Toshiba mette 80 giga in 1,8 pollici

Il produttore giapponese presenterà un nuovo hard disk da 1,8 pollici con una capacità di 80 GB, considerata la più elevata del settore. Il disco implementa una nuova tecnologia di registrazione
Il produttore giapponese presenterà un nuovo hard disk da 1,8 pollici con una capacità di 80 GB, considerata la più elevata del settore. Il disco implementa una nuova tecnologia di registrazione

Tokyo (Giappone) – Buone notizie per i fan dei dispositivi palmari. Con l’anno nuovo Toshiba è infatti pronta a lanciare due nuovi hard disk da 1,8 pollici che, a suo dire, contribuiranno a spingere la capacità dei device mobili e ridurne le dimensioni.

Uno dei due nuovi cuccioli di hard disk avrà una capacità di 80 GB, considerata un record per il formato da 1,8 pollici, uno spessore di 0,8 cm e un peso di 62 grammi. Il fratellino avrà invece una capacità di 40 GB, ma potrà vantare un minor spessore, pari a 0,5 cm, e un minor peso, pari a 51 grammi.

I dischi da 1,8 pollici di Toshiba equipaggiano diversi tipi di dispositivi portatili e palmari e, tra questi, i popolarissimi player multimediali di Apple: è dunque probabile che i nuovi hard disk dagli occhi a mandorla diverranno il cuore dei prossimi modelli di iPod e iPhoto, e chissà, magari consentiranno ad Apple di ridurre ulteriormente lo spessore del proprio player audio.

Un disco da 1,8 pollici di Toshiba Entrambi i drive hanno in comune una velocità di rotazione dei piattelli di 4.200 RPM, un tempo medio di accesso di 15 ms, un’interfaccia Ultra DMA/100 e una resistenza a shock di 500G se operativi e di 1.500G se a riposo. Ma ciò che più distingue questi due nuovi modelli dai loro predecessori e, secondo Toshiba, da tutti i prodotti concorrenti, è la tecnologia “perpendicular magnetic recording” (PMR).

Il concetto che sta dietro alla tecnica di registrazione “perpendicolare”, ossia quello di ordinare le cariche magnetiche in senso verticale (perpendicolare al piatto) invece che orizzontale, è vecchio di almeno due decenni, ma fino ad oggi la sua diffusione è stata ostacolata da elevati costi d’implementazione. Oggi quasi tutti i maggiori produttori di hard disk guardano con molto interesse a tale tecnologia: permette infatti, grazie al particolare orientamento delle cariche, di superare i limiti legati alla tradizionale registrazione longitudinale ed incrementare sensibilmente la densità di memorizzazione. Tale densità, nei nuovi dischi di Toshiba, è di 206 megabit per millimetro quadrato: la più elevata del settore, sostiene l’azienda.

Il produttore giapponese ha intenzione di applicare la nuova tecnologia anche al disco da 0,85 pollici annunciato all’inizio dell’anno: una mossa che gli consentirà di spingere la capacità di ogni piattello fino ad 8 GB.

La produzione in volumi dei nuovi drive da 1,8 pollici verrà avviata nel primo trimestre del 2005 per il modello da 40 GB (MK4007GAL) e nel secondo trimestre dello stesso anno per il modello da 80 GB (MK8007GAH).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 12 2004
Link copiato negli appunti