Troppo sesso in rete

Una lettrice-madre sostiene che Internet sta cambiando e oggi può rappresentare un problema per un genitore che vuole essere attento all'educazione dei figli


Roma – Cara Redazione, vi scrivo perché vorrei portare all’attenzione dei lettori di Punto Informatico un problema che vivo con un certo fastidio da quando navigo su Internet. Premetto che sono una madre di due ragazzi e una bambina, rispettivamente di 15, 13 e 11 anni.

Per la mia età, ho 44 anni, penso di avere avuto l’opportunità di avvicinarmi a Internet prima di tante mie coetanee, fin dal 1997. Questo lo devo al fatto che mio marito è un programmatore che lavora per una grande azienda dell’informatica e quindi in casa non è mai mancato il computer.

Devo confessare che, essendo io una casalinga, ho parecchio tempo libero e ne ho speso molto su Internet. All’inizio mi dedicavo alle chat e a frugare nella rete in cerca di ricette e cose interessanti, col tempo ho cambiato il modo di utilizzare Internet e oggi la utilizzo per trovare informazioni, per tenermi in contatto con i tanti amici o quando cerco qualcosa in particolare.

Questo per dire che non sono proprio una sprovveduta in fatto di Internet e che una quantità di esperienze “virtuali” le ho già fatte. Purtroppo però devo rilevare che negli ultimi due anni Internet si è trasformata parecchio e la cultura che si rischia di recepire è ben lontana da quei valori morali che sono alla base della nostra società e dell’educazione che voglio insegnare ai miei figli.

Navigando oggi su Internet, passando magari da un sito all’altro, è inevitabile ormai trovare qualche immagine di corpi di donne, nelle posizioni più provocanti e che sono messe lì solo per far cliccare gli uomini su link che portano a siti ancora peggiori.

Non intendo fare una retorica moralista ma credo che per i miei figli, più che per me, questo rappresenti un pericolo reale di travisazione. Mio figlio più grande ha 15 anni e chiunque abbia passato quell’età conosce gli sconvolgimenti ormonali….. Ma è giusto che mio figlio impari a vedere la donna esclusivamente come un oggetto di piacere e che possa accedere a immagini che sono perlomeno provocanti se non pornografiche? È giusto che vada su siti che gli propongono di scaricare quei famosi programmi con cui comprare loghi a sfondo sessuale per il suo cellulare? E non parlo di siti… strani.. parlo di siti famosi…

Dopo la strada e la televisione mi sembra che la situazione stia degenerando e non è un danno solo per i miei figli ma anche per le donne, ancora una volta diventano oggetto del mercato e del business.

E allora? Cosa stiamo dando ai nostri figli per riconoscere l’amore e cosa invece che li porta sulle strade di un sesso teleguidato? Viviamo in un mondo dove l’amore sembra un sentimento sempre più raro e Internet mi sembra che permette alle persone di cedere, senza la forza di volontà.

