Toccami, sarò la tua interfaccia

Basta afferrarlo, e il dispositivo del MIT può trasformarsi in quasi qualunque cosa. Un telecomando, una fotocamera, un joypad. Il segreto è tutto nei sensori, decine, nascosti sotto la superficie

Roma – All’apparenza sembra una specie di “pezzo di sapone” squadrato come quelli una volta in voga in tutti i bagni dell’italica provincia, ma il super-controller in via di sperimentazione presso il leggendario Massachusetts Institute of Technology di tecnologia ne contiene parecchia, praticamente tutta quanta, almeno per quanto riguarda i controller e i dispositivi di interfaccia con apparati elettronici e aggeggi per l’intrattenimento.

Il “pezzo di sapone” monta un paio di LCD, uno sul davanti e l’altro dietro, implementa un accelerometro a tre assi e 72 diversi sensori su tutta la sua superficie per tracciare la posizione delle dita dell’utilizzatore. Per farlo funzionare basta prenderlo in mano e il pezzo di sapone riconoscerà, dal modo e dall’inclinazione in cui l’utente lo regge e lo posiziona, quale “forma” il suddetto utente vorrebbe far prendere al controller : potrà funzionare da videocamera, da wiimote, da microfono eccetera.

I display LCD servono appunto a visualizzare una rappresentazione grafica del controller particolare adatto alla situazione, e dal MIT assicurano che il prototipo è attualmente in grado di “indovinare” la modalità da attivare nel 95 per cento dei casi . Solo però se il dispositivo è stato accuratamente tarato sulle posture e le prese manuali di ogni singolo utilizzatore: in caso contrario le percentuali di successo scendono al 70.

Anche così, a ogni modo, la ricerca è promettente e gli studiosi si dicono “convinti che il riconoscimento dell’impugnatura potrebbe essere implementato come interfaccia utente utile”. Per arrivare al risultato gli esperti hanno coinvolto tredici diversi utilizzatori, a cui è stato chiesto di tenere in mano il blocco di tecnologia universalista come se fosse (a turno) un telecomando, un PDA, un joypad e via impugnando. L’analisi degli input registrati dai sensori ha infine permesso la sinterizzazione di pattern di riconoscimento adeguati per fornire al dispositivo capacità di autoapprendimento.

Della bontà dell’approccio del MIT è convinto anche Patrick Baudisch, impegnato sulle interfacce utente presso l’ Hasso Plattner Institute in Germania e Microsoft Research negli USA, secondo il quale l’approccio di usare contemporaneamente (diversamente da quanto fatto sino a ora) i sensori tattili e gli accelerometri è una trovata “intelligente”. “La percentuale di successo del 90 per cento mi sembra molto promettente per questo genere di prototipo”, ha concluso.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il mio scrive:
    giochetti finanziari
    ..."AMD potrà focalizzarsi sulla progettazione delle CPU"...Perchè, finora come funzionava? Gli ingegneri che lavoravano alla progettazione dovevano pensare anche alla mensa? E il reparto relazioni pubbliche pensava alle pulizie?Direi che è più che ovvio che i ruoli erano definiti prima quanto lo saranno ora.Onestamente non capisco questi giochetti di scatole cinesi finanziari. Se sono io a produrre i miei chip (considerando il volume prodotto da AMD), dovrò sostenere soltanto i costi "reali", mentre demandando ad altri, oltre a questi costi reali dovrò anche pagare il margine di guadagno di chi produrrà i chip... misteri della finanza!!
  • attonito scrive:
    comandare al 50%
    e' la strada che porta alla rovina.Se ci sono due padroni al 50% e non concordano su una azione da intraprendere, ci si trovera' bloccati.
    • Beppe scrive:
      Re: comandare al 50%
      - Scritto da: attonito
      e' la strada che porta alla rovina.
      Se ci sono due padroni al 50% e non concordano su
      una azione da intraprendere, ci si trovera'
      bloccati.Tranquillo, sarà solo una posizione momentanea, praticamente gli arabi si sono comprati AMD e di conseguenza anche ATI, questo è un passo, poi acquisteranno il resto, in fondo non sono fessi, per una cosa puzzona e facilmente sostituibile con altro, nel mondo l'hanno fatta diventare indispensabile per tutti, con i soldi provienienti dal petrolio si stanno comprando il mondo, in questo modo saranno principi comunque, anche dopo l'esaurimento dello stesso!!!
      • Stein Franken scrive:
        Re: comandare al 50%
        Gli affari sono affari.
      • pabloski scrive:
        Re: comandare al 50%
        è verose teniamo conto che i 2/3 degli USA sono in mano saudita, si capiscono molte ma davvero molte cose di questo pazzo mondonel mondo esistono due sole potenze, i petrodollari e i narcodollari
  • gico scrive:
    Tasferiti gli impianti di Dresda
    ... quindi in Germania portano via e chiudono??
    • gezer scrive:
      Re: Tasferiti gli impianti di Dresda
      Dall'articolo:"Nella nuova società confluiranno circa 3mila dipendenti AMD e gli impianti di Dresda..."
Chiudi i commenti