Telefonia italiana, poca concorrenza

Lo dice Monaci


Roma – Per chi avesse dei dubbi sul fatto che il mercato della telefonia fissa italiano non è sufficientemente liberalizzato e aperto alla concorrenza, arrivano ora le parole di Vincenzo Monaci, commissario dell’Autorità TLC, per certificare che, invece, è proprio questo lo stato delle cose.

Secondo Monaci nella telefonia fissa c’è “poca concorrenza”, occorre ricorrere a “sanzioni più pesanti” e l’Ultimo miglio è in una situazione ancora peggiore, visto che “i clienti sono al massimo 250mila, praticamente zero vista la quantità di abbonati”.

In una intervista a La Stampa, Monaci spiega che a luglio l’Autorità dovrebbe decidere i prezzi di interconnessione e spera che questo cambierà le carte in tavola.

Sulla Carrier preselection, invece, Monaci ha annunciato che “l’Autorità ha avviato una preistruttoria a carico di Telecom Italia con la possibilità di imporre sanzioni per una supposta mancata applicazione delle regole in questa materia”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti