Telefonini, tariffe scese del 90 per cento

Lo sostiene il ministero del Tesoro, secondo cui gli italiani utenti di telefonia mobile oggi spendono molto meno di quanto spendevano sette anni fa. Grazie alla liberalizzazione del mercato
Lo sostiene il ministero del Tesoro, secondo cui gli italiani utenti di telefonia mobile oggi spendono molto meno di quanto spendevano sette anni fa. Grazie alla liberalizzazione del mercato


Roma – Si deve alla concorrenza, al regime di liberalizzazione e alle privatizzazioni nel settore telefonico se, oggi, l’utente di telefonia mobile italiano spende meno, molto meno, di quanto spendeva nel 1994.

Questa la tesi sostenuta dal Ministero del Tesoro che, in una relazione sulle tariffe applicate ai servizi per i telefoni cellulari, segnala come nel 1994 si spendevano fino a 1.500 lire per un minuto di conversazione se effettuata durante gli orari di punta, di giorno. La stessa conversazione oggi costa mediamente 150 lire, dunque dieci volte di meno.

“Le privatizzazioni e le liberalizzazioni dei mercati – spiega la nota del Ministero – realizzati negli ultimi anni hanno avuto un effetto straordinariamente positivo sulle possibilità di scelta offerte ai consumatori e dunque, di conseguenza, hanno prodotto maggiore efficienza e risparmio in particolare nella telefonia. Inoltre la liberalizzazione ha per lo più annullato il canone mensile, migliorato la qualità del servizio, potenziato la rete di trasmissione”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 05 2001
Link copiato negli appunti