Torino approda sul cellulare del Comune

Parte un'altra iniziativa Comune in Tasca: gli utenti possono ricevere tramite SMS informazioni su Torino


Torino – La situazione del traffico, gli ingorghi, l’orario previsto per il lavaggio delle strade, la ricorrenza delle domeniche ecologiche e degli eventi culturali, i comunicati stampa emanati dal Comune: queste e altre informazioni di pubblica utilità potranno adesso essere ricevute dai torinesi sul cellulare, in forma di SMS.

L’iniziativa si chiama Comune in Tasca ed è promossa dallo stesso comune di Torino in accordo con Omnitel Vodafone , per favorire un miglior rapporto tra istituzioni e cittadino; la strumento di mediazione tra le parti è proprio il cellulare. Bisogna iscriversi sul sito del Comune di Torino (da poco raggiungibile anche attraverso il WAP), compilando un apposito form per poi ricevere, tramite SMS, alcune informazioni riguardo la propria città.

Il servizio è gratuito ed è attivabile su qualunque tipo di cellulare e funziona con tutti i gestori di telefonia mobile. L’iniziativa Comune in Tasca comprende anche la pubblicazione su cellulare di una guida al palazzo Madama, distribuita in occasione della recente riapertura al pubblico dell’edificio. Quest’ultimo servizio sarà gratuito per tutti gli utenti Omnitel fino a dicembre.

Non è la prima volta che il cellulare è considerato dalle istituzioni una tecnologia così popolare da essere utilizzata per favorire una migliore interazione con i cittadini. Il progetto Comune in Tasca di Omnitel consiste infatti in un pacchetto di diversi tipi di servizi attivati in accordo con le amministrazioni locali: in passato Punto Informatico si è già occupato, per esempio, dell’ iniziativa per consentire l’effettuazione dell’autocertificazione via WAP.

La prima iniziativa del progetto Comune in Tasca è partita nella provincia di Ivrea.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Quando il gestore cambia le carte in tavola...
    1) Aumento delle tariffe internazionali imposte a tutti gli utenti.2) Introduzione dei costi di ricarica sulle nuove prepagate da 25.000 lire. Ma dove sono finite le promesse "senza costi aggiuntivi" di Wind?
  • Anonimo scrive:
    Dateci la ricarica da 10000 lire...
    Cara Wind, ci sono molti utenti, me compreso, che spendono pochissimo in ricariche..segui il buon esempio di TIN e offri la miniricarica da diecimila lire, grazie.
  • Anonimo scrive:
    Con Wind si deve sempre anticipare................
    Con Wind si deve sempre anticiparee poi ...........Dio ci pensa....!Ciao a tutti
  • Anonimo scrive:
    Veramente è già da un po'...
    che il piatto delle tariffe piange...Anche PienoWind alla fine si rivela un ritorno quasi più per Wind che per il cliente, portandolo ad attivare quasi sempre una free (tariffa che, ricordo, ha una "quota di mantenimento", leggi sovrapprezzo di ricarica).E per contro la qualità del servizio non va proprio di pari passo, anzi... Cioè, dico: il servizio aumenta di costo, ma aumenta anche di qualità, no?no.Saluti, un futuro ex-cliente ex-soddisfatto Wind...
Chiudi i commenti