TOR si dà alla messaggistica

La rete a cipolla annuncia l'avvio di un nuovo progetto per l'instant messaging sicuro, alla base del quale ci sarà un client open source opportunamente modificato. Contro i regimi e i dittatori
La rete a cipolla annuncia l'avvio di un nuovo progetto per l'instant messaging sicuro, alla base del quale ci sarà un client open source opportunamente modificato. Contro i regimi e i dittatori

Il progetto TOR si arricchirà presto di un nuovo strumento per difendere la riservatezza delle comunicazioni in rete, vale a dire un sistema di instant messaging protetto dallo stesso network di proxy e nodi intermedi che garantisce la navigazione anonima agli utenti del browser TOR.

Dopo il Web, il collettivo di sviluppatori della rete a cipolla vuole dunque dedicarsi alla protezione delle comunicazioni istantanee garantendo agli utenti che ne avessero la necessità – soprattutto nei regimi dittatoriali o comunque poco amanti della libertà di espressione e di comunicazione – la disponibilità di un tool sofisticato e adatto allo scopo.

Come TOR fa uso di un browser open source per il suo client (Firefox), così il nuovo software IM sarà basato sul programma Instabird : gli sviluppatori annunciano di aver scelto Instabird da un ventaglio di tre possibilità (Pidgin/libpurple, xmpp-client e appunto Instabird), per via della sua UI “pulita”, di un buon supporto ai protocolli e una implementazione JS “pura”.

Per quanto riguarda la mancanza del supporto a OTR – una delle critiche rivolte a Instabird – ci penseranno i responsabili di TOR ad aggiungerlo. Le prime build del nuovo “Tor Instant Messaging Bundle” arriveranno presto – ma senza cifratura dei messaggi, la qual cosa resta comunque una delle priorità per lo sviluppo del progetto.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 03 2014
Link copiato negli appunti