Telefonini, tariffe scese del 90 per cento

Lo sostiene il ministero del Tesoro, secondo cui gli italiani utenti di telefonia mobile oggi spendono molto meno di quanto spendevano sette anni fa. Grazie alla liberalizzazione del mercato


Roma – Si deve alla concorrenza, al regime di liberalizzazione e alle privatizzazioni nel settore telefonico se, oggi, l’utente di telefonia mobile italiano spende meno, molto meno, di quanto spendeva nel 1994.

Questa la tesi sostenuta dal Ministero del Tesoro che, in una relazione sulle tariffe applicate ai servizi per i telefoni cellulari, segnala come nel 1994 si spendevano fino a 1.500 lire per un minuto di conversazione se effettuata durante gli orari di punta, di giorno. La stessa conversazione oggi costa mediamente 150 lire, dunque dieci volte di meno.

“Le privatizzazioni e le liberalizzazioni dei mercati – spiega la nota del Ministero – realizzati negli ultimi anni hanno avuto un effetto straordinariamente positivo sulle possibilità di scelta offerte ai consumatori e dunque, di conseguenza, hanno prodotto maggiore efficienza e risparmio in particolare nella telefonia. Inoltre la liberalizzazione ha per lo più annullato il canone mensile, migliorato la qualità del servizio, potenziato la rete di trasmissione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    PIRATERIA?
    CHE IO SAPPIA, I PIARATI UNA VOLTA NON ERANOMICA POVERI?I PIARATI SONO LORO ....METTIAMOLI ALLA FORCA,AL ROGO, SUL PATIBOLO, ANZI SCHIACCIAMOLI COMEUN CD, IL BUCO NON SARA' DIFFICILE TROVARGLIELO,LI INFILIAMO NEL MASTERIZZATORE E VIA PER UN GIRO NELLO SPAZIO VERSO IL SOLE... LI BRUCIO CON IL40% DI POTENZA LASER
  • Anonimo scrive:
    Siamo alle solite....
    Non si capisce una cosa:SE LA DOMANDA CRESCE I PREZZI CRESCONOSE LA DOMANDA DIMINUISCE I PREZZI CRESCONO...Dov'è l'errore? SalutiMSZ
  • Anonimo scrive:
    CD RW 8 10 X
    La domanda non è pertinente, ma chi ha avvistato nei negozi al pubblico i CD RW compatibili con l'alta velocità? Intendo quelli che supportano velocità di scritura 8, 10 X. E' evidente che la carenza ha a che fare con il prezzo o con la produzione, ma non riesco a capire.Sembra che i suddetti supporti siano destinati a sostituire completamente i floppy, ma dalla disponibilità nei negozi si rimane perplessi.Da mesi li sto cercando senza successo.
    • Anonimo scrive:
      Re: CD RW 8 10 X

      destinati a sostituire completamente i
      floppy, ma dalla disponibilità nei negozi si
      rimane perplessi.
      Da mesi li sto cercando senza successo.Io e' da quando ho il mio plex 12x10 che non riesco a trovarli! Infatti non ne ho MAI trovato uno a Roma, ne ho 1 soltanto, ma gia' non si riscrive piu'!!! L'avro' formattato una 20na di volte! P.S. CDRW marca teac!So che li vende executive S.P.A (quelli plextor)Ciao
  • Anonimo scrive:
    LADRI
    royalty del 40% =?????Che schifo questo mondo.
    • Anonimo scrive:
      Re: LADRI
      - Scritto da: .
      royalty del 40% =?????
      Che schifo questo mondo.Cioè:Se c'è una tariffa fissa... + scende il prezzo di vendita + le royalty incidono in percentuale sul prezzo.Pura questione di proporzioni.Nel 1994 ho registrato il mio primo CD in studio, su multitraccia magnetico.Per riversare il contenuto su un CD ci volevano 200.000£ a copia:150.000 per il CD vergine50.000 per la masterizzazione (il masterizzatore era un attrezzo da 10.000.000 grande come un PC attacato ad un Mac.)Sulle 150.000 probabilente le royalty incidevano percentualmente in modo insignificante.La cosa che fa + schifo è che sono le stesse case che si lamentano della pirateria che hanno inventato le tecniche di masterizzazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: LADRI
      Appoggio in pieno bastardi LADRI :)- Scritto da: .
      royalty del 40% =?????
      Che schifo questo mondo.
  • Anonimo scrive:
    Un CD-R non conviene.
    Solitamente quando c'e` necessita`di trasportare dati o sono cosi`piccoli che con uno / due dischettice la si fa, oppure spendere 1500 lire per normalissimo CDrimane un prezzo piu` che accettabile,tanto piu` che se i dati sono dell'ordine dei30/40Mb e` comunque possibile fare un bel cd multisessione.I CD sono leggibili da tutti i PC,i CD-R no.Potrebbe avere un fondo di verita`l'ipotesi di una sovraproduzione diCD riscrivibili che non incontra i favori del mercato.Anche i business plan dei produttori diCD-R possono essere sbagliati.Cazzi loro.Pino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: Un CD-R non conviene.
      Attento, i CD-R sono i cd scrivibili, quelli che masterizzi anche in multisessione e leggi su tutti i lettori.I CD-RW (riscrivibili) ormai possono essere letti su quasi tutti i lettori oltre i 24X.Ciao!- Scritto da: Pino Silvestre
      Solitamente quando c'e` necessita`
      di trasportare dati o sono cosi`
      piccoli che con uno / due dischetti
      ce la si fa, oppure
      spendere 1500 lire per normalissimo CD
      rimane un prezzo piu` che accettabile,
      tanto piu` che se i dati sono dell'ordine dei
      30/40Mb e` comunque possibile fare un
      bel cd multisessione.

      I CD sono leggibili da tutti i PC,
      i CD-R no.

      Potrebbe avere un fondo di verita`
      l'ipotesi di una sovraproduzione di
      CD riscrivibili che non incontra i favori
      del mercato.
      Anche i business plan dei produttori di
      CD-R possono essere sbagliati.

      Cazzi loro.

      Pino Silvestre
      • Anonimo scrive:
        Re: Un CD-R non conviene.
        - Scritto da: Mizar
        Attento, i CD-R sono i cd scrivibili, quelli
        che masterizzi anche in multisessione e
        leggi su tutti i lettori.
        I CD-RW (riscrivibili) ormai possono essere
        letti su quasi tutti i lettori oltre i 24X.
        Ciao!Bugia.Il mio eccezziunale 36 pere non riesce a leggere i riscrivibili scritti dall'amico prorpio sopra di lui.In oltre credo che il supporto CD-RW sia tra i più instabili ed imprecisi di tutti...NOn mi sono trovato bene...sinceramente avrei preferito un 8x piuttosto ke un 4x-2x...bah!Faggiano ha detto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un CD-R non conviene.
          - Scritto da: Faggiano

          - Scritto da: Mizar

          Attento, i CD-R sono i cd scrivibili,
          quelli

          che masterizzi anche in multisessione e

          leggi su tutti i lettori.

          I CD-RW (riscrivibili) ormai possono
          essere

          letti su quasi tutti i lettori oltre i
          24X.

          Ciao!

          Bugia.Il mio eccezziunale 36 pere non riesce
          a leggere i riscrivibili scritti dall'amico
          prorpio sopra di lui.In oltre credo che il
          supporto CD-RW sia tra i più instabili ed
          imprecisi di tutti...NOn mi sono trovato
          bene...sinceramente avrei preferito un 8x
          piuttosto ke un 4x-2x...bah!
          Faggiano ha detto.Se e' per questo possono insorgere problemi di compatibilita' anche tra i CD-R multisessione e lettori di cd-rom (per la verita' ormai quasi scomparsi) con velocita' inferiore o uguale ad 8x. In pratica succede spesso che se si va a leggere un disco multisessione con certi drive si puo' accedere alla sola ultima sessione e non a tutte.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un CD-R non conviene.
          - Scritto da: Faggiano
          [...]
          Faggiano ha detto.Non so dover abiti tu, ma dalle mie parti "fagiano" ha un significato alquanto negativo... diciamo che è in contrapposizione con "volpe", dove per "volpe" si intende qualcuno di furbo...(nella vita dei boschi la volpe si mangia il fagiano...)Ogni volta che leggo un tuo messaggio non posso fare a meno si sorridere :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Un CD-R non conviene.
      A prescindere dal fatto che, come Mizar ti ha fatto gia' notare, stai facendo confusione fra CD , CD-R e CD-RW, pero' penso che CD-R e CD-RW siano prodotti tutto sommato diversi da utilizzare per scopi diversi.Per immagazzinare dati o musica, ovviamente non soggetta a copyright :-), e' sicuramente meglio usare dei CD-R, piu' economici e sicuri, mentre per backup e per trasportare dati sono meglio i CD-RW, che costano 4 o 5 volte tanto ma possono essere cancellati e riutilizzatri n volte (con n si spera sufficentemente grande).- Scritto da: Pino Silvestre
      Solitamente quando c'e` necessita`
      di trasportare dati o sono cosi`
      piccoli che con uno / due dischetti
      ce la si fa, oppure
      spendere 1500 lire per normalissimo CD
      rimane un prezzo piu` che accettabile,
      tanto piu` che se i dati sono dell'ordine dei
      30/40Mb e` comunque possibile fare un
      bel cd multisessione.