Grazie per l’attenzione.
Anna Mintorno

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • una consideraz ione scrive:
    una considerazione
    la legislazione è troppo morbida, fà acqua e non considera il concetto psicologico di nuova identità digitale. Il soggetto è sempre più legato alle proprie rappresentazioni (facebook) e lo sarà sempre di più. La legislazione non tiene conto dei cambiamenti quasi antropologici che si succedono rapidamente nelle generazioni cresciute con internet. Le norme sociali tradizionali non funzionano più proprio perchè gli adulti e il sistema legislativo non sono adattatti alle nuove forme di psicologia di massa, e questo si traduce in un aumento ovvio dei comportamenti non normati. Le leggi non funzionano e funzioneranno sempre meno perchè internet è una forma di comunicazione leading edge a cui hanno più acXXXXX le generazioni più capaci di apprendimento, e il gap dà già segni di essere insormontabile. Internet diventare un mostruoso gioco della percezione di bambini molto intelligenti e molto crudeli.
  • Anonimo scrive:
    Davvero buffi
    Buffo il fatto che questo articolo sia stato scritto da una redazione che appoggia TUTTOBANNER.net, il numero uno nel diffamare e nel calunniare.
  • Anonimo scrive:
    Diritto di critica
    Un esempio:Un dentista esegue malissimo o disonestamente un lavoro e il cliente è molto insoddisfatto. Il cliente esprime una opinione negativa su una banca dati sulla qualità dei dentisti.Questo dentista giustamente perderà molti clienti.Bene, la domanda è: questa banca dati è legale?
  • Anonimo scrive:
    Denunciamo per diffamazione la Microzozz
    Salve a tutti,Bene, anzi benissimo, poiche' la Microzozz ed il suo fondatore hanno piu' volte tentato di bloccare lo sviluppo "open-source" accusandolo e caricandolo di responsabilita' inverosimili, propongo l'ipotesi di reato di diffamazione perseguito e perpretato da parte di Microzozz e nella persona del suo fondatore ai danni di tutto il modo "open-source". Azzarderei pure l'aggravante, poiche' tale ipotetica diffamazione e' stata perseguita, perpretata e tuttora in atto per scopi unicamente di lucro, profitto atttraverso l'uso di concorrenza sleale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Denunciamo per diffamazione la Microzozz
      allora dobbiamo anche denunciare tutti i linuxari saputelli che sparlano di W2K senza saperne niente?
      • Anonimo scrive:
        Re: Denunciamo per diffamazione la Microzozz
        si bisognerebbe farlo, ma la mentalità del linuxaro 15enne è questa: "Win = schifo, linux = dio", anche se non sa niente ne di uno ne dell'altro, fortunatamente le mode non tardano a morire
  • Anonimo scrive:
    Censurato!
    Noto con piacere che le miei critiche all'articolo di Valentina Frediani sono state censurate.Le avete trovate offesive? Strano, erano argomentate e non triviali. In ogni modo, avreste potuto metterci la X rossa: invece avete preferito far sparire direttamente il thread.Rassegnatevi leggendo gli altri commenti: gli articoli di Valentina Frediani sono di qualità pessima e interessano poco ai lettori di Punto-Informatico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Censurato!
      Ciao Maikse leggi la policy dei forum sui quali stai scrivendo scoprirai che il tuo commento non e' stato censurato ma si trova dove dev essere visti i suoi contenuti.Un salutoLambertops. a breve anche questo thread finira' nello stesso posto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Censurato!
        - Scritto da: Lamb
        Ciao Maik
        se leggi la policy dei forum sui quali stai
        scrivendo scoprirai che il tuo commento non
        e' stato censurato ma si trova dove dev
        essere visti i suoi contenuti.Cioè?
        ps. a breve anche questo thread finira'
        nello stesso posto.Immagino di si :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Censurato!
        Hai ragione, l'ho trovato :)Non conoscevo quell'area. Wow!
      • Anonimo scrive:
        Re: Censurato!
        - Scritto da: Lamb
        Ciao Maik
        se leggi la policy dei forum sui quali stai
        scrivendo scoprirai che il tuo commento non
        e' stato censurato ma si trova dove dev
        essere visti i suoi contenuti.
        Un saluto
        Lamberto

        ps. a breve anche questo thread finira'
        nello stesso posto.scusa ma nel post che ha aperto il thread spostato in "PI pro e contro" non c'e' un attacco a PI ma solo un giudizio sulla Frediani, quindi non si capisce a che titolo il thread sia stato spostato li' dato che non e' il suo posto.(questa volta siete voi che non avete letto la vostra stessa policy :)
    • Anonimo scrive:
      Non siamo sotto esame
      Non credo che lo scopo dell'articolo fosse quello di superare un esame di diritto: l'autrice lo ha scritto come riteneva opportuno; ha citato alcune fonti ed ha "lanciato un sasso" che gli interessati possono raccogliere per sviluppare l'argomento, fornendo contributi utili ad una discussione costruttiva.Credo non sia corretto prendere questo sasso e scagliarlo contro l'autrice accusandola di non saper fare il proprio mestiere.Credo che il tempo degli esami sia finito...Non entro in merito e non voglio fare critiche: mi interesserebbe però sapere cosa pensate sulla diffamazione: è una bufala vetero-borghese ormai superata; è una forma di potere? Perché la legge non la tutela (nei fatti) adeguatamente su Internet? (Vedi: http://punto-informatico.com/p.asp?i=39026 )Parliamone, se ci interessa.Abbiamo un mezzo di comunicazione a disposizione, usiamolo, invece di farci la guerra con le palline di carta!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non siamo sotto esame

        ha citato alcune fonti ed ha
        "lanciato un sasso" che gli interessati
        possono raccogliere per sviluppare
        l'argomento, fornendo contributi utili ad
        una discussione costruttiva.Si è limitata pressappoco solo a "citare". Mi aspettavo anche una sintesi, uno sguardo originale sull'argomento, un barlume di capacità di rendere il tutto quanto più organico e comprensibile possibile. Mi stai dicendo che la capacità di sintesi costruttiva dobbiamo averla noi, piuttosto che lei: continuo a pensare che non sia una buona divulgatrice e, purtroppo, ho anche diversi indizi che non sia nemmeno una brava professionista (vedi gli sfondoni sulla fotografia digitale). Frediani purtroppo improvvisa la propria competenza.
        Credo non sia corretto prendere questo sasso
        e scagliarlo contro l'autrice accusandola di
        non saper fare il proprio mestiere.
        Credo che il tempo degli esami sia finito...Be', perdonami, ma se leggo notizie imprecise, frammentarie, il dubbio mi viene. La legge non sono le sentenze dei tribunali. Quelle sono interpretazioni. Frediani si rifà a quelle, probabilmente perchè incapace di interpretare meglio di altri la legge a partire dalla legge stessa. La conosco già da prima che scrivesse su Punto Informatico (l'ho anche conosciuta di persona) e so (ed ho avuto la conferma) come nascono i suoi articoli. Sceglie l'argomento, razzola tra le sentenze, si fa' un'idea (certo, sicuramente è più brava di quello che riusciremmo a fare molti di noi, che non siamo avvezzi alle leggi) e fa il riassuntino di quello che ha letto. Altro è occuparsi di un argomento, per mesi o anni, averne un'idea precisa ed organica, saperne abbastanza da poter dire la propria, senza dover ripiegare sempre e solo su quello che hanno già detto gli altri.
        Parliamone, se ci interessa.
        Abbiamo un mezzo di comunicazione a
        disposizione, usiamolo, invece di farci la
        guerra con le palline di carta!Abbiamo un giorno di tempo, poi uscirà la nuova edizione di PI. Non è abbastanza per lanciare un buon thread. Meglio incontrarsi su Usenet se si vuole fare un bel confronto e non limitarsi a qualche commento. Per esempio su it.diritto.internet
        • Anonimo scrive:
          Re: Non siamo sotto esame (RISPONDETE PLEASE!)
          - Scritto da: Maik
          Si è limitata pressappoco solo a "citare".
          Mi aspettavo anche una sintesi, uno sguardo
          originale sull'argomento, un barlume di
          capacità di rendere il tutto quanto più
          organico e comprensibile possibile. Io non sono un esperto, ma vorrei sapere se queste considerazioni, per quanto moderate e ben espresse possano essere considerate un esempio di diffamazione online.
          Be', perdonami, ma se leggo notizie
          imprecise, frammentarie, il dubbio mi viene.
          La legge non sono le sentenze dei tribunali.
          Quelle sono interpretazioni. Frediani si
          rifà a quelle, probabilmente perchè incapace
          di interpretare meglio di altri la legge a
          partire dalla legge stessa. La conosco già
          da prima che scrivesse su Punto Informatico
          (l'ho anche conosciuta di persona) e so (ed
          ho avuto la conferma) come nascono i suoi
          articoli. Sceglie l'argomento, razzola tra
          le sentenze, si fa' un'idea (certo,
          sicuramente è più brava di quello che
          riusciremmo a fare molti di noi, che non
          siamo avvezzi alle leggi) e fa il
          riassuntino di quello che ha letto. Altro è
          occuparsi di un argomento, per mesi o anni,
          averne un'idea precisa ed organica, saperne
          abbastanza da poter dire la propria, senza
          dover ripiegare sempre e solo su quello che
          hanno già detto gli altri.Secondo me è molto difficile saper distinguere tra le critiche all'articolo e quelle dirette all'autrice!Consideriamo come esempio il post di Maik, in questo caso è diffamazione? E poi è questo quello che viene citato nell'articolo dell'accusa a un fatto diretto, ossia è questa la diffamazione più grave? Sarebbe il colmo se dopo questa articolo sulla diffamazione l'avvocatessa facesse causa a Maik per diffamazione!Faccio i miei complimenti a Maik per la sua presa di posizione decisa (ci vuole un bel coraggio a "diffamare" un avvocato) , e a Giuseppe Raimondi per gli interventi sempre puntuali e chiarificatori!Ho le idee confuse, un grazie sincero a chiunque possa chiarirmele.PS=In un altro thread ho letto del diritto di critica. Esiste veramente?
    • Anonimo scrive:
      Re: Censurato!
      - Scritto da: Maik
      Noto con piacere che le miei critiche
      all'articolo di Valentina Frediani sono
      state censurate.come ha detto il saggio Lamberto Assenti, non sei stato censurato.Non leggi la policy, agisci contro di essa, la ignori e poi ti lamenti quando viene applicata.
      Le avete trovate offesive? Strano, erano
      argomentate e non triviali. In ogni modo,
      avreste potuto metterci la X rossa: invece
      avete preferito far sparire direttamente il
      thread.Dato che dici il falso, stai mentendo.Sono in un altro forum.
      Rassegnatevi leggendo gli altri commenti:
      gli articoli di Valentina Frediani sono di
      qualità pessima e interessano poco ai
      lettori di Punto-Informatico.Io credo che ti sbagli di grosso.E non sai nulla.A me interessano molto e sono certo che moltissime persone si sono interessate a questo articolo e a molti altri di Valentina Frediani.un saluto festoso a tutti! :-D
  • Anonimo scrive:
    diffamatoria l'opinione sulla qualità ?
    Le opinioni negative sulla qualità di servizio espresse dai clienti sono da considerare come diffamatorie?
    • Anonimo scrive:
      Re: diffamatoria l'opinione sulla qualità ?
      - Scritto da: beeez
      Le opinioni negative sulla qualità di
      servizio espresse dai clienti sono da
      considerare come diffamatorie?E' tutelato anche il diritto di critica
      • Anonimo scrive:
        Re: diffamatoria l'opinione sulla qualità ?
        Qualcuno potrebbe fornire un buon link all'articolo di Legge in questione?Grazie!!
  • Anonimo scrive:
    E allora?
    Gli articoli sono bravi tutti a citarli! Bisogna però esprimere idee, prendere posizione!! Che senso ha pubblicare una raccolta simile??? A chi serve? Forse neppure ad un operatore del diritto! Guardatevi intorno! Fatevi un giro su altri siti, tipo www.studiocelentano.it e guardate cosa vuol dire avere le PALLE per trarre delle concusioni alla fine di un ragionamento!!!Antonio
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      Allora dicci tu cosa pensi della diffamazione e internet invece di citare gli altri...
      • Anonimo scrive:
        Re: E allora?
        Non sono un avvocato. Appunto per questo l'articolo mi è sembrato inutile. Speravo in qualche commento, in qualche conclusione... invece niente...
        • Anonimo scrive:
          Re: E allora?
          E parli pure?
        • Anonimo scrive:
          Re: E allora?
          - Scritto da: Antonio
          Non sono un avvocato. Appunto per questo
          l'articolo mi è sembrato inutile. Speravo in
          qualche commento, in qualche conclusione...
          invece niente...e allora ringrazia il cielo che qualcuno ti ha dato delle BASI, delle informazioni di base.altro che conclusioni ... almeno SAI a cosa vai incontro.e le conclusioni minime, quelle che servono, ci sono.Se tu non sai leggere ma solo sbraitare ...
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: Antonio
      Gli articoli sono bravi tutti a citarli!
      Bisogna però esprimere idee, prendere
      posizione!!Beh... non credo che proprio TUTTI siano in grado di citare articoli!Altrimenti anche mia nonna farebbe l'avvocato :)Gli avvocati sono pagati per ricordarsi leggi e sfruttarne un eventuale campo di applicazione a favore dei loro clienti, non per trarre conclusioni o fare prese di posizione...
      Che senso ha pubblicare una
      raccolta simile??? A chi serve? Forse
