TDK spinge Blu-ray a 200 GB

Il colosso giapponese ha mostrato il primo prototipo di disco Blu-ray da 200 GB, capacità ottenuta incrementando la densità di memorizzazione di ogni singolo layer che compone il supporto

Tokyo (Giappone) – TDK è il primo produttore di dischi Blu-ray (BD) ad aver mostrato un prototipo da 200 GB, in grado di fornire una capacità otto volte superiore a quella dei supporti BD di prima generazione.

L’azienda giapponese ha anche annunciato che, a partire dalla prossima settimana, inizierà la commercializzazione di BD registrabili una sola volta (BD-R) e riscrivibili (BD-RE) da 50 GB . Mentre questi dischi sono composti da due layer (strati) da 25 GB ciascuno, i futuri media da 200 GB conterranno 6 layer da 33 GB .

TDK aveva mostrato un prototipo di BD da 100 GB nel maggio del 2005: il disco conteneva quattro layer e poteva essere scritto ad una velocità sensibilmente maggiore rispetto a quella degli attuali dischi da 25 e 50 GB.

Sia Sony che TDK hanno pianificato il lancio dei primi supporti BD-R da 200 GB nel 2007, con tutta probabilità nel corso della seconda metà dell’anno.

Il prezzo dei nuovi supporti da 50 GB è di 35 euro per i BD-R e di 45 euro per i BD-RE. TDK sostiene che questi dischi possono conservare la loro piena funzionalità anche dopo 10.000 sovrascritture, mentre il tempo medio di vita è stimato in oltre 50 anni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    IO SCARICO
    Alla faccia delle multinazionali scarico, riscarico e controscarico ora domani e per sempre. Viva la pirateria abbasso la feccia capitalista.
    • Anonimo scrive:
      Re: IO SCARICO
      Il fatto è che non ci sono solo le multinazionali, colpevoli di ... tanto e anche di più da meritare d'esser trattate a sprangate; ed è questo che rende la tua affermazione poco coerente con la lotta che pretendi di fare. Ci sono anche piccole ditte e nuovi artisti che cercano quel giusto guadagno per il proprio lavoro (i "vecchi" guadagnano anche troppo), e per poter portare avanti i propri sogni; e quelli di chi li ascolta, legge, guarda, ecc.Da qui la necessità di una soluzione che salvaguardi i nostri portafogli da certi sciacalli che meriterebbero d'esser bruciati vivi (e lontano dalle loro piscine, in modo che non possano salvarsi buttandocisi dentro), ma che salvaguardino anche il diritto di esercitare l'arte come lavoro.
    • Anonimo scrive:
      Re: IO SCARICO
      io invece mi fumo la BONZA LAVATAe la scarico (dalle tasse)0n th3 0wnz - lAmEnDoLuz
    • Anonimo scrive:
      TU SCARICHI, IO OWNO.
      Io iNVeCe VoTo MeNToRz cRIùz, CHe ZiTTa ZiTTa oUNz y0u!
      • Anonimo scrive:
        Re: TU SCARICHI, IO OWNO.
        ViVa ViVa CeNToLiNo CHe a TuTTi Vi CuCiNaViVa ViVa PeNT0LiNoCHe a Voi TuTTi Vi RoViNaMeNT0Rz CRiUz oUNZ iUz
  • Anonimo scrive:
    Io li voterei
    p) (anonimo)
  • Anonimo scrive:
    stockhausen
    Stockhausen contemporaneo, klavierenstuck (scusa la dieresi) opera di innovazione?Beneamata dodecafonia... zorn yoshihidequalche altro nome.qualche altro importante nome... che se interpellato come risponde sul P2P. Chiedilo a john cage
    • Alucard scrive:
      Re: stockhausen
      - Scritto da:
      Stockhausen contemporaneo, klavierenstuck (scusa
      la dieresi) opera di
      innovazione?
      Beneamata dodecafonia... zorn yoshihide
      qualche altro nome.
      qualche altro importante nome... che se
      interpellato come risponde sul P2P. Chiedilo a
      john
      cageSe fosse possibile glielo chiederei XDCmq Stockhausen è solo uno dei tanti compositori ancora in vita, ce ne sono a bizzeffe (basta guardare certe etichette meno conosciute).
  • Anonimo scrive:
    Ma Cortiana e i comunisti?
    Ora che i verdi e i comunisti sono andati al governo non dovevano cambiare la vecchia legge urbani? O erano solo parole accaparra voti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma Cortiana e i comunisti?

      O erano solo parole accaparra
      voti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma Cortiana e i comunisti?
      - Scritto da:
      O erano solo parole accaparra
      voti...Esatto. Brutta cosa il risveglio, vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma Cortiana e i comunisti?
        Guardate che Cortiana NON è stato eletto!!! Non vi ricordate tutta la diatriba che ci fu per il suo posizionamento in lista giacchè era scomodo anche per i suoi alleati? Poi fu spostato più in alto ma questo non è bastato a farlo eleggere, può essere che nel corso di questa legislatura avrà compiti istituzionali ma questo non vuol dire essere stato eletto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma Cortiana e i comunisti?
          Si certo ma i comunisti, salvatori delle nostre libertà fondamentali, lo sono stati e non stanno facendo nulla a riguardo.Tanto noi non contiamo nulla a livello di voti per loro, hanno già gli immigrati, i no-global, gli omosessuali e i transex che pensano a farli eleggere...
          • znarf scrive:
            Re: Ma Cortiana e i comunisti?
            I comunisti e i verdi, sono minoritari all'interno del governo. Si battono, insieme, come possono dati gli equilibri di forze, sia per cercare di evitare danni ulteriori (vedi attaco della margehrita contro la neutralita' della rete), sia per mantenere la conoscenza un bene comunehttp://www.pdci-europa.org/fks/
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma Cortiana e i comunisti?
      - Scritto da:
      Ora che i verdi e i comunisti sono andati al
      governo non dovevano cambiare la vecchia legge
      urbani? O erano solo parole accaparra
      voti...Ma dove li hai visti i comunisti io vedo un parlamento formato da padroni di colore blu, giallo, verde, rosso, fuxia .. ma sempre padroni che rispondono agli ordini della finanza globale di matrice anglosassone. Il resto è aria fritta le lotte operaie con i pugni alzati servono per prendere i voti e metterla nel culo a tutti.
  • Anonimo scrive:
    un nuovo copyright
    è assurdo che a distanza di anni si debbano ancora pagare diritti per canzoni, film o altro che ormai stanno quasi scomparendo... la cultura deve girare, deve essere a portata di tutti!i cantanti possono pure andarsene in giro in ferrari, gli attori e i registi in porsche, ma il punto è che è assurdo il concetto di copyright immutabile che c'è oggi.i diritti intellettuali devono sempre essere riconosciuti, il nome dell'autore, del creatore, ma devono essere pagati per un numero limitato di anni, che so 10!Per i primi 10 anni è giusto che si guadagni con il proprio lavoro, poi però deve diventare per tutti, a portata anche di chi non può permetterselo, un brano, un film, dopo 10 anni devono diventare di pubblico dominio, solo in questo modo tutti potranno giovarne e non andrà perduto!E' assurdo che ci sia chi vive ancora di canzoni fatte 50 anni fa, chi vive di canzoni di un parente ormai morto. Se volete la pagnotta fate uscire canzoni nuove, fate concerti, girate nuovi film!Create qualcosa che valga la pena di essere comprato, almeno ogni 5 anni!!!Siamo il paese degli arricchiti che tra calciatori, cantanti e registi relega la libertà personale all'ultimo posto, c'è chi può tutto e chi non può nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: un nuovo copyright
      concordo pienamente; il copyright è necessario ma la sua durata deve essere in qualche modo proporzionata al costo di produzione.
      • Anonimo scrive:
        Re: un nuovo copyright
        Dico proporzionale perchè per esempio fare un album musicale sia un lavoro di poche persone per poche settimane.. mentre fare un film è un lavoro di tante persone per vari mesi.. quindi direi 5 per la musica e 10 per i film :) per il software invece la questione è più difficile.. cmq per fare un videogame ad esempio ci vuole fino ad un anno..
        • Luca Schiavoni scrive:
          Re: un nuovo copyright
          - Scritto da:
          Dico proporzionale perchè per esempio fare un
          album musicale sia un lavoro di poche persone per
          poche settimane.. Ehmdipende di che album parli.Potrei farti centinaia di esempi di dischi che hanno richiesto anni di lavoro, di tante persone, tante menti, tecnici, artisti, musicisti, etc. < mentre fare un film è un lavoro
          di tante persone per vari mesi.. quindi direi 5
          per la musica e 10 per i film :) per il software
          invece la questione è più difficile.. cmq per
          fare un videogame ad esempio ci vuole fino ad un
          anno..ahem2ci sono videogiochi costati anni di lavoro di squadre enormi eh ;) Sicuramente un film - nel senso hollywoodiano del termine - richiede persone e energie superiori. Ma appunto.. c'e' film e film, album musicale e album musicale, e videogiocho e videogiocoCi sono sicuramente molti album e giochi che hanno richiesto piu creativita e lavoro di film cinematografici eh ;)MA in finale.. l opera va comunque tutelata in qualche modo IMHO per la famosa storia dell'ultima pistola (non mi ricordo in che film era!)ovvero: Ok, disarmiamoci tutti. Ma se anche uno solo si tiene una pistola... lui ha il potere e noi no. Non so se mi so' spiegato, oggi ho sonno;)Dopo 10 anni di dominio pubblico ? E perche' mai ? e chi lo decide ? L autorita' ? Se IO creo qualcosa IO sono l unico che puo decidere cosa, quando, come e quanto ricavarci, e per quanto tempo. Dopo 10 anni regalare la mia arte alle masse mi sa tanto di regime populista. IO voglio guadagnarci per l'eternità, se non ti va.. compra altro, o prendi le cose di dominio pubblico.Questa e' la vera liberta, in effetti. Il poter scegliere. L'artista sceglie come e quanto proteggere le sue cose, tu scegli cosa prendereNessuno ruba, nessuno viola le volonta' altruiecco.LucaS-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 settembre 2006 15.25-----------------------------------------------------------
  • ryoga scrive:
    L'arte di truffare
    Chi si ricorda di quando 4-5 anni fa, si discuteva dei prezzi dei cd/dvd originali?Chi si ricorda il perche' un cd/dvd non poteva avere un prezzo inferiore ai 10?Perche' oggi a distanza di 4-5 anni, si creano dvd a 20 e dopo pochi mesi divx a 5 scarsi?(Parlo di materiale originale)Ora la mia domanda è questa:Se un produttore, puo' vendere un divx a 5, perche' non puo' venderlo gia' dal primo giorno?Perche' deve vendere prima il dvd a 20 e poi il divx a 5?Inoltre...Se un divx distribuito in maniera capillare costa 5, perche' un dvd distribuito nella stessa identica maniera deve costare 4 volte in piu'?Io son daccordo ad annientare la pirateria, ma la pirateria non è solo quella dove ci sono persone che si scambiano file protetti, ma pure quella dove un'azienda vende ad un prezzo esageratamente alto un prodotto in condizioni di "predominanza" ( ad. es. e' possibile acquistare un CARS distribuito da piu' di 1 produttore e quindi trovarsi in un mercato di concorrenza? )
    • Cobra Reale scrive:
      Re: L'arte di truffare
      Secondo me, la speculazione sulla pelle degli appassionati è la peggior forma di pirateria, ed è contro tutto questo che il PiratPartiet combatte.A proposito di speculazioni, pensiamo ai film usciti da poco al cinema: nell'arco di breve tempo, escono in un gran numero di confezioni: base, con doppio disco, cofanetto da collezione, etc..
      • Anonimo scrive:
        Re: L'arte di truffare
        - Scritto da: Cobra Reale
        Secondo me, la speculazione sulla pelle degli
        appassionati è la peggior forma di pirateria, ed
        è contro tutto questo che il PiratPartiet
        combatte.
        A proposito di speculazioni, pensiamo ai film
        usciti da poco al cinema: nell'arco di breve
        tempo, escono in un gran numero di confezioni:
        base, con doppio disco, cofanetto da collezione,
        etc..senza contare il fatto che spesso l'edizione ultraspecialmaxi che non hai potuto comprare l'altr'anno (quella che aveva l'inserto utlrafixblastergodur-II) quest'anno E' FUORI CATALOGOe allora io dico: ma nel mulo qualcosa è fuori catalogo? NO!nel mulo NIENTE E' MAI fuori catalogo.il catalogo del mulo non finisce maidipende solo dal gusto della gente, dall'entusiasmo verso una certa opera, dalla cultura di sharing che ha uno (fare rotazione dei contenuti ogni mese) ...insomma se tutti finiamo per essere uno scaffale di una mega-mediateca planetaria... dobbiamo essere dei bravi mediatecari.perchè gli autori muoiono, gli editori si disinteressano, i distributori passano ad altrobuttare via o lasciare in mano alla speculazione il frutto dell'ingegno, sia esso narrativa, intrattenimento, divertissement, musica, video, manualistica, fiaba o utility ... comunque non mi pare intelligente.
  • djnaro scrive:
    Aria Vibrata
    Sarebbe il caso che qualcuno cominiciasse a trattare gli argomenti con più maturità ed un partito politico (o qualcosa con una risonanza analoga) forse può arrivare a cambiare un mentalità vecchia di cinquant'anni che ormai ha fatto acido. Forse questo è il segno che, finalmente, i tempi stanno cambiando e si potranno affrontare le nuove tematiche tenendo conto di parametri più realistici. Non mi meraviglia il fatto che siano proprio i paesi con mentalità più aperta a fare il primo passo.Prendiamo, per esempio, proprio il settore musicale: credo che sia importante riportare nell' ordine naturale delle cose il mercato: perchè quando ci vogliono vendere qualcosa di inconsistente diciamo che ci offrono aria fritta e ci incavoliamo mentre invece, quando questi tizi ci vendono ARIA VIBRATA (!), ce la prendiamo tutti contenti?Perché è proprio aria vibrata quella che compriamo regolarmente e non credo che sia paragonabile neanche vagamente ad una performance dal vivo (quella degna di essere adeguatamente remunerata) di un artista.Quando ascoltate le canzoni fate vibrare l'aria con i vostri altoparlanti, sono le vibrazioni dell'aria (ovvero qualcosa con la stessa consistenza di un peto) che vengono veicolate attraverso un supporto venduto al di fuori delle leggi di mercato: il prezzo non diminuisce con la quantità venduta e l a qualità non conta nulla !L'arte a questo punto la lascerei da parte (oggi bastano venti minuti per fare una canzone che vende...) e di sicuro Mozart si rifiuterebbe di farsi chiamare "musicista" se sentisse le infinite variazioni del giro di DO che vengono spacciate oggi per "musica".Melodicamente siamo impantanati da cinquant'anni in: attacco-linea melodica-ritornello-linea melodica-ritornello-finale: una struttura da canzone popolare che sta uccidendo la creatività (quella vera) in quanto frustra chiunque non si adegui a questa linea. Non si può neanche dire che "questo è quello che piace alla gente" (solita solfa) perchè i successi vengono prodotti ripetendo all'infinito lo steso tormentone su radio, televisioni, internet fino a quando diventa un successo perciò, la possibilità di diventare "famosa", una canzone ce l'ha solo se viene prodotta da chi può permettersi di pubblicizzarla.Quello che alimentiamo è un sistema perverso grazie al quale riescono a far passare leggi assurde utili a pochi e gravemente penalizzanti per i più. Senza contare le conseguenze di leggi stupide che possano bloccare o imbrigliare, di riflesso, la possibilità di far muovere contenuti e informazioni (qualunque sia il mezzo con cui essi viaggiano).Il discorso da affrontare è più di tipo educativo: riportiamo nella giusta dimensione un mercato che ha prodotto ricchezza negli anni d'oro dell'economia ma che adesso rischia di diventare zavorra per la creatività (bloccando, scoraggiando o nullificando la produzione di contenuti originali).Scusate la lunghezza e i toni del post ma credo che questi siano argomenti da discutere partendo da nuovi punti di dibattito...
    • Anonimo scrive:
      Re: Aria Vibrata
      - Scritto da: djnaro
      Sarebbe il caso che qualcuno cominiciasse a[...]
      Scusate la lunghezza e i toni del post ma credo
      che questi siano argomenti da discutere partendo
      da nuovi punti di
      dibattito...straquoto.tempo fa ho provato ad esporre questi concetti, ma sono subito stato attaccato dai soliti bifolchi...si lamenterebbero dei telai a vapore se fossero nati nel '800... che gente...Italiana!
  • Sparrow scrive:
    proposta simbolo
    Dunque abbiamo la Quercia, l'Ulivo, la Margherita, l'Asinello, il Garofano, la Rosa, ...in Italia potrebbe avere come simbolo:il MULO !!!(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta simbolo
      - Scritto da: Sparrow
      Dunque abbiamo la Quercia, l'Ulivo, la
      Margherita, l'Asinello, il Garofano, la Rosa,
      ...

