Toglieteci dal GPS, grazie

Giganti della strada che fanno fuori specchietti delle auto parcheggiate. O che si incastrano in una strada troppo stretta. Una piccola città inglese non ne può più

Roma – Percorrere una strada sterrata senza la minima idea di dove si stia andando. Oppure deviare per accorciare, trovandosi improvvisamente in una strada di montagna, buia e piena di tornanti, mentre fuori si addensa la nebbia. Una esperienza che può accadere a chi fa affidamento sui navigatori GPS per orientarsi in un posto nuovo: un’abitudine sempre più comune, visto il diffondersi di questo tipo di soluzioni, ma che può causare qualche problema alla campagna britannica.

“Chiediamo di essere tolti dalle mappe, punto e basta” protesta Geoff Coombs, sindaco di Barrow Gurney: un paesino che ogni giorno vede il passaggio di 15mila veicoli , molti dei quali grossi TIR, perché giudicato dal navigatore satellitare come un ottimo itinerario alternativo per l’aeroporto di Bristol. Ma le anguste strade del suo paese, come quelle di molti altri, non sono adatte a far passare giganti da decine di tonnellate: specchietti divelti, danni alle auto e persino alle case sono ormai all’ordine del giorno.

Un problema apparentemente senza soluzione : i navigatori attuali si basano sulle informazioni stradali ottenute dalle mappe, e queste ultime non sempre distinguono tra una strada larga un metro e una larga il triplo.

Per ora, i cittadini di Barrow Gurney provano ad arrangiarsi con dei cartelli che suggeriscono di ignorare il GPS : un’alternativa impraticabile per gli autisti che vengono da oltremanica, che seguendo ciecamente le indicazioni del navigatore finiscono prima o poi per incastrarsi da qualche parte. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Banana Joe scrive:
    Numero downloads
    Tra l'altro chi usa distribuzioni di linux raramente si avventura sui siti per aggiornare o installare software, visto che fa tutto il buon pc e che si scarica dagli archivi della distribuzione. Quindi questi numeri non sono significativi per la fascia linara. D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice e poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le acrobazie che occorrono per una mera ricerca con regular expression su excel la questione di quale mi vada meglio non si pone neanche.
    • ubuntutente scrive:
      Re: Numero downloads
      Guarda, la semplicità e facilità di Linux nel risolvere tutti gli aggiornamenti del sistema è impressionante! Dubito che gli utenti Windows possano capire. Tutto si aggiorna in automatico, in modo impeccabile. Soprattutto, poter installare software senza scaricare un eseguibile, ma aprendo un "gestore" come Synaptic (che provvede da solo a installare e scaricare, dopo che gli diamo l'ok) è fantastico, niente a che vedere rispetto al mondo win!
      • Petengy scrive:
        Re: Numero downloads
        oltretutto quanda si parla di cifre (vedi ad esmpio le 20.000 installazioni linuz alla peugeot) cosi schiaccianti i sostenitori a lotranza di winzozz non si fanno vedere ehe he eeparla un ex winzozziano
    • Beccamorto scrive:
      Re: Numero downloads
      - Scritto da: Banana Joe
      Tra l'altro chi usa distribuzioni di linux
      raramente si avventura sui siti per aggiornare o
      installare software, visto che fa tutto il buon
      pc e che si scarica dagli archivi della
      distribuzione. Quindi questi numeri non sono
      significativi per la fascia linara.


      D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice e
      poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le
      acrobazie che occorrono per una mera ricerca con
      regular expression su excel la questione di quale
      mi vada meglio non si pone
      neanche.E poi non contiamo la miriade di CD e DVD delle riviste che ormai periodicamente contengono OOo, chissà quanti lettori lo proveranno, prima o poi.E chissà quanti assemblatori ormai useranno OOo, Gimp, etc per cavarsi d'impaccio legalmente invece di piratare quando gli arriva il solito cliente che vuole un sacco di SW gratis sul PC.
      • battagliacom scrive:
        Re: Numero downloads
        già ormai molte persone sono arrivate quasi alla convinzione che il crack sia diventata una cosa normale...
    • reXistenZ scrive:
      Re: Numero downloads

      D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice e
      poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le
      acrobazie che occorrono per una mera ricerca con
      regular expression su excel la questione di quale
      mi vada meglio non si pone
      neanche.Cioè? Puoi fare un esempio concreto di ciò che fai con OO e non puoi fare con Excel?
      • Colla scrive:
        Re: Numero downloads
        - Scritto da: reXistenZ

        D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice
        e

        poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le

        acrobazie che occorrono per una mera ricerca con

        regular expression su excel la questione di
        quale

        mi vada meglio non si pone

        neanche.

        Cioè? Puoi fare un esempio concreto di ciò che
        fai con OO e non puoi fare con
        Excel?Prendere il CD e lanciarlo dalla finestra sapendo che non sto lanciando centinaia di euri (rotfl)
Chiudi i commenti