Toshiba si dà al download musicale

Tra i massimi produttori di elettronica di consumo, Toshiba deve aver colto le opportunità di business che può offrire la distribuzione online di musica. Tanto da lanciare, proprio oggi, il suo centro di scaricamento permanente

Tokyo (Giappone) – La carne al fuoco è tantissima nel settore della distribuzione musicale online e Toshiba ha deciso di metterci del suo. Tra i maggiori costruttori di device elettronici, Toshiba oggi lancia il suo servizio di download, naturalmente a pagamento e con garanzia di copertura di diritti d’autore e imposte.

Il centro di scaricamento permanente pensato da Toshiba si chiama Du-ub.com e ha un solo unico grande difetto per i fanatici dell’mp3: l’assenza di mp3. Toshiba, infatti, per poter garantire ai suoi partner e ai produttori dell’industria musicale che i file che distribuisce sono “sotto controllo”, ha scelto di utilizzare altri formati di compressione. Formati che integrano, al contrario dell’mp3 “classico”, anche tecnologie di “sicurezza”, cioè sistemi anti-copiatura.

Du-ub.com parte con il supporto di tre etichette giapponesi con sei brani e nel corso della prossima settimana già se ne aggiungeranno altri. A marzo dovrebbero fare il loro ingresso nel sistema Toshiba anche brani da EMI e Warner Music. L’azienda ha però nel cassetto anche un altro contrattone con una delle altre majors della musica internazionale, Universal Music (Seagram), la cui musica dovrebbe “essere importata” entro le prossime settimane.

Toshiba ha spiegato che il proprio servizio costerà all’utente l’equivalente di 3,5 euro per ogni brano, lo stesso prezzo che richiede Sony, sempre sul mercato giapponese, per chi accede al suo Bit Music. Sul piano strettamente tecnologico, Toshiba utilizza i sistemi di compressione Advanced Audio Coding (AAC), Windows Media Audio o ATRAC3 (Adaptive Transform Acoustic Coding). La protezione dalle copie sarà “garantita” dalla piattaforma IBM EMMS (Electronic Media Management System) o da quella proprietaria di Intertrust Technologies.

ATRAC, sistema sviluppato da Sony per i suoi MiniDisc, viene utilizzato dalla stessa Sony per i propri business di download musicale e il suo VAIO Music Clip. La nuova versione, ATRAC3, è stata integrata da Real nella versione 8.0 di RealPlayer e per questa versione il supporto sta rapidamente crescendo, visto anche l’uso che ne sta facendo Liquid Audio, che lo ha già integrato al suo player.

Il formato AAC, invece, deriva in origine dal player software di Liquid Audio ma è ora supportato da Panasonic e da S3, azienda che tra le altre produce anche la famiglia dei Rio, i più celebri riproduttori di musica digitale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    questo risolve il problema...
    ...di quale interfaccia utilizzare con wearable,palmari, ecc.Basta un maglione (mod. Bluetooth) con disegnata una tastiera o una tavoletta grafica e via! :))
    • Anonimo scrive:
      Re: questo risolve il problema...

      ...di quale interfaccia utilizzare con
      wearable,
      palmari, ecc.
      Basta un maglione (mod. Bluetooth) con
      disegnata una tastiera o una tavoletta
      grafica e via! :))Sì, poi magari sei in metrò, qualcuno ti da' uno spintone perchè deve uscire e quando riapri il tuo palmare vedi che non c'è più la presentazione che ti è costata 10 ore di lavoro... ;-)))saluti
  • Anonimo scrive:
    preferisco ancora...
    ...la pelle di mia moglie, anche se non sempre reagisce come previsto (soprattutto se ho le mani fredde). Un baco di release ? ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: preferisco ancora...
      - Scritto da: adf
      ...la pelle di mia moglie, anche se non
      sempre reagisce come previsto (soprattutto
      se ho le mani fredde). Un baco di release ?
      ;-)ma per dipingere la tastiera che cosa hai usato?
    • Anonimo scrive:
      Re: preferisco ancora...
      - Scritto da: adf
      ...la pelle di mia moglie, anche se non
      sempre reagisce come previsto (soprattutto
      se ho le mani fredde). Un baco di release ?
      ;-)Anche noi tutti preferiamo la pelle di tua moglie... :)))) Scusa, non ho resistito alla battuta...:)))
Chiudi i commenti