      in Italia potrebbe avere come simbolo:
      il MULO !!!

      (rotfl)
      non è poi un'idea malvagia...oppure un pinguino...o una sfera a quadretti bianca e rossa...o un pesce palla...o un diavoletto...
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta simbolo
      - Scritto da: Sparrow
      Dunque abbiamo la Quercia, l'Ulivo, la
      Margherita, l'Asinello, il Garofano, la Rosa,
      ...

      in Italia potrebbe avere come simbolo:
      il MULO !!!

      (rotfl)
      Occhio che si confonde troppo con l'asinello, il simbolo del Partito Democratico USA. Usiamo una mangiatoia, invece ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: proposta simbolo
        - Scritto da:

        - Scritto da: Sparrow

        Dunque abbiamo la Quercia, l'Ulivo, la

        Margherita, l'Asinello, il Garofano, la Rosa,

        ...



        in Italia potrebbe avere come simbolo:

        il MULO !!!



        (rotfl)



        Occhio che si confonde troppo con l'asinello, il
        simbolo del Partito Democratico USA.

        Usiamo una mangiatoia, invece ;)una stretta di mano, il motto: una mano lava l'altra
  • Anonimo scrive:
    In Italia non un nuovo partito...
    ... ma un partito tra quelli esistenti che voglia salire dichiaratamente sullo stesso carro.Se ci sarà lo voterò.
    • niconico scrive:
      Re: In Italia non un nuovo partito...
      Dubito che qui possa nascere, dato che la maggior parte degli italiani sa accendere a malapena il PC :)
    • Anonimo scrive:
      Re: In Italia non un nuovo partito...
      C'è già e si chiama Rosa nel Pugno.
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non un nuovo partito...
        che purtroppo non ha cagato nessuno (secondo me i radicali si sono dati la zappa sui piedi alleandosi con la cdl alle elezioni precedenti)
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non un nuovo partito...
        - Scritto da:
        C'è già e si chiama Rosa nel Pugno.Rosa infilata in quel posto lì... e Pungo dall'altra parte.
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non un nuovo partito...
        - Scritto da:
        C'è già e si chiama Rosa nel Pugno.Ma non dire cazzate filocapitalisti, filoamericani, filomonopolio al servo del potere economico peggio di loro non esistono. La rosa nel pugno è il vero servo nazionale del capitalismo gobale.
  • Anonimo scrive:
    Nel frattempo in Italia...e tutti zitti
    .....la privacy è annullata. Infatti non occorre più che il Fisco abbia un'autorizzazione a indagare, a causa di irregolarità riscontrate o di qualche altro motivo oggettivo. Adesso basta una e-mail, un messaggio elettronico del Fisco.E l'ispezione bancaria può essere a tutto campo. Tramite assegni e bonifici e pagamenti elettronici effettuati e ricevuti, il grande fratello governativo potrà sapere quali idee e affiliazioni politiche ha il signor Rossi o la consorte. Ciò in quanto il fisco cosi può sapere a quale giornale ha fatto l'abbonamento lui o lei e di quali associazioni sono tesserati. Inoltre sarà possibile sapere se il signor Rossi ha preferenze femminili o d'altra inclinazione, tramite i locali a cui ha pagato conti elettronici e, naturalmente, se il suo apparato dentario è o no buono, quali sport ed hobby preferisca.Il signor Rossi non è in grado di sapere se la sua consorte faccia spese frivole ed abbia amicizie extra coniugali, se lei non lo vuole. Ma il fisco lo può sapere tramite gli accertamenti bancari: assegni, bonifici, pagamenti elettronici, conti e libretti a risparmio congiunti e disgiunti, proventi di affitti e titoli e prenotazioni. La signora Rossi da adesso sino al prossimo anno può pagare in contanti i servizi di lavoro autonomo, professionisti e artigiani, solo sotto i mille euro. Fra un anno sotto i cinquecento euro e fra due solo sotto i cento euro. Potrà prelevare in banca somme maggiori per pagare cash servizi non fatturati, ma allora il grande fratello vedendo che la signora Rossi fa prelievi consistenti di denaro, potrà dar la caccia alle sue condotte.Nel libro di Orwell il protagonista Winston Smith non sa se il Ministro della verità lo sta spiando, non sa che cosa il grande fratello pensi di lui, sulla base delle informazioni raccolte sui suoi movimenti. L'incertezza è ciò che più lo preoccupa. Il signor Rossi probabilmente non saprà se il fisco sta guardando il suo conto in banca ed ignorerà che cosa il Ministero delle finanze pensi dei suoi movimenti bancari.Francesco Forte ex ministro delle Finanze Libero 1 Settembre
    • Anonimo scrive:
      Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
      - Scritto da:
      Francesco Forte ex ministro delle Finanze
      Libero 1 Settembre
      La signora Rossi da adesso sino al prossimo anno
      può pagare in contanti i servizi di lavoro
      autonomo, professionisti e artigiani, solo sotto
      i mille euro. Fra un anno sotto i cinquecento
      euro e fra due solo sotto i cento euro. Potrà
      prelevare in banca somme maggiori per pagare cash
      servizi non fatturati, ma allora il grande
      fratello vedendo che la signora Rossi fa prelievi
      consistenti di denaro, potrà dar la caccia alle
      sue
      condotte. lo sapevo che prima o poi sarebbe diventato impossibile non dipendere direttamente dalle banche per tutto... ci trascinano verso la gestione del denaro controllata , come negli USA... e tra un po' magari non potrai comprarti una macchina se non hai il conto in banca, o magari non potrai farlo senza carta di creditoche poi è il sistema di " pagare per poter pagare "io LAVORO per poter pagare .non voglio lavorare per pagare, così da poter pagare .e soprattutto non voglio tracciamenti!
      • Anonimo scrive:
        Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
        - Scritto da:
        lo sapevo che prima o poi sarebbe diventato
        impossibile non dipendere direttamente dalle
        banche per tutto... ci trascinano verso la
        gestione del denaro controllata , come negli
        USA... e tra un po' magari non potrai comprarti
        una macchina se non hai il conto in banca, o
        magari non potrai farlo senza carta di
        credito Hai compreso il nocciolo della loro soluzione al problema della crescita della quantità di denaro e relativa diminuzione del suo valore (dovuta all'aumento della disoccupazione e alla diminuzione di efficienza, quest'ultima dovuta sia all'effetto volumi sia alla minore effcienza dei paesi emergenti, anche se apparentemente -effetto prezzi- non è così).La verità è che oggigiorno il denaro -qunado espleta la funzione di risparmio- altro non è che lavoro differito nel tempo. Ma se non c'è nessuno disponibile per fare quel lavoro, il denaro perde di valore. Controllare l'uso del denaro significa mettere una pezza a questo problema (se serve, si porranno limiti al suo uso, ovviamente ai più poveri).

        che poi è il sistema di " pagare per poter
        pagare "

        io LAVORO per poter pagare .
        non voglio lavorare per pagare, così da poter
        pagare .
        Sai come hanno reso in schiavitù molte popolazioni africane durante il colonialismo?Obbligandole all'uso del denaro. Quando prima dell'arrivo degli europei la loro economia (pur ristretta alla sussistenza) era basata sul baratto, non si poteva sfruttarli. C'era libero mercato tra loro, e nessuno poteva prendere una parte del valore del loro lavoro. Poi hanno imposto le tasse, che se pagate in natura non davano altri vantaggi che prendere una parte VISIBILE del loro lavoro (sotto forma di prodotti, servizi o corveé). Ma questo non bastava per ridurre la gente in schiavitù, producevano ancora il loro cibo ed erano in grado di rivoltarsi se le imposte superavano il tollerabile.Con l'introduzione dell'obbligo di pagare le tasse in denaro, invece, l'operazione è stata facile. Chi ha il denaro decide i prezzi (scambio obbligato, fine del libero mercato del lavoro), e quindi l'autosufficienza non basta a salvarti dallo sfruttamento. E gli schiavi trascinati in miniera sono diventati una valanga...(Ovviamente tutto il processo è molto più complicato di così, richiede molti passaggi e stadi, ognuno dei quali ha vincoli specifici per evitare che il processo si fermi o retroceda, ma la sostanza....)
        e soprattutto non voglio tracciamenti!
        E bravo. Ma se nel processo di riduzione in schiavitù che stiamo vivendo chi guida riesce a mantenersi entro i limiti, evitando che la verità sia capita da un numero sufficiente di persone, allora può riuscire anche se una minoranza (di cui facciamo parte) ha correttamente individuato il processo in corso, perchè la minoranza non può fermarlo (almeno in quel dato momento storico).
        • Anonimo scrive:
          Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
          - Scritto da:
          perchè la minoranza non può
          fermarlo (almeno in quel dato momento
          storico).vabbé ma allora io che ho capito tutto che faccio, mi suicido?beh, potrei anche.però ho delle cose da fare prima.
          • castigo scrive:
            Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            perchè la minoranza non può

            fermarlo (almeno in quel dato momento

            storico).

            vabbé ma allora io che ho capito tutto che
            faccio, mi
            suicido?

            beh, potrei anche.

            però ho delle cose da fare prima.
            fà un pò come ti pare.l'importante è che, nel mentre che ti suicidi, ti porti dietro anche qualcuno dei nostri beneamati politici.........
    • Anonimo scrive:
      Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
      in parte ha ragione e in parte si caghera' sotto perche' non potra piu' evadere le tasse ?
      • DuDe scrive:
        Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
        - Scritto da:
        in parte ha ragione e in parte si caghera' sotto
        perche' non potra piu' evadere le tasse
        ?Secondo te c'e' la voglia di combattere l'evasione fiscale? secondo me no! basterebbe incrociare a modino i dati, se un'azienda dichiara 30.000 euro di guadagni ma ha intestato leasing si yacht e varie, scatta il controllo fiscale, con quella cifra non campi, se un'imprenditore dichiara 10.000 euro ma ha case intestate a suoi famigliari , non capi, ergo ti controllo Oppure copiare il sistema americano, dammi a me i soldi ed io chiedo TUTTEle ricevute e scontrini cosi' automagicamente TUTTI sono costretti a dimostrare cosa guadagnano, a, dimenticavo, galera per gli evasori e dichiarazione di fallimento personale
      • Anonimo scrive:
        Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
        - Scritto da:
        in parte ha ragione e in parte si caghera' sotto
        perche' non potra piu' evadere le tasse
        ?Le tasse si evaderanno più di prima, se non paghi le mazzette non sei al sicuro ed ora aumentano le tariffe delle mazzette.Conosco gente sfegatata comunista piena di soldi che prende la pensione sociale, pensa te. E nessuno li tocca, nè li ha mai toccati. In Italia è pieno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          in parte ha ragione e in parte si caghera' sotto

          perche' non potra piu' evadere le tasse

          ?