      I CD sono leggibili da tutti i PC,
      i CD-R no.

      Potrebbe avere un fondo di verita`
      l'ipotesi di una sovraproduzione di
      CD riscrivibili che non incontra i favori
      del mercato.
      Anche i business plan dei produttori di
      CD-R possono essere sbagliati.

      Cazzi loro.

      Pino Silvestre
      • Anonimo scrive:
        quante volte?
        - Scritto da: TeX[cut]
        [cut]
        dati sono meglio i CD-RW, che costano 4 o 5
        volte tanto ma possono essere cancellati e
        riutilizzatri n volte (con n si spera
        sufficentemente grande).hey!mi interessa questa cosa ... quanto N?qualcuno lo sa?very-batim?tdkakka?che dicono?ciaoz
        • Anonimo scrive:
          Re: quante volte?
          - Scritto da: Pirlomane


          - Scritto da: TeX
          [cut]

          [cut]
          dati sono meglio i CD-RW, che costano
          4 o 5

          volte tanto ma possono essere cancellati e

          riutilizzatri n volte (con n si spera

          sufficentemente grande).

          hey!
          mi interessa questa cosa ...

          quanto N?

          qualcuno lo sa?Credo che in teoria si possano riscrivere un massimo di 999 volte, mi pare di ricordare d'aver letto cosi' da qualche parte.
          • Anonimo scrive:
            Re: quante volte?
            - Scritto da: ~

            ......................
            Credo che in teoria si possano riscrivere un
            massimo di 999 volte, mi pare di ricordare
            d'aver letto cosi' da qualche parte.Questa mi giunge nuova .....Comunque io mi riferivo al fatto che, come tutto, compresi Bill Gates e la Microsoft, i CD-RW non sono eterni e prima o poi si danneggiano. Io in effetti ne ho 1 che non viene piu' scritto correttamente dopo averlo utilizzato solo 4 o 5 volte :-(Per fortuna, almeno per il momento, e' l'unico.
          • Anonimo scrive:
            Re: quante volte?


            quanto N?



            qualcuno lo sa?

            Credo che in teoria si possano riscrivere un
            massimo di 999 volte, mi pare di ricordare
            d'aver letto cosi' da qualche parte.no, no, e' decisamente piu' basso. Se non erro, in qualcuno dei "libri colorati" (che sono i mallopponi con le specifiche tecniche dei cd, insomma red book, orange book, ecc...), si menzionava uno standard che doveva essere sulle 100 copie.In realta' il processo di "riscrittura" del cd-rw e' decisamente brutale: in genere bisogna ri-formattarlo, e viene tolto uno strato di materiale in questa operazione. Si parla di Micrometri gente, cioe' milionesimi di centimetro :)Ovvio che se il laser non e' tarato piu' che bene, le possibilita' di riscrittura diminuiscono drasticamente!
          • Anonimo scrive:
            Quante volte?
            Ecco quante...per i profani!
            - Scritto da: lord auberon


            quanto N?





            qualcuno lo sa?



            Credo che in teoria si possano riscrivere
            un

            massimo di 999 volte, mi pare di ricordare

            d'aver letto cosi' da qualche parte.

            no, no, e' decisamente piu' basso. Se non
            erro, in qualcuno dei "libri colorati" (che
            sono i mallopponi con le specifiche tecniche
            dei cd, insomma red book, orange book,
            ecc...), si menzionava uno standard che
            doveva essere sulle 100 copie.

