Typosquatting, un caso italiano

di Valentina Frediani (ConsulenteLegaleInformatico.it) - Il Crdd pone dei paletti piuttosto chiari all'utilizzo di un nome a dominio del tutto simile ad un marchio commerciale. Scatta la riassegnazione

Errata corrige : In relazione all’articolo pubblicato ieri su punto-informatico dal titolo “Typosquatting: un caso italiano” siamo a sottolineare che la risoluzione è stata emessa avverso il Sig. Mauro Alessi, assegnatario, mentre il ruolo di www.tuonome.it è stato citato esclusivamente in qualità di mantainer con posizionamento del link sul sito a titolo di domain parking.

Di seguito il testo originale dell’articolo:

Roma – I nomi a dominio continuano a costituire mezzi di deviazione degli utenti a scopi commerciali. È di questi giorni una nuova pronuncia del Centro risoluzione dispute domini, nella quale si analizza una vicenda circa la tecnica del “typosquatting” ovvero quella pratica di chi effettua una registrazione di un nome a dominio molto simile ad altri domini o marchi noti e conosciuti, differenziandosi da questi per minime difformità letterali imputabili spesso a errori di digitazione.

La disputa è alquanto recente risalendo alla fine di luglio, quando la Essse Caffè SPA di Bologna avviava una procedura di riassegnazione (come previsto ex art. 16 regole di naming) per ottenere il trasferimento di un nome a dominio registrato da un signore di Prato, consistente in www.essecafe.it: il nominativo della ricorrente meno una “s”.

Sul sito oggetto del contendere, alcun contenuto specifico, semplicemente una proposta di offerta per gli interessati alla registrazione di nomi a dominio, che venivano così invitati a visitare www.tuonome.it. La Essse Caffè lamentava così che il titolare del nome di dominio contestato altro non aveva fatto che “cavalcare” la notorietà dell’azienda – peraltro azienda operativa a livello internazionale – al fine di avere una ampia visibilità da parte di soggetti che digitando erroneamente l’URL si sarebbero visti proporre un servizio ben diverso da quanto richiesto.

La disputa è stata conclusa con la disposizione del trasferimento del dominio www.essecaffe.it alla Essse Caffè SPA sulla base di quanto disposto all’art. 16.6 regole di naming. Lo stesso stabilisce che il requisito che primariamente deve essere verificato per valutare l’opportunità di riassegnazione o meno del nome a dominio oggetto di contestazione, è quello della identicità o similitudine tali da indurre in confusione gli utenti rispetto ad un marchio o ad un nome proprio di cui è titolare il ricorrente. Nel caso specifico l’induzione in errore appare palese, infatti il Crdd ha elencato tutte quelle ipotesi al cui ricorrere si sarebbe potuto prospettare un qualche diritto del resistente: ad esempio nel caso in cui il sito avesse ospitato promozioni commerciali autonome, o in qualche modo il nome a dominio fosse stato riconducibile ad un nominativo di altra azienda anche priva di registrazione del rispettivo marchio, o di un’associazione o ente. In tal caso il Crdd avrebbe dovuto comparare le posizioni dei pretendenti anche in considerazione dei diritti acquisiti dal primo assegnatario con la registrazione. Ma l’assenza totale di un qualche interesse o colleganza con il nome a dominio registrato ha indotto il Crdd a concludere come la registrazione del nome a dominio sia avvenuta in totale mala fede ovvero con l’intenzione esclusiva di trarre da un errore di digitazione degli utenti visibilità e promozione commerciale del sito www.tuonome.it.

Una decisione poco contestabile a parere di molti soprattutto perché proiettata in un’epoca di assoluto sfruttamento della notorietà commerciale altrui approfittando dei potenti mezzi messi a disposizione della rete.

