Turismo spaziale, dalla Terra alla Luna

Il promettente nuovo mercato per benestanti appassionati di spazio si arricchisce di un nuovo operatore. Che vuole portare il primo turista nello spazio e poi sulla Luna in pochi anni
Il promettente nuovo mercato per benestanti appassionati di spazio si arricchisce di un nuovo operatore. Che vuole portare il primo turista nello spazio e poi sulla Luna in pochi anni

Dopo SpaceX e Virgin Galactic una nuova società promette di portare a spasso per il cosmo chi è sufficientemente ricco da poterselo permettere. La via di Excalibur Almaz al turismo spaziale passa per il riutilizzo di “vecchi rottami” sovietici a propulsione lenta.

Di base nell’Isola indipendente di Mann al largo delle coste britanniche, Excalibur Almaz ha acquistato capsule e pezzi di stazione spaziale realizzate dai sovietici per il programma Almaz (“diamante”), e pianifica di acquistare razzi vettori dai russi per effettuare i lanci in atmosfera.

Nel 2009 la società aveva promesso il primo spazio-turista in volo nel 2013 per una spesa di 35 milioni di sterline, ora la promessa è di un turista spaziale in volo entro il 2015 con un biglietto dal costo di 150 milioni di sterline – da ridurre di 100 milioni per i viaggi dei 10 anni successivi.

Excalibur Almaz pianifica di mettere in orbita una stazione sovietica e di usarla come “ponte” intermedio tra la Terra e la Luna, e più che un viaggio turistico promette una vera e propria esperienza scientifica di prim’ordine: compreso l’addestramento e il viaggio da e verso la superficie lunare, il tour spaziale prevede che “voli via” almeno un anno e mezzo di tempo.

Dall’osservazione e lo studio del satellite terrestre tramite sonda LRO, arriva poi una notizia non proprio positiva nell’ottica di un possibile allunaggio gestito dalle agenzia spaziali per fini tutt’altro che turistici: l’orlo del cratere Shackleton, una delle “location” più gettonate per l’allunaggio nei pressi del polo sud del planetoide, risulta essere privo di scorte apprezzabili di acqua ghiacciata.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 06 2012
Link copiato negli appunti