            In realta' il processo di "riscrittura" del
            cd-rw e' decisamente brutale: in genere
            bisogna ri-formattarlo, e viene tolto uno
            strato di materiale in questa operazione. Si
            parla di Micrometri gente, cioe' milionesimi
            di centimetro :)
            Ovvio che se il laser non e' tarato piu' che
            bene, le possibilita' di riscrittura
            diminuiscono drasticamente!PER I PROFANIIl CD-RW è scritto con una tecnologia che si chiama Phase Change (a cambiamento di fase) che modifica lo strato interno del supporto da Amorfo in Cristallino. Questa mutazione che avviene ogni volta che si riscrive un una stessa area del disco sviluppa dei microgas interni che fanno degenerare mano a mano lo stato del supporto.Questo fa sì che non si possa riscrivere più di 1000 volte circa.Questa tecnologia non ha nulla a che vedere con quella Magneto Ottica sviluppata da Sony (impiegata nei MiniDisc, negli M.O Fujitsu, Ricoh ed in quelli Sony) che permette di riscrivere il supporto 1.000.000 volte.Saluti a tutti
  • Anonimo scrive:
    TRADUZIONE
    ovverossia: c'e' una sovrapproduzione di CDRi negozi ne sono pieni, i magazzini straripano,i prezzi sono troppo bassi.mettiamo in giro una notizia choc dimodoche' i babbei si precipitino nei negozi a comprare casse di CDR sufficienti da qui a ottobre e la sovrapproduzione viene cancellata.Tutti partono per le vacanze felici e contenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: TRADUZIONE
      - Scritto da: Larry
      ovverossia: c'e' una sovrapproduzione di CDR
      i negozi ne sono pieni, i magazzini
      straripano,
      i prezzi sono troppo bassi.
      mettiamo in giro una notizia choc dimodoche'
      i babbei si precipitino nei negozi a
      comprare casse di CDR sufficienti da qui a
      ottobre e la sovrapproduzione viene
      cancellata.
      Tutti partono per le vacanze felici e
      contenti.SPEREM CHE HAI RAGIONE TU CIAO
    • Anonimo scrive:
      Re: TRADUZIONE
      - Scritto da: Larry
      ovverossia: c'e' una sovrapproduzione di CDR
      [...]Nahaaa...la traduzione esatta è:"finora ci siamo fatti concorrenza abbassando i prezzi e riducendo il margine di guadagno; ora che ci sono così tanti masterizzatori in giro da accontentare tutti, potremmo rifarci decidendo insieme di alzare i costi all'utente, che comunque comprerà ugualmente"ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: TRADUZIONE

        "finora ci siamo fatti concorrenza
        abbassando i prezzi e riducendo il margine
        di guadagno; ora che ci sono così tanti
        masterizzatori in giro da accontentare
        tutti, potremmo rifarci decidendo insieme
        di alzare i costi all'utente, che comunque
        comprerà ugualmente"Tanto io continuerò a comprare quelli che costano di meno.Proprio la settimana scorsa ne ho presi a 900lire con custodia e non ho preso quelli ad 800 perkè erano più fighi(con la custodia fina,per intenderci).Se dovessero aumentare io continuerò a comraprare i meno cari,non ne ho mai bruciato uno e mi trovo benissimo.Alla faccia delle multinazionali coi cd da 3-4000l'uno...TIE'!faggiano ha detto
        • Anonimo scrive:
          Re: TRADUZIONE
          - Scritto da: Faggiano

          Tanto io continuerò a comprare quelli che
          costano di meno.Proprio la settimana scorsa
          ne ho presi a 900lire con custodia e non ho
          preso quelli ad 800 perkè erano più
          fighi(con la custodia fina,per
          intenderci).Se dovessero aumentare io
          continuerò a comraprare i meno cari,non ne
          ho mai bruciato uno e mi trovo
          benissimo.Alla faccia delle multinazionali
          coi cd da 3-4000l'uno...TIE'!
          faggiano ha dettoCerto, non ne avrai mai bruciato uno ma non c'hai neanche capito niente! Pensi che la qualita' del supporto possa pregiudicare il processo di masterizzazione? In italiano (se non dovessi arrivarci): se il ciddi' c'ha le crepe pensi che il masterizzatore se ne accorga mentre lo scrive? O pensi che magari la masterizzazione possa anche essere correttamente completata per poi avere invece dei piu' che ovvi problemi di lettura?Attivare il cervello, grazie.
    • Anonimo scrive:
      allibisco!
      raggiungi impensabili livelli di umorismo involontario!- Scritto da: Larry
      ovverossia: c'e' una sovrapproduzione di CDR
      i negozi ne sono pieni, i magazzini
      straripano,
      i prezzi sono troppo bassi.
      mettiamo in giro una notizia choc dimodoche'
      i babbei si precipitino nei negozi a
      comprare casse di CDR sufficienti da qui a
      ottobre e la sovrapproduzione viene
      cancellata.
      Tutti partono per le vacanze felici e
      contenti.
Chiudi i commenti