Tutti per 4, Roma festeggia Firefox

Una serata di festa dedicata alla quarta edizione del browser Mozilla. Una scelta etica prima che tecnica, secondo gli organizzatori

Roma – We all turned four è il titolo della festa dedicata a Mozilla Firefox, che si svolgerà venerdì 15 aprile , ore 20:00, presso il Forte Fanfulla di Roma , nel quartiere Pigneto.

Sponsorizzata da IED (Istituto Europeo di Design), accompagnata da un aperitivo, la serata presenterà tutte le novità del browser Firefox che coi suoi 400 milioni di utenti si conferma un vero successo del Web.

Nel corso dell’incontro saranno affrontate questioni etiche e relative al mercato globale . Nuovi modelli di business che, come dimostra l’esperienza di Mozilla Firefox, consentono di essere competitivi senza rinunciare all’etica professionale.

La festa dedicata alla quarta release del browser open source più usato nel mondo riposerà, per gli organizzatori, “sull’idea che la competizione sia un esercizio di stile e non un gioco al massacro”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Miss Precisini scrive:
    premessa errata
    in realtà la legge non ammette l'aggiramento della copia.è una storia vecchia e mai risolta.ti dice "puoi farti la copia personale" e tu sorridie poi prosegue "ma non puoi aggirare i sistemi anticopia" e tu non sorridi più.se tu questo problema legale lo hai risolto...http://punto-informatico.it/cerca.aspx?s=anticopia&t=4&o=0diccelo :)
    • Giovanni Barbieri scrive:
      Re: premessa errata
      Cara Miss Precisini,per essere davvero Precisini bisognerebbe dirla tutta riguardo alle legge che impedisce di superare i sistemi anticopia.Il decreto a cui fai riferimento è il D. Lgs. 68/2003, considerata da molti una norma tappabuchi di emergenza, in stile squisitamente italiano, che lascia aperte diverse lacune, prestandosi così ad interpretazione a seconda del caso che si analizza.La norma definisce legale la copia ad uso personale, solamente se si è legittimi possessori del supporto originale e contemporaneamente definisce illecito superarne le barriere di protezione volte ad impedirne la copia, anche quella personale. Già qui si ha un controsenso, in quanto come può essere legale copiare e contemporaneamente considerarsi illecito il superamento delle barriere che impediscono un'azione di per sè considerata legale?Inoltre, la norma sancisce una maggiorazione pecuniaria a cui l'acquirente dell'originale deve far fronte ogni volta che acquista un supporto, proprio per ripagare e risarcire l'autore dell'opera per la concessa legalità della copia personale. Viene dunque anche qui da domandarsi come sia possibile che un privato paghi un surplus per potersi garantire la legalità della copia personale, quando poi ottenere quella stessa copia per cui l'autore viene risarcito a volte è illecito.Insomma, la legge non è così precisa come la si vuole fare credere. In attesa che il legislatore faccia chiarezza sui controsensi contenuti nella normativa, forse il problema legale non è risolto, ma sicuramente risulta molto facilmente aggirabile ponendo in essere un'altra questione: è legale mettere in piedi sistemi di protezione atti ad impedire le legali copie personali?A voi la parola...
Chiudi i commenti