Telecomando e altri accessori per PS2

In arrivo sul mercato italiano un telecomando, due contenitori ed uno stabilizzatore per la famosa console nipponica

Imperia – Teknos , il distributore italiano di prodotti firmati Logic3 , ha presentato al mercato nostrano una nuova gamma di complementi per PlayStation2: un telecomando DVD Remote Control, due eleganti contenitori Game Station 2 e Game Station 3 e il supporto Stabilizer.

Questi nuovi accessori, che vanno ad affiancarsi ai diffusori acustici Sound Station 2 recentemente lanciati sul mercato, sono tutti in “stile Playstation2” e si inseriscono coerentemente nell?ambiente dove è collocata la console.

Il DVD Remote Control è un telecomando multi funzione ad infrarossi, che consente di gestire la visione dei film su DVD o l?ascolto dei CD audio tramite PlayStation fino a sei metri di distanza. Essendo basato su tecnologia a raggi infrarossi, evita la presenza di scomodi cavi nella stanza e per via di un apposito adattatore Through-Port, inoltre, non è necessario collegare e scollegare altri controller dalla console per l?utilizzo del DVD Remote Control.

Game Station 2 e Game Station 3 sono invece due contenitori con forme e capacità differenti. Mentre la prima si caratterizza per la linea in tutto e per tutto uguale alla PS2 ed ha la possibilità di ospitare fino a 4 CD o DVD, 2 pad e svariate memory cards, la seconda si presenta con una forma originale, è bicolore e può accogliere fino a 13 CD o DVD. Lo Stabilizer, infine, è un supporto verticale regolabile che permette di fornire maggiore stabilità alla PS2, garantendo quindi una maggior sicurezza in tutti i casi in cui la console debba essere posizionata in luoghi “critici”.

Logic3 DVD remote control
Dove: nei negozi
Quanto: 50.000 lire (25,82 Euro) Iva inclusa
Quando: prossimamente

Logic3 Game Station 2 e Game Station 3
Dove: nei negozi
Quanto: 60.000 lire (30,99 Euro) Iva inclusa
Quando: prossimamente

Logic3 Stabilizer
Dove: nei negozi
Quanto: 25.000 lire (19,91 Euro) Iva inclusa
Quando: prossimamente

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    C# - una curiosita' sulla pronuncia
    Salve,probabilmente il mio intervento e' un po' "sotto tono" rispetto agli altri interventi, ma permettetemi una domanda:ho letto che il C# va pronunciato come "C Sharp"; e se non erro il simbolo # e' il "Diesis" musicale; a questo punto mi chiedo perche' (almeno in Italia) non potremmo pronunciare il C# "C Diesis" ??In fondo in Italia il buon vecchio C++ si pronuncia "C più più", e non certo "C plus plus" !!!
  • Anonimo scrive:
    Come la penso...
    Salve a tutti.Lo scopo del mio articolo non era certo quello di scatenare una guerra che dura da secoli (passatemi il termine) tra chi ama Java e chi ama Windows, tra chi preferisce Open Source e chi no, chi IE, chi NS...Mi è stato chiesto di spiegare cos'è .NET, l'ho fatto.Se c'è dell'entusiasmo nel mio articolo non è perchè MS mi paghi (tutt'altro...), ma perchè effettivamente credo nelle potenzialità di questa tecnologia e francamente, a parte dover imparare quasi o tutto da zero, non vedo grossi difetti nel tutto.C# per quanto mi riguarda è solo un PEZZO di un puzzle, tant'è vero che non ho nessuna intenzione, personalmente, di imparare ad utilizzarlo, perchè credo che il VB sia sufficiente per fare, in maniera più o meno elegante, più o meno performante, ma in ogni caso funzionante, quello che mi preme realizzare.Chiudo questo mio intervento con un piccolo suggerimento: il dottore non vi ha certo detto di utilizzare .NET, siamo in democrazia ed ognuno (più o meno...) è libero di scegliere cosa studiare, cosa implementare e cosa no.Però arrivare al punto di dire che .NET fa pena è un po' superficiale. Leggete qualche articolo, qualche white paper, qualche cosa e provate.Se dopo queste cose la vostra impressione sarà di una tecnologia che fa pena, allora avrete ragione.Ma prima di questo, tutto quanto mi sembra scatutire solo da prese di posizione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come la penso...
      - Scritto da: Daniele Bochicchio
      Salve a tutti.

      Lo scopo del mio articolo non era certo
      quello di scatenare una guerra che dura da
      secoli (passatemi il termine) tra chi ama
      Java e chi ama Windows, tra chi preferisce
      Open Source e chi no, chi IE, chi NS...

      Mi è stato chiesto di spiegare cos'è .NET,
      l'ho fatto.

      Se c'è dell'entusiasmo nel mio articolo non
      è perchè MS mi paghi (tutt'altro...), ma
      perchè effettivamente credo nelle
      potenzialità di questa tecnologia e
      francamente, a parte dover imparare quasi o
      tutto da zero, non vedo grossi difetti nel
      tutto.

      C# per quanto mi riguarda è solo un PEZZO di
      un puzzle, tant'è vero che non ho nessuna
      intenzione, personalmente, di imparare ad
      utilizzarlo, perchè credo che il VB sia
      sufficiente per fare, in maniera più o meno
      elegante, più o meno performante, ma in ogni
      caso funzionante, quello che mi preme
      realizzare.

      Chiudo questo mio intervento con un piccolo
      suggerimento: il dottore non vi ha certo
      detto di utilizzare .NET, siamo in
      democrazia ed ognuno (più o meno...) è
      libero di scegliere cosa studiare, cosa
      implementare e cosa no.Speriamo, visto che da quanto dichiara MS, .NETdiventera' talmente integrata nel suo SO chenon se ne potra' fare a meno (IE docet)
      Però arrivare al punto di dire che .NET fa
      pena è un po' superficiale. Leggete qualche
      articolo, qualche white paper, qualche cosa
      e provate.
      Se dopo queste cose la vostra impressione
      sarà di una tecnologia che fa pena, allora
      avrete ragione.Quello che si spera e che non si assista allasolita promettente tecnologia che poi si rilevaniente altro che il solito grimaldello che MScerca di usare per conquistare anche il mercato Servera discapito della concorrenza e quindi dell'utentefinale senza dare effettivamente niente dirivoluzionario.Vedi: IE, Active Directory, ecc....
      Ma prima di questo, tutto quanto mi sembra
      scatutire solo da prese di posizione.No scaturisce da prese per il c.. (scusate) perpetrateda anni da Microsoft nei confronti di sviluppatori eutenti, promettendo stabilita' compatibilita' e quant'altro e mantenendo poco.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come la penso...
      - Scritto da: Daniele Bochicchio
      Salve a tutti.

