TOP500, il super-supercomputer è ancora cinese

La nuova classifica aggiornata dei sistemi HPC più performanti al mondo incorona il solito Tianhe-2 come re delle prestazioni assolute, mentre gli americani si prendono la rivincita sul numero totale dei sistemi in classifica

Roma – La nuova classifica TOP500 dei supercomputer più potenti in circolazione contiene ben poche novità rispetto al recente passato, a cominciare da un vertice monopolizzato da anni dal super-sistema cinese Tianhe-2 . Gli americani fanno però meglio sulla quantità, in attesa di varare i nuovi apparati pensati per sbaragliare la concorrenza asiatica nel corso dei prossimi anni.

Tianhe-2 (MilkyWay-2) è quindi ancora una volta il supercomputer più potente al mondo con i benchmark che hanno registrato performance da 33.862,7 TeraFLOP/S, seguito poi dai due sistemi statunitensi Titan di Cray (17.590 TFLOP/S) e Sequoia (BlueGene/Q) di IBM con 17.173 TFLOP/S.

Tra le (poche) novità della TOP500 di giugno 2015 c’è Shaheen II , un sistema Cray (XC40) in uso presso la King Abdullah University of Science and Technology (KAUST) in Arabia Saudita che ha fatto registrare performance per 5.537 TeraFLOP/S ed è riuscito a entrare nei primi 10 supercomputer della TOP500.

Per quanto riguarda i paesi con il maggior numero di sistemi HPC in classifica, invece, gli USA detengono 233 posizioni su 500 (erano 231 sei mesi fa) e l’Europa arriva a 141 (da 130); crescita anche per i supercomputer giapponesi (39 contro 32), mentre quelli cinesi si dimezzano e arrivano a 37 rispetto ai 61 dello scorso novembre.

Sul fronte dei marchi di processori impiegati per assemblare i supercomputer della TOP500, infine, Intel continua a detenere la schiacciante maggioranza con un 86 per cento di sistemi seguita da IBM (8 per cento) e dal solito fanalino di coda di AMD (4,4 per cento).

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • hop cavallo scrive:
    che tristezza
    invece di deportarli in siberia o impiccarli sull'albero più alto, dicono che "non ci sono prove"!23244vado a piangere sul letto :'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(
  • bubba scrive:
    son sicuro che
    se MPAA e i suoi gabellieri sparsi per il mondo facessero i conti, vedrebbero che per questo caso, dal 2006 ad oggi, hanno sperperato molto di piu' in avvocati e in lobbying, di quanto e' stato richiesto in risarcimenti (che peraltro non arriveranno :P). tra mamma Jammie e questo caso, non so quale sia andato meglio :P
Chiudi i commenti