Svezia, i pirati traslocano la Baia

Il Partito Pirata è stato costretto a bloccare i rifornimenti di connettività verso l'ex-tracker BitTorrent. Ci penseranno ora le divisioni del partito in Norvegia e Spagna
Il Partito Pirata è stato costretto a bloccare i rifornimenti di connettività verso l'ex-tracker BitTorrent. Ci penseranno ora le divisioni del partito in Norvegia e Spagna

Come la leggendaria idra, i pirati della Baia perderanno una testa digitale per guadagnarne subito altre due. Minacciati dalla potente organizzazione anti-pirateria Rights Alliance , i vertici del Partito Pirata svedese hanno deciso di bloccare la fornitura di connettività all’ex-tracker BitTorrent The Pirate Bay .

Inizialmente disposta al cruento scontro legale, la compagine politica svedese ha dovuto arrendersi all’ ultimatum dell’industria dei contenuti audiovisivi, praticamente obbligata a smettere di fungere da hosting provider per la crew della Baia . L’organizzazione anti-pirateria aveva minacciato anche Serious Tubes, società che permette allo stesso Partito Pirata di elargire banda al dominio thepiratebay.se .

L’esclusione della Baia dai server pirata non sembra preoccupare più di tanto Anna Troberg, attualmente alla guida della versione originale del partito politico. Un rifornimento di banda sarà infatti assicurato dalle divisioni in Norvegia e Catalogna (Spagna) della compagine pirata , permettendo alla crew svedese di continuare con le sue attività di condivisione online. I responsabili di Rights Alliance sono comunque stati accusati di oltraggio ai principi di libertà di espressione e comunicazione. ( M.V. )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 02 2013
Link copiato negli appunti