Tutti tradotti i feed della rete

Mountain View inietta l'ennesima novità nel suo lettore di feed on-line Google Reader. Per non perdersi proprio niente di un web multiculturale e multilinguistico, il tool ora traduce i contenuti durante la loro visualizzazione

Roma – Il web come “creatura” americano-centrica in cui la conoscenza della lingua inglese è imprescindibile? Certamente, ma il web è anche e soprattutto uno strumento diffuso ai quattro angoli del globo, e per chi l’inglese può leggerlo ma proprio non può fare a meno delle lezioni settimanali di sushi in giapponese Google Reader offre ora la possibilità di tradurre in tempo reale i contenuti dei feed a cui si è abbonati .

Giovandosi della tecnologia di traduzione automatica di Google Translate , il Reader è in grado di processare l’impressionante panoplia di lingue supportate (si va dall’arabo al vietnamita passando per il cinese e il tagalog ) per mezzo di una nuova opzione disponibile nelle impostazioni dei feed raggiungibili dalla slide corrispondente, opzione che prevedibilmente in italiano si chiama “Traduci nella mia lingua”.

La traduzione, evidenziano sul blog di Google Reader , è immediata e in tempo reale e rimarrà attiva sul feed finché sarà selezionata l’opzione corrispondente.

Vista la stretta interdipendenza ora esistente tra i servizi Reader e Translate, si legge poi sul blog, i miglioramenti delle capacità del secondo si rispecchieranno istantaneamente sul primo .

La nuova “feature” di Google Reader sembra sia stata accolta in maniera positiva : c’è chi, come TechCrunch , ne apprezza le abilità di traduzione e chi si spinge, come succede su Mashable , a parlare di abbattimento delle barriere culturali tra Oriente e Occidente “ora che il tool più usato per la lettura dei blog è in grado di rendere questo ostacolo (della lingua, ndr) solo ipotetico”. Gli abitanti della rete da oggi sono almeno un pochino più vicino.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AlexdelVier o scrive:
    messi in freezer?
    Mettere in nastri in freezer non credo sia una buona mossa.se non ricordo male i nastri magnetici vanno conservatia una temperatura di 20/25 gradi con umidita 30% circa.Saluti
  • Calibano scrive:
    Boh... ma non facevano prima...
    ... a riprendere il progetto originale del driver e ricostruirlo da nuovo magari con nuove componenti, in maniera tale da adattarlo anche alla vecchiaia dei nastri?Vabbene il fascino del vintage... ma qui secondo me s'esagera.
  • Dti Revenge scrive:
    sempre ammesso che...
    sempre ammesso che quelli della nasa siano davvero stati sulla luna!http://www.indicius.it/archivio/nasa_3.htm
    • lellykelly scrive:
      Re: sempre ammesso che...
      bè, la nasa ha le prove, gli altri solo dei forse
    • z f k scrive:
      Re: sempre ammesso che...
      - Scritto da: Dti Revenge
      sempre ammesso che quelli della nasa siano
      davvero stati sulla
      luna!Vero, vero.Io ci sono stato in ferie l'altranno e non c'era niente dico niente che indicasse che ci siano andati.Ho pure trovato una targa in ottone con su scritto "qui dormi' il barone di munchausen", ma sugli americani niente ! Altro che bandiera e piccolopassoperunuomo...CYA
  • Dedrisproject scrive:
    dalla NASA non me l'aspettavo
    non potevano fare aggiornamenti periodici dei sistemi di backup?lo si fa comunemente, dai floppy ai cd , dai cd ai dvd , dai dvd ai blurayl'aggiornamento dei supporti è fondamentalesperiamo non vadano persi i dati, sarebbe un peccato
    • Mr.God scrive:
      Re: dalla NASA non me l'aspettavo
      Anche noi non ci aspettavamo una foto come la tua, eppure..
      • Dedrisproject scrive:
        Re: dalla NASA non me l'aspettavo
        meglio farsi vedere , che nascondersi dietro un avatar anonimo !
        • Mr.God scrive:
          Re: dalla NASA non me l'aspettavo
          - Scritto da: Dedrisproject
          meglio farsi vedere , che nascondersi dietro un
          avatar anonimo
          !Sei coraggioso come le loffe silenziose!
        • hiccup scrive:
          Re: dalla NASA non me l'aspettavo
          Visto che siamo noi a vedere la tua faccia, permetti che preferiremmo il tuo anonimato dietro un avatar ;-)
          • Dedrisproject scrive:
            Re: dalla NASA non me l'aspettavo
            Impeditemelo !!
          • hiccup scrive:
            Re: dalla NASA non me l'aspettavo
            Non era questo il punto. Non si puo' impedire e la tua e' retorica da bar.Prendi le provocazioni con meno ego, grazie
    • ... scrive:
      Re: dalla NASA non me l'aspettavo
      aggiornamento dei sistemi di backup???ma se si usano ancora i nastri...sono l'unico affidabile, dvd, cd, blue ray, è tutta robaccia che dura 2 mesi quando va bene
      • bloodlust scrive:
        Re: dalla NASA non me l'aspettavo
        Le tecnologie nastro sono in continua evoluzione per cui è necessario comunque un aggiornamento del tipo di supporto (drive e cartridge).
        • lellykelly scrive:
          Re: dalla NASA non me l'aspettavo
          e comunque ogni supporto atto a contenere dati si degrada.ammeno che si decida di scrivere degli uni e degli zeri sul marmo e farci una copia in accaio.
        • hiccup scrive:
          Re: dalla NASA non me l'aspettavo
          Ma al contempo stesso devono riutilizzare un drive IBM 729.Dunque o si aggiornano i supporti, migrazione dei contenuti su supporti recenti o si mantiene disponibile l'hardware (spolverandolo ognigiorno ;-) ).Comunque il problema non sembra essere stato questo ma la poca (scenziati di allora, archiviazione, dimeticatoio) considerazione dei contenuti. Contenuti considerati di maggiore importanza sarebbero stati archiviati (e rinnovati nei loro archivi) con maggiore cura.
  • Pino scrive:
    Peggio questi nastri o i video?
    Ci si dispera per dei nastri con dati sulla polvere???E allora pensiamo al fatto che la NASA ha perso iFILMATI ORIGINALI DELL'ATTERRAGGIO DELL'UOMO SULLA LUNAForse è un pochino peggio, o sbaglio?Un documento storico, di importanza immensa.Ci rimangono solo riprese sfuocate derivanti da doppio passaggio a monitor......E se questi nastri li avessero fatti sparire volutamente?... d'altronde, con le moderne tecnologie di analisi video, si vedrebbe subito se questi filmati sono stati registrati in studio.... mah!Speriamo che io mi sbagli e che un giorno saltino fuori questi benedetti filmati ad alta risoluzione.... :
    • Astronauta scrive:
      Re: Peggio questi nastri o i video?
      Mi viene il dubbio che non siano mai esistiti
    • z f k scrive:
      Re: Peggio questi nastri o i video?
      - Scritto da: Pino
      E allora pensiamo al fatto che la NASA ha perso i

