Telefonia italiana solo via Internet

Unidata ottiene l'autorizzazione ministeriale che equipara i suoi servizi telefonici forniti via broad band a quelli di Telecom, Wind e gli altri big del mercato tradizionale
Unidata ottiene l'autorizzazione ministeriale che equipara i suoi servizi telefonici forniti via broad band a quelli di Telecom, Wind e gli altri big del mercato tradizionale


Roma – La telefonia corre sul broad band e sempre più guarda alla rete per sviluppare nuovi servizi, In questo scenario si è inserita Unidata che ieri ha annunciato di aver ricevuto l’autorizzazione ministeriale che pone i propri servizi telefonici via rete alla stregua di quelli tradizionali dei grandi operatori di TLC.

Unidata consente di telefonare a numeri fissi e mobili sfruttando la banda larga, un’opzione che, pur rivolta al pubblico aziendale e alle reti business, potrebbe interessare anche gli utenti residenziali.

L’uso della rete per telefonare non è certo cosa nuova, visto il grande sviluppo del Voice-over-IP (VoIP) in questi anni, come non sono nuovi i risparmi che consente di mettere in campo. Un listino di base (Iva esclusa) diffuso da Unidata parla di chiamate locali a 0,013 euro al minuto e 0,025 per quelle nazionali. Per chiamare verso cellulari il costo è di 20 centesimi e di 11 cent per telefonare verso Europa occidentale o Nord America. Il tutto senza scatto alla risposta. Secondo UNIDATA, nel complesso il risparmio rispetto agli operatori tradizionali arriva anche al 50 per cento.

La soluzione di UNIDATA si chiama UniVoice e può essere sfruttata da chiunque disponga di accesso a banda larga , per esempio l’ADSL. L’utente può usare lo stesso impianto anche per i servizi voce e video, fruibili con gli apparati telefonici già esistenti oppure tramite nuovi telefoni wireless (Wi-Fi phone), PDA o da PC utilizzando quelli che UNIDATA chiama “soft-phone”, vale a dire la combinazione di microfono e altoparlante agganciato ad un PC che diventa così un “telefono VoIP”. Con l’ausilio di una cam si trasforma il tutto in videotelefonia.

L’utente che utilizzi UniVoice, inoltre, mantiene il proprio numero telefonico dovunque si trovi nel mondo, in ufficio a casa in viaggio: un indirizzo specifico personale indipendentemente dal luogo di accesso. UniVoice consente di stabilire delle conferenze su IP con sedi o utenti remoti.

“Il principale ambito di applicazione del servizio UniVoice – spiega UNIDATA – è la telefonia business, in particolare quella intra-aziendale. L´idea di utilizzare la LAN aziendale come veicolo per la voce consente notevoli risparmi sulle spese telefoniche e spesso un´autonomia di gestione impensabile fino a qualche anno fa”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 06 2004
Link copiato negli appunti