Svezia, banda larghissima per tutti

Entro il 2020 il 90 per cento degli svedesi navigherà a 100 mbps. In previsione di un futuro iperconnesso

Roma – Nei prossimi anni la Scandinavia sarà la regione in cui, con molta probabilità, si disporrà delle connessioni più veloci per la maggioranza dei cittadini. Dopo la Finlandia anche la Svezia sta pianificando di connettere a 100 mbps almeno il 90 per cento della popolazione entro il 2020.

Il governo svedese prevede di attuare un piano a lungo termine per estendere la connettività anche nella lande più inospitali del territorio nazionale. Una prima tappa è stata fissata per il 2015, quando almeno il 40 per cento della popolazione dovrà essere connessa a 100 mbps.

Certo non si parla di diritto alla Rete come in Finlandia, tuttavia il potenziamento delle infrastrutture dovrebbe preparare la Svezia al profilo che Internet assumerà nei prossimi anni: la maggior parte dei servizi offerti ai cittadini avranno una sua interfaccia telematica. Per accogliere la mole di traffico l’allargamento della banda appare dunque inevitabile.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    NON VOGLIO TROLL
    Nessun sistema è invulnerabile, se viene lasciato aperto su di esso un sistema di telegestione e ne viene resa pubblica la chiave.Se sostenete il contrario, morirete fra atroci sofferenze.
    • MeX scrive:
      Re: NON VOGLIO TROLL
      tutto bene... peró "telegestione"... LOL :D
    • ruppolo scrive:
      Re: NON VOGLIO TROLL
      - Scritto da: Nome e cognome
      Nessun sistema è invulnerabile, se viene lasciato
      aperto su di esso un sistema di telegestione e ne
      viene resa pubblica la
      chiave.Nessuna cassaforte è sicura se la chiave è resa pubblica (ad esempio appesa sullo sportello).
      Se sostenete il contrario, morirete fra atroci
      sofferenze.No no, hai ragione!
  • alexjenn scrive:
    Per i detrattori
    Per coloro che dicono che Android è meglio perché aperto, cominciate a installare software di protezione.
    • SonoIO scrive:
      Re: Per i detrattori
      - Scritto da: alexjenn
      Per coloro che dicono che Android è meglio perché
      aperto, cominciate a installare software di
      protezione.Non ho Android ma secondo me non il tuo commento non c'entra nulla con questa vicenda se l'articolo è corretto. I possessori di apparati Android non devono craccare nulla (installando magari software "pericolosi" come SSH senza sapere cosa fanno) per avere il pieno controllo del loro device.Comunque è colpa di chi fa il software di crack o di chi lo usa senza sapere cosa fa, Apple non c'entra granché.
      • Giulio scrive:
        Re: Per i detrattori
        - Scritto da: SonoIO
        - Scritto da: alexjenn

        Per coloro che dicono che Android è meglio
        perché

        aperto, cominciate a installare software di

        protezione.

        Non ho Android ma secondo me non il tuo commento
        non c'entra nulla con questa vicenda se
        l'articolo è corretto.
        Il tuo c'entra ancora meno se per quello, ma è un tuo diritto!
        I possessori di apparati Android non devono
        craccare nulla (installando magari software
        "pericolosi" come SSH senza sapere cosa fanno)
        per avere il pieno controllo del loro
        device.No infatti loro lo possono fare senza dover procedere a XXXXXXXXX e non è detto che sappiano quello che stanno facendo. Ergo è la stessa cosa.

        Comunque è colpa di chi fa il software di crack o
        di chi lo usa senza sapere cosa fa, Apple non
        c'entra
        granché.Esatto e la stessa cosa può capitare su android se uno si installa un sw che apre pertugi che non dovrebbe aprire senza che l'utente sappia che sta facendo.
      • alexjenn scrive:
        Re: Per i detrattori
        Il fatto non è cosa ne fa il possessore del telefono, bensì cosa può fare un qualsiasi programma che si scarichi e si installi in un sistema "aperto" come Android.Prima che tu possa ancora dissentire, leggi qui: http://is.gd/4NGaI
    • bibop scrive:
      Re: Per i detrattori
      tra i firmware ufficiali t-mobile o rogers o vodafone e mettiamoci anche quello ion quello osap e quello pulse e quello "hero" di htc e quello blur di motorola ecceccecc e il firmware di iphone ci sono poche differenze... se lo modifichi non hai piu' la garanzia eccecceccse c'e' una falla nel firmware originale dei vari modelli/versioni ufficiali prima o poi verra creata la patch che sia un iphone che sia un android... un android non "jailbrackato" vale quanto un iphone non "jailbrackato" per quanto riguarda la sicurezza... e' solo piu' semplice modificarne l'os e installarci applicazioni anche non "ufficiali"
    • angros scrive:
      Re: Per i detrattori
      Intanto è l' iPhone che è stato colpito, non Android
      • ruppolo scrive:
        Re: Per i detrattori
        - Scritto da: angros
        Intanto è l' iPhone che è stato colpito, non
        AndroidSono stati colpiti alcuni iPhone jailbreackati.Della serie: chi è causa del suo mal...
        • angros scrive:
          Re: Per i detrattori
          D' altra parte se l' utente è incentivato a craccare il sistema per ottenere maggiori funzionalità, questo è inevitabile.Anche su Windows molti malware si diffondono annidandosi nei siti di crack (e quando invitano l' utente a disattivare tutti i sistemi di sicurezza, l' utente lo fa per permettere al crack di agire).Questo accade quando i sistemi di protezione operano contro l' utente, che così finisce per toglierli. Sui sistemi aperti ci sono delle protezioni, alle volte anche più restrittive di quelle dei sistemi chiusi (su linux è possibile lasciare solo l' acXXXXX in lettura, e solo su un numero ristretto di files): il sistema però è sotto il controllo dell' utente, che può togliere e rimettere le restrizioni quando vuole, e che perciò non si trova costretto a sbarazzarsene definitivamente con un XXXXXXXXX.Della serie: il sistema più sicuro è quello dove non hai interesse a manometterlo.
          • ciao scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros
            D' altra parte se l' utente è incentivato a
            craccare il sistema per ottenere maggiori
            funzionalità, questo è
            inevitabile.
            Quali sono queste fantomatiche "maggiori funzionalitá" ? Asphalt 5 a gratis ?
            Anche su Windows molti malware si diffondono
            annidandosi nei siti di crack (e quando invitano
            l' utente a disattivare tutti i sistemi di
            sicurezza, l' utente lo fa per permettere al
            crack di
            agire).
            Quindi é colpa dell'utonto
            Questo accade quando i sistemi di protezione
            operano contro l' utente, che così finisce
            per toglierli. Quindi é colpa dell'utonto
            Sui sistemi aperti ci sono delle
            protezioni, alle volte anche più restrittive di
            quelle dei sistemi chiusi (su linux è possibile
            lasciare solo l' acXXXXX in lettura, e solo su un
            numero ristretto di files): il sistema però è
            sotto il controllo dell' utente, che può togliere
            e rimettere le restrizioni quando vuole, Quindi se fa danno é colpa dell'utonto
            e che
            perciò non si trova costretto a sbarazzarsene
            definitivamente con un
            XXXXXXXXX.
            Se se ne sbarazza e fa danni é colpa dell'utonto
            Della serie: il sistema più sicuro è quello dove
            non hai interesse a
            manometterlo.il sistema piu' sicuro é spento e non accessibile all'utontoDalla serie: se ci sono sistemi di protezioni é un male e l'utonto finirá per disabilitarli quindi fará danni, se non si sono é peggio e l'utonto fará danni lo stesso, mica male come ragionamento
          • angros scrive:
            Re: Per i detrattori