      FILMATI ORIGINALI DELL'ATTERRAGGIO DELL'UOMO
      SULLA
      LUNALi hanno fatti sparire perche' sullo sfondo c'era ET che pisciava contro una roccia e gli accordi degli usa con i rettiliani(*) non consentono una tale caduta d'immagine.CYA*) ET e' un rettiliano, e' una cosa evidentissima.
      • Esatto scrive:
        Re: Peggio questi nastri o i video?
        Inoltre violava la presenza di ET comportava la violazione di un copyright a nome di Steven Spielberg (registrato però negli anni '80)
  • Suni scrive:
    ma insomma
    All'inizio utilizzavo i floppy disk, poi per evitare di perdere i dati facevo sempre almeno due salvataggi, uno su un floppy che tenevo in una normale cassettiera, pronto all'uso, uno invece di archiviazione che mettevo in una plastica sotto tenuta vuoto, di emergenza. Poi sono arrivati i CD, e il mio metodo di backup non è cambiato, regolarmente una volta al mese, e poi a fine anno eseguivo i miei backup. Ora utilizzo esclusivamente HD ma il principio non è cambiato, i dati che utilizzo di più si trovano nell'HD del PC, con copia su un'unità RAID 5, a fine anno, prendo il tutto e metto tutti i dati che non posso perdere in un HD sotto vuoto che custodisco in un cassetto. Le fotografie e i documenti più importanti li custodisco anche in uno spazio server fornito da provider.Direte che fine hanno fatto i floppy? Buttati via! E già! perche i dati presenti nei floppy sono prima finiti nei CD e ora negli HD. Per far superare le interperie del tempo, è sufficiente recuperare i dati e inserirli in un supporto più moderno.Comunque concordo che prima o poi la tecnologia dovrà evolversi e trovare una soluzione solida semplice e adeguata per evitare la perdita dei dati.Mi stupisco che la nasa invece abbia preso tutto il proprio materiale e lo abbia depositato in un magazzino polveroso per tanti anni senza minimamente preoccuparsi di trasferire i dati su nuovi e più capienti supporti.Secondo me, questa è un'ulteriore riprova di come la storia del piccolo passo per l'uomo sia in realtà una grande grande bufala architettata a dovere!
    • Francesco scrive:
      Re: ma insomma
      Wow che parismonia nel salvataggio di dati...Probabilmente tutti quei nastri non occuperebbero più di qualche MB su un disco...Però non sfociamo nel lunacomplottismo che diventi ridicolo ;)
    • lellykelly scrive:
      Re: ma insomma
      ma il loro magazzino non andrà a fuoco, te potresti perdere i dati in un incendio.o metti che ti sparano in cameretta con un proiettile perforante e che ti trapassa e va a bucare il raid, il quale deviando di pochi gradi la traiettoria del proiettile buca l'hd del cassetto, che trovandosi sotto vuoto si riempie d'aria e varia un'altra volta la traiettoria del proiettile, il quale colpisce lo scaldabagno facendo uscire l'acqua zampillante fino allo spazzolino elettrico che andrà in corto scoppiando e la testina andrà a colpire la lampadina ad incandescenza del soffitto che rompendosi farà toccare il gas dello scaldabagno che nel frattempo era uscito e la serpentina contenuta in essa facendo esplodere la casa.dovresti pensare ad un backup in un'altro stato.
      • Rick scrive:
        Re: ma insomma
        Io lo faccio :-)Ho un hard disk con i dati nel PC, 2 hard disk in USB, un'unità Rev che fa backup su 5 cassette a rotazione, una cassetta di sicurezza in banca in cui ogni tanto metto dei backup e per finire, il backup una volta a settimana su un server remoto (che non si trova in italia)
  • soulista scrive:
    invece del nastro magnetico...
    Invece di archiviare su nastro magnetico potevano usare i dischi in vinile! Più robusti anche se meno capienti, ma con il vantaggio della possibilità di accesso casuale tramite posizionamento manuale della puntina.E poi sai che figata una archiviazione analogica?
    • TonyJay scrive:
      Re: invece del nastro magnetico...
      - Scritto da: soulista
      Invece di archiviare su nastro magnetico potevano
      usare i dischi in vinile! Più robusti anche se
      meno capienti, ma con il vantaggio della
      possibilità di accesso casuale tramite
      posizionamento manuale della
      puntina.
      E poi sai che figata una archiviazione analogica?Premetto che questa E' GENIALE... e vorrei aggiungere del mio all'idea: soulista dice che sono poco capienti e in effetti è vero, su un lato di un 33 giri ci stanno circa 14 minuti di musica (attenzione ho detto musica) è anche vero che si potrebbe rallentare la velocità di rotazione, ricordate i vecchissimi 16 giri?...così aumenta lo spazio oppure avvicinando i solchi o ancora registrando in mono anzichè in stereo...Insomma, il vinile secondo me va rivalutato! :-D
      • Francesco scrive:
        Re: invece del nastro magnetico...
        Una volta sì, ma io mi tengo la mia pen drive che posso portare anche nel portafogli :DE se dici che dopo molte sovrascritture la memoria si degrada... Beh, almeno a differenza del vinile ce l'ha la sovrascrittura ;)
        • TonyJay scrive:
          Re: invece del nastro magnetico...
          Sicuramente Francesco, ma vuoi mettere l'emozione di dire: "ti faccio vedere le foto delle ferie" e tirare fuori un bel giradisci LESA (tipo questo http://www.caravecchiaradio.it/Foto%20non%20solo%20radio/LESA%20-%20KID.JPG) poggiare la puntina e via che si vedono le foto sul monitor del pc? :-)Certo un 33 non è comodo ma ci sono sempre i 45 giri :-P
          • z f k scrive:
            Re: invece del nastro magnetico...
            - Scritto da: TonyJay
            Sicuramente Francesco, ma vuoi mettere l'emozione
            di dire: "ti faccio vedere le foto delle ferie" e
            tirare fuori un bel giradisci LESA (tipo questo
            http://www.caravecchiaradio.it/Foto%20non%20solo%2Idea mooolto carina, maaa... come li faccio, i vinili, in casa?CYA
    • ninjaverde scrive:
      Re: invece del nastro magnetico...
      - Scritto da: soulista
      Invece di archiviare su nastro magnetico potevano
      usare i dischi in vinile! Più robusti anche se
      meno capienti, ma con il vantaggio della
      possibilità di accesso casuale tramite
      posizionamento manuale della
      puntina.
      E poi sai che figata una archiviazione analogica? Non penso prorio che l'archiviazione di tali nastri sia stata fatta col metodo analogico, ma bensì con dati digitali, anche i vecchissimi computer erano macchine digitali.Quindi niente possibilità di usare dischi vinilici con puntina meccanica.
      • z f k scrive:
        Re: invece del nastro magnetico...
        - Scritto da: ninjaverde
        - Scritto da: soulista

        Invece di archiviare su nastro magnetico
        potevano

        usare i dischi in vinile! Più robusti anche se

        meno capienti, ma con il vantaggio della

        possibilità di accesso casuale tramite

        posizionamento manuale della

        puntina.

        E poi sai che figata una archiviazione
        analogica?
        Non penso prorio che l'archiviazione di tali
        nastri sia stata fatta col metodo analogico, ma
        bensì con dati digitali, anche i vecchissimi
        computer erano macchine
        digitali.
        Quindi niente possibilità di usare dischi
        vinilici con puntina
        meccanica.LOL.Epperchenno?Che gliene frega al supporto-vinile di cosa cavolo ci e' inciso sopra?Questo per quanto riguarda il "niente possibilita' di".L'interfaccia con un computer e' da studiare, ma al piu' si va giu' di ADC.Riguardo l'archiviazione analogica: Epperchenno? :DRicordo solo degli aggeggi chiamati Mo-Dem, ossia Modulatore-Demodulatore, i quali - guarda caso - fanno proprio una conversione di dati digitali in un segnale analogico (e viceversa).Troppa specializzazione fa male?CYA
        • ninjaverde scrive:
          Re: invece del nastro magnetico...


          Epperchenno?
          Che gliene frega al supporto-vinile di cosa
          cavolo ci e' inciso
          sopra?Ma al vinile probailmente non gliene frega niente, alla puntina invece sì.Il digitale non è formato da un'"onda" (i solchi sul vinile formano una traccia ondulata) ma da 0 ed 1, ossia in pratica da buchi conseguenziali che possono corrispondere ad 1 lo zero sarà uno spazio o un buco meno profondo, oppure un solco ad onda quadra. Quindi la punta meccanica o si rompe o cancella la traccia. Oggi si può usare il digitale anche per la musica dando valore numerico alle onde sonore, e poi si possono leggere con il laser, incidendo un CD ottico.
          Questo per quanto riguarda il "niente
          possibilita'
          di".
          L'interfaccia con un computer e' da studiare, ma
          al piu' si va giu' di
          ADC.Ricordo che i computer di allora non erano programmabili.Fatti un'idea.Il Fofware in pratica simula dei circuiti elettronici.Tale lavoro lo fa la cpu, memorie e tutto il resto.Ma allora non vi erano ancora CPU programmabili o si era ai primi passi.

          Riguardo l'archiviazione analogica: Epperchenno?
          :D
          Ricordo solo degli aggeggi chiamati Mo-Dem, ossia
          Modulatore-Demodulatore, i quali - guarda caso -
          fanno proprio una conversione di dati digitali in
          un segnale analogico (e
          viceversa).

