Tutte le anime di iPhone

di D. Galimberti - All'inizio era poco più di un dispositivo per navigare in Rete che faceva anche da telefono. Oggi invece il melafonino si è evoluto: ed effettuare chiamate è solo una delle cose che sa fare

Roma – Come ho già avuto modo di raccontare in passato, l’iPhone, a dispetto del nome, non è stato inizialmente concepito come telefono, bensì è nato dall’idea di avere un terminale portatile che consentisse di collegarsi ad internet in ogni situazione, ed usufruire dei servizi derivanti da questa connessione.

A riprova di questa ipotesi, possiamo notare che la maggior parte delle applicazioni che Apple fornisce di serie fin dal primo modello funzionano solo in caso di connessione Internet attiva (Safari, Mail, Mappe, Meteo, Borsa, YouTube, iTunes). Siccome l’unico modo per ottenere questa connettività è quello di ricorrere alle reti telefoniche, era naturale dotare questo “terminale” anche della capacità di telefonare, come un qualsiasi altro cellulare. Non essendo però nato per questo compito specifico, l’iPhone è stato da subito carente sotto questo punto di vista: a parte la tanto discussa questione degli MMS (che personalmente non ho mai utilizzato, ma che comunque saranno introdotti col prossimo firmware), i primi telefoni non consentivano neppure di importare i numeri memorizzati sulla SIM.

Oltre a questo, il mio modesto parere è che la pressione delle indiscrezioni è stata tale da spingere Apple a forzare i tempi dell’uscita del primo modello, costringendo gli sviluppatori di Cupertino a concentrare gli sforzi sulle funzionalità basilari del sistema, quelle che avrebbero fatto la differenza rispetto alla concorrenza: realizzare un’interfaccia di nuova concezione, che fosse perfettamente (ed esclusivamente) usabile in modalità touch, e che ponesse le basi per un nuovo riferimento di usabilità su questi dispositivi. Quest’accelerazione dei tempi ha fatto sì che la prima versione del sistema avesse diverse carenze funzionali, come l’impossibilità di effettuare una ricerca nell’agenda o di allegare una foto ad una email dopo la creazione di quest’ultima. Queste carenze sono tali anche nell’attuale versione del firmware, così come altre cose più “banali” come l’impossibilità di ruotare la tastiera in orizzontale per scrivere più agevolmente gli SMS.

Infine, a ritardare ulteriormente il perfezionamento delle funzioni si è aggiunta la forte (e giustificata) pressione dell’utenza verso l’installazione di applicazioni di terze parti, pressione che ha portato Apple a concentrare gli sforzi interni sullo sviluppo dell’SDK e dell’AppStore. In realtà credo che questa idea fosse già presente nella roadmap di Apple, ma probabilmente non con quelle tempistiche: nonostante la propensione per la connettività ad Internet, è impensabile che Apple puntasse esclusivamente ad utilizzare applicazioni Web 2.0, soprattutto dopo aver visto le potenzialità dell’iPhone.

Ora che la situazione è relativamente calma, Apple si è potuta finalmente dedicare al perfezionamento delle funzioni, dimostrando tra l’altro (come già successo in passato) di saper ascoltare le critiche mosse sia dagli utenti che dal pubblico dei non-utenti. Ecco quindi che nel Firmware 3.0 compariranno gli MMS, farà capolino Spotlight (indispensabile per effettuare ricerche in ogni anfratto del telefono), e verrà finalmente introdotto il copia e incolla. Quest’ultimo, richiesto a gran voce dagli utenti, non rappresenta certo una novità in ambito informatico, nemmeno sugli smartphone, ma era necessario trovare un’idea originale per implementarlo in maniera semplice attraverso l’interfaccia touch.

Al di là di queste funzioni più visibili agli occhi di tutti gli utenti, i tool di sviluppo del firmware 3.0 mettono a disposizione 1000 nuove API che consentiranno degli sviluppatori di potenziare il loro software: se le notifiche push possono sembrare un ripiego alla mancanza del multitasking, l’accesso totale al dock permetterà di utilizzare l’iPhone come un terminale intelligente per decine di accessori finora inimmaginabili, mentre la connettività P2P e l’accesso totale alla libreria dell’iPod daranno nuove possibilità ai software più classici.

L’iPhone di oggi (così come il primo modello) non è certo perfetto, ma neppure inusabile come cercano di farlo passare alcuni: il giudizio dipende strettamente dall’utilizzo che se ne vuole fare. Personalmente, parlando di software, lo trovo migliore di qualsiasi altro telefono abbia provato finora. È comunque innegabile che le migliorie introdotte con il firmware 3.0 faranno comodo a molte persone, e ce ne sono molte altre che sarebbero utili ma delle quali non si sa ancora nulla: oltre al supporto per Flash (che potrebbe anche non essere indispensabile, se deve farne le spese l’autonomia della batteria), sarebbe gradita qualche opzione in più per organizzare le 148 applicazioni potenzialmente presenti sul telefono, soprattutto se questo limite verrò ampliato dal nuovo firmware.

Domenico Galimberti
(Per contattare l’autore scrivere alla redazione )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • merdsft scrive:
    M$ sta facendo concorrenza sleale
    La M$ stà passando tutte le ditte che usano linux affinchè si pieghino a pagargli il pizzo; di fatto stanno impedendo la nascita di concorrenti. Novell non è più una concorrente, è una marionetta in mano alla M$ che la stà usando indirettamente contro linux, e stanno facendo danni su scala mondiale.Bisogna che la Commissione Europea ritorni alla carica; ci sono tutti i presupposti, visto che TomTom dà lavoro a migliaia di lavoratori soprattutto in Europa.Il sogno di M$ sarebbe di mangiarsi TomTom o per lo meno di piazzare il suo bollino sui suoi milioni di navigatori, ma è un piacere che non gli si può umanamente dare.
    • Stefano scrive:
      Re: M$ sta facendo concorrenza sleale
      Bisognerebbe dare a Microsoft una sonora multa per evitare che continui a soffocare ogni concorrenza con il suo peso per poi vendere prodotti pieni di bachi e non testtati a sufficienza e iperlenti per far incrementare le vendite di hardware. Penso che qualche miliardo di possano bastare per ogni pressione o violazione compiuta.
  • Paolini scrive:
    TOM TOM ALLA FRUTTA
    Chi si mette contro MS finisce col vendere o col calare le braghe.
  • Alvaro Vitali scrive:
    Brevetti = follia totale!
    Se si arriva a brevettare pure: "Generazione di una manovra ad un incrocio attraverso un cambio di direzione", allora vuol dire che siamo alla follia; chi si ostina ancora a difendere la brevettabilità di qualsiasi XXXXXXXta, dovrebbe cominciare ad aprire gli occhi.Tra poco si arriverà a brevettare pure: "Generazione di una manovra con la gamba per dare un calcio dei co*****i" ...
    • pabloski scrive:
      Re: Brevetti = follia totale!
      del resto si brevettano pure cose del tipo"Common name space for long and short filenames"
  • pabloski scrive:
    La partita si fa interessante
    http://www.engadget.com/2009/03/23/tomtom-becomes-linux-licensee-minds-are-filled-with-wonder/:D
    • advange scrive:
      Re: La partita si fa interessante

      http://www.engadget.com/2009/03/23/tomtom-becomes-A questo punto ne vedremo delle belle nei prossimi mesi...
  • madel28 scrive:
    Aziende a confronto
    Microsoft: deuncia TomTom (ringraziamo i brevetti sul software), per aver "violato" qualcosa di preistorico come la FAT.Sun Microsystems: offre open-source/free-to-use il filesystem ZFS che è qualcosa come 20 anni di informatica avanti a qualsiasi variante di NTFS (ZFS - The last word in filesystems http://opensolaris.org/os/community/zfs/docs/zfs_last.pdf).Non è che ci vuole poi tanto a tirare le conclusioni.Leggo tra gli argomenti di oggi che il grande (nel senso di grosso) Stiiv, ha detto che alla Microsoft si continuerà ad "innovare". Speriamo bene.
    • pippo75 scrive:
      Re: Aziende a confronto


