Toyota punta sull'idrogeno

Un prototipo capace di percorrere 480 km con 5 Kg di idrogeno

In attesa del presunto boom delle auto ibride ed elettriche c’è chi guarda altrove alla ricerca di diverse alternative. Toyota si distingue dalla massa percorrendo una nuova strada fondata sull’energia pulita e si affida all’idrogeno.

Dopo aver presentato in sordina nel 2011 un prototipo a idrogeno della vettura FCV-R, la casa giapponese rilancia la sfida e svela un altro modello, molto più rifinito e avanzato. Un lavoro complesso che ha richiesto parecchio tempo per ridurre il costo dell’autoveicolo che dagli attuali 50mila dollari si ridurrà ulteriormente per essere appetibile al grande pubblico. Per avere un’idea basta ascoltare le parole degli ingegneri Toyota, secondo i quali fino a un lustro fa la tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno aveva un valore pari a un milione di dollari.

Prezzi a parte, il lavoro si è concentrato sul potenziamento del prototipo, capace di percorrere 480 km/h con 5 Kg di idrogeno, presente nelle celle a combustibile che sono collegate a un pacco di batterie da 21 Kw/h. Nella dimostrazione a porte chiuse per i giornalisti, la macchina ha sfoggiato un’accelerazione da 0 a 100 Km/h in nove secondi liberando una potenza di 140 cavalli e farà il pieno in appena tre minuti (ma non sono state rilasciate informazioni su modalità e punti per il rifornimento).

Novità rilevanti anche nel design, ispirato a un catamarano per evocare l’acqua che scorre, con un nuovo paraurti nella parte anteriore con grandi prese d’aria laterali e un cofano blu acceso.
La casa giapponese conta di lanciare la Toyota FCV-R sul mercato entro il 2015.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cicciobello scrive:
    Imparare dai propri errori?
    Google aveva già tentato in passto di offrire servizi simili (gli utenti stessi mettono a disposizione le loro competenze, vengono pagati e Google intasca una percentuale): chi si ricorda di Google Answers o Google Knol? In entrambi i casi fu un flop: il primo non resse la concorrenza di Yahoo Answers, il secondo non resse la concorrenza di wikipedia.Quindi, dubito che questo servizio avrà sucXXXXX
  • sentinel scrive:
    The human knowledge belongs to the world
    "The human knowledge belongs to the world."
Chiudi i commenti