Telecom Italia non cambia le tariffe verso TRE

Sospesa la manovra che doveva rimodulare le tariffe praticate per il traffico fisso-mobile verso TRE

Milano – Le rimostranze dei consumatori non sono rimaste inascoltate: Telecom Italia non ha apportato le variazioni tariffarie sul traffico fisso-mobile verso la rete di TRE , la cui entrata in vigore era prevista per sabato 11 novembre.

L’incumbent lo scorso 11 ottobre aveva infatti comunicato che avrebbe rimodulato il piano tariffario delle chiamate effettuate da telefono fisso verso i cellulari TRE, addebitando 23,68 centesimi di euro al minuto senza distinzione di fasce orarie, più il costo dell’addebito alla risposta già in vigore, pari a 7,87 centesimi.

La novità era stata mal digerita da molte associazioni di consumatori, che avevano evidenziato come la variazione tariffaria rappresentasse, per un verso, un considerevole rincaro (2,12 volte) dell’attuale tariffa ridotta di 11,20 centesimi e, per un altro verso, l’abolizione di una differenziazione tariffaria in fasce orarie (intera e ridotta) ormai radicata negli usi dei consumatori più attenti alle possibilità di risparmio sul traffico telefonico.

E dopo il dissenso che le associazioni hanno espresso all’ Authority delle Comunicazioni , in seguito all’iniziativa arriva la notizia della sospensione, da parte dell’incumbent, della modifica tariffaria “in quanto sono in corso – riferisce la nota di Telecom – approfondimenti con l’Autorità”. Al momento, pertanto, restano in vigore le tariffe di 11,20 centesimi al minuto in fascia ridotta e 41,09 centesimi in fascia intera, più lo scatto alla risposta di 7,87 centesimi.

D.B.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    un giorno solo ?
    Credo che ci siano problemi più importanti..
  • Anonimo scrive:
    la galera per il gestore del'acces point
    se non il taglio dell'antenna
  • Anonimo scrive:
    windows si collega da solo!
    reato automatico!
    • Anonimo scrive:
      Re: windows si collega da solo!
      beh... dipende da come l'hai configurato... però effettivamente... spero che il legale del ragazzino beccato utilizzi questa linea difensiva... vediamo...!
    • teddybear scrive:
      Re: windows si collega da solo!
      - Scritto da:
      reato automatico!Anche se accendi il motore della tua auto, metti la prima, poi la seconda, la terza senza mai toccare il volante, prima o poi ammazzi qualcuno.Se Windows si collega in automatico, gli utilizzatori di Windows devono disabilitare la funzione.Come dici? Molti non lo sanno fare? Non è una giustificazione valida in Italia. La legge non permette ignoranza.Secondo me è una linea difensiva che si sbriciola come un castello di carte a Trieste con la bora.
      • Anonimo scrive:
        Re: windows si collega da solo!
        - Scritto da: teddybear
        - Scritto da:

        reato automatico!
        Anche se accendi il motore della tua auto,
        metti la prima, poi la seconda, la terza
        senza mai toccare il volante, prima o poi
        ammazzi qualcuno.
        Se Windows si collega in automatico, gli
        utilizzatori di Windows devono disabilitare
        la funzione.
        Come dici? Molti non lo sanno fare? Non è una
        giustificazione valida in Italia. La legge non
        permette ignoranza.
        Secondo me è una linea difensiva che si
        sbriciola come un castello di carte a
        Trieste con la bora.Secondo me dipende fortemente da quanto e' lamer il giudice : se non lo sa disabilitare lui dara' ragione a questa linea di difesa.Del resto anche senza un compilatore ed un po' di assembler scritto direttamente in esadecimale puoi disabilitare qualunque parte del pc...E allora ?
      • Fiamel scrive:
        Re: windows si collega da solo!
        - Scritto da: teddybear

        - Scritto da:

        reato automatico!

        Anche se accendi il motore della tua auto, metti
        la prima, poi la seconda, la terza senza mai
        toccare il volante, prima o poi ammazzi
        qualcuno.Non sono sicuro di come funzioni Windows in questo caso, ma se si autocollega senza chiedertelo, il paragone è sbagliato. Sarebbe come accendere la macchina senza la possibilità di metterla in folle prima di accenderla. Windows che fa? Te lo chiede?

        Se Windows si collega in automatico, gli
        utilizzatori di Windows devono disabilitare la
        funzione.Sì, "devono", ma lo possono fare solo dopo che hanno acceso il PC (quando si è già collegato automaticamente?) e solo se lo sanno (perché nell'EULA e nei manuali non c'è scritto).

        Come dici? Molti non lo sanno fare? Non è una
        giustificazione valida in Italia. La legge non
        permette
        ignoranza.Da che so io, la legge non permette ignoranza della legge, non di qualcos'altro che non ti viene detto. Conferma o smentisci, ma per favore con prove/link.

        Secondo me è una linea difensiva che si sbriciola
        come un castello di carte a Trieste con la
        bora.Sì, soprattutto se il tizio ha continuato a navigare e non aveva una SUA connessione wireless. Ma se avesse anche lui una wireless ed avesse creduto di collegarsi ad essa invece che a quella del vicino? Il fatto sussisterebbe, ma magari evitava il carcere. Dico "magari" perché a quanto pare sono comunque piuttosto severi, laggiù.
        • Anonimo scrive:
          Re: windows si collega da solo!
          si va be. ma che colpa a? se l altro e cosi utonto da non mettere una wep, wpa , etc etc e che cacchio
          • Anonimo scrive:
            Re: windows si collega da solo!
            - Scritto da:
            si va be. ma che colpa a? se l altro e cosi
            utonto da non mettere una wep, wpa , etc etc e
            che
            cacchiotu non metti le H nelle frasi...lui può benissimo non mettere wep e wpa.
        • HomoSapiens scrive:
          Re: windows si collega da solo!

          Da che so io, la legge non permette ignoranza
          della legge, non di qualcos'altro che non ti
          viene detto. Conferma o smentisci, ma per favore
          con prove/link.
          da: http://it.wikipedia.org/wiki/Ignorantia_legis_non_excusat Ignorantia legis non excusatSolitamente si rende in italiano con con «La legge non ammette ignoranza», una traduzione che però lascia spazio ad ambiguità, potendo anche fraintendersi come "la legge non ammette l'ignoranza degli avvenimenti inerenti ad una sua violazione"; solitamente invece gli ordinamenti moderni prevedono che per alcune violazioni, non essere a conoscenza di fatti rilevanti sia una valida giustificazione difensiva. se è questo che intendevi dire ti dò ragione... ;)
          • Fiamel scrive:
            Re: windows si collega da solo!
            - Scritto da: HomoSapiens

            Da che so io, la legge non permette ignoranza

            della legge, non di qualcos'altro che non ti

            viene detto. Conferma o smentisci, ma per favore

            con prove/link.



            da:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Ignorantia_legis_non_

            Ignorantia legis non excusat
            Solitamente si rende in italiano con con «La
            legge non ammette ignoranza», una traduzione che
            però lascia spazio ad ambiguità, potendo anche
            fraintendersi come "la legge non ammette
            l'ignoranza degli avvenimenti inerenti ad una sua
            violazione"; solitamente invece gli
            ordinamenti moderni prevedono che per alcune
            violazioni, non essere a conoscenza di fatti
            rilevanti sia una valida giustificazione
            difensiva.

            se è questo che intendevi dire ti dò ragione...
            ;)
            Sì, intendevo proprio questo.Grazie del link (certo che potevo cercarmelo anch'io da solo, su wiki... che pigrone!).
  • Anonimo scrive:
    Ma è legale/illegale?
    Cioè, a livello contrattuale tra l'utente e provider, mi sembra che sia responsabilità di quest'ultimo a far si che la sua connessione rimanga entro i "confini" delle sue mura domestiche...Fatta questa premessa, se io utente non proteggo la rete rendendolo, quindi, disponibile a chiunque sia nei paraggi ho violato il contratto... credo...Io, fruitore della connessione non protetta, rischio qualcosa? Alla fine potrei ritenere che si tratti di una rete pubblica (anche se sotto sotto so che non è così)!? L'utilizzo che ne faccio, ovviamnete, non è per scopi "illegali"... semplicemente mi scarico la posta, leggo alucni quotidiani online (PI), ecc... Sono reo di qualche cosa?Che ne dite?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è legale/illegale?
      Secondo me essendo responsabile di cosa fai sotto un contratto sei anche responsabile di proteggere la tua connessione (filtri su mac-address,chiavi WPA....autenticazione radius). Se la P.P. rintraccia un reato informatico lo fa attraverso l'indirizzo ip e di conseguenza la presunzione della responsabilità ricade sul titolare della linea.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma è legale/illegale?
        Son d'accordo, dato che son io il titolare della connessione...Ma, io titolare, potrò rivalermi (se lo becco) nei confronti di chi ha utilizzato la mia connessione?Mah... per certi versi ritengo di si, dato che un estraneo ha abusato di un servizio privato e non dichiaratamente pubblico... per altri ritengo di no, dato che l'utilizzo è dovuto ad una mia negligenza (il fatto di non averlo protetto)Però anche i provider fanno anche la loro parte!Non potrebbero proteggere di defualt (non so come... ma credo fattibile) i router ADSL?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma è legale/illegale?
          Beh, dal mio punto di vista: Se faccio un contratto con un ISP; il contratto e' tra ME e LUI. Io pago una certa somma per avere un certo servizio: se un terzo si intromette, fa:1) decadere il contratto2) degradare il mio servizio - percui posso sicuramente chiedergli i danni, o girare le richieste che fanno a me.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma è legale/illegale?
            è si e come lo dimostri?I log del router? Magari però se già sei cosi babbo da non proteggere la connessione, sei anche cosi babbo da non cambiare le password di default del router (grazie a google rintracciabilissimi), poi un bel HTTP://GATEWAY, e tac, ti cancellano i log, se sono pure bastardi ti cambiano la password del router, e l'unica maniera x rimettere quella originale e premere il bel pulsantino RESET, del router, che elimina i log...(rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma è legale/illegale?
            A dimenticavo, anche se metti la mano sui log che hai? Un mac address? e con quello che ce fai? I veri lamer sono i produttori di router ed access point che di fabbrica settano la non protezione... I niubbi arrivano a casa attaccano, fanno 2 click, vedono che tutto funziona e non lo toccano più (troll2)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è legale/illegale?
      - Scritto da:
      Cioè, a livello contrattuale tra l'utente e
      provider, mi sembra che sia responsabilità di
      quest'ultimo a far si che la sua connessione
      rimanga entro i "confini" delle sue mura
      domestiche...(SNIP)
      Io, fruitore della connessione non protetta,
      rischio qualcosa? Alla fine potrei ritenere che
      si tratti di una rete pubblica (anche se sotto
      sotto so che non è così)!? L'utilizzo che ne
      faccio, ovviamnete, non è per scopi "illegali"...
      semplicemente mi scarico la posta, leggo alucni
      quotidiani online (PI), ecc... Sono reo di
      qualche
      cosa?
      Che ne dite?Il reato si configura certamente se tu accedi a un sistema violando una protezione (pur banale, come una password lasciata a default).Per legge sta nei compiti del titolare provvedere alle misure minime di protezione, che debbono servire pure a distinguere un "luogo pubblico" da un privato, ad accesso riservato.Questo però non rende automaticamente impunibile chi "scrocca": potrebbe sempre venir dimostrato che stavi facendo il furbo, se non è credibile la tua professione d'innocenza. Occhio alla penna! :)
  • Anonimo scrive:
    Ma come lo hanno trovato?
    Il raggio di azione è 100m, hanno controllato il MAC di tutti i dispostivi nel raggio di azione, o esiste un metodo per andare dal responsabile a colpo sicuro?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come lo hanno trovato?
      magari sì è affacciato dalla finestra e ha visto il parassita col laptop
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come lo hanno trovato?
        o magari hanno sniffato la connessione ... e visto la sua email mentre transitava in chiaro :P
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma come lo hanno trovato?
          Ho lavorato in un call center per router di una nota marca in olanda, un tizio olandese un giorno chiama per avere lumi su un paio di settaggi avanzati del router, e quando mi accorgo che come protezione ha solo la wep a 56 bit mi accingo a consigliargli di settare la wpa.Lui mi risponde che la lascia apposta bassa, e che la settimana dopo sarebbe arrivato un suo amico con una antenna direzionale, per andare a trovare un suo vicino con una mazza da basetball.Gli ho fatto gli auguri...(giuro che è tutto vero)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come lo hanno trovato?
      - Scritto da:
      Il raggio di azione è 100m, hanno controllato il
      MAC di tutti i dispostivi nel raggio di azione, o
      esiste un metodo per andare dal responsabile a
      colpo
      sicuro?
      2 parole: antenne direzionali poi google sa!
  • Anonimo scrive:
    Basta un filtro MAC
    La connessione si può anche lasciare sprotetta da chiavi.. basta mettere un filtro agli indirizzi MAC e impostare che SOLO le periferiche con un certo MAC address possano connettersi alla rete no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta un filtro MAC
      Ni... nel senso che è uno strategemma comunque aggirabile.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta un filtro MAC
        Come? L'indirizzo mac dovrebbe essere unico e legato all'hardware..
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta un filtro MAC
          - Scritto da:
          Come? L'indirizzo mac dovrebbe essere unico e
          legato
          all'hardware..hahaha, come l'IMEI dei cellulari :Dun filtro mac serve solo ad allontanare parassiti casuali...e comunque spifferi tutto quello che fai ai quattro venti!
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta un filtro MAC
            beh filtro mac + wep in una rete casalinga dovrebbe bastare.. non ho ne hacker ne cracker come vicini di casa.. la wpa nn è supportata da tutti gli apparecchi che si collegano alle reti wifi...
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta un filtro MAC
            - Scritto da:
            beh filtro mac + wep in una rete casalinga
            dovrebbe bastare.. non ho ne hacker ne cracker
            come vicini di casa.. la wpa nn è supportata da
            tutti gli apparecchi che si collegano alle reti
            wifi...Più che altro non te ne accorgia meno che non intendi che li sai anche far stare fuori dalla porta ma in tal caso quando bussano li vedi sempre
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta un filtro MAC
          - Scritto da:
          Come? L'indirizzo mac dovrebbe essere unico e
          legato
          all'hardware..Sul mio router da 39 euro, il MAC address e' configurabile nei seguenti modi:1) Spoofato da una scheda qualunque tra quelle connesse al router2) Creato random (parzialmente)3) Arbitrario, inserito a mano.3) di fabbrica.Se ci riesce il mio routerazzo cinese ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta un filtro MAC
        A volte basta impostare gli IP fissi e non tramite DHCP..........
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta un filtro MAC
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta un filtro MAC
            si, avranno pensato la stessa cosa quei geni della mia universita' (che poi pretendono finanziamenti dal mortadella) quando hanno configurato la rete wifi.. poi ci vai giu' di spoof del mac address.. ed hai un accesso completo ed incondizionato nonche' ampiamente anonimo.. mica come quello delle postazioni adibite.. e poi si lamentano che c'e' qualcuno che su quelle linee ci vede il pedoporno.. idioti ignoranti..
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta un filtro MAC
      - Scritto da:
      La connessione si può anche lasciare sprotetta da
      chiavi.. basta mettere un filtro agli indirizzi
      MAC e impostare che SOLO le periferiche con un
      certo MAC address possano connettersi alla rete
      no?sul mio router ho disabilitato il DHPC impostato la WEP e usato il MAC filter e nascosto la SSID in teroia sono inattaccabile... ma in pratica basta un semplice sniffer per scovare il traffico.. e dopo un oretta penso chiunque può bucarlaper ovviare anche questo ho abbassato il livello di potenza ai minimi termici.. già fuori la porta la rete non è più raggiungibilefaccio fatica io in casa fuguriamoci il vicino di casanon sono paranoico ma nemmeno tontolone
    • Anonimo scrive:
      Bucata in 1 secondo
      - Scritto da:
      La connessione si può anche lasciare sprotetta da
      chiavi.. basta mettere un filtro agli indirizzi
      MAC e impostare che SOLO le periferiche con un
      certo MAC address possano connettersi alla rete
      no?Tu ti senti sicuro trasmettendo tutti i pacchetti in chiaro.Io intercetto uno qualunque di quei pacchetti e ne leggo il contenuto (aka: mi faccio i cazzi tuoi).Poi ne leggo l'header, e trovo il MAC della scheda Wi-Fi da cui sei collegato.Falsifico il mio MAC (operazione ridicola su qualunque sistema operativo) ed ecco che ho totale accesso ai tuoi dati e alla tua rete sin dal primo pacchetto intercettato!Fossero tutti sprovveduti come te non ci sarebbe nemmeno gusto a fare wardriving!E usateli sti ca$$o di WPA/WPA2 AES!
  • carobeppe scrive:
    Ma allora LOL
    Non c'è cosa più lollosa che leggere queste notizie su PI mentre si è seduti su una panchina a Pisa col palmare sotto un access point privato sprotetto!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora LOL
      - Scritto da: carobeppe
      Non c'è cosa più lollosa che leggere queste
      notizie su PI mentre si è seduti su una panchina
      a Pisa col palmare sotto un access point privato
      sprotetto!In Corso immagino, ci andavo anche io a volte quando abitavo li in zona :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora LOL
      - Scritto da: carobeppe
      Non c'è cosa più lollosa che leggere queste
      notizie su PI mentre si è seduti su una panchina
      a Pisa col palmare sotto un access point privato
      sprotetto!Io mi sentirei un verme..
  • Anonimo scrive:
    Con chi mi connetto oggi?
    Ormai ce solo l'imbarazzo della scelta. Nella mia via oltre alla mia WPA2-PSK ce ne sono altre 5, di cui solo una protetta con il craccabile WEP.Se volessi potrei fare di tutto.E' come se una bella gnocca mi dicesse, ti voglio scopare tutto e incominciasse a spogliarsi. E' un po' difficile resiste...
    • Anonimo scrive:
      Re: Con chi mi connetto oggi?
      - Scritto da:
      Ormai ce solo l'imbarazzo della scelta. Nella mia
      via oltre alla mia WPA2-PSK ce ne sono altre 5,
      di cui solo una protetta con il craccabile
      WEP.

