capirlo?
          Sei così maleducato da non meritare una risposta, comunque:Probabilmente lavori in un posto dove sono ricchissimi e non hanno problemi di hardware e cambiano tutti i server ogni due anni. Io non sono così fortunato e grazie a Linux sono riuscito a "recuperare" macchine non recentissime da utilizzare per i compiti più svariati, che svolgono tranquillamente. Abbiamo risparmiato qualcosa in licenze e nuovo hardware, potendo di conseguenza spendere di più per altro materiale, spesso anche marchiato Microsoft.Spiacente per te, non sono uno studentello che gioca con Linux, ma un professionista (per di più certificato Microsoft) che sceglie valutando con attenzione pro e contro, e non per partito preso, come, probabilmente, fai tu.
    • Anonimo scrive:
      Re: E serviva uno studio per capirlo?
      - Scritto da: Anonimo

      Le ore e ore x "digerirsi" linux costano!
      Per non parlare poi del falso mito del sw
      privo di bug o più leggero.Se si risparmia sui sistemisti, che siano questi di Linux oWindows, non penso si ottenga un gran risultato. Lacompetenza si paga, ma di solito non ci si pente di averlispesi quando ci sono problemi seri.
      Senza considerare la mancanza di applicativi
      sullo stesso livello di quelli di win e mac
      (specie quelli grafici).Non si discute la maggiore reperibilita` di applicativi ma ilcosto di gestione di server Linux o Windows.
    • _yoyo scrive:
      Re: E serviva uno studio per capirlo?
      - Scritto da: Anonimo

      Le ore e ore x "digerirsi" linux costano!
      Per non parlare poi del falso mito del sw
      privo di bug o più leggero.
      Senza considerare la mancanza di applicativi
      sullo stesso livello di quelli di win e mac
      (specie quelli grafici).Mentre uno studio mandatato guarda caso da MS ad una impresa scelta ad hoc e che definisce vincente win è da prendersi come verità assoluta e oggettiva?mi sembra un po grottesco!
    • TeX scrive:
      Re: E serviva uno studio per capirlo?
      - Scritto da: Anonimo

      Le ore e ore x "digerirsi" linux costano!Invece le ore per digerirsi Win sono gratis ?
      Per non parlare poi del falso mito del sw
      privo di bug o più leggero.Dipende da cosa ci installi.Con Linux puoi scegliere. Con Windows molto meno.
      Senza considerare la mancanza di applicativi
      sullo stesso livello di quelli di win e mac
      (specie quelli grafici).Beh, se stai facendo una comparazione fra sistemi operativi è evidente che il software che ti serve esiste su tutti...... Altrimenti stai solo perdendo tempo....
Chiudi i commenti