Toshiba infila 20GB in 1,8 pollici

Il colosso giapponese quadruplica la capacità del suo attuale mini-HD e apre la strada a player e altri dispositivi portatili verso capacità di archiviazione da PC desktop


Tokyo (Giappone) – La linea di piccoli hard disk di Toshiba tocca nuovi livelli e dai 5 GB del modello introdotto la scorsa primavera l’azienda rilancia ora due tagli da 10 GB e 20 GB, i più capienti fra gli hard disk da 1,8 pollici (circa 4,5 cm).

Gli hard disk di questo taglio possono rappresentare una grossa opportunità per i produttori di player MP3, attualmente – tranne poche eccezioni – focalizzati sui più economici, ma anche ingombranti, dischi da 2,5 pollici. Fra le eccezioni c’è Apple, che per il suo iPod ha scelto proprio un mini-HD di Toshiba da 5 GB.

Toshiba sostiene che la sua linea di HD da 1,8 pollici permetterà presto di dimezzare ulteriormente le dimensioni dei player MP3 dotati di hard disk e permetterà ai produttori di integrare in questi gingilli capacità di archiviazione simili a quelle che oggi caratterizzano i PC desktop entry level.

Ma i player portatili di musica sono solo uno dei campi applicativi di questi piccoli hard disk. Con la crescita del mercato mobile, e il ruolo sempre più predominante rivestito dai dispositivi hand held, Toshiba spera di ritagliarsi una fetta di questo mercato progettando, insieme ai produttori, nuovi device che possano archiviare, in dimensioni poco maggiori di quelle di un PDA, migliaia di file multimediali come MP3, video, immagini ecc.

Il prezzo di questi mini-HD è però ancora piuttosto elevato e sfiora i 1000$ per la versione da 10 GB.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Neanche una parola su BeOS! :-)
    Il nuovo OS di Palm sfrutta le tecnologie che Palm ha comprato da Be?E il nuovo OS di Palm, ma per PC uscirà? E quando uscirà?
    • Anonimo scrive:
      Re: Neanche una parola su BeOS! :-)
      No, non sfrutta ancora nulla di BeOS, anche perché altrimenti sarebbe un po' più votato alla multimedialità di quello che, a quanto pare, non sia ;-)Di BeOS non si praticamente nulla: credo che il porting per PC, se dovesse uscire, sarà affidato nelle mani di volontari. - Scritto da: farlocco
      Il nuovo OS di Palm sfrutta le tecnologie
      che Palm ha comprato da Be?
      E il nuovo OS di Palm, ma per PC uscirà? E
      quando uscirà?
      • Anonimo scrive:
        Re: Neanche una parola su BeOS! :-)
        se vi interessa il BeOS vi consiglio di visitare www.openbeos.com ; è un progetto sotto licenza MIT ke intende rilasciare un nuovo OS partendo dalle ceneri del defunto BeOS
    • Anonimo scrive:
      Re: Neanche una parola su BeOS! :-)
      Credo sia un po' troppo presto per integrare l'ormai ex-BeOS nel nuovo sistema, praticamente stanno ancora traslocando...Temo purtroppo che il BeOS per PC sia ormai morto; nella lettera inviata a BeUnited, hanno affermato che non hanno interesse nel mercato desktop e non hanno intenzione di consegnarlo a terzi per lo sviluppo.Mi sa che e' la fine... non credo che OpenBeOS e BlueOS andranno mai molto lontano... a meno che, naturalmente, OpenBeOS non venga adottato dalla comunita' open source come il nuovo Linux per desktop...
      • Anonimo scrive:
        Re: Neanche una parola su BeOS! :-)
        Io credo il contrario!
        Credo sia un po' troppo presto per integrare l'ormai ex-BeOS nel nuovo sistema, praticamente stanno ancora traslocando...Io credo che sia molto più difficile nello stesso tempo creare un nuovo sistema operativo; inoltre che senso avrebbe l'acquisto della proprietà intellettuale oppure l'assunzione degli ex Ing. di Be Inc.? Temo nessuno.
        Temo purtroppo che il BeOS per PC sia ormai morto; nella lettera inviata a BeUnited, hanno affermato che non hanno interesse nel mercato desktop e non hanno intenzione di consegnarlo a terzi per lo sviluppo.Il nome BeOS è sicuramente morto! E' molto meglio poter affermare tra sei mesi che si ha un nuovo prodotto piuttosto che uno riadattato.
        Mi sa che e' la fine... non credo che OpenBeOS e BlueOS andranno mai molto lontano... a meno che, naturalmente, OpenBeOS non venga adottato dalla comunita' open source come il nuovo Linux per desktop...Su questo non riesco a darti torto; per affermare un prodotto come un sistema operativo devi anche avere qualche programma da utilizzare.
Chiudi i commenti