      Sun Microsystems: offre open-source/free-to-use
      il filesystem ZFS che è qualcosa come 20 anni di
      informatica avanti a qualsiasi variante di NTFS
      (ZFS - The last word in filesystems
      http://opensolaris.org/os/community/zfs/docs/zfs_lquindi confermi che ha annullatto anche in brevetti legati al filesystem in oggetto.Al momento tutte le info che ho trovato parlano ancora di problemi con brevetti e licenze.Avevo letto qualcosa su it.comp.os.dibattiti qulche tempo fa.Se pero mi confermi il contrario, bene.
      • madel28 scrive:
        Re: Aziende a confronto
        - Scritto da: pippo75
        quindi confermi che ha annullatto anche in
        brevetti legati al filesystem in oggetto.

        Al momento tutte le info che ho trovato parlano
        ancora di problemi con brevetti e licenze.
        Avevo letto qualcosa su it.comp.os.dibattiti
        qulche tempo fa.
        Se pero mi confermi il contrario, bene.Non ho fatto riferimento ad eventuali annullamenti di brevetti su ZFS, anche perché non conosco bene quell'aspetto.ZFS è disponibile sotto licenza CDDL.Visto che qui in Europa (non so ancora per quanto) i brevetti sul software non ci sono, stiamo relativamente tranquilli.
      • pabloski scrive:
        Re: Aziende a confronto
        boh ho trovato documenti che parlano di brevetti ma sul sito uspto.gov non c'è traccia di brevetti sun su zfscomunque male che vada c'abbiamo sempre btrfs
  • molestatore scrive:
    TomTom ha fatto bene!!!
    L'unico modo per fermare i legali di M$ è quello di rinfacciargli tutte le violazioni che anche loro fanno... e M$ copiando a dx e sx inevitabilemte ne fa!La speranza è che altre aziende minacciate da M$ facciano come TomTom e forse (e ripeto *forse*) M$ abbasserà un pò la cresta!
    • Daniele scrive:
      Re: TomTom ha fatto bene!!!
      - Scritto da: molestatore
      L'unico modo per fermare i legali di M$ è quello
      di rinfacciargli tutte le violazioni che anche
      loro fanno... e M$ copiando a dx e sx
      inevitabilemte ne
      fa!

      La speranza è che altre aziende minacciate da M$
      facciano come TomTom e forse (e ripeto *forse*)
      M$ abbasserà un pò la
      cresta!Già... fermiamo il patent trolling di Microsoft...Infatti Tom Tom ha brevettato un "Metodo per generare una svolta ad un incrocio".Adesso scusatemi, vado a brevettare un "Sistema per trovare la strada del XXXXX tra corridoi di una stessa abitazione" ed un innovativo "Sistema per verificare che il coperchio del water sia sollevato prima di iniziare le operazioni di evacuazione".Anzi... ora che ci sono brevetto un "Sistema per tracciare la rotta più breve dal punto attuale del cursore del mouse sullo schermo al tasto INVIA".Ora spedisco, violando sicuramente il brevetto "Metodo per ordinare alla mano destra di raggiungere il mouse utilizzando un device ottico (occhio umano)".
      • pippo75 scrive:
        Re: TomTom ha fatto bene!!!