          Troppa specializzazione fa male?L'analogico ha un piccolo difetto quando si tratta di dati puri.Semplicemente non è preciro, è approssimato.Ho una calcolatrice più o meno dell'epoca, ed è digitale.Niente programmazione, è una buona calcolatrice e basta, non è paragonabile ad un telefonino di oggi, che servono per telefonare, fare foto, fare filmini e fare anche il caffè.I calcoli matematici non li puoi approssimare come la musica, verrebbe fuori un'insalata al posto di una bicicletta.Nel passato si lavorava con i mezzi dell'epoca, oggi si possono usare altri mezzi, ma pensare che i computer degli anni 60 fossero sulle stesse basi di funzionamento di quelli di oggi è un'idea sbagliata.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 novembre 2008 13.37-----------------------------------------------------------
  • unaDuraLezione scrive:
    Ma come?
    contenuto non disponibile
    • windows scrive:
      Re: Ma come?
      uff il solito comunistano qua, no la, no tav, no alitalia, non fare quello, non fare questo, non si aiutano le banche con i soldi dei cittadini...non si regala un'azienda in fallimento alla mafia e si danno i debiti allo stato... e l'undici settembre era stato scritto nel 1962 per avere una scusante per invadere cuba...e sulla luna non ci sono mai andati tanto da avverlo ammesso anche il responsabile della nasa...i soliti comunisti che si ostinano a non voler passare le giornate tra quiz, calcio e veline.************nota per i meno svegli: sono sarcastico.************
  • Alfonso Maruccia scrive:
    x Redazione: Errore nel testo
    Come mi è stato giustamente fatto notare via PM, "Holmes non si schernisce" dovrebbe invece essere "Holmes non si schermisce".Devo smetterla di sniffare la polvere espirata fuori dalla ventola dello chassis, mi fa male, mi fa male :-D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 novembre 2008 10.06-----------------------------------------------------------
    • Anonymous scrive:
      Re: x Redazione: Errore nel testo
      - Scritto da: Alfonso Maruccia
      Come mi è stato giustamente fatto notare via PM,
      "Holmes non si schernisce" dovrebbe invece essere
      "Holmes non si
      schermisce".
      ma...ma LOL! :...il funzionamento di PI invece rimarrà per sempre un mistero...
      Devo smetterla di sniffare la polvere espirata
      fuori dalla ventola dello chassis, mi fa male, mi
      fa male
      :-Dbasta che conservi le specifiche di quella polvere in un formato aperto così tra 40 anni sapranno ricostruirti la carcassa a partire da quel che ne rimane :)
      • Alfonso Maruccia scrive:
        Re: x Redazione: Errore nel testo
        - Scritto da: Anonymous
        basta che conservi le specifiche di quella
        polvere in un formato aperto così tra 40 anni
        sapranno ricostruirti la carcassa a partire da
        quel che ne rimane
        :)No guarda, meglio che schiatti il blueprint assieme a me XDAh, poi guarda che io tra 40 anni spero ancora di essere in circolazione salvo imprevisti eh (*si gratta...*) XD-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 novembre 2008 15.31-----------------------------------------------------------
  • anonymous scrive:
    non é che
    volevate scrivere si scherMisce ?
  • Enjoy with Us scrive:
    Scusate ma....
    Invece di restaurare un ferrovecchio da museo, non era più semplice costruire un lettore nuovo di pacca che operasse secondo le specifiche originali?IBM quelle specifiche le avrà ben a disposizione!
    • nicolino scrive:
      Re: Scusate ma....
      Certo, sono memorizzate in un tape simile e... non si riescono a leggere :-)
    • acno scrive:
      Re: Scusate ma....
      Penso sia soprattutto un problema di costi. Le testine, i tamburi, i motori, tutti pezzi su misura da ridisegnare e ricostruire, anche avendo le specifiche, ci vorrebbe parecchio tempo e anche parecchi soldi. Non che sia impossibile, ma ripararne uno vecchio sarebbe infinitamente piu' semplice!
    • sognatore scrive:
      Re: Scusate ma....
      Secondo me la cosa piu' logica è tornare sulla Luna e vedere come stanno le cose... ma vi rendete conto che ci siamo andati 40 (QUARANTA) anni fa e oggi non ne siamo capaci... che pena.
      • Utente 77 scrive:
        Re: Scusate ma....
        - Scritto da: sognatore
        Secondo me la cosa piu' logica è tornare sulla
        Luna e vedere come stanno le cose... ma vi
        rendete conto che ci siamo andati 40 (QUARANTA)
        anni fa e oggi non ne siamo capaci... che
        pena.Non è esatto. Siamo virtualmente in grado di farlo, ma mancano i fondi e l'interesse, da quello che leggo in giro.
      • Matteo B. scrive:
        Re: Scusate ma....
        Si, ma ci siamo andati davvero?
        • Andrea Ungaro scrive:
          Re: Scusate ma....
          Sì, e ci sono delle prove scientifiche. Il resto sono chiacchiere da bar.E sai qual è la prova migliore, non scientifica ma importante? Che i Sovietici, che pure avevano penetrato anche i programmi di ricerca americani sulle armi atomiche, non hanno detto nulla al riguardo della Luna. Chissà perchè.Cmq a breve un satellite passerà da quelle parti e darà un'occhiata, se non ricordo male, così vi potrete togliere il dubbio.Ciao!
          • Esatto scrive:
            Re: Scusate ma....
            E se i sovietici non hanno obiettato (ammettendo implicitamente la sconfitta sul fronte dell'esplorazione spaziale durante la guerra fredda), vuol dire che le prove erano più che convincenti. Anche io sono solito ricordare queste cose a chi dubita dello sbarco sulla luna da parte degli americani. C'è stato uno speciale in tv (l'anno scorso?) presentato da Piero Angela che ripercorreva le tappe dell'esplorazione spaziale: quando si è trattato dello sbarco sulla luna ha smontato tutte le leggende che vogliono che gli americani non ci siano andati veramente e per primi; se riuscite a trovarlo in internet è IMHO molto interessante
      • z f k scrive:
        Re: Scusate ma....
        - Scritto da: sognatore
        Secondo me la cosa piu' logica è tornare sulla
        Luna e vedere come stanno le cose... ma vi
        rendete conto che ci siamo andati 40 (QUARANTA)
        anni fa e oggi non ne siamo capaci... che
        pena.Cavolo, hai ragione.Sai le cose che cambiano, in quarant'anni!Chissa' cosa ne sara' di quella vecchia polvere, lassu', dopo tutto questo tempo...CYA
    • The Raptus scrive:
      Re: Scusate ma....
      Ti do anche una "traccia". Siamo sicuri che ci siano veramente andati?:-)Saluti!
      • Andrea Ungaro scrive:
        Re: Scusate ma....
        Sì, e ci sono delle prove scientifiche. Il resto sono chiacchiere da bar.E sai qual è la prova migliore, non scientifica ma importante? Che i Sovietici, che pure avevano penetrato anche i programmi di ricerca americani sulle armi atomiche, non hanno detto nulla al riguardo della Luna. Chissà perchè.Cmq a breve un satellite passerà da quelle parti e darà un'occhiata, se non ricordo male, così vi potrete togliere il dubbio.Ciao!
        • soulista scrive:
          Re: Scusate ma....
          - Scritto da: Andrea Ungaro
          Cmq a breve un satellite passerà da quelle parti
          e darà un'occhiata, se non ricordo male, così vi
          potrete togliere il
          dubbio.
          Ciao!Forse é proprio per quello che vogliono andarci! per posizionare delle prove "ad arte"...(fine chiacchiera da bar)
          • Astronauta scrive:
            Re: Scusate ma....

