TVLinks chiuso per abuso di link

Non ospitava alcun materiale illecito sui propri server ma la cosa non ha aiutato: TVLinks è sparito dalla rete e il gestore è stato arrestato. Il diritto di link soccombe alle crociata anti-pirateria

Roma – Il Regno Unito segue e supera gli Stati Uniti nella crociata contro la libertà di link : dopo la solerte attività dei legali di Fox nel diffidare il contenitore di link a show distribuiti illecitamente QuicksilverScreen , tocca questa volta al gruppo antipirata britannico Federation Against Copyright Theft (Fact) agire contro un noto portale di video in streaming, colpevole secondo l’organizzazione di favorire la pirateria telematica e punito per questo con la chiusura e l’arresto del proprietario.

TVLinks , questo il nome del sito, funzionava proprio come QuicksilverScreen catalogando i link a film in prima visione registrati con la cam nel buio del cinema, show televisivi di primo respiro come 24, blockbuster hollywoodiani e film di richiamo del calibro di Ratatouille di Disney. Il responsabile legale di TVLinks è un ventiseienne della città termale di Cheltenham , nel distretto di Gloucestershire, ed è stato arrestato nell’ambito di una operazione di polizia coordinata tra gli ufficiali di distretto e gli investigatori di Fact.

“Siti come TV Links contribuiscono e traggono profitto dall’infrazione del copyright – ha dichiarato un portavoce della MPAA locale – identificando, postando, organizzando e indicizzando link a contenuti illeciti presenti in rete a cui gli utenti possono poi accedere a loro piacimento visitando questi siti illegali”.

TV Links non era dunque un motore di ricerca, dicono le major, era una piaga, o meglio una delle tante facce della piaga della pirateria telematica che secondo British Video Association avrebbe fatto perdere all’industria del video 459 milioni di sterline – oltre 650 milioni di euro – nel solo 2006. “Il furto e la distribuzione di film danneggiano la vita di coloro che lavorano nell’industria cinematografica inglese e le industrie correlate, danneggiando nel contempo l’economia” tuona il gran capo di Fact Kieron Sharp, che anticipa nuove iniziative sostenendo come TV Links fosse l’obiettivo principale di una più vasta campagna per il contrasto della pirateria sul web .

Iniziativa che riapre il dibattito su quanto possa essere considerato responsabile chi si limita a pubblicare link a materiale su cui non ha alcun controllo . “Ciò che rende le accuse così strampalate è che l’uomo stava, ancora una volta, soltanto offrendo link a contenuti pirata, senza aver mai ospitato sui server alcunché. Può l’attività di link essere davvero considerata una agevolazione della pirateria? Se io linko a TVLinks possono venire tacciato di co-cospirazione?” si domanda ZeroPaid , che sottolinea come tra le note legali del sito – disponibili per la consultazione negli archivi del web del progetto Archive – fosse indicata espressamente l’esclusione di responsabilità nei confronti dei link postati dagli utenti registrati al servizio.

È poi interessante sottolineare il differente modo di agire degli inglesi rispetto alle ben rodate organizzazioni anti-pirateria americane: se Fox si è limitata a inviare una diffida a QuicksilverScreen in rispetto ai dettami della legge sul copyright nota come DMCA , Fact – aiutata certamente dalla mancanza di una regolamentazione con protezioni legali simili a quelle americane – ha dimostrato un impulso ancora più forte nel perseguire il “criminale” ottenendone addirittura l’arresto .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alessandro Leoni scrive:
    ADSL
    Io abito a longastrino e dopo varie petizioni e richieste fatte anni fa' l'adsl ancora non arriva a sto punto dico solo Telecom sei una MERDA!!!!
  • sandro scrive:
    adsl
    Penso che sia VERGOGNOSO che un paese come sant'agata feltria(il mio paese)non abbia il segnale per l'adsl.La colpa è tutta di quei mercenari che scaldano le sedie in comune...e poi si gasano di avere una fiera conosciuta in tutta italia..siamo un comune ridicolo!svegliatevi,siamo nel 2008 e sono 4 anni che faccio richiesta di avere una comodità che hanno tutti i comuni della valmarecchia.
    • sandro scrive:
      Re: adsl
      - Scritto da: sandro
      Penso che sia VERGOGNOSO che un paese come
      sant'agata feltria(il mio paese)non abbia il
      segnale per l'adsl.La colpa è tutta di quei
      mercenari che scaldano le sedie in comune...e poi
      si gasano di avere una fiera conosciuta in tutta
      italia..siamo un comune
      ridicolo!svegliatevi,siamo nel 2008 e sono 4 anni
      che faccio richiesta di avere una comodità che
      hanno tutti i comuni della
      valmarecchia.
    • Marco scrive:
      Re: adsl
      Mi associo alle dichiarazioni dei miei amici...che vergogna per gli abitanti di un paese come Sant'Agata Feltria non avere un semplice collegamento ADSL per essere, per lo meno, a contatto con il mondo esterno e di favorire lo scambio culturale....beati Voi poveri ignoranti che non ritenete importante una connessione a banda larga..La cosa più ridicola è che a nessuno interessa l'argomento: amministratori, responsabili Telecom, anche quei "4" bugiardi della provincia di Pesaro che promettono e che deliberano investimenti e promesse costantemente smentite! VERGOGNA....Ma lo sapete che anche per gli extracomunicare che vivono qui internet rimane l'unica fonte da cui attingere informazioni dal proprio Pese di origine e di comunicare con i propri famigliari? Lo sapere che anche nelle più remote campagne della Cina dove la gente si muove con i buoi nelle case c'è la connessione a banda larga?....il nostro è un Paese civilizzato di merda!
  • Mesca Lina scrive:
    Teleko - Mafia
    In pieno centro cittadino (Lucca), con una centralina Telecom nuova di zecca a cui sono già collegati i miei vicini di casa,la Telecom tergiversa e inventa le scuse più assurde per rifiutarmi l'allacciamento di una linea solo ADSL con operatore non telecom.In questa situazione mi trovo da quasi sei mesi e l'autorità garante per le comunicazioni cosa fa?Diverse centinaia di migliaia di utenti che non vogliono subire il pedaggio della Telecom stanno subendo le vessazioni in oggetto.E dire che le azioni Telecom hanno un valore reale molto più basso di quello nominale. Come faranno gli azionisti a tenerle ancora in tasca non riesco a capirlo.Forse questo sporko monopolio Telekom finirà se verranno alla luce le porkerie scovate con il crack Parmalat..Come mai non è ancora scoppiato il caso Telekom?Buona fortuna agli azionisti Telekom e non vengano a dire che non erano stati avvertiti...Salutazzi
  • Fabrizio Fugazza scrive:
    ADSL Sant'Agata Feltria
    Mi associo stessa siatuazione a Sant'Agata Feltria paesino nell'entroterra della val marecchia ma quello che fa più incazzare che a un paio di km l'ADSL c'è! Tutti i comuni limitrofi l'hanno e poi ci lodiamo di avre due fiere nazionali!!!!!! Aiutoooooooooooooooooo!!!!!!!!!!1
  • otanch scrive:
    adsl
    é vergognoso che ancora ci sono località non raggiunte dalla banda larga
    • AranBanjo scrive:
      Re: adsl
      - Scritto da: otanch
      é vergognoso che ancora ci sono località non
      raggiunte dalla banda
      largaAccidenti...Forse è più vergognoso non conoscere il congiuntivo."che ancora ci SIANO".Sei giustificato solo se non sei italiano (o se guardi "Un posto al sole").ciao :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 ottobre 2007 16.20-----------------------------------------------------------
  • Gabriele Rescaldani scrive:
    Volete ridere?
    Abito in una frazione a 2 passi da Malpensa, ovviamente senza ADSL. Anche se:a) in un quartiere un po' staccato dal paesello c'è una ditta che si è fatta portare la fibra ottica, ma solo x lei.. all'incrocio che lo delimita c'è un bel tombino con scritto "MetroWeb"..b) a 2km da me hanno costruito nuovi uffici al posto di una cava e lì, avendo una nuova torretta Telecom con tutti gli accessori al posto giusto, hanno l'ADSL;c) i vecchi uffici della cava ora scomparsa avevano una decina di linee ADSL dedicate nella stessa torretta che gestisce il nostro paese; ora che quegli uffici non ci sono più e per i nuovi c'è la nuova torretta del punto b), zitti zitti un gruppetto di brava gente del paese che aveva conoscenze con un addetto Telecom se le sono prese per sè..Ed ora, nello sconforto, vado a guardare sul sito di EOLO, metto il mio comune, Lonate Pozzolo (che ha la copertura ADSL ovviamente), ricevo il bel messaggio che sono coperto, guardo la cartina per scoprire che la mia frazione di Tornavento ne rimane comunque fuori.. ovvio no, perchè è logico coprire Lonate Pozzolo che tanto ha l'ADSL e non coprire Tornavento che non ha nulla..
  • Gianluca Riggi scrive:
    mi associo
    Anche noi di Vicalvi (FR) per colpa dell'amministrazione comunale che non fa assolutamente niente, promettendo stupide soluzioni Wireless che sono infinitamente inferiori al piu' stupido dei pacchetti della maledetta Telecom, e della Telecom Stessa, che continua a fregarsene, siamo costretti a navigare con il 56K.
    • Gianluca Riggi scrive:
      Re: mi associo
      Volevo dire a tutti gli utenti del sito,che quella risposta non è la mia.Qualcuno ha usato il mio nome e cognomeperchè troppo vile per firmarsi con il proprio.Di sicuro è qualche abitante di Vicalvi,e di sicuro sa che io ho raccolto firme per il paesein questione, per avere la copertura ADSL.La cosa non è andata a buon fine,ma usare il mio nome per sentirsi liberodi esprimere un suo parere nel linguaggio coloritoche è suo e non certo mio,mi fa provare una sensazione di disprezzo mista allo schifo che nutro per questo individuo.
  • Alessio scrive:
    Possibile soluzione
    Guarda ero messo come te poi si è a forza di rompere le scatole in comune, un provider wireless ci ha dato la connessione adsl non è che sia il max ma cmq in generale mi ritengo soddisfatto. Lascia perdere telecom rompi le scatole alla amministrazione e contatta qualche operatore wireless che usa antenne hyperlan! Buona fortuna.
    • Gabriele Cardillo La Vammana scrive:
      Re: Possibile soluzione
      Avevo pensato anche io alle antenne e ne ho parlato con il sindaco il quale mi ha spiegato che costa molto l'istallazione e la manutenzione, senza parlare poi dei costi degli abbonamenti. Continuo a acombattere contro i mulini a vento.Grazie Gabriele
  • Pier Paolo Spinetti scrive:
    Telecom
    W. L'Italia e l'italiani e questo e non e la fine
  • Alternativa scrive:
    L'alternativa Esiste!
    Oggigiorno è impensabile per uno studente, per un lavoratore o un semplice utente continuare a navigare con i 56k, anche se esistono tariffe flat anche per questo servizio (vedi offerta libero o per gli autolesionisti, la telecom) il risultato non cambia, non è concepibile acquistare, vendere o ricercare in pagine sempre più ricche di immagini e animazioni grafiche che tanto piacciono ai web designer (giustamente), ancora qualche anno saremmo esclusi definitivamente dal mondo informatico, come dei cinquantini che non possono utilizzare le autostrade mentre il nostro vicino ci sfreccia accanto con la ferrari.RIBELLIAMOCI, esistono delle alternative valide che con un po' di tempo e molte adesioni possono sfociare nella soluzione tanto agognata, andate a vedere a questo indirizzo:http://www.ngi.it/eolo/copertura.aspFate una petizione, rompete le scatole al sindaco, invitate amici, parenti, vicini nonni cani e gatti ad abbandonare Telecom e farvi arrivare con una valanga di richieste il servizio, faccio presente che con questa soluzione si può anche telefonare senza allacciamento telecom e non occorre avere una utenza telefonica, quindi niente fisso mensile. Qualcosa si può ancora fare, proviamoci.
    • Gino Gini scrive:
      Re: L'alternativa Esiste!
      SPIACENTI!In questo momento il comune di SELVACAVA non risulta coperto.Tuttavia la rete di EOLO è in costante evoluzione.
      • Gica scrive:
        Re: L'alternativa Esiste!
        - Scritto da: Gino Gini
        SPIACENTI!
        In questo momento il comune di SELVACAVA non
        risulta
        coperto.Anche perché Selvacava non è un comune, ma una frazione!Sul sito di EOLO infatti c'è scritto:"ATTENZIONE: l'inserimento di nomi abbreviati, inesatti o di frazioni non produrrà un risultato corretto."In ogni caso, anche inserendo il nome del comune, vale a dire Ausonia, il risultato è lo stesso.Comunque l'utente che ha segnalato il servizio invita a "rompere le scatole" ai sindaci per avere copertura...Boh, non so... l'italia ormai secondo me fa ridere i polli.Rassegnamoci, viviamo in una repubblica delle banane (non solo per via delle tlc). Non mi stancherò mai di ripeterlo.
  • Gianni Mago scrive:
    Non solo piccoli paesi ma anche a roma
    Sono nella stessa condizione pur abitando in una zona di Roma in cui la telecom non riesce a garantire nemmeno la classica linea a 56K essendo dietro un multiplex che purtroppo non ha più banda libera per le connessioni dati a 56k.
  • Pietro Materazzi scrive:
    Idem in Salento
    Maruggio TA, 6 mila abitanti non ha l'Adsl.Ha un nodo , ripetitore della fibra ottica però.Dimenticava , è un centro turistico sul mare dello Jonio.W l'itaGLIA.
  • Federico Gerardi scrive:
    Frusinate terzo mondo
    Anche io abito nel frusinate, a Roccasecca, ed ho sentito infinite volte una simile risposta a quella del sig. Cardillo da parte della Telecom. Il mio paese non è inserito in nessun piano di attivazione di banda larga, e nessun registro prevede da qui a due anni interventi sulla nostra rete, nonostante il territiori sia attraversato dall'autostrada A1 (adsl di autostrade spa) e dalla linea ferroviaria Roma-Napoli (adsl di Ferrivie spa).Cosa dire? Forse definirci di serie B è un po' troppo ottimistico, qui siamo arrivati alla Z...
  • Guido la vespa scrive:
    I politici e internet
    Per la maggior parte di essi è un mezzo sconosciuto e da temere, adesso ancora di più dopo il successo di Grillo.Faranno di tutto per tenerlo ingessato, unico modo che hanno per tentare di conservare il potere che hanno sugli altri media.
  • Emanuele scrive:
    Stessa cosa nel mio paese...
    ...Gallese in provincia di Viterbo, dove la frazione dello Scalo non avrà mai l'ADSl via cavo... fortunatamente però da un paio di mesi un'azienda indipendente ha installato un impianto WiMAX su un monte vicino, e da allora mi sento più vicino alla vita normale, dove spedire un curriculum in PDF non è un'impresa...Emanuele
    • picchiatello scrive:
      Re: Stessa cosa nel mio paese...
      - Scritto da: Emanuele dove spedire un
      curriculum in PDF non è
      un'impresa...

      EmanueleConsentimi la battuta:[troll on]In questo paese tutti hanno un lavoro, e sono felici dove stanno (rotfl)cosa Ti serve l'adsl se il lavoro gia' ce l'hai e non vuoi cambiarlo...(troll)
  • Cetto scrive:
    tranquilli, c'è il WIMAX
    Ma di che vi preoccupate?fra un po' metteranno in vendita le licenze WiMax.Saranno risolti i problemi di copertura per l'alta velocità nelle zone "fuori mano"la differenza sta proprio nella tecnologia che non prevede scavi e posa dei cavi (che costano un botto e nessuno è disposto a cacciare i soldi per quei "pochi" in % non raggiunti, neanche lo stato!!)chiaramente il tutto solo se si è disposti a pagare qualche operatore....
    • non c'`e scrive:
      Re: tranquilli, c'è il WIMAX


      la differenza sta proprio nella tecnologia che
      non prevede scavi e posa dei cavi (che costano un
      botto e nessuno è disposto a cacciare i soldi per
      quei "pochi" in % non raggiunti, neanche lo
      stato!!)
      Beh .. lo stato non c'entra proprio .. o meglio c'entrava quando D'Alema ha regalato ops .. volevo dire ... INCLUSO NELL'OFFERTA a Telecom la rete nazionale fisica in cambio di aggiornamenti e manutenzioni (gli ha chiesto ridendo ... ma poi ce la date la ADSL e loro sii.... come no !).Ora che la Telecom , praticamente monopolista nel campo delle telecomunicazioni, dopo un passaggio nelle mani del Tronchetto e della sua Security che passava direttamente le informazioni a certi referenti di partito (uno di destra pare), è in serie difficoltà economiche anche in seguito al fatto che Visco gli ha spedito una bella multina di 1.6 miliardi di euro( per una certa questioncina fatalmente dimenticata dal precedente ministro delle finanze), l'ADSL in certi posti ce la scordiamo.
    • LuCypher scrive:
      Re: tranquilli, c'è il WIMAX
      C'è il fatto che da bravi cogl**ni stanno mettendo anche il wi-max in mano ai provider monopolisti (TIM, Vodafone, Tre, Wind).C'è da aspettarsi un wi-max con i prezzi (altissimi) dell'UMTS/HSDPA e con la stessa bassa qualità? Speriamo di no...Purtroppo gli operatori telefonici hanno tutto l'interesse ad uccidere sul nascere il wi-max, visto che hanno pagato fior di soldoni per le licenze 3G e che non hanno ancora iniziato a recuperare i soldi investiti.
      • Cetto scrive:
        Re: tranquilli, c'è il WIMAX
        se vi aspettate che l'ADSL lo portano dappertutto state freschi.... come giustamente avete detto Telecom ha parecchi debiti (dovuti allo svuotamento del valore dell'azienda a favore di quei 4 gatti che la controllano) ed effettivamente è un monopolista della rete fissa.Non sono d'accordo invece con quanto dite sul WiMax, dove è molto + facile coprire il territorio rispetto all'ADSL o all'UMTS e non ci sarà un monopolio (semmai un oligopolio, come nel mobile dove ci sono ben 4 operatori mobili e sinceramente mi sembrano abbastanza!!! anche perché mica volete che mettano altre antenne ????? ce ne sono già sufficienti in giro). E' chiaro che ci vorrà un po' di tempo perché si passi alla fase commerciale del servizio, d'altra parte è meglio di niente!!! insomma non piangetevi addosso!
    • Italia del monopolio scrive:
      Re: tranquilli, c'è il WIMAX
      Il wimax è l'ennesima barzelletta per chi ha ancora voglia di ridere.Ci sono tempi e burocrazie così ancora lunghe dietro, querele, quernesse e intrallazzi vari che prima di 2 anni non si vedrà ancora niente.Da domandarsi invece perchè anche in Etiopia, in Marocco o in Kenya riescono a viaggiare più veloci di noi e a collegarsi anche in mezzo al deserto.Ne vogliamo parlare?Fintanto che ci sarà un Nano Tronchetto amico di qualche politico o gente come lui che spalleggiata dalla politica penserà solo al profitto, la nostra adsl sarà sempre utopia.
      • Cetto scrive:
        Re: tranquilli, c'è il WIMAX
        la vera barzelletta è che vi aspettate l'ADSL pure sul cucuzzolo della montagna e vi stupite che ciò non venga realizzato. Lo volete capire o no che NON CONVIENE A NESSUNO!!!!???? è una tecnologia NON ADATTA ALLO SCOPO, NON EFFICIENTE E TROPPO COSTOSA
        • doctord scrive:
          Re: tranquilli, c'è il WIMAX
          L'accesso alla comunicazione/conoscenza (ogni rif è puramente casuale) al giorno d'oggi deve essere un diritto come l'acqua e l'elettricità. I politici questo lo devono capire ed i cittadini devono pretenderlo.
  • Francesco Serafini scrive:
    Il paradosso: GUDO VISCONTI, prov.Milano
    Ho letto con estremo interesse la testimonianza del cittadino della provincia di Frosinone. E ve ne rendo un'altra, questa volta dalla ricca provincia di Milano. Secondo un recente sondaggio la Lombardia è coperta al 98% dalla banda larga. Milano, capitale economica d'Italia, PIL procapite pari al Belgio, qui l'ADSL dovrebbe essere dispensata come l'acqua nei navigli!Invece no.Io risiedo a Gudo Visconti, paesino della provincia meridionale di Milano. La nostra situazione è questa. Il paese non è coperto dalll'ADSL (ma stranamente l'ufficio postale, il municipio e la biblioteca sì. Il segnale UMTS dei 4 operatori nazionali lambisce i confini del nostro Comune, quindi non abbiamo neanche l'alternativa della rete dei cellulari. La cosa più paradossale è che molti miei concittadini ricevono chiamate dai call center outbound delle proprie compagnie di telefonia fissa per attivare promozioni ADSL speciali a 2 e 4 mega!!!! Io stesso ne ricevo. Di solito, dopo averli fatti parlare (poveri ragazzi sfruttati nei call center..), gli chiedo di controllare nei loro sistemi che sulla mia numerazione si possa attivare una ADSL: loro controllano, ed effettivamente notano che non c'è la possibilità di attivazione, quindi sommessamente salutano e se ne vanno.Perché Gudo Visconti è paradossale? Perché i comuni limitrofi hanno TUTTI l'Adsl!!! Rosate, Vermezzo, Zelo Surrigone, Gaggiano, Morimondo, TUTTI I COMUNI CONFINANTI HANNO QUESTO SERVIZIO. Nelle mie innumerevoli telefonate al servizio clienti Telecom Italia, chiedendo spiegazioni di questa situazione paradossale, mi sono state fornite le seguenti risposte:- il suo paese non ha un numero potenziale di abbonati sufficiente per un investimento di Telecom nel potenziare la sua linea. Ho replicato che questo numero mai crescerà se la linea non offre le possibilità!- L'unica soluzione sarebbe chiedere a Telecom Italia di cambiare il numero di telefono, facendosi allacciare ad una centrale abilitata al segnale! Costo, circa 400 euro.Per chi non lo sapeva ancora, anche a Milano e in Lombardia esiste il Digital Divide.Grazie Telecom, e grazie anche allo Stato Italiano.Francesco Serafinifrancesco.serafini@myabyss.it
    • Francesco Serafini scrive:
      Re: Il paradosso: GUDO VISCONTI, prov.Milano
      Tra l'altro aggiungo solo un passaggio.E' stato appena pubblicato il bando WiMax, giusto no? e non vengono escluse dal bando le società che già hanno frequenze UMTS.Quindi quanto scommettete che il bando dalle mie parti se lo accaparra il Quartetto della Telefonia Mobile e ci lascia fuori dal WiMax esattamente come adesso siamo fuori dall'UMTS?E chissenefrega se dobbiamo aspettare 3 minuti per far aprire una qualsiasi homepage...
      • Cetto scrive:
        Re: Il paradosso: GUDO VISCONTI, prov.Milano
        non c'entra niente il WiMax con l'UMTS!!!!il primo con un'antenna copre decine di km di raggio, al contrario del secondo che ha celle microscopiche
        • Beppe scrive:
          Re: Il paradosso: GUDO VISCONTI, prov.Milano
          Se ti può consolare...Io abito in provincia di BG a 20Km dal capoluogo e al mio paese non c'è copertuta nè ADSL nè UMTS.Il comune ha 5000 abitanti ma per Telecom non è conveniente portarci la banda larga.Altro che terzo mondo.CIAo
    • NetWorm scrive:
      Re: Il paradosso: GUDO VISCONTI, prov.Milano
      Egr. Sig Serafini,lei mi parla di paesi confinanti non raggiunti, e lo definisce un paradosso. Ebbene, io divido una villetta bifamigliare con mio cognato, e l'ADSL arriva solo al piano superiore, per noi poveri abitanti del piano terra non c'è nemmeno la linea, perchè la Telecom non la può fare arrivare in quanto, dice sempre la Telecom, non ha i permessi dei vicini per allacciare un nuovo cavo alla centralina giù in strada.Poi dice... :D- Scritto da: Francesco Serafini
      Ho letto con estremo interesse la testimonianza
      del cittadino della provincia di Frosinone.
      • Domenico Arcuri scrive:
        Re: Il paradosso: GUDO VISCONTI, prov.Milano
        maremma maiala a Mortadella...meno male che tr apoche ore ce lo togliermeo dalle palle
    • AranBanjo scrive:
      Re: Il paradosso: GUDO VISCONTI, prov.Milano
      Probabilmente non c'è perchè in centrale non arriva fibra. O forse perchè i costi per ammodernare gli apparati non giustificano l'investimento.Fosse solo il DSLAM, con 40-50mila euro se la cavano, ma ci sono altri costi...
  • Marco Marcoaldi scrive:
    IL LIBERO MERCATO NON ESISTE
    Il libero mercato non esiste :1° La rete (SU RAME) è di proprietà Telecom.La suddetta rete era di proprietà SIP, ossia già pagata dai contribuenti.Sarebbe dunque giusto pagare un canone per la MANUTENZIONE e per l'investimento in nuove tecnologie.La MANUTENZIONE non esiste, non a caso gli armadi sono tutti aperti, le centraline che fanno schifo e i SERVIZI vengono forniti a costi INOPPORTUNI (Spiegami il canone ad esempio).2° Un libero mercato esiste quando c'è la concorrenza.La concorrenza non esiste a livello pratico, in quanto è solo un RESELLER di Telecom.Comprano la banda, pagano l'allaccio in centrale, affitano la rete Telecom e la rivende all'utente con servizi a "valore aggiunto". Spesso dietro questa prassi si evince la pratica dell'overselling ossia vendere più di quanto si può offrire ed a questo motivo applicano policy di filtraggio P2P, le diciture "FINO A 20 Mega" senza un minimo ragionevole di banda garantita.3° Vuoi il libero mercato ? Lo stato riprende la proprietà esclusiva della rete nazionale in quanto struttura nevralgica della nazione anche a livello di sicurezza nazionale (Spionaggio ecc.. se finisse in mano straniere, vedi il caso del Tronchettone spione), e appalta l'utilizzo a chi ne vuole.Vantaggi : Più concorrenza, prezzi più bassi, servizio migliore, proventi dalla concessione che non vanno a Telecom France o nelle tasche del Tronchetto, ma vengono reinvestiti nella rete stessa per abbattere il D.Divide, o per cause nobili nel nostro paese : sanità, case, strutture UTILI, ecc.Vuoi sapere come mi ha risposto una centralinista Telecom : "Signore, se non gradisce le nostre offerte cambi gestore, tanto la portante l'abbiamo noi"http://adsl.dreamsnet.it è in prima pagina.
  • D G scrive:
    Caro primo ministro
    Caro presidente, la invito a visionare un interessante sito: http://voglioladsl.iscanet.com/
  • aghost scrive:
    E si paga il canone uguale
    senza contare che chi non è raggiunto da adsl paga comunque il canone a prezzo intero. E' giusto?http://www.aghost.wordpress.com/
    • Spà scrive:
      Re: E si paga il canone uguale
      senza contare tutti i fortunati ex-56Kb che hanno adesso il mini-DSLAM a 640Kb e pagano l'adsl lo stesso prezzo di quelli che gli arriva a 2Mb..
      • picchiatello scrive:
        Re: E si paga il canone uguale
        - Scritto da: Spà
        senza contare tutti i fortunati ex-56Kb che hanno
        adesso il mini-DSLAM a 640Kb e pagano l'adsl lo
        stesso prezzo di quelli che gli arriva a
        2Mb.."praticamente" cosa hanno di diverso queste linee ? sempre doppini-linne ex sip sono
        • mmmmmmmmmm scrive:
          Re: E si paga il canone uguale
          Sono uno di questi. Il problema e' che il mini DSLAM non ha la fibra per connettersi alla rete, cosi' hanno poca banda e la limitano agli utenti. C'e' anche da dire che su distanze lunghe (casa-centrale) e' difficile avere bande elevate.Comunque non mi lamento, piuttosto del 56k...
  • Vincenzo scrive:
    Canone obbligatorio.
    Delibera n. 249/07/CONS approvata in data 23 maggio 2007: nulla osta a Telecom Italia per applicare a tutti agli operatori (ISP) un canone aggiuntivo mensile per tutte le linee ADSL attive su cavo dati (ADSL Naked).Canone giustificato da "presunti" costi che telecom deve sostenere per la manutenzione della rete sia per cittadini di serie A che di serie B e C. Tutti paghiamo il canone telecom e telecom non fornisce i suoi servizi a tutti? O telecom porta l'adsl a tutti o viene, secondo me, meno il senso di un canone pagato universalmente.
  • Marcello Mazzilli scrive:
    Libero mercato
    No qui caro PI non siamo d'accordo. Se uno vuole vivere in montagna ha un sacco di vantaggi. Il verde, l'aria pura, nessun traffico, il lavoro vicino casa, etc... Perché chi abita in città, respira lo smog e perde un'ora per andare a lavorare dovrebbe pagargli l'ADSL... Ogni scelta ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi.Non è giusto che un singolo cittadino, o un gruppo sociale faccia ricadere le sue scelte di vita sulla comunità. Per lo stesso motivo non è+ giusto che io paghi le cure mediche per chi fuma, che un pensionato che non esce mai di casa paghi per uno che scia e fa deltaplano dato che questo rischia di farsi più male.Ci vuole il vero libero mercato. Si deve andare in una direzione dove ognuno paga per le proprie scelte ( E SOLO QUELLE!). Il nostro amico potrebbe lui stesso mettere su una azienda internet per collegare il suo paese e magari guadagnarci. Forse costerà 200 euro al mese invece di 15 questa ADSL... Vuol dire che rifletterà, con un prezzo di mercato, i vantaggi che il nostro amico ha vivendo in campagna.
    • Enrico scrive:
      Re: Libero mercato
      Marcello, tanti in Italia la pensano come te...ed è per questo che a Selvacava non c'è l'ADSL...se fossi nato in quel paesino, ti staresti lamentando probabilmente più di Gabriele...guardiamo oltre la punta del nostro naso...vogliamoci bene....già tanti politici ci vogliono male...per piacere!!Enrico
    • giuppy scrive:
      Re: Libero mercato
      Certo, se il libero mercato esistesse, allora tutti ad affollare quei posti coperti dai servizi! I monti lasciamoli alla capre, le campagne alle mucche, i vecchi paesi ai vecchi fin quanto campano, la Sicilia alla mafia (come del resto il parlamento), perché spendere i nostri soldi per migliorare la vita degli altri? Ma si, che vadano all'inferno, se non si vogliono trasferire, che muoia lo sci, tutti a casa sotto le coperte. Cosa dite? Stanno privatizzando la rete idrica? ma chi se ne frega se non arriva più l'acqua al paesello perchè non remunerativo... L' "i"talia è fatta da italiani? Bhe si vede!Voglio ricordare a Marcello che c'è chi non può scegliere e che non sempre la scelta dei pecoroni (la massa) è migliore di quella di pochi...
    • Marco Marcoaldi scrive:
      Re: Libero mercato
      Il libero mercato non esiste :1° La rete (SU RAME) è di proprietà Telecom.La suddetta rete era di proprietà SIP, ossia già pagata dai contribuenti.Sarebbe dunque giusto pagare un canone per la MANUTENZIONE e per l'investimento in nuove tecnologie.La MANUTENZIONE non esiste, non a caso gli armadi sono tutti aperti, le centraline che fanno schifo e i SERVIZI vengono forniti a costi INOPPORTUNI (Spiegami il canone ad esempio).2° Un libero mercato esiste quando c'è la concorrenza.La concorrenza non esiste a livello pratico, in quanto è solo un RESELLER di Telecom.Comprano la banda, pagano l'allaccio in centrale, affitano la rete Telecom e la rivende all'utente con servizi a "valore aggiunto". Spesso dietro questa prassi si evince la pratica dell'overselling ossia vendere più di quanto si può offrire ed a questo motivo applicano policy di filtraggio P2P, le diciture "FINO A 20 Mega" senza un minimo ragionevole di banda garantita.3° Vuoi il libero mercato ? Lo stato riprende la proprietà esclusiva della rete nazionale in quanto struttura nevralgica della nazione anche a livello di sicurezza nazionale (Spionaggio ecc.. se finisse in mano straniere, vedi il caso del Tronchettone spione), e appalta l'utilizzo a chi ne vuole.Vantaggi : Più concorrenza, prezzi più bassi, servizio migliore, proventi dalla concessione che non vanno a Telecom France o nelle tasche del Tronchetto, ma vengono reinvestiti nella rete stessa per abbattere il D.Divide, o per cause nobili nel nostro paese : sanità, case, strutture UTILI, ecc.Vuoi sapere come mi ha risposto una centralinista Telecom : "Signore, se non gradisce le nostre offerte cambi gestore, tanto la portante l'abbiamo noi"http://adsl.dreamsnet.it è in prima pagina.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Libero mercato
        - Scritto da: Marco Marcoaldi
        1° La rete (SU RAME) è di proprietà Telecom.
        La suddetta rete era di proprietà SIP, ossia già
        pagata dai
        contribuenti.Vero
        2° Un libero mercato esiste quando c'è la
        concorrenza.
        La concorrenza non esiste a livello pratico, in
        quanto è solo un RESELLER di
        Telecom.Verissimo
        3° Vuoi il libero mercato ? Lo stato riprende la
        proprietà esclusiva della rete nazionale in
        quanto struttura nevralgica della nazione anche a
        livello di sicurezza nazionale (Spionaggio ecc..
        se finisse in mano straniere, vedi il caso del
        Tronchettone spione), e appalta l'utilizzo a chi
        ne
        vuole.Vero al cuboTutto vero, condivisbile e da quotare... ricordiamoci SEMPRE e TUTTI che nel lontano (lontano per la mente di molti elettori) 1997 a svendere la rete agli amici degli amici fu D'Alema che poi fu ripagato con fior fiore di intercettazioni su commissione.
        Vantaggi : Più concorrenza, prezzi più bassi,
        servizio migliore, proventi dalla concessione che
        non vanno a Telecom France o nelle tasche del
        Tronchetto, ma vengono reinvestiti nella rete
        stessa per abbattere il D.Divide, o per cause
        nobili nel nostro paese : sanità, case, strutture
        UTILI,
        ecc.Prezzi più bassi non lo so la SIP è sempre stata un carrozzone inefficiente.
  • DeMiNe scrive:
    Cittadini di serie B
    Non sei purtroppo l'unico in questa situazione. Se tutti noi mandassimo una lettera a Prodi ci vorrebbe una segretaria solo per metterle sulla scrivania.Mi dispiace ma di cittadini di serie B in Italia ce ne sono tantissimi ed è inutile protestare tanto la telecom è privata e fa quello che vuole.Saluti a tutti
  • Francesco Conversano scrive:
    Ad Ausonia l'ADSL c'è
    Ad Ausonia l'adsl c'è. E' un problema solo di Selvacava. Ti conviene trasferirti un po' più giù ;-)
    • Gabriele Cardillo La Vammana scrive:
      Re: Ad Ausonia l'ADSL c'è
      C'è grazie alle firme raccolte anche dagli utenti di Selvacava...forse anche in maggioranza. Solo che la Telecom non ha fatto le dovute verifiche pensando che arrivasse ad entrambi invece...fuori per 6 Km.
    • Federico Cardillo scrive:
      Re: Ad Ausonia l'ADSL c'è
      Ad Ausonia c'è grazie alle firme prese 3 anni fà anche dagli abitanti di Selvacava che da quello che ricordo erano in maggior numero di quelle di Ausonia. Il vero problema è come mai a circa 2km si è fermata l'operazione.Comunque prima di accendere il pc è bene accendere il cervello...
      • Shabadà scrive:
        Re: Ad Ausonia l'ADSL c'è
        Grazie alle firme? io vivo in un paesino della ricchissima Brianza (forse la zona più ricca e produttiva d'italia) eppure non ho l'ADSL (come nel caso di un altro paese in provincia di Milano già segnalato), abbiamo raccolto le firme (alcune migliaia) e trasmesso il tutto a telecom.credo che grazie a noi abbiano risparmiato un po' sull'acquisto di carta igienica.almeno ci ringraziassero
        • Stoka scrive:
          Re: Ad Ausonia l'ADSL c'è
          - Scritto da: Shabadà
          Grazie alle firme? io vivo in un paesino della
          ricchissima Brianza (forse la zona più ricca e
          produttiva d'italia)No, quell'altro dice che è Milano, aspettiamo qualcuno che dica che è Torino...tutti i più ricchi d'Italia, ma che onore, vi dobbiamo ringraziare?!A laurar! Devono togliervela l'adsl, leghisti!
          • Shabadà scrive:
            Re: Ad Ausonia l'ADSL c'è
            giusto per completezza: la brianza è in provincia di milano, quindi concorre in buona parte alla ricchezza di milano, non ti pare?
        • Federico Cardillo scrive:
          Re: Ad Ausonia l'ADSL c'è
          Se non ci fosse stata quella raccolta firme anche Ausonia sarebbe nella stessa condizione della frazione ma siccome l'ironico compaesano è disinformato sulla storia, gli ho ricordato come sono andate le cose. Strana storia quella di Selvacava,Ausonia e Madonna Del Piano, siamo la stessa entità solo in tempo di elezioni. Per il resto dei 5 anni di mandato siamo sempre li a punzecchiarci anche con cose conquistate insieme, ma questa è un'altra storia.Non volevo di certo ringraziare la Telecom, credo infatti, che quando si decidono lavori di ammodernamento bisogna farli in egual misura da Nord a Sud. Ricordatevi che senza l'adsl e ciò che ha permesso (anche non legalmente, vedi pirateria)tantissima gente da profana usa Internet. Oh, è dal 97 che sto col 56k provate ad aggiornare qualsiasi cosa viaggiando a 40kb/s che in download diventano 4,95kb/s quando va bene...
  • Nome e Cognome scrive:
    Che ci volete fare
    E che ci volete fare?Io abito in una zona del ricco Nord (secondo le statistiche) ad altissima copertura di servizi.L'ADSL ce l'ho.E funziona benissimo!!!! Qualche volta supero anche la stratosferica velocità dei 10 Kb al secondo. E non mi posso lamentare. Il mio contratto Business che costa svariate decine di euro al mese mi da solo 2 Kb di banda garantita e quindi non ci sono problemi. Ah dimenticavo: non possiamo cambiare operatore in quanto appena si abbandona l'adsl per passare ad un altro operatore stranamente la centrale è satura. I tecnici telecom mi hanno addirittura consigliato di spostare l'azienda!!!!Sto aspettando anche io la copertura wireless di qualche intraprendente. Che non sempre è possibile (gru, alberi, case più alte...)Ma che ci volete fare: siamo una repubblica delle banane e tali rimarremmo.
    • giuppy scrive:
      Re: Che ci volete fare
      E poi cosa volete se reti e infrastrutture le metti in mano ad aziende private che hanno come obbiettivo "fare soldi" che è uguale -costi e + ricavi, tutti quegli investimenti che potrebbero portare benessere a pochi non vengo fatti solo perchè non abbastanza remunerativi, oggi è la rete telefonica domani saranno rete idrica, rete elettrica ecc Lo stato dovrebbe favorire i cittadini oppure solo le grandi aziende?
    • AranBanjo scrive:
      Re: Che ci volete fare
      Se necessiti di banda e garanzie per lavoro, sicuramente l'ADSL non è la soluzione ideale.L'ADSL è una tecnologia "povera", pensata per il mercato consumer. Per il mercato professional ci sono le SHDSL e le HDSL. Costano tanto, hai tanto e hai garanzie.
  • Alpha scrive:
    non siete i soli
    Anche Limite sull'Arno non è servita dalla ADSL via cavo, qualcuno obietterà che c'è EUTELIA che fornisce ADSL via wireless, ma spesso, molto, TROPPO spesso la velocità di connessione è più lenta del 56ke il sindaco che fa? e Telecom che fa?
  • Pino Lalavatric e scrive:
    Ma per un sito non basta il 56k?
    Ma per mettere su e gestire un sito web non ti basta la analogica da 56k?al limite se hai partita ive ci sono offerte umts wind e vodafone flat credo...sui 40,50 euro...Fra l'altro sul sole24ore ho letto che i guastisono sempre piu frequenti,tutta la baracca necessiterebbe di miliardi di euro di investimenti...che non ci sono e infattiTronky vende ai messicani
    • clic scrive:
      Re: Ma per un sito non basta il 56k?
      forse non hai mai provato ad usare i 56k in quelle aree, anzi sicuramente non lo hai fatto poiché se tutto va bene arrivi 40k ma in genere si viaggia a 30k!UMTS? non sempre c'è la copertura, e molto dipende dal provider scelto. Ti posso assicurare che in alcuni posti per determinati provider mobili trovi solo il GSM...
      • AranBanjo scrive:
        Re: Ma per un sito non basta il 56k?
        - Scritto da: clic
        forse non hai mai provato ad usare i 56k in
        quelle aree, anzi sicuramente non lo hai fatto
        poiché se tutto va bene arrivi 40k ma in genere
        si viaggia a
        30k!e vuoi modulare la DSL su un doppino che non modula neanche banda fonica?
        • Francesco scrive:
          Re: Ma per un sito non basta il 56k?
          e allora cosa dobbiamo fare, cambiare casa? il 56k non basta, credimi. Non basta nemmeno per navigare il sito del Corriere della Sera!!!
          • AranBanjo scrive:
            Re: Ma per un sito non basta il 56k?
            oh... se non modula manco il 56k, dubito fortemente che moduli DSL. Pertanto cambiare casa è una ipotesi da tenere in considerazione.E poi per leggere il giornale, mi sa che ti conviene comprarlo cartaceo, che un'ora di telefono ti costa come il giornale vero e proprio :P
    • anonimo scrive:
      Re: Ma per un sito non basta il 56k?
      una volta, anni fa, si: bastava un modem a 56K per navigare nei siti. Il brutto e' che ora tra flash, pagine dinamiche, gif animate, jpeg e cazzabubboli vari, se non hai una adsl, scordati di navigare in modo fluido. Il problema e' che i siti non sono piu' pernsati per facilitare la navigazione, tutto qui.
    • Mike scrive:
      Re: Ma per un sito non basta il 56k?
      per un problema al posto della 20mega mi ritrovo con una 640. ti posso assicurare che anche su punto informatico non si puo navigare decentemente. per non parlare degli altri siti.60 per l'umts con cui puoi scaricare massimo qualche gb mensile mi sembra come minimo esagerato....
  • GabryJ84 scrive:
    mi sembra fantascienza...
    tesoro se sei andato ad abitare in un buco di posto chiamato selvacava non è colpa di nessuno. se stai li ti tieni il 56k e stai pure zitto che di problemi ce n'è abbastanza...se volevi fastweb, adsl, fibra e tutto quello che vuoi nella tua lettera da ragazzino che batte i pugni sul tavolo, andavi ad abitare a bologna, milano, roma etc...Io sto a pavia e mi han detto che la fibra ottica di fastweb non mi arriverà mai e che l'iptv non potrò mai averla xkè ho il doppino degradato e cambiarlo costa troppo.Dovrei suicidarmi? No...me la prendo in quel posto e vado avanti sopportando, come tutti...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 ottobre 2007 06.19-----------------------------------------------------------
    • giuppy scrive:
      Re: mi sembra fantascienza...
      Il mondo va avanti grazie a tutte quelle persone che accettano volentieri di prenderla in quel posto, "peccato" però che, così, la razza si estinguerà presto. ;)
    • Domenico Arcuri scrive:
      Re: mi sembra fantascienza...
      Ma scusa non fare anche tu come i comunisti al governo che oltre a rubare soldi non rispettano il programma.Assumeteci tutti nell Stato così non faremo un cazzo come il figlio di Visco e internet lo useremo in ufficio al caldo ....
    • Federico Cardillo scrive:
      Re: mi sembra fantascienza...
      Esistono i diritti e le pari opportunità, bello. Abito a Selvacava e pago le tasse come le paghi tu e voglio gli stessi tuoi diritti. Sei infantile a dire potevi abitare lì invece che lì, la mentalità chiusa e menefreghista come la tua fa si che il nostro paese sia fermo agli anni 60. Sarebbe come dire non prendere i treni perchè qui in Italia fan schifo ad uno che non ha la possibilà di farsi 120km con l'auto al giorno...Apri gli occhi...
      • AranBanjo scrive:
        Re: mi sembra fantascienza...
        Perdonami, ma no voglio essere offensivo.Abiti dove abiti e paghi una parte delle tasse in base a dove abiti. Probabilmente non hai il caos del traffico e meno inquinamento rispetto a chi vive in città. Di contro non hai l'adsl... Beh, tra stare in mezzo al fumo o non essere connesso, preferisco la seconda.Inoltre, la connettività non è un servizio universale (al momento) per alcune ragioni.Anche io voglio la Lamborghini del mio vicino, perchè anche io pago le tasse e se lui ce l'ha la voglio anche io.
        • Federico Cardillo scrive:
          Re: mi sembra fantascienza...
          Ancora non riesco a capire la tua associazione macchina costosa adsl (che metti nei tuoi post)e universalità. Come non capisco tutti i discorsi di svantaggi e vantaggi di vivere in campagna, fatevi a piedi per 10 anni 2km o alzarsi alle 6 solo per prendere l'autobus per andare a scuola e poi ne riparliamo del fumo, del traffico ecc.La macchina costosa è un bene di lusso perchè per andare in un posto x non serve necessariamente, puoi andarci con una macchina meno costosa o con i mezzi pubblici, quindi il paragone non calza proprio. Aprire un sito, scaricare aggiornamenti (per qualsiasi cosa) ed avere un servizio veloce come quasi il resto del Paese o d'Europa è come se fosse un mio diritto. Perdere 2 ore, solo per motivi di connessione, per qualsiasi cosa on-line come inscrizione università, invio curriculum ecc. quando posso farlo in 5 minuti con lo standard attuale è motivo di rabbia. Ragioni cos'ì perchè il problema non lo vivi. Oggi devo inviare delle mail importanti (con allegati da 10mb) ma non riesco perchè la mia flat 56k di Telecom ogni 5 minuti si disconnette e con quel tipo di allegati 5 minuti non bastano, vedi tu...
          • AranBanjo scrive:
            Re: mi sembra fantascienza...
            Però... ottimo utilizzo della posta elettronica... 10 mega di allegati ^_^Ok, non voglio la macchina costosa, ma voglio una macchina e voglio pagarla poco, ma voglio che sia come dico io. Si può fare?Mi serve perchè abito in un paese con 6500 abitanti coperto da ADSL (che tra le altre cose mi funziona benissimo), ma devo portare del materiale ogni giorno a 30 km da casa.Inoltre non voglio fare coda, perchè altrimenti perdo tempo.Pago il bollo, per cui voglio le strade sgombere. Pago l'ici e tutte le altre amenità di tasse, per cui non voglio buche. Deve essermi riconosciuto come servizio universale l'uso della strada, perchè pago.Per quanto riguarda la linea, per me potevano anche fare a meno di portarmela quando per andare al mare (che è a 19 km da casa) in estate di metto 2 ore e mezza. :P
          • Federico Cardillo scrive:
            Re: mi sembra fantascienza...
            Guarda che le buche ci sono anche qui, anzi abbiamo i crateri, strade franate e pendenze oltre il limite. Per lavorare faccio ogni giorno 26km ed anche io per andare al mare a 15km, faccio 2 ore di coda pure io. Le strade in buono stato sono un diritto come è un diritto una comunicazione efficiente. Finiamola qui con tutti sti paragoni perchè la cosa non regge, se vuoi la lamborghini lavori di più :P, io sono disposto a pagare per l'adsl non la voglio gratis ma forse hai dimenticato questa cosa in tutti i tuoi discorsi. Ci sono stati gli eco-incentivi per migliorare il parco auto italiano, se non hai approfittato hai perso il treno per portarti a casa una macchina a prezzi decenti. Ci sono tante cose che non vanno nel nostro Paeso ma non è la sede giusta di parlare di buche ed infrastrutture, è la sede per parlare del servizio adsl. Per gli altri servizi non dati ci sono altre sedi.
          • AranBanjo scrive:
            Re: mi sembra fantascienza...

            io sono disposto a
            pagare per l'adsl non la voglio gratis ma forse
            hai dimenticato questa cosa in tutti i tuoi
            discorsi. Ok, quindi il problema non si pone: quasi certamente puoi attivare una HSDL.
          • Federico Cardillo scrive:
            Re: mi sembra fantascienza...
            E no aspetta, a questo punto entra la questione di principio come le persone a 2km da casa mia pagano ad esempio i 20 euro al mese di Alice anche io voglio li stessi servizi. Tornando in termini automobilistici se tu paghi circa 1,20 Euro al litro per la benzina io perchè dovrei pagarla 3 Euro?! (non entriamo nel discorso sul prezzo della benzina, gestori ecc. perchè è solo un esempio. Meglio ancora tutti hanno l'elettricità ed io per avere la luce devo mettere un generatore eolico quando basta allungare un cavo o aggiornare la cabina delle centraline?! So tutti esempi per far capire dove sta il problema.
      • sandro casolari scrive:
        Re: mi sembra fantascienza...
        - Scritto da: Federico Cardillo
        Esistono i diritti e le pari opportunità, bello.
        Abito a Selvacava e pago le tasse come le paghi
        tu e voglio gli stessi tuoi diritti. Sei
        infantile a dire potevi abitare lì invece che lì,
        la mentalità chiusa e menefreghista come la tua
        fa si che il nostro paese sia fermo agli anni 60.
        Sarebbe come dire non prendere i treni perchè qui
        in Italia fan schifo ad uno che non ha la
        possibilà di farsi 120km con l'auto al
        giorno...Apri gli
        occhi...Sei stato anche troppo educato nel rispondere a quel citrullo Arrogante..
    • Andak scrive:
      Re: mi sembra fantascienza...
      ma come ti permetti di dire queste cose? come puoi dire a una persona "vai a milano o a roma per avere internet"? Sai che magari la tua vita è in quel paese? Casa? famiglia? Amici? lavoro?
    • tasso85 scrive:
      Re: mi sembra fantascienza...
      Modificato dall' autore il 24 ottobre 2007 06.19
      --------------------------------------------------guarda, se tutti fossero simpatici e gentili come te, allora è davvero un peccato che tu non ti sia suicidato per davvero... va bene esprimere le proprie opinioni, ma come ti permetti di dare del ragazzino ad una persona che giustamente vuole vedere rispettati i suoi diritti?vergognati.
      • AranBanjo scrive:
        Re: mi sembra fantascienza...
        quali sarebbero questi diritti?
      • Gabriele Cardillo La Vammana scrive:
        Re: mi sembra fantascienza...
        Il guaio di noi italiani che stiamo sempre zitti...regna l'omerta, certo siamo lo stato della Mafia per colpa di gente come te che è muta e rassegnata!!!!Io non ci sto, e posso garantirti che riuscirò nel mio intento....
    • sandro casolari scrive:
      Re: mi sembra fantascienza...
      Ma senti senti questo citrullone che arroganza..mmmm come mi pacerebbe parlarti di persona....
  • mariodeghetto scrive:
    A Belluno l'ADSL c'è solo per metà...
    Belluno ha circa 30-35.000 abitanti: metà città ha l'ADSL mentre, neanche a dirlo apposta, nella mia metà la centrale Telecom non è abilitata.Un paio di anni fa era perfino stato pubblicato un articolo su un quotidiano di protesta di un non vedente che utilizza il computer per leggere le notizie dei quotidiani e per tenersi in contatto con i suoi amici. Chiaramente la mancanza dell'ADSL è un ulteriore handicap che questa persona deve subire, ma Telecom si è dimostrata insensibile anche in questo caso, dicendo che la nostra "metà" non avrà l'ADSL perché "c'è poca utenza".Per forza c'è poca utenza, se non danno la disponibilità del servizio!!!Invece nella "nostra metà" ci sono anche aziende informatiche e intere frazioni (anche piuttosto grandi), quindi veramente non riesco a capire questa posizione.Speriamo solo che l'annunciata installazione di un'antenna Wi-Max porti finalmente una banda larga veramente fruibile.
    • ken scrive:
      Re: A Belluno l'ADSL c'è solo per metà...
      Ciao Mario, sono anch'io di Belluno, e fortunatamente abito ai limiti della zona coperta dall'adsl.Ho scoperto di recente che nelle altre zone c'e' un servizio wifi, cerca "popwifi" su google. Non e' certo a buon mercato e non so dirti che qualita' garantisca, ma e' pur sempre qualcosa.E pensare che con poche antenne wimax si potrebbero coprire tutta la citta' e la provincia. Ma le grandi aziende oligarchiche che ci governano non sono molto d'accordo con questa prospettiva di rete libera per tutti, quindi non ci resta che vivacchiare in attesa di un mezzo miracolo...
  • jetkid scrive:
    capisco...
    ...la frustrazione del nostro amico. Io prima di trasferirmi in una grande città ho vissuto in un paesino di 100 abitanti in cui non arrivava neanche il 3G!!! Al tempo la telecom mi rispose che c'era la meravigliosa aliceSat, avrei solo dovuto fare l'adeguamento del mio impianto satellitare... ah sì al modico prezzo di oltre 100 euro... e con un canone di circa 20 euro al mese per una 640kb.Bhè considerando il canone telecom base + le telefonate + il prezzo spropositato per una 640 (avrei pagato come chi aveva la 2048 su doppino in pratica)+ il fatto che avrei perso almeno 5 gg lavorativi per le volte che il tecnico telecom non si sarebbe presentato all'appuntamento per l'installazione... decisi che NON avrei regalato tutti quei soldi a telecom, quando per 40-50 euro/mese c'erano dei pacchetti all in one proposti da molti altri operatori con una velocità di navigazione almeno 4 volte maggiore!!!Saluti.
  • Marco Marcoaldi scrive:
    IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
    Questo è il comitato che ho formato insieme ad altri volenterosi abitanti del mio quartiere !!!!A Dicembre avremmo l'ADSL finalmente dopo 8 anni !E se non bastano comitati, petizioni, ecc.. ricordatevi sempre che i carburanti sono infiammabili ed è PERICOLOSO girare con carburanti nelle zone di telefonia ! ;Dhttp://adsl.dreamsnet.it
    • ndr scrive:
      Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!

      E se non bastano comitati, petizioni, ecc..
      ricordatevi sempre che i carburanti sono
      infiammabili ed è PERICOLOSO girare con
      carburanti nelle zone di telefonia !
      ;D

      http://adsl.dreamsnet.it...resta sui binari vah, si sa mai che qualche imbecille ti prenda in parola. Altrimenti la Telecom finisce come gli ebrei: più la maltratti e più potere gli dai.
    • Athlon64 scrive:
      Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!

      E se non bastano comitati, petizioni, ecc..
      ricordatevi sempre che i carburanti sono
      infiammabili ed è PERICOLOSO girare con
      carburanti nelle zone di telefonia !Questo è incitamento a delinquere, un reato penale.
      • come no scrive:
        Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
        Hai ragione.La benzina è meglio rovesciarla in testa al Tronchetto della Felicità, assieme au un fiammifero acceso.
      • Macs scrive:
        Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
        questo non e' incitamento a niente... puo' essere una velata allusione oppure una banale affermazione. Scendi dallo scranno.
      • Marco Marcoaldi scrive:
        Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
        Reato Penale ?W l'indulto !!! W la repubblica delle banane !!!
        • ndr scrive:
          Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
          - Scritto da: Marco Marcoaldi
          Reato Penale ?

          W l'indulto !!! W la repubblica delle banane !!!X LA REDAZIONE...perchè non censurate anche questo allora?Ridicoli, ad ogni post cancellato per partito preso Punto Informatico perde un pezzo di dignità. Bella figura.So che censurerete anche questo, nascondi, nascondi prima che qualcuno lo legga...ma il messaggio arriverà almeno al "censore". Vergognatevi. Rispondete ai post piuttosto se pensate di essere nel giusto, vigliacchi...
      • Burp scrive:
        Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
        - Scritto da: Athlon64
        Questo è incitamento a delinquere, un reato
        penale.No, e' il farfugliamento agitato di un demente.
        • Marco Marcoaldi scrive:
          Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
          Sono un demente ?IO intanto ho raggiunto l'obiettivo che mi avevo proposto, ossia essere COPERTO da BANDA LARGA !!!!Ho creato il forum e cercato di raccogliere tutta la gente interessata, e ora a dicembre avremmo l'adsl !!!!Tu cosa fai nella vita ? Quali sono le tue battaglie quotidiane che vinci ?Secondo me sei un FALLITO !
    • ndr scrive:
      Re: IL MIO CASO RISOLTO - LEGGETE !!!!
      Iiiih, che bacchettoni questi moderatori...perchè cancellare i post, il discorso era bell'e chiuso, senza degenerazioni e senza OT proprio perchè finito lì. Due parolacce fuori posto, bastava "asteriscarle". Inutile che fate tanto i moralisti con la cina poi (lo so che è un paragone esasperato, ma cogliete il senso...).Ipocriti.Sarà mica xke c'era la parola "ebrei"? In un contesto evidentemente slegato dal discorso razziale peraltro, ma riferito solamente a dinamiche sociologiche.In malafede oltre che ipocriti. Censuratemi anche questo, via...
  • NetWorm scrive:
    Semmai...
    Io inizierei con uno sciopero della fame, almeno vai avanti qualche giorno, con lo sciopero della sete non arrivi a fare quell'altro :D
  • Demi scrive:
    Pure da noi non arriverà mai :(
    Siamo nelle stesse condizioni pure noi, ma non abito in un paesino sperduto, ma in un comune con oltre 7000 abitanti in fortissima espanzione (stanno costruendo case su case) con una zona industriale paragonabile a quelle di molti capoluoghi, ma niente adsl per la telezozz non siamo appetibili, NB il paese prima (2km di distanza) e quello dopo (praticamente attaccato) è disponibile la banda larga..........
  • Gica78R scrive:
    Contrappasso
    Sono anch'io un abitante della provincia di Frosinone, anche se molto lontano da Ausonia, e fino a pochi mesi fa ero nella stessa identica situazione. Mi connettevo a 56kbps da anni e anni e abbozzavo, nella speranza di trovare una qualche soluzione. Le alternative date dalle connessioni satellitari o su linee EDGE/UMTS non erano praticabili per ovvi problemi di costi, mentre la copertura wi-fi della mia zona procedeva a rilento.Rassegnato, ho iniziato a fare a Telecom quello che Telecom ha fatto a me per anni: chiamare, chiamare, chiamare. Tutti i giorni telefonavo al 187 per chiedere l'attivazione dell'aDSL, il disgraziato di turno iniziava la procedura e ad un certo punto si fermava dicendo "Oh, mi dispiace. La sua zona non è coperta". Allora io rispondevo: "Ah, davvero?! Accipicchia! Beh, sapete tra quanto tempo sarò raggiunto?". E l'operatore: "Non appena la sua zona sarà coperta, la chiameremo noi". Ma io richiamavo il giorno dopo, e quello dopo ancora... sempre così, per dispetto.Alla fine, a fine giugno, la mia zona è stata raggiunta da aDSL, anche se soltanto per connessioni a 640kbs. Ho chiamato Telecom e l'ho fatta attivare; tempo previsto per la ricezione del modem, del cordless e dei dat di accesso: 15 giorni. Trascorsi i 15 giorni e non avendo ricevuto nulla, ho richiamato, ho sollecitato, ho minacciato. C'era stato un errore, quindi si doveva fare la procedura e dovevo attendere altri 15. Trascorsi questi 15 giorni e non avendo ricevuto nulla, ho chiamato Tele2 e ho fatto il contratto con loro: stessa velocità, 3 euro al mese in meno. Quelli di Telecom ci sono rimasti molto male!AH AH AH AH!Tornando alla lettera dell'utente, è corretta l'osservazione di Derrato Alì Mentari: il governo non può imporre a Telecom di fare nulla, a meno che non faccia quello per cui Anti Digital Divide lo sollecita da tempo, ovvero inserire la banda larga nei servizi universali che un operatore di tlc deve fornire ai suoi clienti. Fino ad allora: NIET!A questo punto si inserirebbero i vari discorsi sulla separazione della rete dai servizi, ecc. ecc. ecc., ma sono tutte chiacchiere senza senso. Il danno è stato fatto con la privatizzazione del '97... la solita furbata di quei farabbutti che ci governano. Siamo nati un una repubblica delle banane, e così ce la dobbiamo tenere.Scusate la prolissità... :-)Gica
  • demi scrive:
    vantaggi e svantaggi
    vivere in un piccolo paesino come il tuo comporta senza dubbio tanti vantaggi (verde, inquinamento, tranquillità, ecc.) e molti svantaggi (mancanza di grosse strutture, minore scelta di negozi, biblioteche, attività, lavoro, ecc.).Pretendere di avere solo vantaggi è una pazzia... altro che sciopero della fame.Guardando la mappa su google, ad occhio e croce Selvacana non ha più di 200 abitanti, dei quali bisogna vedere quanti poi sono interessati all'adsl. Ci sono comuni in Italia di migliaia di abitanti che non possono usufruire dell'adsl.Tra l'altro al di là dei problemi economici... mai pensato per un attimo che potrebbe (ed è probabile che sia questo il caso) non essere possibile tecnologicamente portare l'adsl nel tuo paese.L'Italia è un paese con una densità della popolazione abbastanza strana, pensare di avere una copertura adsl anche a solo il 90% degli abitanti è una pazzia, l'unica speranza è una tecnologia come il wi-max, ma bisogna aspettare ancora qualche anno.
    • 123 scrive:
      Re: vantaggi e svantaggi
      - Scritto da: demi
      vivere in un piccolo paesino come il tuo comporta
      senza dubbio tanti vantaggi (verde, inquinamento,
      tranquillità, ecc.) e molti svantaggi (mancanza
      di grosse strutture, minore scelta di negozi,
      biblioteche, attività, lavoro,
      ecc.).
      Pretendere di avere solo vantaggi è una pazzia...
      altro che sciopero della
      fame.
      Guardando la mappa su google, ad occhio e croce
      Selvacana non ha più di 200 abitanti, dei quali
      bisogna vedere quanti poi sono interessati
      all'adsl. Ci sono comuni in Italia di migliaia di
      abitanti che non possono usufruire
      dell'adsl.
      Tra l'altro al di là dei problemi economici...
      mai pensato per un attimo che potrebbe (ed è
      probabile che sia questo il caso) non essere
      possibile tecnologicamente portare l'adsl nel tuo
      paese.
      L'Italia è un paese con una densità della
      popolazione abbastanza strana, pensare di avere
      una copertura adsl anche a solo il 90% degli
      abitanti è una pazzia, l'unica speranza è una
      tecnologia come il wi-max, ma bisogna aspettare
      ancora qualche
      anno.quoto in toto....@ autore della lettera:telecom è una SpA che deve fare soldi, e con un buco nel bilancio di qualche euro (pochissimi eh) non penso abbia interesse a coprire un posto con pochi abitanti, anche se probabile zona turistica (che funzionerebbe 6 mesi all'anno)ci metterebbe millenni ad ammortizare i costi di cablaggio con i tuoi 30 mensili di abbonamento, poni anche che siete in 10 famiglie, sono sempre una cosa irrisoria rispetto ai costi di installazione e manutenzione che telecom dovrebbe sostenere...aspetta il wi-max e prega
      • Spà scrive:
        Re: vantaggi e svantaggi
        secondo questo ragionamento il telefono lì non sarebbe mai potuto arrivare.. la verità è che il broadband deve essere considerato un servizio pubblico essenziale, la rete deve tornare pubblica, solo in questa maniera si supera davvero il digital-divide, telecom e gli altri a scannarsi per i servizi.
        • Anonimo scrive:
          Re: vantaggi e svantaggi
          - Scritto da: Spà
          secondo questo ragionamento il telefono lì non
          sarebbe mai potuto arrivare.. la verità è che il
          broadband deve essere considerato un servizio
          pubblico essenziale, la rete deve tornare
          pubblica, solo in questa maniera si supera
          davvero il digital-divide, telecom e gli altri a
          scannarsi per i
          servizi.E così chi non vuole internet sarà costretto a pagare tasse inutili.Bella soluzione la tua...
          • pavimentare l abruzzo scrive:
            Re: vantaggi e svantaggi

            E così chi non vuole internet sarà costretto a
            pagare tasse
            inutili.
            Bella soluzione la tua...beh se e per quello le mie tasse sono usate per pagare il rifacimento dei manti stradali di tutta italia.. e io che vivo in un paesino non potro neanche vederli, ne tantomeno passargli sopra col mio SUV :-)che discorso è? le infrastutture e il sociale si mettono in piedi indipendentemente al fatto che tu piccolo comunista egoista le utilizzi o meno
      • Busana scrive:
        Re: vantaggi e svantaggi
        - Scritto da: 123

        telecom è una SpA che deve fare soldi, e con un
        buco nel bilancio di qualche euro (pochissimi eh)
        non penso abbia interesse a coprire un posto con
        pochi abitanti, anche se probabile zona turistica
        (che funzionerebbe 6 mesi
        all'anno)
        ci metterebbe millenni ad ammortizare i costi di
        cablaggio con i tuoi 30 mensili di abbonamento,
        poni anche che siete in 10 famiglie, sono sempre
        una cosa irrisoria rispetto ai costi di
        installazione e manutenzione che telecom dovrebbe
        sostenere...Sei sicuro di quello che dici ?Copertura in provincia di Viterbo: Bagnaia, che è una frazione in grande sviluppo, a 2 Km dal capoluogo di provincia, che ha almeno 2000 abitanti di cui buona parte anche benestante, è esclusa dalla copertura ADSL e non è prevista copertura nel futuro prossimo.Valle dei Romiti, zona identica a quella appena descritta er posizione rispetto al capoluogo, ma con si e no 500 abitanti è stata coperta a giugno.Tarquinia LIDO e Marina Velka, zone di villeggiatura dove di inverno non vivono più di 50 famiglie, molte delle quali sicuramente disinteressate al servizio, sono in fase di copertura (se non già attive) !!!! Queste zone l'estate lavorano da metà giugno ai primi di settembre, con presenze che sono molto spesso giovani mamme alle prese con i bambini, e la voglia di stare sotto al sole, non davanti ad un pc... e anziani che internet non sanno neanche a cosa serva !! Eppure telecom ha deciso di coprire queste zone quindi sembra che in molti casi telecom abbia interesse a coprire un posto con pochi abitanti.... forse perchè tra quei pochi ci sono quelli che "contano" !?!
        • 123 scrive:
          Re: vantaggi e svantaggi
          - Scritto da: Busana
          - Scritto da: 123



          telecom è una SpA che deve fare soldi, e con un

          buco nel bilancio di qualche euro (pochissimi
          eh)

          non penso abbia interesse a coprire un posto con

          pochi abitanti, anche se probabile zona
          turistica

          (che funzionerebbe 6 mesi

          all'anno)

          ci metterebbe millenni ad ammortizare i costi di

          cablaggio con i tuoi 30 mensili di abbonamento,

          poni anche che siete in 10 famiglie, sono sempre

          una cosa irrisoria rispetto ai costi di

          installazione e manutenzione che telecom
          dovrebbe

          sostenere...


          Sei sicuro di quello che dici ?

          Copertura in provincia di Viterbo:

          Bagnaia, che è una frazione in grande sviluppo, a
          2 Km dal capoluogo di provincia, che ha almeno
          2000 abitanti di cui buona parte anche
          benestante, è esclusa dalla copertura ADSL e non
          è prevista copertura nel futuro
          prossimo.

          Valle dei Romiti, zona identica a quella appena
          descritta er posizione rispetto al capoluogo, ma
          con si e no 500 abitanti è stata coperta a
          giugno.

          Tarquinia LIDO e Marina Velka, zone di
          villeggiatura dove di inverno non vivono più di
          50 famiglie, molte delle quali sicuramente
          disinteressate al servizio, sono in fase di
          copertura (se non già attive) !!!! Queste zone
          l'estate lavorano da metà giugno ai primi di
          settembre, con presenze che sono molto spesso
          giovani mamme alle prese con i bambini, e la
          voglia di stare sotto al sole, non davanti ad un
          pc... e anziani che internet non sanno neanche a
          cosa serva !! Eppure telecom ha deciso di coprire
          queste zone quindi sembra che in molti casi
          telecom abbia interesse a coprire un posto con
          pochi abitanti.... forse perchè tra quei pochi ci
          sono quelli che "contano"
          !?!dubito ci siano "quelli che contano" in quanto tu devi pagare chi mette giu i cavi, chi deve curarli, chi deve installare i dslam, chi deve curare i dslam, cchi deve installare i modem e cacchi vari.la somma non è sostenibile da 50 anche se sono 50 che contano, a meno che non selo paghino quei 50 di tasca propria, di certo non lo fanno nemmeno per quelli che contano, e di certo quelli che contano non vanno ad infognarsi in posti disabitati per poi richiedere 2348923984 servizi da dover pagare poi...devi vedere in una futura possibile estensione.in quella da 50 ci sono altri centri vicini? se si allora è normale che la rete venga estesa per poi poter mettere le linee sui territori vicini a quello da 50 abitanti.se quello in provincia di viterbo è in mezzo ai boschi con nessuna città vicina allora è normale che non faranno MAI la spesa per coprire SOLO quel territorio di 2000 anime di cui la maggior parte sicuramente saranno ultra 50-60enni che vivono li da sempre ed ovviamente disinteressatissimi ad avere il servizio.mettere la BB come servizio neccessario è una cavolata... pensiamo prima a debellare altri problemi italiani invece di avere ultravelocerrimo ad internet.un albergo o azienda o _che_ne_so_ non deve per forza avere internet BB per avere un sito, paghi un coder che in 2 giorni ti fa un sito con 200 hostato su chi offre servizio di host a 20 all'anno220 per un sito con le info minime indispensabili:foto, prezzi, contatti
    • Urbanizzato Troppo scrive:
      Re: vantaggi e svantaggi
      Quoto!Io ho l'adsl, ma anche autostrade e statali vicine: farei cambio subito!- Scritto da: demi
      vivere in un piccolo paesino come il tuo comporta
      senza dubbio tanti vantaggi (verde, inquinamento,
      tranquillità, ecc.) e molti svantaggi (mancanza
      di grosse strutture, minore scelta di negozi,
      biblioteche, attività, lavoro,
      ecc.).
      Pretendere di avere solo vantaggi è una pazzia...
      altro che sciopero della
      fame.
  • Virgio scrive:
    Sbagliato bersaglio
    La lettera va inviata non a Mortadella, ma a Gentiloni che dovrebbe semplicemente fare una cosa: rispettare la legge. L'ADSL non arriva ovunque perché il Ministero delle Comunicazioni non aggiorna da anni il Servizio Universale. Qui una sintesi ed alcuni riferimenti di legge:http://preview.tinyurl.com/2lz5v4
    • clic scrive:
      Re: Sbagliato bersaglio
      - Scritto da: Virgio
      La lettera va inviata non a Mortadella, ma a
      Gentiloni che dovrebbe semplicemente fare una
      cosa: rispettare la legge. L'ADSL non arriva
      ovunque perché il Ministero delle Comunicazioni
      non aggiorna da anni il Servizio Universale. Qui
      una sintesi ed alcuni riferimenti di
      legge:
      http://preview.tinyurl.com/2lz5v4Aggiungo pure che l'estensione della copertura ADSL faceva parte del programma della campagna elettorale...
      • Mario Rossi scrive:
        Re: Sbagliato bersaglio
        - Scritto da: clic
        Aggiungo pure che l'estensione della copertura
        ADSL faceva parte del programma della campagna
        elettorale...Come per l'acqua in Sicilia, la larga banda deve restare un problema irrisolto il più a lungo possibile, in modo da poter replicare le promesse elettorali a piacere.
      • Busana scrive:
        Re: Sbagliato bersaglio
        - Scritto da: clic

        Aggiungo pure che l'estensione della copertura
        ADSL faceva parte del programma della campagna
        elettorale...Dai, non mi dire che credi alle promesse dei politici fatte prima di ricevere il voto !!
    • Athlon64 scrive:
      Re: Sbagliato bersaglio
      - Scritto da: AranBanjo
      Ma stai scherzando vero?
      Le centrali più vecchie e dei comuni piccoli sono
      collegati con backhaul in rame, con una banda
      passante che va dai 4 Mega ai 32. La dorsale è
      un'altra cosa e viaggia su flussi che arrivano a
      655
      Mb.Dio ti ringrazio, finalmente qualcuno che scrive sul forum perché sa le cose...
    • Mario Rossi scrive:
      Re: Sbagliato bersaglio
      - Scritto da: AranBanjo
      Ma stai scherzando vero?
      Le centrali più vecchie e dei comuni piccoli sono
      collegati con backhaul in rame, con una banda
      passante che va dai 4 Mega ai 32. La dorsale è
      un'altra cosa e viaggia su flussi che arrivano a
      655
      Mb.E' insito nel concetto di "servizio universale" il fatto che l'operatore dominante lavori in perdita su una frazione dell'utenza e che per questo venga rimborsato dagli altri telco, in maniera proporzionale alla loro presenza sul mercato. Nessuno dice che portare la larga banda ovunque costi come le nozze con i fichi secchi, ma il punto è se nel 2007 ogni cittadino italiano abbia il diritto o meno, non di mettere su una web farm sul Gran Sasso, ma di accedere alla rete con alcuni centinaia di kbit/s. Per me la risposta è sì e sono disposto ad accollarmene i costi (sociali ed economici) che ne conseguono. Se per te la risposta è no, fai bene a pensarla come la pensi. E qui restiamo sul soggettivo.Resta il problema che il Ministero delle Comunicazioni, non fa quello per cui è preposto e pagato, e questo purtroppo è oggettivo.
      • AranBanjo scrive:
        Re: Sbagliato bersaglio

        E' insito nel concetto di "servizio universale"
        il fatto che l'operatore dominante lavori in
        perdita su una frazione dell'utenza e che per
        questo venga rimborsato dagli altri telco, in
        maniera proporzionale alla loro presenza sul
        mercato.No, forse non ci capiamo.Il problema è che TECNICAMENTE non è possibile portare ovunque la banda larga tramite ADSL.Da notare infatti che in molte (non tutte) zone non coperte da ADSL è possibile portare HDSL. Ovviamente i costi cambiano, ma banda larga è.Se poi parliamo di ritorno di investimento è ovvio che nessuno butta via i soldi. Perchè invece che Telecom non ci pensano Infostrada o Tiscali o Tele2 (giusto per citare gli operatori con propria rete) a coprire le zone scoperte? Semplicemente perchè spendere decine di migliaia di euro con la previsione di rivederli dopo decine di anni è anti economico.Telecom è l'ex monopolista, ora è una spa non più pubblica. Che piaccia o meno, deve far profitto. Per fare profitto innanzitutto non devono investire "a caso".In ogni caso, ripeto che se anche non fosse un problema economico, rimane comunque un problema tecnico non risolvibile al momento. Per avere banda larga ci sono anche altri sistemi, vedi: HDSL; satellite; GPRS; UMTS. Se non sei coperto da uno di questi, resti nel tuo angolo di paradiso senza connettività.
        Nessuno dice che portare la larga banda ovunque
        costi come le nozze con i fichi secchi, ma il
        punto è se nel 2007 ogni cittadino italiano abbia
        il diritto o meno, non di mettere su una web farm
        sul Gran Sasso, ma di accedere alla rete con
        alcuni centinaia di kbit/s. Per me la risposta è
        sì e sono disposto ad accollarmene i costi
        (sociali ed economici) che ne conseguono. Se per
        te la risposta è no, fai bene a pensarla come la
        pensi. E qui restiamo sul
        soggettivo.Non metto in dubbio che la gente abbia diritto o no ad avere un accesso a larga banda. Rimane sempre e comunque il problema che per qualcuno l'ADSL non arriverà MAI, neanche se coprono la centrale di attestazione, solamente perchè è troppo lontano dalla stessa. E in quel caso, ti attacchi. Al massimo puoi far arrivare la linea ad un vicino e fare un rilancio in ponte radio. Ma in questo caso è probabile che il contratto firmato con il provider impedisca questo.Non sei coperto? Prendi il libretto degli assegni, vai da un provider che fornisce collegamenti wireless e chiedi che copra la tua zona. Il wireless è una ottima alternativa all'adsl, seppur con costi diversi (di norma più alti).Ma siccome la gente dice una cosa ed il suo contrario, sicuramente quando andranno a mettere l'antenna per la copertura ci sarà qualcuno che protesterà per le radiazioni. Stessa cosa se dovessero rompere le strade per passare la fibra: gente incaxxata perchè la viabilità è compromessa.
        Resta il problema che il Ministero delle
        Comunicazioni, non fa quello per cui è preposto e
        pagato, e questo purtroppo è
        oggettivo.Il ministero deve _obbligare_ una azienda privata a lavorare in perdita? Tu lavoreresti gratis?
        • Mario Rossi scrive:
          Re: Sbagliato bersaglio
          - Scritto da: AranBanjo
          No, forse non ci capiamo.
          Il problema è che TECNICAMENTE non è possibile
          portare ovunque la banda larga tramite
          ADSL.Il servizio universale è tecnologicamente neutro. Significa che il carrier deve portarti la banda in qualche modo, dai segnali di fumo alla telepatia; non c'è solo l'ADSL. Prova a chiedere a Telecom Italia una 2.5 Gbit e poi vedi se non te la porta anche nel buco del culo del mondo.Significa che:1) si sancisce un principio ed un diritto2) si trovano le soluzioni tecniche per garantire il diritto a tutti (sennò non è un diritto)3) si distribuiscono i costi tra tutti gli operatori e quindi tra tutti gli utenti.Punto.Ripeto, se non ti sta bene il punto 3) hai ragione ad essere contrario, ma è inutile che continui ad insistere sulle presunte problematiche tecniche. Pagando (tutti) sono superabili.
          • AranBanjo scrive:
            Re: Sbagliato bersaglio

            Il servizio universale è tecnologicamente neutro.
            Significa che il carrier deve portarti la banda
            in qualche modo, dai segnali di fumo alla
            telepatia; non c'è solo l'ADSL. Prova a chiedere
            a Telecom Italia una 2.5 Gbit e poi vedi se non
            te la porta anche nel buco del culo del
            mondo.Infatti ti portano quello che vuoi, basta che paghi da listino. Sai quanto costa al KM la posa di fibra? E quanto poi ti costa la banda? Ovvio che se dici ad un operatore di portarti una roba del genere, te la porta se paghi!Inoltre non puoi affermare che il servizio è "neutro".La gente vuole l'adsl, non altre robe. E se spieghi loro che non è realizzabile allora dicono che non è giusto e che sono cittadini di serie B. Ma se dici loro che per aver connettività devono sborsare 100 euro al mese allora possono tranquillamente stare senza.Ma che discorsi sono "prova a chiedere una 2.5 Gbit"?Ovvio che se vai in concessionario e chiedi il modello di punta di una autovettura, te la vende volentiri.Ma dai....
            Significa che:
            1) si sancisce un principio ed un diritto
            2) si trovano le soluzioni tecniche per garantire
            il diritto a tutti (sennò non è un
            diritto)
            3) si distribuiscono i costi tra tutti gli
            operatori e quindi tra tutti gli
            utenti.

            Punto.

            Ripeto, se non ti sta bene il punto 3) hai
            ragione ad essere contrario, ma è inutile che
            continui ad insistere sulle presunte
            problematiche tecniche. Pagando (tutti) sono
            superabili.Sarei a favore di un servizio universale, ma sapendo che non è realizzabile posso solo dire che non è attuabile l'iuniversalità. E poi non capisco il perchè i costi debbano sorbirseli tutti gli operatori... Se uno degli operatori vuole coprire una zona, se la paga... tanto più che al massimo avrà l'esclusiva, quindi concorrenza zero. E stai pure sicuro che la gente si lamenterà anche in quel caso. Si lamenterebbero pure avendo la connessione gratis...E' come se chiedessi al governo di rendere l'automobile un bene universale e che quindi tutti pagassero una parte affinchè io possa girare con il mio mercedes.Ma per piacere...
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Sbagliato bersaglio
            - Scritto da: AranBanjo
            La gente vuole l'adsl, non altre robe. La gente vuole la banda su una presa ethernet o USB. Eolo di NGI vende, e non è propriamente su doppino.
            Ma che discorsi sono "prova a chiedere una 2.5
            Gbit"?Serve a farti capire che NON è vero che la larga banda non è TECNICAMENTE realizzabile ovunque. Non è economicamente remunerativo ovunque, ma non è una novità.
            Sarei a favore di un servizio universale, ma
            sapendo che non è realizzabile posso solo dire
            che non è attuabile l'iuniversalità. E poi non
            capisco il perchè i costi debbano sorbirseli
            tutti gli operatori... Perché non hai capito che cosa è il servizio universale. La vecchietta che fa 2 chiamate all'anno è un servizio in perdita, ma potenzialmente può chiamare qualunque numero ed essere chiamata da qualunque numero, quindi tutti gli operatori devono contribuire a portarle il doppino. Siccome gli operatori non lavorano in perdita, questi costi si traducono in maggiori costi per tutti gli utenti. Non è una mia invenzione geniale, è così che funziona per legge. Per la larga banda sarebbe la stessa cosa.Se non ti sta bene come principio è un conto, ma ti ripeto per l'ennesima volta che il problema non è tecnico.
  • picchiatello scrive:
    Come direbbe qualcuno...
    Ebbene caro concittadino noi siamo dalla parte di chi vuolo internet nelle case di ogni italianoma siamo anche dalla parte della telecom che non la metterà maisiamo dalla parte di chi paga le bollettema anche dalla parte di chi non vuole pagare le bollettenoi paghiamo le tassema capiamo chi non le vuol pagarestiamo dalla parte di chi vuol fare lo sciopero della fame e della setema siano anche con chi mangia e beve in abbondanza...
    • come no scrive:
      Re: Come direbbe qualcuno...
      il maanchismo veltroniano....
    • exsinistro scrive:
      Re: Come direbbe qualcuno...
      - Scritto da: picchiatello
      Ebbene caro concittadino noi siamo dalla parte di
      chi vuolo internet nelle case di ogni
      italiano
      ma siamo anche dalla parte della telecom che non
      la metterà
      mai
      siamo dalla parte di chi paga le bollette
      ma anche dalla parte di chi non vuole pagare le
      bollette
      noi paghiamo le tasse
      ma capiamo chi non le vuol pagare
      stiamo dalla parte di chi vuol fare lo sciopero
      della fame e della
      sete
      ma siano anche con chi mangia e beve in
      abbondanza...Allora tu sei Veltroni.
  • Derrato Alì Mentari scrive:
    è così anche dalle mie parti: NIET
    ...non te la attiveranno, ma soprattutto dopo le prime 15 righe diranno: ma che internet, questo deve finire le medie e imparare a usare la punteggiatura!Ad ogni modo per telecom (che è una azienda) è antieconomico, in certe zone, attivare e MANTENERE le linee.Quindi dato che vuoi promuovere la zona IMPRENDI! Fai tu il fornitore di accesso via radio. Dalle mie parti si fa così: sul monte più alto della zona hanno messo un impiantino... costa un po' dipiù, ma chi non deve solo cazzeggiare accede con facilità e soddisfazione.
    • Gabriele Cardillo La Vammana scrive:
      Re: è così anche dalle mie parti: NIET
      Grazie del consiglio se avessi le possibilità sul monte Fammera si vedeva l'antenna ache dalla luna...cmq al riguardo della punteggiatura, quando ho scritto im maniera corretta e ho spiegato tecnicamente anche l'investimento che doveva affrontare telecom e i Suoi profitti, la lettera è rimasta nel cassetto...ora parlando alla popolare sono sommerso da e-mail e appeovazione.
  • ... scrive:
    Il Prof. Farfuglia risponde:
    Ma signoreee... cosa vuole che siaaaa... se non sarà oggi, sarà domaniiii... intanto se mi voteràaaa... giuro che prenderò stabilmente a cuore il suo problema... come un semaforo... daròoo il via a lavori di ammodernamento su tutta la linea... scatterà il verde per il futuro, il rosso per il passato e come un semaforo vedrà che tutti mi rispetterannoooo...
    • 123 scrive:
      Re: Il Prof. Farfuglia risponde:
      - Scritto da: ...
      Ma signoreee... cosa vuole che siaaaa... se non
      sarà oggi, sarà domaniiii... intanto se mi
      voteràaaa... giuro che prenderò stabilmente a
      cuore il suo problema... come un semaforo...
      daròoo il via a lavori di ammodernamento su tutta
      la linea... scatterà il verde per il futuro, il
      rosso per il passato e come un semaforo vedrà che
      tutti mi
      rispetterannoooo...qui da me i semafori sono arancione lampeggianti, che rappresenta in questo caso?
Chiudi i commenti