Avv. Valentina Frediani
www.consulentelegaleinformatico.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Presid. Scrocco scrive:
    Chi ha inventato la password?
    Sarebbe curioso sapere chi per primo ha usato un "metodo di autenticazione che tramite la richiesta di un codice di numeri o lettere permette l'accesso ad un'area riservata".Ci sarà pur stato uno che l'ha usata per primo, no?Chissà quando spunterà.... e quanti $$$ chiederà!!!!!:D:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    sciacalli
    ed io che pensavo che microsoft fosse il più grosso di tutti... invece... più sono piccoli più sono viscidi.per non parlare di happy birthday... w il commercio... tra un po' non potremmo nemmeno più somigliarci? rischiamo che qualcuno venga a rivendicare la proprietà dei nostri zigomi?manh... w l'hacking
  • Anonimo scrive:
    INVECE DI SCRIVERE
    Invece di scrivere bagganate qui, visto che siamo noi che scriviamo software e che viviamo del nostro lavoro, mandiamo ogni giorno ai parlamentari italiani, ai vari ministi, agli europarlamentari una e-mail di protesta! Ricordiamo loro che non è giusto che con le nostre fatiche vivano sanguisughe di avvocati giudici ed avventurieri!!!!! E gli stessi uffici brevetti!Ricordiamo loro che daremo il nostro voto a che saprà prendere le giuste iniziative!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Danni INFINITI in aguato
    Ma chi ci assicura?Chi controlla?Se, per esempio un mio dipendente, mi odia ed inserisce nei sorgenti del software che produco, del codice copiato che viola brevetti.Io come faccio a garantirmi?Chi mi verifica il codice?Chi mi garantisce che nella verifica non avvenga una copia?
  • Anonimo scrive:
    Processi Kafkiani
    Se Kafka avesse brevettato la paranoia i suoi discendenti sarebbero adesso miliardari (in Euro).A proposito: in ogni caso il record mondiale dei brevetti kafkiani lo ostenta ancora il brevetto del dondolo laterale:http://punto-informatico.it/p.asp?i=39886:) :'( :) :'( :) :'(
  • Anonimo scrive:
    Non è vero. Ditemi che non è vero
    ......
  • Anonimo scrive:
    Depressi, operai dell'informatica
    Fino a qualche tempo fa, prima dei brevetti, mi potevo sentire in qualche modo un creativo.Saspevo d'inventare, e certamente di reinventare quanto altri avevano già scritto.Ma oggi, quando penso di creare un software, anche free, mi devo bloccare.Potrei violare qualche brevetto, e senza saperlo, e senza farlo intenzionalmente.Se poi, grazie ad una intuizione, un affare, incorporassi una qualche idea, magari consunta, ma rilustrata dal brevetto, andrei di male in peggio.Le cause legali, i rimborsi, tutto mi verrebbe tolto in nome del brevetto violato. Magari concesso chissà con quale arbitrio.E allora JAVA?Già non conoscevo molti anni fa e non esisteva neppure JAVA.Ma quell'idea di macchina virtuale, con I/O virtuale, l'avevo implementata.Ora che accadrebbe a quel prodotto che creai molto tempo fa?Chissà se son io a violare l'idea, o loro.Di certo nessuno m'aveva insegnato a virtualizzare un processore.E me ne creai uno di personale.Di certo un qualche brevetto, oggi lo violerei.Ma oggi, fa paura pensare e realizzare, anche in piccolo.A pensare ed inventare, si può diventare fuorilegge.E con una probabilità sempre crescente.Vi saluto,depressamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Depressi, operai dell'informatica
      - Scritto da: Anonimo
      Ma oggi, fa paura pensare e realizzare,
      anche in piccolo.
      A pensare ed inventare, si può
      diventare fuorilegge.
      E con una probabilità sempre
      crescente.Hai tristemente ragione.Anche io da qualche tempo ho paura a rilasciare software free. So benissimo che il software funzionerebbe e diventerebbe in poco tempo molto scaricato.Ma se poi qualcuno avesse brevettato un "sistema di miscelamento sorgenti audio" sul quale il mio sw si basa?Bho? che dire... tornerò a far pizze... fin quando qualcuno non brevetterà il "processo di impasto e cottura a forno"
    • yenaplyskyn scrive:
      Re: Depressi, operai dell'informatica
      E' con grande dispiacere che devo darti pienamente ragione.Come te sto ragionando anchio da qualche tempo.Come te ho la stessa paura che inventandomi qualche soluzione nuova possa incorrere in brevetti assurdi.Altro che innovazione, qui si sta regredendo alla grande.L'eccesso di brevetti porta al fermo della creatività e non ad un ampliamento delle tecnologie, come qualcuno ha postato in questo forum.La brevettabilità sarà anche necessaria per trovare risorse per altri progetti ma l'eccesso, così come tutti gli eccessi, è solamente dannoso.E' oltremodo deludente e umiliante dover frenare la propria fantasia e creatività per paura di qualcosa che non sai nemmeno se esiste veramente.Stiamo vivendo tempi che troppo rapidamente modificano gli status e troppo rapidamente corrono verso la paralisi sociale, la vedo molto brutta, alla faccia di quelli che invocano al progresso e alla libertà come il toccasana di questo millennio.Ma dimmi, che m...a di progresso è questo dove si brevettano i manuali, le altalene ecc. nonché pratiche in vigore da decenni se non da secoli?Coraggio!!!==================================Modificato dall'autore il 19/10/2004 14.36.36
    • Anonimo scrive:
      Re: Depressi, operai dell'informatica
      E' evidente che alla mente "eccelsa" che ha progettato 'sta stronzata dei "brevetti del software" non piacciono i programmi "open source" e ha stuoli di avvocati in grado di far esibire i sorgenti "non open" della concorrenza.Auguri, liberi programmatori free. Tanti auguri. Non vi invidio proprio per nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: Depressi, operai dell'informatica

