Trading online via WAP

Con ImiWeb chi avrà un cellulare che supporta il protocollo di navigazione potrà compiere operazioni sui titoli. E spunta anche il wireless ecommerce di TIM


Milano – Ci sono Wind e Nokia nel prossimo futuro della telefonia WAP per il trading online. Lo ha ufficializzato ImiWeb, la società del SanPaolo IMI che ieri ha annunciato il lancio di un servizio che consentirà a chi dispone di cellulari WAP di operare sui titoli borsistici.

Chiave di volta per il broker del SanPaolo è la tecnologia WAP (Wireless Application Protocol) che consente di far interagire il cellulare con internet e il web attraverso le applicazioni WML. Da quanto si apprende gli aspiranti investitori per partire dovranno acquistare un pacchetto da 790mila lire all’intenro del quale si troverà un Nokia 7110 e un abbonamento Wind.

Entro marzo, hanno assicurato i dirigenti ImiWeb, gli abbonati al servizio potranno accedere anche ai fondi dell’investimento. Se il servizio sarà attivato a brevissimo, è stato spiegato, sono già 2mila gli abbonamenti sottoscritti.

Intanto si è saputo che Telecom Italia Mobile a breve lancerà il suo servizio di phone banking da cellulare, un servizio che consentirà di attivare una serie di applicazioni via cellulare, dalla ricarica del telefonino alle informazioni sul proprio conto fino agli acquisti online con tecnologie SSB. In una nota il gestore telefonico di Telecom Italia ha affermato che sarà “il primo ad utilizzare su larga scala il telefono cellulare per effettuare transazioni bancarie di tipo dispositivo”.


Nella giornata di ieri, dall’altra parte dell’Atlantico, MasterCard e Sonera hanno annunciato un’intesa per sviluppare prodotti che consentano transazioni sicure agli utenti della telefonia mobile.

Al centro dell’idea di MasterCard è portare le tecnologie di sicurezza di Sonera SmartTrust agli utenti dei cellulari per offrire loro non solo una serie di nuovi servizi transattivi ma anche finanziari, comprensivi di phone banking avanzato.

Da quanto si apprende, al centro ci saranno le tecnologie che il fornitore di servizi di telefonia mobile finlandese ha sviluppato per la sicurezza del commercio elettronico, tecnologie basate sull’architettura PKI (Public Key Infrastructure), con algoritmi di crittazione della RSA a 1.024 bit e firma digitale.

Il progetto di sviluppo delle due aziende prevede una serie di accordi internazionali per allargare la propria offerta ad operatori di tutto il mondo, seguendo lo sviluppo sui mercati che MasterCard ha già ottenuto. L’azienda delle carte di credito, infatti, ha emesso più di 700 milioni di carte in centinaia di paesi…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti