Termoli, la piazza è wireless

Dall'idea di due giovani avvocati, nasce un servizio che fornisce connettività WiFi gratuita. A partire da una piazza, il progetto coinvolgerà altre aree cittadine

Termoli (CB) – Sono in costante aumento le realtà locali impegnate ad abbattere le barriere tecnologiche che causano il digital divide e che giocano la carta del wireless per offrire servizi di connettività. Una di queste è Termoli, che in piazza Insorti d’Ungheria (detta anche piazzetta della Palma) offre la possibilità di collegarsi gratuitamente a Internet. Basta avere un pc portatile con scheda WiFi.

Nella piazza cittadina è infatti presente la copertura del segnale wireless, offerta gratuitamente dal comune a tutti gli utenti registrati. L’accesso al servizio è subordinato ad un unico “onere”: è infatti necessario recarsi in Municipio a compilare un modulo presso l’ufficio relazioni con il pubblico, muniti di documento di identità. Entro due giorni l’utente riceverà password e indicazioni per l’accesso al servizio.

L’iniziativa è nata da un’idea di Enrico Miele e Michele Vitale, due giovani avvocati che hanno inteso realizzare questa opportunità. Senza scopo di lucro, ma “almeno riusciamo a offrire qualcosa di nuovo per la città, per gli stranieri e i turisti che arrivano a Termoli e anche ai nostri amici olandesi dell’Associazione Amici dell’Italia ( Aadi )” dichiarano i due professionisti al sito termolese Primonumero.it .

È il contributo dell’Aadi, infatti, a rendere esecutivo il progetto che, con il patrocinio del Comune di Termoli, per sei mesi si accollerà i costi fissi di connettività. L’intento dichiarato dei due patron del progetto è l’ampliamento del servizio ad altre aree della città.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • manzetto scrive:
    Sui costi di ricarica
    Gli operatori si lamentano del fatto che è difficile aggiornare i loro data base e altre caz.zate del genere per eliminare il costo ri ricarica dalle ricariche gia stampate? beh ma senza girarici troppo intorno se la ricarica da 50 euro, da diritto a 45 euro reali, non basta farla pagare gia di suo 45 euro? poi se c'è ancora stamapato sopra 50 e invece eroga 45 euro chi se ne frega! tanto l'utente sempre 45 euro l'ha pagata! non è che ci voglia tanto...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 febbraio 2007 06.00-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti