TFTP sorge dalle ceneri di SWIFT

Un nuovo accordo per la condivisione dei dati sulle transazioni finanziarie UE-USA allarma e fa discutere. I detrattori dicono che è uguale al vecchio: mette a rischio la privacy dei cittadini del Vecchio Continente

Roma – SWIFT è morto, lunga vita a TFTP. La riedizione dell’accordo tra Unione Europea e Stati Uniti per la condivisione dei dati sulle transazioni finanziarie del Vecchio Continente, già rigettato dal parlamento di Bruxelles lo scorso febbraio dopo il parere negativo espresso da un comitato della UE in merito alle sue potenziali implicazioni sulla privacy nei cittadini europei, torna alla ribalta con un acronimo tutto nuovo ma composto della stessa sostanza .

Basato sull’immane archivio di transazioni finanziarie raccolto dal consorzio Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunications (8000 istituti finanziari in 200 diversi paesi), l’accordo formalmente noto come SWIFT permetteva agli States di infilare occhi, orecchie e naso negli affari economici della UE con lo scopo formale della lotta al terrorismo. Altrettanto dovrà fare Terrorist Finance Tracking Programme (TFTP, appunto), nuova iniziativa del Dipartimento del Tesoro USA che prende il posto del vecchio SWIFT ratificandone i principi in un accordo internazionale alla luce del sole.

Sotto l’egida di TFTP, gli USA avranno come sempre diritto a farsi trasferire “dati in massa” sulle transazioni finanziarie occorse in uno specifico periodo di tempo, e potranno mantenere un loro archivio dei suddetti per cinque anni esattamente come previsto da SWIFT. La differenza tra il vecchio accordo e il nuovo programma, risibile secondo EDRI , è composta per lo più da richiami alla “salvaguardia legale” delle informazioni trattate senza alcun obbligo, da parte statunitense , e all’introduzione di principi giuridici attivi al di qua dell’Atlantico in materia di riservatezza.

Ulteriori critiche provengono dal fronte inglese, dove gli esperti legali denunciano la mancanza di definizioni precise in merito al supposto pericolo “terrorista” che TFTP dovrebbe contribuire grandemente a contrastare, nonché la “deliberata” esclusione del commissario europeo per la protezione dei dati dall’accordo – l’autorizzazione al trasferimento dei dati finanziari sarà compito esclusivo dell’ Europol .

La Commissione europea è attualmente in procinto di inviare TFTP all’attenzione dei Ministri degli Interni dei paesi membri, i quali dovranno adottare l’accordo e infine sottoporlo al voto del parlamento europeo per la ratifica definitiva. E mentre gli USA sono costretti ad affrontare l’ inadeguatezza delle autorità governative nel difendere efficacemente le minacce provenienti dall’esterno, molti parlamentari europei hanno già in passato espresso la loro contrarietà alle modalità di collaborazione USA-UE definite prima in SWIFT e ora in TFTP.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ullala scrive:
    già così
    128 GB sono una quantità più che accettabile allo stato attuale per il 99% dei device mobili. E a questo punto i consumi cominciano a essere verosimilmente ragionevoli.(Se si molla Intel e la ciofeca Atom ovviamente dato che con architettura x86 devi usare clock irragionevoli per avere prestazioni decenti).
  • ExtraT scrive:
    Chip 128 GB!
    4 x 128 = 512 GB; 8 x 128 = 1 TB nello spazio di un francobollo. Forse è la via perchè (se affidabili allo stesso modo) ci sia la reale sostituzione degli HD meccanici - costi permettendo, ma se sono stati sviluppati per i cellulari, non dovrebbero avere costi di affezione... si vedrà, la notizia è decisamente interessante.
    • simply scrive:
      Re: Chip 128 GB!
      - Scritto da: ExtraT
      4 x 128 = 512 GB; 8 x 128 = 1 TB nello spazio di
      un francobollo. Forse è la via perchè (se
      affidabili allo stesso modo) ci sia la reale
      sostituzione degli HD meccanici - costi
      permettendo, ma se sono stati sviluppati per i
      cellulari, non dovrebbero avere costi di
      affezione... si vedrà, la notizia è decisamente
      interessante.ho paura che i costi sarebbero spropositati (mettendo in conto anche i controller e i software necessari a gestire un SSD così massiccio), a fronte dei costi degli HD che sono sempre più competitivi, e che con le nuove testine ad effetto tunnel magnetico si preparano probabilmente a un nuovo salto di qualità, come è stato per le testine magnetoresistive. secondo me prima che i SSD a memoria flash possano sotituire gli HDD per l'archiviazione di massa faranno a tempo ad affermarsi nuove tecnologie di memoria allo stato solido, come le memorie a cambiamento di fase e quelle basate su memristori
  • nome e cogome scrive:
    sempre piu in alto
    mi domando se poi servano davvero tutti questi gb sui cellulari ... credo sempre di piu, che sia tutta una questione di marketing http://ioguadagno.podzone.org/
    • simply scrive:
      Re: sempre piu in alto
      - Scritto da: nome e cogome
      mi domando se poi servano davvero tutti questi gb
      sui cellulari ... credo sempre di piu, che sia
      tutta una questione di marketing






      http://ioguadagno.podzone.org/a parte che non capisco il link all'oro (valore vero vs valore fittizio? ma i beni di consumo non sono mai beni d'investimento)... l'utilità oggettiva di avere memorie più capienti mi pare lapalissiana: ci stanno sopra più cose.un altro discorso è l'utilità soggettiva. se a te non serve non comprerai lo smartphone da 128 giga....
Chiudi i commenti