Tariffe di terminazione, una palla al piede di H3G

Antitrust ritiene che la regolamentazione al ribasso penalizzi la concorrenza. Tre Italia è l'operatore che potrebbe rimetterci di più

Roma – Il tormentone tariffe di terminazione continua: questo capitolo della storia è firmato AGCM, l’authority antitrust italiana, che mette nero su bianco le sue perplessità sulle modalità di gestione e regolamentazione del mercato della telefonia mobile . A fare le spese della corsa al ribasso, secondo l’antitrust, sarebbe soprattutto H3G (Tre Italia) e di conseguenza i suoi clienti: l’operatore è sul mercato da troppo poco tempo rispetto ai suoi competitor, e di conseguenza non ha avuto le stesse opportunità degli altri.

“Una eccessiva riduzione del differenziale nelle tariffe di terminazione regolate tra H3G e gli altri operatori con riferimento al periodo considerato nello schema di provvedimento – scrive AGCM – tenuto conto delle diverse condizioni operative, potrebbe comportare il rischio di una riduzione del grado di concorrenza sul mercato dei servizi mobili, con effetti negativi sul benessere dei consumatori”: in altre parole, se in conseguenza di certe decisioni Tre dovesse alzare le tariffe per compensare i mancati introiti (o peggio) a farne le spese sarebbero i suoi clienti e in generale tutto il mercato, che vedrebbe restringersi la concorrenza e la competizione che in questi anni ha progressivamente abbassato i prezzi finali.

La questione è facilmente riassumibile : H3G è in circolazione da meno tempo di TIM, Vodafone e Wind, di conseguenza ha meno clienti al suo attivo e ha avuto meno tempo a disposizione per ammortizzare i costi di gestione e costruzione della sua rete . Questo in passato ha giustificato l’adozione di tariffe di terminazione superiori, ovvero il prezzo pagato dagli altri operatori per interconnettersi alla rete H3G e mettere in comunicazione le proprie utenze con quelle altrui. La questione è stata già affrontata in passato , approntando un calendario per il taglio progressivo delle tariffe: ora l’Antitrust rispolvera la faccenda, offrendo all’altra authority AGCOM l’opportunità di rispolverare e riconsiderare la questione.

La decisione finale sulle tariffe di terminazione spetta ad AGCOM, ma l’Antitrust ha funzione consultiva in questa materia: questa uscita di AGCM potrebbe rimettere in discussione il progressivo livellamento a cui si è assistito in questi anni , con l’abbandono del principio di “asimmetricità” tra vecchi e nuovi operatori in favore di un’armonizzazione complessiva e dell’equiparazione tra i diversi soggetti.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ulip scrive:
    Disinformazione
    Ormai la disinformazione regna sovrana in ogni settore e il popolo bue, come prima e più di prima, rimane manipolato e cornuto.I giochi si fanno nelle alte sfere di governi, istituzioni governative e consigli di amministrazione di multinazionali.Il popolo bue è usato come pedone (e si presta volentieri al gioco prprio perché bue e non capisce) dai pochi scacchisti ai vertici.Che mondo idiota...
    • Passante scrive:
      Re: Disinformazione
      - Scritto da: Ulip
      Ormai la disinformazione regna sovrana in ogni
      settore e il popolo bue, come prima e più di
      prima, rimane manipolato e cornuto.
      I giochi si fanno nelle alte sfere di governi,
      istituzioni governative e consigli di
      amministrazione di multinazionali.
      Il popolo bue è usato come pedone (e si presta
      volentieri al gioco prprio perché bue e non
      capisce) dai pochi scacchisti ai vertici.
      Che mondo idiota...E tu cosa fai per non farne parte ?
      • Ulip scrive:
        Re: Disinformazione
        Niente.Anche io faccio parte del popolo bue.
        • Passante scrive:
          Re: Disinformazione
          - Scritto da: Ulip
          Niente.
          Anche io faccio parte del popolo bue.Allora dovrest proprio riscrivere tutto in prima persona...Fallo, rileggilo e dicci come ti senti dopo.
Chiudi i commenti