      Vi saluto,
      depressamente.Bloccare la creatività è proprio ciò che vogliono.... :'(Se a suon di corruzione riescono a far passare i brevetti anche in Europa, la sola speranza è in qualche stato che non sia schiavo degli USA.L'India ad esempio ha messo le mani avanti con una legge che esclude il software puro dalla brevettabilità.Un vero schifo che una scienza sia deturpata in nome del business.... :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Depressi, operai dell'informatica
      La FSF dovrebbe brevettare il software.Cioe`, proprio il concetto di software.Cosi` potra` dire: ce l'abbiamo piu` vasto noi il brevetto!Mah, risultera` anche scherzosa come ipotesi, ma non e` che il brevetto sul doppio click (di proprieta` Microsoft) e questo sull'autoplay risultino qualcosa di piu` serio.Quanto all'autoplay, devo ricordarmi di chiedere i danni morali per tutte le volte che mi ha rotto le scatole un CD che non mi aspettavo partisse da solo una volta inserito. Altro che royalties sul loro brevetto...Fra le varie ridicolaggini, non resta che sperare che questa questione della brevettabilita` delle idee alla base del software, prima o poi, crolli per inconsistenza.Puo` darsi che prima o poi crolli l'intero sistema dei brevetti, perche`... be', non e` logico, non ha senso. Un'idea e` un'idea, e se puoi guadagnarci di piu` brevettandola per averne l'esclusiva, e` una specie di forzatura. Come si fa a proibire ad altri di pensare come ha gia` pensato qualcun'altro, o a pagare per poter pensare nello stesso modo? Proibire di imitare? Ma che diritto/dovere e`?E` tutto irrimediabilmente ridicolo, al di la' di tutti i giri di parole che possono essere trovati per giustificare il concetto di brevetto.
  • Anonimo scrive:
    Siete dei comunisti
    Non riuscite a vedere come i brevetti spronano l'innovazione ?? Mi sembra giusto pagare a quell'azienda i suoi diritti per l'invenzione. Anzi, bisognerebbe pagargli anche 20 anni di arretrato, sin dal primo PC MSDOS che faceva il boot da floppino automaticamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete dei comunisti
      - Scritto da: Anonimo
      Non riuscite a vedere come i brevetti
      spronano l'innovazione ?? Mi sembra giusto
      pagare a quell'azienda i suoi diritti per
      l'invenzione. Anzi, bisognerebbe pagargli
      anche 20 anni di arretrato, sin dal primo PC
      MSDOS che faceva il boot da floppino
      automaticamente.Caro Genio della Lampada,c'è brevetto e brevetto. Innovazione ed innovazione.Autoplay significa che un Computer, quando si avvia, esegue delle istruzioni per poter funzionare.Se queste istruzioni stanno nel BIOS, in un floppino, in un Hard Disk, in una cassetta audio (vaghi ricordi da C64) o in una PEN USB, che c... cambia?Antani con lo scappellamento a destra(aiutooooo non ho i soldi per pagare il brevetto a Tognazzi)
      • Anonimo scrive:
        mi chiedo
        mi chiedo:sono io che non ho capito il senso della risposta o è il tizio che risponde che non ha capito una cippa del post originale?
        • Anonimo scrive:
          Re: mi chiedo
          Se tu che non hai capito; quello che dice è che è un brevetto stupido! Non si può brevettare una cosa così banale, è elementare.Domani vado a brevettare l'acqua calda che così poi apro una litigation company con il nome di "Hot Water" e cito tutti i produttori di caldaie. Sarò infinitamente ricco e conquisterò tutto il mondo. MUAHAHAA!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: mi chiedo
            e io brevetto l'idrogeno e l'ossigeno! così mi pagni i danni. con l'idrogeno e l'ossigeno nelle mie mani conquisterò l'universo! anzi, quasi quasi brevetto anche il carbonio, così sarete tutti miei schiavi e dovrette pagarmi i diritti d'autore...
        • DKDIB scrive:
          Re: mi chiedo
          Anonimo wrote:
          sono io che non ho capito il senso della risposta o è il tizio
          che risponde che non ha capito una cippa del post
          originale?E' il tizio.==================================Modificato dall'autore il 20/10/2004 0.44.02
  • Anonimo scrive:
    un giorno brevetteranno pure le seghe
    povera microsoft, continumente iportunata da case di software sfigatissime che reclamano pure il diritto dell'autoplay! di questo passo i programmi arriveremo ad avviarli con la manovella!
  • Anonimo scrive:
    Domani brevetto la masturbazione
    e ogni volta che qualcuno si tocca fa un euro :D :Dquindi toccatevi per oggi che da domani si paga :DALK
    • Anonimo scrive:
      Re: Domani brevetto la masturbazione