      neppure ad un operatore del diritto!Serve a sapere COSA hanno in mano gli altri per farti un MAZZO TANTO nel caso che qualche frase lasciata ingenuamente su qualche forum ti si possa ritorcere contro.Personalmente non capisco tanto accanimento contro un avvocato! Non fanno loro le leggi, e se quello che dicono non piace non e' detto che questo rispecchi le loro opinioni personali!Ciaomarco
    • Anonimo scrive:
      MA CHE CA22O VUOI???!!!
      - Scritto da: Antonio
      Gli articoli sono bravi tutti a citarli!senti, io non lo conoscevo e mi ha fatto piacere, mi è stato molto utile questo pezzo.
      Bisogna però esprimere idee, prendere
      posizione!! bisogna?ma bisogna un cazzo!vuoi fare il giornalista?fatti il tuo giornale e non rompermi le palle!io mi leggo questo e mi sta bene.
      Che senso ha pubblicare una
      raccolta simile??? A chi serve?ECCOMI.A ME SERVE, OK?se non ti va, clicca via
      Forse
      neppure ad un operatore del diritto!ti credo! a lui proprio non serve.che stron2at3 dici?
      Guardatevi intorno! Fatevi un giro su altri
      siti, tipo www.studiocelentano.it e guardate
      cosa vuol dire avere le PALLE per trarre
      delle concusioni alla fine di un
      ragionamento!!!senti a me non servono palle e tantomeno SPAM ... mi va benissimo questo articolo.
  • Anonimo scrive:
    Acqua tiepida...
    Osservo che ormai la discussione si è spostata sull'autore dell'articolo.Vorrei fare, invece, una considerazione sul contenuto: il problema sarà pure scottante (come detto in prefazione) ma credo che nel nostro paese, quando si parla di problematiche legali, tutto si risolva in acqua tiepida...Tempi processuali infiniti, continui rinvii di anni, allo scopo di far conciliare le parti ed aggiustarsi... Entrando in merito, segnalo una sentenza (per diffamazione via Internet).http://punto-informatico.com/p.asp?i=39026Come dire... Abbiamo una "rete" ma il nostro sistema giudiziario non sa davvero che pesci prendere!
  • Anonimo scrive:
    scusate ...ho postato due volte
    ..è imapzzito il browser :-(((
  • Anonimo scrive:
    Bene!!!!
    ma anche danni prettamente morali, consistenti nella offesa alla reputazione che può provocare un grave impedimento a sentirsi ben accetti nella propria comunità, o che può costringere un soggetto a doversi discolpare dalle accuse diffamatorie e quindi subire un grave danno alla reputazione ed all'onore, quantificabile secondo il grado di offesa, tenendo conto dei fatti narrati (entra in gioco l'aggravante alla quale accennavamo sopra in merito all'attribuzione di un fatto determinato), della quantità e qualità dei soggetti destinatari di tali narrazioni (ad esempio diffamare una persona con il datore di lavoro, può pregiudicargli il posto) nonché del mezzo mediante cui la diffamazione è compiuta (immettere in internet una notizia negativa attribuendola ad un soggetto, può trovare una eccessiva ripercussione nei confronti del soggetto diffamato).Bene bene...e a quei giornalisti che chiamandolo "mostro" e quindi "offesa alla reputazione che può provocare un grave impedimento a sentirsi ben accetti nella propria comunità, o che può costringere un soggetto a doversi discolpare dalle accuse diffamatorie e quindi subire un grave danno alla reputazione ed all'onore" hanno costretto un uomo di Monza al suicidio perche' accusato ingiustamente di violenza carnale nei confronti della figlia....quanti anni di galera sono stati dati?30? 20? 10?....Ancora oggi quando ci penso provo una sorda rabbia.Fatemi una cortesia.Evitate almeno di scrivere.Evitate di dirci cosa è giusto oppure no.Oppure se proprio non ne potete fare a meno, abbiate almeno il coraggio di ammettere (voi avvocati) la totale codardia della legge, che è legge per le imbecillita' e diventa qualcosa d'altro quando si dovrebbero toccare caste di protetti.Siete incredibili...nell'esatta accezione del termine...NON-CREDIBILI.E come tali vi leggiamo.....ùCordialita'
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene!!!!