            Quali sono queste fantomatiche "maggiori
            funzionalitá" ? Asphalt 5 a gratis?Ad esempio l' uso di ScummVM, o di emulatori (tutti programmi che la Apple non mette, o al massimo mette "castrati", come per l' emulatore di commodore 64)Un altro esempio può essere il desiderio di installare un programma (come Google Voice, o i programmi di tethering) di cui si è sicuri senza dover aspettare che la Apple dia la propria approvazione (possono volerci settimane per questo)


            Anche su Windows molti malware si diffondono

            annidandosi nei siti di crack (e quando invitano

            l' utente a disattivare tutti i sistemi di

            sicurezza, l' utente lo fa per permettere al

            crack di

            agire).



            Quindi é colpa dell'utontoSe l' utonto non può regolare il sistema di sicurezza, e disattivarlo temporaneamente quando sa quello che sta facendo, finisce per toglierlo definitivamente, con le conseguenze del caso. Se il sistema potesse essere disattivato, mettiamo, per il tempo necessario ad installare le applicazioni che mi servono, e poi riattivato, nessuno userebbe il XXXXXXXXX, e tutti terrebbero le impostazioni di sicurezza attivate per il 99% del tempo, così questo incidente non sarebbe sucXXXXX.


            Questo accade quando i sistemi di protezione

            operano contro l' utente, che così
            finisce

            per toglierli.

            Quindi é colpa dell'utontoL' unica colpa, in questo caso, è stata di aver scelto un prodotto "defective by design", salvo poi rendersi conto della fregatura ed aver tentato di rimediare in modo approssimativo.


            Sui sistemi aperti ci sono delle

            protezioni, alle volte anche più restrittive di

            quelle dei sistemi chiusi (su linux è possibile

            lasciare solo l' acXXXXX in lettura, e solo su
            un

            numero ristretto di files): il sistema però è

            sotto il controllo dell' utente, che può
            togliere

            e rimettere le restrizioni quando vuole,

            Quindi se fa danno é colpa dell'utontoVero, perchè non esiste nessun apparecchio a prova di idiota.


            e che

            perciò non si trova costretto a sbarazzarsene

            definitivamente con un

            XXXXXXXXX.



            Se se ne sbarazza e fa danni é colpa dell'utontoIdem come sopra: quindi, questo sistema di protezione non serve a proteggere gli utenti idioti (che tanto si farebbero male comunque), si limita ad intralciare gli utenti un po' più esperti.L' errore fondamentale è credere che sia possibile mettere in mano ad utenti inesperti un sistema evoluto e lasciarglielo usare senza che l' utente abbia qualche cognizione di informatica.Un sistema valido deve incoraggiare l' utente ad evolversi: lo metti in grado di usare le funzioni di base, mostrandogli che esistono funzioni più avanzate (anche se più complesse da usare), così l' utente si sentirà motivato ad imparare come usare l' apparecchio, per poterlo sfruttare a fondo: quando sarà in grado di usare le funzioni più complesse, sarà anche capace di rendersi conto dei rischi e di adottare le precauzioni appropriate.


            Della serie: il sistema più sicuro è quello dove

            non hai interesse a

            manometterlo.

            il sistema piu' sicuro é spento e non accessibile
            all'utontoQuindi il sistema "per utonti" non può esistere.
            Dalla serie: se ci sono sistemi di protezioni é
            un male e l'utonto finirá per disabilitarli
            quindi fará danni, se non si sono é peggio e
            l'utonto fará danni lo stesso, mica male come
            ragionamentoE' un male se ci sono dei sistemi di protezione con funzionamento "tutto o nulla", perchè al primo ostacolo l' utonto li disattiva; se il sistema di protezione può funzionare su più livelli (password, firewall, antivirus...), l' utonto magari toglie il firewall perchè gli impedisce di usare il p2p, ma lascia attivato il resto, quindi comunque rimane qualche misura di sicurezza.
          • ciao scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros

            Quali sono queste fantomatiche "maggiori

            funzionalitá" ? Asphalt 5 a gratis?