            Siamo sicuri che ci siano veramente andati?Che ci sono andati è fuori da ogni dubbio;semmai il dubbio era sulle immagini che ci hanno proposto in mondovisione.Sembra, ma non ci sono prove, che quellesiano state girate in un capannone e nonsulla luna, per avere un effetto scenograficomigliore.
          • lellykelly scrive:
            Re: Scusate ma....
            fino a prova contraria ci siamo andati.
  • rockroll scrive:
    Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
    Ma, ragazzi, io ho 66 anni (che per fortuna non dimostro affatto) e conservo sempre gelosamente la cassette (oltre che i vinile) degli anni d'oro, comprese le musicassette che incidevo col mio complesso negli anni 60. Ebbene, prima di scrivere questo post, ho voluto provare le mie normalissime cassette dei tempi eroici, rock and roll mitico degli anni d'oro, nastri alquanto anteriori al 69 (prima discesa dell'uomo sulla Luna). Signori miei, non ho notato deterioramenti apprezzabili ! Solo il timbro apppena un po' cupo al primo passaggio, poi, ripulite le testine, è tornato tutto perfetto come ai bei tempi ...E non mi è stato di nessuna difficoltà reperire il "lettore" adatto al formato, visto che conservo con cura le buone piastre di lettura Tape e Vynil e di ragistrazione Tape che avevo all'epoca. Se l'ho fatto io per delle "canzonette", non lo ha fatto la Nasa per un patrimonio incommensurabile dell'Umanità????? Certo discorso diverso è per i dati digitali, ammesso che per la Nasa fossero tali a quell'epoca: una cosa è perdere qualche dettaglio nella riproduzione sonora analogica, pur continuando il pezzo musicale ad essere ascoltabilissimo, e tutt'un'altra è perdere qualche bit in una sequenza matematica di valori numerici digitali correlati più o meno strettamente, così come sarebbe disastroso perdere bit in un programma in forma Load Moule (assoluto). In ogni caso, trattandosi di dati numerici e non di programmi assoluti, e sopratutto di dati su cui essenzialmente vengono fatte statistiche e rilevamenti a campione più che di massa, la perdita (molto probabile) di qualche informazione non dovrebbe costituire un grosso problema, investendo sicuramente una percentuale molto bassa dei dati originariamente scritti. Se mai il problema è la stupidità dei nostri apparati tecnologici, che al primo errore riscontrato, magari solo di parità/disparità, si rifiutano di proseguire la lettura, causandoci la perdità di tutto quel che ancora l'unità sarebbe benissimo in grado di leggere: i presunti e spesso ridicoli controlli di sicurazza sui dati diventano una palla al piede mostruosa che preclude la possibilità di accedere alla gran mole di dati ulteriori che sarebbe ancora leggibilissima... E questo a maggiopr ragioni in caso di "nastri", trattandosi di lettura squisitamente sequenziale... E' la stessa totale stupidità che troviamo nelle nostre comunissime unità ottiche di lettura CD/DVD (e, ancor più ridicolo ...BR.... con caterve enormi di dati persi...): speriamo solo che il microscopico graffietto superficiale sia verso la fine dei dati, perchè diversamente buttiamo via tutto, benchè il 99,999% dei dati sia perfettamente integro e quindi leggibile da un lettore meno fiscale (e in questo caso meno stupido)...Ahhhh, la stupidità umana......
    • bubba scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      - Scritto da: rockroll
      Ma, ragazzi, io ho 66 anni (che per fortuna non
      dimostro affatto) e conservo sempre gelosamente
      la cassette (oltre che i vinile) degli anni
      d'oro, comprese le musicassette che incidevo col
      mio complesso negli anni 60.(..)
      Certo discorso diverso è per i dati digitali,
      ammesso che per la Nasa fossero tali a
      quell'epoca: una cosa è perdere qualche dettaglio
      nella riproduzione sonora analogica, pur
      continuando il pezzo musicale ad essere
      ascoltabilissimo, e tutt'un'altra è perdere
      qualche bit in una sequenza matematica di valoriecco appunto..quelli non erano mica dei walkman con la cassetta audio.. erano dei pizzoni da 7 tracce contemporanee.. che viaggiavano a 8metri/sec.. e ci scrivevano dati digitali.Ai fan di c64/spectrum ecc e' noto quante beghe ci sono nel recupero dei normali tape fatti negli anni 80 (no non parlo di quanto sia faticoso clickare sul tape.exe, ma delle problematiche che ci stanno dietro) campionando la suddetta, e analizzandone la traccia.E in effetti mi chiedevo xche ,invece di perdere tempo dietro allo scassone, non ne fanno una versione moderna, campionando e poi analizzando con calma (cosi evitano anche di far frollare molte volte il nastro). Certo magari non hanno le specifiche esatte (strano) di quei lettori IBM. O forse non ci hanno manco pensato :)
      • asd scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        la donanda e' se lo sapranno ancora usare.... figurati se lo sanno rifare da 0
        • ninjaverde scrive:
          Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
          - Scritto da: asd
          la donanda e' se lo sapranno ancora usare....
          figurati se lo sanno rifare da
          0Ma se sono stati conservati i progetti alla IBM lo possono anche rifare... Tuttavia riparare o ripristinare il vecchio è sicuramente molto più economico. Uno nuovo vale quanto un prototipo o quasi. Quelle macchine quasi sicuramente non erano su di una base hardware e software, ma solo hardware. Quindi computer specializzati per fare un solo compito specifico, ed i codici memorizzati sono leggibili quindi solo con quel tipo di macchina.
    • Magenta scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      Saro' troppo givane io per capire ma a me pare che nell'articolo si parli di dati fisicamente esistenti (quelli conservati in freezer) e potenzialmente leggibili come le tue canzoni, solo che le apparecchiature che dovrebbero leggerli sono pezzi da museo non operativi.Perche' per comprendere le difficolta', non provi a sentire le tue vecchie casette senza registratore?
      • hiccup scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        che sciocchezza (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • rockroll scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        @magenta: difatti la difficoltà della Nasa è dovuta al non aver conservato inefficienza il suddetto lettore, cosa che invece io nel mio piccolo ho fatto.
    • baruglio scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      forse il problema è un tantino più complesso e la precisione richiesta un po' differente.penso invece che se l'ibm non è in grado di tirar fuori i progetti di quella volta e ricostruire l'apparato, non siamo messi bene.la nasa dovrebbe avere tutto di tutto per sempre.una agenzia governativa o di sicurezza non dovrebbe avere qualcosa di cui non ha i progetti.
      • BertZ scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        Ti ricordo che la Nasa oggi come oggi compra pezzi di Ricambio per lo Shuttle su eBay in quanto non ne producono piu'...e poi gli hanno segato un sacco di Fondi....
        • Anonymous scrive:
          Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
          - Scritto da: BertZ
          Ti ricordo che la Nasa oggi come oggi compra
          pezzi di Ricambio per lo Shuttle su eBay in
          quanto non ne producono
          piu'...
          e da chi, di grazia? :)(risp: "buran")
          e poi gli hanno segato un sacco di Fondi....già, speriamo che Obama sia più lungimirante...
    • pippo scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora

      Ma, ragazzi, io ho 66 anni (che per fortuna non
      dimostro affatto) e conservo sempre gelosamente
      la cassette (oltre che i vinile) degli anni
      d'oro, comprese le musicassette che incidevo col
      mio complesso negli anni 60.

      Ebbene, prima di scrivere questo post, ho voluto
      provare le mie normalissime cassette dei tempi
      eroici, rock and roll mitico degli anni d'oro,
      nastri alquanto anteriori al 69 (prima discesa
      dell'uomo sulla Luna).

      Signori miei, non ho notato deterioramenti
      apprezzabili !(rotfl)(rotfl)(rotfl)Controllati l'udito :D
      • rockroll scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        @pippo: certe differenze le puoi apprezzare solo se la qualità originale era elevata; a quei tempi la qualità dei supporti e delle apparecchiature alla portata di studentelli squattrinati erano quel che erano. Hai presente il mitico "Gelosino"?Al giorno d'oggi ci sono taluni che millantano di cogliere le differenze tra un formato CDA e la sua compressione in MP3 a 320 bps.... (salvo poi venire smentiti da verifiche in sala d'ascolto...). Se costoro ascoltassero i miei nastri inorridirebbero, ma nello stesso modo in cui sarebbero inorriditi 40 anni or sono...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 novembre 2008 20.39-----------------------------------------------------------
    • Paolino scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      - Scritto da: rockroll[cut]
      E non mi è stato di nessuna difficoltà reperire
      il "lettore" adatto al formato, visto che
      conservo con cura le buone piastre di lettura
      Tape e Vynil e di ragistrazione Tape che avevo
      all'epoca. Se l'ho fatto io per delle
      "canzonette", non lo ha fatto la Nasa per un
      patrimonio incommensurabile
      dell'Umanità????? Perche' erano considerati dati senza valore, ti e' chiaro il semplice concetto???[cut]
      Ahhhh, la stupidità umana......Quella non ti permette di capire il semplice concetto
      • rockroll scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        @paolino: veramente sei tu che non mi hai capito (in ottemperanza all'esclamazione di cui sopra). La stupidità umana cui mi riferivo non era attribuita alla insipienza della Nasa che considerò di scarso interesse quei dati, quanto al fatto che le apparecchiature anche attuali dotate di controlli anche e spesso inutilmente sofisticati, non ti mettono normalmente in grado di bypassare l'inghippo, facendoti perdere il grosso di dati per altro leggibilissimi; e non ho detto che i tecnici di laboratorio non sarebbro in grado di provvedere in merito: la stupidità umana era riferita al fatto che normalmente questa banale possibilità (a volte non tanto banale, ma comunque possibile), non te la danno e continueranno a non dartela...
    • wbonx scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      - Scritto da: rockroll
      Ma, ragazzi, io ho 66 anni (che per fortuna non
      dimostro affatto) e conservo sempre gelosamente
      ........
      .........
      buttiamo via tutto, benchè il 99,999% dei dati
      sia perfettamente integro e quindi leggibile da
      un lettore meno fiscale (e in questo caso meno
      stupido)...

      Ahhhh, la stupidità umana......Bel post, perdona la stupidita' medie delle persone sul forum di PI negli ultimi 2/3 anni, come del resto e' scaduta l'intelligenza medie dell'utente sul web.
      • rockroll scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        - Scritto da: wbonx
        - Scritto da: rockroll

        Ma, ragazzi, io ho 66 anni (che per fortuna non

        dimostro affatto) e conservo sempre gelosamente

        ........


        .........

        buttiamo via tutto, benchè il 99,999% dei dati

        sia perfettamente integro e quindi leggibile da

        un lettore meno fiscale (e in questo caso meno

        stupido)...



        Ahhhh, la stupidità umana......


        Bel post, perdona la stupidita' medie delle
        persone sul forum di PI negli ultimi 2/3 anni,
        come del resto e' scaduta l'intelligenza medie
        dell'utente sul
        web.Ma ormai ci ho fatto il callo!Non è facile perdonare insulti gratuiti anche su argomenti che non riguardano alcuna faziosità o presa di posizione: è per questo che spesso rinuncio agli interventi, mentre una volta ero onnipresente.Comunque grazie per le tue parole, a volte vorrei scrivere illudendomi che ci siano ancora molte persone come te.
    • anonymous scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      Il fatto che alcuni lettori interrompano la lettura se alcuni dati sono corrotti non significa che un qualsiasi lettore non sia in grado di continuare la lettura anche se trova dei dati illeggibili, devi solo ordinargli di non fermarsi :)Sara' che sono tanto giovane, ma prima di considerare come un branco di idioti dei tecnici presumibilmente competenti, sulla base di informazioni incomplete, beh io ci penserei un pochino.
      • z f k scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        - Scritto da: anonymous
        Il fatto che alcuni lettori interrompano la
        lettura se alcuni dati sono corrotti non
        significa che un qualsiasi lettore non sia in
        grado di continuare la lettura anche se trova dei
        dati illeggibili, devi solo ordinargli di non
        fermarsi
        :)Quasi esatto.Il punto e' sapere come sono organizzati quei dati, se c'e' un inizio sezione e una fine sezione oppure c'e' un indice iniziale, se i dati sono compressi o meno, se i nastri sono stati scritti ad alta densita' o cos'altro, eccetera.Insomma, il problema principale e' fare una copia raw di quei dati, riversandoli su supporti moderni (una sorta di .tar o di .iso, giusto per darvi l'idea) e a quel punto si puo' farci praticamente tutto quello che si vuole, basta scrivere il sw adatto.Il problema del riversamento sta piuttosto nel leggere i nastri e nell'interfacciare il lettore alla macchina che li dovra' registrare sul nuovo supporto.Come li leggi? Col loro lettore, ovvio. Che dev'essere rimesso in condizioni operative. I nastri, poi, possono essere talmente deteriorati da frantumarsi in una forfora digitale al solo tentativo di farli girare alle velocita' operative per cui e' progettato il lettore...Insomma, c'e' da lavorare.CYA
      • rockroll scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        - Scritto da: anonymous
        Il fatto che alcuni lettori interrompano la
        lettura se alcuni dati sono corrotti non
        significa che un qualsiasi lettore non sia in
        grado di continuare la lettura anche se trova dei
        dati illeggibili, devi solo ordinargli di non
        fermarsi
        :)

        Sara' che sono tanto giovane, ma prima di
        considerare come un branco di idioti dei tecnici
        presumibilmente competenti, sulla base di
        informazioni incomplete, beh io ci penserei un
        pochino.Anche a te rispondo che non ho detto che i tecnici del caso siano incompetenti, ma solo che certe possibilità di bypass e recupero dati oltre la posizione corrotta, comunque possibilissimo nei casi sopra descritti, non te le danno proprio, e continueranno a non dartele, magari per motivo di politica commerciale...Non so a te, ma a me sembra una cosa stupida.
    • jobb scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      ammappa che bel post che hai scritto...66 anni ma quanto sei in gamba...allora esistono ancoraaaaa
      • rockroll scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        - Scritto da: jobb
        ammappa che bel post che hai scritto...66 anni ma
        quanto sei in gamba...allora esistono
        ancoraaaaaLo prendo alla lettera, come un complimento, visto che dovremmo essere tra persone civili e non tra ragazzotti maleducati e presuntuosi.
    • Rick scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      Se ti può interessare esiste il metodo per togliere i graffi dai CD e renderli di nuovo leggibili...Se vai in qualche videoteca ben attrezzata, hanno un macchinario che toglie i graffi al cd, levigandoloMi preoccupano di più i CD di scarsa qualità che perdono i dati come per magia, senza bisogno di graffiarli
    • Bastard Inside scrive:
      Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
      Ammazza che nastri robusti, saranno dello stesso materiale con cui Little Tony continua a farsi da mezzo secolo la "banana"? (idea) :p
      • rockroll scrive:
        Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
        - Scritto da: Bastard Inside
        Ammazza che nastri robusti, saranno dello stesso
        materiale con cui Little Tony continua a farsi da
        mezzo secolo la "banana"? (idea)
        :pDipende essenzialmente da quanto li usi; erano essenzialmente cassette MC Maxwell C60 quelli da me incisi, ma le prime registrazioni, sicuramente antecedenti il 69, erano su nastri a bobina del mitico "Gelosino" che ancora conservo in efficienza, mono, nella qualità che ti lascio immaginare, ma tuttora non apprezzabilmente degradati. Altri nastri MC di anni 60/70 erano normalissimi acquisti in negozi di musica. Quel che posso dirti è che il tempo non provoca particolari usure, se non un tenuissimo effetto "eco" in ritardo di una spira, rilevabile in momenti di pausa e tendente a sparire col riutilizzo, dovuto all'induzione magnetica tra una spira e l'altra così a lungo sovrapposte. Su alcuni, a seconda della bontà della composizione del film magnetico, si può trovare una tenuissima polvere di particelle magnetiche, che incupisce la prima riproduzione e si deposita sulle testine di lettura; pulite queste ultime e ripassati in lettura, la qualità ritorna praticamente quella (pur bassa) originaria.Sarò vecchio, ma ci sento ancora bene, alla faccia di quel che qualcuno insinuava.
        • Bastard Inside scrive:
          Re: Io i miei nastri del 69 li leggo ancora
          - Scritto da: rockroll
          - Scritto da: Bastard Inside