      e ogni volta che qualcuno si tocca fa un
      euro :D :D

      quindi toccatevi per oggi che da domani si
      paga :DMeglio brevettare un "metodo per procurarsi piacere fisico".Vedrai che peschi molta più roba... :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Domani brevetto la masturbazione
      accidenti abbiamo avuto la stessa idea riguardo all'oggetto!
      • 3p scrive:
        Re: Domani brevetto la masturbazione
        troppo tardi, troppo tardi....A proposito: fanno 14.5 euro. Uhmm pochino... vedi di impegnarti di più ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Domani brevetto la masturbazione
      mi sa che le prove di "prior art" si sprecheranno eh eh - Scritto da: Anonimo
      e ogni volta che qualcuno si tocca fa un
      euro :D :D

      quindi toccatevi per oggi che da domani si
      paga :D


      ALK
    • Anonimo scrive:
      Re: Domani brevetto la masturbazione
      - Scritto da: Anonimo
      e ogni volta che qualcuno si tocca fa un
      euro :D :D

      quindi toccatevi per oggi che da domani si
      paga :D


      ALKIo ho brevettato le scorreggie. Se non mi pagate le royalties vi faccio gonfiare tutti come palloncini.Oggi mi sento un po' (troll)
  • Anonimo scrive:
    Una cosa positiva c'e'
    Un sistema sclerotizzato come questo non puo' andare avanti ancora per molto.Il fatto che si stiano lanciando a brevettare tutto quello che vedono e' gia' di per se un indice di declino e loro non stanno facendo altro che accelerare il processo.La cosa positiva e' che se continuano cosi' entro 5 anni il sistema dei brevetti sara' morto.Aspettiamo e vediamo.CoD
    • sarot scrive:
      Re: Una cosa positiva c'e'
      - Scritto da: Anonimo
      Un sistema sclerotizzato come questo non
      puo' andare avanti ancora per molto.

      Il fatto che si stiano lanciando a
      brevettare tutto quello che vedono e' gia'
      di per se un indice di declino e loro non
      stanno facendo altro che accelerare il
      processo.

      La cosa positiva e' che se continuano cosi'
      entro 5 anni il sistema dei brevetti sara'
      morto.
      Condivido
      Aspettiamo e vediamo.



      CoD
    • Anonimo scrive:
      Re: Una cosa positiva c'e'
      alla fine del 1800 il direttore dell'uffico brevetti americano voleva chiudere i battenti dicendo: "ormai non c'è più nulla da brevettare!"(win)(linux)(apple)ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: Una cosa positiva c'e'
      - Scritto da: Anonimo[cut]
      La cosa positiva e' che se continuano cosi'
      entro 5 anni il sistema dei brevetti sara'
      morto.

      Aspettiamo e vediamo.Non so se ci sarò ancora fra 5 anni, visto il rischio di produrre ancora software, magari mi dedicherò alla pittura... Invece fra 5 anni la M$, IBM, Siemmens, etc. ci saranno eccome, e non avranno più "fastidi" da nessuno...Ah, e gli avvocati saranno MOLTO più ricchi.Quante cose positive, insomma...
  • Anonimo scrive:
    [OT] Autoplay...
    La cosa più stupida implementata da MS su windows dopo clippy! Ma magari perdono la causa, così sono costretti a toglierlo!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Autoplay...
      - Scritto da: Anonimo
      La cosa più stupida implementata da
      MS su windows dopo clippy! Ma magari perdono
      la causa, così sono costretti a
      toglierlo!!!è la prima cosa che ho disattivatopensa che di default anche le unità di rete hanno l'autoplayALK
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Autoplay...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        La cosa più stupida implementata
        da

        MS su windows dopo clippy! Ma magari
        perdono

        la causa, così sono costretti a

        toglierlo!!!

        è la prima cosa che ho disattivato

        pensa che di default anche le unità
        di rete hanno l'autoplay

        ALKAnch'io l'ho disattivato sul W2000, ma c'ho messo 3/4 d'ora per capire come si fa (grazie a internet, ovviamente, visto che la funzione è accuratamente nascosta)
        • DKDIB scrive:
          Re: [OT] Autoplay...
          Anonimo wrote:
          Anch'io l'ho disattivato sul W2000, ma c'ho messo 3/4 d'ora
          per capire come si fa [...]Io, sotto Windows XP, l'ho fatto con Tweak UI.Non ricordo se e' possibile anke con la vecchia versione (quella ke funziona pure su Windows 95 e Windows NT 4.0), pero' mi pare di si'.
  • Anonimo scrive:
    Sarà anche poco morale
    ma io domani inizio a costruire bambolotti che dormono pisciano e... bestemmiano! brevetto l'innovazione, aspetto 6 mesi che si diffondi la notizia e poi passo con l'avvocato per i bar ad incassare le royalties!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    i brevetti a volte sono giusti
    magari qui esageriamo ma non è giusto a volte che dopo essermi fatto un mazzo per inventare qualcosa gli altri me lo freghino. Prendete la coca cola o la nutella e fategli svelare la formula del prodotto, in meno di 30 minuti cadranno al tappeto. A questo punto a chi converrà fare ricerca se anni di lavoro e denaro verranno regalate? Addio innovazione.
    • Alessandrox scrive:
      Re: i brevetti a volte sono giusti
      - Scritto da: Anonimo
      magari qui esageriamo ma non è giusto
      a volte che dopo essermi fatto un mazzo per
      inventare qualcosa gli altri me lo freghino.
      Prendete la coca cola o la nutella e fategli
      svelare la formula del prodotto, in meno di
      30 minuti cadranno al tappeto. A questo
      punto a chi converrà fare ricerca se
      anni di lavoro e denaro verranno regalate?
      Addio innovazione.Abolire i brevetti non vuol dire svelare i segreti; "brevetto" molto semplicemente significa, per rimanere nei tuoi esempi, che se io per caso indovino la giusta composizione della cocacola non posso mettermi a commercializzarla....nessuno mui ha svelato nulla ne ho rubato alcunche', ci sono arrivato da solo ma Niet.Pensa se questo lo avessero applicato a concetti come la ruota o la leva....Buonanotte==================================Modificato dall'autore il 19/10/2004 1.16.32
      • Anonimo scrive:
        Re: i brevetti a volte sono giusti
        - Scritto da: Alessandrox
        Abolire i brevetti non vuol dire svelare i
        segreti; Per contro, brevettare qualcosa è in completa antitesi a mantenerne il segreto: quando brevetti qualcosa, _devi_ dettagliatamente descrivere quello che stai brevettando. Un brevetto non può avere segreti. Funziona così, perché lo scopo originario dei brevetti è favorire l'innovazione attraverso l'imitazione, SENZA la copia.Purtroppo col software e con molti altri prodotti non funziona proprio così...
      • Anonimo scrive:
        Re: i brevetti a volte sono giusti

        Abolire i brevetti non vuol dire svelare i
        segreti; "brevetto" molto semplicemente
        significa, per rimanere nei tuoi esempi, che
        se io per caso indovino la giusta
        composizione della cocacola non posso
        mettermi a commercializzarla....Magari... :$Nel campo del software le cose stanno molto peggio di come le descrivi...E' come se la Cocacola brevettasse il "metodo per creare una gustosa bevanda gassata contenente caffeina".Tutti quelli che vogliono fare una roba anche "lontanamente simile" sarebbero a rischio di denuncia per violazione di brevetto...La realtà è che nemmeno il programmino che stampa sullo schermo "Hello World!" è a prova di brevetto. :(
        • Alessandrox scrive:
          Re: i brevetti a volte sono giusti
          - Scritto da: Anonimo

          Abolire i brevetti non vuol dire
          svelare i

          segreti; "brevetto" molto semplicemente

          significa, per rimanere nei tuoi
          esempi, che

          se io per caso indovino la giusta

          composizione della cocacola non posso

          mettermi a commercializzarla....
          Magari... :$
          Nel campo del software le cose stanno molto
          peggio di come le descrivi...
          E' come se la Cocacola brevettasse il
          "metodo per creare una gustosa bevanda
          gassata contenente caffeina".
          Tutti quelli che vogliono fare una roba
          anche "lontanamente simile" sarebbero a
          rischio di denuncia per violazione di
          brevetto...
          La realtà è che nemmeno il
          programmino che stampa sullo schermo "Hello
          World!" è a prova di brevetto.
          :(Si direi che hai spiegato ancora meglio le implicazioni in campo software del brevetto.E' importante parlarne il piu' possibile con la gente.
    • Akiro scrive:
      Re: i brevetti a volte sono giusti
      i brevetti sono giusti se effettivamente c'è dietro uno studio, un procedimento elaborato, ed il tutto è frutto di una o più menti intelligenti... quindi il 90% dei brevetti è fuffa.Bisogna brevettare cose che effettivamente senza l'aiuto di pochi il resto della popolazione non ci arriverrebbe mai
    • Anonimo scrive:
      Re: i brevetti a volte sono giusti
      - Scritto da: Anonimo
      magari qui esageriamo ma non è giusto
      a volte che dopo essermi fatto un mazzo per
      inventare qualcosa gli altri me lo freghino.Se hai inventato qualche cosa... soprattutto facendoti il mazzo... ma non mi vengano a parlare di autoplay, link, acquisti con un solo click, doppio click, dondolo laterale e menate varie.
      Prendete la coca cola o la nutella e fategli
      svelare la formula del prodotto, in meno di
      30 minuti cadranno al tappeto. A questoE questo è il motivo per il quale la Coca Cola e la Nutella _NON_ sono brevettate...
    • Anonimo scrive:
      sì ma mai per il software
      - Scritto da: Anonimo
      magari qui esageriamo ma non è giusto
      a volte che dopo essermi fatto un mazzo per
      inventare qualcosa gli altri me lo freghino.
      Prendete la coca cola o la nutella e fategli
      svelare la formula del prodotto, in meno di
      30 minuti cadranno al tappeto. A questo
      punto a chi converrà fare ricerca se
      anni di lavoro e denaro verranno regalate?
      Addio innovazione.Amico, i brevetti vanno bene, in alcuni casi, per prodotti materiali, tangibili.Per il software non servono a niente, se non a parassitare altre aziende. Questo perchè? perchè per il software, il segreto industriale è inerentemente garantito, fin tanto che venga distribuito solo in forma compilata. Per proteggere gli investimenti fatti è più che sufficiente il copyright.
      • Anonimo scrive:
        Re: sì ma mai per il software

        Amico, i brevetti vanno bene, in alcuni
        casi, per prodotti materiali, tangibili.
        Per il software non servono a niente, se non
        a parassitare altre aziende. Questo
        perchè? perchè per il
        software, il segreto industriale è
        inerentemente garantito, fin tanto che venga
        distribuito solo in forma compilata. Per
        proteggere gli investimenti fatti è
        più che sufficiente il copyright.Questo lo capiscono solo gli operatori.... :sMultinazionali e avvocati vanno predicando che addirittura favoriscono l'innovazione e i tanti gnuranti in materia finiscono per cascarci.... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: i brevetti a volte sono giusti
      - Scritto da: Anonimo
      magari qui esageriamo ma non è giusto
      a volte che dopo essermi fatto un mazzo per
      inventare qualcosa gli altri me lo freghino.E che mazzo si sarebbero fatti per inventare l'autoplay?Quella è una soluzione abbastanza intuitiva a cui avrebbe potuto pensare chiunque.Da almeno una decina d'anni, lerrori cd e videoregistratori hanno la possibilità di far partire in automatico la videocassetta o il cd appena inseriti. Si tratta solo di far fare la stessa cosa al pc. Non mi sembra niente di trascendentale.I brevetti, è meglio lasciarli alle *vere* opere d'ingegno. Quelle opere che sono frutto di vero lavoro e veri studi ed intuizioni creative.-- Masque
    • 3p scrive:
      Re: i brevetti a volte sono giusti
      Io alla cocacola preferisco la ben-cola: costa meno ed è meno dolce.Alla notella preferisco le crema spalmabile frey che compravo quando abitavo in svizzera. mmmmhhhhh...Quindi: o brevetti l'idea di "bevanda alla cola" e di "crema spalmabile al cacao" o sei a piedi.Cocacola e nutella sono salve grazie al marketing, non ai brevetti.
      • Anonimo scrive:
        Re: i brevetti a volte sono giusti
        e costa meno. Questo risolve tutto. Fai una prova, ad una festa metti le bottiglie sul tavolo, coca cola, ben cola etc. Anche togliendo l'etichetta. Su quelle ben cola scrivi A, su quelle coca cola scrivi B. Controlla dopo 4 ore, vedrai che la ben cola rimasta sarà molta di più. Idem per nutelle e cose varie. Se fosse migliore sarebbe più acquistata, qui ancora a dire che la gente è scema. Il prezzo lo fa la richiesta, se c'è richiesta significa che le qualità della coco cola valgono il prezzo. Ancora con questa storia, sono stanco di sorbirmi gli eminfles, la cioccotella, la cola cola e tutti i prodotti del discount. Se compro un prodotto di sottomarca io dico:costa di meno. Non mi vergogno a dire che non posso permettermi quello di marca
        • Anonimo scrive:
          Re: i brevetti a volte sono giusti
          - Scritto da: Anonimo
          e costa meno. Questo risolve tutto. Fai una
          prova, ad una festa metti le bottiglie sul
          tavolo, coca cola, ben cola etc. Anche
          togliendo l'etichetta. Su quelle ben cola
          scrivi A, su quelle coca cola scrivi B.
          Controlla dopo 4 ore, vedrai che la ben cola
          rimasta sarà molta di più.gia fatto....pepsi al posto di coca..... la coca(finta) e stata bevuta di piu!
    • enricox scrive:
      Re: i brevetti a volte sono giusti
      - Scritto da: Anonimo
      magari qui esageriamo ma non è giusto
      a volte che dopo essermi fatto un mazzo per
      inventare qualcosa gli altri me lo freghino.
      Prendete la coca cola o la nutella e fategli
      svelare la formula del prodotto, in meno di
      30 minuti cadranno al tappeto. A questo
      punto a chi converrà fare ricerca se
      anni di lavoro e denaro verranno regalate?
      Addio innovazione.Innovazione per la coca cola e la nutella mi sembra un termine un pò grossolano visto che non cambiano da 70 anni.A questo punto tramite la mia società potrei brevettare il libero pensiero come sistema per trarne profitto. Forse non si può direttamente ma vuoi che non si trovi un cavillo o una piccola variante (ci sono eserciti di persone che lo fanno x lavoro) per applicare questo concetto a qualsiasi cosa nel concreto ? Forse la terra delle libertà (gli U.S.A.) si sta riscoprendo schiava (e quindi non libera) dal lucro ?Mah ... ai posteri la non ardua sentenza :-)
  • Anonimo scrive:
    In Cina infrangono costantemente
    i nostri brevetti, perché dovremmo rispettare i loro?:@
  • yusaku scrive:
    "Ti amo"
    posso brevettarlo? :$pensavo anche a "devo andare in bagno" e a "domani compito in classe" ...dovrei guadagnare un bel pò di dobloni
    • Anonimo scrive:
      Re: "Ti amo"
      Perche fermarsi ad una frase solo, brevettiamo tutte le lettere dell'alfabero, numeri, simboli, ideogrammi e compagnia bella.Chiunque nel mondo voglia scrivere qualcosa deve pagare!!!
    • MaurizioB scrive:
      Re: "Ti amo"
      - Scritto da: yusaku
      posso brevettarlo? :$Ok, però io mi brevetto il "vaffanculo" e suoi derivati, così se non altro mi becco tutte le royalties anche di quando la gente si rende conto d'aver violato una royalty...Siamo allo squallore estremo, non capisco se queste persone si rendano veramente conto di cosa stiano facendo realmente alla proprietà intellettuale, genericamente parlando.Rido, per non piangere, di fronte a queste cose, ma se dovessi essere un alieno che osserva questo schifo mi metterei a piangere dal ridere...Saluti
    • Akiro scrive:
      Re: "Ti amo"