        Già... fermiamo il patent trolling di Microsoft...
        Infatti Tom Tom ha brevettato un "Metodo per
        generare una svolta ad un
        incrocio".si, ma ti ricordo che se lo fai contro M$ è sempre cosa buona :).
      • pabloski scrive:
        Re: TomTom ha fatto bene!!!
        TomTom fa quello che fanno tutti gli altri.....però TomTom ha lasciato correre nonostante MS avesse violato da anni i suoi brevettise proprio vuoi prendertela con qualcuno fallo con il legislatore USA che ha messo in piedi questa XXXXXXX
  • Enjoy with Us scrive:
    Scusate ma...
    ... mi sfugge una cosa M$ è attiva anche nella navigazione satellitare?
    • Davide Impegnato scrive:
      Re: Scusate ma...
      Autoroute esiste da annihttp://www.microsoft.com/italy/products/autoroute/products.aspxBlue&me prevede un'estensione per la navigazione satellitareNAVTEQ e M$ sono legate tra loroWindows Mobile sotto questo aspetto può essere evolutoIl posizionamento globale sta diventando sempre più importante (es. fotocamere con indicazione del luogo in cui sono state scattate le immagini)Di carne al fuoco ce n'è tanta, tanta, tanta...
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: Scusate ma...
        Pare che tra le funzionalità di IE8 ci sia anche la navigazione stradale... io non so, non sono in possesso di IE8, ma "da quello che si può leggere in giro"...
    • ruppolo scrive:
      Re: Scusate ma...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      ... mi sfugge una cosa M$ è attiva anche nella
      navigazione
      satellitare?Si, ma non contano un XXXXX.Comunque, come ho già detto, questo è l'inizio della nuova attività di Microsoft, l'unica che gli riserverà il futuro: il patent trolling.
      • Pinco Pallino scrive:
        Re: Scusate ma...
        intanto a te resta il trolling senza patent
      • advange scrive:
        Re: Scusate ma...

        Comunque, come ho già detto, questo è l'inizio
        della nuova attività di Microsoft, l'unica che
        gli riserverà il futuro: il patent trolling.Beh, in verità se fallissero le loro prossime mosse (cioè se Windows 7 fosse un flop, se Office fosse definitivamente soppiantato da OpenOffice o altri, et similia) sarebbe una risorsa non da poco, considerando quante scelte sbagliate sono state fatte in questi anni al grido "Prostriamoci a mamma MS".
        • pabloski scrive:
          Re: Scusate ma...
          così Ballmer cambierebbe mestiere diventando avvocato :D
          • palle scrive:
            Re: Scusate ma...
            - Scritto da: pabloski
            così Ballmer cambierebbe mestiere diventando
            avvocato
            :DPrima di essere messo in Micrososft dai suoi padroni (Morgan & Stanley, Lehman Br., Merryl Lynch., ecc.ecc...i veri padroni di Microsoft), era CEO di Procter & Gamble. Se Microsoft fallisse, lui tornerebbe a vendere medicine avariate e cure per la riscrescita dei capelli ai bambini africani, come faceva prima del 2000, per evadere il fisco americano. In quello è bravissimo.
          • pabloski scrive:
            Re: Scusate ma...
            hey hai dimenticato il più grosso, Goldman Sachs :D
  • Federico scrive:
    Ancora balle?
    Articolo non firmato... che strano. Comunque cito:Naturalmente, nel caso Microsoft dovesse ottenere una vittoria, i precedenti sarebbero dalla sua parte nel caso decidesse di prendere iniziative nei confronti di altre aziende o community legate a Linux.Ora, già l'altra volta l'autore dell'articolo (che l'altra volta aveva firmato) ha cercato di convincersi che l'attacco a Tom Tom sia il primo di una lunga lista perchè M$ vuole attaccare GNU/Linux facendo valere centinaia di brevetti questo sistema violerebbe.1. Secondo tutti gli analisti questi brevetti non esistono. M$ ha fatto questa sparata anni fa, una sola volta, poi si è sempre vergognata di rispondere a qualsiasi domanda sull'argomento.2. In seguito all'annuncio della disputa con Tom Tom, M$ stessa ha già dichiarato, in un lungo e servile comunicato, di non avere alcuna intenzione di danneggiare GNU/Linux facendo valere i suoi brevetti fantasma.3. Che violare i brevetti sia un reato è già assodato, che violare anche quelli M$ sia reato mi pare una logica conseguenza. Non c'è bisogno di precedenti legali. Forse "qualcuno" prima di giocare a fare il giornalista dovrebbe imparare a leggere e a scrivere, vero L.A.?
    • Davide Impegnato scrive:
      Re: Ancora balle?

