Telemarketing, a chi il registro?

di F. Sarzana (www.fulviosarzana.it) - Il registro dei soggetti che dicono no alle comunicazioni non sollecitate parrebbe essere stato affidato alla Fondazione Ugo Bordoni. Costituita e partecipata dai colossi delle TLC d'Italia

Roma – Entrerà in vigore il prossimo 17 novembre 2010 il Regolamento che istituisce il registro pubblico delle opposizioni, che accoglierà tutti gli abbonati telefonici che non desiderano essere contattati telefonicamente per fini commerciali o promozionali: gli abbonati potranno chiedere, gratuitamente che il proprio numero telefonico sia iscritto nel registro. Sarebbe stato scelto anche il soggetto che gestirà il registro delle opposizioni al telemarketing previsto dalla recentissima pubblicazione del Decreto del Presidente della Repubblica 178/2010, ampiamente commentato anche su queste colonne.

Secondo notizie di stampa che circolano in queste ore il Ministero dello Sviluppo Economico avrebbe deciso di affidare alla Fondazione Ugo Bordoni la gestione del registro delle opposizioni. Come si ricorderà l’istituzione del Registro è stata demandata dal Regolamento al Ministero dello Sviluppo Economico o ad un soggetto terzo da quest’ultimo individuato.

La Fondazione Bordoni, come da Statuto presente sul sito, è un “Ente Morale senza fine di lucro, riconosciuto dalla legge 16 gennaio 2003, n. 3, come modificata dall’art.31 della legge n. 69 del 18 giugno 2009, come istituzione di alta cultura e ricerca, avente lo scopo di effettuare e sostenere ricerche e studi scientifici e applicativi nelle materie delle comunicazioni elettroniche, dell’informatica, dell’elettronica, dei servizi pubblici a rete, della radio-televisione e dei servizi audiovisivi e multimediali in genere, al fine di promuovere il progresso scientifico e l’innovazione tecnologica”.
La stessa Fondazione è sottoposta alla vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico, retto dal Ministro Romani.

La Fondazione ha diversi organi, alcuni dei quali di assoluto rilievo scientifico, e i criteri di nomina degli organi sociali sembrerebbero garantire in effetti il ruolo di “alta cultura e ricerca” delineato nello Statuto, nonché presentare le caratteristiche di imparzialità ed indipendenza che ne potrebbero consigliare l’affidamento di un ruolo cosi delicato. Se non fosse però che la Fondazione non è un Authority come ad esempio l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni o il Garante per il trattamento dei dati personali, e che all’interno della stessa Fondazione i soci potrebbero essere le stesse società che, al fine di contattare per telefono i consumatori, dovrebbero inviare alla Fondazione gli elenchi degli abbonati al soggetto che detiene il registro, per poi ricevere indietro gli elenchi “depurati” da coloro che non vogliono essere raggiunti dalle telefonate indesiderate. E che soprattutto potrebbero essere le stesse che dovrebbero poi essere sanzionate in caso di inosservanza.

E quali sono le Società Fondatrici della Fondazione Bordoni? Tutti i big della telefonia del Paese.
Basta andare sul sito della Fondazione Bordoni e verificare : il Comitato dei soci fondatori è presieduto da Fastweb ed è composto nell’ordine da: Telecom Italia, Vodafone, 3 Italia, Wind, più Poste Italiane, Ericsson, Telespazio.
Cioè proprio tutti quei soggetti che, in caso di violazione degli obblighi previsti dagli articoli 12 e 13 del regolamento, sarebbero poi soggetti alle sanzioni previste dallo stesso regolamento e dal Codice della Privacy e che di regola, almeno sino ad oggi, sono stati tra i soggetti più interessati allo svolgimento di campagne “massive” di telemarketing.

Spulciando meglio lo Statuto della Fondazione Bordoni ci si accorge che i soci Fondatori sono poi gli stessi che all’interno della Fondazione, secondo quanto previsto dall’art 5, versano contributi periodici, insomma sono coloro che “mettono mano” al portafoglio per il funzionamento della Fondazione.

Insomma, senza scomodare il noto adagio sul controllo dei controllori, sembra proprio che l’istituzione del registro ed il soggetto che lo gestirà dovranno essere attentamente valutati da chi deve decidere in merito.

Fulvio Sarzana di S.Ippolito
www.fulviosarzana.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Garlini Valter scrive:
    Calabrò.... VATTENE !
    L'unico metodo per semplificare è quello di abolire l'Authority: è solo un costo inutile per i cittadini ! Così finalmente il buon Corrado potrà ritirsarsi a fare quello che più gli piace e cioé scrivere poesie erotiche ! Chissà però se dopo "il ritiro" troverà ancora una casa editrice che gliele pubblica !
    • the_m scrive:
      Re: Calabrò.... VATTENE !
      Ogni tanto fanno anche delle cose buone, visto che per ora è l'Agcom che vorrebbe approvare norme meno severe.Oppure quando quest'anno hanno multato più volte TG1, TG4 e TG5 perchè parlavano solo di PDL e nessuno spazio agli altri partiti.Poi è chiaro che star dietro a tutte le XXXXXte della maggioranza è dura (e non è neanche nel loro interesse visti i suoi vari "amici" che silvio ha infilato pure lì)
  • master scrive:
    La verita'...
    Non dovevano includere internet nel pacchetto.. Purtroppo maneggiare uno strumento del genere richiede competenza e lavoro da parte di esperti e non buttare li quattro cose tanto per creare "caciara".Vabbe tra 1 mese ci saremo dimenticati di questa carnevalata.
    • Tux scrive:
      Re: La verita'...
      Io prego che tu abbia ragione e che tra un mese qualcuno si sarà reso conto che ci sono problemi ben più urgenti da risolvere che tritare la mazza al broadcasting di musica e video via web o trasformare gli ISP in delle guardie giurate al servizio delle majors e della siae.
Chiudi i commenti