      posso brevettarlo? :$scusami se te lo dico, ma tu non conti nulla... il privato vale meno di zero al giorno d'oggi, sono le multinazionali a condurre il gioco.
    • Anonimo scrive:
      Re: "Ti amo"
      - Scritto da: yusaku
      posso brevettarlo? :$

      pensavo anche a "devo andare in
      bagno" e a "domani compito in
      classe"...dovrei guadagnare un bel
      pò di dobloniMa io vi frego tutti, brevetto "ti trascino in tribunale" :-)
    • 3p scrive:
      Re: "Ti amo"
      Vi comunico in maniera ufficiale che ho brevettato tutte le vocali.dss dvrt scrvr ttt cs pgrm ("adesso dovrete scrivere tutti così o pagarmi")
    • Anonimo scrive:
      Re: "Ti amo"
      io pensavo a una cosa usatissima tipo "ciao" o "pronto ?"o bastardamente un alta tariffa per frasi indispensabili tipo"al fuoco" "affogo" usate in situazioni dove manca la freddezza per cercare sinonimi e perifrasima anche parole tecniche tipo "bisturi""assistente mi passi quell'affare che taglia""no, quella con la lama liscia , questa e' la sega da amputazioni""no, non quello, va beh ormai uso questo, sara' lo stesso"- Scritto da: yusaku
      posso brevettarlo? :$

      pensavo anche a "devo andare in
      bagno" e a "domani compito in
      classe"...dovrei guadagnare un bel
      pò di dobloni
    • Anonimo scrive:
      Re: "Ti amo"
      Non duplico il post (ironico)http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=773683
    • pippo75 scrive:
      Re: "Ti amo"
      - Scritto da: yusaku
      posso brevettarlo? :$

      pensavo anche a "devo andare in
      bagno" e a "domani compito in
      classe" ...dovrei guadagnare un bel
      pò di dobloni ti consiglio di brevettare tutti i voti sotto la sufficenza, sai che affarone :-)ciao
  • Anonimo scrive:
    Che dire....
    Meraviglioso, divino, magnifico!!!!!!!"Happy Birthday"!!!!! Fenomenale!!!!I plug in, autoplay,"happy birthday"... godo... sì, godo!!! Registrate tutto, brevettate tutto... finite tutti quanti col culo per terra!!!!Quanto riusciranno a portare avanti sta farsa?Quante idiozie dovremo ancora sentire prima che ci si svegli?
    • TrollSpammer scrive:
      Re: Che dire....
      penso molte :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Che dire....

      Quanto riusciranno a portare avanti sta
      farsa?Tanto a lungo purtroppo?Perchè?Perchè l'ufficio dei brevetti USA incassa milioni di $....Perchè gli studi legali incassano milioni di $....Perchè Microsoft & Co. bloccano ogni possibile e futura concorrenza...Perchè il governo Bush appoggia la politica monopolistica delle multinazionali...Piuttosto pensiamo a tenere fuori questa me*da da casa nostra.... :@http://swpat.ffii.org/http://kwiki.ffii.org/SwpatcninoEn
  • Anonimo scrive:
    dove andremo a finire
    dove dove dove dove?...
    • Alessandrox scrive:
      Re: dove andremo a finire
      - Scritto da: Anonimo
      dove dove dove dove?
      ...Molto semplicei casi possibili sono 2:1) In C*o al brevetto2) Viceversa.Ai posteriori l' ardua sentenza....
    • HotEngine scrive:
      Re: dove andremo a finire
      - Scritto da: Anonimo
      dove dove dove dove?Contro il muro se non schiacci quel maledetto frenoooooooooooooooooooooo...CRASH.==================================Modificato dall'autore il 19/10/2004 8.44.03
  • TrollSpammer scrive:
    Ridicolo!!!
    Tutto questo è senza senso secondo me... dove finiremo? :$
Chiudi i commenti