Tesco, un pieno di pubblicità personalizzata

Le pompe di benzina installeranno sistemi di riconoscimento facciale per advertising ritagliato sul singolo cliente
Le pompe di benzina installeranno sistemi di riconoscimento facciale per advertising ritagliato sul singolo cliente

Le 450 pompe di benzina britanniche di Tesco saranno presto scenario di una forma di pubblicità ormai attesa e già ampiamente sperimentata online: l’ advertising personalizzato .


A differenza dello scenario di Internet, dove i dati sensibili e di navigazione abbondano, nel mondo reale vi sono due ordini di problemi: riconoscere che potenziale cliente si ha davanti e veicolare in tempo reale la giusta pubblicità.

Per risolvere questo problema Tesco adotta una soluzione abbastanza semplice, tanto che non parla di una nuova tecnologia: si tratta di un sistema sviluppato da Amscreen che, nello spiegare il servizio offerto, richiama alla memoria alcune immagini di Minority Report.

Essa impiega una soluzione assolutamente semplice, una telecamera ed uno schermo: la prima viene utilizzata per identificare sesso (attraverso per esempio la lunghezza dei capelli) ed età approssimativa del cliente, facendo corrispondere a questi dati una specifica pubblicità ritagliata sul target corrispondente alla popolazione individuata .

Il problema di privacy e dei dati sensibili non sembra sussistere: Tesco assicura che nessun dato o immagine sarà raccolto o registrato dal sistema, che d’altronde non utilizza neanche nessun riconoscimento facciale.

In ogni caso, l’associazione Big Brother ha già protestato sottolineando come nessuno vorrebbe essere scrutato a sua insaputa da ogni telecamera di sicurezza dei negozi in cui entra.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti