Sydney offline? Colpa dei vandali

Le nuove reti di comunicazione in fibra ottica nel mirino di qualche vandalo che non trova di meglio che tagliarle. Una volta venivano distrutte le cornette delle cabine telefoniche

Roma – Nuova era digitale e nuovo vandalismo? Nelle scorse ore a Sydney le autorità locali, e soprattutto il colosso delle TLC australiano Telstra, hanno dovuto far fronte al brutale danneggiamento di alcuni importanti cavi in fibra che servono circa 5mila aziende e famiglie dell’area.

fibre Stando alle cronache i servizi di televisione via cavo, telefono e internet sono letteralmente saltati dopoché lo scorso sabato mattina due cavi in fibra ottica sono stati tagliati.

Per rimediare al danno ci sono voluti 30 tecnici di Telstra che hanno lavorato per molte ore.
“Siamo riusciti a sistemare alcune fibre ottiche in mattinata – ha spiegato un portavoce dell’azienda – riuscendo a riportare online circa metà dei clienti. Ma ci sono ancora migliaia di persone senza servizi come Foxtel, internet, telefoni, aziende senza Eftpos (i servizi di tele-pagamento POS, ndr.)”.

Ad essere colpite dal danno sono anche alcune stazioni base di telefonia mobile . “C’è ancora molto da fare – spiegavano ieri i tecnici della società telefonica – e speriamo di chiudere tutto entro la giornata, ma è solo una speranza”.

“Siamo molto arrabbiati per quanto accaduto – ha anche dichiarato il portavoce – questa è una deliberata distruzione di proprietà privata che ha però una rilevanza notevolissima per la comunità, un fatto che ha messo nei pasticci moltissime persone nel corso del weekend, incluse molte imprese”.

La caccia ai vandali è iniziata.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fab KL scrive:
    GIUSTISSIMO
    La stessa cosa è accaduta in Australia per molto meno. UN giornalista (Paul Lampathakis) si era espresso riguardo la proveninza dei fondi per la locale campagna elettorale. http://www.theaustralian.news.com.au/story/0,25197,23631876-2702,00.html(mi chiedo perchè questa notizia non abbia avuto la stessa risonanza)Ritengo giusto che venga punito chi utilizza i mezzi di informazione per lanciare pesantissime accuse (omicidio) senza avere alcuna prova e nascondendosi dietro l'intoccabilità giornalistica.In alcuni paesi europei è vietato (pena la chiusura) accusare altre persone che non siano presenti e che quindi non possano controbattere o per lo meno essere messe al corrente.E' assurdo che chiunque possa la piu infamante delle calunnie, con risopnanza internazionale, ed il massimo che può accadere è di fare una smentita in quarta pagina 3 mesi dopo.Grazie a questo chi ha in mano i fili dell'informazione può manipolare a piacimento le opinioni altrui.E' ora di finirla: IN GALERA CHI DIFFAMA!
  • pippo scrive:
    Quando toccherà a Grillo?
    A furia di battere la lingua dove il dente duole...
    • Tipo Sgrilletta nte scrive:
      Re: Quando toccherà a Grillo?
      farebbe meglio a sgrillettarsi una bella gnocca, invece di rompere le palle in giro.Quanto dichiara quel povero grillino al fisco ?! ce lo vogliamo chiedere?Predica bene e(/o) razzola malissimo ?
Chiudi i commenti