      Bene bene...e a quei giornalisti che
      hanno costretto un uomo di Monza al suicidioPure questa e' diffamazione no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene!!!!
        - Scritto da: l'avvuchet

        Bene bene...e a quei giornalisti che

        hanno costretto un uomo di Monza al
        suicidio

        Pure questa e' diffamazione no?Se sono giornalisti no.Basta che forniscono la fonte e tutto va bene.Per loro :-(((((((((((((((((((((((
  • Anonimo scrive:
    BRAVO AVVOCATO
    La tua filippica è esemplare.Ti raccomanderà al DRAGASACCOCCE DI ARCORE.
    • Anonimo scrive:
      Re: BRAVO AVVOCATO
      pardon...erase e rewibd......- Scritto da: alien
      La tua filippica è esemplare.
      Ti raccomanderò al DRAGASACCOCCE DI REDMOND.
      • Anonimo scrive:
        Re: BRAVO AVVOCATO
        Ma volevi dire qualcosa?- Scritto da: alien
        pardon...erase e rewibd......

        - Scritto da: alien

        La tua filippica è esemplare.

        Ti raccomanderò al DRAGASACCOCCE DI
        REDMOND.
        • Anonimo scrive:
          Re: BRAVO AVVOCATO
          - Scritto da: La Sabri
          Ma volevi dire qualcosa?

          - Scritto da: alien

          pardon...erase e rewibd......



          - Scritto da: alien


          La tua filippica è esemplare.


          Ti raccomanderò al DRAGASACCOCCE DI

          REDMOND.e non l'hai capito?volevo dire che questo avvocato andrebbe bene nella schiera immensa degli avvocati di Bill.con tutti i gadget che lo rappresentano, i complimenti che gli rivolgono, i bilioni di $ che ha, avrebbe lavoro assicurato ad vitam.Ottimo cliente direi.Hai capito Sabri?!
          • Anonimo scrive:
            Re: BRAVO AVVOCATO
            Ah. Quindi tu sei un avvocato.Se puoi giudicare il lavoro di un tuo collega devo desumere che tu lo sia.
          • Anonimo scrive:
            Re: BRAVO AVVOCATO
            - Scritto da: Nicola
            Ah. Quindi tu sei un avvocato.
            Se puoi giudicare il lavoro di un tuo
            collega devo desumere che tu lo sia.ah quindi tu sei un giudice dell'umanità ...o sei dio?comunque tu desumi ... giudichi ... SAI.BRAVO!
    • Anonimo scrive:
      Re: BRAVO AVVOCATO
      - Scritto da: alien
      La tua filippica è esemplare.
      Ti raccomanderà al DRAGASACCOCCE DI ARCORE.brucia eh, alienetto ...
Chiudi i commenti