      2. In seguito all'annuncio della disputa con Tom
      Tom, M$ stessa ha già dichiarato, in un lungo e
      servile comunicato, di non avere alcuna
      intenzione di danneggiare GNU/Linux facendo
      valere i suoi brevetti fantasma.Certo, oggi non se ne preoccupano; però non è difficile immaginarsi un comportamento "di questo tipo" se mai GNU/Linux dovesse prendere più quote di mercato. Mai dire mai, soprattutto se si tratta di baruffe legali e se si tratta di M$.
      • pabloski scrive:
        Re: Ancora balle?
        in quel caso però si scontrerebbero con praticamente tutta l'industria informatica, visto che Linux ormai è legato a doppio filo a Intel e IBM e ad una miriade di aziende medio-grandichi ci dice che in windows non c'è codice GPL? e che succede se in tribunale il giudice ne chiede i sorgenti "per scoprire tutte le carte"?per MS attaccare Linux non è così semplice, altrimenti l'avrebbero già fatto....le recenti iniziative tipo quella specie di iniziativa opensource, l'aiuto a Novell, ecc.... sono state messe in opera per traghettare la loro tecnologia anche su Linux in modo da invadere anche quel mercatoevidentemente sanno bene che in tribunale prenderebbero una sonora batosta
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: Ancora balle?
          Microsoft non ha pagato gli 899 milioni di euro di multa dell'antitrust europeo. Microsoft è stata la prima azienda nella storia a non rispettare le decisioni di un'autorità antitrust, e per questo s'è beccata quella multa, che non ha pagato.Microsoft si sente (è) al di sopra della legge, è legata ovviamente a doppio filo con il governo americano (il monopolio dei sistemi operativi è molto interessante anche per la politica, cosa credi?).Se credi di avere codice microsoft perché un giudice decide così di sua spontanea iniziativa, hai una visione un po' semplicistica del mondo.Microsoft non è mica sponsor di SCO? e SCO che cosa ha fatto? non ha mica fatto causa a "Linux" a destra e manca?
          • pabloski scrive:
            Re: Ancora balle?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Microsoft non ha pagato gli 899 milioni di euro
            di multa dell'antitrust europeo. Microsoft èveramente ha presentato ricorso ma la Corte ancora deve decidere
            stata la prima azienda nella storia a non
            rispettare le decisioni di un'autorità antitrust,piuttosto c'hanno girato intorno, introducendo modifiche ai loro software....non dimentichiamo Windows N, varato proprio per evitare un'altra megamultanegli USA, dove a molti sembra abbia vinto, in realtà è sotto controllo da parte dell'antitrust ed è stata costretta a distribuire gratuitamente le specifiche di parti dell'API NT come richiesto dalle compagnie di antivirus
            Microsoft si sente (è) al di sopra della legge, è
            legata ovviamente a doppio filo con il governo
            americano (il monopolio dei sistemi operativi ècertamente ha i suoi lobbisti, però c'è tutto l'interesse negli USA a risolvere il problema....non è un caso che proprio negli USA la NSA ha lanciato un piano Linux volto all'amministrazione pubblicac'è la volontà quanto meno di proteggere le infrastrutture pubbliche fregandosene degli interessi di Ballmer e soci, cosa che in Italia pare non ci siapoi dall'altra parte della "cortina" ci sono il Sudamerica, la Russia, la Cina, l'India che proprio in virtù di questo legame MS-USA hanno rigettato i software MS al mittentein Cina Linux è al 30% di share e gli unici Windows esistenti sono le copie piratain Russia il governo ha lanciato un piano statale per la creazione di una distro made in Russia da imporre ( e lì impongono sul serio ) alla PA e indirettamente ai cittadini
            Se credi di avere codice microsoft perché un
            giudice decide così di sua spontanea iniziativa,
            hai una visione un po' semplicistica del
            mondo.
            dipende dal giudice.....tecnicamente un giudice ha il potere di ordinare l'ispezione del codice, ovviamente non è detto che lo facciama in sede processuale le aziende citate potrebbero addurre la necessità assoluta di ispezionare il codice, pena l'impossibilità a continuare il proXXXXXinsomma se MS è potente, Google, IBM e Intel non sono certo dei pivelli
            Microsoft non è mica sponsor di SCO? e SCO che
            cosa ha fatto? non ha mica fatto causa a "Linux"
            a destra e
            manca?e che fine ha fatto? ha perso sistematicamente tutti i processi col risultato di dover dichiarare la bancarotta
          • Federico scrive:
            Re: Ancora balle?
            Sono d'accordo con tutto quello che hai scritto. Penso che sia stato il caso SCO (con i miliardi buttati e i geek di tutto il mondo che per anni hanno riso di M$ quasi ogni giorno andando a caccia di notizie sull'argomento) a convincerli che non potevano continuare così. E, purtroppo, l'hanno capito appena in tempo per non andare irrimediabilmente a fondo. Sigh!Comunque non c'è bisogno che un giudice ordini di vedere il codice: basta compilare il software GNU su Windows e confrontare gli eseguibili con programmi appositi. Il fatto è che è un lavoro lungo e i sostenitori del software libero in genere preferiscono dedicarsi a cose meno sporche. Ma il giorno che succederà il danno che M$ ne ricaverà sarà enorme.
          • BlueSky scrive:
            Re: Ancora balle?
            - Scritto da: pabloski

            Microsoft non è mica sponsor di SCO? e SCO che

            cosa ha fatto? non ha mica fatto causa a "Linux"

            a destra e

            manca?

            e che fine ha fatto? ha perso sistematicamente
            tutti i processi col risultato di dover
            dichiarare la
            bancarottaNel frattempo però quell'azione legale ha seminato fud e rallentato l'adozione di Linux in ambito server, nonché spinto altre aziende a stringere accordi con MS.
          • pabloski scrive:
            Re: Ancora balle?
            in parte si, soprattutto per Novellma Redhat e le altre hanno reagito rabbiosamente chiudendo la porta a qualsiasi accordo con MS....ultimamente è stata MS ad accordarsi con Redhat per permettere ad HyperV di virtualizzare Redhat enterprise/Centossui server c'è stato un piccolo rallentamento nel 2007 a causa del fud, ma nel 2008 l'adozione di linux ha avuto una brusca impennata...ormai guadagna terreno praticamente rispetto a tutti, windows compreso
    • pabloski scrive:
      Re: Ancora balle?
      il problema sarebbe piuttosto se in fase dibattimentale il giudice chiedesse i sorgenti di windows per capire quali e quante tecnologie sono state copiatee magari i tecnici incaricati scoprirebbero che in windows ci sono pezzi di codice gpl :D .... sai che putiferio !?!
      • Pascal scrive:
        Re: Ancora balle?
        - Scritto da: pabloski
        e magari i tecnici incaricati scoprirebbero che
        in windows ci sono pezzi di codice gpl :D ....
        sai che putiferio
        !?!beh ma è risaputo da tutti, o almeno da quelli che conoscono la teoria dei grandi numeri, che nei sorgenti di windows ce' codice GPL. ma nessuno fuori da microsoft ha il tempo, la voglia e la follia di andare a controllare. e soprattutto, grazie alla DMCA, per un programmatore non-microsoft, guardare e leggere il codice di windows equivale a indossare l'anello di Sauron.
Chiudi i commenti