          Ammazza che nastri robusti, saranno dello stesso

          materiale con cui Little Tony continua a farsi
          da

          mezzo secolo la "banana"? (idea)

          :p

          Dipende essenzialmente da quanto li usi; erano
          essenzialmente cassette MC Maxwell C60 quelli da
          me incisi, ma le prime registrazioni, sicuramente
          antecedenti il 69, erano su nastri a bobina del
          mitico "Gelosino" che ancora conservo in
          efficienza, mono, nella qualità che ti lascio
          immaginare, ma tuttora non apprezzabilmente
          degradati. Altri nastri MC di anni 60/70 erano
          normalissimi acquisti in negozi di musica.

          Quel che posso dirti è che il tempo non provoca
          particolari usure, se non un tenuissimo effetto
          "eco" in ritardo di una spira, rilevabile in
          momenti di pausa e tendente a sparire col
          riutilizzo, dovuto all'induzione magnetica tra
          una spira e l'altra così a lungo sovrapposte. Su
          alcuni, a seconda della bontà della composizione
          del film magnetico, si può trovare una tenuissima
          polvere di particelle magnetiche, che incupisce
          la prima riproduzione e si deposita sulle testine
          di lettura; pulite queste ultime e ripassati in
          lettura, la qualità ritorna praticamente quella
          (pur bassa)
          originaria.
          Sarò vecchio, ma ci sento ancora bene, alla
          faccia di quel che qualcuno
          insinuava.Scherzi a parte, ero scettico più sulle cassette, se di qualità scarsa, ma anche per i disastri di attorcigliamento del nastro che a volte succedono (ho meno anni di te, ma abbastanza per ricordarmele bene) che sulle bobine.Immagino che anche l'umidità abbia un ruolo fondamentale, qua a Genova i nastri si rovinano parecchio.
  • Tappeti Polverosi scrive:
    LUNA AL TAPPETO
    E la nasa pure ;P
  • Clem Momigliano scrive:
    Cospettone!!! Questo è un caso per...
    ...No, non Padrèpio. O) E nemmeno per il più grande e modesto investigatore del mondo, di cui citerò solo le iniziali, CM. (anonimo)No, stavolta il caso è diverso: qui ci vuole John Titor!!! (cylon)(cylon)(cylon) Balongo, è pronto lo zabaione???
    • I did it for the lulz scrive:
      Re: Cospettone!!! Questo è un caso per...
      Mah no, basta chiamare Mac Gyver e fornirgli un vecchio videoregistratore, piastra millefori e componenti a volontà, qualche metro di cavo e un hard disk..
      • Faustino scrive:
        Re: Cospettone!!! Questo è un caso per...
        ... e non dimentichiamo "abbondante colla vinilica"!
      • jumpjack scrive:
        Re: Cospettone!!! Questo è un caso per...
        - Scritto da: I did it for the lulz
        Mah no, basta chiamare Mac Gyver e fornirgli un
        vecchio videoregistratore, piastra millefori e
        componenti a volontà, qualche metro di cavo e un
        hard
        disk..A Chuck Norris non servono registratori per leggere i nastri magnetici, se li mangia e te li recita a voce mentre ti rifila un calcio volante a ruotare.
    • mike scrive:
      Re: Cospettone!!! Questo è un caso per...
      davvero... sembra una storia alla jhon titor...
    • napodano scrive:
      Re: Cospettone!!! Questo è un caso per...
      sbagliate tutti, sarà sufficiente sguinzagliare le potenti capacità di ricerca su Google di Salvatore Aranzulla.
      • Clem Momigliano scrive:
        Re: Cospettone!!! Questo è un caso per...
        - Scritto da: napodano
        sbagliate tutti, sarà sufficiente sguinzagliare
        le potenti capacità di ricerca su Google di
        Salvatore
        Aranzulla.Poffarbacco! Cospettone! PWNED!!! :D
  • vac scrive:
    Troll
    Da quì si capisce l'importanza di formati aperti e ben supportati
    • tuba scrive:
      Re: Troll
      purtroppo altro che trollmode...è vero...e da qui si capisce anche che l'informazione deve essere pubblica! chissà quanta roba non sappiamo o abbiamo tardato a sapere rallentando tutto il mondo per una cosa che qualcuno ha tenuto segreta...
      • kirk scrive:
        Re: Troll
        - Scritto da: tuba
        purtroppo altro che trollmode...è vero...E' vero ma qui c'entra poco. Sono i nastri che si sono deteriorati e su un supporto fisico ormai desueto.Mi sembra più un problema di conservazione dei materiali.
        • obabaluba scrive:
          Re: Troll
          Anche i nastri magnetici possono cedere, e alla grandissima; provate a googolare "baking tapes" e leggete da soli come certe combinazioni chimiche tra ossido magnetico, supporto film e resina possono deteriorarsi nel tempo fino a rendere il nastro un puzzle da infiniti pezzi.Molti master audio si sono rovinati solo per questo motivo.
Chiudi i commenti