            Ad esempio l' uso di ScummVM, o di emulatori
            (tutti programmi che la Apple non mette, o al
            massimo mette "castrati", come per l' emulatore
            di commodore
            64)
            Se Apple non le "mette" o li castra c'é un perché, é scritto nero su bianco
            Un altro esempio può essere il desiderio di
            installare un programma (come Google Voice, o i
            programmi di tethering) di cui si è sicuri senza
            dover aspettare che la Apple dia la propria
            approvazione (possono volerci settimane per
            questo)
            Settimane necessarie a verificare la bontá del codice scritto




            Anche su Windows molti malware si diffondono


            annidandosi nei siti di crack (e quando
            invitano


            l' utente a disattivare tutti i sistemi di


            sicurezza, l' utente lo fa per permettere al


            crack di


            agire).






            Quindi é colpa dell'utonto

            Se l' utonto non può regolare il sistema di
            sicurezza, e disattivarlo temporaneamente quando
            sa quello che sta facendo, finisce per toglierlo
            definitivamente, con le conseguenze del caso. Come é capace di toglierlo deve avere anche la giusta sensibilitá nel capire quanto necessario sia riattivarlo.Se tolgo l'airbag dal sedile passeggero per metterci il sedile del bimbo e poi mi dimentico di riattivarlo quando si siede un passeggero adulto cosa pensi che mi dica la mia assicurazione in caso di problemi ?? Non credo che alla VW interessi qualcosa se sono un idiota
            Se
            il sistema potesse essere disattivato, mettiamo,
            per il tempo necessario ad installare le
            applicazioni che mi servono, e poi riattivato,
            nessuno userebbe il XXXXXXXXX, e tutti terrebbero
            le impostazioni di sicurezza attivate per il 99%
            del tempo, così questo incidente non sarebbe
            sucXXXXX.
            Anche qui é una questione di sensibilitá dell'utente e visto che si parlava di utonti ti assicuro che quel 99% scende drasticamente




            Questo accade quando i sistemi di protezione


            operano contro l' utente, che così

            finisce


            per toglierli.



            Quindi é colpa dell'utonto

            L' unica colpa, in questo caso, è stata di aver
            scelto un prodotto "defective by design", Why is defective by desiqn ??
            salvo
            poi rendersi conto della fregatura ed aver
            tentato di rimediare in modo
            approssimativo.
            Quindi colpa dell'utonto




            Sui sistemi aperti ci sono delle


            protezioni, alle volte anche più restrittive
            di


            quelle dei sistemi chiusi (su linux è
            possibile


            lasciare solo l' acXXXXX in lettura, e solo su

            un


            numero ristretto di files): il sistema però è


            sotto il controllo dell' utente, che può

            togliere


            e rimettere le restrizioni quando vuole,



            Quindi se fa danno é colpa dell'utonto

            Vero, perchè non esiste nessun apparecchio a
            prova di
            idiota.





            e che


            perciò non si trova costretto a sbarazzarsene


            definitivamente con un


            XXXXXXXXX.






            Se se ne sbarazza e fa danni é colpa dell'utonto

            Idem come sopra: quindi, questo sistema di
            protezione non serve a proteggere gli utenti
            idioti (che tanto si farebbero male comunque), si
            limita ad intralciare gli utenti un po' più
            esperti.

            L' errore fondamentale è credere che sia
            possibile mettere in mano ad utenti inesperti un
            sistema evoluto e lasciarglielo usare senza che
            l' utente abbia qualche cognizione di
            informatica.
            Cioé , fammi capire, stai dando la colpa ad Apple se l'utente non ha cognizione di informatica ??? Ossignur...Ma se compri una macchina nuova ti chiedono la patente ???Al resto rispondo ev. dopo ora devo uscire a lavorare
          • angros scrive:
            Re: Per i detrattori

            Se Apple non le "mette" o li castra c'é un
            perché, é scritto nero su
            biancoCerto, ma non è detto che tale motivo sia nell' interesse dell' utente: anche il DRM di Kindle e il rootkit di Sony sono stati messi per un motivo, ma si trattava di un motivo valido solo per il venditore, e nocivo per l' utente.
            Settimane necessarie a verificare la bontá del
            codice
            scrittoSe però è un programma che io avevo già usato su altro hardware (come i programmi di Google, ad esempio), ne ho già verificato la validità (o almeno, ho deciso di fidarmi del produttore), perchè dovrei aspettare i comodi della Apple?
            Come é capace di toglierlo deve avere anche la
            giusta sensibilitá nel capire quanto necessario
            sia
            riattivarlo.Infatti è quello che dico anche io: sui sistemi aperti questo è possibile (si può bloccare l' installazione di programmi nuovi, o l' esecuzione di qualsiasi codice tranne quello contenuto in directory che ho deciso di considerare "sicure", e che sono accessibili solo in lettura). Con la password di root (o di amministratore, se parliamo di windows) è possibile scegliere il livello di sicurezza desiderato.Su un sistema come l' iphone, al contrario, per togliere il sistema di sicurezza occorre il XXXXXXXXX, e poi non è semplice tornare indietro.

