Ti amo fino all'ultimo bit

Mancano pochi anni e poi le prime unioni carbonio-silicio saranno realtà. Non è fantascienza, è la tecnologia che avanza. Secondo David Levy

Roma – Androidi in grado di comprendere empaticamente il proprio partner in carne e ossa e ricambiare i suoi sentimenti. David Levy , ricercatore olandese che da tempo annuncia l’avvento del sesso tra robot ed esseri umani, torna sull’argomento e rilancia. Non sarà solo il Massachussetts a vedere realizzate le unioni tra “specie” di asimoviana memoria, ma l’intero pianeta dovrà prima o poi fare spazio a questa nuova forma di intimità .

Già autore di un intrigante libro intitolato Love + sex with robots , dalla sua Maastricht Levy torna sull’argomento arricchendo un quadro già di per se molto suggestivo: “Quando i robot provano emozioni, sviluppano una personalità, la consapevolezza di sé – spiega l’accademico – ecco che diventano in grado di manifestare il proprio amore, nello stesso modo in cui un essere umano direbbe ti amo : lo diranno credendoci veramente”.

No, non si tratterà di pallidi surrogati di una emozione umana. No, i robot non saranno soltanto dei sex toy particolarmente in grado di soddisfare i pruriti tipici dei primati evoluti. Si tratterà di autentici individui dotati di corpo, cuore e anima, pressoché indistinguibili sul piano affettivo da un partner umano e pronti a riversare sul prossimo tonnellate d’affetto in cambio dello stesso trattamento.

Gli automi in grado di reagire in maniera adeguata agli stimoli su ipotetiche zone cyber-erogene non sono altro che un semplice esercizio di stile. Si vedranno in circolazione tra pochi anni, cinque o sei al massimo, ma non saranno di certo quelli la vera “incarnazione” del sesso e dell’amore tra uomo e robot. Per costruire un vero e autentico oggetto del desiderio, fisico e cerebrale, dell’uomo comune, occorrerà ben altro che qualche sensore ben posizionato e un sintetizzatore vocale in grado di replicare sensuali gemiti.

Costruire un robot umanoide in grado di sostituirsi al compagno di vita richiederà l’affinarsi di molte caratteristiche dell’ intelligenza artificiale , prima di tutto per quanto attiene alla sfera legata alla conversazione : “In una relazione amorosa ci sono molte cose importanti, e la più importante e complicata di tutte è il dialogo tra i partner” spiega Levy.

Gli scienziati risolveranno presto, molto presto il problema della somiglianza fisica tra androidi e umani. Poi, però, dovranno darsi da fare per tirare fuori emozioni, personalità e soprattutto veri sentimenti consapevoli dai robot e dalle loro AI. E a quel punto l’affetto tra robot e proprietari non sarà più a senso unico : a quel punto le chiacchiere e gli scherzi tra amanti di “materiale” diverso non saranno più soltanto una possibilità, diverranno una certezza.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti