TACS pronto per la pensione

Come i baby-pensionati dello scorso millennio, dopo 15 anni di servizio, il sistema TACS va in pensione accompagnato dal Teledrin


Roma – Partito con la Sip, passato poi a Telecom Italia, sarà mandato in pensione da TIM , che lo ha ereditato: è il servizio TACS (Total Access Communications System), il sistema che ha “cellularizzato” l’Italia negli anni ’90, il quale abbandona il campo dopo quindici anni (“largo ai giovani”) e lascia definitivamente il posto alle nuove generazioni, vale a dire le tecnologie GSM e UMTS.

La disattivazione è una conseguenza del Decreto Ministeriale del 2002 relativo al piano di ripartizione delle frequenze, in cui si stabiliva la “liberazione” entro il 31 dicembre 2005 di quelle attualmente impiegate (900 MHz), a favore del sistema GSM.

I primi utilizzi del sistema TACS in Italia sono datati 1990. Un’innovazione, in confronto ai radiomobili del decennio precedente, anch’essi analogici, che operavano in modulazione FM. Il servizio, che si è poi evoluto come E-TACS (con un incremento di canali assegnati da 1.000 a 1.320), opera sulla frequenza di 900 mHz e si basa su una tecnologia analogica. Caratterizzato da una buona copertura territoriale, ma anche dalla non difficile e neppure rara “clonabilità”, presentava alcune “conflittualità” tecniche con le reti mobili di altri paesi esteri. Fu fondamentalmente per questo motivo che si rese necessario introdurre uno standard, la tecnologia GSM appunto, digitale e in grado di consentire la comunicazioni internazionali in roaming.

Contestualmente al servizio TACS, cessa di esistere anche il Teledrin (il radioavviso personale). TIM, ringraziando in un comunicato i clienti dei due servizi in corso di disattivazione, probabilmente temendone l’isolamento “cellulare” dal primo gennaio 2006, ha ricordato loro il proprio numero verde, 800.846.900, “per ottenere tutte le informazioni sulle opportunità commerciali previste da TIM”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pedersoli marino scrive:
    piccola polemica
    concordo che i grandi luminari che hanno scritto amfetamine con la n danno una grande fiducia e riconcordo col l altro articolo i tossici cosi organizzati mi hanno spiazzato che i tempi siano cambiati?
  • Anonimo scrive:
    Si scrive amfetamina, con la m
    Si scrive amfetamina, con la m, non anfetamina
  • TafkaL scrive:
    Quante cazzate in un solo articolo
    Adesso la metanfetamina è un'evoluzione dell'anfetamina eh?!? Qualunque chimico si sta sbudellando dalle risate. Le metanfetamine sono una famiglia di sostanze e non una sostanza evouta dall'anfetamina.E poi come cavolo fanno a dire certe cose??? Mi sembrano quei documentari sulla preistoria dove il piero angela di turno si inventa incredibili storie di intrighi famigliari ecc. basandosi solo sulla scoperta di qualche osso.Il tossico fa molto prima a scippare la vecchia che a mettere in piedi una truffa elaborata come il phishing.Adesso poi sarebbero addirittura organizzati in bande. Ma per favore.... PI dovrebbe essere un po' più serio e non dare credito al primo pirla che sproloquia fossero anche "Esponenti delle forze di polizia statunitensi e canadesi, e alcuni ricercatori medici".Certo... fonti sicure ed affidabili vero?sbirri e medici.... bella roba.... non dico che siano al primo posto nella classifica della feccia umana, ma sicuramente lottano per un posto sul podio.bleah!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quante cazzate in un solo articolo
      A me e' sembrato illuminante, almeno ti fa capire cosa diranno domani per giustificare il fatto che quando ti colleghi devi telefonare al Viminale per avvertirli e chesul culo avrai un codice a barre. Ora sono ci sono gli smanettoni tossici
    • Anonimo scrive:
      Re: Quante cazzate in un solo articolo
      Stavi parlando del tuo post, vero?PI ripubblica un articolo, almeno, tu le tue conclusioni le basi su cosa? Hai le p*** di pubblicare uno studio che dimostri che quelli citati dall'articolo che PI rilancia siano errati?
      • tiro scrive:
        Re: Quante cazzate in un solo articolo
        Mi sembra che il problema sia proprio lo studio scientifico. PI non pubblica uno studio scientifico bensì un articolo basato su dichiarazioni. Siamo ben lungi dal testo/studio scientifico. Ad ogni modo il lettore dal buon senso fa fatica a credere ad una organizzazione criminale che delinque a causa di una sostanza chimica. Il buon senso fa più credere ad una dichiarazione pubblica che induca l'opinione pubblica nel considerare gli effetti sociali di una determinata droga. Se la droga non avesse gravi effetti nocivi sulla società perchè vietarla? Per la salute del singolo? Schiocchezze.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quante cazzate in un solo articolo

          Ad ogni modo il lettore dal buon
          senso fa fatica a credere ad una organizzazione
          criminale che delinque a causa di una sostanza
          chimica.Il tacchino di buon senso fa fatica a credere che Natale per lui sarà un giorno MOLTO diverso dagli altri...
    • p@t scrive:
      Re: Quante cazzate in un solo articolo
      perfettamente d'accordo, sinceramente mi sono rotto il cazzo di sentire persone che parlano di cose che neanche conoscono... pensando di essere gli unici in grado di farlo.Come questo esempio classico, in cui sedicenti dottori e sociologi presumono di poter parlare di droga sulla base di nessuna esperienza, ma in base ad insensati dati oggettivi.Ecco i risultati, strumentalizzati per lanciare falsi allarmi.Ce lo vorrei proprio vedere quanto si possa divertire davanti al computer, con la mascella storta e gli occhi impallati, uno che si è preso una metanfetamina....==================================Modificato dall'autore il 07/10/2005 15.36.00
  • Terra2 scrive:
    Quale droga appiopperanno al P2P?
    Potrebbe essere una bella trovata per le majors, no? Demonizzare tutta una categoria per chiedere pene esageratamente assurde.L'effetto dell'extasy si esaurisce in un oretta circa (giusto il tempo di farti credere che quella zotica su cui hai allungato tra i divanetti del "zamarrummba dishco palas" fosse più figa della Bellucci) altro che "testare i codici delle carte" per "giorni" di seguito.Si può ripetere il trattamento ogni 2 ore, ma in questo caso non credo che il cuore tiri avanti a lungo.E mentre la pula da la caccia a qualche tamarro strafatto che passa il tempo a farsi pippe davanti al PC i criminali spammano...
    • IppatsuMan scrive:
      Re: Quale droga appiopperanno al P2P?
      - Scritto da: Terra2
      Potrebbe essere una bella trovata per le majors,
      no? Demonizzare tutta una categoria per chiedere
      pene esageratamente assurde.L'hanno già fatto :s Da Slashdot del 30/09:"New research report (sponsored by the recording industry, so should definitely be objective) suggests that those who download music online are also likely to cheat at schools/universities and to shoplift. From the Globe and Mail: 'Not only does music file-swapping harm artists, but it also points to an erosion of respect for intellectual property that threatens Canada's economy and values at the core of our society,' said Graham Henderson, president of the Canadian Recording Industry Association, which commissioned the polls."http://slashdot.org/article.pl?sid=05/09/30/135259&tid=141&tid=187http://www.theglobeandmail.com/servlet/story/RTGAM.20050929.wpiracy0929/BNStory/Technology/No comment.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale droga appiopperanno al P2P?
        beh, è noto e arcinoto che chi usa il P2P per la sua propensione a non rispettare le proprietà altrui butta per terra la carta delle caramelle, cammina sulle aiole e non ricicla la cartada li poi passerebbe a rubacchiare nei supermercati e a fregare i CD dagli asciugamani dei marocchini per le strade (fateci caso, ogni tanto se ne vede qualcuno che adocchia il cd tarocco, si abbassa furtivo e poi ..zak viaaa col povero marocco dietro urlante)dopo diche passa a dare la scalata al banco ambrosiano, ma questa è un altra storia
        • quiproquo scrive:
          Re: Quale droga appiopperanno al P2P?
          - Scritto da: Anonimo
          dopo diche passa a dare la scalata al banco
          ambrosiano, ma questa è un altra storia :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    la realtà che supera blade runner...
    notizie come questa mi agghiacciano, ma allo stesso tempo stimolano in me una certa curiosità riguardo l'epoca in cui viviamo, da un punto di vista sociologico... un amore/odio verso questa folle società, in ultima analisi assolutamente non positiva, che mi riporta in mente quella maledizione cinese: "ti auguro di vivere in tempi interessanti"... bah, chi vivrà vedrà ; ) tmx_
  • Ottav(i)o Nano scrive:
    SPAM cartaceo e colle...
    Ho effettuato uno studio molto interessante sulla correlazione tra lo SPAM cartaceo -quelle buste che vi ficcano nella cassetta delle lettere e che contengono solo pubblicità, insomma- e la diffusione della coccoina.Bene, che ci crediate o no, C'E' UNA CHIARISSIMA RELAZIONE TRA LA PRESENZA DI COCCOINOMANI E IL MAILING NON RICHIESTO!!! :|Pur di poter usare la coccoina, infatti, i coccoinomani vengono sfruttati da gang di esercenti che li costringono ad imbustare ed incollare centinaia di lettere al giorno.Sembra addirittura che la coccoina sia stata clandestinamente inserita sul retro dei francobolli per indurre i coccoinomani a farne un uso smodato, aumentando così in maniera esponenziale il numero di lettere spedite...D'altronde la diffusione della coccoina è facilmente spiegabile, visto il suo caratteristico odore che dà veloce assuefazione (volete negare di aver mai annusato un barattolo di coccoina, forse???).L'introduzione della gomma arabica -che non dà assuefazione ma che dà molta meno soddisfazione- non è riuscita ad arginare il pericoloso fenomeno.E' da notare che la coccoina è spesso il primo gradino di una escalation verso colle sempre più pesanti: bostik, attack, e su su fino al silicone. :o Ho anche in preparazione uno studio sulla correlazione tra la presenza di extracomunitari e la diffusione di virus informatici, laddove si dimostra che gli extracomunitari sono portatori di virus talmente potenti che (similmente all'influenza dei polli che si trasmette ai maiali) riescono a passare dagli extracomunitari ai computer; contagio che che si trasmette principalmente tramite gli internet point e i call center da loro frequentati e/o gestiti.Stay tuned for the next report!
    • avvelenato scrive:
      Re: SPAM cartaceo e colle...
      - Scritto da: Ottav(i)o Nano
      Ho effettuato uno studio molto interessante sulla
      correlazione tra lo SPAM cartaceo -quelle buste
      che vi ficcano nella cassetta delle lettere e che
      contengono solo pubblicità, insomma- e la
      diffusione della coccoina.
      Bene, che ci crediate o no, C'E' UNA CHIARISSIMA
      RELAZIONE TRA LA PRESENZA DI COCCOINOMANI E IL
      MAILING NON RICHIESTO!!! :|
      Pur di poter usare la coccoina, infatti, i
      coccoinomani vengono sfruttati da gang di
      esercenti che li costringono ad imbustare ed
      incollare centinaia di lettere al giorno.
      Sembra addirittura che la coccoina sia stata
      clandestinamente inserita sul retro dei
      francobolli per indurre i coccoinomani a farne un
      uso smodato, aumentando così in maniera
      esponenziale il numero di lettere spedite...
      D'altronde la diffusione della coccoina è
      facilmente spiegabile, visto il suo
      caratteristico odore che dà veloce assuefazione
      (volete negare di aver mai annusato un barattolo
      di coccoina, forse???).
      L'introduzione della gomma arabica -che non dà
      assuefazione ma che dà molta meno soddisfazione-
      non è riuscita ad arginare il pericoloso
      fenomeno.
      E' da notare che la coccoina è spesso il primo
      gradino di una escalation verso colle sempre più
      pesanti: bostik, attack, e su su fino al
      silicone. :o

      Ho anche in preparazione uno studio sulla
      correlazione tra la presenza di extracomunitari e
      la diffusione di virus informatici, laddove si
      dimostra che gli extracomunitari sono portatori
      di virus talmente potenti che (similmente
      all'influenza dei polli che si trasmette ai
      maiali) riescono a passare dagli extracomunitari
      ai computer; contagio che che si trasmette
      principalmente tramite gli internet point e i
      call center da loro frequentati e/o gestiti.

      Stay tuned for the next report!la coccoina, cristo santo che buon odore! :| .
    • Anonimo scrive:
      Re: SPAM cartaceo e colle...
      W LA SCIENZA!! 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: SPAM cartaceo e colle...
      sei un genio!l'avevo sotto il naso da una vita e non mi ero mai accorto di quanto fosse buona!
  • Anonimo scrive:
    Antica freddura rivista
    -Papà, papà... ma è vero che i piratoni informatici sono fatti come noi?- No, Pierino... molto, moooltoooooooooooo di più!nottedavex
  • psychedelicsys scrive:
    e si e poi?
    ma va la'.... la metanfetamina (o MDMA o ecstasi) non mi sembra una gran droga per stare davanti al PC.... non tanto come la coca dei borsaioli......quelli che giocano in borsa)mi sa di molto cazzata per attaccare i drogati e al tempo stesso per dare una sicurezza (sappiamo chi sono) ai continui furti d'identità
    • Anonimo scrive:
      Re: e si e poi?

      ma va la'.... la metanfetamina (o MDMA o ecstasi)
      non mi sembra una gran droga per stare davanti
      al PC.... non tanto come la coca deil'MDMA sicuramente no.http://en.wikipedia.org/wiki/Mdmama la metanfetamina sicuramente si'http://en.wikipedia.org/wiki/Methamphetaminepoche idee, ma confuse, eh? ;-)
  • Anonimo scrive:
    Noo! La droga, la droga!
    magicamente tutto si riconduce li, al male supremo!Effettivamente la droga è utilizzata dalla malavita come arma di ricatto per far compiere a terzi furti volti a finanziare l'acquisto equindi la malavita stessa.Se solo capissero che basterebbe permettere ad ognuno di prodursi ciò che vuole (o di cui ha bisogno) nessuno potrebbe più ricattare nessuno.La repressione crea schiavitù che si ritorcono proprio contro chi professa un mondo migliore.L'alternativa sarebbe far sparire ogni droga dalla faccia della terra dall'oggi al domani...ma mi pare un po' utopico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Noo! La droga, la droga!
      - Scritto da: Anonimo
      Se solo capissero che basterebbe permettere ad
      ognuno di prodursi ciò che vuole (o di cui ha
      bisogno) nessuno potrebbe più ricattare nessuno.
      "Mamma mamma posso produrre nella mia cameretta un po' di cocaina?""Ceeertoo... ma sta attento non esagerare che non si sa mai vai in overdose"
      La repressione crea schiavitù che si ritorcono
      proprio contro chi professa un mondo migliore.
      L'alternativa qual è ? Legalizzare tutto?
      L'alternativa sarebbe far sparire ogni droga
      dalla faccia della terra dall'oggi al domani...ma
      mi pare un po' utopico.appunto...
      • Anonimo scrive:
        Re: Noo! La droga, la droga!

        "Mamma mamma posso produrre nella mia cameretta
        un po' di cocaina?"
        "Ceeertoo... ma sta attento non esagerare che non
        si sa mai vai in overdose"Qui confondi il divieto per i maggiorenni di usare droghe con il divieto di far del male ai propri figli.Per lo stesso motivo per cui ubriacarsi è permesso ma guidare ubriachi no.

        La repressione crea schiavitù che si ritorcono

        proprio contro chi professa un mondo migliore.


        L'alternativa qual è ? Legalizzare tutto?Certo. Legalizzare non significa liberalizzare. Significa controllare e seguire chi decide di usare certe sostanze, responsabilizzando e naturalmente facendo campagne culturali che facciano capire a tutti i rischi.Un esempio di legalizzazione dell'eroina per esempio è stato fatto, con successo, in Spagna già sotto Aznar: è legale negli ospedali sotto controllo medico per chi è tossicodipendente al posto del metadone. Il medico la somministra, dirige il tossicodipendente verso un percorso di disintossicazione, e soprattutto lo leva dalle mani degli spacciatori.Un altro esempio è l'oppio usato per scopi medici (produzione di morfina per gli ospedali, eccetera) che, se solo fosse accettato dalla comunità internazionale, toglierebbe dal sommerso e dal mercato della criminalità internazionale tutte le famose piantagioni afghane di papaveri (su cui si basa l'economia afghana).Per non parlare poi delle droghe leggere, su cui molti Paesi nordeuropei hanno sperimentato una politica legalizzatrice con enorme successo (solo in Olanda in 20 anni: consumatori di droghe leggere rimasti uguali, di ecstasy aumentati meno che negli altri paesi, di droghe pesanti dimezzati, con smantellamento di una buona fetta degli interessi dei criminali locali).

        L'alternativa sarebbe far sparire ogni droga

        dalla faccia della terra dall'oggi al
        domani...ma

        mi pare un po' utopico.

        appunto...E' semplicemente impossibile: più si cerca, più li fenomeno aumenta, è così dalla notte dei tempi. Quando un comportamento antisociale è diffusissimo, dall'alcol alla prostituzione, dalle droghe leggere alla pirateria, il proibizionismo è una strada che ha sempre portato a risultati nulli o disastrosi. Non esiste un solo caso nella storia in cui una politica proibizionista diretta contro un comportamento largamente diffuso è servito a qualcosa.L'unico è rimboccarsi le maniche, legalizzare e controllare, responsabilizzare e fare campagne informative. Non è il migliore dei mondi possibili, ma è l'unico metodo che finora ha dato qualche risultato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Noo! La droga, la droga!
        Si ...cosi quando vai dal dentista invece dell'anestesia a base di coca ti da una bella mazzata in testa.O hai malati terminali invece della morfina gli daranno il colpo di grazia.- Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se solo capissero che basterebbe permettere ad

        ognuno di prodursi ciò che vuole (o di cui ha

        bisogno) nessuno potrebbe più ricattare nessuno.



        "Mamma mamma posso produrre nella mia cameretta
        un po' di cocaina?"
        "Ceeertoo... ma sta attento non esagerare che non
        si sa mai vai in overdose"


        La repressione crea schiavitù che si ritorcono

        proprio contro chi professa un mondo migliore.



        L'alternativa qual è ? Legalizzare tutto?


        L'alternativa sarebbe far sparire ogni droga

        dalla faccia della terra dall'oggi al
        domani...ma

        mi pare un po' utopico.

        appunto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Noo! La droga, la droga!
      Peraltro, le metanfetamine (dall'efedrina in su) sono tutte reperibilissime in farmacia, se ne fa un uso smodato in palestra e per gli anoressizzanti (cure dimagranti temporanee - fentermina - in concomitanza con altri farmaci, in particolare tiroidei come il tiratricolo). In Italia l'uso sarebbe controllato e la prescrizione di tali farmaci insieme per dimagrire sarebbe vietata, ma solo in Italia (in tutto il resto del mondo no, è solo lievemente sconsigliata) ma in realtà se ne fa un uso enorme ed è largamente disponibile anche in Italia sottobanco (in tutto il resto del mondo vai dal medico di famiglia e lui te la prescrive senza battere ciglio).Come da qui si arrivi al phishing mi pare un po' misterioso e comunque mi pare un passaggio un po' forzato, ma vabbè, vedremo di leggere meglio lo studio che è stato fatto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Noo! La droga, la droga!

        Peraltro, le metanfetamine (dall'efedrina in su)
        sono tutte reperibilissime in farmacia, se ne fama che dici? la metanfetamina e' bandita da decenni dalle nostre farmacie, e tutti i derivati dell'anfetamina ad uso dimagrante sono stati proibiti da un po' (a parte qualcuno senza effetto stimolante, se non sbaglio).
        un uso smodato in palestra e per gli
        anoressizzanti (cure dimagranti temporanee -
        fentermina - in concomitanza con altri farmaci,
        in particolare tiroidei come il tiratricolo). In
        Italia l'uso sarebbe controllato e la
        prescrizione di tali farmaci insieme per
        dimagrire sarebbe vietata, ma solo in Italia (in
        tutto il resto del mondo no, è solo lievemente
        sconsigliata) ma in realtà se ne fa un uso enorme
        ed è largamente disponibile anche in Italia
        sottobanco (in tutto il resto del mondo vai dalvabbe', qui non si sta parlando di schifezze per dimagrire a spese di tutto il resto dell'organismo ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Noo! La droga, la droga!

          ma che dici? la metanfetamina e' bandita da
          decenni dalle nostre farmacie, e tutti i derivati
          dell'anfetamina ad uso dimagrante sono stati
          proibiti da un po' (a parte qualcuno senza
          effetto stimolante, se non sbaglio).Sì ma esistono cose come l'anonimo dice (fentermina + tiratricolo) che sono reperibilissime. Infatti la nostra legge vieta la vendita e la prescrizione di queste sostanze INSIEME. In realtà i medici fanno due ricette separate, et voila. In effetti, nel resto del mondo, dalla Spagna fino al Giappone, è legalissimo e i giovani ne fanno largo uso: un acceleratore cardiaco + qualcosa per la tiroide + un antigastrico, ed ecco che dimagrisci di 5 o 6 chili in una settimana, per un mesetto, giusto quello che ti serve per fare bella figura in spiaggia, poi riprendi i chili con gli interessi. Ripeto: ho viaggiato moltissimo all'estero e là lo fanno tutti, è anche pubblicizzato per TV in alcuni casi.

          vabbe', qui non si sta parlando di schifezze per
          dimagrire a spese di tutto il resto
          dell'organismo ;-)Sì infatti, le metanfetamine sono diverse: la fentermina e altri acceleratori cardiaci non credo che lo siano. Di per sé non sarebbero dannosi se non che il rapporto rischio/benefici sia troppo alto per la nostra legislazione in caso di dimagrimento. Ma sono ben altre cose delle metanfetamine
        • psychedelicsys scrive:
          Re: Noo! La droga, la droga!
          e gia e il ritalin?l'anfe che danno ai bimbi iperattivi dove le metti
          • Anonimo scrive:
            Re: Noo! La droga, la droga!
            - Scritto da: psychedelicsys
            e gia e il ritalin?
            l'anfe che danno ai bimbi iperattivi dove le mettiE' verissimo! Dimenticavo proprio l'esempio più eclatante di anfetamina legale: il metilfenidato.Gli studi scientifici peraltro dimostrano ormai da anni che fa male solo se abusato o preso per moltissimo tempo, Quindi non vedo tutti questi allarmismi, almeno finché non diventa una moda che passa all'abuso come è successo negli USA.
    • Anonimo scrive:
      Re: Noo! La droga, la droga!

      Se solo capissero che basterebbe permettere ad
      ognuno di prodursi ciò che vuole (o di cui ha
      bisogno) nessuno potrebbe più ricattare nessuno.proprio per la metanfetamina succede cosi': come riportato dal corriere o repubblica qualche settimana fa, i laboratori clandestini per farsi la meta sono facilissimi da allestire, le "ricette" si trovano su internet, i prodotti chimici da walmart. Quando arriva la polizia, in pochi minuti getti tutto nel wc. E ci sono intere zone rurali degli usa dove molti se la fanno da se'.Un po' come in svezia, dove molti hanno la propria distilleria clandestina per non pagare le tasse ;-)Vista la facilita' nel produrla, e l'economicita' nel procurarsela, credo che questa sia una scusa che si sono inventanti i phishers per salvarsi.Curioso che piu' le leggi siano proibizioniste, piu' ci sia deresponsabilizzazione di chi commette reati sotto l'effetto di droghe....come in italia, con la legge allo studio: in galera anche con la dose minima, per anni e anni.... a meno che non ci si "penta", non ci si faccia mettere in comunita', bla bla bla....e allora, anche se si e' ammazzata una vecchietta per la dose, viene tutto "perdonato"....io sarei per l'approccio opposto: prendi quel che ti pare, ma ricordati che sei adulto: non venire ad accampare scuse per quello che fai quando sei strafatto. Ne risponderai in pieno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Noo! La droga, la droga!

        io sarei per l'approccio opposto: prendi quel che
        ti pare, ma ricordati che sei adulto: non venire
        ad accampare scuse per quello che fai quando sei
        strafatto. Ne risponderai in pieno.Assolutamente d'accordo. Il concetto libertà individuale = responsabilità, dovrebbe essere una base assodata, e invece sembra essere costantemente ignorato dalle legislazioni, perlopiù proibizioniste da una parte e assistenzialiste dall'altra.
Chiudi i commenti