      Lo scopo del mio articolo non era certo
      quello di scatenare una guerra che dura da
      secoli (passatemi il termine) tra chi ama
      Java e chi ama Windows, tra chi preferisce
      Open Source e chi no, chi IE, chi NS...

      Mi è stato chiesto di spiegare cos'è .NET,
      l'ho fatto.

      Se c'è dell'entusiasmo nel mio articolo non
      è perchè MS mi paghi (tutt'altro...), ma
      perchè effettivamente credo nelle
      potenzialità di questa tecnologia e
      francamente, a parte dover imparare quasi o
      tutto da zero, non vedo grossi difetti nel
      tutto.

      C# per quanto mi riguarda è solo un PEZZO di
      un puzzle, tant'è vero che non ho nessuna
      intenzione, personalmente, di imparare ad
      utilizzarlo, perchè credo che il VB sia
      sufficiente per fare, in maniera più o meno
      elegante, più o meno performante, ma in ogni
      caso funzionante, quello che mi preme
      realizzare.

      Chiudo questo mio intervento con un piccolo
      suggerimento: il dottore non vi ha certo
      detto di utilizzare .NET, siamo in
      democrazia ed ognuno (più o meno...) è
      libero di scegliere cosa studiare, cosa
      implementare e cosa no.Speriamo, visto che da quanto dichiara MS, .NETdiventera' talmente integrata nel suo SO chenon se ne potra' fare a meno (IE docet)
      Però arrivare al punto di dire che .NET fa
      pena è un po' superficiale. Leggete qualche
      articolo, qualche white paper, qualche cosa
      e provate.
      Se dopo queste cose la vostra impressione
      sarà di una tecnologia che fa pena, allora
      avrete ragione.Quello che si spera e che non si assista allasolita promettente tecnologia che poi si rilevaniente altro che il solito grimaldello che MScerca di usare per conquistare anche il mercato Servera discapito della concorrenza e quindi dell'utentefinale senza dare effettivamente niente dirivoluzionario.Vedi: IE, Active Directory, ecc....
      Ma prima di questo, tutto quanto mi sembra
      scatutire solo da prese di posizione.No scaturisce da prese per il c.. (scusate) perpetrateda anni da Microsoft nei confronti di sviluppatori eutenti, promettendo stabilita' compatibilita' e quant'altro e mantenendo poco.
  • Anonimo scrive:
    AL LUPO AL LUPO! ANCHE SU PI C'E' LO SPAM!!!
    Pazzesco!La rete e' ridotta proprio male.Fessi che hanno investito nella retesperando di poterci fare un sacco di soldiin pochissimo tempo sono arrivati alla frutta,si arrampicano sugli specchi,non sanno piu' che pesci pigliare,detto con un inglesismostanno rompendo i maron glacee anchesui forum di Punto Informatico.I 3/4 messaggi in contrasto con la policydel forum A TEMA LIBEROniente altro contengono se non SPAM(=pubblicita' INDESIDERATA)ed oltretutto si sono pure firmati.Quando si accorgeranno di aver fattola figura loro (come dicono dalle mie parti)forse si renderanno conto di essersi dati la zappa sui piedi dimostrandodi non sapere cosa sia la netiquette,ne' il marketing.Pino Silvestre
  • Anonimo scrive:
    E' importante che C# sia meglio o peggio di JAVA?
    In fondo credo che la risposta a tutte le domande la dara' il mercato, fatemi solo fare alcunse considerazioni, le tecnologie di ebiz sono in mano a:software-serverIBM(unix java), ORACLE(unix java), MICROSOFT(.NET Windows 2k) , SUN (unix Java) e HP (unix java)software-clientMICROSOFT(IE5) e poco NETSCAPE/SUN con altrihardware-serverIBM,HP,COMPAQ,(Win2k e Unix) SUN(Unix)Fate i conti.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' importante che C# sia meglio o peggio di JAVA?

      In fondo credo che la risposta a tutte le
      domande la dara' il mercato, fatemi solo
      fare alcunse considerazioni, le tecnologie
      di ebiz sono in mano a:
      software-server
      IBM(unix java), ORACLE(unix java),
      MICROSOFT(.NET Windows 2k) , SUN (unix Java)
      e HP (unix java)

      software-client
      MICROSOFT(IE5) e poco NETSCAPE/SUN con altri

      hardware-server
      IBM,HP,COMPAQ,(Win2k e Unix) SUN(Unix)Scusami, sai, ma mancano le percentuali! (E non mi rispondere: "Ma tu da che parte stai?" :o) )
      • Anonimo scrive:
        Re: E' importante che C# sia meglio o peggio di JAVA?
        Ci sono siti(Gartner ecc...) che azzardano stime ma non sembrano molto affidabili dato che sono anche molto diverse fra loro, l'unica cosa che posso dire e che in Europa c'e' una fascia di piccoli nel software server che negli USA manca, i colossi non sono diversissimi tra loro nel software forse sono un po' più indietro Microsoft ed HP almeno in Europa ma e' una mia opinione.Io personalmente non sto' con nessuno. Le partership mi arrivano dall'alto come penso la gran parte degli sviluppatori che lavorano in multinazionali e mi adeguo.Anche se ovvio il principio generale e' veloce ed affidabile = meno costi e piu' profitto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!

    Abbiamo gia' visto cosa ha fatto M$ con lo
    standard HTTP,
    ha aggiunto tag non standard per renderlo
    incompatibile
    con altri browsers! Penso (e spero) che tu ti riferisca ad HTML, non HTTP. M$ ha inserito tag proprietari, ma il risultato è uno strumento chiamato DHTML, ed hai ragione: è leggibile solo da IE. Ora, sta ai creatori di pagine web decidere se usarlo o no, consapevoli che poi le loro pagine saranno visibili solo da IE. Lo usano, e poi tutti a piangere: cattiva, cattiva M$! mah...Inoltre, anche Netscape ha inserito sue personalizzazioni agli script, col risultato che pagine fatte per Netscape danno un sacco di errori se visualizate su IE. Ovviamente questa volta però non è colpa di Netscape ma di M$ che non si è adeguata agli standard NEtscape, eh? Che tristezza...
    Per quanto riguarda XML
    e' ancora piu' facile, perche' XML server
    solo a definire dati
    e pensate che M$ rilascera' mai la propria
    definizione
    proprietaria? Illusi.ma lo conosci veramente XML? Come si fa a personalizzare un linguaggio che per definizione è fatto per creare standards? Al massimo M$ potrà creare standard proprietari USANDO xml, ma non customizzare lo standard stesso! Ad esempio, M$ non ha customizzato ASCII, ma lo ha usato per creare un suo standard chiamato RTF, che fa uso di ASCII ma non modifica lo standard padre.Inoltre, e questo posso dirtelo con certezza perchè lavoro con XML da quando era ancora una proposta di standard, M$ ha sempre abbracciato in pieno le specifiche ed è stata sempre la prima a rilasciare un parser efficiente e che comprendesse tutte le specifiche, quando altri (es. Oracle) stavano molto indietro. Ora la situazione sembra essersi normalizzata, e i vari parsers sono tutti più o meno allo stesso livello.
    dopo che
    M$ ha proposto SOAP come standard presso il
    W3C non ha
    partecipato ad una sola riunione
    dell'organismo di
    standardizzazione! Perche'? Ma ovvio perche'
    a loro
    serve solo poter affermare di usare uno
    standard non
    usarlo veramente nei suoi principi (ovvero
    piena interoperabilita'). se invece M$ avesse partecipato alle riunioni, avreste detto che lo faceva per piegare lo standard alle proprie necessità: ma non siete mai soddisfatti???Inoltre affermare che a M$ non interessa usare SOAP non mi sembra proprio una scemenza, visto che ci hanno basato sopra tutta l'architettura .NET, e non lo hanno dovuto estendere, come dici tu.
    Per come e' stato fatto questo articolo mi
    sembra la
    solita vecchia pubblicita' (neanche tanto
    velata) a
    Microsoft.invece tutti gli articoli che PI dedica a Linux è solo pura informazione, eh? Giusto, giusto, hai sicuramente ragione...Byez!
    :o
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!
      Io mi permetto di concordare con Pecos e Neural.Il mercato decide cosa e' valido e cosa no.Io mi son letto le specifiche e parecchi articoli su c# (oltre al manuale) e la tecnologia .NET e devo dire che mi sembrano ottime idee. Anche Java mi sembra ottimo, ma l'ostinazione di SUN lo fara' perire. Personalmente pur avendo una laurea in medicina mi interesso di programmazione da quando avevo 17 anni (quasi 20 anni fa!). Realizzo SW medicale per aziende farmaceutiche e per privati in Visual Basic e devo dire che il mio fatturato non e' per niente male. Bill Gates ha rappresentato per la mia generazione quello che *sfidava* big blue per fare in modo che l'informatica fosse davvero *per tutti* enon solo per dei fisici cibrnetici chiusi nei loro scantinati con camice bianco.Bill ha unito ad *normale* abilita' tecnica una grinta ed una volonta' nel raggiungere la mission che si era proposto. Grazie a lui l'informatica e' diventata quel bene di massa di cui tutti beneficiamo.Le sue idee e le sue strategie hanno fino ad ora dimostrato di essere vincenti e quando si e' sbagliato (vedi internet) ha saputo rimangiarsi lo sbaglio, far marcia indietro, recuperare e sbaragliare la concorrenza con prodotti *decisamente* superiori alla concorrenza. E per di piu' gratuiti !La tanta vituperata MS e' riuscita a realizzare tutti i miei sogni, e con me i sogni di centinaia di migliaia di ragazzi e sviluppatori al mondo. Questo non vuol dire che noi si abbia le fatte di salame sugli occhi o che non ci si incazzi per i moltissimi errori di progettazione che la MS ci ha fatto subire.Per quanto mi riguarda il piatto e' ancora a favore di MS. E credo che .Net sara' per il web cio' che VB e' stato per la programmazione.Chi vivra' vedra'maxvaxP.S. : anche io trovo mooooolto schierata PI e la sua redazione verso Linux ed il suo mondo. La maggior parte degli articoli riguardano questa piattaforma, che interessa meno del 10% ( e sono generoso) degli utenti in Italia. Ma tant'e' : quando mi saro' stufato, mi cancellero' dalla ML.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!
        - Scritto da: maxvax

        Io mi permetto di concordare con Pecos e
        Neural.
        Il mercato decide cosa e' valido e cosa no.Beh se tutto e' solo esclusivamente mercato.....

        Io mi son letto le specifiche e parecchi
        articoli su c# (oltre al manuale) e la
        tecnologia .NET e devo dire che mi sembrano
        ottime idee. Anche Java mi sembra ottimo, ma
        l'ostinazione di SUN lo fara' perire.Non metto in dubbio che .NET sia una buona idea.......copiata.
        Personalmente pur avendo una laurea in
        medicina mi interesso di programmazione da
        quando avevo 17 anni (quasi 20 anni fa!).
        Realizzo SW medicale per aziende
        farmaceutiche e per privati in Visual Basic
        e devo dire che il mio fatturato non e' per
        niente male. Bill Gates ha rappresentato per
        la mia generazione quello che *sfidava* big
        blue per fare in modo che l'informatica
        fosse davvero *per tutti* enon solo per dei
        fisici cibrnetici chiusi nei loro scantinati
        con camice bianco.Ah e cosi' Bill Gates "combatteva" BigBlue fornendogliil sistema operativo dei suoi pc?Un genio 2 volte!
        Bill ha unito ad *normale* abilita' tecnica
        una grinta ed una volonta' nel raggiungere
        la mission che si era proposto. Grazie a lui
        l'informatica e' diventata quel bene di
        massa di cui tutti beneficiamo.E una gran quantita' di pratiche scorrette e truffaldine.
        Le sue idee e le sue strategie hanno fino ad
        ora dimostrato di essere vincenti e quando
        si e' sbagliato (vedi internet) ha saputo
        rimangiarsi lo sbaglio, far marcia indietro,
        recuperare e sbaragliare la concorrenza con
        prodotti *decisamente* superiori alla
        concorrenza. E per di piu' gratuiti !Beh, chi vince riscrive la storia, si sa', ma la suaunica strategia vincente e' come sempre l'abuso dipotere! Che poi IE sia un prodotto per certi versimigliore di Netscape non discuto!
        La tanta vituperata MS e' riuscita a
        realizzare tutti i miei sogni, e con me i
        sogni di centinaia di migliaia di ragazzi e
        sviluppatori al mondo. Questo non vuol dire
        che noi si abbia le fatte di salame sugli
        occhi o che non ci si incazzi per i
        moltissimi errori di progettazione che la MS
        ci ha fatto subire.Vero, ma centinaia di migliaia di ragazzi e sviluppatorihanno visto i propri sogni realizzati anche da altriconcorrenti (vedi GNU e Linux appunto) e a costicertamente piu' abbordabili (anche dagli squattrinatifigli di operai che non si possono permettere una laureain medicina).
        Per quanto mi riguarda il piatto e' ancora a
        favore di MS. E credo che .Net sara' per il
        web cio' che VB e' stato per la
        programmazione.Bisogna vedere cosa metti sul piatto.Quando io metto liberta' e bonta' tecnicail piatto tracolla dalla parte del free software.Se invece ci metto solo i soldi a volte pende ancoradal lato MS.
        Chi vivra' vedra'