          Le tasse si evaderanno più di prima, se non paghi
          le mazzette non sei al sicuro ed ora aumentano le
          tariffe delle
          mazzette.
          Conosco gente sfegatata comunista piena di soldi
          che prende la pensione sociale, pensa te. E
          nessuno li tocca, nè li ha mai toccati. In Italia
          è
          pieno.hai chiamato il 117?
    • Anonimo scrive:
      Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
      L'unico modo per vincere è non giocare...!.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
        - Scritto da:
        L'unico modo per vincere è non giocare...!. Joshua: Greetings, Professor Falken. Stephen Falken: Hello, Joshua. Joshua: A strange game. The only winning move is not to play. How about a nice game of chess?
    • Anonimo scrive:
      Re: Nel frattempo in Italia...e tutti zi
      Guarda io di questo mi preoccuperei poco, vista l'arretratezza che abbiamo nei pagamenti elettronici, potrebbero sapere molto poco, certo che basta fare un bancomattone a inizio mese e via, si paga contanti e i movimenti bancari si vanno a fare benedire
  • Anonimo scrive:
    Lo dichiareranno fuori legge
    Non appena darà fastidio o acquisterà un po' di potere il governo americano delle corporazioni spingerà su quello svedese per farlo dichiarare illegaleOvvio
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo dichiareranno fuori legge
      - Scritto da:
      Non appena darà fastidio o acquisterà un po' di
      potere il governo americano delle corporazioni
      spingerà su quello svedese per farlo dichiarare
      illegale
      Ovviospuntano sempre parole comesovversivoagitatorefomentatore di + qualcosa di negativorivoluzionario (nel senso negativo)quando tutti sappiamo che per stare bene come oggi stiamo, qualcuno è sempre stato accusato di queste cosequel che dimentichiamo è che ha tenuto duro, questo qualcuno, ogni volta ... e spesso ha pagato duramente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo dichiareranno fuori legge
      Non solo: chi avrà la tessera (e si saprà dai registri del partito) si troverà a casa un paio di NA (Nerboruti Analfabeti) che gli apriranno la testa a manganellate prima di ammanettarlo e portarlo via.
      • Anonimo scrive:
        italiani conigli e struzzi
        In italia abbiamo sempre paura che i veri progetti innovativi non avranno mai successo perche' ci sara' qualcuno, qualche potente, che fermera' tutto.E cosi' ci accontentiamo, o peggio infiliamo la testa sotto la sabbia e lasciamo a loro disposizione il sedere.Leggete ad esempio cosa dice Martin Varsavsky, il forndatore del progetto di condivisione della connessione tramite wi-fi:http://www.pandemia.info/2005/12/05/fon_il_progetto_va_avanti_anch.html
        • Anonimo scrive:
          Re: italiani conigli e struzzi
          Mettiamola così: ti sentiresti tranquillo ad avere in tasca la tessera di un partito che potrebbe facilmente essere messo fuori legge in tutta l'UE (i soldi parlano)?Ad avere il tuo nome nei registri di un partito, che potrebbero diventare registro degli indagati?Prima di mettere la testa fuori, considera un attimo quanto hai da perdere.
          • Cobra Reale scrive:
            Re: italiani conigli e struzzi
            Se a suo tempo tutti si fossero guardati dal mettere la testa fuori perché spaventati dai tuoi saggi quesìti, l'Italia non sarebbe mai nata.
  • Anonimo scrive:
    Buon senso?
    Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il 99% degli uenti) a scroccare musica, libri, film, software e altro materiale protetto da diritto d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a creare un esercito di nuovi disoccupati.In Italia anche se tutti gli utenti di PI votassero un partito che porta avanti queste idee non si arriverebbe mai alla soglia necessaria per portare rappresentanti in parlamento. E non solo in Italia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon senso?
      Il tuo discorso mi sembra colmo di buon senso, il problema e' che la logica dei pirati e' proprio a switch, ON e OFF, e quello che vogliono e' l'abolizione dei contenuti protetti ( la storia dell'USO PERSONALE e' meravigliosamente assurda, un gioco di parole per giustificare lo scrocco)...Abolizione della proprieta' intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a creare.E non e' proprio quello che alla fine vogliono quelli che ci controlllano da lontano?Tanto la RETE e' la cosa MENO LIBERA CHE C'E', visto che NESSUN UTENTE E' PROPRIETARIO DEI CAVI CHE SFRUTTA PER COLLEGARSI.Un bel giochino per arricchire i provider ( e il tronchetto dell'infelicita') alle spese di chi i contenuti li crea investendoci.Esaurite le creazioni originali (per mancanza di fondi) si riciclera' il catalogo della produzione umana ad libitum, pulendo, finche' ci faranno mangiare la m**da che VOGLIONO LORO.E come al solito il popolino di "meglio un uovo oggi che una gallina domani", quello che non crea e costruisce, ma sfrutta e si abbuffa GRATIS del lavoro altrui, diventa il PRIMO SOSTENITORE DELLA RIVOLUZIONE, senza rendersi conto che si sta dando la zappa sui piedi da solo.Poveretti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?

        Esaurite le creazioni originali (per mancanza di
        fondi) si riciclera' il catalogo della produzione
        umana ad libitum, pulendo, finche' ci faranno
        mangiare la m**da che VOGLIONO
        LORO.
        Sì infatti. Peccato che la musica dei mondiali, per dirne una, non è nient'altro che quel che dici tu, riciclaggio e non si può certo parlare di pirateria. Semplicemente, ormai, di artisti musicali veri e propri, non ne esistono più, proprio perchè, il mondo della musica, è solo una miniera d'oro ove qualsiasi idiota può buttarsi e con un pò di fortuna produce porcheria che viene imposta alla popolazione (ovunque ti giri, se vuoi un pò d'informazione, c'è lo zampino di chi vuole che vedi solo quello che a loro fà più comodo).Finora non è morto nessuno di pirateria, nè ha perso il lavoro, se occupava cariche realmente importanti. Chi, invece, vuole fare soldi senza lavorare, ma fingere di far qualcosa, ah beh... quello si troverà dove deve stare. Col culo per terra.
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?

          Finora non è morto nessuno di pirateria, nè ha
          perso il lavoro, se occupava cariche realmente
          importanti. Chi, invece, vuole fare soldi senza
          lavorare, ma fingere di far qualcosa, ah beh...
          quello si troverà dove deve stare. Col culo per
          terra.Infatti, Chi ha fatto i "SOLDI" li ha da parte, sono tutti i piccoli, quelli che lavorano per amore di cio' che fanno (libri, musica etc) i PRIMI a rimetterci, questo tipo di ragionamento non va ad intaccare tanto chi la pensione ce la ha gia', ma chi sta lavorando per farsela (anche minima).E poi , scusa, vogliamo pesare la cultura al chilo, oppure definirla in parametri che stiano bene solo a una parte del popolo?Non siamo tutti uguali, e secondo me si dovrebbe garantire per legge ed educazione "il rispetto della diversità", invece qua stiamo a dire che ppure chi dedica una vita allo studio e alla pubblicazione di un libro magari importante per la scienza o le emozione che ha dentro, dovrebbe possibilmente morire di fame perche' "deve lavorare tutti i giorni" (lo studio assiduo come lo chiami?)...Mah, mi sa che qua la chin si inchina e andremo tutti a rotoli per via dell'"invidia del pene" di chi non puo' o non vuole fare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?

            Infatti, Chi ha fatto i "SOLDI" li ha da parte,
            sono tutti i piccoli, quelli che lavorano per
            amore di cio' che fanno (libri, musica etc) i
            PRIMI a rimetterci.Si parla di liberalizzare l'uso non commerciale non della morte della proprieta' privata, non parliamo di beni materiali ma di beni immateriali.Chi fa musica o scrive per amore di farlo continuera' a farlo, le migliori produzioni artistiche/letterarie/musicali sono state fatte quando il copyright, come e' ora, non esisteva neppure.Chi invece pensa solo a farci i soldi per se e per 70 anni dopo la sua morte, magari preferira' andare a fare il muratore. O venderanno spazzolini da denti, con la clausola che quando qualcuno compra il dentifricio gli sia versato l'obolo e ovviamente lo spazzolino saras' strettamente personale e non rivendibile o prestabile.
        • Alucard scrive:
          Re: Buon senso?
          - Scritto da: Semplicemente, ormai, di artisti
          musicali veri e propri, non ne esistono più,
          proprio perchè, il mondo della musica, è solo una
          miniera d'oro ove qualsiasi idiota può buttarsi e
          con un pò di fortuna produce porcheriaSolito luogo comune.Ci sono un sacco di validi compositori contemporanei (es. Karlheinz Stockhausen) che scrivono musica e non porcherie.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?

            Ci sono un sacco di validi compositori
            contemporanei (es. Karlheinz Stockhausen) che
            scrivono musica e non
            porcherie.Che lo fanno per mestiere!
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?
        Che confusione. Sarebbe il caso di distinguere fra i pirati neocomunisti come i fanatici opensource prolinux ed i cittadini che si fanno copie fra amici e parenti da sempre e che non meritano certo di andare in galera per questo o essere multati.- Scritto da:
        Il tuo discorso mi sembra colmo di buon senso, il
        problema e' che la logica dei pirati e' proprio a
        switch, ON e OFF, e quello che vogliono e'
        l'abolizione dei contenuti protetti ( la storia
        dell'USO PERSONALE e' meravigliosamente assurda,
        un gioco di parole per giustificare lo
        scrocco)...

        Abolizione della proprieta'
        intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a
        creare.

        E non e' proprio quello che alla fine vogliono
        quelli che ci controlllano da
        lontano?

        Tanto la RETE e' la cosa MENO LIBERA CHE C'E',
        visto che NESSUN UTENTE E' PROPRIETARIO DEI CAVI
        CHE SFRUTTA PER
        COLLEGARSI.

        Un bel giochino per arricchire i provider ( e il
        tronchetto dell'infelicita') alle spese di chi i
        contenuti li crea
        investendoci.

        Esaurite le creazioni originali (per mancanza di
        fondi) si riciclera' il catalogo della produzione
        umana ad libitum, pulendo, finche' ci faranno
        mangiare la m**da che VOGLIONO
        LORO.

        E come al solito il popolino di "meglio un uovo
        oggi che una gallina domani", quello che non crea
        e costruisce, ma sfrutta e si abbuffa GRATIS del
        lavoro altrui, diventa il PRIMO SOSTENITORE DELLA
        RIVOLUZIONE, senza rendersi conto che si sta
        dando la zappa sui piedi da
        solo.

        Poveretti...
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?
          - Scritto da:
          Che confusione.
          Sarebbe il caso di distinguere fra i pirati
          neocomunisti come i fanatici opensource prolinux
          ed i cittadini che si fanno copie fra amici e
          parenti da sempre e che non meritano certo di
          andare in galera per questo o essere
          multati.Cosa centra opensource e Linux se non si possono piratare perché sono liberi?E cosa centra il comunismo in una licenza che si basa sul concetto stretto e occidentale del copyright?Come al solito si parla a sproposito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Che confusione.

            Sarebbe il caso di distinguere fra i pirati

            neocomunisti come i fanatici opensource prolinux

            ed i cittadini che si fanno copie fra amici e

            parenti da sempre e che non meritano certo di

            andare in galera per questo o essere

            multati.


            Cosa centra opensource e Linux se non si possono
            piratare perché sono
            liberi?Zitto, zitto, lasciagliela fare questa distinzione! Anzi, aiutiamolo!Distinguiamo chi in piena legalità scambia contenuti esplicitamente liberi per licenza da questi feroci criminali che si nascondono dietro amicizie e parentele, così potremo mandare ai lavori forzati l'autore di quel post ed andargli a chiedere se gli è piaciuta la sua stessa distinzione! ;) KaysiX
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Che confusione.


            Sarebbe il caso di distinguere fra i pirati


            neocomunisti come i fanatici opensource
            prolinux


            ed i cittadini che si fanno copie fra amici e


            parenti da sempre e che non meritano certo di


            andare in galera per questo o essere


            multati.





            Cosa centra opensource e Linux se non si possono

            piratare perché sono

            liberi?

            Zitto, zitto, lasciagliela fare questa
            distinzione! Anzi,
            aiutiamolo!

            Distinguiamo chi in piena legalità scambia
            contenuti esplicitamente liberi per licenza da
            questi feroci criminali che si nascondono dietro
            amicizie e parentele, così potremo mandare ai
            lavori forzati l'autore di quel post ed andargli
            a chiedere se gli è piaciuta la sua stessa
            distinzione! ;)


            KaysiXE credi anche di essere simpatico ? E' per colpa di gente come te che non si riesce ad ottenere una legalizzazione senza sanzioni per lo scambio di copie non a fini di lucro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            E credi anche di essere simpatico ? E' per colpa
            di gente come te che non si riesce ad ottenere
            una legalizzazione senza sanzioni per lo scambio
            di copie non a fini di
            lucro.Come me? Perché, come sono? O cosa faccio? Non è polemica, spiegami a che aspetto in particolare ti riferisci.KaysiX
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            Come me? Perché, come sono? O cosa faccio? Non è
            polemica, spiegami a che aspetto in particolare
            ti
            riferisci.

            KaysiXAspetta che forse ho capito; se mi hai preso per un "forcaiolo", sappi che invece sono decisamente a favore del fair use.Stavo solo evidenziando l'assurdita' del tizio che mette in cattiva luce con epiteti negativi persone in piena legalita', distinguendole da altre che allo stato attuale risultano sempre piu' perseguibili, ingiustamente e sproporzionatamente direi.Spero di aver chiarito...KaysiX
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            neanche un po'
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:
            neanche un po'neanche tu, quindi cerchi solo di trollare... (e ti riesce pure male)Ti lascio ai tuoi gne' gne', contento? il sottothread è tutto tuo! :) KaysiX
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?
          - Scritto da:
          Che confusione.
          Sarebbe il caso di distinguere fra i pirati
          neocomunisti come i fanatici opensource prolinux
          ed i cittadini che si fanno copie fra amici e
          parenti da sempre e che non meritano certo di
          andare in galera per questo o essere
          multati.
          Posto che Linux è libero e gratuito, tu reputi più onesti quelli che, disinteressandosi ampiamente delle leggi sul diritto d'autore, proseguono nel passarsi tra loro copie di materiali protetti dal copyright che tanti cittadini più coscenziosi si battono ogni giorno per eliminare.Spero che tu non ragioni così su tutti gli ambiti della tua vita.
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?
          - Scritto da:
          Che confusione.
          Sarebbe il caso di distinguere fra i pirati
          neocomunisti come i fanatici opensource prolinux
          ed i cittadini che si fanno copie fra amici e
          parenti da sempre e che non meritano certo di
          andare in galera per questo o essere
          multati.
          Guarda a caso in questo caso quelli che rispettano le leggi (e le licenze d'uso) sono propio i linari.Mentre i pirati che non rispettano le licenze sono quelli che fanno le copie fra amici.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Che confusione.

            Sarebbe il caso di distinguere fra i pirati

            neocomunisti come i fanatici opensource prolinux

            ed i cittadini che si fanno copie fra amici e

            parenti da sempre e che non meritano certo di

            andare in galera per questo o essere

            multati.



            Guarda a caso in questo caso quelli che
            rispettano le leggi (e le licenze d'uso) sono
            propio i
            linari.

            Mentre i pirati che non rispettano le licenze
            sono quelli che fanno le copie fra
            amici.I linari rispettano le licenze d'uso... sì, vabbè. Prendere il codice opensource e rivenderlo spacciandolo per proprio non sapendo scrivere un pezzo di codice e per vantarsi come fossero grandi professionisti è proprio indice di rispetto delle licenze e di bravura.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            I linari rispettano le licenze d'uso... sì,
            vabbè. Prendere il codice opensource e rivenderlo
            spacciandolo per proprio non sapendo scrivere un
            pezzo di codice e per vantarsi come fossero
            grandi professionisti è proprio indice di
            rispetto delle licenze e di
            bravura.Generalmente è la gallina che ha fatto l'uovo a strillare per prima ... :D
      • riddler scrive:
        Re: Buon senso?
        Come se un artista qualunque iniziasse a produrre opere con l'idea di diventare ricco. Se uno parte con quell'idea gli posso solo fare tanti auguri perche' lo vedo molto male. L'arte la si produce perche' se ne sente la necessita', il fatto che gli artisti diventino ricchi e' un'idea "nuova", una chimera pseudotelevisiva, e in pratica riservata ad un'elite, come e' sempre stato. Gli altri, anche ottimi, spesso migliori, fanno la fame. Sarebbe il caso di ricordarselo.E non crediate che per ingegneri e simili sia molto diverso. Sarebbe meglio smettere di credere alle favole...Cosa significa questo? Che se uno non tira avanti con un lavoro cambia lavoro e se e' il caso torna a zappare la terra. Non ci vedo nulla di vergognoso a fare un lavoro onesto e concreto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?
          - Scritto da: riddler
          Come se un artista qualunque iniziasse a produrre
          opere con l'idea di diventare ricco. Se uno parte
          con quell'idea gli posso solo fare tanti auguri
          perche' lo vedo molto male. L'arte la si produce
          perche' se ne sente la necessita'Questo dove lo hai letto?, il fatto che
          gli artisti diventino ricchi e' un'idea "nuova",
          una chimera pseudotelevisiva, e in pratica
          riservata ad un'elite, come e' sempre stato.vero Gli
          altri, anche ottimi, spesso migliori, fanno la
          fame. Sarebbe il caso di
          ricordarselo.E chi definice il buono e il cattivo, tu?PEr arrivare alla massa ci vogliono parole e musica SEMPLICI, perche' la massa e' OTTUSA per definizione (leggiti Marx)

          E non crediate che per ingegneri e simili sia
          molto diverso. Sarebbe meglio smettere di credere
          alle
          favole...Questo e' il sistema, cambilao con una rivoluzione POPOLARE dal basso (vedi francese, russa, cinese etc,)E vedrai che dopo un certo lasso di tempo il giro ricomincia e gli schivi diventati padroni creeranno altri chivi e cosi' via.

          Cosa significa questo? Che se uno non tira avanti
          con un lavoro cambia lavoro e se e' il caso torna
          a zappare la terra. Non ci vedo nulla di
          vergognoso a fare un lavoro onesto e
          concreto.E cosi' buttiamo via il bambino con l'acqua della placenta...Zappare la terra e' dignitoso e non preoccuparti che appena finisce il petrolio (tra pochino) e andra' va la luce, rimpiangerai che qualche coglione ti abbia dato la possibilita' di usare un computer per scrivere su forum e ascoltare musichine, perche' penserai solo come mettere insieme pranzo e cena senza dipendere da nessuno, e SARAI IL PRIMO A DIFENDEREE IL TUO ORTO DA CHI TI VERRA' A RUBARE I POMODORI PERCHE' "la terra e' di tutti"....
          • rumenta scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da: riddler

            Come se un artista qualunque iniziasse a
            produrre

            opere con l'idea di diventare ricco. Se uno
            parte

            con quell'idea gli posso solo fare tanti auguri

            perche' lo vedo molto male. L'arte la si produce

            perche' se ne sente la necessita'

            Questo dove lo hai letto?

            , il fatto che

            gli artisti diventino ricchi e' un'idea "nuova",

            una chimera pseudotelevisiva, e in pratica

            riservata ad un'elite, come e' sempre stato.

            vero
            Gli

            altri, anche ottimi, spesso migliori, fanno la

            fame. Sarebbe il caso di

            ricordarselo.

            E chi definice il buono e il cattivo, tu?

            PEr arrivare alla massa ci vogliono parole e
            musica SEMPLICI, perche' la massa e' OTTUSA per
            definizione (leggiti
            Marx)eh già, l'ha detto marx, quindi ha valenza di verità universale.la massa è ottusa solo perchè il sistema scolastico (ottimamente supportato dai vari mezzi di "informazione") crea dei dementi e non delle persone in grado di ragionare.... come si evince chiaramente da quel che scrivi.....



            E non crediate che per ingegneri e simili sia

            molto diverso. Sarebbe meglio smettere di
            credere

            alle

            favole...

            Questo e' il sistema, cambilao con una
            rivoluzione POPOLARE dal basso (vedi francese,
            russa, la rivoluzione russa è stata portata avanti da una minoranza, i bolscevichi, quindi è stata tutto tranne che popolare..... vedo che il sistema scolastico ha colpito ancora :( cinese
            etc,)
            E vedrai che dopo un certo lasso di tempo il giro
            ricomincia e gli schivi diventati padroni
            creeranno altri chivi e cosi'
            via.e con questo cosa vorresti dire?? che non si possono cambiare le cose??bravo, proprio il tipo di "pensiero" adatto alle circostanze attuali ;)



            Cosa significa questo? Che se uno non tira
            avanti

            con un lavoro cambia lavoro e se e' il caso
            torna

            a zappare la terra. Non ci vedo nulla di

            vergognoso a fare un lavoro onesto e

            concreto.

            E cosi' buttiamo via il bambino con l'acqua della
            placenta...

            Zappare la terra e' dignitoso nessuno afferma il contrario, chi lavora veramente riesce a dare il guisto valore alle cose, solo che per certe "persone" (pseudo artisti e tutti quelli che gravitano intorno alle major) sarebbe un tantinino faticoso.e non preoccuparti
            che appena finisce il petrolio (tra pochino)magari se ti informi seriamente, invece di leggere repubblica, trovi che in giro per il mondo scoprono sempre nuovi giacimenti di petrolio..... e
            andra' va la luce, rimpiangerai che qualche
            coglione ti abbia dato la possibilita' di usare
            un computer per scrivere su forum e ascoltare
            musichine, perche' penserai solo come mettere
            insieme pranzo e cena senza dipendere da nessuno,
            e SARAI IL PRIMO A DIFENDEREE IL TUO ORTO DA CHI
            TI VERRA' A RUBARE I POMODORI PERCHE' "la terra
            e' di
            tutti"....è vero, la terra è di tutti.... ma i suoi frutti sono di chi la lavora ;) vedo che hai capito proprio tutto tu..... se potessi duplicare pomodori come duplico canzonette da CONDIVIDERE allora non me ne fregherebbe nulla.... la vedi anche tu la differenza tra le due cose o devo farti un disegnino??
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?

            eh già, l'ha detto marx, quindi ha valenza di
            verità
            universale.
            la massa è ottusa solo perchè il sistema
            scolastico (ottimamente supportato dai vari mezzi
            di "informazione") crea dei dementi e non delle
            persone in grado di ragionare.... come si evince
            chiaramente da quel che
            scrivi.....Se quando metti piede a scuola, c'è gente che non ha voglia di fare un tubo e, nelle superiori ed università, ci son solo pazzoidi rastoni ultracannati che scioperano, credendo stupidamente di essere liberi, auguri. E' ovvio che la scuola non ti può aiutare.
            la rivoluzione russa è stata portata avanti da
            una minoranza, i bolscevichi, quindi è stata
            tutto tranne che popolare..... vedo che il
            sistema scolastico ha colpito ancora :(Più per politicizzare e raccogliere accoliti. Mi vien il voltastomaco ogni qualvolta veda un film italiano ove pullulano degli sbarbatelli che si riempiono la bocca, a gran voce, di politica, quando sventolano bandiere riportanti fatti che manco conoscono. Tsk...C'è chi si fà grosso bestemmiando, e chi si fà grosso dicendo sciocchezze politiche.L'esempio di quel film ove c'è la ragazzina che và in città, in una classe di scoppiati mentali, la dice lunga a riguardo..
          • rumenta scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            eh già, l'ha detto marx, quindi ha valenza di

            verità

            universale.

            la massa è ottusa solo perchè il sistema

            scolastico (ottimamente supportato dai vari
            mezzi

            di "informazione") crea dei dementi e non delle

            persone in grado di ragionare.... come si evince

            chiaramente da quel che

            scrivi.....

            Se quando metti piede a scuola, c'è gente che non
            ha voglia di fare un tubo e, nelle superiori ed
            università, ci son solo pazzoidi rastoni
            ultracannati che scioperano, credendo
            stupidamente di essere liberi, auguri. E' ovvio
            che la scuola non ti può
            aiutare.non so quali scuole tu abbia frequentato, io mi riferivo non agli studenti (i quali è logico non abbiano voglia di studiare) ma agli insegnanti, i quali non hanno voglia di insegnare e, soprattutto, NON LO SANNO FARE.e i programmi imposti dai ministeri e le "riforme" di sicuro non aiutano.


            la rivoluzione russa è stata portata avanti da

            una minoranza, i bolscevichi, quindi è stata

            tutto tranne che popolare..... vedo che il

            sistema scolastico ha colpito ancora :(

            Più per politicizzare e raccogliere accoliti.
            Mi vien il voltastomaco ogni qualvolta veda un
            film italiano ove pullulano degli sbarbatelli che
            si riempiono la bocca, a gran voce, di politica,
            quando sventolano bandiere riportanti fatti che
            manco conoscono.
            Tsk...

            C'è chi si fà grosso bestemmiando, e chi si fà
            grosso dicendo sciocchezze
            politiche.

            L'esempio di quel film ove c'è la ragazzina che
            và in città, in una classe di scoppiati mentali,
            la dice lunga a
            riguardo..non vedo cosa c'entri tutto questo con:a) l'argomento trattatob) la tua palese ignoranza in materia di scuola e di storia....in compenso però sento un forte rumore di unghie sul vetro.... (rotfl)
          • riddler scrive:
            Re: Buon senso?
            Sono contento di vedere che le risposte al mio intervento hanno voluto vedere un intento politico comunistoide. Questo dimostra che la bellezza e' nell'occhio dell'osservatore o che, in altre parole, chi ha la politica ficcata nel cervello la vede ovunque e la tira in ballo ovunque, meglio sarebbe se iniziasse a FARLA la politica invece di fare discorsi sconclusionati e andare a votare come se andasse a tifare per una squadra di calcio.Mi fa anche piacere che siano in tanti a sparare senza firmarsi. :DOvviamente non ce l'ho col simpatico rumenta che forse sara' l'unico a leggere. :D
          • rumenta scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da: riddler
            Sono contento di vedere che le risposte al mio
            intervento hanno voluto vedere un intento
            politico comunistoide. Questo dimostra che la
            bellezza e' nell'occhio dell'osservatore o che,
            in altre parole, chi ha la politica ficcata nel
            cervello la vede ovunque e la tira in ballo
            ovunque, meglio sarebbe se iniziasse a FARLA la
            politica invece di fare discorsi sconclusionati e
            andare a votare come se andasse a tifare per una
            squadra di
            calcio.
            Mi fa anche piacere che siano in tanti a sparare
            senza firmarsi.
            :D
            Ovviamente non ce l'ho col simpatico rumenta che
            forse sara' l'unico a leggere.
            :Dsi, credo di essere stato l'unico a leggere :D e concordo con te, troppi furbacchioni che votano senza chiedersi CHI votano ma solo perchè si tratta di uno del "partito del cuore".e la tragedia è che non cambiano idea nemmeno di fronte all'evidenza anzi, la negano pur di non dover ammettere che nella vita hanno sbagliato tutto :|
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?

            e SARAI IL PRIMO A DIFENDEREE IL TUO ORTO DA CHI
            TI VERRA' A RUBARE I POMODORI PERCHE' "la terra
            e' di
            tutti"....Se al posto di rubarti i pomodori, te li copiassero, lasciandoti quelli che hai, saresti ancora così incazzato? Alla fine, quello che ti serve per mangiare ce l'avresti comunque.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            e SARAI IL PRIMO A DIFENDEREE IL TUO ORTO DA CHI

            TI VERRA' A RUBARE I POMODORI PERCHE' "la terra

            e' di

            tutti"....

            Se al posto di rubarti i pomodori, te li
            copiassero, lasciandoti quelli che hai, saresti
            ancora così incazzato? Alla fine, quello che ti
            serve per mangiare ce l'avresti
            comunque.Ovviamente poi quelle copie però non devono potersele vendere. Se se le vendono meritano la galera.
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?
          oh, finalmente un comunista vero.Uno che non si vergogna di dire che avere dei soldi è una colpa sociale, che per avere una vita dignitosa, artisti, ingegneri e operai devono tutti essere poveri. E infatti il comunismo ha creato poveri a centinaia di milioni...T.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:
            oh, finalmente un comunista vero.
            Uno che non si vergogna di dire che avere dei
            soldi è una colpa sociale, che per avere una vita
            dignitosa, artisti, ingegneri e operai devono
            tutti essere
            poveri.
            E infatti il comunismo ha creato poveri a
            centinaia di
            milioni...

            T.Non facciamo favoritismi!Anche il capitalismo ha prodotto milioni di poveri...solo che a seguire certi politici, dx o sx non importa, il male è sempre nel campo avverso.P.S. Ricordo un tale che tanto tempo fa disse di occuparsi della trave nel proprio occhio, piuttosto che della pagliuzza nell'occhio altrui...
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            oh, finalmente un comunista vero.

            Uno che non si vergogna di dire che avere dei

            soldi è una colpa sociale, che per avere una
            vita

            dignitosa, artisti, ingegneri e operai devono

            tutti essere

            poveri.

            E infatti il comunismo ha creato poveri a

            centinaia di

            milioni...



            T.

            Non facciamo favoritismi!
            Anche il capitalismo ha prodotto milioni di
            poveri...solo che a seguire certi politici, dx o
            sx non importa, il male è sempre nel campo
            avverso.

            P.S. Ricordo un tale che tanto tempo fa disse di
            occuparsi della trave nel proprio occhio,
            piuttosto che della pagliuzza nell'occhio
            altrui...Il capitalismo ha prodotto poveri ? Ma davvero, eh? Infatti vedi i paesi civilizzati con capitalismo e democrazia quanto ci hanno rimesso... la vita media è aumentata a tal punto che i 90enni sono in crescita. L'aspettativa di vita nei regimi comunisti non è mai stata alta, anche perchè senza cibo per sopravvivere è difficile arrivare anche a 60 anni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            oh, finalmente un comunista vero.


            Uno che non si vergogna di dire che avere dei


            soldi è una colpa sociale, che per avere una

            vita


            dignitosa, artisti, ingegneri e operai devono


            tutti essere


            poveri.


            E infatti il comunismo ha creato poveri a


            centinaia di


            milioni...





            T.



            Non facciamo favoritismi!

            Anche il capitalismo ha prodotto milioni di

            poveri...solo che a seguire certi politici, dx o

            sx non importa, il male è sempre nel campo

            avverso.



            P.S. Ricordo un tale che tanto tempo fa disse di

            occuparsi della trave nel proprio occhio,

            piuttosto che della pagliuzza nell'occhio

            altrui...

            Il capitalismo ha prodotto poveri ? Ma davvero,
            eh?

            Infatti vedi i paesi civilizzati con capitalismo
            e democrazia quanto ci hanno rimesso... la vita
            media è aumentata a tal punto che i 90enni sono
            in crescita. L'aspettativa di vita nei regimi
            comunisti non è mai stata alta, anche perchè
            senza cibo per sopravvivere è difficile arrivare
            anche a 60
            anni.Guarda quanti vecchi ravattano nei bidoni della spazzatura e poi fai le opportune considerazioni.O sei anche tu uno di quelli che crede solo al vangelo del suo partito?
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            oh, finalmente un comunista vero.



            Uno che non si vergogna di dire che avere
            dei



            soldi è una colpa sociale, che per avere una


            vita



            dignitosa, artisti, ingegneri e operai
            devono



            tutti essere



            poveri.



            E infatti il comunismo ha creato poveri a



            centinaia di



            milioni...







            T.





            Non facciamo favoritismi!


            Anche il capitalismo ha prodotto milioni di


            poveri...solo che a seguire certi politici,
            dx
            o


            sx non importa, il male è sempre nel campo


            avverso.





            P.S. Ricordo un tale che tanto tempo fa disse
            di


            occuparsi della trave nel proprio occhio,


            piuttosto che della pagliuzza nell'occhio


            altrui...



            Il capitalismo ha prodotto poveri ? Ma davvero,

            eh?



            Infatti vedi i paesi civilizzati con capitalismo

            e democrazia quanto ci hanno rimesso... la vita

            media è aumentata a tal punto che i 90enni sono

            in crescita. L'aspettativa di vita nei regimi

            comunisti non è mai stata alta, anche perchè

            senza cibo per sopravvivere è difficile arrivare

            anche a 60

            anni.

            Guarda quanti vecchi ravattano nei bidoni della
            spazzatura e poi fai le opportune
            considerazioni.
            O sei anche tu uno di quelli che crede solo al
            vangelo del suo
            partito?Io non credo a nessun vangelo, credo in Dio ma non nelle religioni di qualsiasi tipo. I vecchi di cui parli sono persone che hanno deciso di essere parassiti, non va provata compassione per gente così. Nessuno gli impedisce di non trasformarsi in scarafaggi, nessuno gli impedisce di non fare i barboni. Troppo comodo smettere di fare qualsiasi cosa e piangersi addosso dando al colpa alla società smettendo di fare qualsiasi cosa per migliorare la propria vita. Il tuo modo di ragionare è il cancro della società odierna, giustifichi parassiti,criminali,assassini,terroristi e magari provi pure pietà per loro, eh? Questa mentalità distorta ci ucciderà tutti !
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?

            Io non credo a nessun vangelo, credo in Dio ma
            non nelle religioni di qualsiasi tipo.

            I vecchi di cui parli sono persone che hanno
            deciso di essere parassiti, non va provata
            compassione per gente così. Nessuno gli impedisce
            di non trasformarsi in scarafaggi, nessuno gli
            impedisce di non fare i barboni. Troppo comodo
            smettere di fare qualsiasi cosa e piangersi
            addosso dando al colpa alla società smettendo di
            fare qualsiasi cosa per migliorare la propria
            vita.

            Il tuo modo di ragionare è il cancro della
            società odierna, giustifichi
            parassiti,criminali,assassini,terroristi e magari
            provi pure pietà per loro, eh? Questa mentalità
            distorta ci ucciderà tutti
            !Scommetto che tu pensi di essere una persona "perbene", in sintonia con i dettami della società.Quanto ebbe ragione P. K. Dick a dire che il grado di umanità di un essere si misura con l'empatia che egli può provare verso altri esseri.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            Io non credo a nessun vangelo, credo in Dio ma

            non nelle religioni di qualsiasi tipo.



            I vecchi di cui parli sono persone che hanno

            deciso di essere parassiti, non va provata

            compassione per gente così. Nessuno gli
            impedisce

            di non trasformarsi in scarafaggi, nessuno gli

            impedisce di non fare i barboni. Troppo comodo

            smettere di fare qualsiasi cosa e piangersi

            addosso dando al colpa alla società smettendo di

            fare qualsiasi cosa per migliorare la propria

            vita.



            Il tuo modo di ragionare è il cancro della

            società odierna, giustifichi

            parassiti,criminali,assassini,terroristi e
            magari

            provi pure pietà per loro, eh? Questa mentalità

            distorta ci ucciderà tutti

            !

            Scommetto che tu pensi di essere una persona
            "perbene", in sintonia con i dettami della
            società.

            Quanto ebbe ragione P. K. Dick a dire che il
            grado di umanità di un essere si misura con
            l'empatia che egli può provare verso altri
            esseri.Ma quanto sei dotto, ma quanto sei akkulturato..la tua intellighienza è così elevata, dobbiamo prostrarci tutti al credo '68ino/noglobal così "progressista".... Tsk!
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?


            Quanto ebbe ragione P. K. Dick a dire che il

            grado di umanità di un essere si misura con

            l'empatia che egli può provare verso altri

            esseri.


            Ma quanto sei dotto, ma quanto sei
            akkulturato..la tua intellighienza è così
            elevata, dobbiamo prostrarci tutti al credo
            '68ino/noglobal così "progressista"....

            Tsk!Io non ero nemmeno nato nel 1968. Sono un'appassionato lettore di romanzi di fantascenza. In uno dei romanzi che ho letto, scritto appunto da Philip K. Dick, che per la cronaca non è un leader politico ma un "semplice" scrittore, c'era un test per smascherare gli androidi che si basava sullla misura dell'empatia. Il romanzo è "Ma gli androidi sognano pecore elettriche?". Questo concetto di ampatia come misura dell'umanità mi ha sempre affascinato e mi torna in mente ogni volta che qualcuno dimostra di essere un po' troppo egoista.Ti consiglio di leggere quel romanzo a cui tra l'altro si è ispirato il film "Blade Runner" uscito tanti anni fa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:


            Quanto ebbe ragione P. K. Dick a dire che il


            grado di umanità di un essere si misura con


            l'empatia che egli può provare verso altri


            esseri.





            Ma quanto sei dotto, ma quanto sei

            akkulturato..la tua intellighienza è così

            elevata, dobbiamo prostrarci tutti al credo

            '68ino/noglobal così "progressista"....



            Tsk!

            Io non ero nemmeno nato nel 1968.
            Sono un'appassionato lettore di romanzi di
            fantascenza. In uno dei romanzi che ho letto,
            scritto appunto da Philip K. Dick, che per la
            cronaca non è un leader politico ma un "semplice"
            scrittore, c'era un test per smascherare gli
            androidi che si basava sullla misura
            dell'empatia.

            Il romanzo è "Ma gli androidi sognano pecore
            elettriche?". Questo concetto di ampatia come
            misura dell'umanità mi ha sempre affascinato e mi
            torna in mente ogni volta che qualcuno dimostra
            di essere un po' troppo
            egoista.
            Ti consiglio di leggere quel romanzo a cui tra
            l'altro si è ispirato il film "Blade Runner"
            uscito tanti anni
            fa.Leggerai pure i libri ma non ti aiutano certo a scrivere meglio in italiano, grande akkulturato noglobal. fantascenza ampatia
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:



            Leggerai pure i libri ma non ti aiutano certo a
            scrivere meglio in italiano, grande akkulturato
            noglobal.

            fantascenza ampatia Lo stridore di unghie che si sente denota la totale incapacità di dialogo... ed infati non sapendo cosa dire, si correggono gli errori ortografici.. :(
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:


            Il tuo modo di ragionare è il cancro della
            società odierna, giustifichi
            parassiti,criminali,assassini,terroristi e magari
            provi pure pietà per loro, eh? Questa mentalità
            distorta ci ucciderà tutti
            !Mi sembra di ascoltare un certo Adolf degli anni 30 del secolo scorso...che tristezza.Tanto per ragionare: hai mai pensato che anche chi dice agli altri di essere il cancro della società, è a sua volta un cancro per la società in quanto annulla qual poco di umanità che ci distingue dagli animali?
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:





            Il tuo modo di ragionare è il cancro della

            società odierna, giustifichi

            parassiti,criminali,assassini,terroristi e
            magari

            provi pure pietà per loro, eh? Questa mentalità

            distorta ci ucciderà tutti

            !
            Mi sembra di ascoltare un certo Adolf degli anni
            30 del secolo
            scorso...
            che tristezza.

            Tanto per ragionare: hai mai pensato che anche
            chi dice agli altri di essere il cancro della
            società, è a sua volta un cancro per la società
            in quanto annulla qual poco di umanità che ci
            distingue dagli
            animali?Ti stai riferendo ai tuoi amichetti noglobal ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:








            Il tuo modo di ragionare è il cancro della


            società odierna, giustifichi


            parassiti,criminali,assassini,terroristi e

            magari


            provi pure pietà per loro, eh? Questa
            mentalità


            distorta ci ucciderà tutti


            !

            Mi sembra di ascoltare un certo Adolf degli anni

            30 del secolo

            scorso...

            che tristezza.



            Tanto per ragionare: hai mai pensato che anche

            chi dice agli altri di essere il cancro della

            società, è a sua volta un cancro per la società

            in quanto annulla qual poco di umanità che ci

            distingue dagli

            animali?

            Ti stai riferendo ai tuoi amichetti noglobal ?Non ho amici noglobal, anzi in genere chi mi dice cosa devo fare, qualunque ideologia professi, lo mando regolarmente a spigolare...Comunque:I vecchi danno fastidio perché non producono e qundi meglio eliminarli è la versione del capitalismo...I vecchi danno fastidio e vanno eliminati perché producono poco, non sono rivoluzionari ed affossano l'ideologia comunitaria e quindi vanno eliminati, e questa è la versione del comunismo...l'unica cosa certa è che i vecchi vanno eliminati!Complimenti ad entrambi gli schieramenti!Purtroppo per loro e per te in particolare, io sono per l'eliminazione dei due schieramenti sopra citati come unica salvezza dell'umanità...pensa un po'... ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:











            Il tuo modo di ragionare è il cancro della



            società odierna, giustifichi



            parassiti,criminali,assassini,terroristi e


            magari



            provi pure pietà per loro, eh? Questa

            mentalità



            distorta ci ucciderà tutti



            !


            Mi sembra di ascoltare un certo Adolf degli
            anni


            30 del secolo


            scorso...


            che tristezza.





            Tanto per ragionare: hai mai pensato che anche


            chi dice agli altri di essere il cancro della


            società, è a sua volta un cancro per la
            società


            in quanto annulla qual poco di umanità che ci


            distingue dagli


            animali?



            Ti stai riferendo ai tuoi amichetti noglobal ?

            Non ho amici noglobal, anzi in genere chi mi dice
            cosa devo fare, qualunque ideologia professi, lo
            mando regolarmente a
            spigolare...

            Comunque:

            I vecchi danno fastidio perché non producono e
            qundi meglio eliminarli è la versione del
            capitalismo...Il capitalismo non elimina nessuno, anzi, l'ideologia vuole che si lavori finchè non si crepa, in piena libertà e se uno se la sente, senza obblighi dall'alto. Questo è il vero capitalismo, quello che dici tu è una tua idea distorta e non vera.
            I vecchi danno fastidio e vanno eliminati perché
            producono poco, non sono rivoluzionari ed
            affossano l'ideologia comunitaria e quindi vanno
            eliminati, e questa è la versione del
            comunismo...Errore. Il comunismo nella versione attuale neocomunista '68ina noglobal professa lo sfruttamento dell'anziano con case di cura che lo ammazzino lentamente, perchè è carne da macello da sfruttare per bene, mettendo dentro gente in servizi sociali inventati che non fanno nulla di buono alla vita della persona anziana ma è necessario far vegetare le vacche perchè producano soldi da parte di finanziamenti pubblici=tasse dei cittadini.
            l'unica cosa certa è che i vecchi vanno eliminati!
            Complimenti ad entrambi gli schieramenti!

            Purtroppo per loro e per te in particolare, io
            sono per l'eliminazione dei due schieramenti
            sopra citati come unica salvezza
            dell'umanità...pensa un po'...
            ;)Che a fare il neocomunista chic noglobal non sei affatto contro tutto ma appunto fai parte dei finti anarchici, dei servi della sinistra che distruggono solo ciò che gli viene detto di distruggere facendo finta di essere indipendentemente contro tutto e tutti, ma non è così.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da: ...
            Io non credo a nessun vangelo, credo in Dio ma
            non nelle religioni di qualsiasi tipo.

            I vecchi di cui parli sono persone che hanno
            deciso di essere parassiti, non va provata
            compassione per gente così. Nessuno gli impedisce
            di non trasformarsi in scarafaggi, nessuno gli
            impedisce di non fare i barboni. Troppo comodo
            smettere di fare qualsiasi cosa e piangersi
            addosso dando al colpa alla società smettendo di
            fare qualsiasi cosa per migliorare la propria
            vita.

            Il tuo modo di ragionare è il cancro della
            società odierna, giustifichi
            parassiti,criminali,assassini,terroristi e magari
            provi pure pietà per loro, eh? Questa mentalità
            distorta ci ucciderà tutti
            !Mi auguro per te, che quando avrai più di 60 anni e sarai in pensione, nel frattempo siano scomparse certe mentalità...non vorrei essere nei tuoi panni :|
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:
            ...

            Io non credo a nessun vangelo, credo in Dio ma

            non nelle religioni di qualsiasi tipo.



            I vecchi di cui parli sono persone che hanno

            deciso di essere parassiti, non va provata

            compassione per gente così. Nessuno gli
            impedisce

            di non trasformarsi in scarafaggi, nessuno gli

            impedisce di non fare i barboni. Troppo comodo

            smettere di fare qualsiasi cosa e piangersi

            addosso dando al colpa alla società smettendo di

            fare qualsiasi cosa per migliorare la propria

            vita.



            Il tuo modo di ragionare è il cancro della

            società odierna, giustifichi

            parassiti,criminali,assassini,terroristi e
            magari

            provi pure pietà per loro, eh? Questa mentalità

            distorta ci ucciderà tutti

            !

            Mi auguro per te, che quando avrai più di 60 anni
            e sarai in pensione, nel frattempo siano
            scomparse certe mentalità...non vorrei essere nei
            tuoi panni
            :|E certo che se non mi allineo al credo neocomunista '68ino e la smetto di ragionare con la mia testa devo essere punito, come fa il regime comunista in Cina o Nord Korea o Cuba, eh! Tsk!
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:
            ...
            Il capitalismo ha prodotto poveri ? Ma davvero,
            eh?

            Infatti vedi i paesi civilizzati con capitalismo
            e democrazia quanto ci hanno rimesso... la vita
            media è aumentata a tal punto che i 90enni sono
            in crescita. L'aspettativa di vita nei regimi
            comunisti non è mai stata alta, anche perchè
            senza cibo per sopravvivere è difficile arrivare
            anche a 60
            anni.Vai a guardare quante persone sono in coda per un pasto alla Caritas, poi fatti un esame di coscenza!Si vede sempre le pagliuzze nell'occhio altrui, mai la trave nel proprio!
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            ...

            Il capitalismo ha prodotto poveri ? Ma davvero,

            eh?



            Infatti vedi i paesi civilizzati con capitalismo

            e democrazia quanto ci hanno rimesso... la vita

            media è aumentata a tal punto che i 90enni sono

            in crescita. L'aspettativa di vita nei regimi

            comunisti non è mai stata alta, anche perchè

            senza cibo per sopravvivere è difficile arrivare

            anche a 60

            anni.

            Vai a guardare quante persone sono in coda per un
            pasto alla Caritas, poi fatti un esame di
            coscenza!

            Si vede sempre le pagliuzze nell'occhio altrui,
            mai la trave nel
            proprio!Alla Caritas li producono i poveri, per questo vogliono immigrati clandestini (che però hanno i soldi per pagarsi anche 10mila euro di viaggio alle mafie...) perchè più carne umana hanno e più fondi prendono dallo Stato, dalle nostre tasse. Poco importa se poi la società va in pezzi, i conti dei "solidali" in banca si gonfiano assieme al numero delle loro ville e villette.. Ma quanto suono buoni... ehhh!
          • castigo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            oh, finalmente un comunista vero.


            Uno che non si vergogna di dire che avere dei


            soldi è una colpa sociale, che per avere una

            vita


            dignitosa, artisti, ingegneri e operai devono


            tutti essere


            poveri.


            E infatti il comunismo ha creato poveri a


            centinaia di


            milioni...





            T.



            Non facciamo favoritismi!

            Anche il capitalismo ha prodotto milioni di

            poveri...solo che a seguire certi politici, dx o

            sx non importa, il male è sempre nel campo

            avverso.



            P.S. Ricordo un tale che tanto tempo fa disse di

            occuparsi della trave nel proprio occhio,

            piuttosto che della pagliuzza nell'occhio

            altrui...

            Il capitalismo ha prodotto poveri ? Ma davvero,
            eh?in effetti negli usa, paese capitalistico per eccellenza, di poveri ce ne sono tantissimi, e sono pure in crescita.tutto questo per stessa ammissione delle autorità statunitensi.

            Infatti vedi i paesi civilizzati con capitalismo
            e democrazia quanto ci hanno rimesso... la vita
            media è aumentata a tal punto che i 90enni sono
            in crescita. L'aspettativa di vita nei regimi
            comunisti non è mai stata alta, anche perchè
            senza cibo per sopravvivere è difficile arrivare
            anche a 60
            anni.credo che il capitalismo non c'entri nulla con le aspettative di vita.igiene e sanità ne sono la causa più probabile, un buon capitalista invece vorrebbe che tu morissi il giorno dopo essere andato in pensione, perchè non produci più.....
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?
          Ma non dire cretinate. Capisco che la sinistra abbia inculcato nella testa della gente per anni le cretinate del '68 e che arte=canne,sesso e droghe varie ma appunto è l'ipocrisia dei vari artisti che vogliono pure apparire disinteressati al denaro quando poi basta vederli, come gli elettori di sinistra di attori e produttori di Hollywood, attaccatissimi al denaro ma che blaterano "arte, arte" ... ma per favore !- Scritto da: riddler
          Come se un artista qualunque iniziasse a produrre
          opere con l'idea di diventare ricco. Se uno parte
          con quell'idea gli posso solo fare tanti auguri
          perche' lo vedo molto male. L'arte la si produce
          perche' se ne sente la necessita', il fatto che
          gli artisti diventino ricchi e' un'idea "nuova",
          una chimera pseudotelevisiva, e in pratica
          riservata ad un'elite, come e' sempre stato. Gli
          altri, anche ottimi, spesso migliori, fanno la
          fame. Sarebbe il caso di
          ricordarselo.

          E non crediate che per ingegneri e simili sia
          molto diverso. Sarebbe meglio smettere di credere
          alle
          favole...

          Cosa significa questo? Che se uno non tira avanti
          con un lavoro cambia lavoro e se e' il caso torna
          a zappare la terra. Non ci vedo nulla di
          vergognoso a fare un lavoro onesto e
          concreto.
      • Cobra Reale scrive:
        Re: Buon senso?
        - Scritto da:
        Il tuo discorso mi sembra colmo di buon senso, il
        problema e' che la logica dei pirati e' proprio a
        switch, ON e OFF, e quello che vogliono e'
        l'abolizione dei contenuti protetti ( la storia
        dell'USO PERSONALE e' meravigliosamente assurda,
        un gioco di parole per giustificare lo
        scrocco)...

        Abolizione della proprieta'
        intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a
        creare.

        E non e' proprio quello che alla fine vogliono
        quelli che ci controlllano da
        lontano?

        Tanto la RETE e' la cosa MENO LIBERA CHE C'E',
        visto che NESSUN UTENTE E' PROPRIETARIO DEI CAVI
        CHE SFRUTTA PER
        COLLEGARSI.

        Un bel giochino per arricchire i provider ( e il
        tronchetto dell'infelicita') alle spese di chi i
        contenuti li crea
        investendoci.

        Esaurite le creazioni originali (per mancanza di
        fondi) si riciclera' il catalogo della produzione
        umana ad libitum, pulendo, finche' ci faranno
        mangiare la m**da che VOGLIONO
        LORO.

        E come al solito il popolino di "meglio un uovo
        oggi che una gallina domani", quello che non crea
        e costruisce, ma sfrutta e si abbuffa GRATIS del
        lavoro altrui, diventa il PRIMO SOSTENITORE DELLA
        RIVOLUZIONE, senza rendersi conto che si sta
        dando la zappa sui piedi da
        solo.

        Poveretti...Distinguere il buon senso dal cattivo senso è molto difficile, oggi. Se per "buon senso" intendete dare carta bianca ad organizzazioni potentissime e dai denti curvati verso l'interno come pescicani, non vi posso dare ragione.Forse non vi è ben chiaro che il PiratPartiet vuole una riforma che ponga fine alla speculazione delle major sulle pelli degli appassionati.
      • ishitawa scrive:
        Re: Buon senso?


        Abolizione della proprieta'
        intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a
        creare.
        c è chi sosteneva lo stesso per il sw open sourcese fossi vissuto nell 800 ti saresti scagliato contro i telai a vapore che mettevano sulla strada le povere operaie tessitricisemplicemente nuovi mezzi chiudono vecchi mercati e ne aprono dei nuovi, rimanere abbarbicati alla vecchia visione e farsi sostenere da leggi sempre più inique e malviste serve solo a ritardare l'inevitabile e cadere da più in alto
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?
          - Scritto da: ishitawa




          Abolizione della proprieta'

          intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a

          creare.



          c è chi sosteneva lo stesso per il sw open source
          se fossi vissuto nell 800 ti saresti scagliato
          contro i telai a vapore che mettevano sulla
          strada le povere operaie
          tessitrici

          semplicemente nuovi mezzi chiudono vecchi mercati
          e ne aprono dei nuovi, rimanere abbarbicati alla
          vecchia visione e farsi sostenere da leggi sempre
          più inique e malviste serve solo a ritardare
          l'inevitabile e cadere da più in
          altoMa quali nuovi mezzi ? Ma quali nuovi mercati ? L' opensource è una piaga, ha prodotto solo danni ed intere aziende hanno fallito e continueranno a fallire. L'opensource è servito solo per commettere truffe da parte di qualche gruppo di manager e creare un'anarchia comunistoide nel mercato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da: ......
            Ma quali nuovi mezzi ? Ma quali nuovi mercati ?
            L' opensource è una piaga, ha prodotto solo danni
            ed intere aziende hanno fallito e continueranno a
            fallire.