            Se tolgo l'airbag dal sedile passeggero per
            metterci il sedile del bimbo e poi mi dimentico
            di riattivarlo quando si siede un passeggero
            adulto cosa pensi che mi dica la mia
            assicurazione in caso di problemi ?? Non credo
            che alla VW interessi qualcosa se sono un
            idiotaInfatti su un' auto progettata bene è previsto che si possa disattivare e riattivare l' airbag sul lato passeggero: altrimenti, nel caso citato l' utente sarebbe costretto a disattivarlo tagliando i fili, e non potrebbe più riattivarlo neanche volendo. Certo, per fare le cose bene si può prevedere una spia che segnali che l' air bag è disattivato, e il comando per toglierlo non deve essere troppo in vista, per evitare che l' utente lo tocchi per sbaglio, ma ci deve essere.
            Anche qui é una questione di sensibilitá
            dell'utente e visto che si parlava di utonti ti
            assicuro che quel 99% scende
            drasticamenteQuindi, intendi dire che l' iphone è un prodotto solo per utonti, e che gli utenti più esperti farebbero meglio ad evitarlo? Perchè se la pensi così sono d' accordo con te.
            Why is defective by desiqn ??http://www.defectivebydesign.org/day19-iphone


            salvo

            poi rendersi conto della fregatura ed aver

            tentato di rimediare in modo

            approssimativo.



            Quindi colpa dell'utontoPer aver scelto un prodotto inadatto a lui.
            Cioé , fammi capire, stai dando la colpa ad Apple
            se l'utente non ha cognizione di informatica ???
            Ossignur...Sto dicendo che la Apple tenta di scoraggiare l' utente che vuole acquisire qualche conoscenza di informatica, perchè lo costringe a seguire dei tracciati prestabiliti, impedendogli di sbirciare in altri punti.Un conto è costruire un auto che si possa guidare anche senza sapere nulla di meccanica, un altro è saldare il cofano in modo che non si possa aprire (per impedire l' acXXXXX anche a chi conosce la meccanica).

            Ma se compri una macchina nuova ti chiedono la
            patente
            ???Se intendi anche guidarla, sì. Altrimenti la fai guidare da qualcuno che sia capace
          • Ma quanti anni hai scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros
            Se intendi anche guidarla, sì. Altrimenti la fai
            guidare da qualcuno che sia
            capaceIl rivenditore che vende la macchina non é interessato alla tua patente ma ai tuoi soldi, come qualsiasi altro commerciante.Se poi, appena pagata ti schianti non puoi mica andare dal rivenditore e contestargli che non sai guidare, quello é affar tuo.Il rivenditore VENDE A TUTTI, gli organi di controllo , poi , eventualmente, verificano che tu la possa guidare.
          • ruppolo scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros

            Quali sono queste fantomatiche "maggiori

            funzionalitá" ? Asphalt 5 a gratis?

            Ad esempio l' uso di ScummVM, o di emulatori
            (tutti programmi che la Apple non mette, o al
            massimo mette "castrati", come per l' emulatore
            di commodore
            64)100 mila applicazioni non bastano? Vuoi anche la 100.001? E allora te la pigli nel XXXX.
            Un altro esempio può essere il desiderio di
            installare un programma (come Google Voice, o i
            programmi di tethering)Non servono programmi di tethering per avere il tethering.
            di cui si è sicuri senza
            dover aspettare che la Apple dia la propria
            approvazione (possono volerci settimane per
            questo)Sai che problema... c'è gente che ha aspettato 8 anni per un banale aggiornamento di sistema operativo...
            Se l' utonto non può regolare il sistema di
            sicurezza, e disattivarlo temporaneamente quando
            sa quello che sta facendo, finisce per toglierlo
            definitivamente, con le conseguenze del caso. Anch'io se tolgo quello della banca ho delle conseguenze: arrivano dei tizi in divisa e mi portano a fare un giro in macchina...
            Se
            il sistema potesse essere disattivato, mettiamo,
            per il tempo necessario ad installare le
            applicazioni che mi servono, e poi riattivato,
            nessuno userebbe il XXXXXXXXX, e tutti terrebbero
            le impostazioni di sicurezza attivate per il 99%
            del tempo, così questo incidente non sarebbe
            sucXXXXX.Come dire che se disattivo l'allarme della banca, svuoto la cassaforte, e po lo riaccendo, tutto fila liscio?
            L' unica colpa, in questo caso, è stata di aver
            scelto un prodotto "defective by design", salvo
            poi rendersi conto della fregatura ed aver
            tentato di rimediare in modo
            approssimativo.Ah ecco, ho scelto la banca sbagliata.
            Vero, perchè non esiste nessun apparecchio a
            prova di
            idiota.Già. Ma se è idiota, è giusto che faccia la fine dell'idiota.
            Idem come sopra: quindi, questo sistema di
            protezione non serve a proteggere gli utenti
            idioti (che tanto si farebbero male comunque), si
            limita ad intralciare gli utenti un po' più
            esperti.Ecco appunto, io ladro esperto non voglio queste rotture di palle!
            L' errore fondamentale è credere che sia
            possibile mettere in mano ad utenti inesperti un
            sistema evoluto e lasciarglielo usare senza che
            l' utente abbia qualche cognizione di
            informatica.Un errore madornale, infatti chi ha avuto questa "brillante idea" si è appena beccato il riconoscimento da Fortune come CEO del decennio:http://money.cnn.com/magazines/fortune/steve_jobs/2009/index.html
            Un sistema valido deve incoraggiare l' utente ad
            evolversi: lo metti in grado di usare le funzioni
            di base, mostrandogli che esistono funzioni più
            avanzate (anche se più complesse da usare), così
            l' utente si sentirà motivato ad imparare come
            usare l' apparecchio, per poterlo sfruttare a
            fondo: quando sarà in grado di usare le funzioni
            più complesse, sarà anche capace di rendersi
            conto dei rischi e di adottare le precauzioni
            appropriate.Un sistema valido deve essere semplice e mettere nelle punta delle dita dell'utente 100 mila applicazioni a costi irrisori. QUESTO è un sistema valido.
            Quindi il sistema "per utonti" non può esistere.Certo che esiste, ed è quello che ha fatto le scarpe a tutti.
            E' un male se ci sono dei sistemi di protezione
            con funzionamento "tutto o nulla", perchè al
            primo ostacolo l' utonto li disattiva;Si, se è idiota.
            se il
            sistema di protezione può funzionare su più
            livelli (password, firewall, antivirus...), l'
            utonto magari toglie il firewall perchè gli
            impedisce di usare il p2p, ma lascia attivato il
            resto, quindi comunque rimane qualche misura di
            sicurezza.Quanti per discorsi per giustificare l'uso di software pirarato!
          • angros scrive:
            Re: Per i detrattori
            1) Non saper distinguere tra software libero e software piratato non è di certo segno di grande cultura informatica.2) Promuovere l' analfabetismo informatico, dicendo che non c' è bisogno di imparare nulla, basta usare il sistema così come è (con un atteggiamento simile a chi dice "perchè imparare a leggere? C' è la televisione, non ti basta?") mi sembra un pessimo atteggiamento.
          • alexjenn scrive:
            Re: Per i detrattori
            :|Mah.
          • Funz scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros
            D' altra parte se l' utente è incentivato a
            craccare il sistema per ottenere maggiori
            funzionalità, questo è
            inevitabile.Quoto. Cornuti (devono sfondare le protezioni e perdere la garanzia per installare funzionalità del tutto lecite) e mazziati (si beccano il malware).Per me niente roba apple, grazie. :(
          • ciao scrive:
            Re: Per i detrattori
            1. Devi sapere cosa compri2. Se non ti interessa vuol dire che hai "poche" conoscenze e che ti basta telefonare, mandare SMS , forse navigare. Delle "funzionalitá del tutto legite" questo utente non sa che farsene3. Se lo XXXXXXXXXki SAI cosa stai facendo4. La perdita della garanzia in questo caso é piu' che lecita (come per OGNI altro prodotto sottoposta a garanzia)5. Se poi lasci aperto SSH sono CAXXI tuoi , Apple ti ha venduto un prodotto protetto, tu hai tolto la protezione , tu te ne prendi le responsabilitá
          • ruppolo scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros
            D' altra parte se l' utente è incentivato a
            craccare il sistema per ottenere maggiori
            funzionalità, questo è
            inevitabile.Anch'io sono incentivato a craccare la cassaforte della banca per ottenere maggiori soldi, ma questo NON è inevitabile.

            Anche su Windows molti malware si diffondono
            annidandosi nei siti di crack (e quando invitano
            l' utente a disattivare tutti i sistemi di
            sicurezza, l' utente lo fa per permettere al
            crack di
            agire).Come dire che la carica di C4 che mi ha venduto il pusher potrebbe scoppiarmi in mano...

            Questo accade quando i sistemi di protezione
            operano contro l' utente, che così finisce
            per toglierli.Eh già, dovrebbe operare contro il costruttore. Anche la cassaforte della banca dovrebbe chiudersi a loro e aprirsi a me.
            Sui sistemi aperti ci sono delle
            protezioni, alle volte anche più restrittive di
            quelle dei sistemi chiusi (su linux è possibile
            lasciare solo l' acXXXXX in lettura, e solo su un
            numero ristretto di files): il sistema però è
            sotto il controllo dell' utente, che può togliere
            e rimettere le restrizioni quando vuole, e che
            perciò non si trova costretto a sbarazzarsene
            definitivamente con un
            XXXXXXXXX.Ma dai? Come la porta di casa mia...
            Della serie: il sistema più sicuro è quello dove
            non hai interesse a
            manometterlo.Eppure mi sembra che quello che banca sia più sicuro... sarà solo un'impressione?
          • angros scrive:
            Re: Per i detrattori

            Anch'io sono incentivato a craccare la cassaforte
            della banca per ottenere maggiori soldi, ma
            questo NON è
            inevitabile.....
            Eh già, dovrebbe operare contro il costruttore.
            Anche la cassaforte della banca dovrebbe
            chiudersi a loro e aprirsi a
            me.
            C' è solo una piccola differenza: la cassaforte della banca appartiene alla banca, ed è affidata alla banca, che non ha interesse a forzarla.Se vendi un telefono (o un computer, o un decoder) a qualcuno (e ho detto vendi , non "concedi in licenza", perchè l' iphone è venduto , non affittato), l' utente ne farà cosa vuole: se l' utente ha interesse a sbarazzarsi dei lucchetti digitali, finirà per riuscirci (dopo tutto, può provare quante volte vuole, mentre se tu provi a forzare la cassaforte della banca dopo il primo tentativo ti arrestano).E' lo stesso problema del DRM: il sistema che effettua i controlli è nelle mani dell' utente, e l' utente non ha nessun interesse a fare sì che tale sistema funzioni (perchè a lui porta solo danni e nessun beneficio), quindi tenterà di boicottarlo (a meno che non sia un utente masochista).Come avevo già detto, la possibilità di "certificare" un software come sicuro può essere utile all' utente, ma mettere un blocco fisso al software non autorizzato non ha alcuna utilità per l' utente, è solo un trucco in malafede per spremergli dei soldi, costringendolo eventualmente a ricomprare contenuti che aveva già, e contravvenendo alle leggi sul fair use.
          • ruppolo scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros
            Se vendi un telefono (o un computer, o un
            decoder) a qualcuno (e ho detto vendi , non
            "concedi in licenza", perchè l' iphone è
            venduto , non affittato),No, l'iPhone contiene software che è venduto con licenza d'uso, esattamente con un comunissimo PC. Superare le barriere è ILLEGALE.
            l' utente ne farà
            cosa vuole: se l' utente ha interesse a
            sbarazzarsi dei lucchetti digitali, finirà per
            riuscirci (dopo tutto, può provare quante volte
            vuole, mentre se tu provi a forzare la cassaforte
            della banca dopo il primo tentativo ti
            arrestano).Anche se ti beccano a sbarazzarti dei lucchetti digitali, ti arrestano. Reato penale.http://it.wikipedia.org/wiki/Digital_rights_management#Italia
            E' lo stesso problema del DRM: il sistema che
            effettua i controlli è nelle mani dell' utente, e
            l' utente non ha nessun interesse a fare sì che
            tale sistema funzioni (perchè a lui porta solo
            danni e nessun beneficio), quindi tenterà di
            boicottarlo (a meno che non sia un utente
            masochista).Giusto, per questo esiste una Legge apposita. L'interesse delle persone non è certo quello di pagare beni e servizi, ma di ottenerli gratis. Ovviamente tale interesse si scontra con i fruitori ti tali beni e servizi.
            Come avevo già detto, la possibilità di
            "certificare" un software come sicuro può essere
            utile all' utente, ma mettere un blocco fisso al
            software non autorizzato non ha alcuna utilità
            per l' utente, è solo un trucco in malafede per
            spremergli dei soldi, costringendolo
            eventualmente a ricomprare contenuti che aveva
            già, e contravvenendo alle leggi sul fair
            use.No, non è malafede. È rispetto verso l'utente. E non è un trucco perché non è fatto di nascosto, è alla luce del sole. Come si dice, patti chiari. Infatti anche gli sviluppatori sono contenti.Poi c'è sempre quello che troppo vuole, è quindi è giusto che nulla stringa. Io sarei molto più cattivo, al primo software piratato farei partire una telefonata di nascosto alle autorità con tutti gli elementi per far beccare il pirata, compresa la posizione GPS.
          • angros scrive:
            Re: Per i detrattori

            No, l'iPhone contiene software che è venduto con
            licenza d'uso, esattamente con un comunissimo PC.
            Superare le barriere è
            ILLEGALE.Ti ripeto: è illegale la copia del software PROPRIETARIO, fornito con iphone. Se io ho un software LIBERO prodotto da un altro, la Apple non ha NESSUN DIRITTO di interferire.
            Anche se ti beccano a sbarazzarti dei lucchetti
            digitali, ti arrestano. Reato
            penale.
            http://it.wikipedia.org/wiki/Digital_rights_manageMai sentito parlare di "fair use", consentito dalla legge?
            Giusto, per questo esiste una Legge apposita.
            L'interesse delle persone non è certo quello di
            pagare beni e servizi, ma di ottenerli gratis.
            Ovviamente tale interesse si scontra con i
            fruitori ti tali beni e
            servizi.Volevi dire "fornitori"?
            No, non è malafede. È rispetto verso l'utente. EEEHHHH? In che modo sarebbe "rispetto" verso l' utente un sistema che presume sempre che l' utente tenti cose illegali e per precauzione blocca anche gli usi leciti?
            Io sarei molto più
            cattivo, al primo software piratato farei partire
            una telefonata di nascosto alle autorità con
            tutti gli elementi per far beccare il pirata,
            compresa la posizione
            GPS.E io ti assicuro che, con questa premessa, da te non comprerò mai nulla, nemmeno uno spillo, neanche se tu stessi per fallire e fossi disperato. Se ragioni così, starò alla larga da ciò che vendi e dai servizi che offri. Piuttosto mi scrivo il software io, o ne uso uno incompleto, spendendo magari dieci volte tanto, ma di certo non accetto che tu mi metta un simile spyware, anzi dirò a tutti di evitarlo.
          • ciao scrive:
            Re: Per i detrattori
            - Scritto da: angros

            No, l'iPhone contiene software che è venduto con

            licenza d'uso, esattamente con un comunissimo
            PC.

            Superare le barriere è

            ILLEGALE.

            Ti ripeto: è illegale la copia del software
            PROPRIETARIO, fornito con iphone. Se io ho un
            software LIBERO prodotto da un altro, la Apple
            non ha NESSUN DIRITTO di
            interferire.Invece , Apple, legalmente ha il coltello dalla parte del manico. Chi produce software per iPhone SA che DEVE attenersi alle regole che ha precedentemente ACCETTATO.Questo é scritto nero su bianco, se non sei d'accordo non diventi Apple developer



            Anche se ti beccano a sbarazzarti dei lucchetti

            digitali, ti arrestano. Reato

            penale.


            http://it.wikipedia.org/wiki/Digital_rights_manage

            Mai sentito parlare di "fair use", consentito
            dalla
            legge?
            Consentito dalla legge fintanto che non violino i contratti sottoscritti


            Giusto, per questo esiste una Legge apposita.

            L'interesse delle persone non è certo quello di

            pagare beni e servizi, ma di ottenerli gratis.

            Ovviamente tale interesse si scontra con i

            fruitori ti tali beni e

            servizi.

            Volevi dire "fornitori"?



            No, non è malafede. È rispetto verso l'utente.

            EEEHHHH? In che modo sarebbe "rispetto" verso l'
            utente un sistema che presume sempre che l'
            utente tenti cose illegali e per precauzione
            blocca anche gli usi
            leciti?Ma che discorsi fai ? "...sistema che presume sempre che l'utente tenti cose illegali...." ?EEEHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH? L'utente compra un prodotto e deve sapere (piu' e meno) come usarlo se lo usa illegalmente é lui che sbaglia e lo sa.