        maxvax

        P.S. : anche io trovo mooooolto schierata PI
        e la sua redazione verso Linux ed il suo
        mondo. La maggior parte degli articoli
        riguardano questa piattaforma, che interessa
        meno del 10% ( e sono generoso) degli utenti
        in Italia. Ma tant'e' : quando mi saro'
        stufato, mi cancellero' dalla ML.Mi piacerebbe sapere dove prendi questa percentuale(potrebbero essere anche meno per carita') maevidentemente Linux fa' parlare di se' piu' diMicrosoft e Windows. I giornalisti vanno dietro allenotizie e al loro pubblico, non possono certo perdersidietro a faziosita', quindi se noti piu' articoli suLinux (io francamente no) vorra' dire che sempre piu'persone ne sono interessate, e a buon motivo osereiaggiungere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!


          Non metto in dubbio che .NET sia una buona
          idea....
          ...copiata.Da cosa? Dove? L'hai letto l'articolo? Sai cos'è .NET? Conosci la differenza tra .Net e C#?

          Ah e cosi' Bill Gates "combatteva" BigBlue
          fornendogli
          il sistema operativo dei suoi pc?
          Un genio 2 volte!
          So che TU non c'eri. Giocavi con Big Jim. Ottimo motivo per non commentare cose che non conosci.Per la mia generazione BillG ha effettivamente rappresentato questo. Per la tua è il nemico. Hai per forza ragione tu oppure possiamo avere la nostra opinione?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!
        Perlomeno questo è un intervento civile!
        Io mi permetto di concordare con Pecos e
        Neural.
        Il mercato decide cosa e' valido e cosa no.Il mercato, purtroppo o perfortuna, è influenzato solo marginalmente dai tecnici del settore.
        Io mi son letto le specifiche e parecchi
        articoli su c# (oltre al manuale) e la
        tecnologia .NET e devo dire che mi sembrano
        ottime idee. Anche Java mi sembra ottimo, ma
        l'ostinazione di SUN lo fara' perire. Probailissimo, anzi, forse è già realtà. Chi parla ancora di Java lo fa su un'onda di una moda già passata (quante Applett Java si trovano ancora sul Web?).
        Bill ha unito ad *normale* abilita' tecnica
        una grinta ed una volonta' nel raggiungere
        la mission che si era proposto. Grazie a lui
        l'informatica e' diventata quel bene di
        massa di cui tutti beneficiamo.Chiamami pessimista, ma l'unica 'mission' che riconosco ha il segno del dollaro davanti.
        La tanta vituperata MS e' riuscita a
        realizzare tutti i miei sogni, e con me i
        sogni di centinaia di migliaia di ragazzi e
        sviluppatori al mondo. Questo non vuol dire
        che noi si abbia le fatte di salame sugli
        occhi o che non ci si incazzi per i
        moltissimi errori di progettazione che la MS
        ci ha fatto subire.Tra il serio e il faceto: per 'sogni di ragazzi' intendi 'sogni di Hackers'? Comunque sono piuttosto d'accordo...
        Per quanto mi riguarda il piatto e' ancora a
        favore di MS. E credo che .Net sara' per il
        web cio' che VB e' stato per la
        programmazione.Io spero che NON sia proprio quello che VB è stato per la programmazione: da programmatore ti posso assicurare che l'architettura di VB rappresenta ciò che di meno efficiente si potesse realizzare! VB ha sicuramente battuto sul tempo Delphi di Borland ma ti assicuro che i due prodotti cambiano dal giorno alla notte!
        P.S. : anche io trovo mooooolto schierata PI
        e la sua redazione verso Linux ed il suo
        mondo. La maggior parte degli articoli
        riguardano questa piattaforma, che interessa
        meno del 10% ( e sono generoso) degli utenti
        in Italia. Ma tant'e' : quando mi saro'
        stufato, mi cancellero' dalla ML.Io vedo il problema in un altro senso: in un'altro commento a questa notizia ho già detto che preferisco un articolo critico ad uno che canta soltanto le lodi. Perchè non si riesce a trovare un articolo critico a Linux che non provenga da qualcuno in Microsoft? Magari che quel giorno aveva sbagliato pusher? E che, tra l'altro, non mi dice nulla di utile?
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!


          Chiamami pessimista, ma l'unica 'mission'
          che riconosco ha il segno del dollaro
          davanti.Come per tutti. Sun per prima. Rad hat per ultima, se vuoi, ma comunque nel gruppo...
          Io spero che NON sia proprio quello che VB è
          stato per la programmazione: da
          programmatore ti posso assicurare che
          l'architettura di VB rappresenta ciò che di
          meno efficiente si potesse realizzare! VB ha
          sicuramente battuto sul tempo Delphi di
          Borland ma ti assicuro che i due prodotti
          cambiano dal giorno alla notte!
          Affermazione che mi lascia un pò perplesso. Cosa intendi per architettura VB? P-code + Run-time? Sistema adottato dalla stragrande maggioranza dei linguaggi di programmazione. Cosa intendi per efficiente? Veloce nell'esecuzione? Parco di risorse? Veloce nello sviluppo? Facile realizzare applicazioni anche di una certa complessità?Comunque senza VB Delphi non sarebbe esistito, e credo che sia questo il senso del commento che tu commenti (scusa il gioco di parole). Il tempo intercorso tra i due è stato qualcosa di più che "battere sul tempo". Parliamo di anni. E ora VB ha ormai raggiunto Delphi un pò su tutto. Spero che tu non pensi che l'Assembly inline sia poi un fondamentale vantaggio tecnoclogico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!

      Inoltre, anche Netscape ha inserito sue
      personalizzazioni agli script, col risultato
      che pagine fatte per Netscape danno un sacco
      di errori se visualizate su IE. Ovviamente
      questa volta però non è colpa di Netscape ma
      di M$ che non si è adeguata agli standard
      NEtscape, eh? Che tristezza...1) Possiamo evitare di 'mettere le parole in bocca alla gente'? Qui nessuno aveva ancora parlato di Netscape.2) Netscape ha fatto, forse, il suo più grande errore nell'implementazione dei layers fuori dallo standard riconosciuto da W3C. E lo sta pagando tutt'ora (e da un certo punto di vista gli sta anche bene!).
      se invece M$ avesse partecipato alle
      riunioni, avreste detto che lo faceva per
      piegare lo standard alle proprie necessità:
      ma non siete mai soddisfatti???Da più parti si è denunciato in passato il controllo indiretto da parte di Microsoft del W3C. SE, e sottolineo SE, questo fosse vero M$ non avrebbe semplicemente avuto la neccessità di presenziare alle riunioni.
      invece tutti gli articoli che PI dedica a
      Linux è solo pura informazione, eh? Giusto,
      giusto, hai sicuramente ragione...Provocatorio: allora perchè continui a leggere? Preferisco un articolo che affronta un argomento con senso critico che uno che si spertica in lodi gratuite. Anni fa le riviste allegavano CD carichi di programmi Freeware/Shareware di dubbia utilità, oggi tutte le riviste prima o poi allegano una distro di Linux. Probabilmente gran parte dei lettori non la installerà mai eppure in questo modo si riempono i CD (avvocato del diavolo) con poco lavoro di ricerca e (avvocato del Pinguino) con ottimi prodotti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!

        1) Possiamo evitare di 'mettere le parole in
        bocca alla gente'? Qui nessuno aveva ancora
        parlato di Netscape.volevo solo sottolineare come, quando si parla di M$, è brutta e cattiva, invece quando gli stessi errori sono compiuti dalla concorrenza, si chiude un occhio e ci si passa sopra perchè, poveretti, loro devono pur combattere contro il gigante cattivo.
        Da più parti si è denunciato in passato il
        controllo indiretto da parte di Microsoft
        del W3C. SE, e sottolineo SE, questo fosse
        vero M$ non avrebbe semplicemente avuto la
        neccessità di presenziare alle riunioni.lo vedi? in un modo o nell'altro, M$ sbaglia sempre.- Fa sentrie la sua voce alle riunioni W3C? E' perchè vuole forzre gli standard dalla sua parte.- Non si fa sentire? E' perchè non gli frega niente degli standard, vuole solo poter dire che li adotta- Non va alle riunioni e poi implementa con successo tali standard ? Evidentemente pilota in gran segreto il W3C...

        invece tutti gli articoli che PI dedica a

        Linux è solo pura informazione, eh?
        Giusto,

        giusto, hai sicuramente ragione...
        Provocatorio: allora perchè continui a
        leggere? continuo a leggere perchè io sono un'amante dell'informatica e della tecnologia, non solo di M$. Riconosco pregi e difetti a M$ come ne riconosco agli altri sistemi, senza demonizzare nessuno. Non condanno nè i produttori ne le tecnologie, ma solo le persone coi paraocchi che pensano che l'informatica sia un grande stadio dove tifare sempre e comunque per la propria squadra.Byez!
        :o
  • Anonimo scrive:
    Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!

    Per come e' stato fatto questo articolo mi
    sembra la
    solita vecchia pubblicita' (neanche tanto
    velata) a Microsoft.Sono perfettamente daccordo con te. Esistono, poi, altri argomenti che mi fanno quantomeno pensare: non è per superficialità o per cocciuta presa di posizione ma per chiari fatti presentatisi più e più volte nel tempo: ogni qualvolta si parla di interscambio dei dati su una piattaforma M$ lo sgomento assale coloro che si devono preoccupare della sicurezza del sistema. Un esempio per tutti: una particolare versione di IE4 permette di aprire in chiaro i files .inc (sono dei files che è possibile includere all'interno delle pagine ASP). Microsoft ha rilasciato una patch che risolve il problema SUL BROWSER IE!! Ma allora cosa deve fare IIS?? Dovrebbe essere lui ad impedire categoricamente che un file con estensione .inc possa venir scaricato in chiaro!! Molti sviluppatori hanno preferito cambiare l'estensione in .ASP eliminando a priori il problema: M$ non ha di fatto risolto un grave problema di sicurezza!Se i sistemisti spesso sono restii ad installare prodotti che non conoscono ora con questo "semplice upload e configurazione di alcuni files" perderanno definitivamente il controllo sulla sicurezza dei propri sistemi. Finalmente (per le comunità pinguinose) potremo dire che il problema delle sicureze non dipende semplicemente dalla preparazione e competenza dei sistemisti indipendentemente dal SO utilizzato. Adesso dipenderà anche dal livello di controllo che gli stessi antipatici sistemisti (non) riusciranno ad avere sui propri sistemi. Fortuna che faccio lo sviluppatore: fossi un sistemista non farei sogni troppo tranquilli...Parliamo del C#. Nella presentazione italiana il Nano di Redmond, come già scritto in un altro articolo di PI, ha posto insistentemente l'accento sul fatto che .NET NON si basa su tecnologie M$ (riferendosi proprio a SOAP e XML), ha sapientemente evitato di accostare a C# un simile discoso. C# NASCE per fare le scarpe a Java (per loro stessa e ben poco velata ammissione). NASCE come tecnologia proprietaria. NASCE il primo linguaggio pienamente controllato da una sola società di produzione. MUORE tutta la portabilità della piattaforma .NET. Ma M$, ovviamente, continuerà a parlare di integrazione, scalabilità, rivoluzione...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!
      Balle. Tutte balle. A peartire dal messaggio originale che accusa M$ di aver aggiunto tag "proprietari" ad HTTP. HTTP?!? Al protocollo?!? Un errore del genere (i tag si aggiungono a HTML...) può essere commesso solo da un principiante, ed i principianti parlano per "sentito dire"... MMMM... CHE ODIO! CHE RABBIA! tacete, intanto studiate e, prima o poi -forse- potrete parlare.C#.a) C# con .NET non c'entra un fiko secco. E' solo uno dei linguaggi supportati dalla VMb) C# è un SIGNOR linguaggio. punto. Risolve _elegantemente_ le rotture di scatole di C++ e Java. Il primo con i suoi deferenziatori quando istanzi una interfaccia di classe anzichè la classe stessa (IO ODIO LA FRECCINA! QUESTE SONO COSE CHE PUO' E DEVE CAPIRE IL COMPILATORE!) e le sue menate nei casi di ereditarietà multipla. Il secondo risolve questo problema impedendo l'ereditarieà di implementazione in questi casi, degradandosi così a proporre la stessa tipologia di inheritance del tanto vituperato Viausl Basic. (ereditarietà d'interfaccia)c) C# è il PRIMO linguaggio OO _PURO_a "colpire" il mercato di massa. Può riuscire dove anchhe Smalltalk ha fallito. Non vi piace? fatti vostri, non usatelo, ma non venitemi a parlare di "linguaggio proprietario". Sun ha ritirato nel 1999 la richiesta di standardizzazione all'ECMA (organismo che definisce gli standard dei linguaggi applicativi coinvolti nel Web). Così può inventarsi il bollino "100% pure Java" e controllare la tecnologia. M$ ha delineato le specifiche del linguaggio e le ha sottomesse all'ECMA: C# diventerà uno standard tanto quanto XML e SOAP. Tra parentesi, il designer del linguaggio è colui che ha "inventato" Delphi, strappato da M$ a Borland/Inprise con il solito assegnone.se volete allungare l'elenco chiedete.Redazione di PI, per favore, io capisco che la libertà d'espressione debba essere garantita e tutelata, ma permettendo a certi signori di esprimere cotanta mediocrità tecnologica rischi di trasformarti da magazine tecnico a "piazza del paese", una sorta di "Novella 2000" del web. senza rancore.- Scritto da: Alessio Cecchin

      Per come e' stato fatto questo articolo mi

      sembra la

      solita vecchia pubblicita' (neanche tanto

      velata) a Microsoft.

      Sono perfettamente daccordo con te.
      Esistono, poi, altri argomenti che mi fanno
      quantomeno pensare: non è per superficialità
      o per cocciuta presa di posizione ma per
      chiari fatti presentatisi più e più volte
      nel tempo: ogni qualvolta si parla di
      interscambio dei dati su una piattaforma M$
      lo sgomento assale coloro che si devono
      preoccupare della sicurezza del sistema. Un
      esempio per tutti: una particolare versione
      di IE4 permette di aprire in chiaro i files
      .inc (sono dei files che è possibile
      includere all'interno delle pagine ASP).
      Microsoft ha rilasciato una patch che
      risolve il problema SUL BROWSER IE!! Ma
      allora cosa deve fare IIS?? Dovrebbe essere
      lui ad impedire categoricamente che un file
      con estensione .inc possa venir scaricato in
      chiaro!! Molti sviluppatori hanno preferito
      cambiare l'estensione in .ASP eliminando a
      priori il problema: M$ non ha di fatto
      risolto un grave problema di sicurezza!

      Se i sistemisti spesso sono restii ad
      installare prodotti che non conoscono ora
      con questo "semplice upload e configurazione
      di alcuni files" perderanno definitivamente
      il controllo sulla sicurezza dei propri
      sistemi. Finalmente (per le comunità
      pinguinose) potremo dire che il problema
      delle sicureze non dipende semplicemente
      dalla preparazione e competenza dei
      sistemisti indipendentemente dal SO
      utilizzato. Adesso dipenderà anche dal
      livello di controllo che gli stessi
      antipatici sistemisti (non) riusciranno ad
      avere sui propri sistemi. Fortuna che faccio
      lo sviluppatore: fossi un sistemista non
      farei sogni troppo tranquilli...

      Parliamo del C#. Nella presentazione
      italiana il Nano di Redmond, come già
      scritto in un altro articolo di PI, ha posto
      insistentemente l'accento sul fatto che .NET
      NON si basa su tecnologie M$ (riferendosi
      proprio a SOAP e XML), ha sapientemente
      evitato di accostare a C# un simile discoso.
      C# NASCE per fare le scarpe a Java (per loro
      stessa e ben poco velata ammissione). NASCE
      come tecnologia proprietaria. NASCE il primo
      linguaggio pienamente controllato da una
      sola società di produzione. MUORE tutta la
      portabilità della piattaforma .NET. Ma M$,
      ovviamente, continuerà a parlare di
      integrazione, scalabilità, rivoluzione...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!
        - Scritto da: pecos
        Balle. Tutte balle. A peartire dal messaggio
        originale che accusa M$ di aver aggiunto tag
        "proprietari" ad HTTP. HTTP?!? Al
        protocollo?!? Un errore del genere (i tag si
        aggiungono a HTML...) può essere commesso
        solo da un principiante, ed i principianti
        parlano per "sentito dire"... MMMM... CHE
        ODIO! CHE RABBIA! tacete, intanto studiate
        e, prima o poi -forse- potrete parlare.Da Professionista del settore (5 anni di onoratacarriera iniziata con tecnologie Microsoft) ammettol'errore, e' chiaro che mi riferivo ad HTML e non adHTTP quando parlavo di TAG, ma e' tanto vero che peresempio l'autenticazione (che passa per http o sbaglio)dei proxy Microsoft e' un'aggiunta e non mi sembrastandardizzata.In ogni caso la liberta' di parola e' garantita dallanostra costituzione, principianti o meno, ma se leidall'alto della sua competenza si e' degnato dirispondere ad un 'principiante' i casi sono 2:o ha tempo da peredere ed e' masochista oppure e'stato colpito dagli interventi e non si sente in unaposizione cosi' sicura e superiore quale vuol farcredere.
        C#.
        a) C# con .NET non c'entra un fiko secco. E'
        solo uno dei linguaggi supportati dalla VMC# c'entra e come, e' l'esempio di come un'aziendapur di dominare il mercato non disdegna di buttarealle ortiche anni di lavoro e di studio di seriprofessionisti che hanno un bagaglio di codice edesperienze.Non critico il cambiamento, ma questo deve avvenireper fondate ragioni, per una superiorita' vera dellinguaggio come fu il C rispetto all'assembly o ilC++ (o Java) rispetto al C.Avere un'altro linguaggio ad oggetti non cambia ilpanorama ma costringe a spendere molti soldi ed energie per niente.
        b) C# è un SIGNOR linguaggio. punto. Risolve
        _elegantemente_ le rotture di scatole di C++
        e Java. Il primo con i suoi deferenziatori
        quando istanzi una interfaccia di classe
        anzichè la classe stessa (IO ODIO LA
        FRECCINA! QUESTE SONO COSE CHE PUO' E DEVE
        CAPIRE IL COMPILATORE!) e le sue menate nei
        casi di ereditarietà multipla. Il secondo
        risolve questo problema impedendo
        l'ereditarieà di implementazione in questi
        casi, degradandosi così a proporre la stessa
        tipologia di inheritance del tanto
        vituperato Viausl Basic. (ereditarietà
        d'interfaccia)A me sembra che non raggiunga il livello diflessibilita' di un C++ e al contempo mini lasicurezza intrinseca di un Java, ma ognuno hale proprie opinioni.
        c) C# è il PRIMO linguaggio OO _PURO_a
        "colpire" il mercato di massa. Può riuscire
        dove anchhe Smalltalk ha fallito. Non vi
        piace? fatti vostri, non usatelo, ma non
        venitemi a parlare di "linguaggio
        proprietario". Sun ha ritirato nel 1999 la
        richiesta di standardizzazione all'ECMA
        (organismo che definisce gli standard dei
        linguaggi applicativi coinvolti nel Web).
        Così può inventarsi il bollino "100% pure
        Java" e controllare la tecnologia. M$ ha
        delineato le specifiche del linguaggio e le
        ha sottomesse all'ECMA: C# diventerà uno
        standard tanto quanto XML e SOAP. Tra
        parentesi, il designer del linguaggio è
        colui che ha "inventato" Delphi, strappato
        da M$ a Borland/Inprise con il solito
        assegnone.Il commento mi pare alcunato partigiano e poco serio.1. Il primo OO puro di massa, mah?2. Ha proposto una standardizzazione? Vedremo comeandra' a finire. L'unico vero standard che finora e'stato mai rispettato tra i linguaggi ad oggetti e'l'ANSI C.3. Java non e' stato standardizzato? E' vero, pero'di fatto esistono implementazioni di case differentied in competizioni, vedremo se sara' possibilie farelo stesso con C#.4. Il fatto che C# sia stato disegnato dai creatori diDelphi non e' necessariamente un pregio.
        se volete allungare l'elenco chiedete.
        Redazione di PI, per favore, io capisco che
        la libertà d'espressione debba essere
        garantita e tutelata, ma permettendo a certi
        signori di esprimere cotanta mediocrità
        tecnologica rischi di trasformarti da
        magazine tecnico a "piazza del paese", una
        sorta di "Novella 2000" del web. senza
        rancore.Signor pecos, la prossima volta che dovro' fare uncommento che discordi dal suo, verro' da lei arichiedere il patentino. Nel frattempo (a partela svista HTTP-
        HTML) le politiche di Microsoft sonosotto gli occhi di tutti e i dubbi mi sembrano a dirpoco legittimi, visto che anche nell'ultimo anno sisono viste "giocate sporche":ad esempio:1. L'uso di Kerberos ma con una piccola modifica che rende impossibile ai server di altre compagnie diessere utilizzati per fornire l'autenticazione.2. Active Directory che non e' altro che un ldap dalquale si puo' migrare ma gurda caso poi non si puo'piu' tornare indietro o usare altro prodotto concorrente.3. Dynamic DNS ovviamente incompatibile con leimplementazioni gia' esistenti.4. IE 5.5 non supporta completamente gli standard delW3C (ed esiste ovviamente solo per Win e Mac).E questo solo per citare alcuni ultimi giochetti dellacara Microsoft.Per cui ripeto, dubito e continuero' a dubitare finche'MS non dimostrera' di rispettare le regole del giocoe non di fare solo propaganda.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!
          scusate il ritardo: ho anche una vita privata... ;-)a) Microsoft proxy server: SBAGLI. L'autenticazione HTTP non c'entra. Ciò che questo software "combina" è sostituire "a caldo" la Winsock.dll con una sua versione customizzata per poter intercettare tutte le richieste. Per giunta obbligando al reset. Pessima pratica, fortunatamente persa dalla nuova versione (ancora in beta). Per il momento, io uso Squid su Linux e mi trovo benissimo e funziona su una fetecchia di hardware senza troppe preteseb) Non sono nè masochista nè ho tempo da perdere. Sono un tecnico e mi piace parlare "da tecnico" e con tecnici (o aspiranti tali). Quindi senza pregiudizi inutili tipo: "IL MIO E' PIU' GROSSO DEL TUO!" E mi arrabbio quando incontro il qualunquismo, chiedo scusa a tutti quanti trovino il mio atteggiamento arrogante poichè non intendo esserlo. Sono solo "innamorato" dell'informatica (quella vera) e la "difendo"c) .NET e C#. M$ non butta nessuna competenza dalla finestra: tutti i suoi attuali linguaggi sono supportati dal Common Language Runtime, ossia la VM di .NET C# è solo un (bel) linguaggio. Tra parentesi, sono già in corso di sviluppo meta-compilatori .NET di terze parti, uno dei quali per il COBOL (!)d) ancora C#. E' flessibile quanto il C++ e non mina assolutamente la sicurezza. Non hai puntatori e non puoi combinare schifezze allucinanti (e quindi hai un approccio Java-like) ma, all'occorrenza, usi la clausola "unsafe" e potrai scrivere le peggiori porcate (come in C e C++)e) standard. Sbagli anche qui: ANSI ha standardizzato il C++, con tanto di supporto ad STL, e quindi alla programmazione generica. mica male. cmq ribadisco che C# è sottoposto all'ECMA e, prima o poi, sarà un linguaggio standard tanto quanto JavaScript/ECMAScript. Attenzione: il linguaggio, non le librerie o il bytecode .NET!seguiamo ora i tuoi punti:1) Kerberos: è vero, M$ ha inserito le sue solite "personalizzazioni". Ad onor del vero, però, bisogna dire che la RFC era imprecisa e M$ si è mossa tra le sue "pieghe". Tant'è vero che, dopo l'uscita di Win2K, essa è stata aggiornata.2) Active Directory. Se conoscessi (bene) Win2K, sapresti che il suo modello di dominio è molto semplice e basato su tecnologie standard. I domini Win2K sono "semplici" domini DNS, i cui "oggetti particolari" (cioè quelli non contemplati dai record DNS, come gli utenti) sono memorizzati in un database (Active Directory, appunto) che espone verso l'alto una interfaccia LDAP. Per giunta, il servizio DNS non deve risiedere per forza su Win2K. Io stesso in ufficio uso una Linux per il DNS3) Dynamic DNS?!? vorrai dire Dynamic Update per il DNS! Il servizio DNS di Win2K "obbedisce" alle RFC, per cui è standard. La funzionalità "Dynamic Update", per altro facoltativa (se vuoi) sotto Active Directory, è solo una comodità, ma puoi vevere senza. (vedi punto 2)4) IE 5.5 Bene: chiariamo una cosa. NESSUN browser di questo pianete (nemmeno Maya) riesce a "stare dietro" al W3C. Però IE è INDISCUTIBILMENTE il miglio browser in circolazione in quanto al supporto di tali standard. Si accettano critiche solo se motivate _tecnicamente_: astenersi perditempo.Ora nanna: domani si lavora... senza rancore- Scritto da: Id

          - Scritto da: pecos

          Balle. Tutte balle. A peartire dal
          messaggio

          originale che accusa M$ di aver aggiunto
          tag

          "proprietari" ad HTTP. HTTP?!? Al

          protocollo?!? Un errore del genere (i tag
          si

          aggiungono a HTML...) può essere commesso

          solo da un principiante, ed i principianti

          parlano per "sentito dire"... MMMM... CHE

          ODIO! CHE RABBIA! tacete, intanto studiate

          e, prima o poi -forse- potrete parlare.

          Da Professionista del settore (5 anni di
          onorata
          carriera iniziata con tecnologie Microsoft)
          ammetto
          l'errore, e' chiaro che mi riferivo ad HTML
          e non ad
          HTTP quando parlavo di TAG, ma e' tanto vero
          che per
          esempio l'autenticazione (che passa per http
          o sbaglio)
          dei proxy Microsoft e' un'aggiunta e non mi
          sembra
          standardizzata.
          In ogni caso la liberta' di parola e'
          garantita dalla
          nostra costituzione, principianti o meno, ma
          se lei
          dall'alto della sua competenza si e' degnato
          di
          rispondere ad un 'principiante' i casi sono
          2:
          o ha tempo da peredere ed e' masochista
          oppure e'
          stato colpito dagli interventi e non si
          sente in una
          posizione cosi' sicura e superiore quale
          vuol far
          credere.


          C#.

          a) C# con .NET non c'entra un fiko secco.
          E'

          solo uno dei linguaggi supportati dalla VM

          C# c'entra e come, e' l'esempio di come
          un'azienda
          pur di dominare il mercato non disdegna di
          buttare
          alle ortiche anni di lavoro e di studio di
          seri
          professionisti che hanno un bagaglio di
          codice ed
          esperienze.
          Non critico il cambiamento, ma questo deve
          avvenire
          per fondate ragioni, per una superiorita'
          vera del
          linguaggio come fu il C rispetto
          all'assembly o il
          C++ (o Java) rispetto al C.
          Avere un'altro linguaggio ad oggetti non
          cambia il
          panorama ma costringe a spendere molti soldi
          ed
          energie per niente.


          b) C# è un SIGNOR linguaggio. punto.
          Risolve

          _elegantemente_ le rotture di scatole di
          C++

          e Java. Il primo con i suoi deferenziatori

          quando istanzi una interfaccia di classe

          anzichè la classe stessa (IO ODIO LA

          FRECCINA! QUESTE SONO COSE CHE PUO' E DEVE

          CAPIRE IL COMPILATORE!) e le sue menate
          nei

          casi di ereditarietà multipla. Il secondo

          risolve questo problema impedendo

          l'ereditarieà di implementazione in questi

          casi, degradandosi così a proporre la
          stessa

          tipologia di inheritance del tanto

          vituperato Viausl Basic. (ereditarietà

          d'interfaccia)

          A me sembra che non raggiunga il livello di
          flessibilita' di un C++ e al contempo mini la
          sicurezza intrinseca di un Java, ma ognuno ha
          le proprie opinioni.


          c) C# è il PRIMO linguaggio OO _PURO_a

          "colpire" il mercato di massa. Può
          riuscire

          dove anchhe Smalltalk ha fallito. Non vi

          piace? fatti vostri, non usatelo, ma non

          venitemi a parlare di "linguaggio

          proprietario". Sun ha ritirato nel 1999 la

          richiesta di standardizzazione all'ECMA

          (organismo che definisce gli standard dei

          linguaggi applicativi coinvolti nel Web).

          Così può inventarsi il bollino "100% pure

          Java" e controllare la tecnologia. M$ ha

          delineato le specifiche del linguaggio e
          le

          ha sottomesse all'ECMA: C# diventerà uno

          standard tanto quanto XML e SOAP. Tra

          parentesi, il designer del linguaggio è

          colui che ha "inventato" Delphi, strappato

          da M$ a Borland/Inprise con il solito

          assegnone.

          Il commento mi pare alcunato pa
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!

      C# NASCE
      come tecnologia proprietaria. NASCE il primo
      linguaggio pienamente controllato da una
      sola società di produzione.C# diventerà un linguaggio standard al pari del C, dopo di che potrà uscire anche Borland C#. Java non è standard, ed è controllato totalmente da SUN. Mi sa che devi rivedere questa tua frase sostituendo "C#" con "Java".
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre la stessa 'cara' vecchia storia!

        C# diventerà un linguaggio standard al pari
        del C, dopo di che potrà uscire anche
        Borland C#. Java non è standard, ed è
        controllato totalmente da SUN. Mi sa che
        devi rivedere questa tua frase sostituendo
        "C#" con "Java".Borland j Builder. Mi spiace: non fila neppure così.Oltretutto IO non ho mai parlato di Java. Che oltre tutto evito anche di installare (sia per WinXX che Linux).Riparliamone quando (e se) uscirà il tuo fantomatico Borland C#.Nella speranza che fallisca l'appiattimento tecnologico.
Chiudi i commenti