            L'opensource è servito solo per commettere truffe
            da parte di qualche gruppo di manager e creare
            un'anarchia comunistoide nel
            mercato.Scommetto che nell'incarnazionne precedente allevavi cavalli per le diligenze, mentre altri costruivano le prime automobili... :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            Mi Dio questa è la cosa piu' folle che abbia sentito da un decennio a questa parte.Mi ricordi le farneticazioni presenti su un sito americano, Shelley il Repubblicano mi pare si chiamasse. Era un sito burla messo su da alcuni liberali per mettere in ridicolo le idee dei repubblicani. C'era un articolo simile alle tue idiozie in cui si parlava di linux come del male assoluto, di una cosa diabolica che distruggeva il benessere del mondo occidentale, di una cosa comunista ovviamente.Ho trovato il link, leggeteli sono molto divertenti MA SONO SOLO DELLE BURLE, delle prese in giro. Il tuo invece sembra un commento serio e cio' mi fa temere riguardo la tua sanità mentale.Comunque, tornando al copyright e sui brevetti, forse, povero ignorante, non sai che Thomas Jefferson, terzo presidente degli Stati Uniti, principale autore della dichiarazione d'indipendenza, uno dei padri della patria, NOTO COMUNISTA scrisse:"Sarebbe singolare ammettere un diritto naturale o anche ereditario agli inventori. Sarebbe curioso se un idea, la fuggevole fermentazione del cervello di un individuo, potesse, di diritto naturale essere reclamata come esclusiva e stabile proprietà. Se la natura ha fatto qualcosa di meno suscettibile di tutte le altre alla proprietà esclusiva, essa è l'azione del pensare un'idea che un individuo può esclusivamente possedere fintanto che la tiene per se; ma nel momento in cui la divulga essa stessa si forza proprietà di tutti e chi la riceve non puo' spossersarsene.Una sua peculirare caratteristicha, inoltre, è che nessuno ne possiede di meno, perchè tutti gli altri ne possiedono l'intera parte di essa.Colui il quale riceve un idea da me lo fa senza indebolire o sottrarmi nulla.Che le idee possano liberamente diffondersi dall'uno all'altro su tutto il globo, per la morale e mutua istruzione dell'uomo e per il miglioramento delle sue condizioni, sembra sia stato un disegno peculiare e benevolente della natura quando le fece, come il fuoco, espandibili in tutto lo spazio, senza che la densità ne venga diminuita in qualunque punto, e come l'aria che respiriamo incapace di sottostare a qualunque restrizione o appropriazione esclusiva."Come vedi caro mio piccolo Berlusconi, i comunisti ormai dominano il mondo: anche Thomas Jefferson ne faceva parte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            Che i comunisti dominano il mondo non ci piove, altrimenti personaggi come D'Alema o Clinton o i Kennedy, Rutelli, Prodi, Luxuria non starebbero certo al potere.Che voi di sinistra siate razzisti oltranzisti contro la democrazia e non ammettiate che ci possano essere persone che non vi danno ragione è cosa risaputa ed il tuo insulto qui lo dimostra per l'ennesima volta. Per voi chi non è di sinistra è automaticamente un pazzo, un malato di mente, ha bisogno di essere aiutato, indottrinato e "riportato alla ragione", esattamente come succede in Cina o Nord Korea o Cuba o Iran da decenni.- Scritto da:
            Mi Dio questa è la cosa piu' folle che abbia
            sentito da un decennio a questa
            parte.
            Mi ricordi le farneticazioni presenti su un sito
            americano, Shelley il Repubblicano mi pare si
            chiamasse. Era un sito burla messo su da alcuni
            liberali per mettere in ridicolo le idee dei
            repubblicani. C'era un articolo simile alle tue
            idiozie in cui si parlava di linux come del male
            assoluto, di una cosa diabolica che distruggeva
            il benessere del mondo occidentale, di una cosa
            comunista
            ovviamente.
            Ho trovato il link, leggeteli sono molto
            divertenti MA SONO SOLO DELLE BURLE, delle prese
            in giro. Il tuo invece sembra un commento serio e
            cio' mi fa temere riguardo la tua sanità
            mentale.

            Comunque, tornando al copyright e sui brevetti,
            forse, povero ignorante, non sai che Thomas
            Jefferson, terzo presidente degli Stati Uniti,
            principale autore della dichiarazione
            d'indipendenza, uno dei padri della patria, NOTO
            COMUNISTA
            scrisse:
            "Sarebbe singolare ammettere un diritto naturale
            o anche ereditario agli inventori. Sarebbe
            curioso se un idea, la fuggevole fermentazione
            del cervello di un individuo, potesse, di diritto
            naturale essere reclamata come esclusiva e
            stabile proprietà. Se la natura ha fatto qualcosa
            di meno suscettibile di tutte le altre alla
            proprietà esclusiva, essa è l'azione del pensare
            un'idea che un individuo può esclusivamente
            possedere fintanto che la tiene per se; ma nel
            momento in cui la divulga essa stessa si forza
            proprietà di tutti e chi la riceve non puo'
            spossersarsene.
            Una sua peculirare caratteristicha, inoltre, è
            che nessuno ne possiede di meno, perchè tutti gli
            altri ne possiedono l'intera parte di
            essa.
            Colui il quale riceve un idea da me lo fa senza
            indebolire o sottrarmi
            nulla.
            Che le idee possano liberamente diffondersi
            dall'uno all'altro su tutto il globo, per la
            morale e mutua istruzione dell'uomo e per il
            miglioramento delle sue condizioni, sembra sia
            stato un disegno peculiare e benevolente della
            natura quando le fece, come il fuoco, espandibili
            in tutto lo spazio, senza che la densità ne venga
            diminuita in qualunque punto, e come l'aria che
            respiriamo incapace di sottostare a qualunque
            restrizione o appropriazione
            esclusiva."

            Come vedi caro mio piccolo Berlusconi, i
            comunisti ormai dominano il mondo: anche Thomas
            Jefferson ne faceva
            parte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            Dico... ti rendi conto che hai dato del comunista a Clinton e ai Kennedy?????Se non è pazzia questa potremmo benissimo chiamarla Idiozia.Ti consiglio di imparare ad usare le parole, stai facendo come il caro Berlusconi per cui tutti quelli che non la pensano come lui sono dei sporchi comunisti (vi ricordate della sua uscita verso The Economist? La rivista che praticamente è diventata da decenni il baluardo del liberismo economico!!!)Comincia a leggere i libri di storia, se ne hai in casa, e informati su cosa è stato il comunismo.Io sono uno che ha sempre pensato con la propria testa, mi piace leggere e informarmi. Cerco di essere sempre critico riguardo quello che ascolto e leggo.Rispetto le opinioni di tutti ma in ogni discussione che abbia un senso ci voglio due interlocutori sensati.Tra parentesi l'open source e i programmi che si sono sviluppati grazie alla collaborazione internazionale di migliaia di appassionati servono tutti i giorni a far funzionare la gran parte di Internet.Piu' di metà dei server presenti su internet usano un sistema operativo Open source. I piu' usati programmi per trasferire email da un server all'altro (sendmail, qmail) sono Opensource.I server DNS (quelli che trasformano un indirizzo tipo www.google.it in un indirizzo IP numerico) girano tutti con BIND un programma Open source.Circà il 60% dei server http (quelli che forniscono le pagine web al tuo browser) girano su apache, un programma opensource.Dietro lo sviluppo di molti software opensource (tra cui Linux) ci sono dietro ormai molte multinazionali americane, come IBM, Novell, Sun, etc.. etc.. Sicuramente saranno comunisti anche i dirigenti di queste società...
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?


        Abolizione della proprieta'
        intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a
        creare.
        Se " lo stimolo a creare " è quello di DJ Francesco ( quel gran figlio di parac**o !!! )...allora viva l'abolizione della proprietà intellettuale !!! ;) ;) ;) ;) ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?
        - Scritto da:
        Abolizione della proprieta'
        intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a
        creare. Ah ah ah! Buona questa... Ma dimmi un po', secondo te il mondo esiste da quando sei nato tu? Da quanto tempo finanzieri astuti hanno inventato la proprietà intellettuale?
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?


        Abolizione della proprieta'
        intellettuale=Appiattimento di ogni stimolo a
        creare.
        Se lo stimolo a creare fosse il denaro, avremmo un'arte assai povera
        Tanto la RETE e' la cosa MENO LIBERA CHE C'E',
        visto che NESSUN UTENTE E' PROPRIETARIO DEI CAVI
        CHE SFRUTTA PER
        COLLEGARSI.Esistono reti wi fi. Il futuro.

        Un bel giochino per arricchire i provider ( e il
        tronchetto dell'infelicita') alle spese di chi i
        contenuti li crea
        investendoci.Esistono reti senza fornitori di accesso.

        Esaurite le creazioni originali (per mancanza di
        fondi) si riciclera' il catalogo della produzione
        umana ad libitum, pulendo, finche' ci faranno
        mangiare la m**da che VOGLIONO
        LORO.La diffusione libera non toglierà i fondi necessari, ma solo quelli superflui. Infatti gli artisti milionari sono pochissimi e spesso non sono milionari per la loro bravura, ma perché saturano il mercato. Credo che un artista bravo non diventi famoso per i soldi che incassa. Poi l'artista ha sempre dalla sua la possibilità di comunicare delle idee, un privilegio questo che il libero scambio può solo favorire

        E come al solito il popolino di "meglio un uovo
        oggi che una gallina domani", quello che non crea
        e costruisce, ma sfrutta e si abbuffa GRATIS del
        lavoro altruiRicevere il lavoro altrui è anche dare. Se tu canti e io ti ascolto io ti sto appunto *dando* ascolto. Se tu, artista, vuoi solo soldi e non vuoi che ti ascolti, non vuoi essere ascoltato per ciò che fai ma perché sei un artista con diritti proprietari, non sei artista ma fabbricante d'arte e ti basti il diritto di vendere la tua arte
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon senso?
      - Scritto da:
      Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il
      99% degli uenti) a scroccare musica, libri, film,
      software e altro materiale protetto da diritto
      d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a
      creare un esercito di nuovi
      disoccupati.

      In Italia anche se tutti gli utenti di PI
      votassero un partito che porta avanti queste idee
      non si arriverebbe mai alla soglia necessaria per
      portare rappresentanti in parlamento. E non solo
      in
      Italia.Si deve punire solo chi tenta di lucrare vendendo copie pirata che non ha il diritto di vendere non avendo acquistato i diritti per farlo. Punire la copia non a fini di lucro è una cosa meschina. Un bravo imprenditore abbassa il prezzo del prodotto per vendere, non paga la mazzetta a politici e forze dell'ordine per mandarli in giro ad obbligare la gente ad acquistare i prodotti a qualsiasi prezzo folle.
      • riddler scrive:
        Re: Buon senso?
        Eh ma se vendono la roba a meno poi la gente potrebbe pensare che vale meno... :s
        • Locke scrive:
          Re: Buon senso?
          - Scritto da: riddler
          Eh ma se vendono la roba a meno poi la gente
          potrebbe pensare che vale meno...
          :sSecondo questo ragionamento, i supermercati "discount" come Lidl, Eurospin ecc ecc dovrebbero fallire il giorno dopo l'apertura... eppure c'è tanta gente che ci va e mangia felice ogni giorno a tavola.Magari non compreranno il prosciutto Rovagnati, i gelati Algida e le sottilette Kfaft, ma sicuramente avranno di che sfamarsi e potranno anche mangiare prodotti migliori di quelli sopra citati, solo non pubblicizzati a dovere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?
            - Scritto da: Locke
            - Scritto da: riddler

            Eh ma se vendono la roba a meno poi la gente

            potrebbe pensare che vale meno...

            :s

            Secondo questo ragionamento, i supermercati
            "discount" come Lidl, Eurospin ecc ecc dovrebbero
            fallire il giorno dopo l'apertura... eppure c'è
            tanta gente che ci va e mangia felice ogni giorno
            a
            tavola.

            Magari non compreranno il prosciutto Rovagnati, i
            gelati Algida e le sottilette Kfaft, ma
            sicuramente avranno di che sfamarsi e potranno
            anche mangiare prodotti migliori di quelli sopra
            citati, solo non pubblicizzati a
            dovere.Ma che cavolo di analogie tentate di fare ? Che i produttori delle marche inferiori rendono pubbliche le loro fabbriche così che chiunque possa entrare, farsi la sua produzione e rivendere senza pagare nulla, manco il prodotto da confezionare, per caso ? Certamente no, quindi l'analogia con l'opensource non sta in piedi. E se tale analogia vi fosse fallirebbero subito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buon senso?

            Magari non compreranno il prosciutto Rovagnati, i
            gelati Algida e le sottilette Kfaft, ma
            sicuramente avranno di che sfamarsi e potranno
            anche mangiare prodotti migliori di quelli sopra
            citati, solo non pubblicizzati a
            dovere.Caspita.. sai che perdita? Niente più Algida? C'è la possibilità che vivano più a lungo invece..
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il

        99% degli uenti) a scroccare musica, libri,
        film,

        software e altro materiale protetto da diritto

        d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a

        creare un esercito di nuovi

        disoccupati.



        In Italia anche se tutti gli utenti di PI

        votassero un partito che porta avanti queste
        idee

        non si arriverebbe mai alla soglia necessaria
        per

        portare rappresentanti in parlamento. E non solo

        in

        Italia.

        Si deve punire solo chi tenta di lucrare vendendo
        copie pirata che non ha il diritto di vendere non
        avendo acquistato i diritti per farlo.

        Punire la copia non a fini di lucro è una cosa
        meschina. Un bravo imprenditore abbassa il prezzo
        del prodotto per vendere, non paga la mazzetta a
        politici e forze dell'ordine per mandarli in giro
        ad obbligare la gente ad acquistare i prodotti a
        qualsiasi prezzo
        folle.Ma secondo me punire chi fa filesharing per uso privato come se fosse un cattivone della peggior specie, mi pare francamente esagerato, vedi 4 anni di gabbio se non paghi.Apparte questo distinzione tra scopo di lucro e privato che deve essere ripristinata sono cmq dell'idea che come è sbagliato l'atteggiamento mpaa riaa e soci è cmq sbagliato chi dice pirateria ad ogni costo, anche se per scopo privato.Per come la vedo io ci sono opere: vedi film, musica, giochi che vale la pena di essere acquistati: magari visti i prezzi(abbassarli un po no?:D)sceglere con cura cosa prendere.Poi una cosa che ancora nessuno a ben chiaro: in fondo sempre di film musica giochi si tratta nel senso che sono cosa "inutili"per vivere insomma se ci sono bene, ma se non ci sono bene lo stesso.Per esempio prima il telefonino non lo aveva nessuno e si viveva bene(anzi meglio)ora invece senza telefonino non si puo piu stare.
    • Anonimo scrive:
      Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
      Infatti in svezia c'e il piu' alto numero di SUICIDI al mondo...
      • Alucard scrive:
        Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
        - Scritto da:
        Infatti in svezia c'e il piu' alto numero di
        SUICIDI al
        mondo...Quello non era il giappone?Se non erro dovrebbe aver sorpassato la Svezia.
        • Anonimo scrive:
          Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
          Vero, forse hai ragione, pero' sono stato in Svezia e in Giappone mai, e in Svezia ti viene proprio di suicidarti...
          • Alucard scrive:
            Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
            - Scritto da:
            Vero, forse hai ragione, pero' sono stato in
            Svezia e in Giappone mai, e in Svezia ti viene
            proprio di
            suicidarti...Posso sapere il perchè? (non sono ironico)A me la svezia sembra un posto stupendo.Stavo giusto progettando di andare a farci un viaggetto l'anno prossimo °_°
          • Anonimo scrive:
            Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
            - Scritto da: Alucard

            - Scritto da:

            Vero, forse hai ragione, pero' sono stato in

            Svezia e in Giappone mai, e in Svezia ti viene

            proprio di

            suicidarti...
            Posso sapere il perchè? (non sono ironico)In Svezia non ci sono i super-robot, l'Uomo Tigre e le Sailor Senshi. Solo ABBA, Lego e IKEA.E invece di suicidarti onorevolmente facendo Seppuku ti tocca martellarti sulla testa con una cassettiera Ukkölit cantando "Waterloo" su un materasso di mattoncini colorati.
          • Anonimo scrive:
            Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
            PERCHE' AL PIRLA,CHE PARLA DI SUICIDI.....NON LO FAI TU,QUI IN ITALIA,PER ALZARE LA MEDIA??COGLIONE!!
          • Anonimo scrive:
            Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
            Non è vero, in Svezia ci sono anche le svedesi. Tu dammene un paio come dico io e vedrai che ci vivrò felice e beato, altro che suicidio... :p
      • Anonimo scrive:
        Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
        Infatti non è in svezia ...ma + che altro hanno il più alto tasso di benessere ... e lo si vede da cosa propongono.I poveretti siamo noi che ci facciamo la guerra dei poveri.
      • Anonimo scrive:
        Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
        C'era .. il piu' alto numero di suicidi .. informati !
        • Anonimo scrive:
          Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE
          Ma anche se fosse cosi' non proverebbe nulla.E' provato che l'aspetto piu' importante che influisce sul numero di suicidi sono il numero d'ore di sole al giorno. I paese nordici soffrono di un alto numero di suicidi perchè il basso numero di ore di sole causano maggiori depressioni.La Svezia è il paese con la qualità di vita piu' alta al mondo. Se si trovasse al posto dell'Italia, geograficamente, sarebbe il paradiso terrestre.
      • Anonimo scrive:
        Re: EVVIVA LA LIBERTA'.....AHH..CHE RIDE

        Infatti in svezia c'e il piu' alto numero di
        SUICIDI al
        mondo...Speriamo che le biondone svedesi si salvino.La loro perdita sarebbe una tragedia!:'(:'(:'(:'(:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon senso?
      mi sembra che qui nessuno afferri la portata di un cambiamento storico, troppo difficile da vedere con chiarezza perchè ci siamo immersi. La proprietà intellettuale non è una legge fondamentale dell'uomo, siamo vissuti per migliaia di anni senza che esistesse... il problema è che ora c'è la possibilità di condividere la conoscenza, le opere artistiche, in senso lato e qualsiasi altro prodotto dell'ingegno umano. E qual è la risposta dell'establishment? cercare di bloccare tutto perchè si vuole continuare a fare dei soldini. E' come se dopo aver inventato la stampa si fosse deciso che non si potevano stampare i libri. O dopo aver inventato la scrittura si fosse cercato di mettere un limite a ciò che poteva essere scritto. Se adesso non riusciamo ad immaginare come le cose cambieranno, come gli artisti potranno continuare a fare il loro lavoro, non vuol dire che per questo dobbiamo opporci ad una rivoluzione assolutamente positiva, come quella della condivisione globale della cultura e della conoscenza. (idea)
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?
        Sì, vabbè, il comunismo ci salverà, vero ? Ma per favore !- Scritto da:
        mi sembra che qui nessuno afferri la portata di
        un cambiamento storico, troppo difficile da
        vedere con chiarezza perchè ci siamo immersi. La
        proprietà intellettuale non è una legge
        fondamentale dell'uomo, siamo vissuti per
        migliaia di anni senza che esistesse... il
        problema è che ora c'è la possibilità di
        condividere la conoscenza, le opere artistiche,
        in senso lato e qualsiasi altro prodotto
        dell'ingegno umano. E qual è la risposta
        dell'establishment? cercare di bloccare tutto
        perchè si vuole continuare a fare dei soldini. E'
        come se dopo aver inventato la stampa si fosse
        deciso che non si potevano stampare i libri. O
        dopo aver inventato la scrittura si fosse cercato
        di mettere un limite a ciò che poteva essere
        scritto.

        Se adesso non riusciamo ad immaginare come le
        cose cambieranno, come gli artisti potranno
        continuare a fare il loro lavoro, non vuol dire
        che per questo dobbiamo opporci ad una
        rivoluzione assolutamente positiva, come quella
        della condivisione globale della cultura e della
        conoscenza.
        (idea)
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?
        Infatti, se si studia la storia del copyright, che è nato in Inghilterra, si scopre che fu introdotto come strumento di CENSURA.Quando si diffusero le macchine da stampa in Inghilterra il governo temette che potesse diventare estremamente facile divulgare notizie 'destabilizzanti' da parte di chi era contro il regime. Diedero quindi la licenza di stampare ad un ristretto numero di editori e stabilirono cosa potevano e cosa non potevano stampare, in cambio diedero loro il diritto all'esclusività della stampa di un certo testo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon senso?
      - Scritto da:
      Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il
      99% degli uenti) a scroccare musica, libri, film,
      software e altro materiale protetto da diritto
      d'autore sarebbe buon senso?no, il buon senso è non spiare tutto con una scusa che si applica ad una parte.non puoi mettere tutti in galera perchè così facendo metterai sicuramente in galera il ladro.gli altri vengono incarcerati ingiustamente.non puoi monitorare i cazzi di mia zia perchè FORSE condivide un successo di hollywood (che magari, ammettendo la sua scelleratezza di pirata, ha pagato al noleggio per farsi il suo divx) ... perchè così facendo leggi TUTTO quello che LEI scrive, ma anche quello che IO gli scrivo e a me non sta bene, è corrispondenza privata.Magari mi ******* la zia e la cosa è davvero strettamente privata (cosa penserebbe mio cugino? e mio zio? non voglio saperlo!) ... magari mi faccio le chattate porno gay con il l'amico armando. E sono sempre e solo fatti miei. Non è ammissibile che qualcuno ci si metta dentro a guardare.E se parlo dei miei sentimenti con amici e/o amiche? se seguo un gruppo di discussione per depressi? Sono sempre e solo fatti miei.E i miei movimenti bancari? le tipologie dei miei interessi ed acquisti? Sono FATTI MIEI!Tutte le mie comunicazioni private, sono PRIVATE.Il buon senso è : se non hai sospetti fondati per considerarmi un terrorista (e non considero barba, capelli ed abbigliamento un valido argomento) , allora non ritengo accettabile che tu mi spii.
      In Italia anche se tutti gli utenti di PI
      votassero un partito che porta avanti queste idee
      non si arriverebbe mai alla soglia necessaria per
      portare rappresentanti in parlamento. E non solo
      in
      Italia.lo so, vedi la petizione per la legge sull'editoria di quella volta... ma forse questo argomento è un po' più sentito...mah
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?
        Tutti in galera ? La magistratura scarcera drogati, assassini e terroristi inneggiando al terrorismo stesso e dicendo che è giusto. Le prigioni sono delle cooperative sociali oramai, delle pensioncine in cui i detenuti prendono stipendio, pensioni, fanno lavori (e non spaccar pietre come era giusto un tempo). In galera con questo sistema ci resta la gente onesta che non ha amicizie e non può permettersi mazzette a politici e magistrati per uscire, i criminali veri se la spassano.- Scritto da:

        - Scritto da:

        Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il

        99% degli uenti) a scroccare musica, libri,
        film,

        software e altro materiale protetto da diritto

        d'autore sarebbe buon senso?


        no, il buon senso è non spiare tutto con una
        scusa che si applica ad una
        parte.

        non puoi mettere tutti in galera perchè così
        facendo metterai sicuramente in galera il
        ladro.

        gli altri vengono incarcerati ingiustamente.

        non puoi monitorare i cazzi di mia zia perchè
        FORSE condivide un successo di hollywood (che
        magari, ammettendo la sua scelleratezza di
        pirata, ha pagato al noleggio per farsi il suo
        divx) ... perchè così facendo leggi TUTTO quello
        che LEI scrive, ma anche quello che IO gli scrivo
        e a me non sta bene, è corrispondenza
        privata.
        Magari mi ******* la zia e la cosa è davvero
        strettamente privata (cosa penserebbe mio cugino?
        e mio zio? non voglio saperlo!) ... magari mi
        faccio le chattate porno gay con il l'amico
        armando. E sono sempre e solo fatti miei. Non è
        ammissibile che qualcuno ci si metta dentro a
        guardare.

        E se parlo dei miei sentimenti con amici e/o
        amiche? se seguo un gruppo di discussione per
        depressi?


        Sono sempre e solo fatti miei.

        E i miei movimenti bancari? le tipologie dei miei
        interessi ed acquisti? Sono FATTI
        MIEI!
        Tutte le mie comunicazioni private, sono PRIVATE.

        Il buon senso è : se non hai sospetti fondati per
        considerarmi un terrorista (e non considero
        barba, capelli ed abbigliamento un valido
        argomento) , allora non ritengo accettabile che
        tu mi
        spii.


        In Italia anche se tutti gli utenti di PI

        votassero un partito che porta avanti queste
        idee

        non si arriverebbe mai alla soglia necessaria
        per

        portare rappresentanti in parlamento. E non solo

        in

        Italia.

        lo so, vedi la petizione per la legge
        sull'editoria di quella volta... ma forse questo
        argomento è un po' più
        sentito...

        mah
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon senso?
      - Scritto da:
      Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il
      99% degli uenti) a scroccare musica, libri, film,
      software e altro materiale protetto da diritto
      d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a
      creare un esercito di nuovi
      disoccupati.hai fatto uno studio approfondito della cosa? sarebbe semplicemente evitare che altri ragazzi si suicidino vedendo la guardia di finanza alla porta, cosa successa più di una volta per la stupidità di gente come te che pensa che al mondo esistano solo i santi e i delinquenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon senso?
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il

        99% degli uenti) a scroccare musica, libri,
        film,

        software e altro materiale protetto da diritto

        d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a

        creare un esercito di nuovi

        disoccupati.

        hai fatto uno studio approfondito della cosa?
        sarebbe semplicemente evitare che altri ragazzi
        si suicidino vedendo la guardia di finanza alla
        porta, cosa successa più di una volta per la
        stupidità di gente come te che pensa che al mondo
        esistano solo i santi e i
        delinquenti.Magari si sono suicidati perchè erano sballati da droghe, acidi ed alcool. Il resto sono favolette.
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?

          droghe, acidi ed alcool. Il resto sono
          favolette.E tu chi sei ???? Gigi la Trottola ???ahahahahahahahahahaha(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Buon senso?


          hai fatto uno studio approfondito della cosa?

          sarebbe semplicemente evitare che altri ragazzi

          si suicidino vedendo la guardia di finanza alla

          porta, cosa successa più di una volta per la

          stupidità di gente come te che pensa che al
          mondo

          esistano solo i santi e i

          delinquenti.

          Magari si sono suicidati perchè erano sballati da
          droghe, acidi ed alcool. Il resto sono
          favolette.ok, ti dò l'indirizzo, vai dai suoi genitori e digli che sono favolette... complimenti sei proprio furbo te...
    • castigo scrive:
      Re: Buon senso?
      - Scritto da:
      Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il
      99% degli uenti) a scroccare musica, libri, film,
      software e altro materiale protetto da diritto
      d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a
      creare un esercito di nuovi
      disoccupati.infatti tutti i giorni passo qualche spicciolo a zucchero e al suo ruff.... hemmm.... produttore che stanno al semaforo sotto casa mia a lavare i vetri delle auto ;) per non parlare di tutti i professionisti dell'industria dell'entertainment che nottetempo rovistano nei bidoni dell'immondizia :D

      In Italia anche se tutti gli utenti di PI
      votassero un partito che porta avanti queste idee
      non si arriverebbe mai alla soglia necessaria per
      portare rappresentanti in parlamento. E non solo
      in
      Italia.lo dicevano anche di fi, a suo tempo definito "partito di plastica", e si continua a dire della miriade di mastella e mastellini vari che popolano il nostro parlamento.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon senso?

      Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il
      99% degli uenti) a scroccare musica, libri, film,
      software e altro materiale protetto da diritto
      d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a
      creare un esercito di nuovi
      disoccupati.Quoto.Bisogna trovare un giusto compromesso ma così si rischia di esagerare nel senso opposto rispetto a oggi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon senso?
      - Scritto da:
      Autorizzare chiunque ne faccia uso privato (il
      99% degli uenti) a scroccare musica, libri, film,
      software e altro materiale protetto da diritto
      d'autore sarebbe buon senso? Servirebbe solo a
      creare un esercito di nuovi
      disoccupati.Meglio un esercito di disoccupati che un esercito di parassiti come gli uomini della SIAE.
  • Anonimo scrive:
    voglio la tessera
    vedi subject
Chiudi i commenti