      Se volessi potrei fare di tutto.

      E' come se .....è più come se una bella gnocca stesse tutta nuda avanti a te, con l'espressione vogliosa. Poi c'è la wep, che è quella vestita ma indifesa, e infine c'è la wpa, che è scortata da 2 bodyguard armati.
    • Anonimo scrive:
      Meglio di sei mesi fa
      - Scritto da:
      Ormai ce solo l'imbarazzo della scelta. Nella mia
      via oltre alla mia WPA2-PSK ce ne sono altre 5,
      di cui solo una protetta con il craccabile
      WEP. Da me la situazione è cambiata nel giro di poco tempo. Solo un paio di reti sono identificabili, ma protette, mentre sei mesi fa ne ho trovate una completamente aperta e una che mi lasciava accedere alla configurazione del router WiFi.Io me ne son ben guardato da farci nulla, tanto ho la mia ADSL flat: certo non era una bella situazione. Evidentemente ora le persone (o le aziende) si sono un po' svegliate.Certo, il Wep è craccabile ma occorre un minimo di competenza tecnica, un tool e un poco di tempo (oltre all'evidente volontà di violare illegalmente una protezione, che si configura come un chiaro reato).
      E' come se una bella gnocca mi dicesse, ti voglio
      scopare tutto e incominciasse a spogliarsi. E' un
      po' difficile
      resiste...Se sai che rischi qualche malattia infettiva, nonché un sacco di botte o peggio dal fidanzato... ti conviene resistere! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Con chi mi connetto oggi?
      - Scritto da:
      Ormai ce solo l'imbarazzo della scelta. Nella mia
      via oltre alla mia WPA2-PSK ce ne sono altre 5,
      di cui solo una protetta con il craccabile
      WEP.

      Se volessi potrei fare di tutto.

      E' come se una bella gnocca mi dicesse, ti voglio
      scopare tutto e incominciasse a spogliarsi. E' un
      po' difficile
      resiste...la gnocca però lavora alla escoposte e ti si vuole trombare in un altro senso.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Con chi mi connetto oggi?
      beati voi da me non c'è nessuno che ha connessione wified io sono l'unico ad avere accesso ad internet in tutta la via :(
  • Anonimo scrive:
    hacking buono...
    volevo solo portarvi questa testimonianza relativa ad una linea wifi di qualcuno che è stata sicuramente rubata ... ... ma vi invito a leggere tutta la storia, partendo, come avevo fatto io, da questo appello, per seguire poi tutta la storia in tutta la sua tragicità, fino al suo epilogo e oltre.C'entra anche una connessione wi fi "rubata", se guardiamo l'OT.http://www.photo4u.it/viewtopic.php?t=87773una storia vera che mi ha colpito duramente, come a viverla in prima persona, altro che "virtuale".
    • Anonimo scrive:
      Re: hacking buono...
      Ma finiscila di spammare!
      • Anonimo scrive:
        Re: hacking buono...
        - Scritto da:
        Ma finiscila di spammare!credi che si venda qualcosa o si faccia promozione di qualcosa di commerciale?c'è la storia di una persona (anzi, di due) dietro a quel link.non basta mettere un link per fare spamming, amico.
  • Anonimo scrive:
    Fon, questo post e le coincidenze...
    Ma guarda un po' che coincidenza ! :DGiusto in questi giorni c'era qui su P.I. un'accesa discussione su Fon e il fatto che la legge italiana in pratica "azzoppa" i Foneri, rei di condividere (consapevolmente o meno) la propria connessione (ed esporsi quindi ai rischi del caso).Nei molti commenti figuravano dichiarazioni di chi, con pochi scrupoli e in barba alla legge italiana (ma soprattutto in barba ai fessi che tengono sprotetta la propria linea wi-fi) parlava di usare "gratis" hot-spot trovati in citta'...Casca a fagiuolo questo articoletto, dove si dice a chiare lettere : "Freghi la connessione al vicino ? 3 anni di galera !".Magari qualcuno, leggendo i post degli utenti piu' scatenati qui su P.I., ha deciso di dare un monito (o pararsi le chiappe, chissa' :D ) cosi' che non si abbia a dire : "su P.I. e' pieno di lamer che dichiarano di scroccare le connessioni altrui senza che nessuno intervenga"eheh, cari miei, ricordate che scroccare la connessione ai vecchietti del palazzo di fronte e' reato ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Fon, questo post e le coincidenze...
      (cylon)A aparte che secondo me non hai capito nulla, al di là del fatto che attaccarsi alla rete degli altri sia un reato (ma è anche colpa di chi ti vende i router wifi senza dirti come proteggerli da accessi indesiderati, ma pensa solo ai ricavi) il discorso FON è ben diverso. In quel caso chi prendere un router FON è ben consapevole di dare accesso ad altri alla rete attraverso la sua linea altrimenti è stupido...E' la legislazione italiana che proibisce di fare ciò ...Probabilmente a Singapore invece è possibile ma non è il caso dello studente beccato con le mani nella marmellata.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fon, questo post e le coincidenze...
        - Scritto da:
        (cylon)A aparte che secondo me non hai capito
        nulla, al di là del fatto che attaccarsi alla
        rete degli altri sia un reato (ma è anche colpa
        di chi ti vende i router wifi senza dirti come
        proteggerli da accessi indesiderati, ma pensa
        solo ai ricavi) il discorso FON è ben diverso. In
        quel caso chi prendere un router FON è ben
        consapevole di dare accesso ad altri alla rete
        attraverso la sua linea altrimenti è stupido...E'
        la legislazione italiana che proibisce di fare
        ciò ...Probabilmente a Singapore invece è
        possibile ma non è il caso dello studente beccato
        con le mani nella
        marmellata.Quindi mettiamola in modo Politically Correct :FON non ha detto ai primi utenti che si sono affacciati al suo network che, in Italia, la legge vieta in modo categorico quello che FON si prefigge di fare.Ha pero' fatto molta propaganda sul fatto che la sua era una COMUNITA' e che i suoi membri potevano ACCEDERE LIBERAMENTE ai settaggi del router.Ha poi fatto ampia propaganda per i suoi router, venduti sottocosto.Quando e' scoppiato il bubbone legale, FON ha deciso di mettersi al riparo chiudendo l'accesso al router da parte dell'utenza, e dichiarando che "la comunita'" e' in reata' una societa' privata, gestita da chi di dovere.Gli utenti Italiani, nel frattempo, sono impossibilitati a gestire i propri router, con le conseguenze legali che ben conosciamo.Ora e' corretto ? :)grazie per avermi aiutato a capire, sono un po' tardo ma con gente come te a vigilare sicuramente non corro rischi ;)
        • MeX scrive:
          Re: Fon, questo post e le coincidenze...
          lo sai che la TIM Tribù in realtà è una tariffa commerciale di TIM???Noooooooooooooooooooooooo che B£$%%&£&%"&I!
          • Anonimo scrive:
            Re: Fon, questo post e le coincidenze...
            - Scritto da: MeX
            lo sai che la TIM Tribù in realtà è una tariffa
            commerciale di
            TIM???
            Noooooooooooooooooooooooo che B£$%%&£&%"&I!TIM non si e' PRESENTATA sul mercato italiano dando ad intendere di essere una libera associazione di utenti che si battono contro il sistema chiuso dei grandi monopolizzatori delle connessioni.Ne' tantomeno ha garantito agli utenti la totale accessibilita' e modifica dei propri firmware, per poi ritrattare in fretta e furia.Mi pare un'esempio un po' campato in aria :)
          • MeX scrive:
            Re: Fon, questo post e le coincidenze...
            - Scritto da:

            - Scritto da: MeX

            lo sai che la TIM Tribù in realtà è una tariffa

            commerciale di

            TIM???

            Noooooooooooooooooooooooo che B£$%%&£&%"&I!

            TIM non si e' PRESENTATA sul mercato italiano
            dando ad intendere di essere una libera
            associazione di utenti che si battono contro il
            sistema chiuso dei grandi monopolizzatori delle
            connessioni.
            Ne' tantomeno ha garantito agli utenti la totale
            accessibilita' e modifica dei propri firmware,
            per poi ritrattare in fretta e
            furia.

            Mi pare un'esempio un po' campato in aria :)era solo una provocazione... perchè questi commenti a FON sono della stessa forza di... "I 99 Posse mi fanno schifo perchè suonavano nei centri sociali e ora vendono i loro CD""I Green Day non sono vero punk perchè sono diventati commerciali"SEGHE MENTALI!Non vi piace più FON perchè vi siete resi conto che non è ANARCHICO? Beh... nessuno vi costringe ad aderire... e se avete aderito... quando si dichiaravano un "MOVIMENTO" e avete un bel Linksys 54G flashatelo con il firmware originale!Peace and Love (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    A singapore impiccano i ladri di polli
    I mafiosi multimilirdari invece hanno steso tappeti rossi quando passano.
    • Anonimo scrive:
      Re: A singapore impiccano i ladri di pol
      - Scritto da:
      I mafiosi multimilirdari invece hanno steso
      tappeti rossi quando
      passano.Perchè in Italia no?
      • Anonimo scrive:
        Re: A singapore impiccano i ladri di pol
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        I mafiosi multimilirdari invece hanno steso

        tappeti rossi quando

        passano.

        Perchè in Italia no?No, in italia ai ladri di polli gli si da' l'indulto e gli si trova pure lavoro, agli altri, li si manda in parlamento ;-)
  • Anonimo scrive:
    Ma era protetta ?
    sembrerebbe di si ma se non lo era c'è poco da condannare, è un chiaro invito ad usarla.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma era protetta ?
      - Scritto da:
      sembrerebbe di si ma se non lo era c'è poco da
      condannare, è un chiaro invito ad
      usarla.NO"che probabilmente era stata configurata senza protezione da accessi indesiderati."
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma era protetta ?
      Secondo il tuo ragionamento, se io dimentico l'auto aperta in un parcheggio allora il primo che passa può prenderla in prestito per farsi un giro.Spero che l'assurdità dell'esempio ti faccia riflettere su quello che hai affermato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma era protetta ?
        In certi paesi funziona così con le biciclette, nessuno le lega al palo.Si prende la prima che si trova e la si lascia dove si arriva.Certo bisogna vivere in un paese molto civile, con un alta considerazione dell'interessse collettivo.In Italia, dove esiste solo l'interesse del singolo, tutti se la porterebbero a casa.Sarà il solito luogo comune ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma era protetta ?
          - Scritto da:

          In certi paesi funziona così con le biciclette,
          nessuno le lega al
          palo.

          Si prende la prima che si trova e la si lascia
          dove si
          arriva.

          Certo bisogna vivere in un paese molto civile,
          con un alta considerazione dell'interessse
          collettivo.

          In Italia, dove esiste solo l'interesse del
          singolo, tutti se la porterebbero a
          casa.E infatti successe proprio questo quando il comune di Milano mise a disposizione gratuitamente N biciclette: lo spazio di un pomeriggio e.... pufff.. non ce n'era neanche più una!Due giorni dopo le potevi comperare su secondamano a prezzo di saldo.... riverniciate (ma anche no)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma era protetta ?
          - Scritto da:

          In certi paesi funziona così con le biciclette,
          nessuno le lega al
          palo.

          Si prende la prima che si trova e la si lascia
          dove si
          arriva.

          Certo bisogna vivere in un paese molto civile,
          con un alta considerazione dell'interessse
          collettivo.E' chi fa manutenzione?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma era protetta ?
        - Scritto da:
        Secondo il tuo ragionamento, se io dimentico
        l'auto aperta in un parcheggio allora il primo
        che passa può prenderla in prestito per farsi un
        giro.

        Spero che l'assurdità dell'esempio ti faccia
        riflettere su quello che hai
        affermato.certo che no, però se fa dei danni la tua assicurazione non paga e devi pagare TU!l'hai lasciata incustodita....
      • MeX scrive:
        Re: Ma era protetta ?
        - Scritto da:
        Secondo il tuo ragionamento, se io dimentico
        l'auto aperta in un parcheggio allora il primo
        che passa può prenderla in prestito per farsi un
        giro.

        Spero che l'assurdità dell'esempio ti faccia
        riflettere su quello che hai
        affermato.Infatti è proprio così.Si chima ISTIGAZIONE AL FURTOAl momento della denuncia per furto d'auto devi fornire la chiave originale e la chiave di riserva. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma era protetta ?
        - Scritto da:
        Secondo il tuo ragionamento, se io dimentico
        l'auto aperta in un parcheggio allora il primo
        che passa può prenderla in prestito per farsi un
        giro.

        Spero che l'assurdità dell'esempio ti faccia
        riflettere su quello che hai
        affermato.Sono in tanti a lasciare le reti wi-fi aperte per permettere ad altri di usufruirne.... Se mi metti la macchina con le chiavi inserite nel garage di casa è evidente che vuoi farmela usare...Spero che l'esempio ti faccia riflettere su quello che hai affermato :D :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma era protetta ?
      - Scritto da:
      sembrerebbe di si ma se non lo era c'è poco da
      condannare, è un chiaro invito ad
      usarla.Con la tua mentalità ti consiglio di stare alla larga dai campi per nudisti! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma era protetta ?
      Vedete, se la rete non era protetta è molto facile che il pc si connetta in automatico alla prima rete disponibile più potente che rileva.Mi è successo personalmente, in casa ho una WPA2-PSK no broadcast; qualche settimana fa il mio AP si è piantato ma io senza accorgemene continuavo tranquillamente a essere in rete in quanto il Pc si era agganciato alla rete dell'inquilino del piano superiore che aveva attiva una Alice WIFI senza protezione e con SSID visibile.Me ne sono accorto quando cercando di stampare non ho trovato la stampante.Per chi ha fatto l'esempio dell'autovettura lasciata con le chiavi nel quadro con il motore acceso:E' chiaro che nessuno è autorizzato a prenderti l'auto e farci un giro, ma prova a chiedere il risarcimento alla compagnia assicuratrice in caso di furto e vedrai che non ti pagheranno per negligenza comportamentale.Il buon senso prima di tutto !Proteggete la vostra rete, non vorrete mica che qualche furbacchione usi la vostra connessione per scopi illeciti, e non parlo della semplice navigazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma era protetta ?
        Un conto è finirci per caso.Un conto è finisci in maniera dolosa.Ad un mio amico (storia vera) è capitato di andare in un parcheggio, entrare in auto, partire, fare qualche chilometro e rendersi conto che l'auto aveva qualcosa di diverso: l'autoradio.Ebbene sì, era entrato per sbaglio nell'auto di un altro e le chiavi gliela avevano pure aperta. Ovviamente non lo si può denunciare per furto...Lo stesso dovrebbe accadere per le reti, se uno ha la sua e per sbaglio è finito in quella del vicino, eh... succede. Si configurano meglio le reti, magari criptandole e chiudendo gli accessi a determinati MAC.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma era protetta ?
          - Scritto da:
          Un conto è finirci per caso.
          Un conto è finisci in maniera dolosa.

          Ad un mio amico (storia vera) è capitato di
          andare in un parcheggio, entrare in auto,
          partire, fare qualche chilometro e rendersi conto
          che l'auto aveva qualcosa di diverso:
          l'autoradio.
          Ebbene sì, era entrato per sbaglio nell'auto di
          un altro e le chiavi gliela avevano pure aperta.


          Ovviamente non lo si può denunciare per furto...

          Lo stesso dovrebbe accadere per le reti, se uno
          ha la sua e per sbaglio è finito in quella del
          vicino, eh... succede. Si configurano meglio le
          reti, magari criptandole e chiudendo gli accessi
          a determinati
          MAC.scusa ma questo tuo amico come ha fatto a mettere in moto? se ha trovato aperto e con pure le chiavi non gli è sembrato strano?vabbè oggigiorno siamo tutti un po' fulminati
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma era protetta ?
          Ma chi ve le racconta queste panzane ? Le copie delle chiavi delle auto sono uniche ed hanno un meccanismo di riconoscimento, se se ne perde una è un delirio farsene fare una copia. Che l'auto gli sia partita è semplicemente impossibile....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma era protetta ?
            Falso, mio padre con le chiavi della sua seat riesce ad aprire e a mettere in moto la mia volkswagen...capita raramente che si trovino due auto con chiavi uguali, ma è possibilissimo...- Scritto da:
            Ma chi ve le racconta queste panzane ? Le copie
            delle chiavi delle auto sono uniche ed hanno un
            meccanismo di riconoscimento, se se ne perde una
            è un delirio farsene fare una copia. Che l'auto
            gli sia partita è semplicemente
            impossibile....
  • Anonimo scrive:
    in italia chissà quanti
    io stesso vedo la wifi fastweb non protetta del mio vicino ogni volta che vado a collegarmi alla mia super blindata :)....e gliel'ho pure detto....
    • Anonimo scrive:
      Re: in italia chissà quanti
      Il problema è che l'articolo dice "a Singapore", dove ti rimpatriano se solo provi a buttare una cartaccia in aeroporto.Sarebbe stato più utile se si fossero informati di casi italiani piuttosto.
      • Anonimo scrive:
        Re: in italia chissà quanti
        - Scritto da:
        Il problema è che l'articolo dice "a Singapore",
        dove ti rimpatriano se solo provi a buttare una
        cartaccia in
        aeroporto.
        Sarebbe stato più utile se si fossero informati
        di casi italiani
        piuttosto.615 ter c.p. per cominciare
    • Anonimo scrive:
      Re: in italia chissà quanti
      - Scritto da:
      io stesso vedo la wifi fastweb non protetta del
      mio vicino ogni volta che vado a collegarmi alla
      mia super blindata
      :)

      ....e gliel'ho pure detto....Non agitarti. Al tuo vicino il concetto entrerà in testa alla perfezione quando verrà visitato dalla postale dopo che qualche maniaco si sarà fatto il megatour di siti pedohard
    • Anonimo scrive:
      Re: in italia chissà quanti
      - Scritto da:
      io stesso vedo la wifi fastweb non protetta del
      mio vicino ogni volta che vado a collegarmi alla
      mia super blindata
      :)

      ....e gliel'ho pure detto....che io sappia, TUTTE le connessioni Alice di Telecom fatte con WiFi hanno questo "problema" (a meno che uno non ci metta mano e la blindi).Di default la connessione è aperta a tutti quelli che la vogliono sfruttare.
      • Anonimo scrive:
        Re: in italia chissà quanti

        Di default la connessione è aperta a tutti Basta farsi un giro su Google e digitare una chiave del tipo "proteggere una connessione wireless" e ti escono mille info su come fare, non mi pare una cosa tanto esotica.
      • mmiki scrive:
        Re: in italia chissà quanti
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        io stesso vedo la wifi fastweb non protetta del

        mio vicino ogni volta che vado a collegarmi alla

        mia super blindata

        :)



        ....e gliel'ho pure detto....

        che io sappia, TUTTE le connessioni Alice di
        Telecom fatte con WiFi hanno questo "problema" (a
        meno che uno non ci metta mano e la
        blindi).
        Di default la connessione è aperta a tutti quelli
        che la vogliono
        sfruttare.personalmente a me l'han data con WPA attivata di default..però tutto è possibile dopo che ho disdetto la Home TV ma ho chiesto di mantenere il modem wifi, loro m'han detto che non potevo tenere quel modem e che me ne portavano un altro, il che di fatto è successo, peccato che fosse identico...e il modem "vecchio" è ancora nel ripostiglio con il decoder per la tv Oo
Chiudi i commenti