Toccare, ma non troppo

Ricercatori giapponesi lavorano a una tecnologia di input "virtuale", che non richieda il movimento ma solo l'illusione di esso instillata nell'utente. Per trackpad sempre più piccoli ed ergonomici

Roma – Il movimento con input di interfacce “touch” è solo un’illusione, o per lo meno è quello che credono i ricercatori giapponesi del Kajimoto Laboratory al lavoro su un’innovativa tecnologia di interazione tra uomo e macchina.

I labs della University of Electro-Communications sono gli stessi che si sono inventati il bacio virtuale con tanto di robo-lingua roteate integrata. La stessa virtualità si applica al touchpad senza tocco: quando la punta del dito entra in contatto con la superficie di input, il dispositivo restituisce una stimolazione elettrica che si muove nella direzione opposta alla forza applicata dall’utente .

Per i ricercatori lo stimolo elettrico fornisce la sensazione che il dito stia scorrendo nella stessa direzione della forza applicata dall’utente, generando una vera e propria “illusione di scorrimento” che può essere impiegata per gestire un input touch su un dispositivo digitale.

Le dita non si muovono, ma il “tocco” interagisce con lo schermo o sposta il puntatore nella posizione desiderata dall’utente: i ricercatori dicono che una simile tecnologia potrebbe generare interfacce di input “più veloci”, un requisito sempre più importate per gli schermi multi-touch e non solo, oppure compattare in modo drastico le attuali interfacce del tipo trackpad.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fab scrive:
    giornalisti e blogger
    "Per diffondere e far montare il caso, a questo punto, Facebook avrebbe coinvolto la società di PR che ha provveduto a contattare diversi giornalisti e blogger. Che però hanno trovato nelle accuse una serie di fatti in gran parte non verificabili."Chissà se, posti di fronte a un caso analogo, i giornalisti italiani avrebbero tenuto lo stesso comportamento...
  • Viva Adblock scrive:
    Certo che Zuccaberga lo sa
    Che domande, lo sa benissimo, solo che si circonda di idioti che nemmeno il signor B. ne trova di simili quando fa campagna acquisti tra gli agopunturisti.
  • hp sucks scrive:
    ma i dati sono miei o no?
    che poi .... metti che ora son su facebook e li hanno tutti i miei dati, magari sono anche su twitter e ai tempi ero su live , yahoo (anche answer!! ;) ) ... myspace e compagnia cantante! ora voglio provare googlebook o come si chiama, i dati sono sempre i miei!ho dato il consenso a facebook e per propormi gli inviti di farmville ... a microsoft e a tanti altri per avere la casella di posta hotmail piena di utilissime mail in cui mi vogliono allungare il pene .. darmi una bella percentuale della loro eredità di qualche parente lontano .. pagare i miei debiti .. e farmi laureare online .. ma rimangono i miei dati! rimango sempre io!googlebook vuole suggerirmi come amicizie i miei gli amici di facebook? e magari me li trovo già inseriti sul cellulare android? se a me va bene che vuole zuck??? ci son 3000 siti e pagine che sfruttando le api di facebook fanno altrettanto!quale dovrebbe essere la differenza se è big g?
    • krane scrive:
      Re: ma i dati sono miei o no?
      - Scritto da: hp sucks
      che poi .... metti che ora son su facebook e li
      hanno tutti i miei dati, magari sono anche su
      twitter e ai tempi ero su live , yahoo (anche
      answer!! ;) ) ... myspace e compagnia cantante!
      ora voglio provare googlebook o come si chiama, i
      dati sono sempre i miei!Non sono piu' tuoi: hai dato il consenso perche' ne facciano quello che vongliono.
      ho dato il consenso a facebook e per propormi
      gli inviti di farmville ... a microsoft e a tanti
      altri per avere la casella di posta hotmail
      piena di utilissime mail in cui mi vogliono
      allungare il pene .. darmi una bella percentuale
      della loro eredità di qualche parente lontano ..
      pagare i miei debiti .. e farmi laureare online
      .. ma rimangono i miei dati! rimango sempre
      io!Nooo, hai letto quando clickavi "accetto" ? Ti sei venduto tutto in cambio della bella roba che hai voluto in cambio e che hai scritto sopra.
      googlebook vuole suggerirmi come amicizie i miei
      gli amici di facebook? e magari me li trovo già
      inseriti sul cellulare android? se a me va bene
      che vuole zuck??? ci son 3000 siti e pagine che
      sfruttando le api di facebook fanno
      altrettanto!
      quale dovrebbe essere la differenza se è big g?Infatti: il problema e' solo leggere quello che si firma.
  • zeus scrive:
    riassumendo
    è il bue che da del cornuto all'asino....
    • sentinel scrive:
      Re: riassumendo
      - Scritto da: zeus
      è il bue che da del cornuto all'asino....Solo che il bue ha ingurgitato nella sua panciamilioni di utenti e non li vuole cedere a nessuno...
Chiudi i commenti