            Io sarei molto più

            cattivo, al primo software piratato farei
            partire

            una telefonata di nascosto alle autorità con

            tutti gli elementi per far beccare il pirata,

            compresa la posizione

            GPS.

            E io ti assicuro che, con questa premessa, da te
            non comprerò mai nulla, nemmeno uno spillo,
            neanche se tu stessi per fallire e fossi
            disperato. Se ragioni così, starò alla larga da
            ciò che vendi e dai servizi che offri. Piuttosto
            mi scrivo il software io, o ne uso uno
            incompleto, spendendo magari dieci volte tanto,
            ma di certo non accetto che tu mi metta un simile
            spyware, anzi dirò a tutti di
            evitarlo.Secondo le tue premesse, tutto deve essere libero , aperto, aggrattise , ma c'é gente che DEVE vivere vendendo cio' che produce e tenterá in tutti i modi di bloccare la diffusione di crack.Queste sono le regole del gioco, se non ti sta bene sono problemi SOLO tuoi
          • angros scrive:
            Re: Per i detrattori

            Consentito dalla legge fintanto che non violino i
            contratti
            sottoscritti
            Sottoscritti con chi, però? Con la Apple, o con chi ha realizzato il programma indipendente?Inoltre, un contratto non è valido quando l' utente è forzato ad accettarlo contro la sua volontà (patto leonino)

            EEEHHHH? In che modo sarebbe "rispetto" verso l'

            utente un sistema che presume sempre che l'

            utente tenti cose illegali e per precauzione

            blocca anche gli usi

            leciti?

            Ma che discorsi fai ? "...sistema che presume
            sempre che l'utente tenti cose illegali...."
            ?Se voglio installare flash player, mi viene bloccato. Se voglio installare un emulatore (su cui far girare software di cui dispongo legalmente, perchè gratuito o regolarmente acquistato), vengo bloccato. Il sistema mi tratta come se avessi tentato di installare software piratato, anche se non è affatto vero.

            EEEHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH?

            L'utente compra un prodotto e deve sapere (piu' e
            meno) come usarlo se lo usa illegalmente é lui
            che sbaglia e lo
            sa.Peccato che la legge non deve essere scritta dalla Apple.



            Secondo le tue premesse, tutto deve essere libero
            , aperto, aggrattise , ma c'é gente che DEVE
            vivere vendendo cio' che produce e tenterá in
            tutti i modi di bloccare la diffusione di
            crack.Perchè allora c' è gente che vive scrivendo software libero?Questi sistemi per bloccare i crack limitano la fruibilità del software, e per conseguenza il valore intrinseco. In questo modo si arriva al punto di avere un software proprietario che costa di più e fa meno cose di un equivalente libero, e che diventa quindi più difficile da vendere; realizzare un sistema che blocca il software libero, in modo da poter vendere quello proprietario, è, nel migliore dei casi, concorrenza sleale.

            Queste sono le regole del gioco, se non ti sta
            bene sono problemi SOLO
            tuoiSe vuoi pagare di più per un prodotto castrato, è un problema tuo, non mio
          • ciao scrive:
            Re: Per i detrattori
            Le regole del gioco per realizzare e pubblicare applicazioni per iPhone sono scritte, tutti le possono leggere e tutti i firmatari le ACCETTANO, se le leggi e non sei d'accordo cambi gioco, punto e basta.Dici: "Inoltre, un contratto non è valido quando l' utente è forzato ad accettarlo contro la sua volontà (patto leonino)", Forzato ? Chi ti forza ad accettarlo ?Non mi sembra che ti puntino una pistola alla tempia e ti dicano FIRMA ! Ti si presenta il contratto , lo leggi, lo capisci, se sei d'accordo lo accetti altrimenti no.
          • angros scrive:
            Re: Per i detrattori
            Infatti io non lo accetto, non compro l' iphone, e da chi ha prodotto una cosa del genere non compro niente altro (e nemmeno da chi promuove un sistema del genere... chissà cosa mi mette nel suo software, spyware, rootkit o peggio)
          • ciao scrive:
            Re: Per i detrattori
            Comunque fino a prova contraria é il XXXXXXXXX a compromettere la sicurezza dell'iPhone.
      • bibop scrive:
        Re: Per i detrattori
        no, e' stata colpita una tipologia di smartphone molto particolare... quella manomessa dal proprio proprietario...che sia iphone, symbian o android poco cambia... e sottolineare la cosa e' stupido
      • Giulio scrive:
        Re: Per i detrattori
        - Scritto da: angros
        Intanto è l' iPhone che è stato colpito, non
        AndroidE quindi ne puoi dedurre scioccamente che chi usa android non possa cascarci se non sa cosa sta facendo con un tal sw che sta installando sul suo apparecchio?Brutta bestia la coerenza eh
      • alexjenn scrive:
        Re: Per i detrattori
        Forse il dispositivo telefonico più famoso attualmente?Se colpisci Android significa che puoi colpire più di un tipo di telefono (e non è detto), ma passi per un cracker qualunque; se colpisci gli iPhone allora passi per uno cazzuto e salti alla ribalta.Non è che ci voglia tanto per capirlo.
  • GoldenBoy scrive:
    Pownati da un diciassettenne!
    LOL! :DComunque questo è quello che succede a fare le cose senza sapere cosa si fa!
    • blacco scrive:
      Re: Pownati da un diciassettenne!
      non che l'autore dell'estorsione fosse un genio ... notare l'indirizzo email, una finezza da decerebrati ( tanto più che ora sta cercando di modificare le sue stesse credenziali paypal inviando mail a quell'indirizzo che tutti possono leggere... )
      • GoldenBoy scrive:
        Re: Pownati da un diciassettenne!
        L'autore magari non è un genio, e pare si sia redento postando la guida su come auto fixarsi l'iphone. Cosa che a quanto pare, in molti non han fatto se la notizia è arrivata fin qua.
  • clsbn scrive:
    Si poteva pure evitare...
    Si infatti non ho mai visto tante fesserie in un articolo di punto informatico... Senza offesa per il redattore ovviamente perchè non si può essere esperti in tutto e magari questo è pure un argomento di nicchia. Alla fine bastava solo dare la notizia senza impelagarsi in spiegazioni tecniche che hanno evidenziato gravi carenze in merito.
    • SonoIO scrive:
      Re: Si poteva pure evitare...
      - Scritto da: clsbnAlla fine bastava solo dare
      la notizia senza impelagarsi in spiegazioni
      tecniche che hanno evidenziato gravi carenze in
      merito.Scusa non ne so granché di reti, potresti indicare a grandi linee le pecche dell'articolo?
    • Polemik scrive:
      Re: Si poteva pure evitare...
      - Scritto da: clsbn[CUT]
      Alla fine bastava solo dare
      la notizia senza impelagarsi in spiegazioni
      tecniche che hanno evidenziato gravi carenze in
      merito.Col risultato che poi magari sottolineavi ugualmente l'incompetenza del redattore proprio perché nell'articolo mancavano le spiegazioni tecniche? :D
    • Giulio scrive:
      Re: Si poteva pure evitare...
      PI: "Presumibilmente individuati dal cracker attraverso un port scanning della rete T-mobile, le vittime avevano utilizzato il protocollo SSH per sbloccare i propri iPhone (loggandosi via terminale e inviando alcuni comandi UNIX standard): il tutto per installare applicazioni non autorizzate, ma con l'effetto collaterale di inibire alcune funzioni di sicurezza garantite da Apple. Così, una volta effettuata l'operazione, gli utenti che non procedevano a cambiare la password di amministratore (necessaria ad installare nuove applicazioni) diventavano vulnerabili ad un attacco del tipo descritto."Arstechnica: "It appears one enterprising Dutch hacker used port scanning to identify jailbroken iPhones on T-mobile Netherlands with SSH running. Enabling SSH is a common procedure for jailbroken iPhones, allowing a user to log in via Terminal and run standard UNIX commands. Unfortunately, iPhones all have a default root password that many forget to change after XXXXXXXXXing, leaving their phone as vulnerable as a Lamborghini parked on a public street with the windows down, the doors unlocked, and the keys in the ignition."http://arstechnica.com/apple/news/2009/11/dutch-hacker-holds-jailbroken-iphones-hostage-for-5.arsO PI si prende un traduttore che sappia l'inglese o è meglio cambiare mestiere perché a fare il giornalista così poi si rimediano le cantonate che ha rimediato Mistero su Italia 1 spacciando per vera la bufala sull'apollo 20. 10 secondi di googlata e si sarebbero evitati una "che figuremm" (citando Fede E.)
      • The Punisher scrive:
        Re: Si poteva pure evitare...

        O PI si prende un traduttore che sappia l'inglese
        o è meglio cambiare mestiere perché a fare il
        giornalista così poi si rimediano le cantonate
        che ha rimediato Mistero su Italia 1(rotfl)Come non quotarti.
  • mah scrive:
    beh, veramente...
    ... di quale iPhone si parla ? Mi risulta che:A) Non si usa SSH per fare il XXXXXXXXX, tant'è cheAbis) Senza JailBreak non si può usare l'SSH per collegarsi[logicamente ineccepibile direi :D]B) SSH via 3G non funziona. O è una cosa che vale solo da noi e invece all'estero funge ?
    • lol scrive:
      Re: beh, veramente...
      l'ssh dipende dagli ISP. se ti filtrano le porte
    • bubba scrive:
      Re: beh, veramente...
      - Scritto da: mah
      ... di quale iPhone si parla ? Mi risulta che:

      A) Non si usa SSH per fare il XXXXXXXXX, tant'è
      che
      Abis) Senza JailBreak non si può usare l'SSH per
      collegarsi
      [logicamente ineccepibile direi :D]infatti.. ma nell'articolo c'e' scritto il contrario :)Telefoni XXXXXXXXXkati da uTonti, che installavano (o lasciavano installare al sistema automatico che li XXXXXXXXXkava) l'ssh con una pw preimpostata di default, presente, suppongo, nel "package di XXXXXXXXX automatico"
    • alexjenn scrive:
      Re: beh, veramente...
      - Scritto da: mah
      ... di quale iPhone si parla ? Mi risulta che:

      A) Non si usa SSH per fare il XXXXXXXXX, tant'è
      che
      Abis) Senza JailBreak non si può usare l'SSH per
      collegarsi
      [logicamente ineccepibile direi :D]Ma se installi, per esempio OpenSSH, anche se lo chiudi a ogni riavvio o accensione dell'iPhone l'SSH si riapre, e se lasci attivo il Wi-Fi...

      B) SSH via 3G non funziona. O è una cosa che vale
      solo da noi e invece all'estero funge
      ?
    • markoer scrive:
      Re: beh, veramente...
      - Scritto da: mah[...]
      B) SSH via 3G non funziona. O è una cosa che vale
      solo da noi e invece all'estero funge
      ?In genere è filtrato qualsiasi routing tra terminali in una rete GPRS/UMTS. Non c'è un filtro specifico per SSH, non puoi far passare alcun protocollo.Nell'articolo non si parla di acXXXXX via 3G, potrebbero essersi connessi via Wi-Fi, per esempio su un hotspot pubblico.Cordiali saluti
  • stivy scrive:
    avanti su...
    si aprano le danze per i trolloni ;-)
Chiudi i commenti