Toshiba e NEC piombano sui 32 nanometri

L'alleanza dei due produttori giapponesi dà nuovi frutti: lavoreranno insieme allo sviluppo di tecnologie per la produzione di chip a 32 nanometri. Il nemico da battere? La cordata IBM

Tokyo – I costi di ricerca e sviluppo per le tecnologie di produzione dei chip hanno ormai raggiunto cifre vertiginose, e per tale ragione quasi tutti i protagonisti del settore hanno stipulato alleanze con altre aziende. Una di queste lega due fra i maggiori colossi dell’elettronica giapponese, Toshiba e NEC , che dopo aver lavorato allo sviluppo di circuiti a 45 nanometri sono ora pronti a collaborare sui 32 nm.

Estendendo un accordo già in essere, le due partner lavoreranno insieme allo sviluppo di tecnologie di fabbricazione che possano permetterle, entro la fine del decennio, di produrre chip con circuiti integrati della dimensione di 32 nm.

Sophie Yamamoto, portavoce di NEC, ha spiegato che la tecnologia di processo a 45 nm in cui sono impegnate entrambe le aziende è quasi pronta, e dovrebbe essere utilizzata sui primi chip commerciali a partire dal 2008.

Come noto, Intel è stata la prima, poche settimane fa, a lanciare sul mercato processori basati su circuiti a 45 nm: la sua più diretta rivale, AMD , prevede di fare altrettanto a partire dalla metà del prossimo anno.

Allo sviluppo dei 45 nm di Toshiba e NEC ha partecipato anche Sony , che però non prenderà parte ai lavori sui 32 nm: una decisione che la mamma di PlayStation ha giustificato con la volontà di tagliare i costi.

Una delle più grandi alleanze per lo sviluppo di tecnologie a 32 nm è stata annunciata lo scorso maggio da IBM , e vede attualmente la partecipazione di Samsung, Infineon, Freescale, AMD, STMicroelectronics e altri produttori. L’obiettivo dell’alleanza è di completare lo sviluppo della tecnologia entro il 2010, dopodiché iniziare subito a lavorare sullo step successivo: i 22 nm.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Il Castiglio scrive:
    Ottimo !
    Se ogni volta che esce un nuovo modello dimezza il prezzo rispetto al precedente, presto diverrà accessibile a tutti ...ora manca anche un deciso calo nel prezzo dei supporti, che si avrà ovviamento solo con l'aumento dei volumi di vendita.Credo aspetterò ancora un paio d'anni ...
  • The Raptus scrive:
    HD DVD?
    per ora ho letto già di un paio di di questi "ibridi", ma tutti leggono di tutto ma scrivono SOLO BLU.C'è qualcosa che scrive SOLO HD-DVD e legge di tutto?Perchè anche questo punto di vista può essere determinante nella lotta ai formati!
Chiudi i commenti